Dantooine

Pianeta immaginario nell'universo di Star Wars
Dantooine
Nome originaleDantooine
Creazione
UniversoGuerre stellari
Appare inUniverso espanso; menzionato in Guerre stellari
Caratteristiche immaginarie
TipoPianeta
RegioneOrlo Esterno
CapitaleGarang
DimensioniØ 9.830 km
Abitantitra i 334.000 e i 2.000.000
Razzeumani 50%, dantari 10%, altre specie 40%
LingueBasic Galattico
Terrenoterrestre
Distanza dal Nucleo45.000 anni luce
Periodo rotazione25 ore
Periodo rivoluzione378 giorni
Satelliti2[1]

Dantooine è un pianeta fittizio appartenente all'universo di Guerre stellari. Viene menzionato nel film Guerre stellari, e nelle serie Star Wars: The Clone Wars, Star Wars Rebels e Star Wars Resistance.

DescrizioneModifica

Dantooine è un pianeta situato nell'Orlo Esterno e circondato da due lune. È un mondo verdeggiante, per ampi tratti intatto e ricoperto di foreste[2].

Nell'Universo espanso viene descritto come un pianeta isolato dalle grandi rotte commerciali, e per questo scarsamente abitato e con un limitato sviluppo artigianale e industriale in favore di una diffusa attività agricola. Il paesaggio naturale è per larghi tratti incontaminato e costituito da pianure verdeggianti, laghi e fiumi. La popolazione, poco coinvolta o al corrente degli affari galattici, vive in modo semplice in piccole comunità, suddivise in base ai possedimenti terrieri. Oltre agli umani e all'autoctona specie dantari, una società primitiva di cacciatori-raccoglitori, Dantooine ospita una variegata fauna, che comprende i segugi kath, gli iriaz e i fabopol[1].

ApparizioniModifica

Dantooine viene menzionato per la prima volta nel film Guerre stellari, quando la Principessa Leila finge di rivelare la vera posizione della base dell'Alleanza Ribelle al Grand Moff Tarkin, indirizzandolo su Dantooine. Il pianeta aveva in effetti ospitato il primo quartier generale ribelle, ma al momento del film questo era già stato spostato su Yavin IV[2].

In The Clone Wars, ambientato prima degli eventi del film, Dantooine è uno dei teatri delle guerre dei cloni tra la Repubblica Galattica e i separatisti. In Resistance la Resistenza vi combatte una battaglia contro il Primo Ordine per liberare il pianeta dal blocco nemico. Appare anche nel romanzo Lost Stars.

Universo espansoModifica

Il pianeta viene usato come ambientazione in alcune opere dell'Universo espanso.

Dantooine fu uno dei mondi soggetti al governo dell'Impero Infinito dei rakata, e sul pianeta è situata una delle mappe stellari che contengono parte delle coordinate necessarie a localizzare la stazione spaziale Star Forge. Nel fumetto Le cronache dei Jedi, ambientato intorno al 5000-4000 BBY, Dantooine viene scelta come sede dell'accademia del maestro Jedi Vodo-Siosk Baas, in cui vengono addestrate numerose generazioni di Jedi. L'importanza del luogo cresce negli anni seguenti, tanto che nel corso delle guerre mandaloriane e della guerra civile Jedi, mostrate nel fumetto Knights of the Old Republic e nel videogioco Star Wars: Knights of the Old Republic, Dantooine diventa la sede del consiglio Jedi.

Nel videogioco, l'enclave Jedi e la maggior parte degli insediamenti vicini vengono bombardati e distrutti dalle forze di Darth Malak. Dopo la fine della guerra civile Jedi, gli abitanti rimanenti di Dantooine, lasciati senza una guida, formano un nuovo governo, conosciuto come Khoonda e situato in un piccolo casolare mal organizzato, mal difeso e soggetto alle frequenti scorrerie di bande armate. Nel videogioco Star Wars: Knights of the Old Republic II: The Sith Lords Meetra Surik aiuta a difendere Khoonda e a sconfiggere i mercenari e nel corso di qualche anno il pianeta si riprende e l'enclave Jedi viene ricostruita.

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) Dantooine, su starwars.com. URL consultato il 28 giugno 2020 (archiviato dall'url originale il 30 maggio 2009).
  2. ^ a b (EN) Dantooine, su starwars.com. URL consultato il 28 giugno 2020.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Guerre stellari: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Guerre stellari