Apri il menu principale

Umberto Orsini

attore italiano
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo ciclista, vedi Umberto Orsini (ciclista).
Umberto Orsini nel 2008.

Umberto Orsini (Novara, 2 aprile 1934) è un attore italiano.

BiografiaModifica

TeatroModifica

 
Un giovanissimo Umberto Orsini (in basso a destra) con alcuni componenti della Compagnia giovani. In alto: Romolo Valli, Giorgio De Lullo e Carlo Giuffré. In basso Elsa Albani e Rossella Falk

Diplomato nel 1954 presso l'Accademia nazionale d'arte drammatica "Silvio d'Amico", ottenne i primi successi in teatro con la Compagnia dei Giovani e la regia di De Lullo (1957), recitando poi con la compagnia Morelli-Stoppa (Morte di un commesso viaggiatore, 1968), con Enrico Maria Salerno e Sarah Ferrati (Chi ha paura di Virginia Woolf?, 1963) e con Gabriele Lavia per la compagnia del Teatro Eliseo, di cui dal 1980 al 1997 è stato direttore artistico.

CinemaModifica

Dopo l'esordio nel cinema con Federico Fellini (La dolce vita, 1959), si afferma cinematograficamente con Luchino Visconti che lo dirige nel 1969 in La caduta degli dei, con cui si aggiudica il Nastro d'argento come migliore attore non protagonista, e nel 1972 in Ludwig.

Lavora successivamente con Luigi Magni (La Tosca, 1973), Florestano Vancini (Il delitto Matteotti, 1973), Liliana Cavani (Al di là del bene e del male, 1977), Mino Bellei (Bionda fragola 1980), Marco Tullio Giordana (Pasolini, un delitto italiano, 1995), Sergio Rubini (Il viaggio della sposa, 1997), Guido Chiesa (Il partigiano Johnny, 2000, tratto dal romanzo di Beppe Fenoglio).

Ha recitato spesso in produzioni straniere e segnatamente francesi, tra l'altro con Pierre Granier-Deferre, Jacques Deray e Claude Sautet. Nel 2008 ha ricevuto una seconda candidatura ai Nastri d'argento per la sua interpretazione in Il mattino ha l'oro in bocca.

Prosa radiofonica RAIModifica

Orsini recita Diario di un curato di campagna di Georges Bernanos, per la regia di Corrado Pavolini e trasmessa il 29 aprile 1958.[1]

TelevisioneModifica

La grande popolarità nazionale comunque Orsini la deve alla televisione, dove ha avuto modo di interpretare ruoli di peso in miniserie di grande successo. L'esordio televisivo avviene nel 1960 con il ruolo del giovane Partistagno in La pisana di Giacomo Vaccari, nel 1964 è Jean-Lambert Tallien ne I grandi camaleonti di Edmo Fenoglio ma il successo maggiore arriva nel 1969 con I fratelli Karamazov di Sandro Bolchi, sceneggiato che raccoglie consensi di critica e di pubblico, nel quale interpreta il personaggio di Ivan Karamazov.

Da ricordare anche la sua intensa interpretazione nella parte di un avvocato accusato di complicità in omicidio nello sceneggiato Il Processo a Maria Tarnowska (1977). Nel 1979 è Robert Usher nei Racconti fantastici di Edgar Allan Poe, nel 1984 si segnala come intenso protagonista di Notti e nebbie di Marco Tullio Giordana. Negli anni '90-2000 è una presenza ricorrente negli sceneggiati Rai di argomento biblico-religioso (Salomone, Ester, Lourdes, San Paolo).

È ancora da ricordare la sua gradevole conduzione nella prima edizione del programma di cucina domenicale "Colazione allo studio 7" (1971), antesignano degli attuali format gastronomici, nel quale fu affiancato dal poi celebre enologo Luigi Veronelli.

Ritorno al teatroModifica

FilmografiaModifica

CinemaModifica

 
Orsini nel film La Tosca (1973)
 
Umberto Orsini nel film Tony Arzenta (Big Guns) (1973)

TelevisioneModifica

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • Gli attori, Gremese editore Roma 2002
  • Catalogo Bolaffi 1956/1965 1966/1975 a cura di Gianni Rondolino

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN19892253 · ISNI (EN0000 0000 5935 1068 · SBN IT\ICCU\RAVV\090780 · LCCN (ENnr2001046203 · GND (DE1061777286 · BNF (FRcb142127987 (data) · WorldCat Identities (ENnr2001-046203