Apri il menu principale

Stefano Colantuono

allenatore di calcio, ex calciatore ed ex calciatore di calcio a 5 italiano
Stefano Colantuono
Stefano Colantuono.jpg
Colantuono nel 2007
Nazionalità Italia Italia
Altezza 184[1] cm
Peso 79[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Ritirato 2002 - giocatore
Carriera
Squadre di club1
1981-1983VJS Velletri46 (2)
1983-1984Ternana16 (3)
1984-1985Arezzo36 (1)
1985-1986Pisa24 (0)
1986-1988Avellino53 (2)
1988-1989Como23 (1)
1989-1991Ascoli38 (0)
1992-1993Frosinone27 (1)
1993-1994Fermana28 (5)
1994-1995Sambenedettese25 (2)
1995-1999Maceratese113 (6)
1999-2000Sestrese34 (2)
2000-2002Sambenedettese31 (5)
Carriera da allenatore
2002-2003Sambenedettese
2003-2004Catania
2004-2005Perugia
2005-2007Atalanta
2007-2008Palermo
2009-2010Torino
2010-2015Atalanta
2015-2016Udinese
2016-2017Bari
2017-2018Salernitana
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Calcio a 5 Futsal pictogram.svg
Ritirato 1992
Carriera
Squadre di club
1991-1992BNL Roma
Statistiche aggiornate al 18 dicembre 2018

Stefano Colantuono (Roma, 23 ottobre 1962) è un allenatore di calcio, ex calciatore e giocatore di calcio a 5 italiano di ruolo difensore.

Caratteristiche tecnicheModifica

GiocatoreModifica

Da giocatore è stato difensore alto e roccioso. Giocava principalmente da difensore centrale o da libero.[2]

CarrieraModifica

GiocatoreModifica

 
Colantuono (in piedi, terzo da destra) nel Pisa del 1985-1986

La carriera da calciatore ha inizio nella stagione 1981-1982 col Velletri nel campionato Interregionale. Dopo due anni si trasferisce in Serie C1 alla Ternana. La stagione successiva passa all'Arezzo dove esordisce in Serie B.

Nel 1985 esordisce in Serie A con la maglia del Pisa. Coi nerazzurri vince la Coppa Mitropa in finale col Debrecen terminata 2-0 con una sua rete e una di Kieft.

L'anno successivo passa all'Avellino, in Serie A. Dopo due anni approda al Como. Nella stagione 1989-90 si trasferisce all'Ascoli dove rimane due stagioni (una in Serie A, una in Serie B).

 
Ritorno al calcio a 11 col Frosinone ('92)

Nella stagione 1991-1992, non trovando l'accordo per svincolarsi dalla società bianconera, si dedicò al calcio a 5 vincendo lo scudetto con la BNL Roma.[2]

Nel 1992 torna al calcio a 11, militando nel Frosinone nel Campionato Nazionale Dilettanti. L'anno successivo vince il campionato con la maglia della Fermana (sempre in CND) con promozione in Serie C2.

Successivamente, la carriera di Colantuono prosegue tra serie C2 e serie D, condotta in gran parte nelle Marche con la Maceratese e Sambenedettese con la quale giocherà una prima volta nel campionato 1994-995. Nel 2002, nelle file della Sambenedettese, si ritira.[2]

AllenatoreModifica

Gli inizi nelle squadre di GaucciModifica

Nel marzo 2002 inizia la carriera di allenatore alla Sambenedettese del presidente Luciano Gaucci, a nove giornate dal termine del campionato e con la squadra nei bassifondi della classifica.[3][4] Con 9 vittorie consecutive agguanta il 5º posto, l'ultimo valido per i play-off promozione in Serie C1. La Sambenedettese passa in semifinale contro il Rimini (2-2 all'andata, 1-0 al ritorno) e incontra in finale il Brescello. L'andata della finale disputata a San Benedetto del Tronto vede la squadra di casa imporsi 3-1, sette giorni dopo avviene la promozione sul campo neutro di Parma. Non avendo ancora il patentino di allenatore, è affiancato da Gabriele Matricciani alla guida della squadra per la stagione seguente. La squadra conquista il 5º posto, utile per i play-off.

La stagione successiva, sempre in coppia con Matricciani passa al Catania in Serie B (squadra gestita da Gaucci) dove ritrova il direttore sportivo Guido Angelozzi. La squadra finisce la stagione al 9º posto con 18 vittorie (record degli etnei in una singola stagione di Serie B), 13 pareggi e 15 sconfitte.

L'anno successivo rimane nelle squadre di Gaucci, passando al Perugia appena retrocesso in Serie B. La squadra vince 21 partite su 42 ed ottiene così il quarto posto in classifica, con successiva qualificazione per la finale play-off, persa poi col Torino.

Prima esperienza a BergamoModifica

Anche a causa del fallimento della squadra umbra[4], il tecnico passa all'Atalanta in Serie B. Il girone d'andata è positivo: i nerazzurri conquistano infatti 8 punti in trasferta, ma in compenso in casa vincono tutte le gare disputate, terminando quindi il girone d'andata al terzo posto in classifica con 38 punti in 21 partite, dietro a Mantova (42 punti) e Catania (39 punti). Nel girone di ritorno, grazie anche all'arrivo a gennaio di Riccardo Zampagna ed alla vittoria nello scontro diretto contro il Mantova, i bergamaschi ottengono un rendimento ancora migliore, conquistando 43 punti in 21 partite. La promozione arriva il 6 maggio 2006 sul campo del Catanzaro[5]; finisce la stagione con 81 punti avuti in 24 vittorie, 9 pareggi e 9 sconfitte.

L'anno successivo guida l'Atalanta in Serie A, concludendo all'ottavo posto con 50 punti[6]

Palermo e TorinoModifica

A fine stagione lascia l'Atalanta, nonostante un contratto appena rinnovato per altri due anni, ed accetta la proposta di Maurizio Zamparini di allenare il Palermo. All'esordio in campionato, perde 0-2 in casa con la Roma ma la squadra naviga in zone alte della classifica, da sottolineare un successo per 2-1 in casa contro il Milan campione d'Europa in carica. Nelle seguenti otto partite, la squadra fa otto punti ma Il 26 novembre 2007, in seguito alla sconfitta 5-0 patita il giorno prima a Torino con la Juventus, è esonerato dall'incarico di allenatore e al suo posto viene richiamato Francesco Guidolin. Circa quattro mesi dopo, il 24 marzo 2008, è richiamato alla guida del Palermo dopo l'esonero di Guidolin. La sua seconda gestione, in cui schiera la squadra col 4-2-3-1, inizia con la sconfitta a Napoli per 1-0; poi la vittoria sulla Juventus 3-2 e il derby siciliano per 1-0 sul Catania. Il Palermo chiude all'undicesimo posto con 47 punti (29 i punti avuti nella sua gestione circa il 60 %).

Per la stagione 2008-2009 è confermato alla guida del Palermo, ma dopo la sconfitta in casa che costa l'eliminazione alla prima gara ufficiale di Coppa Italia per mano del Ravenna e la sconfitta 3-1 in campionato con l'Udinese alla prima giornata, il 4 settembre è esonerato per la seconda volta da quando è alla guida del Palermo. Al suo posto è chiamato Davide Ballardini.

Il 15 giugno 2009 ottiene la guida del Torino appena retrocesso in Serie B, firmando contratto di durata annuale con opzione per altro anno in caso di promozione.[7]

Il 29 novembre 2009, dopo la sconfitta interna col Crotone (1-2), è sollevato dall'incarico e sostituito con Mario Beretta.[8] Il 10 gennaio 2010 il presidente Cairo lo richiama dopo cinque giornate dal suo esonero.[9] Dopo una rimonta, in cui la squadra granata ottiene 12 vittorie in 21 gare, il 13 giugno fallisce la promozione perdendo nella finale dei play-off col Brescia. Dopo questa sconfitta Colantuono dichiara che l'anno successivo sarà allenatore dell'Atalanta.[10]

Ritorno a BergamoModifica

Stagione 2010-2011: secondo campionato vintoModifica

Il 15 giugno 2010 torna a essere il tecnico dell'Atalanta[11]. L'esordio stagionale è in Coppa Italia, la squadra batte il Foligno 3-1 al Secondo Turno. Esordisce con vittoria in campionato, col Vicenza. Il 23 ottobre, giorno del suo compleanno, raggiunge le 100 partite ufficiali con la squadra nerazzurra, nella sconfitta rimediata sul campo del Piacenza (3-2)[12]. Dopo la sconfitta alla 17ª giornata col Livorno, la quinta in diciassette gare, il presidente gli rinnova la fiducia a tempo[13]. A fine girone d'andata in seguito alla vittoria casalinga con il Grosseto i bergamaschi ottengono il primo posto in classifica[14], rimanendo da questo momento in poi sempre nelle prime due posizioni in classifica, ovvero quelle valevoli per la promozione diretta. Il 7 maggio 2011 ottiene la matematica promozione in Serie A con tre giornate d'anticipo.[15] Il 29 maggio in seguito alla partita pareggiata per 1-1 sul campo del Grosseto vince per la seconda volta il campionato di Serie B con l'Atalanta, diventando l'unico allenatore nella storia del club ad essere riuscito in questa impresa.

Stagione 2011-2012: la salvezza da -6Modifica

L'inchiesta sul calcioscommesse condanna l'Atalanta a partire con 6 punti di penalizzazione nel campionato di Serie A 2011-2012. La stagione parte con sconfitta in casa col Gubbio col risultato di 3-4 al terzo turno di Coppa Italia.[16]

Dopo tre giornate di campionato l'Atalanta azzera i 6 punti di penalizzazione. Il 12 febbraio 2012 firma il rinnovo di contratto[17] che lo legherà con la società bergamasca fino al 2014. L'Atalanta termina il campionato al 12º posto con 46 punti, che sarebbero 52 (che all'epoca avrebbero costituito il record di punti in Serie A per i bergamaschi) senza penalizzazione.[18] Nel corso della stagione, l'Atalanta ha subito 4 sconfitte in casa, da parte di Juventus, Milan, Lazio (2-0 in tutti i casi), Siena (2-1), ed ha vinto 9 partite su 15 in casa, conquistando 33 dei suoi 52 punti sul terreno di casa; ha inoltre vinto per 3-1 al San Paolo col Napoli (non accadeva dal settembre 1997).[19]

Stagione 2012-2013Modifica

Alla prima uscita stagionale, terzo turno di Coppa Italia, 18 agosto 2012, i nerazzurri superano 2-0 il Padova. L'11 gennaio 2013 prolunga il contratto con la società bergamasca fino al 30 giugno 2016[20]. L'Atalanta raggiunge il 15º posto con 40 punti e la salvezza (la squadra subì penalizzazione di 2 punti in classifica[21]); in Coppa Italia raggiunge gli ottavi di finale perdendo con la Roma 3-0 allo Stadio Olimpico[22].

Stagione 2013-2014: record di punti e di vittorieModifica

Con la vittoria 2-1 del 2 marzo 2014 col Chievo ha ottenuto il centesimo risultato utile della sua carriera in Serie A su 163 partite[23].

Con 6 vittorie di fila e 46 punti conquistati in 31 partite, salva l'Atalanta con 7 gare d'anticipo rispetto alla fine del campionato, entrando così nella storia del club (ci era riuscito Gigi Delneri nel 2008-2009 con 5 giornate d'anticipo)[24]. La squadra bergamasca chiude la stagione con 50 punti, all'undicesimo posto in classifica, eguagliando quello che all'epoca era il suo record di punti in massima serie. Il 23 maggio 2014 firma il prolungamento del contratto fino al 2017[25].

Stagione 2014-2015Modifica

Per il quinto anno consecutivo, il quarto in Serie A, allena la squadra bergamasca, di cui nel corso della stagione diventa l'allenatore con più panchine collezionate, superando Emiliano Mondonico. Chiude il girone d'andata a 20 punti, salvo poi venire esonerato il 4 marzo 2015 in seguito alla sconfitta interna contro la Sampdoria, con la squadra che occupava il quartultimo posto in classifica con 3 punti di vantaggio sul Cagliari terzultimo. Al suo posto la società orobica designa come nuovo tecnico Edoardo Reja,[26] che concluderà il campionato al quartultimo posto in classifica.

Complessivamente con l'Atalanta ha collezionato 281 panchine (115 vittorie, 71 pareggi e 95 sconfitte), 261 delle quali (102 vittorie, 71 pareggi ed 88 sconfitte) in partite di campionato.

Il passaggio all'UdineseModifica

Il 4 giugno 2015, tre mesi dopo il suo esonero dall'Atalanta, rescinde il contratto che lo legava alla società orobica ottendendo una buonuscita e diventa il nuovo allenatore dell'Udinese, con cui firma un contratto biennale.[27]

Esordisce in campionato con i bianconeri il 23 agosto 2015, con una vittoria per 1-0 sul campo della Juventus campione d'Italia in carica; si tratta inoltre della prima sconfitta subita in tutta la sua storia dalla Juventus nel proprio stadio nella prima giornata di campionato.

Il 14 marzo 2016, dopo aver perso in casa contro la Roma (1-2), viene esonerato dall'Udinese[28] lasciando la squadra al 15º posto in classifica a +4 sulla zona retrocessione, venendo sostituito da Luigi De Canio[29], che conclude la stagione al 17º posto in classifica con 1 punto di vantaggio sulla zona retrocessione.

Bari e SalernitanaModifica

Il 7 novembre 2016 viene ufficializzato il suo ingaggio come nuovo allenatore del Bari sottoscrivendo un accordo fino al 30 giugno 2017.[30] Sostituisce in panchina l'esonerato Roberto Stellone, che aveva conquistato 16 punti in 13 partite. Esordisce sulla panchina del club pugliese il successivo 14 novembre, nella partita pareggiata per 1-1 in casa contro lo Spezia; ottiene la sua prima vittoria alla guida del Bari nel successivo turno di campionato, nel quale batte per 2-0 il Carpi. Il Bari termina la stagione al 12º posto, fallendo la qualificazione ai play-off e decide in accordo con la società di non proseguire sulla panchina barese.

Il 12 dicembre 2017 diventa il nuovo tecnico della Salernitana, sostituendo l'esonerato Alberto Bollini, che aveva totalizzato 23 punti in 20 partite[31]. Esordisce sulla panchina della formazione campana il successivo 16 dicembre, vincendo per 2-0 sul campo della Virtus Entella; chiude il campionato al dodicesimo posto in classifica. Il 18 dicembre 2018 rassegna le proprie dimissioni dopo tre sconfitte consecutive e con la squadra al decimo posto in campionato, a 2 punti dalla zona play-off[32].

Presunto coinvolgimento nel calcioscommesseModifica

Il 9 febbraio 2015 la procura di Cremona termina le indagini riguardanti lo scandalo del calcioscommesse che aveva toccato anche l'Atalanta e il suo capitano Cristiano Doni tra gli altri e risulta ora coinvolto pure Colantuono in riguardo a Crotone-Atalanta 2-2 del 22 aprile 2011: secondo gli inquirenti il tecnico e il direttore sportivo Gabriele Zamagna erano al corrente del tentativo di combine organizzato dal calciatore Doni e Nicola Santoni, tramite il portiere avversario Emanuele Concetti.[33][34] In vista del processo penale, il 7 luglio seguente la Procura di Cremona chiede il rinvio a giudizio per Colantuono e altri 103 indagati con l'accusa della frode sportiva.[35]

Il 5 agosto 2016 il Procuratore Federale a seguito degli esiti finali delle indagini espletate dalla Procura della Repubblica presso il tribunale di Cremona ha archiviato la posizione di Stefano Colantuono non essendo emerse fattispecie di rilievo disciplinare procedibili.

StatisticheModifica

Presenze e reti nei clubModifica

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1981-1982   VJS Velletri Int. 22 0 CI-Dil ? ? - - - - - - 22+ 0+
1982-1983 Int. 24 2 CI-Dil ? ? - - - - - - 24+ 2+
Totale VJS Velletri 46 2 ? ? - - - - 46+ 2+
1983-1984   Ternana C1 16 3 CI-C ? ? - - - - - - 16+ 3+
1984-1985   Arezzo B 36 1 CI ? ? - - - - - - 36+ 1+
1985-1986   Pisa A 24 0 CI 7 0 CM 2 1 - - - 33 1
1986-1987   Avellino A 25 1 CI ? ? - - - - - 25+ 1+
1987-1988 A 28 1 CI ? ? - - - - - - 28+ 1+
Totale Avellino 53 2 ? ? - - - - 53+ 2+
1988-1989   Como A 23 1 CI 7 0 - - - - - 30 1
1989-1990   Ascoli A 30 0 CI ? ? - - - - - 30+ 0+
1990-1991 B 8 0 CI ? ? - - - - - 8+ 0+
Totale Ascoli 38 0 ? ? - - - - 38+ 0+
1992-1993   Frosinone CND 27 1 CI-Dil ? ? - - - - - 27+ 1+
1993-1994   Fermana CND 29 5 CI-Dil ? ? - - - - - 29+ 5+
1994-1995   Sambenedettese Ecc. 25 2 - - - - - - - 25 2
1995-1996   Maceratese CND 31 2 CI-Dil ? ? - - - - - 31+ 2+
1996-1997 C2 27 0 CI-C ? ? - - - - - 27+ 0+
1997-1998 C2 27 2 CI-C ? ? - - - - - 27+ 2+
1998-1999 C2 28 2 CI-C ? ? - - - - - 28+ 2+
Totale Maceratese 113 6 ? ? - - - - 113+ 6+
1999-2000   Sestrese D 25 0 CI-D ? ? - - - - - 25+ 0+
2000-nov. 2000 D 9 2 CI-D ? ? - - - - - 9+ 2+
Totale Sestrese 34 2 ? ? - - - - 34+ 2+
nov. 2000-2001   Sambenedettese D 21 4 CI-D - - - - - - - 21+ 4+
2001-mar. 2002 C2 10 1 CI-C ? ? - - - - - 10+ 1+
Totale Sambenedettese 56 7 ? ? - - - - 56+ 7+
Totale carriera 495 30 ? ? 2 1 - - 497+ 31+

Statistiche da allenatoreModifica

Statistiche aggiornate al 18 dicembre 2018.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Totale % Vittorie Piazzamento
Comp Pres V N P Comp Pres V N P Comp Pres V N P Pres V N P %
mar. 2002   Sambenedettese C2 9+4[36] 9+2[36] 0+1[36] 0+1[36] CI-C - - - - - - - - - 13 11 1 1 84,62 sub.,eson.
2002-2003 C1 34+2[37] 14+1[37] 14 6+1[37] CI-C 8 4 3 1 - - - - - 44 19 17 8 43,18
Totale Sambenedettese 43+6 23+3 14+1 6+2 8 4 3 1 - - - - 57 30 18 9 52,63
2003-2004   Catania B 46 18 13 15 CI 3 2 1 0 - - - - - 49 20 14 15 40,82
2004-2005   Perugia B 42+4[38] 21+3[38] 11 10+1[38] CI 3 1 1 1 - - - - - 49 25 12 12 51,02
2005-2006   Atalanta B 42 24 9 9 CI 5 4 0 1 - - - - - 47 28 9 10 59,57
2006-2007 A 38 12 14 12 CI 3 2 0 1 - - - - - 41 14 14 13 34,16
ago.-nov. 2007   Palermo A 13 4 6 3 CI 0 0 0 0 CU 2 1 0 1 15 5 6 4 32,00 eson., sub. 11°
ago. 2008 A 1 0 0 1 CI 1 0 0 1 - - 2 - - 2 0,00 eson.
Totale Palermo 22 7 8 7 1 0 0 1 2 1 0 1 25 8 8 9 32,00
ago.-nov. 2009   Torino B 16 6 5 5 CI 2 1 0 1 - - - - - 18 7 5 6 46,51 eson. sub. 5°
Totale Torino 37+4 18+1 10+2 9+1 2 1 0 1 - - - - 43 20 12 11 46,51
2010-2011   Atalanta B 42 22 13 7 CI 2 1 0 1 - - - - - 44 23 13 8 53,49
2011-2012 A 38 13 13 12 CI 1 0 0 1 - - - - - 39 13 13 13 33,33 12°
2012-2013 A 38 11 9 18 CI 3 2 0 1 - - - - - 41 13 9 19 31,71 15°
2013-2014 A 38 15 5 18 CI 3 2 0 1 - - - - - 41 17 5 19 41,46 11°
2014-mar. 2015 A 25 5 8 12 CI 3 2 0 1 - - - - - 28 7 8 13 25,00 eson.
Totale Atalanta 261 102 71 88 20 13 0 7 - - - - 281 115 71 95 40,93
2015-mar. 2016   Udinese A 29 8 6 15 CI 3 2 0 1 - - - - - 32 10 6 16 31,25 eson.
nov. 2016-giu. 2017   Bari B 29 9 10 10 - - - - - - - - - - 29 9 10 10 34,61 sub. 12°
dic. 2017-2018   Salernitana B 24 7 7 10 - - - - - - - - - - 24 7 7 10 29,17 sub. 12°
ago.-dic. 2018 B 15 5 5 5 CI 2 1 0 1 - - - - - 17 6 5 6 35,29 eson.
Totale Salernitana 39 12 12 15 2 1 0 1 - - - - 41 13 12 16 31,71
Totale carriera 548+14 218+7 155+3 175+4 42 24 5 13 2 1 0 1 606 250 163 193 41,25

RecordModifica

  • È l'allenatore dell'Atalanta che ha totalizzato più presenze in campionato sulla panchina nerazzurra.[39]
  • È l'unico allenatore dell'Atalanta ad aver vinto due campionati di Serie B (2005-2006, 2010-2011).
  • È l'allenatore dell'Atalanta che detiene il record assoluto di vittorie in una sola stagione: 28 nella stagione 2005-2006 (24 in Serie B, che sono anche il record societario di vittorie in un singolo campionato, e 4 in Coppa Italia).
  • È l'allenatore dell'Atalanta che detiene il record assoluto di punti in una sola stagione: 81 nella stagione 2005-2006 (Serie B).
  • È l'allenatore dell'Atalanta che detiene il record di vittorie consecutive in Serie A: 6 nella stagione 2013-2014.[40]
  • È l'unico allenatore della storia dell'Atalanta ad essere rimasto cinque anni consecutivi senza retrocedere (o essere esonerato prima della retrocessione).[41]
  • È l'allenatore dell'Atalanta che ha totalizzato in generale più punti, numero di vittorie e gol segnati.[41]
  • Durante la sua permanenza sulla panchina dell'Udinese è diventato l'unico allenatore ad aver vinto sul campo della Juventus nella prima giornata di un campionato.

PalmarèsModifica

GiocatoreModifica

Competizioni regionaliModifica

Sambenedettese: 1994-1995

Competizioni nazionaliModifica

BNL Roma: 1991-1992
Maceratese: 1995-1996
Sambenedettese: 2000-2001

Competizioni internazionaliModifica

Pisa: 1985-1986

AllenatoreModifica

Competizioni nazionaliModifica

Atalanta: 2005-2006, 2010-2011

NoteModifica

  1. ^ a b Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, Vol. 2 (1985-1986), Panini, 14 maggio 2012, p. 44.
  2. ^ a b c [1] Scopriamo chi è colantuono
  3. ^ Rivieraoggi.it
  4. ^ a b L'Atalanta di Colantuono Laroma24.it
  5. ^ [ Tuttoatalanta.com]
  6. ^ Calciomercato/ Atalanta, Colantuono: voglio rimanere a Bergamo e far crescere ancora questa squadra Ilsussidiario.net
  7. ^ Sport.sky.it
  8. ^ Beretta è il nuovo allenatore del Torino Archiviato il 2 dicembre 2009 in Internet Archive. Torinofc.it
  9. ^ Esonerato Mario Beretta Archiviato il 27 febbraio 2012 in Internet Archive.
  10. ^ Torino, Colantuono: "Vado all'Atalanta"
  11. ^ COMUNICATO STAMPA Archiviato il 22 luglio 2011 in Internet Archive.
  12. ^ 100 PANCHINE NERAZZURRE PER IL SUO 48° COMPLEANNO[collegamento interrotto], atalanta.it.
  13. ^ Per Colantuono arriva la fiducia a tempo Al prossimo passo falso si cambia [collegamento interrotto], in Bergamonews.it.
  14. ^ Dall'Atalanta a Narciso, luci e ombre per il Grifone - Sport - il Tirreno
  15. ^ Gazzetta.it
  16. ^ RISULTATO FINALE: ATALANTA - GUBBIO 3 - 4 [collegamento interrotto], in Atalanta.it.
  17. ^ Atalanta: Colantuono prolunga fino al 2014 Calcionews24.com
  18. ^ it.eurosport.yahoo.it
  19. ^ I precedenti: l'Atalanta non vince a Napoli da 15 anni Tuttoatalanta.com
  20. ^ Calcio - Atalanta, Colantuono fino al 2016 Archiviato il 2 aprile 2015 in Internet Archive.
  21. ^ Atalanta, 2 punti di penalità, La Gazzetta dello Sport. URL consultato il 31 maggio 2012.
  22. ^ Roma-Atalanta 3-0: Lupa affamata anche in Coppa Italia, il trio Pjanic-Osvaldo-Destro regala i quarti
  23. ^ 100 risultati utili in serie A per Stefano Colantuono![collegamento interrotto] Atalantini.com
  24. ^ Matteo Spini, Atalanta a ritmo scudetto, in La Gazzetta dello Sport, 1º aprile 2014, p. 15.
  25. ^ Colantuono resta all'Atalanta fino 2017, in ANSA, 23 maggio 2014. URL consultato il 23 maggio 2014.
  26. ^ atalanta.it, https://web.archive.org/web/20150306164619/http://www.atalanta.it/site/paginalive/comunicati-dal-club/Stagione-2014-2015/2015-03/04-03-Comunicato-Atalanta-B.C..html (archiviato dall'url originale il 6 marzo 2015).
  27. ^ UFFICIALE: Udinese, Colantuono nuovo allenatore. Contratto biennale, in tuttomercatoweb.com, 4 giugno 2015.
  28. ^ Colantuono sollevato dalla guida della Prima Squadra, su udinese.it, 14 marzo 2016. URL consultato il 14 marzo 2016 (archiviato dall'url originale il 15 marzo 2016).
  29. ^ Udinese, esonerato Colantuono: in arrivo De Canio, su Repubblica.it. URL consultato il 15 marzo 2016.
  30. ^ UFFICIALE, COLANTUONO NUOVO ALLENATORE DELLA F.C. BARI 1908, su fcbari1908.club. URL consultato il 7 novembre 2016.
  31. ^ Stefano Colantuono è il nuovo allenatore della Salernitana Archiviato il 15 dicembre 2017 in Internet Archive. ussalernitana1919.it
  32. ^ Comunicato Stampa, su ussalernitana1919.it. URL consultato il 18 dicembre 2018.
  33. ^ Calcioscommesse: pm Cremona chiude indagini. Verso il rinvio a giudizio per 130
  34. ^ Calcioscommesse, Cremona chiude le indagini: spunta anche Colantuono
  35. ^ Calcioscommesse, chiesto rinvio a giudizio per Conte
  36. ^ a b c d Play-off Serie C2 2002
  37. ^ a b c Play-off Serie C1 2003
  38. ^ a b c Play-off Serie B 2005
  39. ^ Atalanta, Colantuono ed il record in panchina: "Traguardo inimmaginabile", europacalcio.it. URL consultato l'11 novembre 2014 (archiviato dall'url originale il 25 novembre 2014).
  40. ^ RECORD ATALANTA: SEI VITTORIE CONSECUTIVE, legaseriea.it. URL consultato il 29 marzo 2014.
  41. ^ a b Colantuono, corsa ai record Obiettivo battere Mondonico, ecodibergamo.it. URL consultato il 21 maggio 2013.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica