Codici nazionali del Comitato Olimpico Internazionale

lista di un progetto Wikimedia

Il Comitato Olimpico Internazionale (CIO) assegna dei codici nazionali a tre lettere a tutti i Comitati olimpici nazionali e ad altre delegazioni sportive che competono nei Giochi olimpici. Per ragioni storiche, molti di questi codici sono differenti dai codici dello standard ISO 3166-1 (vedi il confronto dei codici paese usati da CIO, FIFA e ISO 3166).

La bandiera olimpica

Questi codici furono usati per la prima volta, ufficiosamente, nel programma quotidiano delle Olimpiadi estive del 1952 ad Helsinki. Questi non sono sempre stati codici di tre lettere (ce ne sono stati con quattro, come USSR o CHIN, o solo due come SF per Finlandia, o con trattini come G-B o T-S[1]). Questo uso divenne sistematico solo a Roma nel 1960 dove i codici utilizzavano le prime tre lettere del nome della nazione in francese o in italiano (GIA per il Giappone), ma fu solo ai Giochi di Montréal del 1976 che i codici furono standardizzati.[2]

Poiché il francese è la prima lingua di riferimento del CIO, seguito dall'inglese e dalla lingua del paese ospitante quando necessario, la maggior parte dei codici CIO ha origine dal francese o dall'inglese.[3]

Codici attuali

modifica

Ci sono 206 Comitati olimpici nazionali (NOC) dal 2016 all'interno del Movimento olimpico[4]. Le tabelle seguenti mostrano il codice attualmente utilizzato per ciascun NOC e tutti i codici diversi utilizzati nei giochi precedenti, secondo i rapporti ufficiali di quei giochi. Alcuni degli usi passati del codice sono ulteriormente spiegati nelle sezioni che seguono.

L’anno del primo uso indicato non è quello effettivo (indicato solo dal 1952-1960 in poi nei programmi) ma quello della prima partecipazione effettiva ai giochi olimpici. Inoltre la nazionalità sportiva non era considerata come cittadinanza, soprattutto nelle prime edizioni delle olimpiadi (casi della Boemia in Austria-Ungheria[5], dei "zulu" britannici del Sudafrica, dei coreani in Giappone[6], degli estoni o finlandesi dell’Impero russo, degli armeni o dei greci dell’Impero ottomano[7], delle Antille olandesi[8], degli irlandesi del Nord, ecc.). Il maratoneta Bob Fowler prese il via della gara di Saint Louis essendo ancora cittadino della colonia che diverrà dopo il Dominion di Terranova: ottenne la cittadinanza statunitense soltanto nel 1907.

Codice Designazione CIO
(tradotta it:)
Nazione Primo uso Note
AFG Afghanistan   Afghanistan 1936
ALB Albania   Albania 1972
ALG Algeria   Algeria 1964 Codice ISO: DZA
AND Andorra   Andorra 1976
ANG Angola   Angola 1980 Codice ISO: AGO
ANT Antigua e Barbuda   Antigua e Barbuda 1976 Prima dell'indipendenza di Antigua e Barbuda nel 1981, lo Stato associato di Antigua ha partecipato come “Antigua” nel 1976; Codice ISO e FIFA: ATG
ARG Argentina   Argentina 1900
ARM Armenia   Armenia 1994 Parte dell’Impero ottomano TUR fino al 1922 che selezionò armeni; Parte di RUS 1900-1912; parte di URS 1924-1988; parte di EUN 1992
ARU Aruba   Aruba 1988 Parte delle Antille Olandesi AHO fino al 1984; Codice ISO: ABW
ASA Samoa Americane   Samoa Americane 1988 Codice ISO: ASM
AUS Australia   Australia 1896 Come 6 diverse colonie britanniche fino al 1901; Parte di Australasia ANZ 1908-1912 con la Nuova Zelanda
AUT Austria   Austria 1896 Gli atleti di Austria (estesa alla Cisleitania) e Ungheria, nazioni allora unite nell'Impero austro-ungarico, si presentarono separatamente (e così fu anche nelle edizioni successive fino allo scoppio della Prima guerra mondiale), così come quelli della Boemia nel 1900. L’Austria fu esclusa dei Giochi olimpici del 1920.
AZE Azerbaigian   Azerbaigian 1996 Parte di RUS 1900-1912; parte di URS 1924-1988; parte di EUN 1992
BAH Bahamas   Bahamas 1952 Come colonia britannica fino al 1973; Codice ISO: BHS
BAN Bangladesh   Bangladesh 1984 Codice ISO: BGD
BAR Barbados   Barbados 1968 Parte della Federazione delle Indie Occidentali BWI 1960; Codice ISO e FIFA: BRB
BDI Burundi   Burundi 1996
BEL Belgio   Belgio 1900
BEN Benin   Benin 1972 Come "Dahomey" DAH 1972
BER Bermuda   Bermuda 1936 Codice ISO: BMU
BHU Bhutan   Bhutan 1984 Codice ISO: BTN
BIH Bosnia ed Erzegovina   Bosnia ed Erzegovina 1992 Parte di YUG 1912-1988
BIZ Belize   Belize 1968 Come Honduras Britannico HBR fino al 1981. Codice ISO e FIFA: BLZ
BLR Bielorussia   Bielorussia 1994 Parte di RUS 1900-1912; parte di URS 1924-1988; parte di EUN 1992
BOL Bolivia   Bolivia 1936
BOT Botswana   Botswana 1980 Codice ISO: BWA
BRA Brasile   Brasile 1920 Nel 1900, partecipazione dubbia
BRN Bahrain   Bahrein 1984 Codice ISO: BHR
BRU Brunei Darussalam   Brunei 1988 Codice ISO: BRN
BUL Bulgaria   Bulgaria 1896 Partecipazione dubbia nel 1896; Codice ISO: BGR
BUR Burkina Faso   Burkina Faso 1972 Come Alto Volta VOL nel 1972; Codice ISO e FIFA: BFA
CAF Repubblica Centrafricana   Rep. Centrafricana 1968 Codice FIFA: CTA
CAM Cambogia   Cambogia 1956 Come Repubblica Khmer nel 1972; Codice ISO: KHM
CAN Canada   Canada 1900 Dominion del Canada fino allo Statuto di Westminster del 1931
CAY Isole Cayman   Isole Cayman 1976 Codice ISO: CYM
CGO Congo   Rep. del Congo 1964 Codice ISO: COG
CHA Ciad   Ciad 1964 Codice ISO: TCD
CHI Cile   Cile 1896 Codice ISO: CHL
CHN Repubblica Popolare Cinese   Cina 1952 Repubblica di Cina come "Cina" 1932-1956; l'uso attuale è iniziato nel 1984, la Repubblica Popolare Cinese boicottando il movimento olimpico dal 1952 al 1984, finché non si risolse il nome di Taipei cinese
CIV Costa d'Avorio   Costa d'Avorio 1964
CMR Camerun   Camerun 1964
COD Repubblica Democratica del Congo   RD del Congo 1968 Come "Congo Kinshasa" nel 1968; come Zaire ZAI dal 1971 al 1996
COK Isole Cook   Isole Cook 1988
COL Colombia   Colombia 1932
COM Comore   Comore 1996
CPV Capo Verde   Capo Verde 1996
CRC Costa Rica   Costa Rica 1936 Codice ISO: CRI
CRO Croazia   Croazia 1992 Parte delle Terre della Corona di Santo Stefano del Regno d’Ungheria fino al 1918, un croato austro-ungarico partecipò nel 1900; Parte di YUG 1912-1988; Codice ISO: HRV
CUB Cuba   Cuba 1900 Come Protettorato americano di Cuba nel 1900
CYP Cipro   Cipro 1980 Come Eyalet di Cipro (formalmente Cipro britannica) in quanto Grecia GRE nel 1896 ed edizioni seguenti. Gli atleti ciprioti fino al 1983 hanno continuato a far parte delle federazioni sportive greche come la SEGAS, la storica federazione multisportiva greca, fondata dal 1897.[9]
CZE Repubblica Ceca   Rep. Ceca 1994 Come Boemia BOH 1900-1912; parte di Cecoslovacchia TCH 1920-1992
DEN Danimarca   Danimarca 1896 Codice ISO: DNK
DJI Gibuti   Gibuti 1984
DMA Dominica   Dominica 1996
DOM Repubblica Dominicana   Rep. Dominicana 1964
ECU Ecuador   Ecuador 1924
EGY Egitto   Egitto 1912 Come Repubblica Araba Unita RAU 1960-1968
ERI Eritrea   Eritrea 2000
ESA El Salvador   El Salvador 1968 Codice ISO e FIFA: SLV
ESP Spagna   Spagna 1900
EST Estonia   Estonia 1924 Parte di RUS 1900-1912; parte di URS 1948-1988
ETH Etiopia   Etiopia 1956
FIJ Figi   Figi 1956 Codice ISO: FJI
FIN Finlandia   Finlandia 1908 Come Granducato di Finlandia parte dell’Impero russo (fino al 1917). Già nel dicembre 1907 è creato il Comitato Olimpico Finlandese che aveva già inviato una squadra ai Giochi olimpici intermedi del 1906, prima della sua stessa costituzione formale. Il codice usato era SF prima di adottare quello attuale FIN nel 1960 (dall’italiano e dal francese)
FRA Francia   Francia 1896
FSM Stati Federati di Micronesia   Micronesia 2000
GAB Gabon   Gabon 1972
GAM Gambia   Gambia 1984 Codice ISO: GMB
GBR Gran Bretagna   Regno Unito 1896 Come "Gran Bretagna e Irlanda" 1896-1924; l'uso attuale iniziò nel 1928, includendo l’Irlanda del Nord[10]
GBS Guinea-Bissau   Guinea-Bissau 1996 Codice ISO e FIFA: GNB
GEO Georgia   Georgia 1996 Parte di RUS 1900-1912; parte di URS 1924-1988; parte di EUN 1992
GEQ Guinea Equatoriale   Guinea Equatoriale 1984 Codice ISO: GNQ; Codice FIFA: EQG
GER Germania   Germania 1896 Codice usato per la Germania Ovest nel 1952 con anche il Protettorato della Saar SAA con una squadra a sé; 1956–1964: Partecipazione di una squadra tutta tedesca EUA formata da atleti dei due stati tedeschi; 1968–1988: Partecipazione della Repubblica Federale Tedesca FRG e della Repubblica Democratica Tedesca (RDT o DDR) GDR, ciascuna con le proprie squadre. Dopo la riunificazione nel 1990, una squadra tedesca ricominciò come Germania GER nel 1992; La Germania fu esclusa dai Giochi olimpici del 1920, 1924 e 1948. Codice ISO: DEU
GHA Ghana   Ghana 1952 Come Costa d’Oro nel 1952
GRE Grecia   Grecia 1896 Codice ISO: GRC
GRN Grenada   Grenada 1984 Codice ISO: GRD
GUA Guatemala   Guatemala 1952 Codice ISO: GTM
GUI Guinea   Guinea 1968 Codice ISO: GIN
GUM Guam   Guam 1988
GUY Guyana   Guyana 1948 Come Guyana britannica GUI dal 1948, Codice riassegnato alla Guinea nel 1968
HAI Haiti   Haiti 1924 Codice ISO: HTI
HKG Hong Kong, Cina   Hong Kong 1952 Designata "Hong Kong" 1952-1996; uso attuale dal 2000
HON Honduras   Honduras 1968 Codice ISO: HND
HUN Ungheria   Ungheria 1896 Inizialmente come estesa alle Terre della Corona di Santo Stefano del Regno d’Ungheria fino al 1918
INA Indonesia   Indonesia 1956 Come Indie olandesi IHO 1952; Codice ISO e FIFA: IDN 1952; L'Indonesia divenne indipendente dai Paesi Bassi nel 1949, ma esisteva ancora un'Unione olandese-indonesiana fino al 1954 - da allora il paese è nato come Indonesia; nel 1952 INS (1960 S) / IHO (1952 S) - partecipazione come Indie orientali olandesi
IND India   India 1900
IRI Iran   Iran 1948 Codice ISO e FIFA: IRN
IRL Irlanda   Irlanda 1924 Inizialmente come Irlanda e non come Stato Libero d'Irlanda, comprendendo dunque anche degli atleti dell’Irlanda del Nord.
IRQ Iraq   Iraq 1948
ISL Islanda   Islanda 1908
ISR Israele   Israele 1952
ISV Isole Vergini, US   Isole Vergini Americane 1968 Il nome ufficiale è "Virgin Islands, US", senza American, Codice ISO e FIFA: VIR
ITA Italia   Italia 1896
IVB Isole Vergini Britanniche   Isole Vergini Britanniche 1984 Parte di BWI 1960; Codice ISO e FIFA: VGB
JAM Giamaica   Giamaica 1948 Parte di BWI 1960
JOR Giordania   Giordania 1968
JPN Giappone   Giappone 1912
KAZ Kazakistan   Kazakistan 1996 Parte di RUS 1900-1912; parte di URS 1924-1988; parte di EUN 1992
KEN Kenya   Kenya 1956
KGZ Kirghizistan   Kirghizistan 1996 Parte di RUS 1900-1912; parte di URS 1924-1988; parte di EUN 1992
KIR Kiribati   Kiribati 2004
KOR Corea   Corea del Sud 1948
KOS Kosovo   Kosovo 2016 Parte di YUG, SCG e SRB prima del 2016; Codice ISO: Kos
KSA Arabia Saudita   Arabia Saudita 1972 Codice ISO: SAU
KUW Kuwait   Kuwait 1968 Codice ISO: KWT
LAO Repubblica Democratica Popolare Lao   Laos 1980
LAT Lettonia   Lettonia 1924 Parte di RUS 1900-1912; parte di URS 1948-1988; Codice ISO e FIFA: LVA
LBA Libia   Libia 1964 Codice ISO e FIFA: LBY
LBR Liberia   Liberia 1956
LCA Santa Lucia   Saint Lucia 1996
LES Lesotho   Lesotho 1972 Codice ISO: LSO
LBN Libano   Libano 1948 Codice ISO: LBN
LIE Liechtenstein   Liechtenstein 1936
LTU Lituania   Lituania 1924 Parte di RUS 1900-1912; parte di URS 1948-1988
LUX Lussemburgo   Lussemburgo 1908
MAD Madagascar   Madagascar 1964 Codice ISO: MDG
MAR Marocco   Marocco 1960
MAS Malaysia   Malaysia 1956 Come Federazione della Malesia MAL 1956-1960. Con Singapore nel 1964; Codice ISO: MYS
MAW Malawi   Malawi 1972 Codice ISO e FIFA: MWI
MDA Moldavia   Moldavia 1994 Parte di RUS 1900-1912; parte di URS 1924-1988; parte di EUN 1992
MDV Maldive   Maldive 1988
MEX Messico   Messico 1924
MGL Mongolia   Mongolia 1964 Codice ISO: MNG
MHL Isole Marshall   Isole Marshall 2008
MKD Macedonia del Nord   Macedonia del Nord 1992 Parte di YUG 1912-1988; Come Repubblica di Macedonia o Repubblica ex-jugoslava di Macedonia (FYROM) fino al 2019
MLI Mali   Mali 1964
MLT Malta   Malta 1928
MNE Montenegro   Montenegro 2008 Parte di YUG 1920-1988; partecipazione individuale come IOP 1992; parte di YUG (Yugoslavia) 1996-2002; parte di SCG (Serbia e Montenegro) 2004-2006
MON Monaco   Monaco 1920 Codice ISO: MCO
MOZ Mozambico   Mozambico 1980
MRI Mauritius   Mauritius 1984 Codice ISO: MUS
MTN Mauritania   Mauritania 1984 Codice ISO: MRT
MYA Myanmar   Birmania 1996 Come Birmania BIR 1948-1988; Codice ISO: MMR
NAM Namibia   Namibia 1992
NCA Nicaragua   Nicaragua 1968 Codice ISO: NIC
NED Paesi Bassi   Paesi Bassi 1900 Come Olanda HOL 1900-1988; Codice ISO: NLD
NEP Nepal   Nepal 1964 Codice ISO: NPL
NGR Nigeria   Nigeria 1952 Codice ISO: NGA
NIG Niger   Niger 1968 Codice ISO: NER
NOR Norvegia   Norvegia 1900
NRU Nauru   Nauru 1996
NZL Nuova Zelanda   Nuova Zelanda 1920 Parte dell’Australasia ANZ 1908-1912; il Comitato Olimpico della Nuova Zelanda rivendica che il campione olimpico Victor Lindberg, nato nelle Figi, fosse neozelandese nel 1900
OMA Oman   Oman 1984 Codice ISO: OMN
PAK Pakistan   Pakistan 1948
PAN Panama   Panama 1928
PAR Paraguay   Paraguay 1964 Codice ISO: PRY
PER Perù   Perù 1936
PHI Filippine   Filippine 1924 Codice ISO: PHL
PLE Palestina   Palestina 1996 Codice ISO: PSE; Codice FIFA: PLE
PLW Palau   Palau 2000
PNG Papua Nuova Guinea   Papua Nuova Guinea 1976
POL Polonia   Polonia 1924
POR Portogallo   Portogallo 1912 Codice ISO: PRT
PRK Repubblica Democratica Popolare di Corea   Corea del Nord 1972
PUR Porto Rico   Porto Rico 1948 Codice ISO: PRI
QAT Qatar   Qatar 1984
ROU Romania   Romania 1924 ROM 1956-1960 e 1972-2006, RUM 1964-1968; Codice ISO: ROU
RSA Sudafrica   Sudafrica 1904 Come Unione del Sudafrica SAF 1904-1960; Codice ISO: ZAF; A Saint Louis 1904, non esisteva ancora una nazione sudafricana ma solo una squadra di figuranti Boer probabilmente della Colonia del Transvaal, il Comitato olimpico è creato nel 1907 per partecipare a Londra 1908; Il Sudafrica è escluso dai giochi dal 1964 al 1988 per causa apartheid.
RUS Russia   Russia 1900 Designato a volte "RU1" per l'Impero russo 1900-1912; sostituito da URS 1952-1988; parte di EUN 1992; sospesa dopo 2016
RWA Ruanda   Ruanda 1984
SAM Samoa   Samoa 1984 Fino al 1996 come Samoa Occidentali; Codice ISO: WSM
SEN Senegal   Senegal 1964
SEY Seychelles   Seychelles 1980 Codice ISO: SYC
SGP Singapore   Singapore 1948 Parte della Federazione della Malaysia nel 1964; Codice ISO: SGP
SKN Saint Kitts e Nevis   Saint Kitts e Nevis 1996 Codice ISO: KNA
SLE Sierra Leone   Sierra Leone 1968
SLO Slovenia   Slovenia 1992 Parte di YUG 1912-1988; Codice ISO: SVN
SMR San Marino   San Marino 1960
SOL Isole Salomone   Isole Salomone 1984 Codice ISO: SLB
SOM Somalia   Somalia 1972
SRB Serbia   Serbia 1920 Parte di YUG, come allora Regno dei Serbi, Croati e Sloveni 1920-1988; partecipazione individuale come IOP 1992; parte di YUG (Yugoslavia) 1996-2002; parte di SCG (Serbia e Montenegro) 2004-2006
SRI Sri Lanka   Sri Lanka 1948 Come Ceylon fino al 1972; Codice ISO: LKA
SSD Sudan del Sud   Sudan del Sud 2016 Codice ISO: SSD
STP São Tomé e Príncipe   São Tomé e Príncipe 1996
SUD Sudan   Sudan 1960 Codice ISO: SDN
SUI Svizzera   Svizzera 1900 Codice ISO: CHE
SUR Suriname   Suriname 1968
SVK Slovacchia   Slovacchia 1996 Parte di TCH 1920-1992. Almeno un atleta slovacco faceva parte nel 1896 delle Terre della Corona di Santo Stefano del Regno d’Ungheria fino al 1918.
SWE Svezia   Svezia 1896 Parte della Svezia-Norvegia nel 1896
SWZ eSwatini   eSwatini 1972 Come Swaziland fino al 2018
SYR Repubblica Araba Siriana   Siria 1948 Nella Repubblica Araba Unita RAU nel 1960
TAN Tanzania   Tanzania 1964 Sebbene Tanganica e Zanzibar si fossero già unite per formare la Tanzania nell'aprile 1964, la nazione fu designata “Tanganyika” nel rapporto ufficiale dei Giochi del 1964. Codice ISO: TZA
TGA Tonga   Tonga 1984 Codice ISO: TON
THA Thailandia   Thailandia 1952
TJK Tagikistan   Tagikistan 1996 Parte di RUS 1900-1912; parte di URS 1924-1988; parte di EUN 1992
TKM Turkmenistan   Turkmenistan 1996 Parte di RUS 1900-1912; parte di URS 1924-1988; parte di EUN 1992
TLS Timor Est   Timor Est 2004 Singoli atleti di Timor Est gareggiarono sotto la bandiera olimpica alle Olimpiadi del 2000, durante il periodo di amministrazione transitoria delle Nazioni Unite.
TOG Togo   Togo 1972 Codice ISO: TGO
TPE Taipei cinese   Taipei Cinese
Repubblica di Cina[11]
1956 Come "Cina" CHN 1932-1956; come "Formosa" FOR e Taiwan TAI 1960-1964; come "Repubblica di Cina" ROC 1968-1972; uso attuale dal 1984; Codice ISO: TWN
TTO Trinidad e Tobago   Trinidad e Tobago 1948 Come Federazione delle Indie Occidentali nel 1960; Codice ISO: TTO
TUN Tunisia   Tunisia 1960
TUR Turchia   Turchia 1908 Come Impero ottomano fino al 1922. La partecipazione olimpica a 1908 resta dubbiosa e nel 1912 solo due atleti armeni partecipano.
TUV Tuvalu   Tuvalu 2008
UAE Emirati Arabi Uniti   Emirati Arabi Uniti 1984 Codice ISO: ARE
UGA Uganda   Uganda 1956
UKR Ucraina   Ucraina 1994 Parte di RUS 1900-1912; parte di URS 1924-1988; parte di EUN 1992 e parte di AUT come Cisleitania o delle Terre della Corona di Santo Stefano del Regno d’Ungheria fino al 1918
URU Uruguay   Uruguay 1924 Codice ISO: URY
USA Stati Uniti d'America   Stati Uniti 1896
UZB Uzbekistan   Uzbekistan 1994 Parte di RUS 1900-1912; parte di URS 1924-1988; parte di EUN 1992
VAN Vanuatu   Vanuatu 1988 Codice ISO: VUT
VEN Venezuela   Venezuela 1948
VIE Vietnam   Vietnam 1952 Dal 1956 al 1972 solo Vietnam del Sud; Codice ISO: VNM
VIN Saint Vincent e Grenadine   Saint Vincent e Grenadine 1988 Codice ISO: VCT
YEM Yemen   Yemen 1992 YAR e YMD riuniti nel 1990
ZAM Zambia   Zambia 1968 Parte di RHO 1928-1960; Lo Zambia ottenne l'indipendenza l'ultimo giorno dei Giochi del 1964, ma a quei Giochi aveva partecipato come Rhodesia del Nord (NRH) RHN 1964; Codice ISO: ZMB
ZIM Zimbabwe   Zimbabwe 1980 Parte di RHO 1928-1960; RHS 1964; Codice ISO: ZWE

Codici speciali

modifica

Codici storici

modifica

Codici ancora in uso

modifica

Di seguito l'elenco dei codici ancora utilizzati nel database del CIO per l'indicazione degli atleti medagliati ai Giochi olimpici.

Codice Designazione CIO Usato Note
dal al
AHO Antille Olandesi 1960 2010 Codice ISO 3166-1 e FIFA: ANT
ANZ Australasia 1908 1912 Squadra combinata di Australia e Nuova Zelanda
BOH Boemia 1900 1912 Diventa la Cecoslovacchia nel 1918
BWI Indie Occidentali Britanniche 1960
COR Corea [unificata]   Corea 2018
EUA Squadra Unificata Tedesca 1956 1964
EUN Squadra Unificata 1992 Gli ex stati dell'Unione Sovietica, fuorché i Paesi baltici, parteciparono sotto la bandiera olimpica ai Giochi della XXV Olimpiade ed ai XVI Giochi olimpici invernali
FRG Germania Ovest 1984 1988 Codice ALL nel 1968 Olimpiadi invernali, Codice ALE nel 1968 Olimpiadi estive
GDR Germania Est 1968 1988
IOA Atleti Olimpici Individuali 2000 Singoli atleti di Timor Est gareggiarono sotto la bandiera olimpica alle Olimpiadi del 2000, durante il periodo di amministrazione transitoria delle Nazioni Unite. Il codice è stato ripreso per i Giochi del 2012, a indicare però gli Atleti Olimpici Indipendenti.
IOP Partecipanti Olimpici Indipendenti 1992 Singoli atleti della Jugoslavia gareggiarono sotto la bandiera olimpica alle Olimpiadi estive del 1992, quando la nazione era sotto embargo sportivo da parte delle Nazioni Unite
SCG Serbia e Montenegro 2004 2006 Parte di YUG 1912-1988, partecipazione individuale come IOP nel 1992; ha gareggiato come YUG 1996-2000
TCH Cecoslovacchia 1920 1992
URS Unione Sovietica 1956 1988 Codice ISO 3166-1 alpha-3 transitorio SUN
YUG Jugoslavia 1924 2000
ZZX Squadra Mista 1896 1904 Codice successivamente applicato a squadre di nazionalità mista

Codici obsoleti

modifica
Codice Designazione CIO Usato Note
dal al
BIR Birmania 1948 1992 Oggi MYA (Birmania) (Myanmar)
CEY Ceylon 1948 1972 Oggi SRI (Sri Lanka)
DAH Dahomey 1972 Oggi BEN (Benin)
HBR Honduras Britannico 1968 1972 Oggi BIZ (Belize)
HOL Olanda 1900 1988 Cambiato in NED dal 1992
IHO Indie orientali olandesi 1934-1938 Oggi INA (Indonesia)
KHM Repubblica Khmer 1972 Oggi CAM (Cambogia)
MAL Malesia 1956 1960 Oggi MAS (Malaysia)
NBO Borneo Settentrionale 1956
NRH Rhodesia Settentrionale 1964 Oggi ZAM (Zambia)
RAU Repubblica Araba Unita 1960 Oggi EGY (Egitto) e SYR (Siria)
RHO Rhodesia 1960 1972 Oggi ZIM (Zimbabwe)
RHN Rhodesia Settentrionale 1964 Oggi ZAM (Zambia)
RHS Rhodesia Meridionale
ROC Repubblica di Cina 1932 1976 Oggi TPE (Cina Taipei)
ROM Romania 1956-1960 e 1972-2006 Oggi ROU
RUM Romania 1964 1968
SAA Saar 1952
SAF Sudafrica 1904 1960 Cambiato in RSA nel 1992
UAR Repubblica Araba Unita 1964 Oggi EGY (Egitto)
VOL Alto Volta 1972 1984 Oggi BUR (Burkina Faso)
YAR Repubblica Araba dello Yemen 1984 1988 Oggi YEM (Yemen)
YMD Rep. Dem. Popolare dello Yemen 1988
ZAI Zaire 1968 1996 Oggi COD (Repubblica Democratica del Congo)

Si sono verificate altre modifiche significative al codice, entrambe a causa di un cambiamento nella designazione della nazione utilizzata dal CIO:

  • HOL è stato cambiato in NED per i Paesi Bassi per i Giochi del 1992, riflettendo il cambio di designazione dall'Olanda.
  • SAU è stato cambiato in KSA per l’Arabia Saudita.
  • IRN è stato cambiato in IRI per l'Iran per i Giochi del 1992, riflettendo il cambio di designazione in Repubblica islamica dell'Iran.
  • VNM è stato cambiato in VIE alla fine della guerra del Vietnam (è stato usato tra il 1952 e il 1976).
  • WSM è stato cambiato in SAM per le Samoa, non più Samoa occidentali.
  • GCO Costa d’Oro (Gold Coast) era il nome del Ghana nel 1952.
  1. ^ Cecoslovacchia, che diventa TCH per Tchécoslovaquie nel 1976.
  2. ^ [1]
  3. ^ Questo spiega AHO da Antilles hollandaises, AUT da Autriche, BIR da Birmanie, ROU da Roumanie, URS da Union des républiques socialistes soviétiques, TCH da Tchécoslovaquie, IRL da Irlande, ISL da Islande, EUN da Équipe unifiée, SUI da Suisse, KOR/COR da Korea/Corée (quest’ultimo quando la squadra è unificata), ecc., con paesi che passano da una sigla francese a una inglese con il tempo. Nel 2020, non essendo disponibile COR per Comité olympique russe, il CIO sceglie ROC per Russian Olympic Committee, anch'essa non disponibile (ex Republic of China) ma che assomiglia di più a Rossija (la C pronunciata S in cirillico) per dare una sigla alla Russia sanzionata a Tokyo 2020. O ancora TPE per Taipei cinese evitando un più plausibile TAI o TWN ma troppo simili a Taiwan.
  4. ^ Dal 2016 con l’arrivo del Sudan del Sud, sono stati riconosciuti 206 Comitati Olimpici Nazionali, cioè i 193 paesi membri delle Nazioni Unite più altri 13 territori:
  5. ^ Il governo imperiale vietò alle squadre nazionali di competere tra loro per evitare tensioni etniche prima della Prima Guerra mondiale.
  6. ^ Come il maratoneta Sohn Kee-chung che corse ai Giochi della XI Olimpiade per l’Impero nipponico e che il CIO riconobbe come coreano solo nel 2011.
  7. ^ Come Aleko Moullos nel 1908.
  8. ^ In passato anche le Antille Olandesi avevano un loro comitato olimpico, ufficialmente riconosciuto nel 1950, ma dopo la loro dissoluzione avvenuta il 10 ottobre 2010, il CIO ha revocato il loro status nel luglio 2011. (EN) Curtain comes down on 123rd IOC Session, Comitato Olimpico Internazionale, 9 luglio 2011. URL consultato il 20 ottobre 2014.
  9. ^ Per questo motivo i primi atleti ciprioti sfilarono solo a Los Angeles nel 1984.
  10. ^ Nonostante il fatto che gli atleti nordirlandesi possano optare per rappresentare l’Irlanda come nazione.
  11. ^ A causa del veto della Repubblica Popolare Cinese, la Repubblica di Cina non può presentarsi alle competizioni sportive internazionali né con il proprio nome ufficiale né come Taiwan, e non può utilizzare la propria bandiera o i propri simboli nazionali.

Voci correlate

modifica
  Portale Giochi olimpici: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di giochi olimpici