Virtus Entella

Società calcistica italiana con sede nella città di Chiavari (GE)
Virtus Entella
Calcio Football pictogram.svg
Stemma Virtus Entella.png
Biancocelesti, Diavoli neri
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Terza divisa
Colori sociali 600px bisection vertical White HEX-78D3F7.svg Bianco, celeste
Simboli Diavolo
Inno Forza Entella!!!
Fabrizio Pagliettini
Luca Scherani
Dati societari
Città Chiavari
Nazione Italia Italia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Italy.svg FIGC
Campionato Serie B
Fondazione 1914
Rifondazione2002
Proprietario Lussemburgo Duferco Industrial S.A.
Presidente Italia Antonio Gozzi
Allenatore Italia Vincenzo Vivarini
Stadio Comunale
(5 587 posti)
Sito web www.entella.it
Palmarès
Soccerball current event.svg Stagione in corso
Si invita a seguire il modello di voce

La Virtus Entella, nota anche semplicemente come Entella[1][2][3], è una società calcistica italiana con sede a Chiavari, militante in Serie B[4].

La squadra è tra le prime cento in Italia per tradizione sportiva, avendo preso parte per 66 volte a campionati organizzati su base nazionale e raggiunto quale apice sportivo il secondo livello del campionato italiano di calcio: la prima volta nel 1922[5] e successivamente nel 2014[6], quando esordì in Serie B in concomitanza al compimento del secolo di vita[7].

Fondata nel 1914 come Entella Foot-Ball Club[8] traendo il nome dall'omonimo fiume[9], adottò la maglia biancoceleste a strisce verticali sin dal suo primo incontro[8], sostituendola con una nera con scudo biancoceleste tra il 1920[10] e il 1963[11] e con una verde unicamente nella stagione 2002-2003[12], la prima disputata dopo la revoca dell'affiliazione alla Federazione Italiana Giuoco Calcio avvenuta nel 2001[13]. Il sodalizio ha mutato più volte la propria denominazione[14] anche in seguito a fusioni societarie ed ha assunto quella l'attuale nel 2005[15]. I Diavoli neri - come sono soprannominati dal 1930[10] - disputano le proprie partite interne allo stadio comunale, che li ospita dal 1935[16] ed è attualmente omologato per 5 587 spettatori[4].

I maggiori successi raggiunti dal club sono le due vittorie ottenute nel campionato di terzo livello: in Lega Pro Prima Divisione 2013-2014[6] e Serie C 2018-2019[17]. In precedenza la squadra ottenne anche la vittoria nei campionati di Serie D 1959-1960[18] e 1963-1964[11], oltre che nel Campionato Interregionale 1957-1958[19] e 1984-1985[20].

StoriaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Storia della Virtus Entella.
 
Enrico Sannazzari, uno dei fondatori dell'Entella Foot-Ball Club.

L'Entella Foot-Ball Club[21] venne fondata a Chiavari il 14 marzo 1914[22][23] da un gruppo di giovani tra cui Enrico Sannazzari[24]. La società adottò da subito i colori sociali biancocelesti[8] e si affiliò alla Federazione Italiana Giuoco Calcio[25] ma - priva di un campo regolamentare - limitò la propria attività a partite amichevoli disputate sul terreno di Piazza Roma[25]. Nel 1915 venne assorbita dalla più antica Società Ginnastica Pro Chiavari di cui divenne la "sezione calcio"[26], per poi tornare ad essere una società indipendente nel corso della prima guerra mondiale[27]. Nel 1920, adottato stabilmente il campo sportivo di Corso Dante come impianto casalingo[28], il sodalizio prese ad indossare maglie da gioco nere con scudo biancoceleste[10] e partecipò al suo primo campionato di Promozione Liguria[29]. Nel 1922, sotto la guida del presidente Ugo Campana[30], raggiunse il secondo livello del campionato italiano di calcio[31], abbandonandolo dopo una sola stagione e facendo ritorno nei campionati regionali[32].

Negli anni 1920 l'Entella ingaggiò per un breve periodo l'allenatore Ferenc Molnár[33] ed ebbe l'opportunità di ospitare in gare amichevoli le due squadre più titolate del tempo: il Genoa nel 1924[34] e la Pro Vercelli nel 1925[35], oltre ad esordire in Coppa Italia[36]. Tra il 1927 e il 1930 disputò tre stagioni tra il terzo e il quarto livello del calcio nazionale[37] e nel 1933 ottenne il suo primo titolo regionale - la Seconda Divisione Liguria[38] - vincendo lo spareggio contro la Rivarolese allo stadio Luigi Ferraris di Genova[39], con in panchina Giolitto Sanguineti ed in campo la prolifica[40] coppia composta da Mario Bossarelli e Beppino Gatti[41]. Nel 1935 inaugurò il campo sportivo del Littorio[16] e, divenuta Associazione Calcio Entella[42], fu tra le squadre che presero parte alla prima edizione della Serie C[42]. I neroscudati disputarono otto stagioni consecutive in terza serie[43], allenati da sportivi esperti quali Manlio Bacigalupo[44], Ottavio Barbieri[42], Renato Cattaneo[45] e Imre Payer[46], ottenendo quale miglior risultato un 5° posto nel girone C 1935-1936[42] ed incontrando per partite di allenamento la Nazionale italiana Campione del mondo e Campione olimpica in carica in due distinte occasioni[45][47].

Alla ripresa dei campionati dopo la seconda guerra mondiale, nella Serie C 1946-1947[48] l'Entella allenata da Giuseppe Rossetti[49] e con in campo il veterano Gino Becattini[50] e l'esperto Gino Callegari[48] ottenne il secondo posto nel girone A, insufficiente per prendere parte alle finali per la promozione in Serie B[51]. Dopo una serie di riforme culminate nel Lodo Barassi, i neroscudati che nel frattempo avevano avuto in rosa per una stagione il già Campione del mondo Mario Genta[52], tornarono dal 1952 a disputare campionati in ambito regionale[53]. Nel 1956 con Andrea Verrina giocatore e allenatore[54] il sodalizio ottenne - superando la Sestrese[54] - il suo secondo titolo regionale: la Promozione Liguria 1955-1956[55]. Di ritorno in campionati organizzati in ambito nazionale, l'Entella conquistò nel 1958 la sua prima affermazione al di fuori dei confini regionali - il girone A della Seconda Categoria del Campionato Interregionale[19] - bissandolo due anni dopo con la vittoria del girone A della Serie D 1959-1960[18]. In occasione di queste due affermazioni gli allenatori furono Pietro Pastorino[19] e Carlo Scarpato[56], mentre tra i giocatori figuravano Antonio Cavina[55] - presente in tutti e tre i campionati vinti negli anni 1950 - e Giovan Battista Giacometti, capocannoniere del girone nella stagione che valse il ritorno in Serie C[18].

 
La Grande Entella in Serie C 1964-1965.

L'Entella retrocedette in Serie D dopo una sola stagione[57] e nel 1964, al compimento dei 50 anni di attività[58], vinse nuovamente il girone A del campionato[11]. Tra gli artefici del ritorno in terza serie vi furono l'allenatore Luigi Rosellini[59], il veterano Giorgio Piazza[59] - che fu in rosa in tutti e quattro i campionati vinti dall'Entella tra gli anni 1950 e 1960 - ed il commissario straordinario Antonio Solari[60]. La società era infatti priva di un presidente e Antonio Solari restò a capo della gestione commissariale fino al 1972[61] guidando i biancocelesti, tornati dal cinquantenario ad indossare le maglie della fondazione[11], per otto stagioni consecutive trascorse in Serie C[62]. La "Grande Entella"[63] ottenne il 9° posto nel girone A della Serie C 1964-1965[64] e ripetè il piazzamento nella stagione 1967-1968[65], schierando diversi giocatori che successivamente raggiunsero la Serie A[63][66] quali Giorgio Costantini, Francesco Gallina, Giuliano Taccola, Franco Vannini e Gaspare Umile. In panchina si susseguirono Giuseppe Baldini[67], Guido Capello[67], Gipo Poggi[64], Paolo Todeschini[68] e Sergio Vergazzola[65] - oltre ai ritorni di Manlio Bacigalupo[69] e Mario Genta[70] - mentre i calciatori più presenti nel periodo furono[71] Mario Delle Piane, Alessandro Giordan e Ermes Nadalin. Nel 1970 la società ora denominata Associazione Calcio Entella Chiavari[72] affrontò - in quello che in Liguria venne definito "Campionatissimo"[73] - il Genoa per la prima volta in partite ufficiali, perdendo entrambe le sfide[74][75].

Per la restante parte degli anni 1970 i biancocelesti disputarono sette stagioni di Serie D[76], schierando anche giocatori esperti per la categoria come[77] Gianni Comini, Ermanno Cristin e Giorgio Favara e allenatori quali Adriano Bassetto[78], Bruno Baveni[77] e Adelio Colombo, con quest'ultimo che ricoprì il doppio ruolo di giocatore e allenatore[79]. Nel 1979 la squadra patì la retrocessione in ambito regionale[66], ma due anni dopo venne ripescata nel rinato Campionato Interregionale[80]. Al termine della stagione si fuse con un'altra compagine cittadina, assumendo la denominazione Associazione Calcio Entella Bacezza[81] e raggiungendo pochi mesi dopo gli ottavi di finale di Coppa Italia Dilettanti[81]. Nel Campionato Interregionale 1984-1985, con in panchina Gian Piero Ventura[82] e grazie ai gol del capocannoniere del girone E Maurizio Antonucci[83], vinse il campionato e conquistò la promozione alla Serie C2[20]. La squadra del presidente Sergio Barbieri[84] rimase a questo livello per tre annate[85] - nelle quali il calciatore più presente fu Alberto Mariani[85] - ottenendo il quinto posto nel girone A nelle stagioni 1985-1986[86] e 1986-1987[87] e rinunciando nel 1988 all'iscrizione al campionato[88] pur avendo ottenuto la salvezza sul campo[89]: l'Entella Bacezza partecipò invece al Campionato Interregionale 1988-1989, terminato con una retrocessione[90].

 
Gennaro Volpe, capitano della Virtus Entella nella stagione del centenario culminata con la prima promozione in Serie B.

Il periodo di difficoltà societarie si protrasse per tutti gli anni 1990[88] in cui i biancocelesti - tornati alla denominazione Associazione Calcio Entella Chiavari nel 1993[91] - disputarono campionati regionali ad eccezione del Campionato Nazionale Dilettanti 1997-1998[92] e della Serie D 1999-2000[93], entrambi terminati con la retrocessione[94]. Oltre alle due vittorie in Eccellenza Liguria che la riportarono brevemente in ambito nazionale nel 1997[95] e nel 1999[96] - ottenute con gli allenatori Adelio Colombo[95] e Giovannino Casaretto[96] - la squadra vinse nel 2001 la fase regionale della Coppa Italia Dilettanti[97], con in panchina il già Campione del mondo da giocatore Pedro Pasculli[98]. In quello stesso anno l'Entella Chiavari mancò nuovamente di iscriversi al campionato[99] e questa volta la Federazione Italiana Giuoco Calcio revocò la sua affiliazione[13]. Per una stagione rimase attiva la sola Associazione Calcio Entella Settore Giovanile e Scolastico[13] - priva di una prima squadra - e nel 2002 nacque l'Unione Sportiva Valle Sturla Entella[100] con sede a Chiavari e iscritta al campionato di Promozione[12]. Nel 2003 conquistò l'accesso all'Eccellenza Liguria[12] alla quale, in seguito ad una fusione[101], prese parte come Associazione Calcio Chiavari VL[102], prima di cambiare nuovamente denominazione in Associazione Calcio Dilettantistica Virtus Entella nel 2005[103].

Nel 2007 assunse la presidenza Antonio Gozzi[104] e la squadra vinse, allenata da Claudio Terzulli[105], l'Eccellenza Liguria[106]. Seguirono due stagioni in Serie D[107] tra cui il secondo posto nel girone A 2009-2010[108] e il successivo ripescaggio tra i professionisti[109] con conseguente riduzione della denominazione in Virtus Entella[110]. Ottenuta la salvezza[111] con l'allenatore Luca Prina[112] nella Lega Pro Seconda Divisione 2010-2011, i biancocelesti avviarono sotto la sua guida tecnica un ciclo vincente che li portò in Lega Pro Prima Divisione - terzo livello del calcio nazionale cui mancavano dal 1972 - grazie ad un ripescaggio[113] e a festeggiare i 100 anni di attività[114] con la vittoria del campionato 2013-2014 e la promozione in Serie B[6]. Tra i giocatori di quel periodo di crescita vi furono la bandiera Andrea Paroni[115], il prolifico Daniele Rosso[116], l'esperto Ighli Vannucchi[117] e il capitano Gennaro Volpe[118].

La Virtus Entella del presidente Antonio Gozzi disputò quattro stagioni consecutive tra i cadetti[119], ottenendo come miglior risultato il 9° posto nella stagione 2015-2016[120] con allenatore Alfredo Aglietti[121] e in campo l'attaccante Francesco Caputo[122], miglior marcatore della squadra quell'anno. I biancocelesti retrocedettero in Serie C nel 2018[123] e vinsero quel campionato con l'allenatore Roberto Boscaglia[124], raggiungendo in quella stessa stagione gli ottavi di finale di Coppa Italia in cui vennero eliminati dalla Roma[125] dopo aver superato il Genoa nel turno precedente[126]. Nella Serie B 2019-2020 la Virtus Entella si classificò al 13° posto[127].

CronistoriaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Cronistoria della Virtus Entella.
Cronistoria essenziale della Virtus Entella
Secondo turno di Coppa Italia (1ª partecipazione).
Primo turno di Coppa Aldo Fiorini (1ª partecipazione).
Secondo turno di Coppa Ottorino Mattei (1ª partecipazione).
  • 1958-1959 - 2ª nel girone A del Campionato Interregionale. Ammessa in Serie D.
  • 1959-1960 - 1ª nel girone A della Serie D. Promossa in Serie C.
  • 1960-1961 - 18ª nel girone A della Serie C. Retrocessa in Serie D.
  • 1963-1964 - 1ª nel girone A della Serie D. Promossa in Serie C.
  • 1970 - Cambia denominazione in Associazione Calcio Entella Chiavari[72].
  • 1971-1972 - 20ª nel girone B della Serie C. Retrocessa in Serie D.
  • 1978-1979 - 15ª nel girone A della Serie D. Retrocessa in Promozione.
  • 1979-1980 - Secondo turno di Coppa Italia Dilettanti (1ª partecipazione).
  • 1980-1981 - 5ª nel girone B della Promozione Liguria. Ripescata nel Campionato Interregionale.
  • 1982 - Si fonde con l'Associazione Calcio Bacezza e assume la denominazione Associazione Calcio Entella Bacezza.
  • 1984-1985 - 1ª nel girone E del Campionato Interregionale. Promossa in Serie C2.
  • 1985-1986 - Fase eliminatoria a gironi di Coppa Italia Serie C (1ª partecipazione).
  • 1987-1988 - 12ª nel girone A della Serie C2. Rinuncia alla Serie C2 e si iscrive nel Campionato Interregionale.
  • 1988-1989 - 18ª nel girone A del Campionato Interregionale. Retrocessa in Promozione.
  • 1990-1991 - 7ª nel girone B della Promozione Liguria. Ammessa in Eccellenza.
  • 1993 - Cambia denominazione in Associazione Calcio Entella Chiavari.
  • 1994-1995 - Finale della fase regionale di Coppa Italia Dilettanti.
  • 1996-1997 - 1ª in Eccellenza Liguria. Promossa nel Campionato Nazionale Dilettanti.
  • 1997-1998 - 17ª nel girone A del Campionato Nazionale Dilettanti. Retrocessa in Eccellenza.
  • 1998-1999 - 1ª in Eccellenza Liguria. Promossa in Serie D.
  • 1999-2000 - 15ª nel girone A della Serie D. Retrocessa in Eccellenza.
Primo turno di Coppa Italia Serie D (1ª partecipazione).
Vince la fase regionale di Coppa Italia Dilettanti.
  • 2001 - Mancata iscrizione al campionato e revoca dell'affiliazione da parte della FIGC. Prosegue l'attività giovanile come Associazione Calcio Entella Settore Giovanile e Scolastico.
  • 2002 - Stringendo un accordo di collaborazione con l'Associazione Calcio Entella Settore Giovanile e Scolastico, l'Unione Sportiva Valle Sturla trasferisce la propria sede a Chiavari e assume la denominazione Unione Sportiva Valle Sturla Entella[129].
  • 2002-2003 - 2ª nel girone B della Promozione Liguria. Promossa in Eccellenza.
  • 2003 - Si fonde con l'Associazione Calcio Chiavari Lames e assume la denominazione Associazione Calcio Chiavari VL[130].
  • 2004-2005 - Finale della fase regionale di Coppa Italia Dilettanti.
  • 2005 - Cambia denominazione in Associazione Calcio Dilettantistica Virtus Entella[131].
  • 2005-2006 - Finale della fase regionale di Coppa Italia Dilettanti.
  • 2007-2008 - 1ª in Eccellenza Liguria. Promossa in Serie D.
Finale della fase regionale di Coppa Italia Dilettanti.
Finale di Supercoppa di Lega di Prima Divisione (1ª partecipazione).
2ª in Supercoppa di Serie C (1ª partecipazione).

Colori e simboliModifica

ColoriModifica

 
La divisa utilizzata tra il 1920 e il 1963

La tradizionale maglia da gioco della squadra è, sin dal 1914 quando venne ratificata dalla prima assemblea del club successivamente ad essere stata utilizzata in partite amichevoli[8], a strisce verticali bianche e celesti[132]. Secondo una leggenda[133] i colori sociali sarebbero stati suggeriti da Enrico Sannazzari - uno dei fondatori del sodalizio[24] - in omaggio alla divisa[7] definitivamente adottata dalla Nazionale argentina circa due anni prima[134]. Nel 1920, constatata la tendenza del celeste a stingere durante il lavaggio delle maglie, la società abbandonò la maglia originaria optando per una divisa nera con scudo biancoceleste[10].

Nella stagione 1963-1964, in occasione del cinquantenario della società, l'Entella riprese ad indossare le maglie biancocelesti a strisce verticali[11]; nei decenni successivi i giocatori vestirono diverse varianti della divisa[135], sempre mantenendo i colori sociali della fondazione ad eccezione della stagione 2002-2003 in cui la maglia da gioco fu verde[12]. Dal 2003 la divisa è stabilmente a strisce verticali biancocelesti[136], inclusa la stagione 2013-2014 in cui per celebrare il centenario della società ne venne creata una versione riportante i nomi di tutti i giocatori scesi in campo nella storia del sodalizio[132].

A partire dal secondo dopoguerra la squadra adottò una seconda divisa con colori biancocelesti[137], mentre dal 1963 assunse questo ruolo la maglia neroscudata[11]. La seconda maglia fu nel tempo realizzata anche in differenti colori, ad esempio il rosso nella stagione 1983-1984[138], mentre dal 2003 è stabilmente nera oppure blu scura[136]. Dal 2009 la società si è dotata di una terza divisa, alternativamente rossa[139], gialla[109] o grigia[140].

Simboli ufficialiModifica

StemmaModifica

 
Lo stemma adottato dall'Entella nel 1935
 
Una delle varianti dello stemma dell'Entella Bacezza, dal 1982 al 1993
 
Lo stemma adottato dall'Entella Chiavari nel 1993
 
Lo stemma del Chiavari VL (2003-2005)
 
Lo stemma della Virtus Entella dal 2005
 
Il logo utilizzato per la celebrazione del centenario della squadra (2014)

L'Entella adottò un proprio gagliardetto nel 1924, in occasione dei festeggiamenti per i dieci anni del sodalizio[34]. Dal 1935 lo stemma fu costituito da uno scudo sannitico partito, nel primo di bianco e nel secondo di celeste, alzate le parole in lettere maiuscole di marrone in due righe "A.C. ENTELLA", abbassata la figura di un pallone da calcio in cuoio.

Tra il 1982 e il 1993 lo stemma riportò la nuova dicitura societaria "A.C. ENTELLA BACEZZA" con l'aggiunta del toponimo "CHIAVARI" e di alcuni dettagli in giallo, colore sociale della società incorporata. In questi anni lo stemma venne proposto in diverse varianti, alcune delle quali con bordo giallo, dettagli verdi e blu[141] - colori dello stemma della città di Chiavari[142] - oppure con la figura di un pallone da calcio a pannelli pentagonali neri ed esagonali bianchi[143].

Dal 1993 lo scudo dello stemma divenne a pali bianchi e celesti con raffigurazione al suo interno dello stemma della città di Chiavari[142]. Similarmente, venne adottato uno stemma celeste con la figura di un castello merlato tra il 2003 e il 2005[144].

Dal 2005, lo stemma della Virtus Entella è costituito da uno scudo sannitico con bordo marrone, partito nel primo di bianco e nel secondo di celeste, alzate le parole in lettere maiuscole di marrone in due righe "ENTELLA CHIAVARI", abbassata la figura di un diavolo nero impugnante con la sinistra un tridente posto in palo e la figura di un pallone da calcio in cuoio[145]. Nel 2014 venne realizzato un logo per la celebrazione del centenario della squadra[146], di forma circolare partito nel primo di bianco e nel secondo di celeste, il numero in oro "100", bordatura nera con alzati i numeri in bianco "1914 - 2014" e abbassata la parola in lettere maiuscole in bianco "CHIAVARI", seconda bordatura biancoceleste, fascia in oro con la parola in lettere maiuscole in marrone "ENTELLA".

InnoModifica

L'inno ufficiale è, dal 2009, Forza Entella!!!, composto da Luca Scherani e Fabrizio Pagliettini, cantato da Nicolò Pagliettini e dai giocatori della prima squadra[147].

MascotteModifica

La mascotte della società fu ideata nel 1930 dal giornalista sportivo Dario Costa[10], che in seguito fu anche presidente dell'Entella[148]. Traendo ispirazione dalla rubrica L'araldica dei calci[10] curata da Carlo Bergoglio e pubblicata sul Guerin Sportivo[149], accostò la figura di un diavolo nero[150] alla squadra, che in quegli anni scendeva in campo in tenuta neroscudata[10].

StruttureModifica

StadioModifica

Formazioni dell'Entella in Piazza Roma (1914), al campo sportivo di Corso Dante (1928) ed allo stadio comunale (1946).
 Lo stesso argomento in dettaglio: Campo sportivo di Corso Dante e Stadio comunale di Chiavari.

L'Entella nel 1914 disputò i suoi primi incontri sul campo di piazza Roma, luogo cittadino deputato alle manifestazioni[151], non esclusivamente sportive[152]. Si trattava di un terreno da gioco non omologabile presso la Federazione Italiana Giuoco Calcio, che necessitava di essere allestito e smantellato in occasione di ogni partita[152].

Nel 1915 la squadra, divenuta sezione calcio della Società Ginnastica Pro Chiavari, si trasferì al neonato campo sportivo di Corso Dante, inaugurandolo il 16 maggio[153]. Durante la prima guerra mondiale il campo sportivo venne temporaneamente adibito ad altri usi e l'Entella, nuovamente società indipendente, tornò a disputare le proprie partite in piazza Roma, prima di abbandonarla definitivamente nel 1919[27].

Il campo sportivo di Corso Dante fu quindi l'impianto casalingo della squadra nelle sue prime partecipazioni ai campionati ufficiali, inclusa la Seconda Divisione 1922-1923, secondo livello assoluto del campionato italiano di calcio[32]. Nel 1925 la struttura fu radicalmente ristrutturata[154] e nel 1931 prese avvio un contenzioso con i Frati Minori proprietari del terreno[155] che portò due anni dopo all'abbandono della stessa[156].

L'Entella nel 1933 si trasferì su un campo da gioco provvisorio[156], allestito a margine dell'area in via Damiano Chiesa acquistata dall'amministrazione comunale per la costruzione di un nuovo impianto[157], che venne battezzato campo sportivo del Littorio e la cui inaugurazione avvenne il 10 marzo 1935[158]. Nel 1941 la struttura venne intitolata a Paolo Dall'Orso[159], sottotenente di vascello chiavarese deceduto l'anno precedente nell'affondamento della torpediniera Ariel[160], mentre dal 1945 assunse la denominazione stadio comunale[161]. L'impianto ha subito nel tempo numerose ristrutturazioni — le più importanti delle quali nel 1955[162], 2011[163] e 2013[164] — ed è attualmente omologato per 5 587 spettatori[4]. La via di accesso allo stadio è dal 1982 intitolata al partigiano Aldo Gastaldi[165] e per questo motivo la struttura è talvolta erroneamente indicata come stadio Aldo Gastaldi[166][167].

Centro di allenamentoModifica

Il primo campo di allenamento della squadra fu un terreno nei pressi di piazza Roma, sito in cui successivamente sorse la casa di reclusione cittadina[8]. Dalla creazione del campo sportivo di Corso Dante ed anche in seguito alla costruzione dello stadio comunale, i biancocelesti si allenano nello stesso impianto in cui disputano le partite casalinghe[168]

La Virtus Entella ha inoltre in gestione, per il tramite delle società dedicate al settore giovanile[169][170], due strutture di allenamento di proprietà del Comune di Chiavari: il centro sportivo "Franco Celeri" - sito nella zona denominata Colmata a mare ed intitolato ad un ex presidente della squadra fautore della realizzazione delle prime strutture sportive nell'area[171] - ed il centro sportivo "Angelo Daneri", ubicato nel quartiere di Caperana[172]. Le due strutture sono utilizzate dalle squadre del settore giovanile biancoceleste[173].

SocietàModifica

L'Entella nel 1914 si costituì sotto forma di associazione, natura giuridica che mantenne nel tempo, organizzandosi in consigli direttivi i cui membri nella maggior parte dei casi si dimisero al termine di ogni annata sportiva ripianando con risorse personali il passivo sociale[174]. Nel 1985 la squadra ottenne la promozione in Serie C2 e l'accesso al calcio professionistico: in questo contesto si costituì in Società a responsabilità limitata[91], soggetto che venne dichiarato fallito nel 2001 successivamente alla radiazione della squadra dalla Federazione Italiana Giuoco Calcio[13]. Dal 2002 la natura giuridica tornò ad essere quella associativa[100], nuovamente mutata in società di capitali nel 2010 al ripescaggio in Lega Pro Seconda Divisione[175].

Nel 2015 il Tribunale di Genova confermò il diritto della Virtus Entella Srl[110] ad utilizzare il nome "Entella", respingendo la richiesta di utilizzo esclusivo avanzata dal presidente di una società calcistica di Terza Categoria[176] denominata fino al 2002 Riese Old & Boys[177], che dal 2003 aveva assunto il nome Entella Chiavari 1914[178]. Nel 2019 la società, attraverso un accordo di collaborazione con il Bragno Beach Soccer[179], fondò la Virtus Entella Beach Soccer, che prese parte al campionato di Serie A[180]. La Virtus Entella Srl è soggetta all'attività di direzione e coordinamento di Duferco Industrial S.A. con sede in Lussemburgo[181], società che ne acquistò il 70% delle quote nel 2019[182]. Al momento dell'acquisto Antonio Gozzi era contemporaneamente presidente della Virtus Entella ed amministratore e presidente della società lussemburghese; dal 2020 gli è subentrato alla guida della holding il genovese Paolo Foti[183].

Dal 1985[184] la sede sociale è ubicata in via Aldo Gastaldi 22, all'interno dello stadio comunale[110]. In passato venne ospitata in differenti luoghi cittadini tra cui via Nino Bixio[185], Piazza Carlo Alberto [186], Corso Giuseppe Garibaldi 9[187] e 32[188], Piazza Giacomo Matteotti 2[189] e Via Vittorio Emanuele 1[159].

Organigramma societarioModifica

 
Il Direttore sportivo Matteo Superbi con il direttore generale Matteo Matteazzi
Staff dell'area amministrativa
  •   Antonio Gozzi - Presidente
  •   Walter Alvisi - Vicepresidente
  •   Salvatore Fiumanò - Vicepresidente e Responsabile Supporter Liaison Officer
  •   Matteo Matteazzi - Direttore generale

Area Corporate[190]
  •   Nicola Benedetti - Segretario generale
  •   Andrea Manucci - Segretario settore giovanile
  •   Michele Pane - Responsabile Amministrazione
  •   Simona Gamba - Amministrazione
  •   Erika Giudice - Amministrazione
  •   Andrea Solari - Responsabile Biglietteria
  •   Matteo Gerboni - Responsabile Ufficio stampa
  •   Marco Bianchi - Ufficio stampa
  •   Nicolò Pagliettini - Ufficio stampa
  •   Mara Musso - Grafica Ufficio stampa
  •   Marco Mancinelli - Digital e Innovation
  •   GISA Srl - Ufficio Marketing
  •   Michele Benati - Responsabile strutture
  •   Giacomo Cidale - Responsabile sicurezza

Area Sportiva[190]
  •   Matteo Superbi - Direttore sportivo
  •   Matteo Gerboni - Team Manager
  •   Daniele Rosso - Responsabile Scouting
  •   Manuel Montali - Responsabile settore giovanile
  •   Massimiliano Sirchia - Addetto all'arbitro

Area Sanitaria[190]
  •   Riccardo Saporiti - Staff sanitario
  •   Gianmaria Vassallo - Staff sanitario
  •   Saverio Quercia - Fisioterapisti
  •   Emanuele Zuccarello - Fisioterapisti

Modifica

Cronologia degli sponsor tecnici

Impegno nel socialeModifica

La Virtus Entella avviò nel 2013 un accordo di collaborazione con l'Istituto Giannina Gaslini di Genova, finalizzato all'organizzazione di raccolte fondi ed attività di sensibilizzazione culturale[196], seguito nel 2015 da un'analoga iniziativa nei confronti di Anffas Onlus[197].

Dal 2016 le attività benefiche e sociali patrocinate dalla squadra sono deputate all'associazione L'Entella nel cuore presieduta da Sabina Croce[198], medico e moglie del presidente della Virtus Entella Antonio Gozzi[199]. Tra i beneficiari delle raccolte fondi vi sono stati il Fondo Chiara Rama[200], realtà connesse all'Istituto Giannina Gaslini[201], l'Azienda sanitaria locale 4 di Genova[202] ed il Comitato Assistenza Malati Tigullio[203]. L'associazione - che si occupa anche della formazione culturale ed educativa dei giocatori del settore giovanile[204] ospitati presso il centro "Benedetto Acquarone"[205] dell'Opera Diocesana Villaggio del ragazzo[206] - ha inoltre creato nel 2017 l'iniziativa Chiavari in rete, veicolo di comunicazione tra le realtà associative di Chiavari e del suo territorio[207].

Nel 2018 la Virtus Entella promosse direttamente una raccolta fondi in favore delle famiglie sfollate a seguito del crollo del ponte Morandi[208] e fece lo stesso nel 2020 al riguardo di un'iniziativa volta ad incentivare la pratica della donazione del sangue[209].

Settore giovanileModifica

Il settore giovanile biancoceleste vinse i suoi primi titoli negli anni 1950, quando ottenne per due stagioni consecutive la vittoria della fase regionale del Campionato Ragazzi, subendo la successiva eliminazione al primo turno delle finali interregionali in entrambe le occasioni[210]. Tra i giocatori di quelle formazioni vi era Giorgio Piazza[211], attualmente secondo giocatore nella classifica di presenze del club[212] e vincitore - tra il 1953 e il 1965 - di quattro campionati con la prima squadra dell'Entella: la Promozione Liguria nel 1956, la Seconda Categoria del Campionato Interregionale nel 1958 e la Serie D nel 1960 e nel 1964[213].

Nel 1989 il settore giovanile si scisse[214], assumendo la denominazione Associazione Calcio Entella Settore Giovanile e Scolastico[215] e proseguendo la collaborazione con la prima squadra, ad eccezione della stagione 1992-1993 in cui iscrisse una propria compagine in Terza Categoria[91]. Negli anni 1990 crebbero nelle giovanili entelliane i due calciatori locali Simone Basso e Silvano Raggio Garibaldi, entrambi giunti in carriera a disputare stagioni da titolari in Serie B[216]. In seguito alla mancata iscrizione della prima squadra al campionato, avvenuta nel 2001[217], il settore giovanile proseguì la sua attività[13] e partecipò alla rinascita societaria l'anno successivo, stringendo un accordo la nuova realtà Valle Sturla Entella[12]. Dal 2003 la società "maggiore" ebbe un proprio settore giovanile, indipendente da quello distaccatosi al termine degli anni 1980[136], fino al ritorno alla collaborazione tra le due realtà, avvenuto nel 2007[218].

Negli anni 2010 il settore giovanile vide transitare giocatori quali[219] i fratelli Francesco e Giuseppe Zampano, Cheick Keita e Nicolò Zaniolo, quest'ultimo arrivato successivamente a vestire la maglia della Nazionale maggiore[220]. Allo stesso periodo risalgono i successi raggiunti in ambito nazionale: il Campionato Juniores Nazionali nel 2010[221] e il Campionato nazionale Dante Berretti nel 2011[222] e nel 2019, nella seconda occasione seguito dalla conquista della Supercoppa Dante Berretti[17]. A livello di Campionato Primavera il miglior risultato assoluto fu il raggiungimento della Final Eight nel 2016[223], anno in cui la Virtus Entella raggiunse anche i quarti di finale al Torneo di Viareggio[224], oltre alla finale di Coppa Italia Primavera disputata nel 2017[225].

Ad ottobre 2020 il settore giovanile della Virtus Entella, denominato Entella Academy[226] e costituito con la società affiliata Associazione Calcio Dilettantistica Entella Settore Giovanile e Scolastico[17], è composto da nove squadre maschili e tre femminili[227]. La società ha inoltre stipulato accordi di affiliazione con l' Unione Sportiva Dilettantistica Calcio Caperanese Entella[17] e l'Associazione Sportiva Dilettantistica Academy Tigullio[228], arrivando a costituire il più grande vivaio della Liguria[229] e coinvolgendo ulteriori realtà nell'ambito del progetto Entella Partners[230].

Diffusione nella cultura di massaModifica

All'Entella sono state dedicate tre opere letterarie incentrate sulla storia della squadra: Entella 50 nel 1964[231], il fumetto Quei colori biancocelesti nel 2013[14] e 100 anni biancocelesti di Carlo Fontanelli nel 2014[114]. Sempre di taglio storico ma riferito ad un singolo decennio è il libro Anche a Chiavari si può del 2017[232], mentre è dedicato alla frequentazione della tifoseria organizzata della squadra un capitolo dell'opera di narrativa Lo psiconauta del 2013[233]. Nel 1989 il giornalista sportivo[234] Giorgio Sivori completò inoltre la redazione di un resoconto delle stagioni dei biancocelesti dal 1964 al 1989, ma il suo manoscritto non venne mai pubblicato[235].

Il documentario cinematografico Mi chiamo Entella e ho cent'anni, premiato nell'edizione 2014 della Sport Movies & TV – Milano International FICTS Fest[236], è dedicato alla storia societaria ed alla stagione 2013-2014, durante la quale il sodalizio ha festeggiato il centesimo anno di vita[237].

Tra le opere musicali connesse alla squadra, l'artista Raimondo Veronese ha pubblicato nel 1985 il 45 giri Se Chiavari non fosse così/Inno all'Entella[238] che riportava sul lato B la canzone adottata come inno ufficiale della società fino al 2009[147]. Nel 2012 lo stesso autore realizzò una nuova versione della canzone[239]. Risale invece al 2015 la canzone Entella, scritta dal cantante argentino Pablo Banchero[240].

Il radicamento dell'Entella sul territorio esula dai confini della città di Chiavari, coinvolgendo l'intero Tigullio[241][242] ed in parte la città di Genova[243]. Questo fenomeno, acuitosi con la ribalta nazionale acquisita dall'Entella nel 2014 in seguito alla prima partecipazione alla Serie B[244], riguarda anche l'organizzazione di iniziative benefiche[245][246] ed il coinvolgimento di numerosi sponsor locali[247][248]: il ruolo della squadra come volano per l'economia del territorio è stato riconosciuto dalle autorità comunali[249] e dalle associazioni imprenditoriali[244].

Allenatori e presidentiModifica

 
Paolo Todeschini, per tre stagioni sulla panchina biancoceleste in Serie C.
 Lo stesso argomento in dettaglio: Allenatori e presidenti della Virtus Entella.

Gli allenatori susseguitisi sulla panchina della squadra sono 84[250][251]. Il primo allenatore professionista dell'Entella fu Ferenc Molnár[33], ingaggiato unicamente per le finali della Terza Divisione 1923-1924. Negli anni 1930 Giolitto Sanguineti si rese protagonista della più lunga permanenza ininterrotta sulla panchina della squadra, dalla stagione 1929-1930 al termine della stagione 1933-1934[40], mentre nel successivo periodo in Serie C allenò l'Entella anche Imre Payer[46].

Negli anni 1960, nuovamente in Serie C, allenarono l'Entella tra gli altri Manlio Bacigalupo[69], Mario Genta[70] e Paolo Todeschini[68]; in Serie C2 negli anni 1980 fu la volta di Gian Piero Ventura[86] e Bruno Baveni[87]. Negli anni 2010 Luca Prina fu il mister protagonista dell'ascesa in Serie B[252], categoria in cui i record di presenze (78) e vittorie (24) spettano ad Alfredo Aglietti[253].

 
Antonio Solari, alla guida della società per dodici stagioni.

La società ha avuto 38 presidenti[254]. Francesco Leonardi fu il primo presidente dell'Entella in un campionato ufficiale, nel 1920[255]. Negli anni 1930 in Serie C assunse la guida della squadra per quattro stagioni Giovanni Vittorio Marcone[174], mentre tra il 1951 e il 1972 fu commissario straordinario per 11 stagioni (oltre ad una da presidente) Antonio Solari[61].

Negli anni 1980 Sergio Barbieri condusse il sodalizio al ritorno tra i professionisti[138], grazie anche all'alternanza con Vittorio Chiesa[81]. Dal 2007 il presidente dell'Entella è Antonio Gozzi[104], sotto la cui gestione la squadra è passata dall'Eccellenza alla Serie B[256], vincendo per due volte il campionato di terza serie[6][17].

CalciatoriModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Calciatori della Virtus Entella.
 
Mario Genta, Campione del mondo nel 1938, giocò in seguito per una stagione con l'Entella.

Tra i calciatori di rilievo nella storia del club figurano Enrico Sannazzari, che fu uno dei fondatori[24], il primatista di reti segnate Beppino Gatti[212], il già Campione del mondo Mario Genta[52], il primatista di presenze Ermes Nadalin[257], il giocatore-simbolo Andrea Paroni[258] e il primatista di presenze in Serie B Michele Pellizzer[259].

Hall of fameModifica

Nel 2016 la società ha indicato come facenti parte della Hall of Fame i giocatori che abbiano totalizzato con la squadra almeno 100 presenze in campionato[260].

CapitaniModifica

L'Entella adottò la figura del capitano fin dalla sua fondazione ed ancor prima di prendere parte a campionati ufficiali: il primo capitano fu uno degli stessi fondatori, Enrico Sannazzari[24][29]. La fascia è stata indossata successivamente da numerosi calciatori: in Serie C negli anni 1960 si alternarono principalmente Ermes Nadalin[261] e Mario Delle Piane[262], mentre in occasione dei due maggiori successi ottenuti dalla squadra - Lega Pro Prima Divisione 2013-2014 e Serie C 2018-2019 - il ruolo fu ricoperto rispettivamente da Gennaro Volpe[263] e Luca Nizzetto[264], che alla stagione 2020-2021 mantiene questo ruolo[265]. Michele Troiano è il giocatore ad avere disputato più stagioni in Serie B come capitano: ha infatti indossato la fascia per tre annate sportive[266].

Contributo alle NazionaliModifica

Un solo giocatore dell'Entella è sceso in campo con la maglia di una nazionale maggiore durante il periodo di militanza nella società[267]: Naser Aliji, schierato titolare dalla nazionale albanese in un'amichevole contro la Norvegia nel 2018[268].

PalmarèsModifica

Competizioni interregionaliModifica

2013-2014 (girone A), 2018-2019 (girone A)
1957-1958 (girone A - Seconda Categoria), 1959-1960 (girone A), 1963-1964 (girone A), 1984-1985 (girone E)

Competizioni regionaliModifica

1932-1933, 1955-1956, 1996-1997, 1998-1999, 2007-2008
2000-2001

Competizioni giovaniliModifica

2019
2010-2011 (Torneo Lega Pro), 2018-2019 (Torneo Serie C)
2009-2010
1950-1951, 1951-1952

Altri piazzamentiModifica

secondo posto: 1928-1929 (girone A), 1946-1947 (girone A)
semifinale playoff: 2012-2013 (girone A)
secondo posto: 2019
finale: 2014
finale playoff: 2011-2012 (girone A)
secondo posto: 1950-1951 (girone F), 1958-1959 (girone A), 1961-1962 (girone A), 2009-2010 (girone A)
terzo posto: 1929-1930 (girone A)
finale playoff: 2009-2010 (girone A)
secondo posto: 1921-1922, 1923-1924, 1953-1954 (girone B), 2003-2004, 2006-2007
terzo posto: 1930-1931
finale: 1994-1995, 2004-2005, 2005-2006, 2007-2008

OnorificenzeModifica

  Stella di bronzo al merito sportivo
— 1981[269]

Statistiche e recordModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Statistiche e record della Virtus Entella.

Statistiche di squadraModifica

L'esordio dell'Entella è avvenuto il 12 dicembre 1920[29]. Nelle 101 stagioni sportive seguenti la squadra ha preso parte a 66 campionati nazionali, 32 campionati regionali ed è rimasta in attiva per 3 stagioni, di cui 2 a causa della mancata disputa dei campionati per motivi bellici[270][271]. I campionati disputati sono stati per 7 volte al 2º livello nazionale (di cui 6 Serie B), 26 volte al 3º livello nazionale (di cui 20 Serie C e 2 Lega Pro Prima Divisione), 23 volte al 4º livello nazionale e 10 volte al 5º livello nazionale[270][271].

L'Entella ha inoltre preso parte a 41 edizioni di coppe nazionali: in 16 casi si trattò di edizioni della Coppa Italia[270][271], in cui raggiunse in una occasione gli ottavi di finale[125].

Complessivamente, le gare ufficiali disputate dall'Entella sono oltre 3000[270][271].

Statistiche individualiModifica

Il giocatore con più presenze nella storia dell'Entella è Ermes Nadalin, che disputò 388 partite ufficiali in 14 stagioni con la maglia biancoceleste, la maggior parte delle quali in Serie C negli anni 1960[212]. Il giocatore ad aver realizzato il maggior numero di reti è invece Beppino Gatti, che in partite ufficiali ne mise a segno 104 in 11 stagioni, disputate principalmente negli anni 1930, in Serie C e antesignane[272]. All'inizio della stagione 2020-2021 il giocatore nell'organico dell'Entella con il maggior numero di presenze (261) in partite ufficiali è Andrea Paroni[270][273], mentre il giocatore ad aver realizzato più reti (17) in partite ufficiali è Giuseppe De Luca[274].

TifoseriaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Tifoseria della Virtus Entella.
 
27 aprile 2008: coreografia del Gruppo Storico in occasione di Virtus Entella-Sammargheritese.

La tifoseria biancoceleste ha stabilizzato la propria media spettatori con il raggiungimento della Serie B avvenuto nel 2014, in seguito ad un trend crescente avviatosi negli anni precedenti[275]. La più alta media stagionale di spettatori nel campionato cadetto si registrò nella Serie B 2016-2017 con 2 252 tifosi a partita: si trattò comunque della media di spettatori più bassa tra le squadre iscritte a quel campionato[276].

La società è presente sui social network con un totale ad ottobre 2020 di circa ottantamila followers sommando i dati dei profili ufficiali Facebook[277], Instagram[278] e Twitter[279]. Tra i tifosi della Virtus Entella sono attivi numerosi numerosi fan club[280] con sede in Liguria[281] e nelle regioni centro-settentrionali d'Italia[282][283][284] ed un gruppo di tifoseria organizzata[285]. I sostenitori della squadra hanno dal termine degli anni 2010 attratto l'attenzione dei media nazionali in occasione di trasferte[286] o particolari iniziative[287].

StoriaModifica

Rappresentanti di una città ricca[288] già agli albori del XX secolo quando Chiavari fu un importante centro amministrativo[289][290] ed economico[291], i tifosi entelliani sono storicamente considerati borghesi[292] e tradizionalisti[293]. In particolare, questa immagine è spesso stata contrapposta ai tifosi del Sestri Levante - contro cui la Virtus Entella disputa il Derby del Tigullio[292] - ritenuti invece rappresentanti della classe operaia[294], sebbene le differenze sociali siano andate scomparendo nel tempo[292].

La tifoseria della squadra fu numerosa negli anni 1930[38] e successivamente anche negli anni 1960 e 1970[295][74], quando erano attivi alcuni fan club[296], mentre risale agli anni 1980 la nascita del primo gruppo di tifoseria organizzata[297]. Al termine del decennio il seguito di tifosi si ridusse sensibilmente[298], così come avvenne ad inizio anni 2000[299], in entrambi i casi in seguito a crisi societarie patite dalla compagine. Dopo la rinascita del sodalizio - avvenuta nel 2002 - il primo fan club sorse nel 2006[283], seguito da numerosi altri principalmente dopo la promozione in Serie B ottenuta nel 2014[300]. La riunione della tifoseria organizzata sotto un'unica denominazione risale al 2015[301].

Tra le attività svolte dai fan club vi sono la partecipazione a iniziative benefiche[280], la premiazione di giocatori della squadra[302] e la gestione di blog[300] e pubblicazioni[303].

Gemellaggi e rivalitàModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Derby calcistici in Liguria.
 
9 marzo 1974: al termine del Derby del Tigullio i calciatori dell'Entella Chiavari Emanuele De Barbieri e Luigi Stagnaro lasciano il campo, quest'ultimo accompagnato da Giovanni Carniglia del Sestri Levante.

I tifosi della Virtus Entella sono gemellati con i loro omologhi della Sanremese[304]. A partire dagli anni 1980 nacquero gemellaggi con le tifoserie di Lucchese[305], Brescello[306] e Pro Recco di pallanuoto[307], mentre risalgono agli anni 2010 quelli con i sostenitori di Carpi[308] e Crotone[309]. Vi sono inoltre buoni rapporti con le tifoserie di Albenga[310], Genoa[311] e Perugia[310].

La rivalità più importante dei tifosi entelliani è quella con i sostenitori del Sestri Levante[312], antagonista dei biancocelesti nel Derby del Tigullio[292]. Tenutosi 82 volte in campionato dal 1923[33], l'incontro assunse progressivamente tratti campanilistici che portarono a incidenti nel secondo dopoguerra[313], fino al periodo di massimo antagonismo - legato anche a motivi ideologici e politici[292] - raggiunto negli anni 1970[294]. Nonostante l'assenza di partite ufficiali che si protrae dal 2009[292], la rivalità tra le tifoserie continua ad essere rilevante[304][314] e viene considerata una delle più importanti in Liguria[292][297][315].

Tra le altre tifoserie considerate rivali vi sono quelle rappresentanti i capoluoghi delle province liguri - Imperia[316], Savona[317] e Spezia[318] - o località del Tigullio quali Lavagnese[319], Rapallo[320] e Sammargheritese[321]. Sempre di stampo regionale sono gli antichi antagonismi[322] con i tifosi di Molassana Boero e Quarto e quelli recenti[323] con i sostenitori dell'Albissola. I tifosi della Virtus Entella sono infine rivali di quelli di due squadre piemontesi - il Casale[310] e la Pro Vercelli[324] - ed hanno vissuto tensioni con quelli di una squadra siciliana, il Catania[325].

OrganicoModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Virtus Entella 2020-2021.

Rosa 2020-2021Modifica

Aggiornata al 20 ottobre 2020.

N. Ruolo Giocatore
1   P Andrea Paroni
2   D Gabriel Cleur
3   D Filippo Costa
4   D Ivan De Santis
5   D Marco Chiosa
6   D Federico Bonini
7   A Giuseppe De Luca
8   C Marco Crimi
9   A Alejandro Rodríguez
10   C Luca Nizzetto (capitano)
11   A Michele Currarino
13   D Fabrizio Poli
14   C Cassio Cardoselli
15   D Michele Pellizzer
17   D Filippo De Col
18   C Davide Mazzocco
19   A Matteo Brunori
N. Ruolo Giocatore
20   A Matteo Mancosu
21   D Mauro Coppolaro
22   P Lorenzo Poverini
23   C Andrea Paolucci
24   P Daniele Borra
25   C Marco Toscano
27   C Andrea Settembrini
28   C Simone Andreis
32   A Claudio Morra
33   C Marco Brescianini
38   C Leonardo Morosini
68   P Alessandro Russo
77   A Tomi Petrović
80   C Īlias Koutsoupias
95   D Markus Pavic
99   C Andrea Schenetti
  P Mirko Albertazzi

Staff tecnicoModifica

Staff dell'area tecnica
  •   Vincenzo Vivarini - Allenatore
  •   Andrea Milani - Allenatore in seconda
  •   Antonio Del Fosco - Preparatore atletico
  •   Giuseppe Puleo - Preparatore atletico
  •   Emanuele Tononi - Preparatore atletico
  •   Massimo Gazzoli - Allenatore dei portieri
  •   Alcide Di Salvatore - Collaboratore tecnico
  •   Igor Graziani - Match analyst
  •   Gianmaria Vassallo - Responsabile sanitario
  •   Riccardo Saporiti - Medico sanitario
  •   Roberto Galli - Operatore sanitario
  •   Saverio Quercia, Stefano Castello - Fisioterapista
  •   Matteo Gerboni - Team Manager
  •   Delio Lagomarsino - Dirigente logistica

NoteModifica

  1. ^ Gara pazza a Livorno: l'Entella trova il 4-4 al 96'! Vincono Juve Stabia e Trapani. Festa Chievo, Cosmi k.o., su La Gazzetta dello Sport, 18 gennaio 2020. URL consultato l'11 novembre 2020.
  2. ^ Jacopo Manfredi, Serie B, il Benevento travolge l'Entella. Lo Spezia frena a Trapani, tris Cittadella, su la Repubblica, 22 febbraio 2020. URL consultato l'11 novembre 2020.
  3. ^ Coronavirus: Serie B, rinviata al 14/11 Entella-Venezia, su Rai, 24 ottobre 2020. URL consultato l'11 novembre 2020.
  4. ^ a b c Virtus Entella - Serie B ConTe.it, su Lega B. URL consultato l'11 novembre 2020.
  5. ^ Franco Capitano, Dal derby con Rapallo al sogno serie B un'avventura partita in Piazza Roma, su la Repubblica, 14 marzo 2014. URL consultato l'11 novembre 2020.
  6. ^ a b c d Cremonese-Entella 1-2: Virtus in Serie B, su Genova Today, 4 maggio 2020. URL consultato il 25 ottobre 2020.
  7. ^ a b Entella festeggia i 100 anni alla giostra dei Casali, su la Repubblica, 1º agosto 2014. URL consultato l'11 novembre 2020.
  8. ^ a b c d e Costa, p. 4.
  9. ^ Marco Lignana, Favola Entella, che la festa cominci, su la Repubblica, 14 marzo 2014. URL consultato il 24 ottobre 2020.
  10. ^ a b c d e f g Costa, p. 8.
  11. ^ a b c d e f Fontanelli, p. 210
  12. ^ a b c d e Fontanelli, p. 407
  13. ^ a b c d e Fontanelli, p. 403
  14. ^ a b Entella calcio: un secolo di sport a Chiavari, su Tigullio News, 11 novembre 2013. URL consultato il 6 settembre 2020.
  15. ^ CAMBIO DI DENOMINAZIONE SOCIALE (PDF), su FIGC, 2005. URL consultato il 23 ottobre 2020 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  16. ^ a b Costa, p. 26
  17. ^ a b c d e L'annus mirabilis della Virtus Entella, su Piazza Levante, 13 giugno 2019. URL consultato il 9 novembre 2020.
  18. ^ a b c Fontanelli, p. 190
  19. ^ a b c Fontanelli, p. 179
  20. ^ a b Fontanelli, p. 316
  21. ^ Il meglio del calcio ligure a Cairo Montenotte: all’Internazionale anche la Virtus Entella, su ilvostrogiornale, 22 febbraio 2019. URL consultato il 9 ottobre 2020.
  22. ^ Eloisa Moretti Clementi, Centenario dell’Entella, quel 14 marzo 1914, su Il Secolo XIX, 14 marzo 2014. URL consultato il 9 ottobre 2020.
  23. ^ Da Ventura a Raggio Garibaldi, 100 anni di Virtus Entella, su Sky Sport, 10 marzo 2014. URL consultato il 9 ottobre 2020.
  24. ^ a b c d Richin Sannazzari, il Dio chiavarese del pallone, su Piazza Levante, 27 settembre 2018. URL consultato il 26 settembre 2020.
  25. ^ a b Fontanelli, p. 26.
  26. ^ Fontanelli, p. 27.
  27. ^ a b Fontanelli, p. 28.
  28. ^ Fontanelli, p. 32
  29. ^ a b c Costa, p. 10.
  30. ^ Fontanelli, p. 40
  31. ^ Il Campionato Italiano di II Divisione avrà inizio il 12 novembre 1922, in La Cronaca Sportiva, 3 novembre 1922, p. 1. URL consultato il 9 ottobre 2020].
  32. ^ a b Fontanelli, p. 44
  33. ^ a b c Fontanelli, p. 46
  34. ^ a b 80° anniversario dell'inaugurazione dello stadio dell'Entella, su Istituto Tecnico Statale di Chiavari, 25 maggio 2004. URL consultato il 29 settembre 2020.
  35. ^ Fontanelli, p. 53
  36. ^ Fontanelli, p. 57
  37. ^ Fontanelli, pp. 59-65.
  38. ^ a b Costa, p. 22
  39. ^ Giaiero e Cambellotti, p. 20
  40. ^ a b Fontanelli, p. 77
  41. ^ Giaiero e Cambellotti, p. 21
  42. ^ a b c d Fontanelli, p. 87
  43. ^ Fontanelli, pp. 87-116
  44. ^ Fontanelli, p. 111
  45. ^ a b Giaiero e Cambellotti, p. 25
  46. ^ a b Fontanelli, p. 91
  47. ^ Costa, p. 39
  48. ^ a b Giaiero e Cambellotti, p. 28
  49. ^ Fontanelli, p. 127
  50. ^ Costa, p. 46
  51. ^ Costa, p. 48
  52. ^ a b Giaiero e Cambellotti, p. 30
  53. ^ Fontanelli, p. 153
  54. ^ a b Fontanelli, p. 168
  55. ^ a b Costa, p. 57
  56. ^ Giaiero e Cambellotti, p. 33
  57. ^ Fontanelli, p. 197
  58. ^ Costa, p. 81
  59. ^ a b Giaiero e Cambellotti, p. 35
  60. ^ Giaiero e Cambellotti, p. 34
  61. ^ a b Fontanelli, p. 252
  62. ^ Fontanelli, pp. 216-252
  63. ^ a b Giaiero e Cambellotti, p. 38
  64. ^ a b Fontanelli, p. 216
  65. ^ a b Fontanelli, p. 232
  66. ^ a b Giaiero e Cambellotti, p. 43
  67. ^ a b Fontanelli, p. 242
  68. ^ a b Fontanelli, p. 221
  69. ^ a b Fontanelli, p. 226
  70. ^ a b Fontanelli, p. 236
  71. ^ Giaiero e Cambellotti, p. 40
  72. ^ a b Almanacco illustrato del calcio 1971, Modena, Panini, 1971.
  73. ^ Gessi Adamoli, Capogna, l' eroe mancato della C 'Mi chiamavano il messicano', su la Repubblica, 16 marzo 2006. URL consultato il 17 ottobre 2020.
  74. ^ a b Fontanelli, p. 246
  75. ^ Danilo Sanguineti, Virtus Entella, un match dal sapore storico contro il Genoa, su Piazza Levante, 6 dicembre 2018. URL consultato il 17 ottobre 2020.
  76. ^ Fontanelli, pp. 257-288
  77. ^ a b Fontanelli, p. 276
  78. ^ Fontanelli, p. 272
  79. ^ Fontanelli, p. 266
  80. ^ Fontanelli, p. 298
  81. ^ a b c Fontanelli, p. 305
  82. ^ Giampiero Ventura: dall’Entella alla mancata qualificazione ai Mondiali di Russia 2018, su Prima il Levante, 14 novembre 2017. URL consultato il 20 ottobre 2020.
  83. ^ Almanacco Illustrato del calcio 1986, Modena, Panini, 1986.
  84. ^ Daniele Roncagliolo, Barbieri, dolce e salato da opera, su Piazza Levante, 29 novembre 2018. URL consultato il 18 ottobre 2020.
  85. ^ a b Fontanelli, pp. 322-334
  86. ^ a b Fontanelli, p. 322
  87. ^ a b Fontanelli, p. 328
  88. ^ a b Fontanelli, pp. 338-339
  89. ^ Fontanelli, p. 334
  90. ^ Fontanelli, p. 341
  91. ^ a b c Fontanelli, pp. 358-359
  92. ^ Fontanelli, p. 384
  93. ^ Fontanelli, p. 394
  94. ^ Giaiero e Cambellotti, p. 51
  95. ^ a b Fontanelli, p. 378
  96. ^ a b Fontanelli, p. 388
  97. ^ Fontanelli, p. 399
  98. ^ Giaiero e Cambellotti, p. 52
  99. ^ Tavecchio e la cancellazione dell’A.C.Entella 1914, su Prima il Levante, 29 novembre 2017. URL consultato il 22 ottobre 2020.
  100. ^ a b COMUNICATO UFFICIALE N. 100/A (PDF), su FIGC, 3 dicembre 2002. URL consultato il 23 ottobre 2020 (archiviato dall'url originale il 12 marzo 2016).
  101. ^ Italo Vallebella, Niente Entella, sarà Chiavari VL, in Il Secolo XIX, 22 giugno 2003.
  102. ^ CAMBIO DI DENOMINAZIONE SOCIALE (PDF), su FIGC, 2003. URL consultato il 23 ottobre 2020 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  103. ^ CAMBIO DI DENOMINAZIONE SOCIALE (PDF), su FIGC, 2005. URL consultato il 23 ottobre 2020 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  104. ^ a b Antonio Gozzi è il nuovo presidente della Virtus Entella, su Radio Aldebaran, 1º settembre 2007. URL consultato il 24 ottobre 2020.
  105. ^ Marchigiani
  106. ^ Giaiero e Cambellotti, p. 57
  107. ^ Fontanelli, pp. 444-450
  108. ^ Fontanelli, p. 450
  109. ^ a b Fontanelli, p. 459
  110. ^ a b c Contatti - Virtus Entella Chiavari - Sito ufficiale, su entella.it. URL consultato il 24 ottobre 2020.
  111. ^ Christian Galfrè, Calcio, Seconda Divisione: Renate sconfitto, la Virtus Entella è salva, su Genova24, 1º maggio 2011. URL consultato il 24 ottobre 2020.
  112. ^ Prina è il nuovo allenatore dell'Entella, su Primocanale, 12 aprile 2011. URL consultato il 24 ottobre 2020.
  113. ^ A. Capitani, Virtus Entella ripescata in Prima Divisione Lega Pro, su Teleradiopace TV, 7 agosto 2012. URL consultato il 24 ottobre 2020.
  114. ^ a b Eloisa Moretti Clementi, Entella, 100 anni in una notte, su Il Secolo XIX, 10 luglio 2014. URL consultato il 6 settembre 2020.
  115. ^ Paroni-Virtus Entella, rinnovo a vita, su Tuttosport, 27 maggio 2019. URL consultato il 24 ottobre 2020.
  116. ^ I gol di Rosso trascinano l’Entella e incantano Chiavari, su Lega Pro, 17 gennaio 2012. URL consultato il 24 ottobre 2020.
  117. ^ Alessandro Di Gioia, Che fine ha fatto? Ighli Vannucchi e la leggenda del 'fantasista pescatore', su Calciomercato, 20 luglio 2015. URL consultato il 24 ottobre 2020.
  118. ^ Gennaro Volpe: storia di un combattente culminata con la fascia al braccio delle Virtus Entella, su Tuttocampo, 25 aprile 2020. URL consultato il 23 settembre 2020.
  119. ^ Entella, al via la campagna abbonamenti, su Lega Nazionale Professionisti B, 14 luglio 2017. URL consultato il 27 ottobre 2020.
  120. ^ Crotone-Virtus Entella 1-0, sfumano playoff per liguri, su LaPresse, 20 maggio 2016. URL consultato il 25 ottobre 2020.
  121. ^ Ascoli Picchio, caratteristiche tecniche e umane di mister Alfredo Aglietti, su Piceno Time, 15 giugno 2016. URL consultato il 25 ottobre 2020.
  122. ^ Entella show, Caputo scatenato: ecco l'anti-Verona, su Sky Sport, 2 novembre 2016. URL consultato il 25 ottobre 2020.
  123. ^ Tar respinge il ricorso dell'Entella, serie B resta a 19, su la Repubblica, 7 novembre 2018. URL consultato il 25 ottobre 2020.
  124. ^ Calciomercato Entella, ufficiale: Boscaglia è il nuovo allenatore, su Corriere dello Sport - Stadio, 10 luglio 2018. URL consultato il 25 ottobre 2020.
  125. ^ a b Roma-Entella 4-0: giallorossi troppo forti, Virtus fuori dalla Coppa a testa alta, su Genova Today, 15 gennaio 2019. URL consultato il 25 ottobre 2020.
  126. ^ Coppa Italia, Genoa-Entella 9-10 ai rigori: errore decisivo di Lapadula, su Tuttosport, 6 dicembre 2018. URL consultato il 25 ottobre 2020.
  127. ^ Serie B, la classifica dell’ultima giornata, su il Post, 31 luglio 2020. URL consultato il 25 ottobre 2020.
  128. ^ Gestita dal Direttorio Divisioni Inferiori Nord.
  129. ^ COMUNICATO UFFICIALE N. 100/A (PDF), su FIGC, 3 dicembre 2002. URL consultato il 23 ottobre 2020 (archiviato dall'url originale il 12 marzo 2016).
  130. ^ CAMBIO DI DENOMINAZIONE SOCIALE (PDF), su FIGC, 2003. URL consultato il 23 ottobre 2020 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  131. ^ CAMBIO DI DENOMINAZIONE SOCIALE (PDF), su FIGC, 2005. URL consultato il 23 ottobre 2020 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  132. ^ a b c Niccolò Mailli, Erreà celebra il centenario della Virtus Entella con le "maglie almanacco" 2013-2014, su Passione Maglie. URL consultato il 10 ottobre 2020.
  133. ^ Enrico Valente, All' Entella si balla il tango Sette argentini in squadra, su La Gazzetta dello Sport, 15 agosto 1999. URL consultato il 22 ottobre 2020.
  134. ^ (ES) Oscar Barnade, Trece décadas (1891-2018) -1908- ¿Por qué la camiseta de la Selección es celeste y blanca?, su Clarín, 20 giugno 2018. URL consultato il 12 novembre 2020.
  135. ^ Fontanelli, p. 504.
  136. ^ a b c Alberto Rigoni, Tifosi divisi sull'assenza di riferimenti al passato nobile. "Giusto così, bisogna meritarlo". "E' una seconda morte", in Il Secolo XIX, 22 giugno 2003.
  137. ^ Fontanelli, p. 126.
  138. ^ a b Fontanelli, p. 311.
  139. ^ Entella, a Siena in campo con la maglia rossa, su Tutto Siena Calcio, 24 novembre 2018. URL consultato il 12 novembre 2020.
  140. ^ Entella, ecco le nuove maglie, su Radio Aldebaran, 11 settembre 2020. URL consultato il 12 novembre 2020.
  141. ^ (EN) VIRTUS ENTELLA, su Pennants Museum, 2 settembre 2017. URL consultato il 12 novembre 2020.
  142. ^ a b Stemma Comune di Chiavari, su Comuni italiani. URL consultato il 12 novembre 2020.
  143. ^ (EN) VIRTUS ENTELLA, su Pennants Museum, 2 settembre 2017. URL consultato il 12 novembre 2020 (archiviato dall'url originale il 25 giugno 2019).
  144. ^ Sito ufficiale, su Chiavari VL, 4 ottobre 2003. URL consultato il 31 ottobre 2020 (archiviato dall'url originale il 4 ottobre 2003).
  145. ^ La storia in un simbolo: alla scoperta dei team di Lega Pro, su Sky Sport, 25 ottobre 2013. URL consultato il 12 novembre 2020.
  146. ^ Gaetano Merrone, Calcio, Entella: presentato il Logo del Centenario. E sulle maglie 2013 – 2014 una sorpresa, su Genova24, 16 luglio 2013. URL consultato il 12 novembre 2020.
  147. ^ a b Biografia, su Luca Scherani. URL consultato il 6 settembre 2020.
  148. ^ Costa, pp. 29-30
  149. ^ L'araldica dei calcio (JPG), in Guerin Sportivo, 10 ottobre 1928, p. 1.
  150. ^ Niccolò Mailli, Erreà celebra il centenario della Virtus Entella con le "maglie almanacco" 2013-2014, su Passione Maglie. URL consultato il 10 ottobre 2020.
  151. ^ Piazza Roma, l'orgogliosa resistenza a un progetto insulso, su Piazza Levante, 16 agosto 2018. URL consultato il 1º ottobre 2020.
  152. ^ a b Costa, p. 5.
  153. ^ Fontanelli, pp. 27-28.
  154. ^ Costa, p. 13.
  155. ^ Costa, p. 18.
  156. ^ a b Costa, p. 23.
  157. ^ Costa, p. 20.
  158. ^ Giorgio Getto Viarengo, Entella, un secolo di calcio, su Il Secolo XIX, 14 marzo 2014. URL consultato il 14 novembre 2020.
  159. ^ a b Rinaldo Barlassina, Agendina del Calcio 1941-1942, Venezia, Assicurazioni Generali, 1941, p. 119.
  160. ^ Gazzetta Ufficiale del Regno d'Italia - Anno 83° Numero 42, su Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, 20 febbraio 1942. URL consultato il 13 novembre 2020.
  161. ^ Fontanelli, p. 121.
  162. ^ Fontanelli, p. 170.
  163. ^ Stadio comunale di Chiavari, su Plurima elaborazioni grafiche. URL consultato il 14 novembre 2020.
  164. ^ Eloisa Clementi Moretti, Il Comunale ora è un gioiellino, su Il Secolo XIX, 31 luglio 2013. URL consultato il 14 novembre 2020.
  165. ^ Almanacco illustrato del calcio 1982, Modena, Panini, 1982.
  166. ^ Comunale Aldo Gastaldi - Serie B ConTe.it, su Lega B, 12 Aprile 2018. URL consultato il 14 novembre 2020 (archiviato dall'url originale il 12 aprile 2018).
  167. ^ In 400 allo stadio Gastaldi per spingere la squadra verso gli spareggi salvezza, su Il Tirreno, 27 aprile 2019. URL consultato il 14 novembre 2020.
  168. ^ Entella, si pensa al Perugia: riprendono gli allenamenti al Comunale, su La Voce del Tigullio, 19 luglio 2020. URL consultato l'8 novembre 2020.
  169. ^ Palazzetto di Sampierdicanne e campi della Colmata, aggiudicata la gestione, su La Voce del Tigullio, 13 febbraio 2020. URL consultato l'8 novembre 2020.
  170. ^ La Caperanese si gestirà il nuovo campo, su Tigullio news, 12 maggio 2018. URL consultato l'8 novembre 2020.
  171. ^ Il campo della Colmata intitolato a Franco Celeri, su Prima il Levante, 27 settembre 2018. URL consultato l'8 novembre 2020.
  172. ^ Inaugurato il nuovo stadio di Caperana, su Tigullio news, 4 febbraio 2017. URL consultato l'8 novembre 2020.
  173. ^ Vivaio Virtus Entella, Volpe lascia il calcio giocato per dirigere l’Academy in espansione, su Radio Aldebaran, 15 luglio 2016. URL consultato l'8 novembre 2020.
  174. ^ a b Costa, p. 33.
  175. ^ VIRTUS ENTELLA SRL - Overwiev, Competitors, and Employees, su apollo.io. URL consultato il 17 novembre 2020.
  176. ^ L'Entella vince in tribunale Niente "scippo" del nome, su la Repubblica, 12 novembre 2015. URL consultato il 17 novembre 2020.
  177. ^ COMUNICATO UFFICIALE N. 100/A (PDF), su FIGC, 3 dicembre 2002. URL consultato il 23 ottobre 2020 (archiviato dall'url originale il 12 marzo 2016).
  178. ^ CAMBIO DI DENOMINAZIONE SOCIALE (PDF), su FIGC, 2003. URL consultato il 23 ottobre 2020 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  179. ^ Danilo Sanguineti, Beach soccer, è nata la Virtus Entella: giocherà in Serie A, su Piazza Levante, 23 maggio 2019. URL consultato il 9 novembre 2020.
  180. ^ Nasce la Virtus Entella Beach Soccer, giocherà nel campionato di serie A, su Entella, 20 maggio 2019. URL consultato il 9 novembre 2020.
  181. ^ Gara casalinga 2 (PDF), su USCremonese, 20 gennaio 2020. URL consultato l'11 novembre 2020.
  182. ^ (EN) Duferco Industrial S.A., BALANCE SHEET Financial year from 01/10/2018 to 30/09/2019 (Annual accounts (eCDF)), 28 aprile 2020.
  183. ^ (FR) Duferco Industrial S.A., Modification non statutaire de mandataires, de personnes chargées du contrôle des comptes et/ou dépositaire (Art. 42 LSC) (Modification non statutaire des mandataires), 21 febbraio 2020.
  184. ^ Almanacco illustrato del calcio 1985, Modena, Panini, 1985.
  185. ^ Almanacco illustrato del calcio 1972, Modena, Panini, 1972.
  186. ^ Rinaldo Barlassina, Agendina del Calcio 1938-1939, Venezia, Assicurazioni Generali, 1938, p. 119.
  187. ^ Rinaldo Barlassina, Agendina del Calcio 1940-1941, Venezia, Assicurazioni Generali, 1940, p. 119.
  188. ^ Almanacco illustrato del calcio 1975, Modena, Panini, 1975.
  189. ^ Almanacco illustrato del calcio 1969, Modena, Panini, 1969.
  190. ^ a b c Organigramma, su Entella. URL consultato il 17 novembre 2020.
  191. ^ Fontanelli, p. 406
  192. ^ Fontanelli, p. 417
  193. ^ Fontanelli, p. 443
  194. ^ Entella, nuova maglia ricorda Argentina, su Rai Sport, 6 agosto 2014. URL consultato il 17 novembre 2020.
  195. ^ Lorenzo Mangini, Entella riparte insieme con Adidas, su la Repubblica, 15 luglio 2018. URL consultato il 17 novembre 2020.
  196. ^ “Insieme per vincere”: Virtus Entella in visita ai bimbi del Gaslini, su Genova24, 30 ottobre 2013. URL consultato l'8 novembre 2020.
  197. ^ Stasera in campo la V. Entella, prima beneficenza pro Anffas, su Radio Aldebaran, 9 marzo 2015. URL consultato l'8 novembre 2020.
  198. ^ Nasce l’associazione di promozione sociale “Entella nel cuore”, su Radio Aldebaran, 23 aprile 2016. URL consultato l'8 novembre 2020.
  199. ^ TuttoLegaPro.com ... in rosa: Sabina Croce (presidente comitato 100 anni Entella), su Tutto C, 13 aprile 2014. URL consultato l'8 novembre 2020.
  200. ^ "Entella nel cuore": 3mila euro raccolti per il Fondo Chiara Rama, su Tutto Entella, 22 febbraio 2018. URL consultato l'8 novembre 2020.
  201. ^ Entella, raccolti 10000€ a favore del “Guscio dei bimbi”, su La Voce del Tigullio, 17 ottobre 2019. URL consultato l'8 ovembre 2020.
  202. ^ L'ASL4 ringrazia l'Entella nel Cuore per il sostegno, su Tutto Entella, 17 aprile 2020. URL consultato l'8 novembre 2020.
  203. ^ Entella nel cuore e CAM Tigullio donano sei respiratori. E la raccolta prosegure, su piazzalevante.it, 2 aprile 2020. URL consultato l'8 novembre 2020.
  204. ^ “L’Entella nel cuore”, la nuova iniziativa per la promozione dell’etica nello sport presieduta da Sabina Croce, su Tigullio News, 23 aprile 2016. URL consultato l'8 novembre 2020.
  205. ^ Lorenzo Mangini, Il sogno dell'Entella: allargare il convitto Acquarone, su la Repubblica, 16 febbraio 2019. URL consultato l'8 novembre 2020.
  206. ^ Alberto Bruzzone, Il Centro Benedetto Acuarone: quella "città dentro"... aperta a tutti da vent'anni, su Piazza Levante, 19 dicembre 2019. URL consultato l'8 novembre 2020.
  207. ^ Entella, tra sport e solidarietà, su Entella, 15 luglio 2019. URL consultato l'8 novembre 2020.
  208. ^ Dal calcio a Genova, durante Entella-Albissola raccolti 4362 euro per gli sfollati di ponte Morandi, su Genova24, 21 agosto 2018. URL consultato l'11 novembre 2020.
  209. ^ Donatori di sangue gratis alle partite dell'Entella, su ANSA, 18 febbraio 2020. URL consultato l'8 novembre 2020.
  210. ^ Costa, p. 53.
  211. ^ Fontanelli, p. 146.
  212. ^ a b c Fontanelli, p. 16.
  213. ^ Fontanelli, p. 160.
  214. ^ Giaiero e Cambellotti, p. 47.
  215. ^ Associazione Calcio Entella a Chiavari (GE), su Pagine gialle. URL consultato il 24 ottobre 2020.
  216. ^ Lavagnese, presi Simone Basso e Silvano Raggio Garibaldi, su Prima il Levante, 1º settembre 2019. URL consultato il 9 novembre 2020.
  217. ^ Tavecchio e la cancellazione dell’A.C.Entella 1914, su Prima il Levante, 29 novembre 2017. URL consultato il 22 ottobre 2020.
  218. ^ Virtus Entella, nuovo sponsor e attenzione a giovani, su Radio Aldebaran, 21 dicembre 2007. URL consultato il 24 ottobre 2020.
  219. ^ Danilo Sanguineti, Zaniolo dall'Entella alla Nazionale: un predestinato, su Piazza Levante, 6 settembre 2018. URL consultato il 9 novembre 2020.
  220. ^ Zaniolo, è il responso più duro: ancora rottura del legamento crociato, su La Voce del Tigullio, 8 settembre 2020. URL consultato il 9 novembre 2020.
  221. ^ L'Entella Chiavari si aggiudica il titolo, su Lega Nazionale Dilettanti, 22 maggio 2010. URL consultato il 24 ottobre 2020.
  222. ^ La Berretti della Virtus Entella è campione d’Italia, battuto 2-1 il Lanciano, su Radio Aldebaran, 5 giuno 2011. URL consultato il 24 ottobre 2020.
  223. ^ Vincenzo D'Angelo, Final Eight Primavera: Entella-Roma 0-2, Ponce e Machin, in semifinale l'Inter, su La Gazzetta dello Sport, 28 maggio 2016. URL consultato il 25 ottobre 2020.
  224. ^ Viareggio Cup, Palermo-Entella 1-0: i rosanero in semifinale affronteranno l’Inter, su Mediagol, 25 marzo 2016. URL consultato il 25 ottobre 2020.
  225. ^ Francesco Oddi, Coppa Italia Primavera, Roma-Entella 2-0, su La Gazzetta dello Sport, 21 aprile 2017. URL consultato il 25 ottobre 2020.
  226. ^ Cassano: "Se dovessi tornare nel calcio, sceglierei solo l'Entella", su la Repubblica, 23 aprile 2020. URL consultato il 9 novembre 2020.
  227. ^ Gli impegni del settore giovanile biancoceleste, su Entella, 3 ottobre 2020. URL consultato il 9 novembre 2020.
  228. ^ Elisa Folli, Nuovo progetto tra ASD Tigullio Academy e Virtus Entella, su TWebNews, 5 luglio 2020. URL consultato il 9 novembre 2020.
  229. ^ Entella, i 2002 del maggior vivaio ligure saranno al Carlin’s boys, su Genova24, 26 agosto 2018. URL consultato il 9 novembre 2020.
  230. ^ "Entella Partners": il progetto dedicato alle società affiliate, su Tutto Entella, 7 gennaio 2015. URL consultato il 9 novembre 2020.
  231. ^ Presentazione della ristampa del libro Entella 50, su Entella TV, 21 luglio 2014. URL consultato il 6 settembre 2020.
  232. ^ Entella, dieci anni di storia dell'era Gozzi in un libro: "Anche a Chiavari si può", su Primocanale, 14 dicembre 2017. URL consultato il 6 settembre 2020.
  233. ^ Società, cultura, gusto e spettacolo: gli appuntamenti a Genova e in Liguria, su La Repubblica, 28 novembre 2013. URL consultato il 6 settembre 2020.
  234. ^ Fontanelli, p. 404
  235. ^ Giaiero e Cambellotti, p. 65
  236. ^ (EN) “Sport Movies & TV 2014 – 32 Milano International FICTS Fest”: The winner is..., su Fédération Internationale Cinéma Télévision Sportifs. URL consultato il 6 settembre 2020.
  237. ^ Mi chiamo Entella e ho cent'anni, su Cinema Italiano. URL consultato il 6 settembre 2020.
  238. ^ (EN) Raimondo - Se Chiavari non fosse così/Inno all'Entella, su Discogs. URL consultato il 6 settembre 2020.
  239. ^ Gabriele Ingraffia, Entella, non solo calcio: ecco il cd di Nicolò Pagliettini, a favore dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti, su Genova24, 13 dicembre 2012. URL consultato il 6 settembre 2020.
  240. ^ Entella ha una nuova canzone, su Liguria Oggi, 4 dicembre 2013. URL consultato il 6 settembre 2020.
  241. ^ Entella virtuosa, premiata dall’Osservatorio, su Lega B. URL consultato il 6 settembre 2020.
  242. ^ Eloisa Moretti Clementi, L'Entella varca i confini: nuovo club a Rapallo, su Il Secolo XIX, 9 aprile 2016. URL consultato il 6 settembre 2020.
  243. ^ La Virtus Entella cerca tifosi anche a Genova, su Radio Aldebaran, 10 agosto 2016. URL consultato il 6 settembre 2020.
  244. ^ a b “Come possiamo sfruttare il volano dell’Entella in serie B”, su Radio Aldebaran, 13 maggio 2014. URL consultato il 6 settembre 2020.
  245. ^ 'Entella nel cuore' dona al Gaslini 30 mila euro, su La Repubblica, 10 febbraio 2020. URL consultato il 6 settembre 2020.
  246. ^ Coronavirus, raccolta fondi di "Entella nel cuore", su La Repubblica, 13 marzo 2020. URL consultato il 6 settembre 2020.
  247. ^ Eloisa Moretti Clementi, Cento sponsor per l’Entella, su Il Secolo XIX, 22 ottobre 2012. URL consultato il 6 settembre 2020.
  248. ^ Luca Baccolini, Entella, ecco gli argentini di Chiavari tra l'acciaieria del patron e 150 sponsor, su La Repubblica, 5 settembre 2014. URL consultato il 6 settembre 2020.
  249. ^ La Virtus Entella torna in B, il sindaco di Chiavari: “Meritato riconoscimento”, su Genova24, 20 agosto 2012. URL consultato il 6 settembre 2020.
  250. ^ Fontanelli, p. 15
  251. ^ Virtus Entella - Cronaca staff & dirigenti, su Transfermarkt. URL consultato il 18 novembre 2020.
  252. ^ Fontanelli, p. 484
  253. ^ (DEENIT) Virtus Entella, su Transfermarkt.it, Transfermarkt GmbH & Co. KG.
  254. ^ Fontanelli, p. 14
  255. ^ Fontanelli, p. 36
  256. ^ Ivan Cardia, Entella, Gozzi: "Dall'Eccellenza al nono posto in B, straordinario", su Tuttomercatoweb, 28 maggio 2016. URL consultato il 18 novembre 2020.
  257. ^ Chiavari e l’Entella hanno salutato Ermes Nadalin, su Genova24, 7 ottobre 2015. URL consultato il 10 novembre 2020.
  258. ^ Paroni-Virtus Entella, rinnovo a vita, su Tuttosport, 27 maggio 2019. URL consultato il 26 settembre 2020.
  259. ^ (DEENIT) Virtus Entella, su Transfermarkt.it, Transfermarkt GmbH & Co. KG.
  260. ^ 100 volte Iacoponi, su Entella, 6 dicembre 2016. URL consultato il 28 ottobre 2020.
  261. ^ Fontanelli, p. 227.
  262. ^ Fontanelli, p. 231.
  263. ^ Gennaro Volpe: storia di un combattente culminata con la fascia al braccio delle Virtus Entella, su Tuttocampo, 25 aprile 2020. URL consultato il 23 settembre 2020.
  264. ^ Lorenzo Magnini, Entella, capitan Nizzetto suona la carica: dobbiamo salvarci, su la Repubblica, 5 marzo 2020. URL consultato il 23 settembre 2020.
  265. ^ L'avversario - Virtus Entella, l'obiettivo minimo è la salvezza, su Tutto Reggiana, 2 ottobre 2020. URL consultato il 10 novembre 2020.
  266. ^ Calciomercato Ascoli, l'ex Entella Troiano è ufficiale, su Tuttosport, 5 settembre 2018. URL consultato il 23 settembre 2020.
  267. ^ Alessio D'Errico, Entella, Aliji nella storia: è il primo nazionale del club ligure, su pianetaserieb, 27 marzo 2018. URL consultato il 2 settembre 2020.
  268. ^ Albania vs Norway 0-1, su soccerway, 26 marzo 2018. URL consultato il 2 settembre 2020.
  269. ^ Onorificenze società, su CONI. URL consultato il 2 settembre 2020.
  270. ^ a b c d e Fontanelli, p. 12
  271. ^ a b c d Virtus Entella, su Transfermarkt. URL consultato il 18 novembre 2020.
  272. ^ Fontanelli, p. 18.
  273. ^ (DEENIT) Virtus Entella, su Transfermarkt.it, Transfermarkt GmbH & Co. KG.
  274. ^ (DEENIT) Virtus Entella, su Transfermarkt.it, Transfermarkt GmbH & Co. KG.
  275. ^ StadiaPostcards: stadium postcards & attendance statistics / cartoline stadio statistiche spettatori, su StadiaPostcards. URL consultato il 1º novembre 2020.
  276. ^ Statistiche spettatori Serie B 2016-2017, su StadiaPostcards. URL consultato il 7 novembre 2020.
  277. ^ Virtus Entella, su Facebook. URL consultato il 31 ottobre 2020.
  278. ^ Virtus Entella Chiavari, su Instagram. URL consultato il 31 ottobre 2020.
  279. ^ Virtus Entella (@V_Entella), su Twitter. URL consultato il 31 ottobre 2020.
  280. ^ a b Entella, tifosi biancocelesti in prima linea per l'Hospice del Gaslini, su Primo Canale, 17 ottobre 2016. URL consultato il 31 ottobre 2020.
  281. ^ Andrea Fazi, Un cuore albiceleste nell'Alta Val di Vara, su Città della Spezia, 16 marzo 2016. URL consultato il 31 ottobre 2020.
  282. ^ Andrea Piras, Tenuto a battesimo oggi l'Entella Club Milano, su Tutto Entella, 13 febbraio 2015. URL consultato il 31 ottobre 2020.
  283. ^ a b Rinaldo Belleggia, Qui Entella – Le ultimissime a cura di Diaspora Club Entella, su Cesena mio, 1º novembre 2017. URL consultato il 31 ottobre 2020.
  284. ^ Nasce il club "Entella Chiavari simpatizzanti di Grosseto", su Tutto Entella, 11 marzo 2019. URL consultato il 31 ottobre 2020.
  285. ^ Gradinata Sud Chiavari:"Chiarimenti dopo la trasferta di Piacenza", su Sport People, 3 maggio 2019. URL consultato il 1º novembre 2020.
  286. ^   Entellatube, L'Entella a Quelli che il Calcio, su YouTube, 21 gennaio 2019. URL consultato il 2 novembre 2020.
  287. ^ Tifosi Entella seguono gara da gru, su ANSA, 1º agosto 2020. URL consultato il 2 ottobre 2020.
  288. ^ Chiavari tra i Comuni più ricchi d’Italia. Levaggi fa il punto, su Tigullio News, 3 aprile 2017. URL consultato il 1º ottobre 2020.
  289. ^ La Provincia di Genova dopo la Legge Rattazzi, su Franco Bampi. URL consultato il 4 novembre2020.
  290. ^ Storia - Arcidiocesi di Genova, su Chiesa di Genova. URL consultato il 4 novembre 2020.
  291. ^ La Storia - Banco BPM, su Banco BPM. URL consultato il 6 novembre 2020.
  292. ^ a b c d e f g Il derby del Tigullio va al Sestri, su Il Secolo XIX, 4 gennaio 2019. URL consultato il 1º novembre 2020.
  293. ^ Giaiero e Cambellotti, p. 49.
  294. ^ a b “Ventu a tera” una leggenda dell’Unione Sportiva Sestri Levante 1919, su Segesta magazine. URL consultato il 1º novembre 2020.
  295. ^ La storia dell'Inter - Altri incontri, su Storia Inter. URL consultato il 18 ottobre 2020.
  296. ^   Teleradiopace, Cento anni di Virtus Entella, su YouTube, 6 marzo 2014, a 1 min 27 s. URL consultato il 31 ottobre 2020.
  297. ^ a b Aldo Pio Feoli, I Diavoli Neri nell’inferno del Comunale: per l’Entella è la prima in Serie B, su il Ciriaco, 29 novembre 2014. URL consultato il 1º novembre 2020.
  298. ^ Fontanelli, p. 345.
  299. ^ Giaiero e Cambellotti, p. 54.
  300. ^ a b Lorenzo Mangini, L'Entella si allarga e apre un nuovo fans club a Rapallo, su la Repubblica, 8 aprile 2016. URL consultato il 31 ottobre 2020.
  301. ^ Chiavari 1914 e Gruppo Storico: "Ripartiremo uniti per il bene di tutto l'ambiente e soprattutto per il bene della cosa più importante, l'Entella", su Tutto Entella, 17 novembre 2015. URL consultato il 1º novembre 2020.
  302. ^ Christian Galfrè, Debutto casalingo per l’Entella: a Chiavari arriva l’Avellino, su Genova24, 3 settembre 2016. URL consultato il 2 novembre 2020.
  303. ^ Joel Roberto Capello, Arriva in edicola il magazine L'Urlo del Comunale, su Entella TV, 2 ottobre 2014. URL consultato il 31 ottobre 2020.
  304. ^ a b Marco Fagandini, Sestri Levante-Sanremese, la follia dei tifosi in strada, su Il Secolo XIX, 17 ottobre 2016. URL consultato il 2 novembre 2020.
  305. ^   Entellatube, Entella-Lucchese 2 a 0 stagione 85-86, su YouTube, 25 marzo 2019, a 0 min 39 s. URL consultato il 2 novembre 2020.
  306. ^ Manuel Listuzzi, Riflettori sulla nord: arriva l’Entella!, su Tutto Venezia Sport, 15 febbraio 2020. URL consultato il 2 novembre 2020.
  307. ^ Cosimo Rubino, Manuale universale della Serie B, su Ultimo Uomo, 20 aprile 2018. URL consultato il 2 novembre 2020.
  308. ^ Chiavari 1914: "Giornata stupenda all'insegna dell'aggregazione con i nostri fratelli della Carpi Casual", su Tutto Entella, 5 maggio 2015. URL consultato il 2 novembre 2020.
  309. ^ Marco Lignana, L'Entella diverte e riempie lo stadio Il Crotone vince, su la Repubblica, 28 dicembre 2015. URL consultato il 2 novembre 2020.
  310. ^ a b c Curva Ospiti - I tifosi della Virtus Entella, su PianetaEmpoli, 11 marzo 2018. URL consultato il 31 ottobre 2020.
  311. ^ Curva Ospiti - I tifosi dell’Entella, su PianetaEmpoli, 17 luglio 2020. URL consultato il 2 novembre 2020.
  312. ^ Nicolò Pagliettini, Il derby si avvicina ma i ricordi non si cancellano, su Tutto Entella, 31 ottobre 2015. URL consultato il 2 novembre 2020.
  313. ^ Costa, p. 43.
  314. ^ "Grazie a chi è prima linea contro il Coronavirus", su Voce Tigullio, 23 marzo 2020. URL consultato il 6 novembre 2020.
  315. ^ Francesco Quartararo, Entella-Frosinone e quel pranzo tra... Sante, su Forza Palermo, 10 maggio 2018. URL consultato il 6 novembre 2020.
  316. ^ Entella, ancora rabbia (PDF), su Il Secolo XIX, 16 febbraio 2006. URL consultato il 2 novembre 2020 (archiviato dall'url originale il 7 maggio 2006).
  317. ^ Luciano Angelini e Franco Astengo, Sfide, scontri, polemiche. Storia della grande rivalità tra Entella e Savona, su Stodia del calcio savonese, 28 dicembre 2016. URL consultato il 2 novembre 2020.
  318. ^ Alberto Trovamala, Entella – Spezia, il ‘derby del Levante’ della Liguria calcistica che sorride, su Gianluca Di Marzio, 16 marzo 2016. URL consultato il 23 agosto 2020.
  319. ^ Luigi di Marzio, Repetto: «Io e l’Entella, il mio derby dei ricordi», su il Centro, 20 settembre 2019. URL consultato il 2 novembre 2020.
  320. ^ Verso un'Entella Club a Rapallo?, su Dilettantissimo, 12 aprile 2016. URL consultato il 26 agosto 2020.
  321. ^ Giaiero e Cambellotti, p. 18.
  322. ^ Costa, p. 12.
  323. ^ Striscione offensivo contro l’Albissola, multa per la Virtus Entella, su Prima il Levante, 9 aprile 2019. URL consultato il 2 novembre 2020.
  324. ^ Fabrizio Giannico, Virtus Entella-Pro Vercelli: il prevedibile e l'imponderabile, su Sport People, 23 aprile 2018. URL consultato il 2 novembre 2020.
  325. ^ Riconoscono un tifoso avversario, gli rubano zaino e striscioni, su Sud Press, 31 ottobre 2014. URL consultato il 2 novembre 2020.

BibliografiaModifica

  • Dario Costa, Entella 50: Numero unico per la celebrazione del cinquantennio della Società, Rapallo, 1964.
  • Carlo Fontanelli, 100 anni biancocelesti, Empoli, Geo Edizioni, 2014.
  • Jacopo Giaiero e Max Cambellotti, Quei colori biancocelesti: Storia a fumetti del primo secolo di Entella, San Giuliano Terme, Goalbook Edizioni, 2013, ISBN 978-88-908115-6-2.
  • Domenico Marchigiani, Anche a Chiavari si può: Dalla polvere alle porte del sogno. 10 anni di Entella, Chiavari, Interòs Edizioni, 2017.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica