Coppa Italia 2015-2016

edizione del torneo calcistico
Coppa Italia 2015-2016
TIM Cup 2015-2016
Competizione Coppa Italia
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione 69ª
Organizzatore Lega Serie A
Date 2 agosto 2015 - 21 maggio 2016
Luogo Italia Italia
Partecipanti 78
Risultati
Vincitore Juventus
(11º titolo)
Secondo Milan
Semi-finalisti Alessandria
Inter
Statistiche
Miglior marcatore Italia Giulio Bizzotto (5)
Incontri disputati 79
Gol segnati 209 (2,65 per incontro)
Juventus Coppa Italia 2016.jpg
Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella (a destra) consegna il trofeo al capitano juventino Giorgio Chiellini (a centro).
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 2014-2015 2016-2017 Right arrow.svg

La Coppa Italia 2015-2016 è stata la 69ª edizione della manifestazione calcistica. È iniziata il 2 agosto 2015 e si è conclusa il 21 maggio 2016.

È stata conquistata per il secondo anno consecutivo dalla Juventus, vittoriosa dopo i tempi supplementari sul Milan; per la formazione torinese si è trattato dell'undicesimo titolo nell'albo d'oro, rafforzando il proprio record, nonché secondo double consecutivo italiano, primato mai conquistato da una squadra italiana.

Indice

FormulaModifica

La formula della manifestazione è la stessa delle sette precedenti edizioni.

Partecipano tutte le 20 società di Serie A e tutte le 22 di Serie B. Ad esse si aggiungono 27 delle 54 società di Lega Pro e 9 delle 171 di Serie D, per un totale di 78 club partecipanti.

La Lega Italiana Calcio Professionistico ha selezionato i 27 club di propria competenza ammettendo le 2 retrocesse dalla Serie B e le migliori classificate dei tre gironi della Lega Pro 2014-2015 che abbiano ottenuto regolare iscrizione al campionato 2015-2016. Questa volta non sono state privilegiate le prime due classificate della Coppa Italia Lega Pro della stagione precedente, che comunque risultano ugualmente tra le partecipanti alla manifestazione (il Cosenza per il piazzamento in classifica ed il Como in quanto neopromosso in Serie B).

Il Dipartimento Interregionale della Lega Nazionale Dilettanti ha selezionato le nove società seconde classificate di ogni girone del campionato di Serie D 2014-2015[1], senza considerare l'esito dei play-off. Limitatamente al Girone H il Potenza, terzo classificato, ha preso il posto del rinunciatario Taranto, secondo.

La competizione è interamente ad eliminazione diretta. Con eccezione delle semifinali, tutti i turni si svolgono in gara unica, con eventuali tempi supplementari e calci di rigore. Le semifinali saranno invece disputate con gare di andata e ritorno, col meccanismo delle coppe europee, ovvero in caso di pareggio dopo 180 minuti a passare il turno è la squadra che ha segnato il maggior numero complessivo di reti nelle due partite o, in caso di parità nelle reti complessive, il maggior numero di reti in trasferta; in caso di parità anche nei gol segnati fuori casa si procede con i tempi supplementari e in caso di ulteriore parità con i calci di rigore.

Nel primo turno sono entrate in lizza 36 squadre, precisamente le 9 società di Serie D, 25 delle 27 di Lega Pro e 2 delle 22 di Serie B: agli effetti del tabellone della competizione, infatti, il Brescia (ripescato nella serie cadetta a seguito del fallimento del Parma) e l'Ascoli (secondo classificato nel Girone B della Lega Pro 2014-2015 ma poi promosso fra i cadetti al posto del Teramo primo classificato per la vicenda scommesse) sono state considerate formazioni di terza serie. Viceversa 2 società di Lega Pro, ossia il Teramo (cui è stata revocata la promozione in Serie B per illecito sportivo) ed il Catania (retrocesso in Lega Pro per illecito sportivo), hanno conservato il diritto ad essere ammesse direttamente al secondo turno insieme alle altre 20 squadre della serie cadetta. Infine, 12 squadre di Serie A hanno debuttato al terzo turno mentre le 8 teste di serie sono entrate in gioco solo dagli ottavi di finale. Il sorteggio del tabellone è stato effettuato il 21 luglio 2015[2]: all'interno della propria fascia di ranking, a ciascuna squadra è assegnato un numero di tabellone tramite sorteggio, eccezion fatta per le squadre che entrano in gioco al terzo turno, il cui numero dipende dalla posizione in classifica nell'anno precedente[3].

Nei turni in partita unica usufruisce del fattore campo la squadra con il numero di tabellone migliore (indipendentemente se assegnato per merito o per sorteggio). Nelle semifinali tale criterio dà diritto a disputare in casa la gara di ritorno. In caso di concomitanze di gare casalinghe per squadre che giocano sullo stesso campo, possono essere disposte automatiche inversioni di campo, privilegiando la detentrice del trofeo o la squadra con miglior classifica nei campionati della stagione precedente. Tuttavia, ed è questa l'unica novità regolamentare rispetto alle edizioni precedenti, tali inversioni di campo non avvengono se la Lega Serie A ha la possibilità di far disputare le partite interessate in giorni solari diversi.

Da regolamento, la squadra vincitrice avrebbe dovuto acquisire il diritto di partecipare alla UEFA Europa League 2016-2017 partendo direttamente dalla fase a gironi. In virtù però della vittoria della Juventus, che aveva già ottenuto la qualificazione in UEFA Champions League 2016-2017, il diritto di partecipazione direttamente alla fase a gironi di Europa League viene acquisito dalla Fiorentina, classificatasi quinta in Serie A 2015-2016. A completamento del gruppo di squadre italiane partecipanti alla competizione si aggiunge, invece, il Sassuolo sesto classificato che giunge così alla sua prima storica qualificazione europea.

SquadreModifica

Ottavi
Squadre Rank
Serie A (8)
Lazio 1
Fiorentina 2
Roma 3
Napoli 4
Inter 5
Genoa 6
Sampdoria 7
Juventus 8
Terzo turno
Squadre Rank
Serie A (12)
Torino 9
Milan 10
Palermo 11
Sassuolo 12
Verona 13
Chievo 14
Empoli 15
Udinese 16
Atalanta 17
Carpi 18
Frosinone 19
Bologna 20
Secondo turno
Squadre Rank
Serie B (20) - Lega Pro (2)
Latina 21
Spezia 22
Livorno 23
Teramo 24
Novara 25
Vicenza 26
Salernitana 27
Bari 28
Modena 29
Avellino 30
Perugia 31
Pescara 32
Catania 33
Cesena 34
Crotone 35
Ternana 36
Virtus Lanciano 37
Pro Vercelli 38
Trapani 39
Cagliari 40
Virtus Entella[4] 41
Como 42
Primo turno
Squadre Rank
Serie B (2) - Lega Pro (25)
Alessandria 43
Juve Stabia 44
Bassano Virtus 45
Feralpisalò 46
Lecce 47
SPAL 48
Matera 49
Reggiana 50
Casertana 51
Benevento 52
Foggia 53
Pisa 54
Ascoli 55
L'Aquila 56
Cittadella 57
Ancona 58
Brescia 59
Pavia 60
Cremonese 62
Arezzo 65
Cosenza 66
Lucchese 68
Tuttocuoio 69
Südtirol 72
Catanzaro 74
Pontedera 76
Melfi 77
Primo turno
Squadre Rank
Serie D (9)
Poggibonsi 61
Viterbese Castrense 63
Potenza 64
Sestri Levante 67
Lecco 70
Delta Rovigo 71
Rende 73
Alma Juventus Fano 75
AltoVicentino 78

DateModifica

Le date dei turni della Coppa Italia 2015-2016 sono state comunicate il 6 febbraio 2015[5], a eccezione della data della finale comunicata il 15 gennaio 2016.

Fase Turno Andata Ritorno
Turni eliminatori 1º turno 2 agosto 2015
2º turno 8-9-10 agosto 2015
3º turno 14-15-16-17-20 agosto 2015
4º turno 1-2-3 dicembre 2015
Fase finale Ottavi di finale 15-16-17 dicembre 2015
Quarti di finale 13-18-19-20 gennaio 2016
Semifinali 26-27 gennaio 2016 1-2 marzo 2016
Finale 21 maggio 2016

CalendarioModifica

Turni eliminatoriModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Coppa Italia 2015-2016 (turni eliminatori).

Primo turnoModifica

Squadra 1 Risultato Squadra 2
L'Aquila 2 - 0 Arezzo
Cittadella 15 - 0 Potenza
Matera 0 - 1 Sudtirol
SPAL 1 - 0 Rende
Benevento 0 - 1 Tuttocuoio
Foggia 2 - 1 (dts) Lucchese
Lecce 0 - 0 (3-2 dcr) Catanzaro
Pavia 3 - 0 Poggibonsi
Pisa 4 - 0 Sestri Levante
Brescia 0 - 0 (4-3 dcr) Cremonese
Casertana 1 - 0 (dts) Lecco
Juve Stabia 2 - 0 Melfi
Alessandria 2 - 0 AltoVicentino
Reggiana 3 - 0 Delta Rovigo
FeralpiSalò 5 - 1 Alma Juventus Fano
Bassano Virtus 2 - 1 Pontedera
Ascoli 1 - 2 Cosenza
Viterbese Castrense 0 - 2 Ancona

Secondo turnoModifica

Squadra 1 Risultato Squadra 2
Novara 5 - 0 L'Aquila
Teramo 0 - 2 Cittadella
Pescara 2 - 0 Sudtirol
Catania 3 - 0 (a tav.) SPAL
Cesena 4 - 0 Lecce
Modena 3 - 0 Tuttocuoio
Trapani 1 - 0 Como
Cagliari 5 - 0 Virtus Entella
Bari 1 - 2 Foggia
Latina 1 - 4 Pavia
Salernitana 1 - 0 Pisa
Spezia 1 - 0 Brescia
Avellino 3 - 0 Casertana
Virtus Lanciano 0 - 2 Juve Stabia
Pro Vercelli 1 - 2 Alessandria
Perugia 3 - 1 Reggiana
Crotone 1 - 0 FeralpiSalò
Ternana 2 - 0 Bassano Virtus
Vicenza 1 - 1 (4-2 dcr) Cosenza
Livorno 2 - 0 (dts) Ancona

Terzo turnoModifica

Squadra 1 Risultato Squadra 2
Udinese 3 - 1 Novara
Atalanta 3 - 0 Cittadella
Torino 4 - 1 Pescara
Catania 1 - 4 Cesena
Sassuolo 2 - 0 Modena
Trapani 1 - 1 (2-4 dcr) Cagliari
Verona 3 - 1 Foggia
Bologna 0 - 1 Pavia
Chievo 0 - 1 (dts) Salernitana
Frosinone 0 - 0 (5-6 dcr) Spezia
Palermo 2 - 1 Avellino
Alessandria 1 - 0 Juve Stabia
Milan 2 - 0 Perugia
Crotone 1 - 0 Ternana
Empoli 0 - 1 Vicenza
Carpi 2 - 0 (dts) Livorno

Quarto turnoModifica

Squadra 1 Risultato Squadra 2
Udinese 3 - 1 Atalanta
Torino 4 - 1 Cesena
Sassuolo 0 - 1 Cagliari
Verona 1 - 0 Pavia
Spezia 2 - 0 Salernitana
Palermo 2 - 3 Alessandria
Milan 3 - 1 (dts) Crotone
Carpi 2 - 1 Vicenza

Fase finaleModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Coppa Italia 2015-2016 (fase finale).

Ottavi di finaleModifica

Squadra 1 Risultato Squadra 2
Lazio 2 - 1 Udinese
Juventus 4 - 0 Torino
Inter 3 - 0 Cagliari
Napoli 3 - 0 Verona
Roma 0 - 0 (2-4 dcr) Spezia
Genoa 1 - 2 (dts) Alessandria
Sampdoria 0 - 2 Milan
Fiorentina 0 - 1 Carpi

Quarti di finaleModifica

Squadra 1 Risultato Squadra 2
Lazio 0 - 1 Juventus
Napoli 0 - 2 Inter
Spezia 1 - 2 Alessandria
Milan 2 - 1 Carpi

SemifinaliModifica

Squadra 1   Totale   Squadra 2   Andata     Ritorno  
Juventus 3 - 3 (5-3 dcr) Inter 3 - 0 0 - 3 (dts)
Alessandria 0 - 6 Milan 0 - 1 0 - 5

FinaleModifica

Roma
21 maggio 2016, ore 20:45 CEST
Gara unica
Milan 0 – 1
(d.t.s.)
referto
Juventus Stadio Olimpico[6] (67 123[7] spett.)
Arbitro Rocchi (Firenze)

Milan
Juventus
P 99   Gianluigi Donnarumma
D 96   Davide Calabria
D 17   Cristián Zapata   50’
D 13   Alessio Romagnoli
D 2   Mattia De Sciglio
C 18   Riccardo Montolivo (c)   108’
C 27   Juraj Kucka   112’
C 16   Andrea Poli   84’
A 10   Keisuke Honda   88’
A 70   Carlos Bacca
A 28   Giacomo Bonaventura
Sostituti:
P 1   Diego López
P 32   Christian Abbiati
D 5   Philippe Mexès
D 33   Alex
C 4   José Mauri   119’   108’
C 72   Kevin-Prince Boateng
C 73   Manuel Locatelli
C 91   Andrea Bertolacci
A 7   Jérémy Ménez
A 9   Luiz Adriano
A 19   M'Baye Niang   101’   84’
A 45   Mario Balotelli   112’
Allenatore:
  Cristian Brocchi
 
P 25   Neto
D 24   Daniele Rugani   120+2’
D 15   Andrea Barzagli   105’
D 3   Giorgio Chiellini (c)   117’
C 26   Stephan Lichtsteiner   75’
C 18   Mario Lemina
C 11   Hernanes   108’
C 10   Paul Pogba   62’
C 33   Patrice Evra   62’
A 21   Paulo Dybala
A 17   Mario Mandžukić
Sostituti:
P 1   Gianluigi Buffon
P 34   Rubinho
D 12   Alex Sandro   62’
C 20   Simone Padoin
C 22   Kwadwo Asamoah
C 27   Stefano Sturaro
C 37   Roberto Pereyra
A 7   Simone Zaza
A 9   Álvaro Morata   119’   108’
A 16   Juan Cuadrado   75’
Allenatore:
  Massimiliano Allegri

Tabellone (fase finale)Modifica

  Ottavi di finale Quarti di finale Semifinali Finale
                                 
 Roma  0 (2)   
 Spezia (dcr) 0 (4)  
   Spezia 1  
   Alessandria 2  
 Genoa 1
 Alessandria (dts) 2  
   Alessandria 0 0 0  
   Milan 1 5 6  
 Sampdoria 0  
 Milan 2  
   Milan 2
   Carpi 1  
 Fiorentina 0
 Carpi 1  
   Milan 0
   Juventus (dts) 1
 Lazio 2  
 Udinese 1  
   Lazio 0
   Juventus 1  
 Juventus 4
 Torino 0  
   Juventus (dcr) 3 0  3 (5) 
   Inter 0 3 3 (3)  
 Napoli 3  
 Verona 0  
   Napoli 0
   Inter 2  
 Inter 3
 Cagliari 0  

Classifica marcatoriModifica

NoteModifica

  1. ^ Comunicato Serie D nº2 - Partecipazione TIM CUP, Lega Nazionale Dilettanti, 2 luglio 2015. URL consultato il 12 luglio 2015.
  2. ^ Domani alle 15 il sorteggio della TIM Cup 2015/2016, Lega Serie A, 20 luglio 2015. URL consultato il 21 luglio 2015.
  3. ^ Comunicato ufficiale n. 5 del 21 luglio 2015 - TIM Cup 2015/2016, Lega Serie A, 21 luglio 2015. URL consultato il 21 luglio 2015. (PDF)
  4. ^ Pur essendo iscritta al campionato di Lega Pro, la Virtus Entella è stata inclusa tra i club di Serie B – che partecipano alla TIM Cup direttamente dal secondo turno – per colmare il vuoto lasciato dal Parma, società fallita già nel marzo 2015 e scomparsa dal calcio professionistico il 22 giugno 2015.
  5. ^ Comunicato ufficiale n. 145 del 6 febbraio 2015, Lega Serie A, 6 febbraio 2015. URL consultato l'11 luglio 2015.(PDF)
  6. ^ Ai sensi del punto 3.9 (Finale) del Regolamento della Coppa Italia 2015/2016, 2016/2017 e 2017/2018, un'eventuale altra sede per la disputa della finale in gara unica deve essere individuata «a suo insindacabile giudizio e prima della disputa della gara di andata delle semifinali, dal Consiglio di Lega».
  7. ^ Milan Vs. Juventus, su lastampa.it, 21 maggio 2016.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica