Apri il menu principale

Dundee United Football Club

squadra di calcio scozzese
Dundee United F.C.
Calcio Football pictogram.svg
DundeeUnitedstemma.png
The Terrors, The Tangerines, The Arabs
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali Arancione e Nero.svg Arancione, nero
Dati societari
Città Dundee crest.jpg Dundee
Nazione Regno Unito Regno Unito
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Scotland.svg SFA
Campionato Scottish Championship
Fondazione 1909
Presidente Stati Uniti Mark Ogren
Allenatore Scozia Robbie Neilson
Stadio Tannadice Park
(14 223 posti)
Sito web www.dundeeunitedfc.co.uk
Palmarès
Premiership scozzese
Titoli di Scozia 1
Trofei nazionali 2 Scottish Cup
2 Scottish League Cup
1 Scottish Challenge Cup
Si invita a seguire il modello di voce

Il Dundee United Football Club, meglio noto come Dundee United, è una società calcistica scozzese con sede nella città di Dundee. Milita nella Scottish Championship, la seconda divisione scozzese.

Tradizionalmente, i giocatori del Dundee United hanno il soprannome The Terrors[1] mentre i tifosi sono noti come The Arabs,[2] anche se in questi ultimi anni ormai il secondo nome stia iniziando ad essere usato dai mezzi di comunicazione per indicare la squadra stessa. The Tangerines (o Tangerine Terrors) è un altro termine utilizzato occasionalmente per indicare il club.

Tra i trofei nazionali, il Dundee United conta un campionato, due Coppe di Scozia e due Coppe di Lega. Nelle competizioni europee è la quarta squadra scozzese per esperienza, avendo giocato 104 partite (sei in meno rispetto all'Aberdeen) in oltre 22 stagioni di presenza.[3]

StoriaModifica

Gli inizi (1909-1971)Modifica

Ispirata dall'esempio dell'Hibernian di Edimburgo, la comunità irlandese di Dundee fondò una squadra di calcio nel 1909, seguendo l'esempio dei Dundee Harp. Originariamente chiamato Dundee Hibernian, il club prese in gestione il Clepington Park (rinominato poi Tannadice Park) dai Dundee Wanderers e giocò la prima partita il 18 agosto 1909 proprio contro l'Hibernian, pareggiando per 1-1. L'anno successivo la squadra si affiliò alla Scottish Football League. Il club fu salvato dal fallimento nell'ottobre del 1923 da un gruppo di imprenditori di Dundee. Si decise di cambiare il nome della squadra in Dundee United per attrarre maggiore interesse; fu considerato anche il nome Dundee City, ma vi furono proteste da parte dei rivali acerrimi del Dundee FC.[4]

Il Dundee United vinse la Division Two nel 1924-25 e nella stagione seguente esordì in Division One, nel quale restò per due stagioni. Rivinse altre due volte il titolo di Second Division[4], facendo la spola tra le due serie fino al 1932, poi per molti anni il club navigò nel bassifondi della Scottish league, competendo per raggiungere la massima serie solo per quattro stagioni, fino all'arrivo in panchina di Jerry Kerr nel 1959. Kerr riportò lo United nella massima serie dopo 28 anni di assenza alla prima stagione in panchina, grazie al secondo posto raggiunto in Second Division. Fra i giocatori dell'epoca si ricordano Dennis Gillespie e Jim Irvine, i difensori Doug Smith e Ron Yeats (che divenne capitano nel Liverpool negli anni 1960).

Gli anni sessanta furono segnati da alcuni giocatori di rilievo provenienti dalla Scandinavia: Örjan Persson, Finn Seemann, Lennart Wing, Finn Døssing e Mogens Berg.[5] Questi giocatori contribuirono anche al raggiungimento per la prima volta delle competizioni europee: il Dundee United partecipò alla Coppa delle Fiere 1966-1967 ed eliminò persino il Barcellona detentore della coppa; fu la prima squadra scozzese a trionfare in Spagna con il 2-1 contro i catalani il 25 agosto. In seguito venne eliminato dalla Juventus, nel turno successivo.

Nell'inverno 1962 Kerr, involontariamente, contribuì alla nascita di uno dei soprannomi del club, The Arabs, poiché per evitare un ennesimo rinvio di una partita contro lo Stirling Albion a causa del campo ghiacciato: l'allenatore si fece prestare dei cannelli bruciatori per il catrame per sciogliere il ghiaccio, rovinando però il manto erboso che fu sistemato con della sabbia. Il club si impose per 3-0, dando così origine ad uno dei soprannomi del Dundee Utd.[6]

Nell'estate 1967 il club guidato da Kerr disputò il campionato nordamericano organizzato dalla United Soccer Association: accadde infatti che tale campionato fu disputato da formazioni europee e sudamericane per conto delle franchigie ufficialmente iscritte al campionato, che per ragioni di tempo non avevano potuto allestire le proprie squadre. Il Dundee United rappresentò il Dallas Tornado, che concluse la Western Division, con 3 vittorie, 3 pareggi e 6 sconfitte, al sesto ed ultimo posto. La finale vide i Washington Whips, rappresentati dall'Aberdeen, cedere ai Los Angeles Wolves, rappresentati dai Wolverhampton.[7] Jerry Kerr preparò la strada a un'altra fase felice per la squadra, con l'arrivo di Jim McLean.

L'era di Jim McLean (1971-1994)Modifica

Jim McLean, che era allenatore del Dundee Football Club, prese il posto di Jerry Kerr nel 1971, segnando l'era più vincente della storia del club. Quando arrivò al Dundee United, la squadra aveva in bacheca meno trofei dei rivali cittadini del City (allora contava solo due campionati di Second Division). McLean portò il Dundee United alla sua prima finale di Scottish Cup nella stagione 1973-74, persa contro il Celtic. Raggiunse anche un terzo posto in Scottish Premier Division nel 1977-78 e ancora nel 1978-79, presagio dei successi futuri; il primo di questi fu la Scottish League Cup della stagione 1979-80, vinta contro l'Aberdeen, con un bis l'anno dopo contro i concittadini del Dundee (il Dundee United vinse 3-0 entrambe le finali). Chiave del successo di McLean era l'uso dei giovani, formula che funzionò per i successivi due decenni.[8]

 
McLean sbeffeggiato dai giocatori romanisti al termine della semifinale di ritorno della Coppa dei Campioni 1983-1984

Il Dundee United vinse la Scottish Premier Division per la prima volta nella storia nella stagione 1982-83, con il record di punti e di reti segnate. Successivamente, il Dundee United si affermò anche in campo internazionale in Europa con vittorie contro squadre come Monaco, Borussia Mönchengladbach, PSV Eindhoven, Anderlecht e Werder Brema.

Nella seguente Coppa dei Campioni, la sua prima in assoluto, il Dundee United giunse fino alla semifinale, dove fu battuto dalla Roma. Dopo aver vinto l'andata per 2-0, il Dundee United perse in trasferta per 3-0. In riferimento a quest'ultima partita di semifinale della Coppa dei Campioni 1983-1984, l'arbitro Michel Vautrot venne coinvolto (assieme all'arbitro italiano Paolo Bergamo) nel caso di corruzione e compravendita della partita.[9] Successivamente sia Vautrot che Dino Viola, allora presidente della Roma, furono scagionati dall'accusa di corruzione per sopravvenuta prescrizione. La Corte Federale specificò però di "aver riscontrato un comportamento gravemente censurabile messo in opera dall'ing. Viola", e di non poter quindi "dichiarare caduta l'incolpazione contestata ai signori Landini e Viola in merito al passaggio della somma di 100 milioni"[10] Nel marzo del 2011 Riccardo Viola, figlio dell'allora Presidente della Roma Dino Viola, ha confermato in un'intervista televisiva che fu organizzata una cena con l'arbitro pochi giorni prima della gara in cui vennero consegnati 100 milioni di lire ad un intermediario che avrebbe consegnato i soldi all'arbitro stesso.

L'apice in campo europeo fu raggiunto con la Coppa UEFA 1986-1987, quando il Dundee United divenne la prima squadra di Scozia arrivò in finale[8], dopo aver ritrovato sulla sua strada il Barcellona, questa volta allenato da Terry Venables, con la presenza degli inglesi Gary Lineker, Mark Hughes e Steve Archibald. Il Barcellona fu sconfitto sia all'andata che al ritorno; Il Dundee United rimane ancora oggi l'unica squadra britannica ad aver mantenuto tale imbattibilità, con quattro vittorie in quattro incontri.[11] Nonostante la sconfitta in finale contro il Göteborg, la FIFA premiò la squadra con l'appena nato trofeo del Fair Play Award, per il comportamento tenuto dai propri tifosi durante tutto il torneo.[12]

Durante questi anni, il Dundee United e l'Aberdeen ruppero l'ormai consolidato strapotere da parte dell'Old Firm nel calcio scozzese, e i due club divennero noti alla stampa come il New Firm.[13] Dato che il Dundee F.C. non era in auge allora, l'attenzione era maggiore in occasione del New Firm derby. Dopo 22 anni di onorata carriera alla panchina del Dundee United, McLean decise di lasciare il proprio posto e di assumere il ruolo di presidente.

Il dopo McLean (1994-oggi)Modifica

L'erede di McLean come allenatore fu il primo europeo del continente, lo jugoslavo Ivan Golac. Avendo ereditato una delle squadre con il maggior numero di giovani talenti, decise di vendere anche alcuni pezzi grossi come Duncan Ferguson ai Rangers per la cifra di 4 milioni di sterline, facendo segnare il nuovo record per la vendita di un giocatore verso un club del Regno Unito.[14] Secondo una fonte,[15] il Dundee United aveva già ricevuto offerte di cifre sui £3 milioni da parte di squadre come Bayern Monaco, Leeds United e Chelsea, prima della vendita ai Rangers. Nel primo anno di gestione Golac, conquistò la Scottish Cup a Tannadice Park per la prima volta nel 1994, dopo sei finali perse. Il Dundee United batté i Rangers per 1-0 con rete di Craig Brewster da posizione ravvicinata. Dopo ciò, la fortuna cominciò a mancare alla squadra, che nonostante il buon gioco, dopo molte sconfitte, fu retrocessa in First Division all'ultima giornata, con una sconfitta contro il Celtic per 1-0. L'anno successivo fu nuovamente promosso in Premier Division e la stagione del ritorno in massima serie si concluse col terzo posto, cogliendo un posto valido per l'Europa: nella Coppa UEFA 1997-1998 eliminò al primo turno gli andorrani del Principat col punteggio di 17-0 complessivo, ma uscì al turno successivo contro il Trabzonspor.

Negli anni duemila, dopo due finali di coppe nazionali perse, il Dundee United disputò la sua migliore stagione nel 2009-2010, quando arrivò terzo in campionato e vinse la sua seconda Scottish Cup, vincendo contro il Ross County per 3-0. Dopo altre stagioni da medio-alta classifica, nella Scottish Premiership 2015-2016 è arrivato ultimo e retrocesso.

In Scottish Championship si è classificato al terzo posto sia nel campionato 2016-17 sia nel 2017-18, senza riuscire a vincere i play-off validi per la promozione. In Championship 2018-19 si classifica secondo, dopo un'intera stagione in lotta con Ross County (primo) e Ayr United (quarto, ma capolista per diverse giornate) per le posizioni di vertice; ma ancora una volta perde i play-off, in finale contro il St. Mirren, undicesimo in Premiership.

CronistoriaModifica

Cronistoria del Dundee United
  • 1909 – Nasce il Dundee Hibernian.
  • 1909-1910 – 4º in Northern League.
  • 1910-1911 – 11º in Division Two.
Vince la Forfarshire Cup.
Vince la Forfarshire Cup.
  • 1915-1916 – 10º in Eastern League.
  • 1916-1917 – 5º in Eastern League.
  • 1917-1918 – 5º in Eastern League.
  • 1918-1919 – Attività sospesa per cause belliche.
  • 1919-1920 – 1º in Eastern League. Promosso in Central League
Vince la Forfarshire Cup.
  • 1920-1921 – 17º in Central League.
  • 1921-1922 – 19º in Division Two.
  • 1922-1923 – in Alliance League.
  • 1923 - La denominazione della società cambia in Dundee United.
  • 1923-1924 – 9º in Division Two.
  • 1924-1925 – 1º in Division Two.   Promosso in Scottish Division One.
  • 1925-1926 – 17º in Division One.
  • 1926-1927 – 20º in Division One.   Retrocesso in Scottish Division Two.
  • 1927-1928 – 6º in Division Two.
  • 1928-1929 – 1º in Division Two.   Promosso in Scottish Division One.
Vince la Forfarshire Cup.
  • 1929-1930 – 19º in Division One.   Retrocesso in Scottish Division Two.
Vince la Forfarshire Cup.
  • 1930-1931 – 2º in Division Two.   Promosso in Scottish Division One.
  • 1931-1932 – 19º in Division One.   Retrocesso in Scottish Division Two.
  • 1932-1933 – 13º in Division Two.
  • 1933-1934 – 17º in Division Two.
  • 1934-1935 – 4º in Division Two.
  • 1935-1936 – 7º in Division Two.
  • 1936-1937 – 14º in Division Two.
  • 1937-1938 – 14º in Division Two.
  • 1938-1939 – 9º in Division Two.
  • 1939-46 – Campionati nazionali sospesi per cause belliche.
  • 1940-1941 – 6º North Eastern League (Girone di andata), 4º North Eastern League (Girone di ritorno).
  • 1941-1942 – 6º North Eastern League (Girone di andata), 6º North Eastern League (Girone di ritorno).
  • 1943-1944 – 5º North Eastern League (Girone di andata), 4º North Eastern League (Girone di ritorno).
  • 1944-1945 – 7º North Eastern League (Girone di andata), 6º North Eastern League (Girone di ritorno).
  • 1945-1946 – 12º in Southern League B.
  • 1946-1947 – 10º in Division B.
  • 1947-1948 – 15º in Division B.
Vince la Forfarshire Cup.
Vince la Forfarshire Cup.
Vince la Forfarshire Cup.
Vince la Forfarshire Cup.
Vince la Forfarshire Cup.
Vince la Forfarshire Cup.
Vince la Forfarshire Cup.
Vince la Forfarshire Cup.
Vince la Forfarshire Cup.
Vince la Forfarshire Cup.
Vince la Forfarshire Cup.
Vince la Scottish League Cup (1º titolo) e la Forfarshire Cup.
Vince la Scottish League Cup (2º titolo).
semifinalista in Coppa dei Campioni.
Vince la Forfarshire Cup.
finalista in Coppa Uefa.
Vince la Forfarshire Cup.
Vince la Forfarshire Cup.
  Vince la SFA Cup (1º titolo).
Vince la Forfarshire Cup.
  Vince la SFA Cup (2º titolo).
Vince la Scottish Challenge Cup.
  • 2017-2018 – 3º in Scottish Championship, perde la semifinale dei play-off.
  • 2018-2019 – 2º in Scottish Championship, perde la finale dei play-off.
  • 2019-2020 – in Scottish Championship.

Colori e simboliModifica

L'origine della maglia attuale è questa: il colore mandarino fu utilizzato per la prima volta quando il club giocò con il nome di Dallas Tornado nel torneo della United Soccer Association dell'anno 1967, alla quale erano stati invitati dopo la loro prima apparizione nelle competizioni europee, suscitando molto scalpore nel mondo calcistico e attirando su di loro l'attenzione dei media.[16] Dopo le pressioni della moglie dell'allora manager Jerry Kerr, tale colore fu adottato come colore sociale nella stagione del 1969, per dare al club un aspetto più giovane e moderno. Il nuovo colore apparì per la prima volta in un'amichevole estiva contro gli inglesi dell'Everton nell'agosto di quell'anno.

Originariamente fondata come Dundee Hibernian, seguì l'esempio di molte squadre dello stesso periodo, adottando i tradizionali colori irlandesi: maglie verdi e pantaloncini bianchi. Da quando la denominazione passò a Dundee United nel 1923, i colori cambiarono e divennero maglie bianche con pantaloncini neri, così da prendere le distanze dalle loro origini irlandesi. Questi colori resistettero in varie forme fino al 1969, a volte utilizzando semplici camicie, ma altre volte utilizzando lo stile dei Celtic con i grandi cerchi, o talvolta come i Queen's Park con stretti cerchi o ancora con il motivo a "V" dell'Airdrie.

1909/22
(Dundee Hib.)
1923/30
(Dundee United)
1930/58
(Dundee United)
1958/62
(Dundee United)
1962/69
(Dundee United)
1969/76
(Dundee United)
1977/89
(Dundee United)
1996/98
(Dundee United)
1999/00
(Dundee United)
2006/07
(Dundee United)
Divisa casalinga
2008-2009
Divisa da trasferta
2008-2009
Divisa casalinga
2009-2010
Divisa da trasferta
2009-2010
Divisa casalinga
2013-2014

L'attuale stemma fu creato nel 1993, e presenta il vecchio leone rampante circondato da un nuovo logo circolare che presenta i colori della squadra.[17] Precedentemente, il leone era semplicemente rappresentato in uno scudo. Sebbene questa versione "classica" fosse stata creata verso il 1956, non apparve mai sulle maglie dei giocatori prima della stagione del 1983. Dal 1959, furono indossati dai giocatori vari stemmi, talvolta comprendenti la sigla DUFC, spesso su un logo cerchiato.

StadioModifica

 
Vista del Tannadice Park durante Dundee United - Hamilton Accies.

Per tutta la storia del Dundee United lo stadio è stato il Tannadice Park, situato in Tannadice Street nel quartiere di Clepington. A meno di 200 metri di distanza si trova invece lo stadio di Dens Park, casa dei "rivali" del Dundee F.C.; i due stadi sono i più vicini dell'intero Regno Unito.[18]

Il club ha sempre giocato in questo stadio, ad eccezione di un solo match. Si tratta della finale di Scottish League Cup giocata contro i Rangers nel marzo 1947: a causa della neve che aveva reso il Tannadice impraticabile, la partita venne giocata dall'altra parte della strada a Dens Park.

La relativa età e la vicinanza dei due stadi ha da sempre impedito ai due club di potersi spostare in un nuovo stadio, già più volte discusso, dove avrebbero giocato entrambe le squadre. La proposta più recente e interessante per il nuovo stadio era arrivata dopo l'offerta da parte della Scozia di poter ospitare gli Europei 2008,[19] con numerosi club favorevoli alla costruzione di nuovi stadi,[20] con un progetto pronto per il trasferimento a Caird Park.[21] Fu richiesta una dispensa speciale per la proposta,[22] poiché la SPL aveva vietato la norma dello stadio comune. A seguito della bocciatura della Scozia, il piano per il momento venne accantonato,[23] sebbene il progetto si sia risollevato nel giugno 2008, a seguito dei dubbi sulla possibilità di ospitare il Europeo da parte dell'Ucraina per Euro 2012, con la SFA pronta ad offrirsi come alternativa.[24]

SocietàModifica

Modifica

La prima sponsorizzazione del Dundee United si ebbe nella stagione 1985-86, quando il futuro presidente Eddie Thompson sponsorizzò per due anni la squadra con la sua catena di negozi VG. Seguirono sei anni di sponsorizzazione da parte della Belhaven Brewery, alla quale seguì la stagione 1993-94, senza alcun sponsor. La Rover iniziò i suoi due anni di sponsorizzazione proprio prima della finale 1994 di Scottish Cup, finendo la stagione 1995-96. Seguì la Telewest, con sei anni di accordo, fino alla promozione della Eddie Thompson's Morning, Noon and Night iniziata nell'anno 2002. Questa intesa finì nel 2006, quando l'Anglian Home Improvements firmò per due anni con un'opzione per il terzo. Allo stesso tempo, la Ole International divenne il primo sponsor tecnico. La JD Sports' Carbrini è lo sponsor tecnico a partire dalla stagione 2008-09 e sponsor ufficiale nel 2009-10 mentre la fornitura tecnica è della Nike.

 
Sponsor ufficiale
 
Abbigliamento tecnico

AllenatoriModifica

 
Peter Houston con la Scottish Cup nel 2010

Lista degli allenatori aggiornati al 20 novembre 2018. Sono conteggiate solo le partite ufficiali.

Periodo Nome G V P S GF GS %V
Dundee Hibernian
1909-15   Pat Reilly 148 49 34 65 217 258 33,1
1915-17   Bert Dainty Non esistono statistiche
1917-22   Pat Reilly 45 11 10 24 53 78 24,4
1922-23   Peter O'Rourke 2 1 0 1 3 2 50,0
1923   Willie McAndrew Non esistono statistiche
Dundee United
1923-31   Jimmy Brownlie 328 129 74 125 596 597 39,3
1931-34   Willie Reid 109 32 17 60 193 278 29,4
1934-36   Jimmy Brownlie 92 40 17 35 260 206 43,5
1936-38   George Greig 61 17 12 32 86 137 27,9
1938-39   Jimmy Brownlie
  Sam Irving
36 16 3 17 81 74 44,4
1939   Bobby McKay 2 2 0 0 2 0 100,0
1939-40   Jimmy Allan 34 14 5 15 86 83 41,2
1941-44   Arthur Cram Non esistono statistiche a causa della guerra
1944   Jimmy Littlejohn Non esistono statistiche a causa della guerra
1944-45   Charlie McGillivray Non esistono statistiche a causa della guerra
1945-54   Willie MacFadyen 309 118 50 141 642 693 38,2
1954-57   Reg Smith 110 38 27 45 235 229 34,5
1957   Ally Gallacher 8 3 1 4 11 26 37,5
1957-58   Tommy Gray 70 25 13 32 150 170 35,7
1958-59   Andy McCall 20 6 8 16 43 64 20,0
1959-71   Jerry Kerr 566 247 123 196 1059 942 43,6
1971-93   Jim McLean 1094 527 266 301 1722 1128 48,2
1993-95   Ivan Golac 72 25 22 25 114 113 34,7
1995-96   Billy Kirkwood 56 25 13 18 108 66 44,6
1996-98   Tommy McLean 93 36 27 30 134 107 38,7
1998-00   Paul Sturrock 85 27 19 39 97 119 31,8
2000-02   Alex Smith 99 31 23 45 107 146 31,3
2002-03   Paul Hegarty 18 4 5 9 20 33 22,2
2003-05   Ian McCall 92 28 24 40 116 149 30,4
2005-06   Gordon Chisholm 36 10 10 16 40 54 27,8
2006   Craig Brewster 30 3 11 16 28 59 10,0
2006-09   Craig Levein 136 55 40 41 185 160 40,4
2009-13   Peter Houston 150 63 44 43 232 205 42
2013-15   Jackie McNamara 119 51 24 44 192 173 42.9
2015   David Bowman 1 0 0 1 0 3 00,0
2015-16   Mixu Paatelainen 30 8 5 17 31 48 26,7
2016   Gordon Young 3 2 1 0 10 7 66,7
2016-17   Ray McKinnon 72 38 16 19 112 80 52,1
2017   Laurie Ellis 2 2 0 0 4 1 100.0
2017-18   Csaba László 45 18 13 14 70 59 40.0
2018   Laurie Ellis 1 0 0 1 0 2 00,0
2018-   Robbie Neilson

GiocatoriModifica

  Le singole voci sono elencate nella Categoria:Calciatori del Dundee United F.C.

Presenze e retiModifica

Record di presenze
Record di reti
 
Finn Døssing Jensen

Hall of fameModifica

La Hall of Fame del club è stata inaugurata nel 2008:[25]

PalmarèsModifica

Competizioni nazionaliModifica

1982-1983
  • Scottish League Division Two: 2
1924-1925, 1928-1929
1993-1994, 2009-2010
1979-1980, 1980-1981
2016-2017

Competizioni regionaliModifica

1910-1911, 1914-1915, 1919-1920, 1928-1929, 1929-1930, 1947-1948, 1950-1951, 1953-1954, 1960-1961, 1962-1963, 1964-1965, 1968-1969, 1971-1972, 1974-1975, 1975-1976, 1976-1977, 1979-1980, 1984-1985, 1987-1988, 2004-2005
2005

Competizioni giovaniliModifica

1989-1990, 1990-1991
1986

Altri piazzamentiModifica

Terzo posto: 1977-1978, 1978-1979, 1983-1984, 1984-1985, 1985-1986, 1986-1987, 1996-1997, 2009-2010
Secondo posto: 1995-1996, 2018-2019
Terzo posto: 1913-1914, 2016-2017, 2017-2018
  • Scottish League Division Two:
Secondo posto: 1930-1931, 1959-1960
Finalista: 1973-1974, 1980-1981, 1984-1985, 1986-1987, 1987-1988, 1990-1991, 2004-2005, 2013-2014
Semifinalista: 1962-1963, 1966-1967, 1977-1978, 1985-1986, 1989-1990, 1996-1997, 1998-1999, 2000-2001, 2012-2013, 2015-2016
Finalista: 1981-1982, 1984-1985, 1997-1998, 2007-2008
Semifinalista: 1964-1965, 1982-1983, 1983-1984, 1985-1986, 1986-1987, 1988-1989, 1990-1991, 1993-1994, 1999-2000, 2002-2003, 2004-2005, 2008-2009
Finalista: 1995-1996
Semifinalista: 1983-1984
Finalista: 1986-1987

Statistiche e recordModifica

Partecipazione ai campionatiModifica

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Scottish Division One 19 1925-1926 1974-1975 59
Scottish Premier Division 22 1975-1976 1997-1998
Scottish Premier League 15 1998-1999 2012-2013
Scottish Premiership 3 2013-2014 2015-2016
Scottish Division Two 27 1910-1911 1959-1960 37
Scottish Division B 5 1946-1947 1950-1951
Scottish First Division 1 1995-1996
Scottish Championship 4 2016-2017 2019-2020

Statistiche nelle competizioni UEFAModifica

Tabella aggiornata alla fine della stagione 2018-2019.

Competizione Partecipazioni G V N P RF RS
UEFA Champions League 1 8 5 1 2 14 5
Coppa delle Coppe 1 2 1 0 1 4 5
Coppa UEFA/UEFA Europa League 13 50 20 15 15 83 47

TifoseriaModifica

 
Gradinata est del Tannadice Park

Esistono molte ipotesi sull'origine del soprannome di Arabs. Quella più popolare vede che tale nome venne creato durante il rigido inverno a cavallo del 1962 e del 1963. Il tempo fu così pessimo, con copiose nevicate e gelate continue, che fra dicembre e marzo, il Dundee United poté giocare solo tre volte. Una di queste sfide, valida per la Scottish Cup, fu giocata contro gli Albion Rovers, e per permettere che la partita potesse essere giocata, la società noleggiò persino un bruciatore di catrame industriale per sciogliere i centimetri di ghiaccio e neve dal campo. Oltre tutto, fu necessario togliere anche l'erba. Furono chiamati successivamente alcuni camion carichi di sabbia per coprire la superficie di gioco. Lo United adattò il campo alle proprie esigenze e trionfò 3-0, con alcuni osservatori che avevano preso i giocatori per Arabi, data la presenza di sabbia.[2] I fans, comunque, utilizzavano allora questo nome per indicarsi. Il termine tornò in auge agli inizi degli anni 1990, attraverso le pagine del fanzine ufficiale del Dundee United, il The Final Hurdle, con i supporter della squadra che dichiararono: Proud To Be An Arab (Orgoglioso di essere "Arabo"). Il cantante Deacon Blue e il musicista tifoso Ricky Ross hanno scritto una canzone proprio su questo argomento.[29] Da allora sempre nei negozi di souvenir del Dundee United sono disponibili delle kefiah con i colori tipici arancione e nero. Da allora in poi il nome è ufficialmente legato a quello del Dundee United.

La vecchia Dundee United Supporters Association (DUSA) oggi è nota come Federation of Dundee United Supporters' Clubs, e nel frattempo il 1º febbraio 2003, la Dundee United Supporters Society - ArabTRUST - fu ufficialmente lanciata,[30] e dopo il regolare acquisto di azioni e dopo gli investimenti nel club, l'ArabTRUST non solo deteneva la più grande partecipazione azionaria dietro la famiglia Thompson, ma inoltre è stato concesso un ruolo direttivo nel club nei primi mesi del 2004.[31] Tutto ormai fra i tifosi ha a che fare con il nome Arabs: la newsletter ufficiale settimanale della squadra è l'ArabNeWS, e il sito del club ha un ArabFORUM. Numerose tifoserie hanno il termine Arab nel proprio nome. Comunque, i media sportivi si riferiscono alla squadra con il nome di The Arabs, sebbene il sito ufficiale indichi questo nome per i tifosi, mentre per la squadra il nome è The Terrors.[2]

Nella stagione 2005-06, il Tannadice Park ha ospitato mediamente 8 197 tifosi,[32] sesto dato nella SPL.

I tifosi del Dundee United furono premiati con l'appena nato FIFA Fair Play Award per la loro grande sportività dopo la sconfitta in finale di Coppa UEFA contro il Göteborg nel 1987.

OrganicoModifica

RosaModifica

Aggiornata al 2 settembre 2019.[33]

N. Ruolo Giocatore
1   P Benjamin Siegrist
2   D Liam Smith
3   D Adrián Sporle
5   D Mark Connolly
6   D Mark Reynolds  
7   C Paul McMullan
8   C Peter Pawlett
10   A Nicky Clark
11   A Cammy Smith
12   C Sam Stanton
13   P Deniz Doğan Mehmet
N. Ruolo Giocatore
17   D Jamie Robson
18   C Calum Butcher
19   D Troy Brown
20   A Logan Chalmers
23   C Ian Harkes
24   A Lawrence Shankland
25   C Adam King
26   D Sam Wardrop
27   A Louis Appéré
34   C Scott Banks
44   D Paul Watson

TifoseriaModifica

RivalitàModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: New Firm.

La rivalità più sentita è con l'Aberdeen, contro cui il Dundee United disputa il New Firm, derby che ha vissuto il suo periodo d'oro negli anni '80, quando entrambe le squadre vinsero gran parte dei loro trofei.

Altra nota rivalità è quella coi concittadini del Dundee, che prende forma nel Derby di Dundee, più datato ma meno ricorrente rispetto al New Firm. Il primo incontro tra le due squadre risale al 1925, mentre l'ultimo si è disputato l'8 novembre 2019. In totale sono stati giocati 169 derby, con 80 vittorie del Dundee United, 48 vittorie del Dundee e 41 pareggi.

Un'ulteriore rivalità, a livello regionale, è col St. Johnstone, contro cui disputa il Tayside Derby, dal nome della contea a cui appartengono le città di Perth e di Dundee.

NoteModifica

  1. ^ (EN) Dundee United A - Z ( T ), Dundee United FC. URL consultato il 17 maggio 2010 (archiviato dall'url originale l'8 dicembre 2008).
  2. ^ a b c (EN) Dundee United A-Z (A), Dundee United FC. URL consultato il 28 giugno 2008 (archiviato dall'url originale il 29 maggio 2008).
  3. ^ (EN) All Scottish European results, su uk.geocities.com. URL consultato il 17 maggio 2010 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2008).
  4. ^ a b (EN) History, The Dundee United Football Company Limited. URL consultato il 27 marzo 2016 (archiviato dall'url originale il 20 aprile 2013).
  5. ^ (EN) History, The Dundee United Football Company Limited. URL consultato il 27 marzo 2016 (archiviato dall'url originale il 20 aprile 2013).
  6. ^ (EN) Jerry Kerr – the Dundee United dreamer deserves to be honoured, su Scotsman.com. URL consultato il 30 maggio 2019.
  7. ^ The Year in American Soccer - 1967, su Homepages.sover.net. URL consultato il 12 giugno 2014 (archiviato dall'url originale il 28 marzo 2019).
  8. ^ a b (EN) History, The Dundee United Football Company Limited. URL consultato il 27 marzo 2016 (archiviato dall'url originale il 20 aprile 2013).
  9. ^ Dalla nebbia al Dundee: l'eterno caso Bergamo.
  10. ^ Scandalo Roma-Dundee "L'arbitro fu pagato", su repubblica.it..
  11. ^ Colin Moffat, Barca out to end Dundee Utd jinx, BBC Sport, 24 luglio 2007. URL consultato il 17 maggio 2010.
  12. ^ FIFA Fair Play Prizes, FIFA. URL consultato il 26 settembre 2006 (archiviato dall'url originale il 15 luglio 2006).
  13. ^ (EN) The New Firm and the Dons' Cup-Winners' Cup glory in 1983, in A Sporting Nation, The BBC. URL consultato il 17 maggio 2010.
  14. ^ (EN) From £250,000 to £29.1m, in The Guardian, 5 marzo 2006. URL consultato il 17 maggio 2010.
  15. ^ (EN) Michael Kenrick, Duncan Ferguson, ToffeeWeb, maggio 2006. URL consultato il 17 maggio 2010 (archiviato dall'url originale il 7 febbraio 2009).
  16. ^ (EN) Dundee United A - Z (D), Dundee United FC. URL consultato il 17 maggio 2010 (archiviato dall'url originale il 10 aprile 2008).
  17. ^ (EN) Dundee United A - Z (C), Dundee United FC. URL consultato il 17 maggio 2010 (archiviato dall'url originale il 29 settembre 2013).
  18. ^ (EN) Phil Gordon, Smart adds spice to Duffy's return, in The Independent, 1º settembre 2002. URL consultato il 17 maggio 2010 (archiviato dall'url originale il 22 ottobre 2007).
  19. ^ (EN) Dundee clubs plan stadium share, BBC Sport, 29 giugno 2001. URL consultato il 17 maggio 2010.
  20. ^ (EN) Deadline day for new stadia, BBC Sport, 31 luglio 2001. URL consultato il 17 maggio 2010.
  21. ^ (EN) Dundee clubs get stadium boost, BBC Sport, 30 aprile 2002. URL consultato il 17 maggio 2010.
  22. ^ (EN) Dundee rivals request groundshare, BBC Sport, 17 settembre 2002. URL consultato il 17 maggio 2010.
  23. ^ (EN) Dundee rivals to rethink stadia plans, BBC Sport, 12 dicembre 2002. URL consultato il 17 maggio 2010.
  24. ^ (EN) North east trio unite on Euro bid, BBC Sport, 7 giugno 2008. URL consultato il 17 maggio 2010.
  25. ^ (EN) John Brown, Blether with Brown - 5 febbraio 2008, in The Evening Telegraph, 5 febbraio 2008. URL consultato il 18 maggio 2010 (archiviato dall'url originale il 15 aprile 2008).
  26. ^ (EN) 2008, su Dundeeunitedfc.co.uk. URL consultato il 9 giugno 2019.
  27. ^ (EN) 2014, su Dundeeunitedfc.co.uk. URL consultato il 6 giugno 2019.
  28. ^ (EN) 2016, su Dundeeunitedfc.co.uk. URL consultato il 6 giugno 2019.
  29. ^ (EN) Ricky Ross, Proud To Be An Arab Lyrics, LyricsDownload.com. URL consultato il 18 maggio 2010.
  30. ^ (EN) ArabTRUST - the Dundee United Supporters' Trust, Dundee United FC. URL consultato il 18 maggio 2010 (archiviato dall'url originale il 27 aprile 2010).
  31. ^ ArabTRUST News, Dundee United FC. URL consultato il 18 maggio 2010 (archiviato dall'url originale il 27 aprile 2010).
  32. ^ (EN) Official Website of the SPL, Scottish Premier League/Premium TV Ltd. URL consultato il 27 marzo 2016 (archiviato dall'url originale il 10 aprile 2008).
  33. ^ First Team, su dundeeunitedfc.co.uk.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica