Apri il menu principale
Dantooine
TipoPianeta
Creazione
SagaGuerre stellari
Appare inuniverso espanso; menzionato in Guerre stellari
Caratteristiche immaginarie
CapoMaestri Jedi del Consiglio Jedi, governo di Khoonda
RegioneOrlo esterno
CapitaleGarang
DimensioniØ 9.830 km
Abitantitra i 334.000 e i 2.000.000
RazzeUmani 50%, Dantari 10%, Altre specie 40%
LingueBasic galattico
TerrenoTerrestre
Distanza dal nucleo45.000 anni luce
Periodo rotazione25 ore
Periodo rivoluzione378 giorni
Satelliti2 [1]

Dantooine è un pianeta fittizio appartenente all'Universo di Guerre stellari. È stato menzionato in Una nuova speranza, nella serie Star Wars: The Clone Wars e nella serie Star Wars Rebels.

DescrizioneModifica

Dantooine (Dàn-tùu-ìn) è stato menzionato solo una volta nei film di Guerre stellari, quando Leila Organa finge di rivelare la vera posizione della base ribelle al Moff Wilhuff Tarkin. Dantooine è stato usato in diversi romanzi ambientati nell'universo di George Lucas e nell'universo espanso. Il pianeta era costituito perlopiù da pianure verdeggianti, laghi e fiumi, in maniera simile a quanto accade con la savana africana. Su Dantooine viveva gente semplice in piccole comunità, suddivise in base ai possedimenti terreni. Dantooine è il pianeta natio della razza Dantari. La fauna locale era variegata, con i segugi kath, gli iriaz e i fabopol. Dantooine era l'opposto di Tatooine, in quanto quest'ultimo era sede di un ambiente deserto e arido.

Star Wars LegendsModifica

Dantooine era stato uno dei mondi soggetti al governo dell'Impero Infinito dei Rakata; sul pianeta era situata una delle Mappe Stellari che conteneva parte delle coordinate necessarie a localizzare la stazione spaziale chiamata Star Forge. Dantooine era anche sede di una base per esperimenti nella clonazione in cui i Jedi antichi sperimentavano la tecnica, è uno dei pianeti visitabili nei videogiochi Star Wars: Knights of the Old Republic e Star Wars: Knights of the Old Republic II: The Sith Lords.

L'Enclave e la Guerra Civile JediModifica

Su Dantooine venne costruita una accademia per addestrare Jedi dal Maestro Vodo-Siosk Baas durante la Grande Guerra Sith. Su Dantooine si erano addestrati potenti Jedi come Revan, Malak, Bastila Shan e Meetra Surik. Quando Darth Revan venne catturato dagli Jedi nel 3.957 BBY, il Consiglio Jedi di Dantooine decise di riprogrammare la sua mente fornendogli una nuova identità — quella di un semplice soldato al servizio della Repubblica — e di usarlo come una arma contro il suo ex-allievo, Darth Malak. Revan venne riaddestrato nelle vie degli Jedi, e assieme alla giovane Bastila Shan trovò la Mappa Stellare all'interno delle rovine misteriose.

Sfortunatamente, Darth Malak distrusse l'Enclave tramite un bombardamento dallo spazio, assieme alla maggior parte degli insediamenti vicini. Dopo la fine della Guerra Civile Jedi gli abitanti rimanenti formarono un governo, conosciuto come Khoonda; lo stabile nel quale era situato era completamente indifeso, protetto solo da poche torrette malfunzionanti e poche forze militari. Meetra Surik ritornò sul pianeta per trovare Vrook Lamar, uno degli Jedi del Consiglio che aveva decretato il suo esilio. L'Esule, in qualità di giocatore, può scegliere di difendere Khoonda assieme a Vrook oppure aiutare Azkul e i mercenari a conquistarla e a uccidere Terena Adare.

In ogni caso l'Enclave venne ricostruita; i tre Maestri rimasti (Vrook, Kavar e Zez-Kai Ell) ritornarono nella sala principale per decretare la sentenza contro Meetra, ma vennero uccisi da Darth Traya tramite una tecnica sconosciuta della Forza. Se il giocatore ha ucciso almeno uno dei Maestri in precedenza, quelli rimasti lo attaccheranno ma verranno sconfitti.

Apparizioni nell'Universo espansoModifica

NoteModifica

  1. ^ Dantooine sullo Star Wars DataBank, su starwars.com. URL consultato il 5/12/2009 (archiviato dall'url originale il 30 maggio 2009).

Collegamenti esterniModifica

  Portale Guerre stellari: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Guerre stellari