Santiago González

tennista messicano
Santiago González
Gonzalez S. WM19 (11) (48521995322).jpg
Santiago González nel 2019
Nazionalità Messico Messico
Altezza 191 cm
Peso 92 kg
Tennis Tennis pictogram.svg
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 9-13 (40,91%)
Titoli vinti 0
Miglior ranking 155º (22 maggio 2006)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open Q1 (2009)
Francia Roland Garros Q2 (2010)
Regno Unito Wimbledon 1T (2009)
Stati Uniti US Open Q2 (2009)
Doppio1
Vittorie/sconfitte 317-300 (51.38%)
Titoli vinti 18
Miglior ranking 22º (21 marzo 2022)
Ranking attuale 28º (13 giugno 2022)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open QF (2012, 2020)
Francia Roland Garros F (2017)
Regno Unito Wimbledon 3T (2011, 2019)
Stati Uniti US Open 3T (2012, 2021)
Altri tornei
Olympic flag.svg Giochi olimpici 2T (2016)
Doppio misto1
Vittorie/sconfitte 28-23 (54,90%)
Titoli vinti 0
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open 2T (2013, 2015, 2022)
Francia Roland Garros F (2012)
Regno Unito Wimbledon 3T (2016)
Stati Uniti US Open F (2013, 2014)
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate al 13 giugno 2022

Santiago González Torre (Córdoba, 24 febbraio 1983) è un tennista messicano. Ha ottenuto i migliori risultati in doppio, specialità in cui è stato il numero 22 mondiale nel marzo 2022 e ha raggiunto la finale al Roland Garros 2017 con Donald Young.

CarrieraModifica

1999-2003: finale al Roland Garros juniores, esordio in Coppa Davis e primi titoli da professionistaModifica

Fa le sue prime apparizioni tra i professionisti nel 1999 e l'anno successivo vince il primo titolo nel torneo di doppio all'ITF Mexico F2 in coppia con Bruno Echagaray. Nel febbraio 2001 fa il suo esordio nella squadra messicana di Coppa Davis in occasione della sfida persa 5-0 con l'Argentina, viene schierato in coppia con Echagaray e perdono in tre set contro Agustin Calleri / Martin Garcia. Subito dopo debutta con una sconfitta insieme a Echagaray nel circuito maggiore al torneo di doppio di Acapulco. Quello stesso anno disputa con Echagaray la finale juniores di doppio al Roland Garros e vengono sconfitti in due set da Frank Dancevic / Giovanni Lapentti. Nel settembre 2002 vince il primo titolo in singolare al Mexico F13. Nel settembre 2003 disputa e perde le sue prime finali Challenger, in doppio quella di Gramado e in singolare quella di Città del Messico contro Adrián García. Dopo aver vinto tre tornei ITF in singolare e nove in doppio, in novembre conquista il primo titolo Challenger a Puebla in coppia con Alejandro Hernández. Quello stesso mese fa il suo ingresso nella top 200 del ranking di doppio e nella top 300 in singolare.

2004-2009, top 100 del ranking in doppio e top 200 in singolareModifica

Tra il 2004 e il 2009 rimane impegnato in prevalenza nei circuiti ITF e Challenger raccogliendo numerosi successi soprattutto in doppio, nell'arco delle sei stagioni vince in questa specialità 14 tornei Challenger e 5 ITF. In singolare si aggiudica quattro tornei ITF e vince il suo primo Challenger nel 2008 a Belo Horizonte con il successo in finale su Nicolás Massú. Nel 2009 vince il primo incontro nel circuito maggiore al torneo di doppio di Acapulco, di nuovo in coppia con Echagaray. Nel 2005 era entrato per la prima volta nella top 200 di singolare e nel maggio 2006 aveva raggiunto la 155ª posizione, che sarebbe rimasto il suo miglior ranking in carriera in singolare. Quell'anno aveva inoltre fatto la prima esperienza in una prova del Grande Slam ed era stato eliminato al primo turno di qualificazione in singolare agli US Open. Nel 2009 fa il suo esordio in un tabellone principale dello Slam al torneo di doppio a Wimbledon e viene sconfitto al quinto set al primo turno; in ottobre entra per la prima volta nella top 100 di doppio.

2010–2012, primi titoli ATP, quarti di finale agli Australian Open e top 30Modifica

Comincia a ottenere ottimi risultati nel 2010 con le prime due finali nel circuito ATP, entrambe in coppia con lo statunitense Travis Rettenmaier, vincono quella a Belgrado e perdono quella di Newport. In aprile vince a León il suo secondo e ultimo titolo Challenger in singolare; il mese successivo disputa e vince la sua ultima finale ITF in doppio, e abbandona definitivamente il circuito ITF dopo aver vinto 7 titoli in singolare e 15 in doppio. Sempre nel 2010 raggiunge con Rettenmaier il terzo turno al Roland Garros e in luglio sale al 45º posto del ranking.[1]

Nel 2011 disputa tre finali ATP, dopo aver raggiunto le semifinali a Santiago, San Jose e Acapulco, in aprile conquista il titolo a Barcellona insieme a Scott Lipsky, battendo in finale i numeri 1 del mondo Bob e Mike Bryan. Il mese successivo viene sconfitto in finale a Nizza con David Marrero da Eric Butorac / Jean-Julien Rojer. Raggiunge il terzo turno a Wimbledon in coppia con Carsten Ball e in agosto vince il torneo di Kitzbühel insieme a Daniele Bracciali, con il quale aveva appena perso in semifinale a Umago. Nel finale di stagione esce in semifinale anche a Winston Salem e soprattutto a Parigi-Bercy, la prima giocata in un Masters 1000, risultato con cui porta il best ranking alla 27ª posizione mondiale.

Il 2012 comincia con il suo primo quarto di finale in un torneo dello Slam, in coppia con il tedesco Christopher Kas superano i primi tre turni agli Australian Open eliminando tra gli altri le teste di serie numero 5 Jürgen Melzer e Philipp Petzschner ma si devono arrendere a Maks Mirny e Daniel Nestor in tre set. A fine torneo sale al 25º posto del ranking. Concentrato nei tornei di doppio, disputa nell'arco della stagione due soli incontri in singolare. In luglio accede alla sua prima finale in uno Slam, nel doppio misto degli Open di Francia in coppia con la polacca Klaudia Jans-Ignacik, e vengono sconfitti da Sania Mirza / Mahesh Bhupathi per 7-63, 6-1. Assieme a Scott Lipsky vince in luglio il torneo ATP di Newport e ad agosto quello di Winston-Salem. Cedono quindi al terzo set ai fratelli Bryan al terzo turno degli US Open.

2013–2014: finali in doppio misto agli US Open, quattro titoli ATP e 23º nel rankingModifica

Sia nel 2013 che nel 2014 arriva in finale in doppio misto agli US Open con Abigail Spears, perdendo entrambe le volte. Nel 2013 vince con Scott Lipsky i tornei ATP dell'Estoril Open e di Halle e disputa altre cinque semifinali tra cui quelle nei Masters di Indian Wells, Roma e Cincinnati. In giugno, dopo il trionfo ad Halle, porta il best ranking alla 23ª posizione mondiale. L'anno dopo vince altri due tornei ATP con Lipsky all'Estoril e a Düsseldorf e perdono la finale a 's-Hertogenbosch. In agosto elimina i fratelli Bryan assieme a Marin Cilic al Masters di Toronto e vengono sconfitti in semifinale da Ivan Dodig / Marcelo Melo.

2015–2016, due titoli ATPModifica

Tra il 2015 e il 2016 raggiunge quattro finali ATP in coppia con Mariusz Fyrstenberg, vincendone due a Memphis e perdendo quelle del 2015 ad Acapulco e Umago. Nel giugno 2015 esce per la prima volta dalla top 50 da quando vi era entrato nel novembre 2011. Nel febbraio 2016 scende alla 71ª posizione e in aprile perde la finale a Houston assieme a Víctor Estrella Burgos

2017: finale al Roland GarrosModifica

Nel 2017 non vince nessun torneo ATP ma raggiunge tre finali. In febbraio viene sconfitto nella finale di Buenos Aires in coppia con David Marrero. A marzo vince il torneo Challenger Jalisco Open di Guadalajara con Artem Sitak. Dopo aver giocato in singolare nelle ultime sei stagioni solo 24 incontri – quasi tutti nelle qualificazioni – in maggio disputa l'ultimo match nella specialità. Il risultato stagionale più importante è la finale raggiunta al Roland Garros insieme a Donald Young, persa contro Michael Venus e Ryan Harrison per 7-6, 6-7, 6-3. Con questo risultato guadagna 40 posizioni nel ranking e si trova alla 31ª. Raggiunge le semifinali a Chengdu e a Tokyo e in ottobre perde assieme a Julio Peralta la finale ad Anversa contro Scott Lipsky / Divij Sharan.

2018: un titolo ATPModifica

Nel 2018 gioca due finali ATP 250 con Marcelo Demoliner, vincendo ad Antalia (erba) e perdendo ad Anversa (indoor).

2019: un titolo ATPModifica

Nel 2019 González e Aisam-ul-Haq Qureshi vincono l'ATP di Houston e due tornei Challenger su erba.

2020: una finale ATPModifica

I risultati migliori arrivano a inizio anno: raggiunge la finale a Doha con Luke Bambridge e ai quarti di finale agli Australian Open. Non conquista nessun torneo durante l'anno.

2021: tre titoli ATPModifica

Nel 2021 si impone a Stoccarda insieme a Marcelo Demoliner e a Nur-Sultan e Stoccolma con Andres Molteni, con cui vince anche un Challenger. È la prima volta che González vince tre titoli ATP nello stesso anno.

2022: due titoli ATP e prima finale in un Masters 1000Modifica

A inizio stagione vince assieme ad Andres Molteni i tornei di Cordoba e Buenos Aires. A marzo disputa in coppia con Édouard Roger-Vasselin la sua prima finale in un torneo Masters 1000 a Indian Wells e vengono sconfitti in due set da Jack Sock / John Isner. Questa serie di risultati lo portano al 22º posto mondiale, migliorando il best ranking dopo 9 anni.

StatisticheModifica

DoppioModifica

Vittorie (18)Modifica

Legenda
Grande Slam (0)
ATP Finals (0)
ATP Master 1000 (0)
ATP Tour 500 (1)
ATP Tour 250 (17)
N. Data Torneo Superficie Compagno Avversari in finale Punteggio
1. 9 maggio 2010   Serbia Open, Belgrado Terra rossa   Travis Rettenmaier   Tomasz Bednarek
  Mateusz Kowalczyk
7–6(6), 6–1
2. 24 aprile 2011   Barcelona Open, Barcellona Terra rossa   Scott Lipsky   Bob Bryan
  Mike Bryan
5–7, 6–2, [12–10]
3. 6 agosto 2011   Austrian Open, Kitzbühel Terra rossa   Daniele Bracciali   Franco Ferreiro
  André Sá
7–6(1), 4–6, [11–9]
4. 15 luglio 2012   Hall of Fame Tennis Championships, Newport Erba   Scott Lipsky   Colin Fleming
  Ross Hutchins
7-6(3), 6-3
5. 25 agosto 2012   Winston-Salem Open, Winston-Salem Cemento   Scott Lipsky   Pablo Andújar
  Leonardo Mayer
6-3, 4-6, [10-2]
6. 5 maggio 2013   Estoril Open, Estoril (1) Terra rossa   Scott Lipsky   Aisam-ul-Haq Qureshi
  Jean-Julien Rojer
6-3, 4-6, [10-7]
7. 16 giugno 2013   Gerry Weber Open, Halle Erba   Scott Lipsky   Daniele Bracciali
  Jonathan Erlich
6-2, 7-6(3)
8. 4 maggio 2014   Estoril Open, Oeiras (2) Terra rossa   Scott Lipsky   Pablo Cuevas
  David Marrero
6-3, 3-6, [10-8]
9. 24 maggio 2014   Düsseldorf Open, Düsseldorf Terra battuta   Scott Lipsky   Martin Emmrich
  Christopher Kas
7-5, 4-6, [10-3]
10. 15 febbraio 2015   Memphis Open, Memphis (1) Cemento (i)   Mariusz Fyrstenberg   Artem Sitak
  Donald Young
5–7, 7–6(1), [10–8]
11. 14 febbraio 2016   Memphis Open, Memphis (2) Cemento (i)   Mariusz Fyrstenberg   Steve Johnson
  Sam Querrey
6–4, 6–4
12. 29 giugno 2018   Antalya Open, Adalia Erba   Marcelo Demoliner   Sander Arends
  Matwé Middelkoop
7-5, 6(6)-7, [10-8]
13. 14 aprile 2019   U.S. Men's Clay Court Championships, Houston Terra rossa   Aisam-ul-Haq Qureshi   Ken Skupski
  Neal Skupski
3-6, 6-4, [10-6]
14. 12 giugno 2021   Stuttgart Outdoor, Stoccarda Erba   Marcelo Demoliner   Ariel Behar
  Gonzalo Escobar
4-6, 6-3, [10-8]
15. 26 settembre 2021   Astana Open, Nur-Sultan Cemento (i)   Andrés Molteni   Jonathan Erlich
  Andrėj Vasileŭski
6-1, 6-2
16. 13 novembre 2021   Stockholm Open, Stoccolma Cemento (i)   Andrés Molteni   Aisam-ul-Haq Qureshi
  Jean-Julien Rojer
6–2, 6–2
17. 6 febbraio 2022   Córdoba Open, Cordoba Terra rossa   Andrés Molteni   Andrej Martin
  Tristan-Samuel Weissborn
7-5, 6-3
18. 13 febbraio 2022   Argentina Open, Buenos Aires Terra rossa   Andrés Molteni   Fabio Fognini
  Horacio Zeballos
6-1, 6-1

Finali perse (13)Modifica

Legenda
Grande Slam (1)
ATP Finals (0)
ATP Master 1000 (1)
ATP Tour 500 (1)
ATP Tour 250 (10)
N. Data Torneo Superficie Compagno Avversari in finale Punteggio
1. 11 luglio 2010   Hall of Fame Tennis Championships, Newport Erba   Travis Rettenmaier   Carsten Ball
  Chris Guccione
3–6, 4–6
2. 21 maggio 2011   Open de Nice Côte d'Azur, Nizza Terra rossa   David Marrero   Eric Butorac
  Jean-Julien Rojer
3–6, 4–6
3. 21 giugno 2014   Rosmalen Grass Court Championships, 's-Hertogenbosch Erba   Scott Lipsky   Jean-Julien Rojer
  Horia Tecău
3-6, 6(3)-7
4. 1º marzo 2015   Abierto Mexicano, Acapulco Cemento   Mariusz Fyrstenberg   Ivan Dodig
  Marcelo Melo
6(2)–7, 7–5, [3–10]
5. 25 luglio 2015   Croatia Open Umag, Umago Terra rossa   Mariusz Fyrstenberg   André Sá
  Máximo González
6–4, 3–6, [5–10]
6. 9 aprile 2016   U.S. Men's Clay Court Championships, Houston Terra rossa   Víctor Estrella Burgos   Bob Bryan
  Mike Bryan
6-4, 3-6, [8-10]
7. 19 febbraio 2017   Argentina Open, Buenos Aires Terra rossa   David Marrero   Juan Sebastián Cabal
  Robert Farah
1-6, 4-6
8. 11 giugno 2017   Open di Francia, Parigi Terra rossa   Donald Young   Ryan Harrison
  Michael Venus
6(5)-7, 7-6(4), 3-6
9. 22 ottobre 2017   European Open, Anversa (1) Cemento (i)   Julio Peralta   Scott Lipsky
  Divij Sharan
4-6, 6-2, [5-10]
10. 21 ottobre 2018   European Open, Anversa (2) Cemento (i)   Marcelo Demoliner   Nicolas Mahut
  Édouard Roger-Vasselin
4-6, 5-7
11. 17 febbraio 2019   New York Open, New York Cemento (i)   Aisam-ul-Haq Qureshi   Kevin Krawietz
  Andreas Mies
4-6, 5-7
12. 10 gennaio 2020   Qatar Open, Doha Cemento   Luke Bambridge   Rohan Bopanna
  Wesley Koolhof
6-3, 2-6, [6-10]
13. 20 marzo 2022   Indian Wells Masters, Indian Wells Cemento   Édouard Roger-Vasselin   Jack Sock
  John Isner
64–7, 3–6

Doppio mistoModifica

Finali perse (3)Modifica

Tornei del Grande Slam
Australian Open (0)
Open di Francia (1)
Torneo di Wimbledon (0)
US Open (2)
N. Data Torneo Superficie Compagna Avversari in finale Punteggio
1. 7 giugno 2012   Open di Francia, Parigi Terra rossa   Klaudia Jans-Ignacik   Sania Mirza
  Mahesh Bhupathi
6(3)–7, 1–6
2. 6 settembre 2013   US Open, New York Cemento   Abigail Spears   Andrea Hlaváčková
  Maks Mirny
6(5)–7, 3–6
3. 5 settembre 2014   US Open, New York (2) Cemento   Abigail Spears   Sania Mirza
  Bruno Soares
1–6, 6–2, [9–11]

Risultati in progressioneModifica

Sigla Risultato
V Vincitore
F Finalista
SF Semifinalista
O Oro olimpico
A Argento olimpico
SF Bronzo olimpico
QF Quarti di Finale
4T Quarto turno
3T Terzo turno
2T Secondo turno
1T Primo turno
RR Round Robin
LQ Turno di qualificazione
A Assente
ND Non disputato
Legenda superfici
Cemento
Terra battuta
Erba
Superficie variabile

SingolareModifica

Torneo 2008 2009 2010 V–S
Tornei Grande Slam
  Australian Open, Melbourne A Q1 A 0-0
  Roland Garros, Parigi A Q1 Q2 0-0
  Wimbledon, Londra Q3 1T Q1 0-1
  US Open, New York Q1 Q2 Q1 0-0
Vittorie-Sconfitte 0-0 0-1 0-0 0-1

DoppioModifica

Torneo 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016 2017 2018 2019 2020 V–S
Tornei Grande Slam
  Australian Open, Melbourne A A A 2T QF 1T 1T 1T 1T 1T 1T 1T QF 7-10
  Roland Garros, Parigi A A 3T 1T 2T 1T 2T 1T 1T F 2T 1T 1T 10-11
  Wimbledon, Londra A 1T 2T 3T 2T 2T 2T 2T 2T 1T 2T 3T ND 11-11
  US Open, New York A A 1T 1T 3T 1T 1T 2T 2T 1T 2T 1T 1T 5-11
Vittorie-Sconfitte 0-0 0-1 3-3 3-4 7-4 1-4 2-4 2-4 2-4 6-4 3-4 2-4 3-3 33-43
Nazionale
  Giochi Olimpici A Non disputati A Non disputati 2T Non disputati 1-1
Vittorie-Sconfitte 0-0 Non disputati 0-0 Non disputati 1-1 Non disputati 1-1

Doppio mistoModifica

Torneo 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016 2017 2018 2019 2020 V–S
Tornei Grande Slam
  Australian Open, Melbourne A A A A 1T 2T A 2T A A 1T A A 2-4
  Roland Garros, Parigi A A A A F 2T QF A A A SF 2T ND 11-5
  Wimbledon, Londra A A 2T 1T 1T 2T 1T 1T 3T A 1T 1T ND 4-9
  US Open, New York A A A A A F F A 2T 2T 2T A ND 11-5
Vittorie-Sconfitte 0-0 0-0 1-1 0-1 4-3 7-4 6-3 1-2 3-2 1-1 4-4 1-2 0-0 28-23
Nazionale
  Giochi Olimpici Non disputati A Non disputati A Non disputati 0-0
Vittorie-Sconfitte Non disputati 0-0 Non disputati 0-0 Non disputati 0-0

NoteModifica

  1. ^ (EN) Santiago González - ATP Rankings History, su atpworldtour.com.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica