David Carradine

attore e artista marziale statunitense

David Carradine, pseudonimo di John Arthur Carradine (Los Angeles, 8 dicembre 1936Bangkok, 3 giugno 2009), è stato un attore e artista marziale statunitense.

David Carradine nel 2008

Il suo ruolo più rilevante è stato quello di Bill nei film Kill Bill: Volume 1 (2003) e Kill Bill: Volume 2 (2004), ma raggiunse la popolarità mondiale grazie alla serie TV Kung Fu[1][2], dove interpretava il ruolo del monaco shaolin Kwai Chang Caine[3], personaggio che doveva essere inizialmente interpretato da Bruce Lee[4], poi scartato perché "troppo asiatico"[5]. Grazie a Kung Fu, suo famoso estimatore fu Quentin Tarantino che lo scritturò come cattivo per Kill Bill e che così ne parlò: "Per un'intera generazione che non conosce Kung Fu, Anno 2000 - La corsa della morte o I cavalieri dalle lunghe ombre, non sarà ricordato come David Carradine, ma come Bill. Per me sarà sempre Kwai Chang Caine e sarà sempre Bill[6]".

Sul kung fu Shaolin e sul taijiquan, che praticò anche nella vita[4], Carradine scrisse diversi libri e registrò alcuni DVD di esercizi video[7].

BiografiaModifica

Nato in una famiglia di professionisti del cinema, era figlio di Ardanelle McCool e dell'attore John; i suoi genitori divorziarono quando aveva 8 anni; è fratello di Bruce e fratellastro di Keith e Robert, e di Michael Bowen[8]. Era anche lo zio delle attrici Ever e Martha Plimpton[9]. Studiò musica, composizione[10] e recitazione alla San Francisco State University[11]: servì nell'esercito americano per due anni prima di lavorare come attore televisivo e cinematografico. Ancora agli esordi cambiò il proprio nome in David[12], su consiglio di un produttore per evitare che il pubblico lo potesse confondere con il padre.

CarrieraModifica

Il suo primo ruolo importante (ma non da protagonista) fu quello di 'Big' Bill Shelly nel film America 1929 - Sterminateli senza pietà (1972) di Martin Scorsese, che lo fece conoscere al grande pubblico[4]. Divenne famoso a livello mondiale per il ruolo di Kwai Chang Caine in Kung Fu, serie televisiva degli anni settanta (come anche nel sequel degli anni ottanta e degli anni novanta).

Nel 1976 Carradine interpretò Woody Guthrie in Questa terra è la mia terra (1976) di Hal Ashby, film parzialmente ripreso dall'autobiografia del cantante[13], che ripercorre la storia dei migranti in cerca di fortuna, ambientato negli anni trenta sullo sfondo della grande depressione dove l'attore si esibì nel repertorio del folksinger[14] antesignano del genere country, e in seguito ne incise molti brani della colonna sonora[15]. Suonatore di chitarra, pianoforte e flauto, eseguì alcuni brani di colonne sonore in altri film da lui interpretati, come in Americana, Sonny Boy, e scrisse le musiche di alcuni brani in American Reel[10].

Carradine recitò in Il lungo addio (1973), interpretò il ruolo di Abel Rosenberg nel film L'uovo del serpente (1977) e fu uno dei protagonisti de I cavalieri dalle lunghe ombre (1980) insieme ai fratelli Keith e Robert[12].

Il nuovo secolo si aprì con la riscoperta di Carradine da parte delle nuove generazioni per il ruolo di Bill in Kill Bill: Volume 1 (2003) e vol. 2 (2004), entrambi diretti da Quentin Tarantino.

Apparso anche in numerosi telefilm e film televisivi, come Alias, diresse e interpretò California 436 (1976) e Americana, presentato al Festival di Cannes nel 1981. Apparve nel telefilm americano Streghe, nel ruolo di Tempus. Carradine è conosciuto anche per aver prodotto e interpretato vari video in cui insegna le arti marziali del Tai chi e Qi Gong[16].

Vita privataModifica

Nel 1960 sposò Donna Lee Becht, che aveva conosciuto a Oakland High School. I due ebbero una figlia, Calista (1962), e divorziarono nel 1968[10].

Nel 1968, sul set de Il pistolero di Dio, conobbe l'attrice Barbara Hershey, in seguito sua partner in due episodi di Kung Fu, con la quale ebbe una relazione da cui nacque un figlio, Free (1972)[17]. La carriera della Hershey, bollata come la donna di quello che era definito regular drug-user[18] vivendo come hippy[19], a causa di questa relazione ebbe una battuta d'arresto[20]. Fece scalpore la confessione dei due di non avere finto mentre giravano una scena di sesso sul set di America 1929 - sterminateli senza pietà[21]. La scena di nudo dei due attori fu ricreata in un ritratto fotografico e pubblicata da Playboy[22].

Nel 1975, Carradine ebbe una relazione con l'attrice Season Hubley, conosciuta sul set di Kung Fu[23]. Nel 1977 sposò l'attrice Linda Gilbert, da cui nel 1978 ebbe una figlia, Kansas, e da cui divorziò nel 1983. Dal 1988 al 1997 fu sposato con l'attrice Gail Jensen, e dal 1998 al 2001 con l'attrice Marina Anderson. Nel 2004 sposò la quinta moglie, la produttrice Anne Kirstie Fraser, con cui rimase fino alla morte[12][24].

La morteModifica

Mentre si trovava per un film a Bangkok, il 4 giugno 2009 l'attore venne trovato morto impiccato all'interno della suite del Park Nai Lert Hotel[25]. In un primo momento amici e colleghi pensarono a un suicidio da parte dell'attore[26], a causa delle voci in quel periodo di un possibile cancro e di una vecchiaia da lui non bene accettata[27]. Personale dell'albergo e troupe riferirono infatti che aveva passato i giorni precedenti bevendo continuamente birra[28][29] e in evidente stato euforico.

Le indagini della polizia di Bangkok riveleranno tuttavia che l'attore rimase vittima di un gioco di asfissia autoerotica, finito in tragedia. Carradine infatti venne trovato nudo e con gli organi genitali legati a una corda. Fu confermato (grazie alle telecamere a circuito chiuso) anche il fatto che nessuna persona esterna fosse intervenuta nella sua camera d'albergo. La famiglia Carradine, però, non credendo né all'ipotesi del suicidio né a quella del gioco autoerotico, chiese ufficialmente all'FBI di intervenire nelle indagini a fianco delle autorità thailandesi[30].

David Carradine venne sepolto nel Forest Lawn Memorial Park di Hollywood Hills, California.

FilmografiaModifica

AttoreModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

 
David Carradine in un'immagine di Kung Fu (1972)

DoppiatoreModifica

RegistaModifica

Opere letterarieModifica

DiscografiaModifica

  • Grasshopper, LP, Polydor 1975
  • Grasshopper, LP, Jet Records, 1975
  • Bound for Glory, LP, Original Motion Picture Score, United Artist Recordm, 1976
  • Around / Cosmic Joke, 7", Singolo, Jet Records 1975
  • Jesus Christ , 7", Singolo, United Artists Records, 1976
  • Cosmic Joke / Chicken Song, 7", Singolo, Jet Records, 1976
  • Walk the Floor , 7", Singolo, Coop Records, 1985

PremiModifica

Vincitore:

Candidato:

CuriositàModifica

  • Carradine fa un'apparizione in un episodio della serie Disney, Lizzie McGuire. In questo episodio, in un film di Jet Li si cercano ragazzi dell'età del fratello di Lizzie, Matt, per il ruolo di spalla. Carradine interpreta un vecchio amico del padre di Lizzie, Sam McGuire, che insegna a Matt alcune mosse di Kung Fu per il suo video dell'audizione. Quando domanda come conosce il personaggio di Carradine, Mr. McGuire risponde cripticamente, "He's like a brother to me." (È come un fratello per me). È uno scherzo dell'attore che interpreta Sam, Robert Carradine, che è il fratellastro di David Carradine. In più una gran parte dell'episodio è occupata dalla parodia di Kung Fu (il più famoso progetto di Carradine dopo Kill Bill).
  • David Carradine partecipa anche al video Burning'Up con i Jonas Brothers. Anche qui interpreta un insegnante di Kung Fu che aiuta Kevin a salvare la ragazza carina in pericolo.
  • In un episodio della serie tv Medium, David Carradine interpreta un fantasma che si presenta ad Allison DuBois con le sembianze dell'attore.

Doppiatori italianiModifica

Nelle versioni in italiano dei suoi film, David Carradine è stato doppiato da:

Da doppiatore è sostituito da:

NoteModifica

  1. ^ (EN) Ben Dowell, Kung Fu star and Kill Bill actor David Carradine found dead, in The Guardian, 4 giugno 2009. URL consultato il 31 dicembre 2017.
  2. ^ (EN) David Carradine, 4 giugno 2009. URL consultato il 31 dicembre 2017.
  3. ^ (EN) Arthur Rosenfeld, Ode to Kwai Chang Caine, su Huffington Post, 12 luglio 2009. URL consultato il 31 dicembre 2017.
  4. ^ a b c David Carradine, Lo spirito di Shaolin. La via del kung fu, Edizioni Mediterranee, 1993, ISBN 9788827201985. URL consultato il 1º gennaio 2018.
  5. ^ (EN) Douglas Brode, Shooting Stars of the Small Screen: Encyclopedia of TV Western Actors, 1946–Present, University of Texas Press, 1º gennaio 2010, ISBN 9780292783317. URL consultato il 9 gennaio 2018.
  6. ^ Intervista in inglese sottotitolata in italiano, tratta da "The Making of Kill Bill Vol. 2" in Contenuti speciali, Kill Bill vol. 2, DVD Miramax Home Entertainment.
  7. ^ (EN) Weekly World News, Weekly World News, Weekly World News, 6 luglio 1993. URL consultato il 3 gennaio 2018.
  8. ^ Bill, suo padre e i suoi fratelli - Punto cultura, in Punto cultura, 5 febbraio 2014. URL consultato il 1º gennaio 2018.
  9. ^ Due come noi - Intervista con David Carradine e Michael Madsen su Kill Bill Vol. 2 ∂ Fantascienza.com, in Fantascienza.com. URL consultato il 1º gennaio 2018.
  10. ^ a b c (EN) Who is David Carradine? Everything You Need to Know. URL consultato il 12 gennaio 2018.
  11. ^ (EN) Famous San Francisco State College Alumni, su Biography.com. URL consultato il 1º gennaio 2018.
  12. ^ a b c (EN) David Carradine: Actor who found fame in the 1970s television series, in The Independent, 6 giugno 2009. URL consultato l'8 gennaio 2018.
  13. ^ (EN) Ronald D. Cohen, Woody Guthrie: Writing America's Songs, Routledge, 2012, ISBN 9780415895682. URL consultato il 9 gennaio 2018.
  14. ^ (EN) J. Hoberman, ‘Bound for Glory’ on Video: This Land Was Guthrie’s Land, in The New York Times, 19 febbraio 2016. URL consultato il 3 gennaio 2018.
  15. ^ (EN) Nielsen Business Media Inc, Billboard, Nielsen Business Media, Inc., 11 dicembre 1976. URL consultato il 9 gennaio 2018.
  16. ^ Formati ed edizioni di David Carradine's Tai Chi workout for beginners [WorldCat.org], su www.worldcat.org. URL consultato il 9 gennaio 2018.
  17. ^ (EN) Rob Mackie, Obituary: David Carradine, in The Guardian, 4 giugno 2009. URL consultato il 12 gennaio 2018.
  18. ^ No booze, no bread and no botox! Barbara Hershey, 66, opens up, in Mail Online. URL consultato il 12 gennaio 2018.
  19. ^ See Guy Webster's Iconic Portraits of the Stones, Nico, su Rolling Stone. URL consultato il 12 gennaio 2018.
  20. ^ (EN) Paul Dougan, Happily Hippie: Meet a Modern Ethnicity, Xlibris Corporation, 17 agosto 2017, ISBN 9781543424829. URL consultato il 12 gennaio 2018.
  21. ^ (EN) Jim Sangster, Scorsese: Virgin Film, Random House, 31 agosto 2012, ISBN 9781448133277. URL consultato il 12 gennaio 2018.
  22. ^ (EN) Barbara Hershey Drops Her Hippie Past and a Name, Seagull, and Her Career Finds Wings, in PEOPLE.com. URL consultato il 12 gennaio 2018.
  23. ^ (EN) FAST FACTS: David Carradine Biography, in Fox News, 4 giugno 2009. URL consultato il 12 gennaio 2018.
  24. ^ (EN) Richard E. Burgheim, People weekly yearbook: the year in review, 1996, People Weekly Books, 1996, p. 75, ISBN 9781883013325. URL consultato il 9 gennaio 2018.
  25. ^ (EN) Kung Fu star Carradine found dead, BBC News On line, 4 giugno 2009. URL consultato il 4 giugno 2009.
  26. ^ L'attore David Carradine trovato morto a Bangkok, Repubblica.it, 4 giugno 2009. URL consultato il 4 giugno 2009.
  27. ^ David Carradine: l'orrore (mediatico) dopo la morte Archiviato l'8 giugno 2009 in Internet Archive.
  28. ^ THAILANDIA: CADAVERE CARRADINE RIMPATRIATO NEGLI USA Archiviato l'8 marzo 2016 in Internet Archive.
  29. ^ Carradine, il giorno prima della morte, aveva "bevuto birra dalla mattina alla sera"[collegamento interrotto]
  30. ^ Carradine, la famiglia chiede aiuto all'FBI, Corriere della sera.it, 6 giugno 2009. URL consultato il 6 giugno 2009.

BibliografiaModifica

  • Herbie J. Pilato, The Kung Fu Book of Caine: The Complete Guide to TV's First Mystical Eastern Western, Boston, Charles A. Tuttle, 1993.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN84971393 · ISNI (EN0000 0000 7141 4172 · Europeana agent/base/149413 · LCCN (ENn94092129 · GND (DE119403366 · BNF (FRcb13173231r (data) · BNE (ESXX932602 (data) · NLA (EN35224895 · WorldCat Identities (ENlccn-n94092129