Football Club Lausanne-Sport

società calcistica svizzera
Football Club Lausanne-Sport
Calcio
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali Blu, bianco
Dati societari
Città Losanna
Nazione Bandiera della Svizzera Svizzera
Confederazione UEFA
Federazione ASF/SFV
Campionato Super League
Fondazione 1896
Rifondazione2003
Proprietario Bandiera del Regno Unito Ineos
Presidente Bandiera dell'Inghilterra David Thompson
Allenatore Bandiera della Svizzera Ludovic Magnin
Stadio Stade de la Tuilière
(12 000 posti)
Sito web www.lausanne-sport.ch
Palmarès
Campionato svizzeroCampionato svizzeroCampionato svizzeroCampionato svizzeroCampionato svizzeroCampionato svizzeroCampionato svizzero
Campionati svizzeri 7
Trofei nazionali 9 Coppe di Svizzera
Si invita a seguire il modello di voce

Il Football Club Lausanne-Sport è una società calcistica svizzera con sede nella città di Losanna. È la sezione calcistica della società polisportiva Lausanne-Sports. Oggi milita in Super League, la prima divisione del campionato svizzero.

Il club gioca le sue partite casalinghe nello Stade de la Tuilière inaugurato il 29 novembre 2020.

Storia modifica

La sezione calcistica fu fondata nel 1896 con il nome di Montriond Lausanne, anche se il Lausanne Football and Cricket Club fu fondato nel 1860; per questo, alcuni storici credono si tratti della più vecchia squadra di calcio del continente europeo. Il club ha adottato il suo nome attuale nel 1920, dopo che la sezione calcio si fuse con il club di ginnastica Hygiénique de Lausanne.

Il 10 aprile del 1903 fu la prima squadra straniera a disputare una gara in territorio italiano, invitata dalla Juventus al Velodromo Umberto I[1][2]

Nel 1906 il Montriond partecipa al suo primo campionato di Serie B, mentre la prima vittoria in un campionato della massima divisione arriva nel 1912. L'anno successivo la formazione si aggiudica il torneo olimpico di Losanna (manifestazione organizzata in occasione del primo congresso olimpico) sconfiggendo in finale per 7 a 0 l'Association Sportive Française Paris. Nel 1932 la formazione vince il secondo titolo svizzero, ripetendosi anche nel 1935 (realizzando un "doublé" campionato-coppa) e nel 1936. Nel 1939, al Wankdorf di Berna, il Lausanne-Sports conquista una nuova Coppa Svizzera e, nel 1944, riesce nuovamente a vincere sia in campionato, sia in coppa. Nel 1947 la formazione è battuta in finale di Coppa Svizzera dal Basilea ma, nel 1950, davanti a 42.000 spettatori, conquista la sua quarta coppa nazionale mentre, l'anno successivo, vince nuovamente il campionato distanziando il Chiasso di 3 punti.

Gli anni sessanta, dopo un decennio di astinenza, segnano il ritorno dei vodesi ai vertici del calcio elvetico. Nel 1961 s'impongono in Coppa Svizzera (ai rigori contro il Bellinzona) e si ripetono nel 1964. L'anno successivo (dopo aver vinto il campionato) raggiungono i quarti di finale della Coppa delle Coppe inchinandosi al West Ham di Bobby Moore.

Il Losanna conquisterà la coppa nuovamente nel 1981 (contro lo Zurigo), nel 1998 (contro il San Gallo) e nel 1999 (contro il Grasshoppers). Partecipa poi all'ultima edizione della Coppa delle Coppe (edizione 1998-99) arrendendosi alla Lazio (che poi vincerà il trofeo) nei sedicesimi di finale dopo aver pareggiato a Roma 1 a 1 e in casa 2 a 2.

Nel 2000 raggiunge i sedicesimi della Coppa UEFA dopo aver sconfitto Cork City, Torpedo Mosca e Ajax. Si tratta dell'ultima vera soddisfazione per i tifosi che, il 4 marzo 2002, vedono la propria squadra retrocessa a tavolino in Challenge League per motivi finanziari, e che l'anno seguente assistono al fallimento del club.

Il 13 giugno 2003 la società rinasce sotto il nome di Football Club Lausanne-Sport ed è ammessa alla Seconda Lega interregionale. Al primo campionato in questa categoria il Lausanne-Sport centra il primo posto e la promozione. Per il campionato 2004-2005 in Prima Lega il Losanna accoglie il ritorno di Stéphane Chapuisat, che ha deciso a fine carriera di tornare a Losanna. Grazie alle sue reti la squadra vince subito il campionato di Prima Lega.

Nel 2005-2006, malgrado le 16 reti di Chapuisat il Losanna si classifica al terzo posto della Challenge League non ottenendo una promozione per la Super League.

Orfano di un Chapuisat ritirato, il Losanna disputa alcune stagioni di Challenge League poco brillanti, piazzandosi tredicesimo nel 2006-2007, dodicesimo nel 2007-2008 e settimo nel 2008-2009. Nel campionato 2009-2010, nonostante il decimo posto nella seconda serie nazionale, il Losanna riesce a raggiungere la finale di Coppa Svizzera, dove viene sconfitto 6-0 dal Basilea. Nonostante ciò si qualifica per il secondo turno preliminare di UEFA Europa League, essendo il Basilea qualificato per la UEFA Champions League in quanto campione nazionale.

 
Logo in uso fino al 2018

La stagione 2010-2011, che vede il ritorno a fine carriera di Fabio Celestini, inizia nel miglior dei modi sia in campionato che in Europa League. In campionato i 22 punti nelle nove prime partite portano il Lausanne-Sport in vetta alla classifica di Challenge League, alla lotta con due altri ex-grandi del calcio elvetico, Servette FC e FC Lugano, per un ritorno in Super League. Nella manifestazione europea i vodesi sono riusciti a raggiungere la fase a gironi dell'Europa League, eliminando nei turni preliminari i bosniaci del Borac Banja Luka (1-0 a Losanna e 1-1 in Bosnia) e i danesi del Randers FC (2-3 in Danimarca e 1-1 alla Pontaise). Ai playoff il Losanna supera il Lokomotiv Mosca (squadra con un budget venti volte superiore) ai calci di rigore dopo un doppio pareggio con un punteggio di 1-1. Nella fase a gironi viene inserito nel girone F insieme al CSKA Mosca, il Palermo e lo Sparta Praga. Dopo due immeritate sconfitte in casa contro i russi e a Palermo contro i rosaneri, il Lausanne-Sport agguanta un pareggio 3-3 al 96º alla Generali Arena di Praga, che rimarrà l'unico punto raccolto nel girone. La seconda partita della stagione inizia in modo tutto contrario: Fabio Celestini rescinde il suo contratto per divergenze con la dirigenza e il Losanna, non trovando più la vittoria, si fa superare in classifica dal Lugano, dal Vaduz e dal Servette. A sette giornate dal termine del campionato, la squadra biancoblu punta al quarto posto con 14 punti di ritardo sul Lugano e le speranze di promozione sembrano svanite. Ma il "miracolo" avviene: contemporaneamente al crollo del Lugano e del Vaduz il Lausanne-Sport raccoglie 21 punti nelle ultime sette partite e finisce il campionato di Challenge League al primo posto, sinonimo di promozione diretta in Super League, facendo così il suo ritorno nella massima divisione del campionato svizzero dopo nove anni di assenza.

Il club elvetico conclude la stagione 2017-2018 all’ultimo posto, sancendo il ritorno in Challenge League per la stagione 2018-19. Nel 2020 torna in Super League, per poi essere retrocessa di nuovo nel 2022. Dopo una stagione in Challenge League ritorna nella maggiore lega Svizzera.

Cronistoria modifica

Cronistoria del F. C. Lausanne-Sport









Stadio modifica

Il Losanna giocava le partite casalinghe allo stadio della Pontaise. Costruito per il Campionato mondiale di calcio 1954 aveva una capienza di 50.000 posti, poi ridotta a 25.000 nel 1985 ed a 15.786 posti dal 1993. Le dimensioni del terreno di gioco sono di 105 per 68 m.

Nel corso del 2020 è stato ufficialmente inaugurato un nuovo e moderno stadio di 12.000 posti e senza pista di atletica nella parte sud-ovest della città, chiamato Tuilière e utilizzabile dalla stagione 2020-2021

Organico modifica

Rosa 2023-2024 modifica

Rosa e numerazione aggiornate al 30 novembre 2023[3]

N. Ruolo Calciatore
1   P Thomas Castella
2   D Simone Grippo
4   D Anel Husic
5   D Berkay Dabanlı
6   D Noë Dussenne
7   C Stjepan Kukuruzović
8   C Jamie Roche
9   A Kaly Sène
10   C Olivier Custodio  
11   C Fousseni Diabaté
16   C Mayka Okuka
17   A Seydou Traoré
18   D Morgan Poaty
19   C Rareș Ilie
N. Ruolo Calciatore
20   D Chris Kablan
21   P Raphael Spiegel
22   C Samuel Kalu
24   C Antoine Bernède
25   P Karlo Letica
28   C Toichi Suzuki
30   A Simone Pafundi
34   D Raoul Giger
37   D Mickaël Nanizayamo
77   C Dominik Schwizer
80   C Alvyn Sanches
96   A Brighton Labeau
99   C Trae Coyle
  C Maxen Kapo

Rosa 2022-2023 modifica

Rosa e numerazione aggiornate al 23 novembre 2022[3]

N. Ruolo Calciatore
1   P Thomas Castella
2   D Simone Grippo
3   D Archie Brown
5   D Berkay Dabanlı
7   C Stjepan Kukuruzović  
10   C Olivier Custodio
11   C Goduine Koyalipou
13   C Nassim Zoukit
16   C Mayka Okuka
22   P Raphael Spiegel
28   C Toichi Suzuki
33   C Marvin Spielmann
34   D Raoul Giger
N. Ruolo Calciatore
37   D Mickaël Nanizayamo
51   D Anel Husic
55   C Gianluca Gaudino
71   D Karim Sow
72   C Tristan Diaz
77   C Dominik Schwizer
78   A Florian Hysenaj
80   C Alvyn Sanches
91   P Melvin Mastil
96   A Brighton Labeau
98   C Trae Coyle
99   A Aldin Turkeš
  D Noë Dussenne

Rosa 2021-2022 modifica

Rosa e numerazione aggiornate al 30 agosto 2021[3]

N. Ruolo Calciatore
1   P Thomas Castella
3   D Archie Brown
5   D Simone Grippo
6   D Elton Monteiro
7   C Stjepan Kukuruzović  
8   C Joël Geissmann
9   A Zeki Amdouni
11   C Brahima Ouattara
12   A Mayron George
16   C Gianluca Gaudino
17   C Goduine Koyalipou
19   C Maxen Kapo
20   C Hicham Mahou
21   C Jean N'Guessan
22   P Raphael Spiegel
23   D Sofiane Alakouch
N. Ruolo Calciatore
24   D Armel Zohouri
25   D Lamine Koné
26   D Fouad Chafik
28   C Toichi Suzuki
29   D Maxime Poundjé
30   C Adrien Trebel
33   C Marvin Spielmann
38   C Trazié Thomas
40   P Mory Diaw
51   D Anel Husic
71   D Karim Sow
80   C Alvyn Sanches
91   P Melvin Mastil
98   A Trae Coyle
99   A Aldin Turkeš
  D Diogo Dos Santos

Rosa 2020-2021 modifica

Rosa e numerazione aggiornate al 9 novembre 2020[3]

N. Ruolo Calciatore
1   P Thomas Castella
2   C Trazié Thomas
4   D Moritz Jenz
5   D Noah Loosli
6   D Elton Monteiro
7   C Stjepan Kukuruzović  
8   C Joël Geissmann
11   A Anthony Koura
12   A Jonathan Bolingi
13   D Per-Egil Flo
18   P Noah Falk
20   C Hicham Mahou
21   C Cameron Puertas
22   D Marc Tsoungui
24   D Armel Zohouri
N. Ruolo Calciatore
25   D Nikola Boranijašević
28   C Toichi Suzuki
33   A Isaac Schmidt
37   D Mickaël Nanizayamo
39   A Josias Lukembila
40   P Mory Diaw
44   A Joël Monteiro
45   C Stéphane Cueni
46   C Alvyn Sanches
47   A Florian Hysenaj
48   C Théo Rochat
50   P Melvin Mastil
66   C Gabriel Barès
99   A Aldin Turkeš

Rosa 2018-2019 modifica

Rosa e numerazione aggiornate al 7 gennaio 2019[3]

N. Ruolo Calciatore
1   P Thomas Castella
3   D Per-Egil Flo
4   D Jérémy Manière
6   C Elton Monteiro
7   C Stjepan Kukuruzović
8   C Joël Geissmann
10   C Sancidino Silva
14   C Alexandre Pasche
15   D Gonçalo Brandão
17   C João Oliveira
18   P Dany Da Silva
19   A Francesco Margiotta
20   C Maxime Dominguez
N. Ruolo Calciatore
21   C Cameron Puertas
23   D Igor Nganga
24   D Noah Loosli
26   D Mickaël Nanizayamo
27   C Mersim Asllani
28   D Yeltsin Tejeda
29   A Andi Zeqiri
30   D Nicolas Gétaz
31   C Dominik Schmid
35   P Diego Berchtold
66   C Gabriel Barès
88   C Cabral  
  A Anthony Koura

Stagioni passate modifica

Giocatori celebri modifica

  Le singole voci sono elencate nella Categoria:Calciatori del F.C. Lausanne-Sport.

Allenatori modifica

Allenatori del Losanna

Palmarès modifica

Competizioni nazionali modifica

1912-1913[4], 1931-1932, 1934-1935, 1935-1936, 1943-1944, 1950-1951, 1964-1965
1934-1935, 1938-1939, 1943-1944, 1949-1950, 1961-1962, 1963-1964, 1980-1981, 1997-1998, 1998-1999
1931-1932
2015-2016, 2019-2020

Competizioni internazionali modifica

1991

Competizioni giovanili modifica

1972

Altri piazzamenti modifica

Secondo posto: 1946-1947, 1954-1955, 1961-1962, 1962-1963, 1968-1969, 1969-1970, 1989-1990, 1999-2000
Terzo posto: 1942-1943, 1945-1946, 1947-1948, 1949-1950, 1953-1954, 1965-1966, 1997-1998, 1998-1999
Finalista: 1936-1937, 1945-1946, 1946-1947, 1966-1967, 1983-1984, 1999-2000, 2009-2010
Semifinalista: 1931-1932, 1932-1933, 1939-1940, 1948-1949, 1954-1955, 1962-1963, 1970-1971, 1973-1974, 1976-1977, 1984-1985, 1989-1990, 2000-01, 2001-02
Finalista: 1980-1981
Secondo posto: 2022-2023
Terzo posto: 2005-2006
Semifinalista: 1955-1958
Finalista: 1973, 1978
Semifinalista: 1966
Semifinalista: 2001

Note modifica

  1. ^ La storia in bianco e nero del mito bianconero
  2. ^ Amichevoli 1902/03: Juventus-Montriond Losanna 0-1 10/04/1903
  3. ^ a b c d e (DE) Kader-FC-Lausanne-Sport[collegamento interrotto] sfl.ch
  4. ^ Vinto con il nome di Montriond Lausanne.

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica

Controllo di autoritàVIAF (EN131931444 · GND (DE1031660666 · WorldCat Identities (ENviaf-131931444
  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio