Hrvatski Nogometni klub Cibalia Vinkovci

società calcistica croata
H.N.K. Cibalia
Calcio Football pictogram.svg
Logo Cibalia.png
Nebesko plavi (I "Blu cielo")
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali 600px Celeste e Nero.png Celeste, nero
Dati societari
Città Vinkovci
Nazione Croazia Croazia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Croatia.svg HNS
Campionato 2. HNL
Fondazione 1919
Presidente Croazia Željko Čulo
Allenatore Croazia Petar Tomić
Stadio Cibalia
(9 958 posti)
Sito web www.hnk-cibalia.hr
Palmarès
Si invita a seguire il modello di voce

Lo Hrvatski nogometni klub Cibalia, meglio noto come Cibalia (o Dinamo Vinkovci durante gli anni della Jugoslavia socialista), è una società calcistica con sede a Vinkovci, una città nella regione di Vukovar e della Sirmia in Croazia.

È stato fondato nel 1919 e attualmente milita nella Druga HNL, la seconda divisione in Croazia. Si posiziona al 29º posto nella classifica perpetua della Prva Liga Jugoslava.

Il nome "Cibalia" deriva da Colonia Aurelia Cibalae, il nome dell'insediamento romano che sorgeva nel luogo dell'attuale Vinkovci. "Cibalia" in illirico significava "collina".[1]

StoriaModifica

Il club viene fondato il 7 maggio 1919, su iniziativa di un gruppo di persone guidato da Slavko Janković, nell'Hotel Slavonija. Viene eletto presidente Đuro Topalović e si decide quale sarà lo statuto del club: se accademico (akademski), civico (građanski), calcistico (nogometni) o sportivo (športski), e quale sarà il nome fra Cibalia o Graničar. Prevale l'opinione di Slavko Janković, insieme a Mišo Zambeli, principale fondatore dell'assemblea fondatrice e primo capitano del club: nasce così il polisportivo Građanski športski klub Cibalia Vinkovci. I colori sociali sono il bianco ed il nero, sebbene in campo la squadra si presenti in maglia viola e pantaloni bianchi (al momento hanno solo maglie viola a disposizione). Il primo campo di gioco è a Vašarište e la prima partita viene disputata contro lo ŽŠK Vinkovci (sconfitta 2-3). Successivamente il Cibalia incrocia anche squadre di altre città come lo Slavija Osijek (al tempo la miglior squadra della Slavonia) ed il ŠK Mitrovica.

Nel 1920 vince il primo titolo: battendo il ŠK Đakovo, il Cibalia diviene campione della "Župa" (parrocchia, al tempo le sottofederazioni calcistiche sono divise in parrocchie). Nel 1921 bissa il successo e diviene anche campione della provincia di Zagabria. Poco tempo dopo GŠK Cibalia e ŽŠK si fondono nel Željezničarski građanski športski klub Cibalia (Circolo sportivo civico ferroviario Cibalia).

Nel maggio 1931 viene inaugurato il nuovo stadio a Leni, su un terreno di proprietà del comune che viene dato in affitto al Cibalia per 99 anni. Nell'estate del 1939, una tribuna di legno viene distrutta da un incendio, ma la dirigenza del club, guidata da Martin Baling, raccoglie rapidamente i fondi per costruirne una nuova. Un anno dopo il Cibalia acquista il terreno e ne diviene proprietario.

Negli anni '30 nasce la rivalità cittadina fra Cibalia (bianconeri) e Sloga (biancorossi): ai derby accorrono più di mille spettatori.

Durante la seconda guerra mondiale a Vinkovci si continua a giocare a calcio. Il 12 ottobre 1941 viene aperta una nuova tribuna da 230 posti, che mantiene lo stesso aspetto fino al 2009, quando viene distrutta da un incendio.

Nel 1943 e 1944, a causa della situazione bellica, è molto difficile giocare a calcio. Ciononostante l'attività continua, le partite vengono disputate al mattino, così da permettere ai calciatori di tornare a casa lo stesso giorno. Nel maggio 1944, nonostante le difficoltà, viene celebrato il 25º anniversario del club e viene ospitato per un'amichevole il Građanski Zagabria.

Dopo il ritiro delle forze di occupazione tedesche il 13 aprile 1945 e l'insediamento di un nuovo governo, si rinnova la vita culturale e sportiva della città. La prima seduta del Cibalia viene tenuta il 27 settembre 1945, ma è molto difficile mantenere il nome del club. Viene effettuata una fusione con il OFD Spartak (una neonata squadra concittadina) a formare il FD Graničar, che a sua volta, il 25 febbraio 1947, viene fuso con lo Sloga: viene così creata la FD Dinamo Vinkovci.

Nella stagione 1948-49 la Dinamo partecipa alla Hrvatska republička liga e raggiunge gli ottavi di Coppa di Jugoslavia. Nel 1952 milita nella Osječka podsavezna liga (sottofederazione di Osijek), nel 1953 nella lega della Slavonia, e nel 1954 vince la Podsavezna liga Slavonski Brod (sottofederazione di Slavonski Brod). Nel 1955 giunge in terza divisione e Nikola Mika Blažanin diviene presidente, carica che tiene per due decenni e mezzo.

A metà del 1961 inizia la costruzione dello stadio dove la squadra si esibisce tutt'ora. In due anni l'opera è completata e l'inaugurazione si tiene il 25 maggio 1963, in occasione della "Giornata della Gioventù" (in croato "Dan mladosti", per questo l'impianto viene chiamato Stadion Mladosti). Di fronte a 12000 spettatori Dinamo e Velež Mostar pareggiano 2-2.

Nella stagione 1967-68 la Dinamo vince il campionato della Slavonia, ciò gli permette di accedere agli spareggi ove supera Zadar ed Orijent, accedendo così alla 2. Savezna liga. Protagonisti di questo successo sono Tonko Vukušić, Marijan Nosić, Dorđe Mirčetić, Skeleđija, Bručić e Šesto.

Nella stagione 1972-73 si piazza al settimo posto in Druga liga Nord: questo la costringe, vista la ristrutturazione del campionato di seconda divisione da 4 a 2 gironi, a disputare uno spareggio contro il Rovigno (vincitore degli spareggi croati di terza divisione). La Dinamo vince e rimane in Druga liga, ma solo per una stagione. Nel 1976 vince la Hrvatska liga (con Dražen Jerković allenatore, poi rilevato da Otto Barić) e torna in seconda divisione, fino al 1982, quando approda nella massima serie. Tomislav Ledić viene nominato presidente del club.

Nel 1977 si festeggia il 30º anniversario della Dinamo. A luglio viene disputata, di fronte a 10000 spettatori, un'amichevole contro la Dinamo Zagabria, pochi giorni dopo contro l'Hajduk Spalato e ad agosto contro l'Osijek. In quell'anno viene rinnovato lo stadio ed inizia la costruzione di due campi ausiliari.

Sotto la guida di Tonko Vukušić, la Dinamo ottiene il suo trionfo più grande: la promozione in Prva liga. Il 6 giugno 1982, di fronte a 15000 spettatori, il diretto concorrente Čelik Zenica viene schiantato 5-0 grazie a Sulejman Halilović (tripletta), Nenad Lušić e Ivica Tunjić. I protagonisti di questa trionfale stagione sono Tomislav Radić, Stevo Bogdan, Branko Mlinar, Svetozar Mirosavljević, Ilija Radić, Dušan Kesić, Nedan e Srećko Lušić, Ivica Tunjić, Milorad Rajović e Sulejman Halilović, quest'ultimo viene ricordato come il miglior giocatore della storia della Dinamo/Cibalia.

Il 5 ottobre 1990 il club torna al vecchio nome Cibalia e, essendo fra le migliori 12 squadre croate, viene inserito nella neoformata Prva HNL. L'esordio avviene il 28 febbraio 1992 contro lo HAŠK Građanski davanti a 6000 spettatori allo Stadio Maksimir (vittoria 2-0 dei zagabresi). Il Cibalia è allenato da Mile Petković con il suo assistente Stanko Mršić e schiera: Mrmić, Perišić, Jozinović, Zahirović, Raguž, Goran e Mario Meštrović, Halilović, Plavšić, Čop e Markovinović. A causa del pericolo e dei frequenti bombardamenti su Vinkovci, il Cibalia non può giocare nella sua città in quella stagione, quindi le partite interne vengono disputate cinque volte a Đakovo, quattro volte a Požega e una volta a Zagabria e Čakovec. Il primo gol del Cibalia in 1. HNL è segnato da Goran Meštrović.

Alla fine della stagione 1996-97 avviene la prima retrocessione dalla Prva HNL. Ma in due anni il club ritorna nella massima divisione e raggiunge la finale della Coppa di Croazia. L'avversario è l'Osijek, la data il 30 maggio 1999 ed il luogo lo Stadio Maksimir. Jure Jurić porta il Cibalia in vantaggio, ma allo scadere gli avversari pareggiano e, nei tempi supplementari in 11 contro 9, passa in vantaggio e conquista il trofeo. Il Cibalia fa il suo esordio nelle coppe europee nella Coppa Intertoto UEFA 2000; nel primo turno elimina i serbi del Obilić (3-1 e 1-1), ma nel secondo cede contro gli ungheresi del Tatabánya (2-3 e 0-0).

Il Cibalia fa la seconda appaarizione europea nella Coppa Intertoto UEFA 2003: dopo aver eliminato Shakhtyor (BLR) e Tampere United (FIN), deve arrendersi in semifinale contro i tedeschi del Wolfsburg che superano i "blu cielo" per un totale di 8-1. In campionato arriva la seconda retrocessione, sebbene anche stavolta la permanenza in seconda divisione sia di breve durata: nonostante una penalizzazione di 6 punti, il Cibalia domina il campionato e batte nettamente il Novalja, tornando così nella massima divisione.

Lo Stadio Cibalia viene rinnovato nel 2008 e nel 2010. Vengono installati i riflettori per le gare in notturna, viene creata una pista d'atletica, vengono posti nuovi seggiolini per le tribune est ed ovest, arrivano nuove panchine per i giocatori di riserva, viene allestita una tribuna VIP ed appare un nuovo megaschermo sulla tribuna sud. Altre migliorie vengono attuate nel 2018 in occasione della finale di Coppa di Croazia fra Dinamo e Hajduk, disputata proprio a Vinkovci.

Nel 2009 il club festeggia il 90º anniversario e per l'occasione la nazionale croata viene a disputare un incontro contro il Liechtenstein a Vinkovci il 14 ottobre.

Nella stagione 2009-10 il Cibalia raggiunge il suo punto più alto. Allenati da Stanko Mršić i "blu cielo" si piazzano al terzo posto a soli 5 punti dalla vincitrice Dinamo (se avessero vinto ad Osijek all'ultima giornata, sarebbero arrivati secondi). Questo piazzamento consente di partecipare alla UEFA Europa League 2010-2011, dove però vengono subito eliminati a sorpresa dai nordirlandesi del Cliftonville.

Nel 2011 il club diviene una società per azioni e l'azionista di maggioranza è il Comune di Vinkovci. Però questo cambiamento non porta miglioramenti significativi sul piano sportivo, così il Cibalia retrocede per la terza volta al termine della stagione 2012-13, sebbene solo un mese prima abbia disputato la semifinale di Coppa di Croazia. Per il ritorno nella massima serie bisogna aspettare il 25 maggio 2016 quando, nello scontro diretto allo Stadio Šubićevac, il Cibalia pareggia contro il Sebenico ed ottiene la promozione (i "blu cielo" avevano recuperato 11 punti di distacco sugli "arancioni").

Alla fine della stagione 2017-18 il club retrocede nuovamente, ma, a causa di problemi finanziari, non ottiene la licenza per la Druga HNL e quindi deve iscriversi in terza divisione. Comunque il Cibalia vince il campionato e nel maggio 2019 festeggia il 100º anniversario della fondazione ed ottiene la licenza per la seconda divisione.

Fonte : Sito ufficiale: storia del club

CronistoriaModifica

Cronistoria del HNK Cibalia
  • 1947-48 – 5º in II. zona Prvenstva Hrvatske
Primo turno in Coppa di Jugoslavia
  • 1948-49 – 1º in II. zona prvenstva NR Hrvatske
16esimi di finale in Coppa di Jugoslavia
  • 1950 – 7º in Hrvatska liga
32esimi di finale in Coppa di Jugoslavia
  • 1951 – 2º in Hrvatska liga Nord
  • 1952 – 3º in Hrvatska liga (gir. Osijek)
  • 1952-53 – 3º in Podsavezna liga NP Osijek
  • 1953-54 – 2º in Podsavezna liga NP Osijek
  • 1954-55 – 1º in Podsavezna liga NP Brod. Promosso
  • 1955-56 – 11º in 2. liga (III Zona). Retrocesso
  • 1956-57 – 1º in Podsavezna liga NP Brod. Promosso
  • 1957-58 – 14º (ultimo) 2. liga (III Zona). Retrocesso
  • 1958-59 – 10º in Slavonska zona. Retrocesso
  • 1959-60 – 2º in Podsavezna liga NP Vinkovci. Promosso
  • 1960-61 – 7º in Slavonska zona
  • 1961-62 – 3º in Slavonska zona
  • 1962-63 – 3º in Slavonska zona
  • 1963-64 – 4º in Slavonska zona
  • 1964-65 –
  • 1965-66 – 4º in Slavonska zona
  • 1966-67 – 2º in Slavonska zona
  • 1967-68 – 1º in Slavonska zona. Promosso
  • 1968-69 – 13º in 2. liga Nord
  • 1969-70 – 8º in 2. liga Nord
  • 1970-71 – 8º in 2. liga Nord
  • 1971-72 – 15º in 2. liga Nord
  • 1972-73 – 7º in 2. liga Nord. Salvo dopo spareggi
  • 1973-74 – 16º in 2. liga Ovest
  • 1974-75 – 1º in Hrvatska liga
  • 1975-76 – 11º in 2. liga Ovest
  • 1976-77 – 4º in 2. liga Ovest
Quarti di finale in Coppa di Jugoslavia
Ottavi di finale in Coppa di Jugoslavia
Ottavi di finale in Coppa di Jugoslavia
16esimi di finale in Coppa di Jugoslavia
Ottavi di finale in Coppa di Jugoslavia
16esimi di finale in Coppa di Jugoslavia
16esimi di finale in Coppa di Jugoslavia
  • 1986-87 – 15º in 1. liga. Retrocesso
16esimi di finale in Coppa di Jugoslavia
16esimi di finale in Coppa di Jugoslavia
Ottavi di finale in Coppa di Jugoslavia
16esimi di finale in Coppa di Jugoslavia
Ottavi di finale in Coppa di Croazia
Ottavi di finale in Coppa di Croazia
Quarti di finale in Coppa di Croazia
Ottavi di finale in Coppa di Croazia
  • 1996-97 – 13º in 1. HNL "A". Retrocesso dopo gli spareggi
16esimi di finale in Coppa di Croazia
  • 1997-98 – 1º in 2. HNL Ovest. Promosso dopo gli spareggi
16esimi di finale in Coppa di Croazia
Finalista in Coppa di Croazia
Semifinalista in Coppa di Croazia
Secondo turno in Coppa Intertoto UEFA
Ottavi di finale in Coppa di Croazia
16esimi di finale in Coppa di Croazia
Quarti di finale in Coppa di Croazia
  • 2003-04 – 11º in 1. HNL. Retrocesso dopo spareggio
Semifinalista in Coppa Intertoto UEFA
Semifinalista in Coppa di Croazia
  • 2004-05 – 1º in 2. HNL Sud. Promosso dopo spareggio
16esimi di finale in Coppa di Croazia
Ottavi di finale in Coppa di Croazia
Quarti di finale in Coppa di Croazia
Quarti di finale in Coppa di Croazia
Quarti di finale in Coppa di Croazia
16esimi di finale in Coppa di Croazia
Semifinalista in Coppa di Croazia
Secondo turno preliminare in UEFA Europa League
Semifinalista in Coppa di Croazia
  • 2012-13 – 11º in 1. HNL. Retrocesso
Semifinalista in Coppa di Croazia
  • 2013-14 – 2º in 2. HNL. Perde lo spareggio-promozione
Ottavi di finale in Coppa di Croazia
Ottavi di finale in Coppa di Croazia
  • 2015-16 – 1º in 2. HNL. Promosso
Ottavi di finale in Coppa di Croazia
  • 2016-17 – 9º in 1. HNL. Salvo dopo spareggio
Ottavi di finale in Coppa di Croazia
  • 2017-18 – 10º (ultimo) in 1. HNL. Retrocesso'[2]
Ottavi di finale in Coppa di Croazia
16esimi di finale in Coppa di Croazia
  • 2019-20 – 16º (ultimo) in 2. HNL
16esimi di finale in Coppa di Croazia
16esimi di finale in Coppa di Croazia

StruttureModifica

 
Stadion HNK Cibalia

StadioModifica

Il club disputa le partite allo Stadion HNK Cibalia, un impianto con una capienza di 9958 posti[3]. È stato costruito nel 1966 e fino al 1992 si è chiamato Stadion Mladosti (stadio della gioventù), nome comunemente usato dai tifosi anche oggi.

Allenatori e presidentiModifica

     

CalciatoriModifica

  Le singole voci sono elencate nella Categoria:Calciatori del H.N.K. Cibalia Vinkovci
   

OrganicoModifica

Rosa 2017-2018Modifica

Aggiornata al 1º settembre 2017.

N. Ruolo Giocatore
1   P Zvonimir Šubarić
2   C Matej Karačić
3   D Petar Rubić
4   D Ivan Zgrablić
5   D Marko Karamarko
6   C Zvonimir Milić
7   C Luka Muženjak
8   D Frane Ikić
9   A Marko Dabro
10   C Marko Pervan
12   P Marko Ivkić
13   C Zvonimir Filipović
15   C Mate Crnčević
17   C Hrvoje Plum
18   A Ante Kordić
20   A Marko Kraljević
21   C Valentino Stepčić
22   C Frane Vitaić
N. Ruolo Giocatore
25   A Marko Mlakic
26   A Ivan Miličević
28   C Armend Dalipi
93   D Špiro Peričić
97   A Ivan Galić
  A Frane Vojković
  D Benjamin Karaula
  P Stipe Nevistić
  P Ivan Brkić
  C Marijan Oršolić
  A Vlatko Šimunac
  P Mladen Matković
  D Lukas Ćuljak
  A Marko Martinković
  C Matej Šorli
  D Fran Sutalo
  D Luka Kukrika

Rosa 2016-2017Modifica

N. Ruolo Giocatore
2   D Matej Karacic
4   D Ivan Zgrablić
5   D Jure Jerbić
6   C Josip Tomašević
7   C Marko Pervan
9   A Marko Dabro
13   A Edi Baša
15   C Mate Crnčević
17   C Luka Mijoković
18   D Filip Žderić
21   A Vlatko Šimunac
22   C Frane Vitaić
24   A Matej Grafina
N. Ruolo Giocatore
26   A Marko Martinković
28   C Matija Mišić
89   P Mladen Matković
  C Zvonimir Filipović
  C Mile Zelenika
  C Jamal Khatib
  D Tomislav Čuljak
  D Luka Muženjak
  P Marko Ivkić
  P Zvonimir Šubarić
  D Fran Šutalo
  C Florian Abramović

PalmarèsModifica

Competizioni nazionaliModifica

1981-1982 (girone ovest)
1997-1998 (girone Est), 2015-2016

Competizioni giovaniliModifica

2008-2009

Altri piazzamentiModifica

Terzo posto: 1979-1980 (girone ovest), 1980-1981 (girone ovest), 1987-1988 (girone ovest)
Terzo posto: 2009-2010
Finalista: 1998-1999
Semifinalista: 1999-2000, 2003-2004, 2008-2009, 2010-2011, 2011-2012, 2012-2013
Secondo posto: 2013-2014
Semifinalista: 2003

TifoseriaModifica

I tifosi più accesi del Cibalia sono i componenti degli Ultrasi. Il gruppo è nato nel 1982, l'anno dell'esordio della squadra in Prva liga jugoslava.[4]

NoteModifica

  1. ^ Storia di Vinkovci
  2. ^ Il Cibalia non ottiene la licenza per la 2.HNL e retrocede direttamente in 3.HNL, vedi index.hr
  3. ^ europlan-online.de
  4. ^ facebook

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN5197151595778305470007
  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio