Apri il menu principale

Marianne Vos

ciclista su strada, pistard e ciclocrossista olandese
Marianne Vos
Marianne Vos - 2018 UEC European Road Cycling Championships (Women's road race).jpg
Marianne Vos nel 2018
Nazionalità Paesi Bassi Paesi Bassi
Altezza 168 cm
Peso 58 kg
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Specialità Strada, pista, ciclocross, MTB
Squadra CCC-Liv
Carriera
Squadre di club
2006-2009DSB Bank
2010-2011Nederland Bloeit
2012-2016Rabo
2017WM3
2018WaowDeals
2019-CCC-Liv
Nazionale
2004-Paesi Bassi Paesi Bassicross
2006-Paesi Bassi Paesi Bassistrada
2007-Paesi Bassi Paesi Bassipista
Palmarès
Giochi olimpici 2 0 0
Mondiali su strada 3 6 0
Mondiali su pista 2 0 0
Mondiali di ciclocross 7 2 2
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al luglio 2019

Marianne Vos (Wijk en Aalburg, 13 maggio 1987) è una ciclista su strada, pistard, ciclocrossista e biker olandese che corre per il team CCC-Liv.

Atleta completa, capace di primeggiare nelle diverse specialità del ciclismo, è considerata una delle migliori cicliste di tutti i tempi[1][2][3][4]. Ai Giochi olimpici ha vinto due medaglie d'oro, nella corsa a punti su pista a Pechino 2008 e nella corsa in linea su strada ai Londra 2012. È stata inoltre campionessa del mondo in linea su strada nel 2006, nel 2012 e nel 2013, e argento nei cinque anni tra il 2007 ed il 2011, nonché sette volte campionessa del mondo di ciclocross (2006 e dal 2009 al 2014) e due volte campionessa del mondo su pista.

Indice

CarrieraModifica

I primi anni e le stagioni da JuniorModifica

Riceve la sua primi bicicletta a sei anni, e comincia ad allenarsi con il fratello maggiore Anton, anch'egli ciclista[5]. Inizialmente si allena con la squadra del fratello, in quanto non ha ancora la possibilità di partecipare a gare ufficiali; durante l'inverno successivo inizia ad allenarsi anche nel ciclocross. Ad otto anni ha la possibilità di partecipare alla sua prima corsa[4]. In gioventù pratica anche pattinaggio di velocità e pattinaggio in linea[3].

Nell'ottobre 2001, all'età di quattordici anni, ottiene il primo successo in una gara open di ciclocross. Nel 2002 diventa campionessa nazionale Juniores sia su strada che nella mountain bike, mentre, nella medesima categoria, si piazza seconda nel campionato nazionale a cronometro dietro a Roxane Knetemann. L'anno dopo difende con successo il titolo nazionale Juniores della mountain bike; ai campionati nazionali a cronometro su strada di categoria chiude invece ancora seconda, questa volta dietro a Maxime Groenewegen. Per quanto concerne l'attività nel ciclocross, nella stagione 2002-2003 si aggiudica nove gare, cogliendo anche alcuni piazzamenti in prove di Coppa del mondo, mentre nella stagione 2003-2004 ottiene tre successi; partecipa anche, tra le Elite, sia ai campionati europei che ai campionati del mondo, classificandosi rispettivamente seconda, alle spalle di Hanka Kupfernagel, e settima.

Nel 2004 è terza nel campionato nazionale Juniores su strada, sia in linea che a cronometro, battuta in entrambe le prove da Ellen van Dijk; per la terza volta consecutiva diventa quindi campionessa nazionale Juniores nella mountain bike. Domina infine la gara Juniores ai campionati del mondo su strada a Verona[3]: all'età di diciassette anni, e al primo anno nella categoria, diventa campionessa iridata battendo l'italiana Marta Bastianelli e la stessa Van Dijk. Nella stagione 2004-2005 di ciclocross coglie quindi due vittorie tra le Elite; partecipa anche ai campionati nazionali di ciclocross, terminando al secondo posto alle spalle di Daphny van den Brand.

2005-2006: gli esordi da Elite su strada e il titolo mondiale di crossModifica

Da campionessa mondiale su strada Juniores in carica, nel 2005 Vos conquista il suo primo titolo nazionale di categoria battendo la campionessa in carica Ellen van Dijk; chiude però ancora terza nella gara nazionale a cronometro, dietro alla stessa Van Dijk e a Maxime Groenewegen. Durante l'anno inizia occasionalmente a gareggiare nelle prove su strada della categoria Elite, ottenendo anche un successo, all'Omloop van Borsele, davanti ad Adrie Visser. Ai campionati mondiali Juniores su strada di Salisburgo cerca di difendere il titolo iridato, ma finisce seconda dietro alla danese Mie Bekker Lacota. In stagione vince anche il suo quarto nazionale titolo Juniores nella mountain bike.

Nella stagione 2005-2006 di ciclocross si aggiudica invece sette gare Elite. In ottobre vince il titolo europeo, nel gennaio seguente è seconda al campionato nazionale e quindi medaglia d'oro al campionato del mondo di Zeddam[4]. In quella gara solo Hanka Kupfernagel e Daphny van den Brand sono in grado di tenerle testa: la prova si decide negli ultimi metri, con Vos che supera allo sprint la tedesca aggiudicandosi la medaglia d'oro.

2006: l'affermazione tra le Elite e il titolo mondiale su stradaModifica

 
Marianne Vos impegnata nel ciclocross di Hoogerheide 2007

Durante la stagione 2006 delle gare su strada, Vos comincia a vincere con regolarità. Si aggiudica prima una tappa alla Gracia-Orlová in Repubblica Ceca, poi ancora l'Omloop van Borsele, quindi una tappa all'Emakumeen Bira in Spagna e il titolo nazionale Elite (il primo per lei) su strada davanti a Sharon van Essen e Suzanne de Goede. In giugno il NOC*NSF, il comitato olimpico olandese, la insignisce così del premio di "Talento sportivo dell'anno 2006"; Vos precede nella classifica del premio la pentatleta Laurien Hoos e il ginnasta Epke Zonderland.[6] Vince a seguire il titolo europeo su strada Under-23, davanti all'italiana Tatiana Guderzo e due tappe e la classifica generale del Tour en Limousin. In agosto firma un contratto quinquennale con la squadra DSB-Ballast Nedam[7] e poco tempo dopo vince la sua prima gara con la nuova maglia, aggiudicandosi una tappa al Trophée d'Or.

Il 23 settembre 2006 si presenta ai campionati del mondo su strada di Salisburgo per debuttare e gareggiare nella prova in linea Elite. Durante la gara rimane in gruppo nonostante l'attacco della britannica Nicole Cooke; tenta poi lei stessa l'attacco, ma viene ripresa. La gara si risolve in volata: è la stessa Vos, appena diciannovenne, a vincere la maglia iridata, battendo le avversarie in volata[8][4]. Nel finale di anno solare vince anche la medaglia di bronzo ai campionati europei di ciclocross, preceduta da Daphny van den Brand e Hanka Kupfernagel.

2007-2008: il titolo olimpico su pista e gli argenti mondialiModifica

Nel 2007 Vos comincia ad affermarsi nelle principali prove mondiali. In stagione vince la Freccia Vallone e il Rund um die Nürnberger Altstadt, gare di Coppa del mondo, quattro tappe al Tour de l'Aude e una al Giro d'Italia, il suo secondo titolo europeo Under-23 in linea, ancora davanti a Bastianelli; si piazza inoltre terza al Giro delle Fiandre e al Ronde van Drenthe, e seconda al Berner Rundfahrt, ottenendo così la vittoria nella classifica di Coppa del mondo. Conclude la stagione con la medaglia d'argento in linea ai campionati del mondo di Stoccarda, anticipata da Bastianelli ma vincitrice della volata delle battute.

Apre la stagione 2008 con l'argento iridato di ciclocross a Treviso, e l'oro nella corsa a punti ai campionati del mondo su pista a Manchester. Su strada si piazza invece seconda al Ronde van Drenthe e si conferma vittoriosa alla Freccia Vallone; conquista poi tre tappe e la classifica finale alla Gracia-Orlová, diverse gare nel Salvador, quattro tappe e la classifica finale alla Iurreta-Emakumeen Bira, e il suo secondo titolo nazionale in linea, staccando Mirjam Melchers e tutte le rivali. In agosto partecipa ai suoi primi Giochi olimpici, a Pechino: nella rassegna a cinque cerchi ottiene, nonostante le aspettative di podio, "solo" il sesto posto nella corsa in linea vinta da Nicole Cooke, si rifà però otto giorni dopo vincendo il titolo olimpico nella corsa a punti su pista[4]. Conclude la stagione con la medaglia d'argento in linea ai campionati del mondo su strada di Varese, battuta in volata ristretta proprio da Nicole Cooke[9].

 
Il podio dei mondiali su strada 2011, con il quinto argento iridato consecutivo per Vos

2009-2011: gli argenti mondiali, le Coppe del mondo e il primo GiroModifica

2012-2013: il titolo olimpico su strada e le doppiette mondiale-Coppe del mondoModifica

Nel 2012 vince il suo quinto titolo mondiale di ciclocross a Koksijde; su strada si impone invece al Trofeo Alfredo Binda, al Grand Prix Elsy Jacobs e in ben cinque tappe del Giro d'Italia, vincendo ancora la classifica generale della "Corsa rosa" e la relativa classifica a punti. Il 29 luglio a Londra conquista quindi, da grande favorita, il titolo olimpico nella corsa in linea, superando in una volata ristretta Elizabeth Armitstead e Ol'ga Zabelinskaja[4][10]; è il secondo oro olimpico per lei dopo quello nella corsa a punti a Pechino 2008[11]. Dopo i Giochi conquista anche il Grand Prix de Plouay, lo Holland Tour e quindi, il 22 settembre sulle strade di Valkenburg, il suo secondo titolo mondiale su strada, a sei anni di distanza dal primo alloro; nell'occasione, sfruttando il percorso vallonato, anticipa tutte le rivali vincendo in solitaria[3][12]. La stagione la vede prevalere anche nella classifica individuale di Coppa del mondo, e a fine anno viene scelta come "Ciclista internazionale dell'anno" dalla rivista Velo News[13].

 
Marianne Vos alla Freccia Vallone 2013

L'anno dopo è ancora protagonista già dall'inverno, con il sesto titolo mondiale di ciclocross (quinto consecutivo) a Louisville, e le vittorie alla Ronde van Drenthe, al Giro delle Fiandre e alla Freccia Vallone. Vince poi anche il Grand Prix Elsy Jacobs, tre tappe e la classificaa punti al Giro d'Italia (in cui conclude però solo sesta), l'Open de Suède Vargarda, tre tappe e la classifica del Trophée d'Or, e il Grand Prix de Plouay. Il suggello all'ottima stagione arriva il 28 settembre, con la vittoria del titolo mondiale a Firenze, il terzo su strada per lei, superando sul traguardo Emma Johansson e Rossella Ratto[14]. Grazie ai cinque successi su sette prove individuali, conquista per la quinta volta anche la Coppa del mondo su strada.

2014-2016: il terzo Giro d'Italia, lo stop e il rientroModifica

Nel 2014, dopo aver saltato le classiche di primavera, si piazza seconda al Festival Elsy Jacobs, prima al Women's Tour e in tre corse in linea, seconda all'Emakumeen Euskal Bira e terza sia ai campionati olandesi in linea che a quelli a cronometro, cogliendo in tutto undici successi in diciotto giorni di corsa[15]. Al successivo Giro d'Italia prende la maglia rosa già al secondo giorno, con il successo a Santa Maria a Vico, e consolida il primato con altre tre vittorie parziali; conquista così il suo terzo Giro d'Italia in quattro anni, facendo sua anche, per la sesta volta, la classifica a punti. Dopo il Giro vince la prima edizione della Course by Le Tour de France, gara che si conclude sugli Champs-Élysées poche ore prima della conclusione del Tour de France maschile[4]. Si aggiudica quindi anche lo Sparkassen Giro Bochum e tappe delle corse di fine estate (portando a ventuno il bottino di successi stagionali), mentre ai campionati del mondo di Ponferrada, pur partendo da favorita per il titolo[16][17], è solo decima nella volata vinta da Pauline Ferrand-Prévot.

 
Marianne Vos in maglia olandese ai Giochi di Rio 2016

Nel 2015 è attiva fino a gennaio, partecipando ad alcune prove di ciclocross e ai campionati del mondo di specialità a Tábor, dove vince il bronzo; dopo aver partecipato a sole due gare su strada tra fine aprile e inizio maggio, rimane lontana dall'attività per il prosieguo di stagione per riprendersi sia da un infortunio al ginocchio sinistro, che dalla fatica accumulata nelle stagioni precedenti[2][4][18]. Ritorna alle corse nel 2016, senza però i ritmi e la mole di risultati pre-2015[2]; si aggiudica comunque alcune corse, tra cui una frazione al Tour of California, una al Women's Tour (entrambe gare del neonato Women's World Tour), tre tappe al Thüringen Rundfahrt e una al Giro del Belgio. In stagione partecipa anche alla prova in linea dei Giochi olimpici di Rio de Janeiro, concludendo nona dopo aver svolto anche ruoli di gregariato[4], e ai campionati europei e mondiali, piazzandosi rispettivamente settima e ventiduesima.

Dal 2017: il titolo europeo e il ritorno ad alti livelliModifica

Dopo un inverno 2017 caratterizzato dall'argento ai campionati del mondo di ciclocross a Bieles (battuta dalla specialista Sanne Cant), e una primavera con tre vittorie in gare belghe di secondo piano e alcuni piazzamenti, nel giugno 2017 si frattura la clavicola in una caduta durante la terza tappa del Women's Tour[19]. Rientrata alle corse dopo un mese, vince due tappe e la classifica finale del BeNe Tour, e la classifica finale del Tour of Norway; prima della gara norvegese, conquista sulle strade di Herning anche il titolo europeo Elite in linea precedendo Giorgia Bronzini in una volata ristretta[4][20].

Nella primavera 2018 si piazza terza al Trofeo Alfredo Binda e alla Freccia del Brabante, mentre alla Liegi-Bastogne-Liegi è vittima di un'altra frattura alla clavicola[2][21]. Dopo aver sfiorato il successo al Women's Tour in giugno (conclude seconda, vincendo anche la classifica a punti), conquista l'ottava tappa del Giro d'Italia, a Breganze, tornando così al successo nella "Corsa rosa" dopo quattro anni[22]. Nella seconda parte di stagione ritorna ad altissimi livelli: si aggiudica il BeNe Tour, la Crescent Vårgårda e le tre tappe e la classifica finale del Tour of Norway; conclude inoltre seconda alla RideLondon Classique, al Grand Prix de Plouay e nella prova in linea dei campionati europei a Glasgow, preceduta nella volata di gruppo da Marta Bastianelli. Grazie ai numerosi piazzamenti, è anche seconda nella classifica individuale del World Tour, preceduta solo da Annemiek van Vleuten.

Nei primi mesi del 2019 si aggiudica la medaglia di bronzo ai campionati del mondo di ciclocross e, per la prima volta, la Coppa del mondo di specialità[23]. Su strada, con la maglia della nuova CCC-Liv, conquista invece in volata il suo quarto Trofeo Alfredo Binda[24]; è poi terza all'Amstel Gold Race e quarta alla Freccia Vallone. Dopo le classiche vince il Tour de Yorkshire e una tappa al Women's Tour; coglie quindi la medaglia d'argento nella prova in linea dei Giochi europei di Minsk e il secondo posto in linea ai campionati olandesi, battuta in entrambe le occasioni dalla giovane connazionale Lorena Wiebes.

PalmarèsModifica

StradaModifica

Campionati del mondo, Prova in linea Juniores
Campionati olandesi, Prova in linea Juniores
Omloop van Borsele
  • 2006 (DSB-Ballast Nedam, undici vittorie)
5ª tappa Gracia-Orlová
Omloop van Borsele
1ª tappa Iurreta-Emakumeen Bira
Campionati olandesi, Prova in linea
Omloop van Valkenburg
Campionati europei, Prova in linea Under-23
1ª tappa Tour en Limousin
3ª tappa Tour en Limousin
Classifica generale Tour en Limousin
4ª tappa Trophée d'Or
Campionati del mondo, Prova in linea
  • 2007 (DSB Bank, ventiquattro vittorie)
Ronde van Gelderland
Freccia Vallone
7-Dorpenomloop van Aalburg
Prologo Giro di San Marino
1ª tappa Giro di San Marino
2ª tappa Giro di San Marino
Classifica generale Giro di San Marino
Omloop van Borsele
1ª tappa Tour de l'Aude
3ª tappa Tour de l'Aude
4ª tappa Tour de l'Aude
7ª tappa Tour de l'Aude
1ª tappa Iurreta-Emakumeen Bira
2ª tappa Iurreta-Emakumeen Bira
1ª tappa Ster Zeeuwsche Eilanden
2ª tappa Ster Zeeuwsche Eilanden
Classifica generale Ster Zeeuwsche Eilanden
Noordwijk Classic
2ª tappa Giro d'Italia
Campionati europei, Prova in linea Under-23
Holland Hills Classic
1ª tappa Holland Tour
4ª tappa Holland Tour
Rund um die Nürnberger Altstadt
  • 2008 (Team DSB Bank, venticinque vittorie)
Gran Prix International Dottignies
Freccia Vallone
1ª tappa Gracia-Orlová
2ª tappa Gracia-Orlová
3ª tappa Gracia-Orlová
4ª tappa Gracia-Orlová
Classifica generale Gracia-Orlová
Gran Premio Santa Ana
Prologo Vuelta Ciclista a El Salvador
1ª tappa Vuelta Ciclista a El Salvador
2ª tappa Vuelta Ciclista a El Salvador
Prologo Vuelta a Occidente
1ª tappa Vuelta a Occidente
2ª tappa Vuelta a Occidente
Classifica generale Vuelta a Occidente
Parel van de Veluwé
1ª tappa Iurreta-Emakumeen Bira (Iurreta > Goiuria)
2ª tappa Iurreta-Emakumeen Bira (Arrigorriaga > Arrigorriaga)
3ª tappa, 1ª semitappa Iurreta-Emakumeen Bira (Orduña, cronometro)
4ª tappa Iurreta-Emakumeen Bira (Eibar > Eibar)
Classifica generale Iurreta-Emakumeen Bira
Campionati olandesi, Prova in linea
2ª tappa Tour de Feminin-GP Krásná Lípa
3ª tappa Tour de Feminin-GP Krásná Lípa
2ª tappa, 1ª semitappa Giro della Toscana-Memorial Fanini
  • 2009 (Team DSB Bank, diciannove vittorie)
Trofeo Alfredo Binda-Comune di Cittiglio
Eurocup Ronde van Drenthe
Freccia Vallone
1ª tappa Gracia-Orlová (Dětmarovice > Dětmarovice)
4ª tappa Tour de l'Aude (Castelnaudary > Castelnaudary)
7ª tappa Tour de l'Aude (Saint-Hilaire > Montréal)
8ª tappa Tour de l'Aude
7-Dorpenomloop van Aalburg
4ª tappa Grande Boucle
Campionati olandesi, Prova in linea
3ª tappa Tour de Bretagne (Plédran > Corlay)
4ª tappa Tour de Bretagne (Lanarvily, cronometro)
5ª tappa Tour de Bretagne (Lanarvily > Plouguerneau)
1ª tappa Thüringen Rundfahrt (Altenburg)
Open de Suède Vargarda
Holland Hills Classic
Classifica generale Holland Tour
4ª tappa Giro della Toscana-Memorial Fanini (Campi Bisenzio, cronometro)
6ª tappa Giro della Toscana-Memorial Fanini (Quarrata > Firenze)
  • 2010 (Nederland Bloeit, diciannove vittorie)
Trofeo Alfredo Binda-Comune di Cittiglio
1ª tappa Gracia-Orlová (Dětmarovice > Štramberk)
4ª tappa Gracia-Orlová (Czechowice-Dziedzice)
5ª tappa Gracia-Orlová (Orlová > Orlová)
Classifica generale Gracia-Orlová
7-Dorpenomloop van Aalburg
9ª tappa Tour de l'Aude (Aunat > Limoux)
Durango-Durango Emakumeen Saria
1ª tappa Iurreta-Emakumeen Bira (Iurreta > Iurreta)
4ª tappa Iurreta-Emakumeen Bira (Orduña > Orduña)
Campionati olandesi, Prova a cronometro
5ª tappa Giro d'Italia (Orta San Giulio > Pettenasco)
6ª tappa Giro d'Italia (Gallarate > Arcisate)
2ª tappa Route de France (Saint-Fort > Lavaré)
5ª tappa Route de France (Luxeuil-les-Bains > Saint-Dié-des-Vosges)
3ª tappa Holland Tour (Gieten > Gieten)
7ª tappa Holland Tour (Hellendoorn > Hellendoorn)
Classifica generale Holland Tour
5ª tappa Giro della Toscana-Memorial Fanini (Segromigno in Piano > Capannori)
  • 2011 (Nederland Bloeit, trentatré vittorie)
Holland Hills Classic
1ª tappa Energiewacht Tour (Sellingen > Sellingen)
4ª tappa Energiewacht Tour (Haren > Haren)
Drentse 8 van Dwingeloo
Ronde van Drenthe Worldcup
Freccia Vallone
Grand Prix Elsy Jacobs
Grand Prix Nicolas Frantz
Omloop der Kempen
7-Dorpenomloop van Aalburg
Gooik WE
Gran Premio Ciudad de Valladolid
Durango-Durango Emakumeen Saria
1ª tappa Iurreta-Emakumeen Bira (Iurreta)
2ª tappa Iurreta-Emakumeen Bira (Iurreta > Lekeitio)
4ª tappa Iurreta-Emakumeen Bira (Orduña > Orduña)
Classifica generale Iurreta-Emakumeen Bira
1ª tappa Ster Zeeuwsche Eilanden (Middelburg, cronometro)
3ª tappa Ster Zeeuwsche Eilanden (Westkapelle > Westkapelle)
Classifica generale Ster Zeeuwsche Eilanden
Campionati olandesi, Prova a cronometro
Campionati olandesi, Prova in linea
1ª tappa Giro d'Italia (Roma > Velletri)
3ª tappa Giro d'Italia (Potenza Picena > Fermo)
6ª tappa Giro d'Italia (Fontanellato > Piacenza)
7ª tappa Giro d'Italia (Rovato > Grosotto)
9ª tappa Giro d'Italia (Agliè > Ceresole Reale)
Classifica generale Giro d'Italia
4ª tappa Trophée d'Or (Avord)
1ª tappa Holland Tour (Neerijnen > Ophemert)
5ª tappa Holland Tour (Nuenen > Gerwen)
6ª tappa Holland Tour (Bunde > Berg en Terblijt)
Classifica generale Holland Tour
  • 2012 (Stichting Rabo/Rabobank Women, venti vittorie)
Ronde van Drenthe Worldcup
Novilon Euregio Cup
Trofeo Alfredo Binda-Comune di Cittiglio
1ª tappa Grand Prix Elsy Jacobs (Garnich > Garnich)
Classifica generale Grand Prix Elsy Jacobs
1ª tappa Giro d'Italia (Napoli > Terracina)
2ª tappa Giro d'Italia (Roma, cronometro)
4ª tappa Giro d'Italia (Montecatini Terme > Montecatini Alto)
7ª tappa Giro d'Italia (Voghera > Castagnole delle Lanze)
8ª tappa Giro d'Italia (Mornago > Lonate Pozzolo)
Classifica generale Giro d'Italia
1ª tappa Tour en Limousin (Châteauponsac > La Chapelaude)
4ª tappa Tour en Limousin (Ussel > Ussel)
Classifica generale Tour en Limousin
Giochi olimpici, Corsa in linea
Grand Prix de Plouay
4ª tappa Holland Tour (Zaltbommel > Zaltbommel)
6ª tappa Holland Tour (Berg Terblijt > Berg Terblijt)
Classifica generale Holland Tour
Campionati del mondo, Prova in linea
  • 2013 (Rabo Women, ventidue vittorie)
Drentse 8 van Dwingeloo
Ronde van Drenthe Worldcup
Giro delle Fiandre
Freccia Vallone
2ª tappa Festival Elsy Jacobs (Mamer > Mamer)
Classifica generale Festival Elsy Jacobs
7-Dorpenomloop van Aalburg
Durango-Durango Emakumeen Saria
1ª tappa Emakumeen Euskal Bira (Iurreta > Iurreta)
3ª tappa Giro d'Italia (Cerro al Volturno > Cerro al Volturno)
4ª tappa Giro d'Italia (Monte San Vito > Castelfidardo)
7ª tappa Giro d'Italia (Corbetta > Corbetta)
Open de Suède Vargarda
1ª tappa Trophée d'Or (Saint-Amand-Montrond > Graçay)
2ª tappa Trophée d'Or (Mehun-sur-Yèvre, cronometro)
4ª tappa Trophée d'Or (Cosne-Cours-sur-Loire > Cosne-Cours-sur-Loire)
Classifica generale Trophée d'Or
Grand Prix de Plouay
Prologo Giro della Toscana-Memorial Fanini (Campi Bisenzio, cronometro)
2ª tappa Giro della Toscana-Memorial Fanini (Porcari > Pontedera)
3ª tappa Giro della Toscana-Memorial Fanini (Segromigno > Capannori)
Campionati del mondo, Prova in linea
  • 2014 (Rabo-Liv Women, ventuno vittorie)
Prologo Festival Elsy Jacobs (Lussemburgo, cronometro)
2ª tappa Festival Elsy Jacobs (Mamer > Mamer)
3ª tappa Women's Tour (Felixstowe > Clacton-on-Sea)
4ª tappa Women's Tour (Cheshunt > Welwyn Garden City)
5ª tappa Women's Tour (Harwich > Bury St Edmunds)
Classifica generale Women's Tour
7-Dorpenomloop van Aalburg
Gooik-Geraardsbergen-Gooik
Durango-Durango Emakumeen Saria
2ª tappa Emakumeen Euskal Bira (Oñati > Oñati)
4ª tappa Emakumeen Euskal Bira (Ataun > Ataun)
1ª tappa Giro d'Italia (Santa Maria a Vico > Santa Maria a Vico)
4ª tappa Giro d'Italia (Alba Adriatica > Jesi)
5ª tappa Giro d'Italia (Jesi > Cesenatico)
7ª tappa Giro d'Italia (Aprica > Chiavenna)
Classifica generale Giro d'Italia
La course by Le Tour de France
Sparkassen Giro Bochum
Prologo Tour of Norway (Halden, cronometro)
2ª tappa Tour of Norway (Fredriksten > Fredriksten)
3ª tappa Holland Tour (Heeze > Lende)
  • 2016 (Rabo-Liv Women, nove vittorie)
Pajot Hills Classic
7-Dorpenomloop van Aalburg
3ª tappa Tour of California (Santa Rosa > Santa Rosa)
Keukens van Lommel Classic
4ª tappa Women's Tour (Nottingham > Stoke-on-Trent)
1ª tappa Thüringen Rundfahrt (Gotha > Gotha)
3ª tappa Thüringen Rundfahrt (Altenburg > Altenburg)
5ª tappa Thüringen Rundfahrt (Greiz > Greiz)
2ª tappa Belgium Tour (Lierde > Lierde)
  • 2017 (WM3 Pro Cycling Team, nove vittorie)
Trofee Maarten Wynants
7-Dorpenomloop Aalburg
Gooik-Geraardsbergen-Gooik
2ª tappa, 2ª semitappa BeNe Tour (Sint Laureins, cronometro)
3ª tappa BeNe Tour (Zelzate > Zelzate)
Classifica generale BeNe Tour
Campionati europei, Prova in linea
Classifica generale Tour of Norway
1ª tappa Belgium Tour (Ninove > Ninove)
  • 2018 (WaowDeals Pro Cycling Team, otto vittorie)
8ª tappa Giro d'Italia (San Giorgio di Perlena > Breganze)
1ª tappa BeNe Tour (Merelbeke > Merelbeke)
Classifica generale BeNe Tour
Vårgårda WWT
1ª tappa Tour of Norway (Rakkestad > Mysen)
2ª tappa Tour of Norway (Fredrikstad > Sarpsborg)
3ª tappa Tour of Norway (Svinesund > Halden)
Classifica generale Tour of Norway
  • 2019 (CCC-Liv, otto vittorie)
Trofeo Alfredo Binda-Comune di Cittiglio
2ª tappa Tour de Yorkshire (Bridlington > Scarborough)
Classifica generale Tour de Yorkshire
2ª tappa Women's Tour (Cyclopark Gravesend > Cyclopark Gravesend)
2ª tappa Giro d'Italia (Viù > Viù)
3ª tappa Giro d'Italia (Sagliano Micca > Piedicavallo)
7ª tappa Giro d'Italia (Cornedo Vicentino > San Giorgio di Perlena)
10ª tappa Giro d'Italia (San Vito al Tagliamento > Udine)

Altri successiModifica

Classifica finale Coppa del mondo
Classifica finale Calendario internazionale
  • 2008 (Team DSB Bank)
Classifica finale Calendario internazionale
  • 2009 (Team DSB Bank)
Classifica finale Coppa del mondo
Classifica finale Calendario internazionale
  • 2010 (Nederland Bloeit)
Classifica a punti Giro d'Italia
Classifica giovani Giro d'Italia
Classifica finale Coppa del mondo
Classifica finale Calendario internazionale
  • 2011 (Nederland Bloeit)
Classifica a punti Giro d'Italia
Classifica scalatori Giro d'Italia
Classifica a punti Holland Tour
Classifica sprint Holland Tour
Classifica finale Calendario internazionale
  • 2012 (Stichting Rabo/Rabobank Women)
Classifica a punti Grand Prix Elsy Jacobs
Classifica a punti Giro d'Italia
Classifica a punti Tour en Limousin
Classifica finale Coppa del mondo
Classifica finale Calendario internazionale
Classifica a punti Festival Elsy Jacobs
Classifica a punti Emakumeen Euskal Bira
Classifica a punti Giro d'Italia
Classifica finale Coppa del mondo
  • 2014 (Rabo-Liv Women)
Classifica a punti Festival Elsy Jacobs
Classifica a punti Women's Tour
Classifica a punti Emakumeen Euskal Bira
Classifica a punti Giro d'Italia
1ª tappa Belgium Tour (Blaugies > Warquignies, cronosquadre)
Classifica finale Calendario internazionale
  • 2016 (Rabo-Liv Women)
Classifica a punti Women's Tour
Classifica a punti Belgium Tour
  • 2017 (WM3 Pro Cycling Team)
Classifica a punti BeNe Tour
Classifica a punti Tour of Norway
Classifica a punti Belgium Tour
  • 2018 (WaowDeals Pro Cycling Team, otto vittorie)
Classifica a punti Women's Tour
Classifica a punti Tour of Norway

PistaModifica

2ª tappa Coppa del mondo 2007-2008, Scratch (Pechino)
2ª tappa Coppa del mondo 2007-2008, Corsa a punti (Pechino)
Campionati olandesi, Corsa a punti
Campionati olandesi, Scratch
4ª tappa Coppa del mondo 2007-2008, Scratch (Copenaghen)
Campionati del mondo, Corsa a punti
Giochi olimpici, Corsa a punti
Campionati del mondo, Scratch
Campionati olandesi, Americana (con Roxane Knetemann)

CiclocrossModifica

Veldrit van Harderwijk (Harderwijk)
Cyclocross Bakel (Bakel)
Veldrit van Harderwijk (Harderwijk)
Nationale Veldrit Almelo (Almelo)
Veldrit van Hilversum (Hilversum)
Kerstveldrit (Reusel)
Grote Prijs Montferland (Zeddam)
Centrumcross (Surhuisterveen)
Cyclocross Bakel (Bakel)
Kasteelcross (Vorden)
Cyclocross Heerlen (Heerlen)
Veldrit van Harderwijk (Harderwijk)
Centrumcross (Surhuisterveen)
Veldrit Pijnacker (Pijnacker)
Cyclocross Gieten (Gieten)
Nationale Cyclo-Cross Bakel (Bakel)
Veldrit van Harderwijk (Harderwijk)
Wouden Cyclocross Sumar (Suameer)
Campionati europei
Cyclocross Gieten, prova Superprestige (Gieten)
Azencross, prova Trophée Gazet van Antwerpen (Loenhout)
Grand Prix Hôtel Threeland (Pétange)
Campionati del mondo, prova Elite
Cyclo-Cross de Fourmies (Fourmies)
Koppenbergcross, prova Trophée Gazet van Antwerpen (Oudenaarde)
Ciclocross di Treviso, 2ª prova Coppa del mondo (Treviso)
Witloofveldrit (Vossem)
Cyclocross Gieten, prova Superprestige (Gieten)
Scheldecross (Anversa)
Scheldecross (Anversa)
Grote Prijs Eric De Vlaeminck, 6ª prova Coppa del mondo (Heusden-Zolder)
Grand Prix Hôtel Threeland (Pétange)
Campionati del mondo, prova Elite
Sluitingsprijs, prova Trophée Gazet van Antwerpen (Oostmalle)
Nacht van Woerden (Woerden)
Campionati europei
Duinencross, 3ª prova Coppa del mondo (Koksijde)
Frankfurter Rad-Cross (Francoforte sul Meno)
Grote Prijs Eric De Vlaeminck, 6ª prova Coppa del mondo (Heusden-Zolder)
Grand Prix Hôtel Threeland (Pétange)
Grote Prijs Richard Groenendaal (Sint-Michielsgestel)
Centrumcross (Surhuisterveen)
Grote Prijs Adrie van der Poel, 8ª prova Coppa del mondo (Hoogerheide)
Campionati del mondo, prova Elite
Krawatencross, prova Trophée Gazet van Antwerpen (Lille)
Sluitingsprijs, prova Trophée Gazet van Antwerpen (Oostmalle)
Azencross, 3ª prova Trophée Gazet van Antwerpen (Loenhout)
Grand Prix Hôtel Threeland (Pétange)
Campionati olandesi
Cyclo-cross de Pontchâteau, 6ª prova Coppa del mondo (Pontchâteau)
Campionati del mondo, prova Elite
Cauberg Cyclo-Cross (Valkenburg)
Cyclocross Gieten, 5ª prova Superprestige (Gieten)
Frankfurter Rad-Cross (Francoforte sul Meno)
Grote Prijs Rouwmoer (Essen)
Citadelcross, 4ª prova Coppa del mondo (Namur)
Centrumcross (Surhuisterveen)
Cyclocross Diegem, 6ª prova Superprestige (Diegem)
Grote Prijs Eric De Vlaeminck, 5ª prova Coppa del mondo (Heusden-Zolder)
Azencross, 3ª prova Trophée Gazet van Antwerpen (Loenhout)
Cyclocross Leuven (Lovanio)
Grote Prijs Richard Groenendaal (Sint-Michielsgestel)
Grand Prix Hôtel Threeland (Pétange)
Campionati olandesi
Liévin Cyclo-Cross, 6ª prova Coppa del mondo (Liévin)
Cyclocross Rucphen (Rucphen)
Grote Prijs Adrie van der Poel, 7ª prova Coppa del mondo (Hoogerheide)
Campionati del mondo, prova Elite (Koksijde)
Krawatencross, 5ª prova Trophée Gazet van Antwerpen (Lille)
Cauberg Cyclocross (Valkenburg)
Grote Prijs Eric De Vlaeminck, 6ª prova Coppa del mondo (Heusden-Zolder)
Grand Prix Hôtel Threeland (Pétange)
Centrumcross (Surhuisterveen)
Memorial Romano Scotti, 7ª prova Coppa del mondo (Roma)
Weversmisdagcross (Otegem)
Cyclocross Rucphen (Rucphen)
Campionati olandesi
Grote Prijs Adrie van der Poel, 8ª prova Coppa del mondo (Hoogerheide)
Campionati del mondo, prova Elite
Krawatencross, 5ª prova Trophée Banque Bpost (Lille)
Grote Prijs van Brabant (Den Bosch)
Cauberg Cyclocross, 1ª prova Coppa del mondo (Valkenburg)
Nacht van Woerden (Woerden)
Azencross, 5ª prova Trophée Banque Bpost (Loenhout)
Centrumcross (Surhuisterveen)
Campionati olandesi
Cyclocross Leuven (Lovanio)
Cyclocross Nommay, 7ª prova Coppa del mondo (Nommay)
Campionati del mondo, prova Elite
Grote Prijs Eric De Vlaeminck, 5ª prova Coppa del mondo (Heusden-Zolder)
Cyclocross Diegem, 6ª prova Superprestige (Diegem)
Campionati olandesi
Centrumcross (Surhuisterveen)
Cyclocross Diegem, 6ª prova Superprestige (Diegem)
Grote Prijs Eric De Vlaeminck, 7ª prova Coppa del mondo (Heusden-Zolder)
Grote Prijs Sven Nys, 7ª prova Ijsboerke Ladies Trophy (Baal)
Centrumcross (Surhuisterveen)
Campionati olandesi
Memorial Romano Scotti, 8ª prova Coppa del mondo (Fiuggi)
Grote Prijs Adrie van der Poel, 9ª prova Coppa del mondo (Hoogerheide)
Parkcross (Maldegem)
Parkcross (Maldegem)
Cyclo-Cross Collective Cup #2 (Waterloo, 1ª prova Coppa del mondo)
Grote Prijs Mario De Clercq (Ronse)
Cyclo-cross Bern (Berna, 3ª prova Coppa del mondo)
Nacht van Woerden (Woerden)
Cyclocross Ruddervoorde (Ruddervoorde, 3ª prova Superprestige)
Grote Prijs Eric De Vlaeminck, 7ª prova Coppa del mondo (Heusden-Zolder)
Cyclo-cross de Pontchâteau, 8ª prova Coppa del mondo (Pontchâteau)
Classifica generale Coppa del mondo

Mountain bikingModifica

Cyprus Sunshine Cup, Cross country
Nieuwkuijk, Cross country
Norg, Cross country
Steenwijk, Cross country
Nieuwkuijk, Cross country

PiazzamentiModifica

Grandi GiriModifica

2007: 6ª
2009: 3ª
2010: 8ª
2007: 12ª
2010: 7ª
2011: vincitrice
2012: vincitrice
2013: 6ª
2014: vincitrice
2018: non partita (9ª tappa)

Competizioni mondialiModifica

StradaModifica

PistaModifica

CiclocrossModifica

RiconoscimentiModifica

NoteModifica

  1. ^ (EN) MARIANNE VOS, su liv-cycling.com. URL consultato il 6 luglio 2019.
  2. ^ a b c d (EN) Q&A: Marianne Vos on her rocky return to the top, su velonews.com. URL consultato il 6 luglio 2019.
  3. ^ a b c d Cannibale Vos Nata per vincere, su gazzetta.it. URL consultato il 6 luglio 2019.
  4. ^ a b c d e f g h i j (EN) Marianne Vos Is the Boss, su outsideonline.com. URL consultato il 6 luglio 2019.
  5. ^ (NL) Persoonlijke gegevens Marianne Vos, su mariannevos.com. URL consultato il 1º ottobre 2008 (archiviato dall'url originale il 22 marzo 2009).
  6. ^ (NL) Biografie Marianne Vos, mariannevosofficial.com. URL consultato il 13 luglio 2013 (archiviato dall'url originale il 2 settembre 2013).
  7. ^ (EN) Vos with DSB for five years, su cyclingnews.com, 8 novembre 2008.
  8. ^ (EN) Vos takes her second rainbow in a year, su cyclingnews.com, 8 novembre 2008.
  9. ^ Mondiali di Varese Tra le donne vince la Cooke, su gazzetta.it. URL consultato il 6 luglio 2019.
  10. ^ OLIMPIADI. Vince la numero uno: Marianne Vos è oro. LIVE, su tuttobiciweb.it. URL consultato il 6 luglio 2019.
  11. ^ (EN) Vos completes Olympic circle after road race win, su cyclingnews.com. URL consultato il 6 luglio 2019.
  12. ^ Mondiali, Longo Borghini bronzo nella prova su strada donne, su sport.sky.it. URL consultato il 6 luglio 2019.
  13. ^ Editor’s Note: Marianne Vos is Velo’s 2012 International Cyclist of the Year, su velonews.com. URL consultato il 6 luglio 2019.
  14. ^ Ciclismo, Mondiali, donne: oro a Marianne Vos, Rossella Ratto di bronzo, su gazzetta.it. URL consultato il 6 luglio 2019.
  15. ^ (EN) Marianne Vos - 2014, su procyclingstats.com. URL consultato il 6 luglio 2019.
  16. ^ Bronzini-Vos, vittorie con vista Mondiale, su gazzetta.it. URL consultato il 6 luglio 2019.
  17. ^ (EN) WORLD CYCLING CHAMPIONSHIPS 2014 PONFERRADA: FAVOURITES ROAD RACE - WOMEN, su cyclingstage.com. URL consultato il 6 luglio 2019.
  18. ^ Niente Mondiale per Marianne Vos, su gazzetta.it. URL consultato il 6 luglio 2019.
  19. ^ Ancora un infortunio per Marianne Vos: frattura della clavicola, su cicloweb.it. URL consultato il 6 luglio 2019.
  20. ^ Europeo donne, la Vos è tornata. Bronzini d’argento, su gazzetta.it. URL consultato il 6 luglio 2019.
  21. ^ Ancora sfortuna per Marianne Vos, clavicola rotta alla Liegi-Bastogne-Liegi, su cicloweb.it. URL consultato il 6 luglio 2019.
  22. ^ Giro donne: a Breganze zampata Vos su Longo Borghini. Gazzetta.it alle 17, su gazzetta.it. URL consultato il 6 luglio 2019.
  23. ^ (EN) Vos wins in Pont-Château to take the 2018-2019 World Cup with a race to spare, su cyclingmagazine.ca. URL consultato il 6 luglio 2019.
  24. ^ Ciclismo, Trofeo Binda: Marianne Vos cala il poker a Cittiglio, su repubblica.it. URL consultato il 6 luglio 2019.
  25. ^ a b Classifica non ufficiale

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN75718526 · ISNI (EN0000 0000 3694 3933 · LCCN (ENn2005011018 · WorldCat Identities (ENn2005-011018