Paul Rudd

attore, sceneggiatore, produttore cinematografico e comico statunitense

Paul Stephen Rudd (Passaic, 6 aprile 1969) è un attore, sceneggiatore, produttore cinematografico e comico statunitense.

Paul Rudd alla prima di Ant-Man nel giugno 2015

BiografiaModifica

Rudd è nato a Passaic, nel New Jersey, da genitori inglesi d'origine ebraica[1][2] e nativi di Londra (il padre di Edgware, nel borgo londinese di Barnet, mentre la madre di Surbiton, in quello di Kingston upon Thames[3][4]), le cui famiglie discendevano entrambe da immigrati ashkenaziti originari della Bielorussia, della Polonia e della Russia[1][5][6][7][8] (i cognomi originari delle due famiglie erano, rispettivamente, Rudnitzky e Goldstein, cambiati successivamente in Rudd e Granville), e i suoi stessi genitori erano cugini di secondo grado[9][10]. All'età di 10 anni, per via del lavoro dei genitori, si trasferisce a Lenexa (nel Kansas), dopo avere trascorso un soggiorno di tre anni ad Anaheim (in California), dove crebbe e frequentò le scuole[1][11][12][13].

Nel 1995 ottiene un ruolo nella commedia Ragazze a Beverly Hills, successivamente recita in Romeo + Giulietta di Baz Luhrmann, e interpreta un ragazzo gay ne L'oggetto del mio desiderio con Jennifer Aniston, a cui segue interpretazione in Le regole della casa del sidro di Lasse Hallström. Dal 2002 al 2004 prende parte alle ultime due stagioni di Friends, nel ruolo di Mike Hannigan. Recita nelle commedie 40 anni vergine con Steve Carell e Una notte al museo con Ben Stiller.

In teatro ha recitato al fianco di attori del calibro di Paul Newman, in seguito ha lavorato con Jessica Lange in Lungo viaggio verso la notte di Eugene O'Neill, inoltre ha preso parte ad alcune produzioni di Neil LaBute al fianco di Calista Flockhart e Ron Eldard. Nel 2007, dopo avere partecipato alla commedia Molto incinta di Judd Apatow, torna a collaborare con Apatow nella commedia da lui scritta Walk Hard - La storia di Dewey Cox, dove ricopre il ruolo di John Lennon. Nel luglio del 2015 riceve una stella sulla Hollywood Walk of Fame di Los Angeles.[14] Nello stesso anno interpreta Scott Lang, il secondo Ant-Man nell'omonimo film dei Marvel Studios, ruolo che ha ripreso anche nel film Captain America: Civil War nel 2016, nel sequel Ant-Man and the Wasp, nel 2018 e nel film Avengers: Endgame nel 2019. Nel 2020 è stato inoltre annunciato che Rudd ottiene il ruolo di Gary Grooberson nel film Ghostbusters: Legacy, diretto da Jason Reitman, uscito il 18 novembre 2021.

Vita privataModifica

 
Paul Rudd ai Breakthrough Awards 2007

Nel 2003, dopo otto anni di fidanzamento, Rudd ha sposato la produttrice Julie Yaeger, da cui ha avuto due figli. La coppia vive a New York.

FilmografiaModifica

AttoreModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

SceneggiatoreModifica

ProduttoreModifica

DoppiatoreModifica

Teatro (parziale)Modifica

RiconoscimentiModifica

Doppiatori italianiModifica

Nelle versioni in lingua italiana dei suoi lavori, Paul Rudd è stato doppiato da:

Da doppiatore è sostituito da:

NoteModifica

  1. ^ a b c Hadley Freeman, Paul Rudd on Ant-Man, being Hollywood's go-to nice guy and growing up with English parents in Kansas, in The Guardian, London, UK, 9 luglio 2015. URL consultato il 7 gennaio 2018 (archiviato dall'url originale il 12 febbraio 2018).
  2. ^ Paul Rudd biography, su biography.com, A+E Television Networks, LLC. URL consultato il 1º settembre 2012 (archiviato dall'url originale il 29 settembre 2012).
  3. ^ Stephen Whitty, Paul Rudd interview: He's happy to have a job – any job, in The Star-Ledger, Newark, 22 marzo 2009. URL consultato il 30 luglio 2011 (archiviato dall'url originale l'8 settembre 2010).
  4. ^ Stated on The Graham Norton Show, February 1, 2013.
  5. ^ Jews Making News: Parker, Rudd, in Atlanta Jewish Times, 28 maggio 2013. URL consultato il 16 maggio 2018 (archiviato dall'url originale il 17 maggio 2018).
  6. ^ Curt Schleier, Paul Rudd learns about his family history from a JTA article on 'Finding Your Roots', su jta.org, Jewish Telegraphic Agency, 26 ottobre 2017. URL consultato il 16 maggio 2018 (archiviato dall'url originale il 17 maggio 2018).
  7. ^ Jamie H. Ginott, An 'Object' of Affection: Talking with Paul Rudd, in The Harvard Crimson, 17 aprile 1998. URL consultato il 30 luglio 2011 (archiviato dall'url originale il 10 luglio 2015).
  8. ^ Amy Kuperinsky, N.J. actor Paul Rudd plumbs family history on 'Finding Your Roots', su The Star-Ledger, 1º novembre 2017. URL consultato il 16 maggio 2018 (archiviato dall'url originale il 17 maggio 2018).
  9. ^ Stated on Finding Your Roots, October 30, 2017.
  10. ^ Marni Weisz, Interview: Paul Rudd on breaking into the Marvel Universe in Ant-Man, su Cineplex.com, 14 luglio 2015. URL consultato il 7 gennaio 2018 (archiviato dall'url originale il 31 luglio 2017).
  11. ^ Ari Karpel, Spotlight on Paul Rudd, su Entertainment Weekly, 25 maggio 2007. URL consultato il 18 ottobre 2019 (archiviato dall'url originale il 1º luglio 2013).
  12. ^ Nancy Mills, Paul Rudd's offbeat 'Dinner' date, in Reading Eagle, 26 luglio 2010. URL consultato il 3 luglio 2010 (archiviato dall'url originale il 28 luglio 2013).
  13. ^ Eric Spitznagel, Playboy Interview: Paul Rudd, in Playboy, ottobre 2011. URL consultato il 29 gennaio 2012 (archiviato dall'url originale il 28 gennaio 2012).
  14. ^ Paul Rudd riceve una stella sulla Walk Of Fame di Hollywood, su thegossipers.com, gossipers, 3 luglio 2015. URL consultato il 3 luglio 2015.
  15. ^ (EN) Variety Staff, Teen Choice Awards 2015 Winners: Full List, su variety.com. URL consultato il 23 agosto 2015.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN85587454 · ISNI (EN0000 0001 2282 5749 · LCCN (ENno96028541 · GND (DE143555871 · BNE (ESXX1414291 (data) · BNF (FRcb14222915g (data) · J9U (ENHE987007449190905171 · WorldCat Identities (ENlccn-no96028541