Apri il menu principale

Dino Fava Passaro

calciatore italiano
Dino Fava Passaro
Dino Fava Passaro.jpg
Nazionalità Italia Italia
Altezza 183 cm
Peso 79 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Squadra Vis Afragolese
Carriera
Giovanili
199?-1993 Sessana
1993-1994 non conosciuta Scauri Minturno
1994-1996 Formia
1996-1997 Napoli
Squadre di club1
1994-1996 Formia 19 (3)
1996-1997 Napoli 0 (0)
1997-1998 Acireale 25 (0)
1998-1999 Napoli 0 (0)
1999-2000 Pro Patria 31 (12)
2000-2002 Varese 63 (32)
2002-2003 Triestina 38 (32)
2003-2005 Udinese 55 (27)
2005-2007 Treviso 59 (23)
2007-2008 Bologna 30 (12)
2008-2011 Salernitana 70 (26)
2011-2012 Paganese 54 (19)[1]
2013-2014 Terracina 25 (18)
2014-2016 Sessana 31 (21)
2016-2017 Portici ? (14)
2017-2018 Savoia 29 (8)
2018-2019 Giugliano 26 (26)
2019- Vis Afragolese0 (0)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 22 aprile 2018

Dino Fava Passaro (Formia, 16 marzo 1977) è un calciatore italiano, attaccante della Vis Afragolese.

CarrieraModifica

ClubModifica

Dalle giovanili all'esordio in Serie B a TriesteModifica

Ha iniziato a giocare nelle giovanili della Sessana (i suoi genitori sono di Sessa Aurunca), ha giocato anche nello Scauri-Minturno,[2] portato al team aurunco da Rolando Conte, per alcuni mesi per poi giocare il primo campionato nel 1995-1996 nella sua città natale, a Formia nei dilettanti, disputando 19 partite con 3 reti.

Nella stagione 1996-1997 prosegue la sua maturazione al Napoli e l'anno dopo viene dato in prestito all'Acireale in Serie C1 dove colleziona 25 presenze senza reti.

Nel 1998-1999 torna al Napoli in Serie B ma non gioca e nella stagione seguente viene ceduto a titolo definitivo alla Pro Patria in Serie C2, dove in 31 partite segna 12 reti.

Nel 2000 approda al Varese in Serie C1, dove rimane due stagioni. La prima, in 30 presenze mette a segno 6 reti, mentre nella seconda in 33 gare va in gol 16 volte.

Nella stagione 2002-2003 viene acquistato dalla Triestina. Dopo qualche partita iniziata in panchina diventa titolare dell'attacco alabardato e grazie alle sue 22 reti in 38 partite (vice capocannoniere della Serie B) contribuisce al buon campionato disputato dai giuliani conclusosi al quinto posto.

L'esordio in Serie A a Udine, poi TrevisoModifica

Nella stagione successiva, 2003-04, approda in Serie A nell'Udinese, anche per sostituire Roberto Muzzi ceduto alla Lazio. Ad Udine esordisce nella massima serie il 21 settembre 2003 in Bologna-Udinese 2-0 e mette a segno il suo primo gol in Serie A il 5 ottobre 2003 in Ancona-Udinese 0-3. Chiuderà la prima stagione in massima serie con 31 presenze e 12 gol (da segnalare la tripletta messa a segno contro il Perugia il 26 ottobre 2003).

Nella stagione 2004-2005 resta all'Udinese e alla fine del campionato, che per l'allora squadra di Luciano Spalletti vale la qualificazione in Champions League con il quarto posto finale, colleziona 24 presenze con 13 reti.

Nel campionato 2005-2006 approda al Treviso promosso d'ufficio in Serie A in un'operazione che vede il brasiliano Barreto compiere il tragitto opposto[3]. Il campionato di Fava si adegua alla mediocrità generale della squadra biancoceleste, che conclude la stagione all'ultimo posto, ritornando dopo un solo anno di permanenza nella massima categoria, in Serie B. La stagione successiva fa coppia in attacco con un giovanissimo Acquafresca realizzando complessivamente dieci reti.

Bologna e Salernitana in Serie BModifica

Nell'agosto 2007 si trasferisce in comproprietà al Bologna[4]. Qui, dopo quasi un'intera stagione senza mai andare a segno, ma fornendo comunque diversi assist per il compagno d'attacco Massimo Marazzina, colleziona due reti consecutive in altrettante partite (decisiva quella contro il Mantova, nella partita vinta dal Bologna per 1-0 in trasferta), contribuendo alla promozione dei felsinei in Serie A. Fava non segue però i rossoblu in massima serie, perché il suo cartellino torna ad appartenere per intero al Treviso che già a luglio 2008 lo gira in prestito alla Salernitana[5].

Con i campani sigla il suo primo gol il 15 settembre 2008 su calcio di rigore, durante il match valido per la terza giornata del campionato di Serie B, Salernitana-Frosinone. Prima di fratturarsi la mandibola contro l'Ancona e restare fermo per mesi, ha siglato altre due reti che hanno fruttato 6 punti alla squadra granata: una a Piacenza ed una su rigore a Modena, entrambe queste partite si sono concluse per 1-0 in favore della Salernitana. Con i suoi 3 gol è stato sempre decisivo portando 9 punti alla squadra di mister Castori. Torna in campo a gennaio e sigla il gol del vantaggio granata a Frosinone, quarta rete in 13 presenze. Prima di infortunarsi nuovamente, sigla una doppietta con il Modena (vittoria granata per 3-2).

A fine stagione torna al Treviso, ma a causa del fallimento della squadra si ritrova svincolato. Il 4 settembre 2009 ritorna alla Salernitana, con cui firma un contratto biennale. Segna il suo primo gol dal suo ritorno al 1º minuto della partita persa poi 1-2 contro il Cittadella.

Dalla Serie C alle categorie dilettantisticheModifica

Al termine del contratto sceglie di rimanere in provincia di Salerno legandosi il 5 agosto 2011 alla Paganese militante in Lega Pro Seconda Divisione[6]. Al suo primo anno con la squadra campana conquista al termine dei playoff una promozione in Lega Pro Prima Divisione.

Il 24 settembre 2013 firma un contratto annuale con il Terracina militante in Serie D.

Ad agosto 2014 torna alla Sessana, squadra dove è cresciuto calcisticamente, neopromossa in Eccellenza. Dopo essere stato nominato capitano della squadra, debutta il 14 settembre in Portici-Sessana 0-3, prima giornata di campionato, aprendo le marcature al 36' del primo tempo.[7] A novembre 2015, però, viene messo fuori squadra per scelta del presidente Vrola.[8]

Il 16 febbraio 2016 viene ingaggiato dal Portici.[9]

Il 25 luglio 2017 viene ingaggiato dal Savoia.[10] Coi biancoscudati vince il campionato di Eccellenza e la fase regionale della Coppa Italia Dilettanti.[11]

Il 14 giugno 2018 viene tesserato dal Giugliano.[12]

StatisticheModifica

Presenze e reti nei clubModifica

Statistiche aggiornate al 22 aprile 2018.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe europee Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1995-1996   Formia CND 19 3 CI-D ? ? - - - 19+ 3+
1996-1997   Napoli A 0 0 CI 0 0 - - - 0 0
1997-1998   Acireale C1 25 0 CI-C ? ? - - - 25+ 0+
1998-1999   Napoli B 0 0 CI 0 0 - - - 0 0
1999-2000   Pro Patria C2 31 12 CI-C ? ? - - - 31+ 12+
2000-2001   Varese C1 33 6 CI+CI-C 2+? 0+? - - - 35+ 6+
2001-2002 C1 33 16 CI-C ? ? - - - 33+ 16+
Totale Varese 63 22 2+ 0+ 68+ 22+
2002-2003   Triestina B 38 22 CI 2 1 - - - 40 23
2003-2004   Udinese A 31 12 CI 2 1 CU 2 1 35 14
2004-2005 A 24 2 CI 5 0 CU 2 0 31 2
Totale Udinese 55 14 7 1 4 1 66 19
2005-2006   Treviso A 22 3 CI 0 0 - - - 22 3
2006-2007 B 37 10 CI 1 0 - - - 37 10
Totale Treviso 59 13 1 0 60 13
2007-2008   Bologna B 29 2 CI 0 0 - - - 29 2
2008-2009   Salernitana B 22 6 CI 3 1 - - - 25 7
2009-2010 B 20 1 CI - - - - - 20 1
2010-2011 PD 29 9 CI 1 0 - - - 32 9
Totale Salernitana 71 16 4 1 77 17
2011-2012   Paganese SD 29+4 8+1 CI-LP - - - - - 33 9
2012-2013 SD 25 1 CI-LP - - - - - 25 1
Totale Paganese 54+4 9+1 58 10
2013-2014   Terracina D 25 8 CID ? ? - - - 25+ 8+
2014-2015   Sessana ECM 19 9 CIDL 1 0 - - - 20 9
2015-feb.2016   Sessana ECM 12 2 CIDL ? ? - - - 12 2
Totale Sessana 31 11 1 0 32 11
feb. 2016   Portici ECM ? ? CIDL ? ? - - - ? ?
2016-2017   Portici ECM ? 14 CIDL ? ? - - - ? 14
Totale Portici ? 14+ ? ? ? 14+
2017-2018   Savoia ECM 29 8 CIDL 11 11 - - - 40 19
2018-2019   Giugliano ECM 30 26 CIDL - - - - - 30 26
Totale carriera 507+ 155+ 28+ 14+ 4 1 539+ 170+

CuriositàModifica

A lui è dedicato l'intero capitolo 34, chiamato appunto Fava, del libro Il movimento è fermo de Lo Stato Sociale: in esso, il protagonista Zeno si paragona all'attaccante formiano perché, così come Fava durante la sua intera esperienza al Bologna non segnò mai fino alla fine del campionato, quando con due gol mandò i felsinei in Serie A, Zeno, dopo aver avuto una vita da "sfigato", all'improvviso trova una fidanzata, un lavoro ed un cane, che chiamerà proprio "Dinofava".[13]

PalmarèsModifica

ClubModifica

Competizioni giovaniliModifica

Napoli: 1996-1997

Competizioni regionaliModifica

Portici: 2016-2017 (girone A)
Savoia: 2017-2018 (girone A)
Giugliano: 2018-2019 (girone A)
Portici: 2016-2017
Savoia: 2017-2018

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica