Ferrovia Milano-Venezia

Milano–Venezia
Ferdinandea
Stati attraversati Italia Italia
Lunghezza 267 km
Apertura dal 1842 al 1857[1]
Gestore RFI (FS)
Precedenti gestori LVFB (1842-1852)
LVStB (1852-1856)
LVCI (1856-1858)
SB
SFAI
Società Meridionale (RA)
Scartamento 1435 mm
Elettrificazione 3 kV CC
Ferrovie

La ferrovia Milano–Venezia, in passato conosciuta come Ferrovia Ferdinandea, è una delle più importanti linee ferroviarie italiane. Essa collega il capoluogo della Lombardia, Milano, con il capoluogo del Veneto, Venezia.

Di proprietà statale, è gestita da RFI che la classifica come linea fondamentale[2].

Indice

StoriaModifica

Tratta Inaugurazione
PadovaMarghera 13 dicembre 1842
Marghera–testa del ponte sulla Laguna 5 novembre 1843
ponte sulla Laguna di Venezia 13 gennaio 1846
Padova–Vicenza 13 gennaio 1846
MilanoTreviglio 17 febbraio 1846
Vicenza–Verona (stazione di Porta Vescovo) 3 luglio 1849
Verona (stazione di Porta Vescovo)–Verona (stazione di Porta Nuova) 14 dicembre 1852
Verona–Coccaglio 22 aprile 1854

Già a partire dal 1835 vi fu il desiderio di collegare via ferrovia le città di Venezia e Milano, capitali del Regno Lombardo-Veneto. Il 2 settembre 1835 la Camera di Commercio di Venezia esaminò la domanda di costituzione di una Società in accomandita presentata dell'ingegnere Francesco Varé e Sebastiano Wagner, un commerciante locale. I due imprenditori chiedevano che la Società fosse autorizzata a costruire una strada ferrata da Venezia a Milano. Il 14 ottobre 1835 la Camera di Commercio di Venezia sottopose la domanda al Governo delle province venete. Il Governo si mostrò interessato e venne formata una commissione di cinque membri per avviare studi più approfonditi. Il 28 gennaio 1836 la commissione pose a Varé una serie di domande tendenti a chiarire in dettaglio i problemi possibili e le possibili soluzioni. Il progetto di Varé tendeva semplicemente a unire le due capitali del Regno Lombardo-Veneto per la via più breve.

Nel 1837, iniziarono le operazioni per la costituzione della società Imperial-Regia Privilegiata Strada Ferrata Ferdinandea Lombardo-Veneta dal nome dell'Imperatore Ferdinando I d'Austria[3]. Carlo Cattaneo, segretario della sezione lombarda, dando prova della conoscenza del territorio, sottolineò sugli "Annali Universali di Statistica" l'importanza che i binari toccassero le principali città fra le due capitali del regno.

La linea fu costruita per tratti e il primo tronco ad essere completato ed inaugurato, il 12 dicembre 1842, fu il Padova-Marghera. Il ponte sulla Laguna Veneta fu invece aperto il 11 gennaio 1846: in precedenza la città veneta era comunque collegata alla linea ferroviaria grazie ad un servizio su natanti diretto a Marghera. In successione furono poi aperti il Padova-Vicenza (11 gennaio 1846) e il Milano-Treviglio (15 febbraio 1846). La Prima guerra di indipendenza rallentò la costruzione degli altri tratti: il Verona-Vicenza fu inaugurato il 3 luglio 1849, seguito dal Coccaglio-Brescia-Verona (22 aprile 1854) e dal Coccaglio-Bergamo-Treviglio (12 ottobre 1857). Il percorso originario era lungo 285 km e prevedeva il passaggio lungo la direttrice Treviglio-Bergamo-Brescia. Con l'inaugurazione del tronco diretto Rovato-Treviglio, avvenuta il 5 marzo 1878, la ferrovia assunse l'attuale fisionomia[4].

Dal 1956, la trazione su tutta la linea è a corrente elettrica a 3000 Volt a corrente continua.

A Dicembre 2016 è stata completata la nuova linea Alta Velocità/Alta Capacità Treviglio - Brescia lunga 39,6 km. L'opera rientra nel più vasto progetto di realizzazione del collegamento ferroviario AV/AC Milano - Venezia e del corridoio TEN-T Mediterraneo.

CaratteristicheModifica

La ferrovia, oggi lunga 267 chilometri, è a doppio binario ed è interamente elettrificata in corrente continua con tensione a 3000 volt. Lo scartamento adottato è quello ordinario da 1435 mm.

I capoluoghi di provincia serviti dalla linea sono Brescia, Verona, Vicenza, Padova i quali risultano essere anche i principali nodi di interscambio con altre linee sia statali, gestite da RFI, sia regionali, esercite da Ferrovienord e da Sistemi Territoriali.

PercorsoModifica

« Lungo il percorso, dal treno, vedemmo prima Padova e poi Verona venirci incontro, dirci addio fino quasi alla stazione, e mentre noi ci allontanavamo, ritornare, esse che non partivano, l'una alle sue pianure, l'altra alla sua collina. »

(Marcel Proust[5])
Stazioni e fermate
 
0+000 Milano Centrale * 1931
           
per Milano Porta Garibaldi
             
Linea di Cintura
     
 
   
Linea "Viaggiatori" per Torino, Torino (alta velocità) e per Domodossola
     
 
   
per Milano Greco Pirelli, per Chiasso
         
vecchie linee per Chiasso, Domodossola, Torino, Mortara † 1931
           
Milano Porta Tosa * 1846, † 1864
           
Milano Centrale vecchia * 1864, † 1931
           
quadrivio Acquabella * 1861, bivio dal 1864, † 1931
 
 
 
     
(3+798) 3+798 Milano Lambrate * 1931, vecchia linea per Piacenza † 1931
     
 
 
 
 
 
Linee per Genova e Bologna
           
Milano Lambrate Scalo passante ferroviario (per Milano Certosa e Milano Bovisa)
 
 
 
 
     
Linea di Cintura per Milano San Cristoforo e per Milano Rogoredo
       
Lambrate vecchia/Milano Ortica dal 1922 † 1931
         
       
   
 
 
 
 
 
 
 
 
6+240 Bivio Lambro (Bivio a livelli sfalsati)
     
Tangenziale Est di Milano
     
0+000 Milano Smistamento
     
9+907 Segrate * 2002
   
(12+404) 12+407 Pioltello-Limito
   
16+200 Vignate
   
(18+750) 18+750 Melzo Scalo
   
19+600 Melzo
     
Tangenziale Est Esterna di Milano
     
22+610 Pozzuolo Martesana * 2009
     
24+585 Trecella
     
27+152 Cassano d'Adda
         
Canale della Muzza
         
fiume Adda
 
 
     
27+425 Bivio Casirate (Linea AV/AC)
   
(29+120) 29+200 PM Bivio Adda
   
30+020
 
 
31+680 ex Bivio Bergamo † 2009
   
 
 
 
Treviglio (II) * 1857 † 1878
           
32+932 Treviglio Ovest
           
per Bergamo
         
tranvia Lodi-Treviglio-Bergamo
     
(33+063) 33+143 Treviglio
     
Treviglio Molino
         
per Cremona
 
37+146 Vidalengo
 
42+117 Morengo-Bariano
 
fiume Serio
 
46+052 Romano
     
tranvia Bergamo-Soncino
 
53+018 Calcio
 
fiume Oglio
     
59+778 Chiari
     
per Iseo
   
 
   
per Lecco
         
linea FN per Iseo
             
65+827 Rovato * 1878 / Rovato Borgo (FN) per Rovato Centro
     
raccordo RFI-FN
     
linea SNFT per Cremona † 1956
 
71+653 Ospitaletto-Travagliato
 
Autostrada A4
     
78+508 Bivio/PC Roncadelle (Linea AV/AC)
 
fiume Mella
     
79+797 Bivio Mella
     
80+471 Brescia Scalo
     
per Gussago/Tavernole
     
per Soncino / Ostiano
         
linea FN per Edolo
     
82+842 Brescia
         
Bivio Ronchi (?) (per Parma e per Cremona)
         
84+000 confine compartimenti Milano e Verona
         
91+416 Rezzato (RFI) / Rezzato (FRV)
             
per Idro/Gargnano
         
per Vobarno † 1967
 
fiume Chiese
 
99+950 Ponte San Marco-Calcinato
 
106+388 Lonato
 
110+738 Desenzano del Garda-Sirmione
     
     
111+825 per Desenzano Porto † 1969
 
San Martino della Battaglia
 
confine Lombardia-Veneto
 
124+519 fiume Mincio
         
linea FMP per Peschiera Darsena † 1967
         
124+940 Peschiera (FMP) / Peschiera del Garda
         
raccordo FS-FMP
           
linea FMP per Mantova † 1967
 
129+663 Castelnuovo del Garda
 
136+583 Sommacampagna-Sona
 
140+563 Lugagnano * 1947[6]
 
Autostrada A22
   
 
   
Quadrante Europa
     
144+236 Bivio Fenilone (per il Quadrante Europa, B. S Lucia e B. S. Massimo)
     
           
linea per Mantova e Modena
           
Bivio/PC San Massimo (per il Brennero)
   
 
   
Bivio/PC Santa Lucia
           
linee per Rovigo e Bologna
     
 
 
 
 
 
 
 
 
   
147+480 Verona Porta Nuova Scalo/Verona Porta Nuova
     
 
canale Camuzzoni
 
fiume Adige
 
150+857 Verona Porta Vescovo
 
156+864 San Martino Buon Albergo
 
Autostrada A4
 
163+225 Caldiero
 
torrente Alpone
 
171+571 San Bonifacio
     
per Lonigo Città † 1965
 
177+305 Lonigo
 
182+952 Montebello
 
Autostrada A4
         
(tranvie FTV per Recoaro Terme/Chiampo † 1980 e Bassano del Grappa † 1961)
         
191+471 Altavilla-Tavernelle
     
fiume Retrone
     
fiume Retrone
     
199+138 Vicenza (RFI) / Vicenza FTV
         
(tranvia FTV per Noventa e Montagnana, † 1979)
         
fiume Retrone
         
fiume Retrone
         
fiume Bacchiglione
     
(per Schio e Treviso)
 
200+857 (Confine compartimenti Verona e Venezia)
 
torrente Astico
 
Autostrada A31
 
207+191 Lerino
     
per Ostiglia † 1967
 
214+068 Grisignano di Zocco
     
per Treviso † 1944
 
Autostrada A4
 
219+928 Mestrino
 
Canale Brentella
 
(0+000) 227+446 Gruppo Scambi Montà
         
per Bassano del Grappa
           
(2+190) Padova Campo Marte linea FPPC per Carmignano † 1958
           
per Bologna
     
229+408 Padova / Padova Borgomagno FPPC *1911 † 1958
 
 
(0+000) 230+618 ex Cabina C Da sinistra: Linea Storica; Linea AV/AC
   
(3+794) Padova Interporto
   
Autostrada A4
   
234+843 Ponte di Brenta (fino al 13 dicembre 2015)
         
fiume Brenta
   
Busa di Vigonza (dal 13 dicembre 2015)
   
240+790 Vigonza-Pianiga
   
244+897 Dolo
   
248+726 Mira-Mirano
       
252+040 Bivio Mirano Linea dei Bivi † 1994
       
Scavalco di Maerne per Trento
       
254+389 Limite FS per Adria
       
256+490 Quadrivio Catene per Trento (vecchio tracciato, † 2008)
     
256+500 Gruppo Scambi Mestre Storica
 
Autostrada A57
         
Confluenza UD/TS (per Udine e Trieste)
 
(0+000) 257+907 Venezia Mestre
     
(2+232) Venezia Marghera Scalo
 
260+191 Venezia Porto Marghera 4 m s.l.m.
 
 
 
 
 
Ponte della Libertà Laguna Veneta
 
 
 
Venezia Marittima
 
266+341 Venezia Santa Lucia

Tra Milano Centrale e la stazione di Milano Lambrate, la linea è denominata "Linea Venezia" ed affianca sia la linea di cintura milanese sia le linee "Bologna" e "Genova". Tra Milano Lambrate e la Melzo, la linea corre in parallelo con il doppio binario della linea DD, tronco completato e in servizio della progettata ferrovia ad alta velocità Milano-Verona. Tra la stazione di Padova e quella di Venezia Mestre la linea è affiancata dai due binari della linea ad alta velocità Padova-Mestre.

TrafficoModifica

La ferrovia è anche impiegata sia dai treni del trasporto viaggiatori sia da quelli dei treni merci di numerose società ferroviarie.

Servizio regionaleModifica

La linea è percorsa dai servizi regionali Trenord sulla relazione MilanoVerona e sulla relazione Milano Centrale-Bergamo, nonché da quelli Trenitalia sulla relazione Verona–Venezia.

Il tratto da Treviglio fino all'immissione con la linea di cintura è inoltre servito dai convogli della linea S5 e S6 del servizio ferroviario suburbano di Milano, anch'esse esercite da Trenord.

Servizio a lunga percorrenzaModifica

Trenitalia effettua servizi Frecciabianca e Frecciarossa su tutta la linea ferroviaria. Il tratto Padova-Venezia Santa Lucia è utilizzato anche dai Frecciargento di Trenitalia e dagli .italo di Nuovo Trasporto Viaggiatori (NTV) diretti a Roma, con eventuale prosecuzione verso Napoli o verso Salerno.

Sono inoltre in servizio:

NoteModifica

  1. ^ La tratta diretta Treviglio–Rovato (via Chiari) fu attivata nel 1878.
  2. ^ RFI - Rete in esercizio (PDF), rfi.it. URL consultato il 4 agosto 2008.
  3. ^ Ganzerla (2004), p. 30 e p. 38
  4. ^ Ganzerla (2004),  Parte I
  5. ^ |Alla ricerca del tempo perduto, Vol. VI, La fuggitiva, pag. 300
  6. ^ Ordine di Servizio n. 68 del 1947
  7. ^ Redazione ÖBB-Italia, ÖBB-Italia - Milano - Brescia - Verona - Klagenfurt - Vienna, obb-italia.com. URL consultato il 14 dicembre 2012.

BibliografiaModifica

  • Giancarlo Ganzerla, Binari sul Garda - Dalla Ferdinandea al tram: tra cronaca e storia, Brescia, Grafo, 2004, ISBN 88-7385-633-0.

Ulteriori approfondimenti (non utilizzati nella stesura della voce):

  • Mario Bicchierai, 1835-1857. Progetti e inaugurazioni, in I treni della Milano-Venezia, fascicolo speciale di Tutto treno, vol. 13, nº 133, 2000, pp. 14-19.
  • Mario Bicchierai, L'epoca eroica. La SFAI, la Rete Adriatica e le FS, in I treni della Milano-Venezia, fascicolo speciale di Tutto treno, vol. 13, nº 133, 2000, pp. 20-27.
  • Mario Bicchierai, Il potenziamento, la nuova Centrale e i Rapidi, in I treni della Milano-Venezia, fascicolo speciale di Tutto treno, vol. 13, nº 133, 2000, pp. 28-34.
  • Mario Bicchierai, Dalla ricostruzione agli anni Ottanta, in I treni della Milano-Venezia, fascicolo speciale di Tutto treno, vol. 13, nº 133, 2000, pp. 35-49.
  • Mario Bicchierai, Orario cadenzato e sviluppo, in I treni della Milano-Venezia, fascicolo speciale di Tutto treno, vol. 13, nº 133, 2000, pp. 50-63.
  • Francesco Bloisi, Francesco Maria, Italia ferroviaria. RFI maps, in Tutto treno tema, nº 27, 2012, pp. 20-25, 30-35, 95-98.
  • Giovanni Spinelli, Un caso ferroviario: la correzione del tracciato della Ferdinandea fra Milano e Brescia (1860-1878), in Studi bresciani, nº 15, 1984, pp. 7-28.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica