Apri il menu principale

Gran Premio del Brasile

Gran Premio di Formula 1
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la gara motociclistica, vedi Gran Premio motociclistico del Brasile.
Gran Premio del Brasile
SportCasco Kubica BMW.svg Automobilismo
CategoriaFormula 1
FederazioneFIA
PaeseBrasile Brasile
LuogoCircuito di Interlagos
CadenzaAnnuale
FormulaGran Premio di Formula 1
Storia
Fondazione1972; valevole per il mondiale dal GP 1973
Numero edizioni47 (di cui 46 valevoli per il mondiale di Formula 1)
Ultima edizioneGP 2018

Il Gran Premio del Brasile (Grande Prêmio do Brasil) è una gara automobilistica valida per il campionato del mondo di Formula 1 che si svolge a partire dal 1973, (l'anno precedente, nel 1972, si svolse un Gran Premio di F1 non valido per il mondiale, vinto da Carlos Reutemann), spesso posta come prima, o ultima, gara della stagione, per sfruttare l'estate australe.

StoriaModifica

Dopo le prime edizioni sul circuito di Interlagos alla periferia di San Paolo, la corsa si è spostata per quasi tutti gli anni'80 sul circuito di Jacarepaguá vicino a Rio de Janeiro per poi ritornare a Interlagos, recentemente ridisegnato. Nel 2004 la corsa è stata spostata da aprile a ottobre per evitare il rischio di pioggia torrenziale che ha segnato nell'ultima edizione, mentre per il 2006 si pensò a uno slittamento a novembre, per facilitare un calendario del campionato sempre più denso di gare.

Il 25 settembre 2005 per la prima volta un titolo mondiale piloti è stato assegnato matematicamente durante il Gran Premio del Brasile, con la vittoria di Fernando Alonso su Renault, giunto terzo nella gara vinta da Juan Pablo Montoya.

Stessa situazione accade l'anno dopo, con Alonso che difende il vantaggio accumulato su Michael Schumacher e bissa il titolo, mentre la gara è vinta da Felipe Massa.

Il 21 ottobre 2007 per la terza volta il titolo mondiale piloti è stato assegnato ad Intelagos. Kimi Räikkönen su Ferrari vince la gara e grazie al secondo posto del compagno Felipe Massa, al terzo posto di Fernando Alonso su McLaren-Mercedes e soprattutto al settimo posto di Lewis Hamilton sempre su McLaren-Mercedes riesce a recuperare i 7 punti di distacco da quest'ultimo, conquistando il titolo iridato con 1 solo punto di scarto dalla coppia McLaren-Mercedes.

A novembre 2008, altra gara decisiva. Gli ultimi giri sono rocamboleschi: verso la fine della gara cade una forte pioggia e tutte le auto tranne le Toyota cambiano gomme. A 3 giri dalla fine Sebastian Vettel si porta al quarto posto, favorendo indirettamente Massa, che vincendo e sperando che Hamilton non arrivi almeno quinto può aggiudicarsi il Mondiale, ma a 3 curve dalla fine della stagione il britannico sorpassa Timo Glock, che non aveva cambiato gomme, e strappa il titolo al brasiliano. Anche nel 2009 venne assegnato il titolo piloti, a Jenson Button, mentre nel 2010 venne assegnato quello costruttori, alla Red Bull Racing.

Il Gran Premio del Brasile è stato anche presente nei calendari Formula Libre dal 1928 fino alla metà degli anni '50, e si è svolto nel circuito di Interlagos.

Albo d'oroModifica

Gare non valide per il mondialeModifica

Anno Circuito Pilota Vettura Resoconto
1972 Interlagos   Carlos Reutemann   Brabham-Ford Resoconto

Gare valide per il mondialeModifica

Anno Circuito Pilota Vettura Resoconto
1973 Interlagos   Emerson Fittipaldi   Lotus-Ford Resoconto
1974 Interlagos   Emerson Fittipaldi   McLaren-Ford Resoconto
1975 Interlagos   Carlos Pace   Brabham-Ford Resoconto
1976 Interlagos   Niki Lauda   Ferrari Resoconto
1977 Interlagos   Carlos Reutemann   Ferrari Resoconto
1978 Jacarepaguá   Carlos Reutemann   Ferrari Resoconto
1979 Interlagos   Jacques Laffite   Ligier-Ford Resoconto
1980 Interlagos   René Arnoux   Renault Resoconto
1981 Jacarepaguá   Carlos Reutemann   Williams-Ford Resoconto
1982 Jacarepaguá   Alain Prost   Renault Resoconto
1983 Jacarepaguá   Nelson Piquet   Brabham-BMW Resoconto
1984 Jacarepaguá   Alain Prost   McLaren-TAG Porsche Resoconto
1985 Jacarepaguá   Alain Prost   McLaren-TAG Porsche Resoconto
1986 Jacarepaguá   Nelson Piquet   Williams-Honda Resoconto
1987 Jacarepaguá   Alain Prost   McLaren-TAG Porsche Resoconto
1988 Jacarepaguá   Alain Prost   McLaren-Honda Resoconto
1989 Jacarepaguá   Nigel Mansell   Ferrari Resoconto
1990 Interlagos   Alain Prost   Ferrari Resoconto
1991 Interlagos   Ayrton Senna   McLaren-Honda Resoconto
1992 Interlagos   Nigel Mansell   Williams-Renault Resoconto
1993 Interlagos   Ayrton Senna   McLaren-Ford Resoconto
1994 Interlagos   Michael Schumacher   Benetton-Ford Resoconto
1995 Interlagos   Michael Schumacher   Benetton-Renault Resoconto
1996 Interlagos   Damon Hill   Williams-Renault Resoconto
1997 Interlagos   Jacques Villeneuve   Williams-Renault Resoconto
1998 Interlagos   Mika Häkkinen   McLaren-Mercedes Resoconto
1999 Interlagos   Mika Häkkinen   McLaren-Mercedes Resoconto
2000 Interlagos   Michael Schumacher   Ferrari Resoconto
2001 Interlagos   David Coulthard   McLaren-Mercedes Resoconto
2002 Interlagos   Michael Schumacher   Ferrari Resoconto
2003 Interlagos   Giancarlo Fisichella   Jordan-Ford Resoconto
2004 Interlagos   Juan Pablo Montoya   Williams-BMW Resoconto
2005 Interlagos   Juan Pablo Montoya   McLaren-Mercedes Resoconto
2006 Interlagos   Felipe Massa   Ferrari Resoconto
2007 Interlagos   Kimi Räikkönen   Ferrari Resoconto
2008 Interlagos   Felipe Massa   Ferrari Resoconto
2009 Interlagos   Mark Webber   RBR-Renault Resoconto
2010 Interlagos   Sebastian Vettel   RBR-Renault Resoconto
2011 Interlagos   Mark Webber   RBR-Renault Resoconto
2012 Interlagos   Jenson Button   McLaren-Mercedes Resoconto
2013 Interlagos   Sebastian Vettel   RBR-Renault Resoconto
2014 Interlagos   Nico Rosberg   Mercedes Resoconto
2015 Interlagos   Nico Rosberg   Mercedes Resoconto
2016 Interlagos   Lewis Hamilton   Mercedes Resoconto
2017 Interlagos   Sebastian Vettel   Ferrari Resoconto
2018 Interlagos   Lewis Hamilton   Mercedes Resoconto

StatisticheModifica

Le statistiche si riferiscono alle sole edizioni valide per il campionato del mondo di Formula 1 e sono aggiornate al Gran Premio del Brasile 2018.

Vittorie per costruttoreModifica

Pos. Costruttore Vittorie
1   McLaren 12
2   Ferrari 11
3   Williams 6
4   Red Bull 4
=   Mercedes 4
6   Brabham 2
=   Renault 2
=   Benetton 2
9   Lotus 1
=   Ligier 1
=   Jordan 1

Vittorie per motoreModifica

Pos. Motore Vittorie
1   Ferrari 11
2   Renault 10
3   Mercedes 9
4   Ford-Cosworth 8
5   TAG Porsche 3
=   Honda 3
7   BMW 2

Pole position per costruttoreModifica

Pos. Costruttore Pole
1   McLaren 11
2   Williams 10
3   Ferrari 7
4   Mercedes 5
5   Lotus 4
6   Renault 3
7   Red Bull 2
8   Shadow 1
=   Ligier 1
=   Brabham 1
=   Brawn 1

Pole position per motoreModifica

Pos. Motore Pole
1   Renault 13
2   Mercedes 10
3   Ford-Cosworth 9
4   Ferrari 7
5   Honda 5
6   BMW 1
=   Cosworth 1

Giri veloci per costruttoreModifica

Pos. Costruttore GPV
1   Williams 10
=   McLaren 10
3   Ferrari 8
4   Red Bull 5
5   Benetton 3
=   Mercedes 3
7   Shadow 2
=   Renault 2
9   Lotus 1
=   Ligier 1
=   Ensign 1
=   Brabham 1

Giri veloci per motoreModifica

Pos. Motore GPV
1   Renault 11
2   Ford-Cosworth 8
=   Ferrari 8
=   Mercedes 8
5   BMW 4
6   Honda 3
7   TAG Porsche 2
=   Tag Heuer 2

Podi per costruttoreModifica

Pos. Costruttore Podi
1   McLaren 31
=   Ferrari 31
3   Williams 17
4   Lotus 9
=   Red Bull 9
6   Mercedes 8
7   Benetton 7
8   Renault 6
9   Brabham 3
=   Ligier 3
=   Jordan 3
12   Tyrrell 2
13   Shadow 1
=   Copersucar 1
=   Arrows 1
=   March 1
=   Prost 1
=   Sauber 1
=   Honda 1
=   BMW Sauber 1

Podi per motoreModifica

Pos. Motore Podi
1   Ferrari 31
2   Ford-Cosworth 28
=   Renault 28
4   Mercedes 22
5   Honda 11
6   TAG Porsche 4
=   BMW 4
8   Mugen Honda 3
9   Tag Heuer 2
10   Alfa Romeo 1
=   Judd 1
=   Playlife 1
=   Petronas 1

Punti per costruttoreModifica

Pos.[5] Costruttore Punti
1   Ferrari 430
2   McLaren 339
3   Red Bull 247
4   Mercedes 232
5   Williams 179
6   Renault 70
7   Lotus 64
8   Benetton 62
9   Force India 55
10   Ligier 30

Punti per motoreModifica

Pos.[5] Motore Punti
1   Mercedes 540
2   Ferrari 473
3   Renault 365
4   Ford-Cosworth 237
5   Honda 92
6   Tag Heuer 67
7   BMW 52
8   TAG Porsche 31
9   Mugen Honda 17
10   Toyota 12

NoteModifica

  1. ^ Minimo 2 vittorie
  2. ^ Minimo 2 pole
  3. ^ Minimo 2 giri veloci
  4. ^ Minimo 4 podi.
  5. ^ a b c Prime 10 posizioni.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica