Apri il menu principale

Paolo Orlandoni

allenatore di calcio ed ex calciatore italiano
Paolo Orlandoni
Paolo Orlandoni - Inter Mailand (2).jpg
Orlandoni nel 2009
Nazionalità Italia Italia
Altezza 190 cm
Peso 90 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Preparatore dei portieri (ex portiere)
Squadra Inter (Portieri Primavera)
Ritirato 13 maggio 2012 - giocatore
Carriera
Giovanili
1987-1990 Inter
Squadre di club1
1990-1991 Inter 0 (-0)
1991-1992 Mantova 8 (-8)
1992-1993 Leffe 8 (-6)
1993-1994 Casarano 23 (-23)
1994-1995 Pro Sesto 25 (-33)
1995-1996 Ancona 14 (-20)
1996-1997 Foggia 1 (-1)
1997-1998 Acireale 28 (-12)
1998-2000 Reggina 47 (-52)
2000 Bologna 3 (-0)
2000-2001 Lazio 1 (-0)
2001-2005 Piacenza 64 (-85)
2005-2012 Inter 4 (-3)
Carriera da allenatore
2012-2015InterPort. Primavera
2015-2017FenerbahçePortieri
2017-2018NantesPortieri
2018-2019FulhamPortieri
2019-InterPort. Primavera
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 27 novembre 2018

Paolo Orlandoni (Bolzano, 12 agosto 1972) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, preparatore dei portieri della formazione Primavera dell'Inter.

Indice

CarrieraModifica

GiocatoreModifica

 
Orlandoni all'Inter nel 2009.

Cresciuto calcisticamente nella sua città natale, dapprima ne La Torre e poi nella Virtus Don Bosco,[1] Orlandoni iniziò la sua avventura agonistica nell'Inter nella stagione 1990-1991, non trovando spazio se non da terzo portiere nella squadra. Venne quindi dato in prestito a vari club di Serie B e Serie C1 fino al 1998. Nel campionato di Serie B 1998-1999 finì alla Reggina, dove giocò da titolare contribuendo alla loro prima promozione in Serie A.

Con la Reggina esordì in Serie A alla prima giornata a Torino contro la Juventus (1-1)[2] e restò in amaranto fino al mese di gennaio, quando fu ceduto in prestito al Bologna[3], dove venne impiegato come secondo portiere. A fine campionato ritornò alla Reggina, che lo cedette nuovamente in prestito, questa volta alla Lazio[4].

A Roma ricoprì il ruolo di terzo portiere dietro Peruzzi e Marchegiani, scendendo in campo in una sola occasione, al posto dell'espulso Peruzzi[5]. L'anno dopo venne ceduto al Piacenza per fare da secondo a Matteo Guardalben[6]. Nella compagine emiliana restò fino al 2004-2005, disputando due stagioni di Serie A e due di Serie B; nell'ultimo anno, complice la cessione di Guardalben al Palermo, divenne titolare.

A fine stagione, alla scadenza del contratto, ritornò all'Inter[7] dove divenne il terzo portiere della squadra nerazzurra, dietro a Júlio César e Francesco Toldo. Esordì con la maglia dell'Inter il 14 maggio 2006 in Cagliari-Inter (2-2)[8].

Nella stagione 2010-2011 ha giocato la sua prima partita di Champions League contro il Werder Brema[9] all'età di 38 anni compiuti. Con l'Inter, giocando da terzo portiere, ha vinto cinque scudetti (disputando un totale di 4 partite di campionato), tre Coppe Italia, quattro Supercoppe italiane, una Champions League ed un Mondiale per club.

Il 29 giugno 2011 rinnova per un'altra stagione con l'Inter, fino al 30 giugno 2012. Dopo aver salutato il pubblico di San Siro al termine del derby del 6 maggio 2012, vinto per 4-2 dall'Inter, si ritira ufficialmente dal calcio professionistico, decidendo di non rinnovare il contratto in scadenza con la società nerazzurra.[10][11]

AllenatoreModifica

 
Orlandoni al Fenerbahçe nel 2016 come preparatore dei portieri.

Chiusa la carriera sul campo, diventa subito allenatore dei portieri della Primavera dell'Inter a partire dal 6 luglio 2012.[12]

Il 25 giugno 2015 diventa allenatore dei portieri della prima squadra del Fenerbahçe lasciando l'Inter dopo 10 anni[13]. Il 26 giugno 2017 diventa allenatore dei portieri della prima squadra del Nantes, allenata da Claudio Ranieri.[14] Il 14 novembre 2018 segue Ranieri, sempre con il ruolo di preparatore dei portieri, nella nuova esperienza al Fulham.

L'11 luglio 2019 torna all'Inter in qualità di preparatore dei portieri della formazione Primavera e responsabile dei preparatori dei portieri di tutto il settore giovanile e femminile.[15]

Fuori dal campoModifica

È stato promotore e testimonial di numerose iniziative benefiche in favore dei ragazzi affetti da sindrome di Down, sindrome di cui è affetta la sua secondogenita Emma. Orlandoni in una intervista ha infatti dichiarato di dedicare parte del suo tempo all'associazione "Capirsi Down".[16]

StatisticheModifica

Presenze e reti nei clubModifica

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe europee Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1991-1992   Mantova C2 8 -8 CIC ? ? - - - - - - 8+ -8+
1992-1993   Leffe C1 8 -6 CIC ? ? - - - - - - 8+ -6+
1993-1994   Casarano C1 22 -22 CIC ? ? - - - - - - 22+ -22+
1994-set. 1994 C1 1 -1 CIC ? ? - - - - - - 1+ -1+
Totale Casarano 23 -23 ? ? 23+ -23+
1994-1995   Pro Sesto C1 25 -33 - - - - - - - - - 25 -33
1995-1996   Ancona B 14 -20 CI ? ? - - - - - - 14+ -20+
1996-1997   Foggia B 1 -1 CI - - - - - - - - 1+ -1+
1997-1998   Acireale C1 28 -12 CIC ? ? - - - - - - 28+ -12+
1998-1999   Reggina B 34 -31 CI 1 -1 - - - - - - 35 -32
1999-gen. 2000 A 13 -21 CI 4 -? - - - - - - 17 -21+
Totale Reggina 47 -52 5 -1+ 52 -53+
gen.-giu. 2000   Bologna A 3 0 - - - - - - - - - 3 0
2000-2001   Lazio A 1 0 CI 0 0 - - - - - - 1 0
2001-2002   Piacenza A 13 -17 CI 4 -5 - - - - - - 17 -22
2002-2003 A 12 -24 CI 3 -1 - - - - - - 15 -25
2003-2004 B 12 -16 CI 0 0 - - - - - - 12 -16
2004-2005 B 27 -28 CI 3 0 - - - - - - 30 -28
Totale Piacenza 64 -85 10 -6 74 -91
2005-2006   Inter A 1 -2 - - - - - - - - - 1 -2
2006-2007 A 0 0 - - - - - - - - - 0 0
2007-2008 A 2 -1 CI 1 -1 - - - - - - 3 -2
2008-2009 A 1 0 - - - - - - - - - 1 0
2009-2010 A 0 0 - - - - - - - - - 0 0
2010-2011 A 0 0 CI 0 0 UCL 1 -3 SI+SU+Cmc 0 0 1 -3
2011-2012 A 0 0 CI 0 0 UCL 0 0 SI 0 0 0 0
Totale Inter 4 -3 1 -1 1 -3 6 -7
Totale carriera 226 -243 16+ -9+ 1 -3 243+ -254+

PalmarèsModifica

NoteModifica

  1. ^ Bolzanino scudettato, in Alto Adige, 23 aprile 2007, p. 16. URL consultato il 22 marzo 2010.
  2. ^ La Juventus non si diverte alla festa della Reggina La Repubblica, 30 agosto 1999, pag. 39
  3. ^ Mercier, un francese per il Savoia La Repubblica, 13 gennaio 2000
  4. ^ Ritocchi di mercato aspettando Zenden addio a De la Pena? La Repubblica, 30 agosto 2000
  5. ^ Caos Lazio, il Napoli padrone La Repubblica, 8 gennaio 2001, pag.46
  6. ^ Zidane al Real, arriva Nedved La Repubblica, 5 luglio 2001, pag.46
  7. ^ Le trattative La Repubblica, 31 agosto 2005, pag.40
  8. ^ Mancini manda segnali a Moratti La Repubblica, 15 maggio 2006, pag.46
  9. ^ Alberto Casavecchia, Werder-Inter, le formazioni ufficiali. Materazzi si è fatto male, ora..., Tuttomercatoweb.com, 7 dicembre 2010. URL consultato il 27 luglio 2011.
  10. ^ Inter, Milito saluta Cordoba e Orlandoni: "Grazie di cuore", tuttomercatoweb.com. URL consultato il 14 maggio 2012.
  11. ^ Orlandoni: da un interista agli interisti Inter.it
  12. ^ Samaden: "Avanti nel segno della continuità", inter.it, 6 luglio 2012. URL consultato il 12 luglio 2012.
  13. ^ ORLANDONI: "LA MAGLIA NERAZZURRA SEMPRE DENTRO DI ME", su inter.it. URL consultato il 25 giugno 2015.
  14. ^ Gasport, Inter, Orlandoni riparte dal Nantes di Ranieri: allenerà i portieri, su La Gazzetta dello Sport, 3 luglio 2017. URL consultato il 14 novembre 2017.
  15. ^ Settore Giovanile, i tecnici per la stagione 19/20, su inter.it, 11 luglio 2019.
  16. ^ Massimiliano Castellani, Orlandoni Il Numero 1 Dalla Parte dei Bambini, Avvenire.it, 2 gennaio 2009. URL consultato il 27 luglio 2011 (archiviato dall'url originale il 26 agosto 2011).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica