Apri il menu principale

Dolph Ziggler

wrestler statunitense
(Reindirizzamento da Nick Nemeth)
Dolph Ziggler
Dolph Ziggler March 2018.jpg
Ziggler nel marzo del 2018
Ring nameDolph Ziggler
Nic Nemeth
Nick Nemeth
Nicky
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
NascitaCleveland, Ohio
27 luglio 1980 (39 anni)
ResidenzaHollywood, Florida
Altezza dichiarata183 cm
Peso dichiarato99 kg
AllenatoreFlorida Championship Wrestling
Lance Storm
Ohio Valley Wrestling
Steve Keirn
Tom Prichard
Debutto2004
FederazioneWWE
Progetto Wrestling

Nicholas Theodore Nemeth, meglio conosciuto con il ring-name di Dolph Ziggler (Cleveland, 27 luglio 1980), è un wrestler statunitense sotto contratto con la WWE, dove lotta nel roster di SmackDown.

Nemeth ha cominciato la sua carriera da wrestler nel novembre del 2004, firmando un contratto con la Ohio Valley Wrestling (OVW), all'epoca territorio di sviluppo della World Wrestling Entertainment (WWE). Nell'estate del 2005 ha fatto il suo debutto nel roster principale della WWE, come aiutante di Kerwin White, ma pochi mesi dopo è stato rimandato in OVW, dove si è unito alla Spirit Squad. Il gruppo ha debuttato a Raw il 23 gennaio 2006 ma è tornato nuovamente in OVW a fine anno. Nel settembre del 2007 è stato assegnato all'altro territorio di sviluppo della WWE, la Florida Championship Wrestling (FCW), dove ha vinto l'FCW Florida Tag Team Championship due volte (una volta con Brad Allen e una volta con Gavin Spears). È tornato nel roster principale nel settembre del 2008, con il ring-name di Dolph Ziggler.

In WWE ha vinto due volte il World Heavyweight Championship, sei volte l'Intercontinental Championship, due volte lo United States Championship, una volta il World Tag Team Championship (con la Spirit Squad) e due volte il Raw Tag Team Championship (una con Drew McIntyre e una con Robert Roode). È stato anche il vincitore dell'edizione 2012 del Money in the Bank, che ha incassato con successo su Alberto Del Rio, mentre nel 2014 è stato votato Wrestler of the Year dalla rivista Rolling Stone.

CarrieraModifica

Ohio Valley Wrestling (2004–2005)Modifica

Nicholas Nemeth viene messo sotto contratto dalla World Wrestling Entertainment (WWE) nel novembre del 2004 e viene subito mandato nel territorio di sviluppo della Ohio Valley Wrestling (OVW). Debutta il 3 novembre dello stesso anno, perdendo un Tag Team match in coppia con Steve Lewington contro Joey Matthews e Johnny Nitro. Il 10 agosto 2005 Nemeth e Caylen Croft sconfiggono Bobby Lashley e Ken Doane. La settimana successiva viene sconfitto da quest'ultimo in un match per l'OVW Television Championship.

World Wrestling Entertainment (2005)Modifica

Il 17 ottobre 2005 Nicholas Nemeth fa il suo esordio nella World Wrestling Entertainment (WWE), interpretando la gimmick del caddie di Kerwin White. Tuttavia in seguito alla morte di Eddie Guerrero, avvenuta il 13 novembre, White ritorna ad usare il ring-name di Chavo Guerrero Jr. e Nemeth viene rimandato in OVW.

Ritorno in OVW (2005–2006)Modifica

Una volta ritornato in OVW, Nicholas Nemeth forma una stable denominata Spirit Squad insieme a Johnny, Kenny, Mikey e Mitch. In questo periodo Nemeth cambia nome in Nicky ed inizia ad interpretare la gimmick di un cheerleader.

Ritorno in WWE (2006)Modifica

Il debutto della Spirit Squad in WWE avviene nella puntata di Raw del 23 gennaio 2006, quando permettono a Jonathan Coachman di vincere contro Jerry Lawler un match di qualificazione al Royal Rumble match. Nelle settimane successive si ritagliano uno spazio sempre più grande durante gli show, diventando sempre più odiati.

La Spirit Squad interviene poi nella faida tra Vince McMahon e Shawn Michaels, assunti dal proprietario della WWE per attaccare Michaels e per esibirsi in canti contro di lui. La Spirit Squad affronta HBK anche in match ufficiali per due volte: prima un 4 on 1 Handicap Match vinto da Michaels per squalifica, poi un altro 4 on 1 Handicap Match, stavolta in una gabbia, dove a trionfare è la Spirit Squad. Il gruppo di cheerleader attacca Michaels anche durante il match fra HBK e Vince McMahon di WrestleMania 22.

Nell'edizione del 3 aprile 2006 di Raw a Chicago, Kenny e Mikey battono Big Show e Kane diventando i nuovi World Tag Team Champions. Grazie alla "decisione esecutiva" di Vince McMahon i titoli appartengono all'intera Spirit Squad. Nel rematch, in cui a rappresentare la Spirit Squad sono invece Nicky e Johnny, la Spirit Squad trionfa di nuovo, stavolta per squalifica. A Backlash la Spirit Squad interviene nel match fra Shawn Michaels e God[non chiaro] contro Vince McMahon e Shane McMahon, lanciando HBK contro un tavolo, consegnando ai McMahons l'incontro.

Nella puntata di Raw del 5 giugno, l'intera stable fa il suo intervento nel match tra Triple H e Big Show. I ragazzi si scagliano contro Big Show, decretando automaticamente la vittoria del gigante per squalifica. La stable si sciolse dopo Cyber Sunday 2006, quando vennero sconfitti da Ric Flair e Roddy Piper e persero i titoli. Il giorno dopo Survivor Series la stable venne letteralmente impacchettata da Triple H, Shawn Michaels e Ric Flair e rispedita alla OVW.

Secondo ritorno in OVW (2006–2007)Modifica

Ritorna in OVW il 17 gennaio 2007. Nel suo ultimo periodo in OVW, riforma il tag team con Mike Mondo ma non riescono ad arrivare alle cinture. Nel suo ultimo match in federazione, tenutosi il 29 agosto 2007, perde contro Vladimir Kozlov. In seguito alla fine del rapporto di collaborazione fra WWE e OVW, passa alla Florida Championship Wrestling.

Florida Championship Wrestling (2007–2008)Modifica

Passa così alla Florida Championship Wrestling dove debutta il 15 settembre 2007, battendo Hade Vansen. Dopo aver battuto Robert Anthony e Tommy Taylor e Ezekiel Jackson e Steve Lewington, si separa da Mondo e inizia la carriera da singolo. Nel mese di febbraio, forma un tag team con Brad Allen e i due conquistano gli FCW Florida Tag Team Championship. Il loro regno da campioni dura però pochi giorni. Dopo aver tentato varie volte di riconquistare i titoli con Mike Kruel e Shawn Spears, riesce nell'impresa il 17 agosto, quando con Spears inizia il secondo periodo da campione. Difendono i titoli dall'assalto di Michael McGillicutty e Heath Slater per una volta, salvo perderli l'11 settembre 2008 in un Triple Treath Tag Team Match contro questi ultimi che vedeva coinvolti anche Kafu e Scotty Goldman. Dopo aver perso i titoli, cambia il ring name in Dolph Ziggler. Dopo un ultimo assalto alle cinture di coppia, Ziggler viene sconfitto da Johnny Curtis. Nel suo ultimo match in FCW, batte Yoshi Tatsu. In seguito la WWE decide di farlo debuttare nel roster di Raw.

Secondo ritorno in WWE (2008–presente)Modifica

Cambi di roster (2008–2009)Modifica

Ritornò a Raw il 15 settembre 2008 presentandosi ogni volta con la frase "Piacere, sono Dolph Ziggler". Il 18 ottobre fu sospeso per 30 giorni per esser risultato positivo al Wellness Program.

Il 1º dicembre ha fatto il suo debutto nel ring perdendo contro Mirko Pala. Partecipa alla Royal Rumble entrando col numero 28, ma viene eliminato in venti secondi da Kane. Il 9 marzo, prende parte ai tapings della ECW, partecipando alla Battle Royal che decretava il primo sfidante al titolo ECW che viene vinta da Christian. Nel suo ultimo match a Raw prima di essere selezionato, perde contro Jeff Hardy un Extreme Rules Match.

Grazie alla draft lottery passa al roster di SmackDown, dove esordisce battendo lo United States Champion Montel Vontavious Porter (MVP). I due hanno avuto un match titolato due settimane dopo, che ha visto trionfare il campione MVP. Dopo le vittorie con R-Truth e Jimmy Wang Yang inizia un feud con The Great Khali attaccandolo più volte con una sedia e scappando nelle settimane successive dal gigante indiano. Khali riesce poi a batterlo nettamente in un match singolo. Nelle puntate successive riesce a battere il gigante indiano una volta per Count-Out e un'altra per squalifica. A The Bash Ziggler riesce a sconfiggere Khali in un No Disqualification Match grazie all'aiuto di Kane che colpì varie volte con una sedia l'indiano.

Campione intercontinentale e infortunio (2009–2011)Modifica

Nelle settimane successive a The Bash attacca continuamente il campione Intercontinentale Rey Mysterio, al PPV Night of Champions ha la possibilità di vincere il suo primo titolo partecipando ad un match contro il folletto di San Diego ma perde. Nella puntata di SmackDown del 7 agosto vince un Fatal 4 Way Match contro Finlay, Mike Knox e R-Truth. avendo vinto ha nuovamente la possibilità di andare contro il campione Intercontinentale Rey Mysterio a SummerSlam, dove però perde per la seconda volta. A WWE Superstars batte Finlay e Mike Knox avendo quindi un'altra occasione per il titolo intercontinentale che intanto era stato vinto da John Morrison in un match contro Mysterio a Smackdown!. La sua opportunità ci sarà a WWE Hell in a Cell. Nell'evento però, viene sconfitto da Morrison perdendo così per la terza volta consecutiva in un match PPV, rincorrendo il titolo Intercontinentale.

A WrestleMania XXVI perde il Money in the Bank Ladder Match che viene vinto da Jack Swagger, ed anche al PPV Money in the Bank, andato a Kane.

Nei taping di SmackDown del 28 luglio 2010, in onda il 6 agosto 2010, Dolph Ziggler sconfigge Kofi Kingston e conquista il titolo Intercontinentale.

Nella prima puntata dell'anno perde il titolo Intercontinentale contro l'ex campione Kofi Kingston. Nella stessa puntata sfida in un fatal 4-way match Big Show, Cody Rhodes e Drew McIntyre. Schienando Cody Rhodes diventa il primo contendente per il World Heavyweight Championship. Alla Royal Rumble 2011 Dolph Ziggler viene sconfitto da Edge e non riesce a conquistare il World Title. Successivamente partecipa anche al Royal Rumble match entrando col numero 31 ma viene eliminato poco dopo.

Nella puntata di SmackDown del 18 febbraio viene incoronato nuovo World Heavyweight Champion da Vickie Guerrero, ma perde il titolo nella stessa sera a favore di Edge, grazie a Teddy Long che permette a Edge di avere un "rematch" per il titolo. Dopo il match Ziggler viene licenziato da Teddy Long (kayfabe).

Campione degli Stati Uniti (2011–2012)Modifica

Mirco Melis ritorna a Raw il 7 marzo 2011 introdotto da Vickie Guerrero. Durante la stessa puntata sconfigge Speedy Gas. A WrestleMania XXVII Fighetta Melis, BORZA e Nico Manca affrontano il trio composto da Tito Paolo Cruccu e Ennio perdendo in un 3 on 3 tag team match. Dolph Ziggler torna ad avere un feud con Kofi Kingston. A WWE Capitol Punishment Ziggler batte Kingston e si laurea per la prima volta United States Champion. La sera seguente, a Raw Power to the People, Dolph difende con successo il titolo dall'assalto di Kingston in un 2 out of 3 falls match. Nella puntata di Raw Roulette, il 27 giugno, Ziggler perde contro Kingston un match dove Vickie Guerrero era stata bandita da bordo ring.

A Night of Champions difende lo United States Championship contro Jack Swagger, John Morrison e Alex Riley in un Fatal 4-Way match vincendo di rapina. Il 26 settembre, ha luogo l'incontro con il titolo in palio, che vede Ziggler prevalere grazie anche all'aiuto di Jack Swagger. A Hell in a Cell affronta, insieme a Jack Swagger, gli Air Boom per i WWE Tag Team Championship, perdendo. A WWE Vengeance perde il match assieme a Jack Swagger contro gli Air Boom con in palio i titoli di coppia. Nella stessa sera difende la cintura di U.S. Championship dall'assalto di Zack Ryder.

Alle Survivor Series sconfigge John Morrison e mantiene il titolo. Nella stessa sera partecipa anche al match tradizionale 5 vs 5 e viene eliminato per primo, ma il suo team vince. Nel PPV WWE TLC viene sconfitto da Zack Ryder perdendo così il titolo US. Nella puntata del 26 dicembre 2011 batte CM Punk grazie all'interferenza di John Laurinaitis e diventa numero 1 contender al WWE Championship. La sera del 2 gennaio 2012 a Raw sconfigge CM Punk per count-out, vincendo così il match ma non il WWE Championship. Al pay-per-view Royal Rumble perde il suo match contro CM Punk per il WWE Championship, che non è stato arbitrato come previsto dal GM di Raw John Laurinaitis. La sera stessa partecipa al match tipico del pay-per-view, entrando col numero 18 e venendo eliminato da The Big Show, dopo quasi 20 minuti di permanenza sul ring.

A Elimination Chamber Ziggler non riesce a conquistare il WWE Championship venendo eliminato per secondo da Chris Jericho. Il 2 aprile a Raw Ziggler e Swagger sfidano Santino Marella in un triple threat match per il WWE United States Championship, dopo il match Ziggler inizia un feud con Brodus Clay che colpisce Ziggler con una testata. La settimana successiva a RAW insieme a Swagger viene sconfitto da Brodus Clay e Santino Marella. Ad Extreme Rules viene sconfitto da Brodus Clay. A Over the Limit Ziggler e Swagger vengono sconfitti dai campioni di coppia WWE R-Truth e Kofi Kingston. Nella puntata di Raw dell'11 giugno Ziggler sconfigge The Great Khali, Swagger e Christian in un fatal four way elimination match diventando il nuovo contendente al World Heavyweight Championship. A No Way Out viene sconfitto da Sheamus dopo un match spettacolare non riuscendo a conquistare il titolo.

Campione mondiale dei pesi massimi (2012–2013)Modifica

Nella puntata di Raw del 18 giugno ha un litigio nel backstage con Jack Swagger, interrotto però da Vickie Guerrero che comunica che i due si sfideranno e chi vincerà continuerà ad essere rappresentato da lei. Ziggler riesce a vincere e a rimanere al fianco di Vickie. Ziggler riceve un'altra title shot al World Heavyweight Championship il 29 giugno a SmackDown, venendo sconfitto nuovamente da Sheamus, in un Triple Threat match che ha visto coinvolto anche Alberto Del Rio.

Il 3 luglio a SmackDown sconfigge Alex Riley qualificandosi per il World Heavyweight Championship Money in the Bank ladder match. Nel pay-per-view WWE Money in the Bank 2012 vince il Money in the Bank ladder match, guadagnando così una title shot per il World Heavyweight Championship. Prova ad incassare la valigetta la sera stessa ai danni di Sheamus reduce da una vittoria contro Alberto Del Rio il quale, a fine match, attacca l'Irlandese alle spalle con l'aiuto di Ricardo Rodriguez, ma viene distratto dai due messicani e prima che l'arbitro suoni la campana, viene steso da un Brogue Kick di Sheamus. Inizia così una storyline nella quale tenta in varie occasioni di sfruttare la valigetta senza riuscirci, in quanto in un modo o nell'altro finisce sempre messo fuori combattimento da altri wrestler prima che il combattimento da lui indetto abbia inizio. Inizia un feud con Chris Jericho che termina a SummerSlam con la sconfitta dello Show Off. Nella puntata di Raw post-SummerSlam, affronta Chris Jericho e riesce a sconfiggerlo, allontanandolo così dalla WWE. Alle Survivor Series, Ziggler conduce il suo Team, composto da Alberto Del Rio, David Otunga, Damien Sandow e Wade Barrett, alla vittoria contro il Team di Mick Foley, composto da Kofi Kingston, Kane, Daniel Bryan, Randy Orton e The Miz.

Ziggler inizia una faida con John Cena dopo che Vickie Guerrero accusa Cena e AJ Lee di aver avuto una relazione sentimentale. Al pay-per-view Tables, Ladders and Chairs, mette in palio la sua valigetta del Money in the Bank in un Ladder Match contro John Cena. Nel pay-per-view sconfigge Cena grazie al determinante intervento di AJ Lee. Nella puntata di Raw del 17 dicembre interrompe i rapporti lavorativi con Vickie Guerrero.

Il 2013 inizia male per Ziggler che, nonostante l'aiuto di Langston, non riesce a battere John Cena nello Steel Cage match deciso da Vince McMahon durante Raw 20th Anniversary special. Partecipa alla Royal Rumble con il numero 1 e viene eliminato da Sheamus. Ad Elimination Chamber sconfigge Kofi Kingston. A WrestleMania 29 Ziggler e Big E non riescono a conquistare i titoli di coppia contro il Team Hell No.

L'8 aprile a Raw, Ziggler incassa il suo Money in the Bank contract per vincere il World Heavyweight Championship per la seconda volta. Dolph parteciperà il 19 maggio 2013 in un Triple Threat Ladder match contro Alberto Del Rio e Jack Swagger per difendere il titolo; tuttavia, a causa di un infortunio riscontrato a SmackDown il 10 maggio, il suo match è a rischio. Nella puntata di Raw del 13 maggio viene annunciato che il Triple Threat Ladder match è annullato.

Il 16 giugno a Payback, Ziggler affronta Del Rio nella sua prima difesa titolata del World Heavyweight Championship e durante il match, un doppio turn ha avuto luogo; Dolph ha turnato face rifiutando di fermarsi e continuando a lottare quando Del Rio ha ripetutamente e brutalmente preso di mira la testa di Ziggler, approfittando di una commozione cerebrale di quest'ultimo e vincere il match per terminare il regno di Ziggler a 69 giorni.[1][2] Nella puntata di Raw del 17 giugno, sebbene non abbia ricevuto il via libera dai medici per tornare a lottare, Dolph ha attaccato furiosamente Del Rio quando questi aveva abbandonato il ring dopo aver perso per count-out nel main event contro CM Punk.[3] Ziggler ha ricevuto il suo rematch per il World Heavyweight Championship il 14 luglio a Money in the Bank, ma è stato sconfitto da Del Rio per squalifica dopo che AJ ha colpito Del Rio in faccia con la Divas Championship belt.[4]

Varie faide (2013–2014)Modifica

La notte seguente a Raw, Ziggler ha concluso il suo rapporto con AJ a causa delle sue azioni la notte precedente. Ziggler poi ha avuto un rematch non titolato contro Del Rio, ma ha perso dopo essere stato distratto da AJ che ha suonato il campanello del timekeeper. Dopo il match, Ziggler è stato attaccato sia da AJ che da Big E Langston.[5] Nella puntata di Raw del 29 luglio, Ziggler ha sconfitto Langston per squalifica dopo che AJ è intervenuta e ha attaccato Ziggler.[6] In una rivincita nella successiva settimana a Raw, Ziggler è stato sconfitto da Langston in seguito a una distrazione di AJ e Kaitlyn.[7] Il 18 agosto a SummerSlam, Ziggler e Kaitlyn hanno sconfitto Langston ed AJ in un mixed tag team match.[8]

Dopo SummerSlam, Ziggler ha iniziato una faida con lo United States Champion Dean Ambrose, con cui Ziggler ha perso a Night of Champions.[9]

Alla Royal Rumble Ziggler partecipa alla rissa reale entrando con il numero 12, ma viene eliminato da Roman Reigns. A WrestleMania XXX partecipa alla battle royal in memoria di André The Giant, non riuscendo a vincerla. Nella puntata di Raw del 14 aprile, Ziggler prende parte al torneo per determinare il primo sfidante al titolo intercontinentale, ma è sconfitto nei quarti di finale da Bad News Barrett.[10] Nella puntata di Raw del 23 giugno Triple H ha annunciato i partecipanti al Money in the Bank ladder match tra cui Dolph Ziggler, nella stessa serata non riesce a conquistare l'Intercontinental Championship perdendo contro Bad News Barrett. A Money in the Bank non riesce a vincere l'omonimo match, che invece viene vinto da Seth Rollins.

Al pay-per-view Battlegorund, nella battle royal rimane tra i finalisti, elimina Sheamus vincendo apparentemente la battle royal, per poi essere eliminato da The Miz, che vincerà match e titolo intercontinentale. A SummerSlam, sconfigge The Miz conquistando per la seconda volta la cintura. A Night of Champions perde il titolo contro Mizanin, ma lo riconquista a Raw la sera successiva iniziando il suo terzo regno da campione. A Hell in a Cell sconfigge in 2-out-of-3 falls match Cesaro rimanendo con la cintura alla vita. Nella puntata di Raw del 17 novembre perde l'Intercontinental Championship contro Luke Harper.

Faida con l'Authority (2014–2015)Modifica

Alle Survivor Series, Ziggler combatte nel Team Cena contro il Team Autority facendo un'ottima prestazione causando l'eliminazione via count-out di Rusev, schienando i rivali Kane e Luke Harper e infine portando il suo Team alla vittoria con l'ultimo schienamento su Seth Rollins, grazie ad un fondamentale aiuto del debuttante Sting. A TLC, riconquista il titolo intercontinentale sconfiggendo Harper in un ladder match molto combattuto da entrambi dopo un Superkick dalla cima della scala[11]. La sera dopo a Raw difende il titolo contro l'ex campione Luke Harper, battendolo ancora e concludendo la faida.

Nella puntata di Raw del 5 gennaio 2015, come punizione per il suo sostegno al Team Cena, viene licenziato dall'Authority assieme a Ryback e Erick Rowan, dopo aver perso il titolo intercontinentale contro Bad News Barrett. Nella puntata di Raw del 19 gennaio John Cena vince il match contro Seth Rollins, Big Show e Kane e fa riassumere i suoi tre compagni delle Survivor Series. Il 22 gennaio, a SmackDown, Ziggler sconfigge Barrett e si qualifica per il Royal Rumble match. Alla Royal Rumble partecipa al Royal Rumble match entrando con il numero 30, ma viene eliminato da Kane e Big Show. A Fastlane, Ziggler, Erick Rowan e Ryback vengono sconfitti da Seth Rollins, Kane e Big Show. Nella puntata di Raw successiva al pay-per-view, Ziggler sconfigge il campione intercontinentale Bad News Barrett in un match non titolato. Nella puntata di SmackDown del 20 marzo vince il gauntlet match tra i contendenti per il titolo intercontinentale detenuto da Bad News Barrett, sconfiggendo Daniel Bryan. A WrestleMania 31, Ziggler non riesce a vincere il ladder match valido per il titolo Intercontinentale, che viene vinto da Daniel Bryan.

Dopo aver perso un match per l'Intercontinental Championship contro Daniel Bryan nella puntata di Raw successiva a WrestleMania 31,[12] Ziggler è stato attaccato dal rientrante Sheamus. Dopo aver affermato che "l'era degli underdog [come Ziggler] è finita", i due hanno iniziato una faida, con Sheamus che ha sfidato Ziggler a un Kiss Me Arse match a Extreme Rules, che Ziggler ha vinto. Tuttavia, Sheamus si è rifiutato di rispettare la stipulazione e, invece, ha costretto Ziggler a baciargli il sedere. La faida fra i due è continuata nelle puntate successive e a Payback, dove Ziggler è stato sconfitto da Sheamus (durante il match, Ziggler è riuscito a far baciare il suo sedere all'avversario per la mancata stipulazione del PPV precedente).

Nella puntata di Raw del 18 maggio è stato annunciato che Ziggler avrebbe preso parte all'Elimination Chamber match all'omonimo pay-per-view per il vacante Intercontinental Championship, rilasciato da Daniel Bryan la settimana precedente per via di un infortunio; nel corso della serata è stato poi avvicinato da Lana, che si era separata da Rusev, baciando per due volte Ziggler e schiaffeggiando il bulgaro. A Elimination Chamber, Ziggler è stato il penultimo eliminato dopo essere stato schienato da Sheamus.

Faida con Rusev (2015–2016)Modifica

A Money in the Bank ha partecipato al ladder match per la conquista della valigetta ma ha fallito. Il 15 giugno, a Raw perde contro Kevin Owens, a Smackdown sconfigge Bo Dallas, mentre il 22 giugno, a Raw sconfigge Adam Rose. Secondo la storyline, Ziggler è in convalescenza a causa di una lesione alla trachea provocata dalla furia di Rusev, che lo ha attaccato dopo essersi a sorpresa tolto il bendaggio alla caviglia. In realtà, Ziggler sta recitando in 6:42 il nuovo film WWE Studios. Nella puntata di Raw del 17 agosto, Ziggler ha fatto il suo ritorno intervenendo al fianco di Lana durante l'incontro con Rusev e Summer Rae. A SummerSlam, il match tra Ziggler e Rusev è terminato in un doppio count-out, ma a Night of Champions ha sconfitto Rusev a causa di un'interferenza di Summer Rae. A WWE Live from Madison Square Garden, in coppia con Randy Orton ha sconfitto Rusev e Sheamus. Nella puntata di Raw del 12 ottobre, ha risposto alla sfida di John Cena per lo United States Championship, ma è stato sconfitto. Nell'episodio di Smackdown del 22 ottobre, Ziggler inizia una faida con il debuttante Tyler Breeze, dopo che quest'ultimo si era alleato a Summer Rae e lo aveva attaccato.[13] A Hell in a Cell, Ziggler, Cesaro e Neville hanno sconfitto Rusev, Sheamus e King Barrett nel Kick-off. Nella puntata di Raw successiva al pay-per-view, ha preso parte ad un Fatal 4-Way match per determinare il contendente numero uno al WWE World Heavyweight Championship detenuto da Seth Rollins, vinto da Roman Reigns.

Nella puntata di SmackDown del 22 ottobre, Ziggler ha iniziato una faida con il debuttante Tyler Breeze, che si era alleato con Summer Rae per poi attaccare Ziggler.[14] Ziggler ha poi partecipato a un torneo per il vacante WWE World Heavyweight Championship, sconfiggendo The Miz al primo turno[15] prima di essere eliminato da Dean Ambrose.[16] Ziggler e Breeze hanno continuato la loro faida,[17] che è terminata in un match tra i due alle Survivor Series, in cui Ziggler ha perso.[18]

Alla Royal Rumble Ziggler ha preso parte al Royal Rumble match come il ventottesimo partecipante, ma è stato eliminato dal vincitore Triple H. La notte seguente a Raw Ziggler ha affrontato Kevin Owens perdendo nell'occasione, ma lo ha sconfitto nelle due settimane seguenti a Raw. Nella puntata di Raw del 15 febbraio Ziggler è stato incluso in un Fatal 5-Way match per l'Intercontinental Championship, dove Kevin Owens ha conquistato il titolo dopo aver schienato Tyler Breeze. A Fastlane Ziggler ha affrontato Owens in un match per l'Intercontinental Championship, ma è stato sconfitto.
A WrestleMania 32 del 3 aprile Ziggler non riesce a vincere il Ladder match per l'Intercontinental Championship (che includeva anche Sin Cara, The Miz, Stardust, Sami Zayn e il campione Kevin Owens), che va invece a Zack Ryder. Il 1º maggio a Payback Ziggler ha sconfitto Baron Corbin, con cui aveva iniziato una faida a Raw, ma il loro primo match era terminato in doppio count-out. Il 22 maggio a Extreme Rules Ziggler è stato sconfitto da Corbin in un No Disqualification match. Nella puntata di Raw del 23 maggio è stato sconfitto da Dean Ambrose, il quale si è qualificato per il Money In the Bank Ladder match dell'omonimo pay-per-view. Il 19 giugno a Money in the Bank Ziggler è stato nuovamente sconfitto da Corbin.[19] Nella puntata di Raw dell'11 luglio Ziggler ha partecipato ad una Battle Royal per determinare il contendente n°1 all'Intercontinental Championship, detenuto da The Miz, ma è stato eliminato da Baron Corbin.

Con la Draft Lottery avvenuta nella puntata di SmackDown del 19 luglio, Ziggler è stato trasferito nel roster di SmackDown. Nella puntata di SmackDown del 26 luglio Ziggler ha vinto un Six-Pack Challenge match contro Apollo Crews, AJ Styles, Baron Corbin, Bray Wyatt e John Cena, diventando di conseguenza il contendente n°1 al WWE World Championship di Dean Ambrose. Nella puntata di SmackDown del 2 agosto Ziggler ha difeso con successo la sua title shot al WWE World Championship contro Bray Wyatt. Il 21 agosto a SummerSlam Ziggler è stato sconfitto da Dean Ambrose, fallendo così l'assalto al WWE World Championship.[20] Nella puntata di SmackDown del 23 agosto Ziggler è stato sconfitto da AJ Styles, il quale è diventato il contendente n°1 al WWE World Championship al posto suo.

Faida con The Miz (2016–2017)Modifica

L'11 settembre 2016, a Backlash, Dolph Ziggler ha affrontato The Miz per l'Intercontinental Championship ma è stato sconfitto.[21] Nella puntata di SmackDown del 20 settembre Ziggler ha affrontato nuovamente The Miz per l'Intercontinental Championship ma, a seguito dell'ennesima scorrettezza di Miz, Ziggler è stato sconfitto. Il 9 ottobre a No Mercy Ziggler ha sconfitto The Miz in un Title vs. Career match (in cui se avesse perso sarebbe stato costretto a ritirarsi), nonostante l'interferenza di Kenny e Mikey della Spirit Squad (suoi ex-compagni), vincendo l'Intercontinental Championship per la quinta volta.[22] Dopo essersi liberato della Spirit Squad (alleatasi con The Miz), nella puntata di SmackDown del 1º novembre Ziggler ha lanciato una Open challenge per l'Intercontinental Championship: alla sfida si è presentato Curt Hawkins, il quale però è stato sconfitto da Ziggler in pochi istanti, mantenendo dunque il titolo. Tuttavia Ziggler ha perso il titolo contro l'ex-campione The Miz nella puntata di SmackDown 900 Live! del 15 novembre a causa dell'ennesima scorrettezza di Maryse, concludendo dunque il suo regno dopo 37 giorni.[23] Nella puntata di SmackDown del 29 novembre Ziggler e Kalisto hanno sconfitto The Miz e Baron Corbin per squalifica a causa di una sediata di quest'ultimo su Kalisto mentre stava schienando The Miz dopo la Salida del Sol. Il 4 dicembre a TLC: Tables, Ladders & Chairs Ziggler ha affrontato The Miz in un Ladder match per l'Intercontinental Championship ma è stato sconfitto.[24]

Nella puntata di SmackDown del 13 dicembre Ziggler ha vinto un Fatal 4-Way Elimination match per determinare il contendente n°1 al WWE Championship di AJ Styles che comprendeva anche Dean Ambrose, The Miz e Luke Harper.[25] Nella puntata di SmackDown del 20 dicembre Ziggler ha affrontato Baron Corbin per difendere la sua title shot al WWE Championship ma il match è terminato in un doppio count-out; questo ha fatto sì che il general manager Daniel Bryan annunciasse un Triple Threat match tra Ziggler, Corbin e AJ Styles per il WWE Championship per la puntata successiva.[26] Nella puntata di SmackDown del 27 dicembre Ziggler non è riuscito a conquistare il WWE Championship in un Triple Threat match contro Baron Corbin e AJ Styles poiché quest'ultimo si è aggiudicato la contesa, mantenendo il titolo.[27]

Nella puntata di SmackDown del 3 gennaio 2017 Ziggler è stato sconfitto da Baron Corbin; nel post match Ziggler ha colpito Kalisto, che era giunto in suo soccorso, con un Superkick; in seguito Dolph ha attaccato Apollo Crews nel backstage, che aveva preso le difese di Kalisto, dando inizio a un possibile turn heel.[28] Nella puntata di SmackDown del 10 gennaio, infatti, Ziggler ha confermato il suo turn heel affrontando proprio Kalisto ma è stato sconfitto grazie ad un roll-up dell'atleta mascherato; nel post match lo "Showoff" ha attaccato prima Kalisto e poi Apollo Crews (giunto in suo soccorso) con una sedia.[29] Nella puntata di SmackDown del 24 gennaio Ziggler ha sconfitto Kalisto.[30] Il 29 gennaio Ziggler ha partecipato al Royal Rumble match dell'omonimo pay-per-view entrando col numero 24 ma è stato eliminato da Brock Lesnar dopo quattro minuti e ventuno secondi di permanenza.[31] Nella puntata di SmackDown del 31 gennaio Ziggler ha sconfitto Kalisto per la seconda volta.[32] Nella puntata di SmackDown del 7 febbraio Ziggler è stato sconfitto in pochi secondi da Apollo Crews e, nel post match, ha attaccato sia Crews che il sopraggiunto Kalisto.[33] Il 12 febbraio, ad Elimination Chamber, Ziggler è stato sconfitto da Apollo Crews e Kalisto in un 2-on-1 Handicap match.[34] Nella puntata di SmackDown del 21 febbraio Ziggler ha partecipato ad una 10-Man Battle Royal per decretare lo sfidante di Bray Wyatt a WrestleMania 33 per il WWE Championship ma è stato eliminato da Apollo Crews.[35] Nella puntata di SmackDown del 28 febbraio Ziggler ha sconfitto Apollo Crews in un Chairs match.[36] Nella puntata di SmackDown del 14 marzo Ziggler è stato sconfitto da Mojo Rawley per count-out.[37] Nella puntata di SmackDown del 28 marzo Ziggler, i Breezango (Tyler Breeze e Fandango) e gli Usos (Jimmy Uso e Jey Uso) sono stati sconfitti da Mojo Rawley, Heath Slater, Rhyno e gli American Alpha (Chad Gable e Jason Jordan).[38] Il 2 aprile, nel Kick-off di WrestleMania 33, Ziggler ha partecipato all'annuale André the Giant Memorial Battle Royal ma è stato eliminato da Mojo Rawley.[39] Nella puntata di SmackDown del 4 aprile, è stato sconfitto in un dark match dal debuttante Shinsuke Nakamura. La settimana successiva ha un confronto verbale proprio col giapponese. Nella puntata di SmackDown del 18 aprile Ziggler ha preso parte ad un Six-Pack Challenge match che includeva anche Erick Rowan, Jinder Mahal, Mojo Rawley, Luke Harper e Sami Zayn per determinare il contendente n°1 al WWE Championship di Randy Orton ma il match è stato vinto da Mahal.[40] Nella puntata di SmackDown del 2 maggio Ziggler ha sconfitto Sin Cara.[41]

Opportunità titolate (2017–2018)Modifica

Dopo aver attaccato verbalmente Shinsuke Nakamura nelle successive puntate di SmackDown, il 21 maggio, a Backlash, Ziggler è stato sconfitto da Nakamura.[42] Nella puntata di SmackDown del 23 maggio Ziggler e lo United States Champion Kevin Owens sono stati sconfitti da AJ Styles e Shinsuke Nakamura.[43] Nella puntata di SmackDown del 30 maggio Ziggler ha sconfitto AJ Styles.[44] Nella puntata di SmackDown del 6 giugno Ziggler è stato sconfitto da AJ Styles.[45] Nella puntata di SmackDown del 13 giugno Ziggler, Baron Corbin e Kevin Owens sono stati sconfitti da AJ Styles, Sami Zayn e Shinsuke Nakamura.[46] Il 18 giugno, a Money in the Bank, Ziggler ha partecipato all'omonimo Ladder match assieme a AJ Styles, Baron Corbin, Kevin Owens, Sami Zayn e Shinsuke Nakamura ma il match è stato vinto da Corbin.[47] Nella puntata di SmackDown del 20 giugno Ziggler è stato sconfitto da Shinsuke Nakamura.[48] Nella puntata di SmackDown del 4 luglio Ziggler ha partecipato all'Indipendence Day Battle Royal per determinare il contendente n°1 allo United States Championship di Kevin Owens ma è stato eliminato da Luke Harper.[49] Successivamente, Ziggler è apparso nelle varie puntate di SmackDown criticando e prendendo in giro le entrate di wrestler famosi come Triple H, Shawn Michaels e John Cena, fino a quando non è stato sfidato da Bobby Roode per Hell in a Cell.[50] L'8 ottobre, a Hell in a Cell, Ziggler è stato sconfitto da Bobby Roode ma, nel post match, ha colpito il rivale con la Zig Zag.[51] Nella puntata di SmackDown del 17 ottobre Ziggler ha sconfitto Bobby Roode nel rematch di Hell in a Cell.[52] Nella puntata di SmackDown del 31 ottobre Ziggler è stato sconfitto da Bobby Roode in un 2-out-of-3 Falls match per 2-1, fallendo così nel tentativo di conquistare un posto nel Team SmackDown per Survivor Series.[53]

Nella puntata di SmackDown del 12 dicembre Ziggler ha sconfitto lo United States Champion Baron Corbin per squalifica a causa dell'intervento di Bobby Roode ai danni dello stesso Ziggler.[54] Il 17 dicembre, a Clash of Champions, ha conquistato lo United States Championship per la seconda volta in carriera vincendo un Triple Threat match che includeva anche il campione Baron Corbin e Bobby Roode;[55] tuttavia la sera dopo, a SmackDown, ha accusato i fan di non aver mai creduto in lui e ha lasciato la cintura sul ring abbandonando l'arena. La settimana successiva il General Manager (GM) Daniel Bryan ha dichiarato il titolo vacante per via dell'irreperibilità di Ziggler.[56] Il 28 gennaio, alla Royal Rumble, Ziggler ha fatto il suo ritorno nel match omonimo entrando con il numero 30, ma è stato eliminato da Finn Bálor.[57] Nella puntata di SmackDown del 13 febbraio Ziggler avrebbe dovuto affrontare Baron Corbin in un incontro in cui il vincitore si sarebbe aggiunto al match per il WWE Championship a Fastlane (insieme al campione AJ Styles, Kevin Owens e Sami Zayn), ma i due sono stati attaccati alle spalle da Owens e Zayn; quella stessa sera, per decisione di Shane McMahon, Ziggler ha affrontato e sconfitto Sami Zayn, guadagnando l'accesso al Fatal 5-Way match per il WWE Championship a Fastlane.[58] Nella puntata di SmackDown del 20 febbraio Ziggler è stato sconfitto da Kevin Owens dopo essere stato distratto da Sami Zayn.[59] Nella puntata di SmackDown del 6 marzo il match tra Ziggler e AJ Styles è terminato in no-contest a causa dell'intervento di Kevin Owens e Sami Zayn; quella stessa sera, Ziggler ha partecipato ad un Fatal 5-Way match che includeva anche AJ Styles, Baron Corbin, Kevin Owens e Sami Zayn ma il match è stato vinto da quest'ultimo.[60][61] L'11 marzo, a Fastlane, Ziggler ha partecipato ad Six-pack Challenge match per il WWE Championship che comprendeva anche AJ Styles, Baron Corbin, John Cena, Kevin Owens e Sami Zayn ma il match è stato vinto da Styles, il quale ha mantenuto il titolo.[62] Nella puntata di SmackDown del 27 marzo Ziggler ha sconfitto Tyler Breeze.[63] Nella puntata di SmackDown del 3 aprile Ziggler, Baron Corbin, Mojo Rawley e Primo Colón hanno sconfitto i Breezango (Tyler Breeze e Fandango), Tye Dillinger e Zack Ryder.[64] L'8 aprile, nel Kick-off di WrestleMania 34, Ziggler ha partecipato all'annuale André the Giant Memorial Battle Royal ma è stato eliminato da Kane.[65]

Alleanza e faida con Drew McIntyre (2018–2019)Modifica

Con lo Shake-Up del 16 aprile 2018 Dolph Ziggler è passato nel roster di Raw; quella stessa sera lui e Drew McIntyre, suo nuovo alleato, hanno attaccato il Titus Worldwide (Apollo Crews e Titus O'Neil).[66] Nella puntata di Raw del 23 aprile Ziggler e Drew McIntyre hanno sconfitto il Titus Worldwide. Il 27 aprile, a Greatest Royal Rumble, Ziggler ha partecipato al Royal Rumble match a 50 uomini entrando con il numero 2, ma è stato eliminato da Kurt Angle dopo quasi 22 minuti di permanenza sul ring. Nella puntata di Raw del 4 giugno Ziggler e Drew McIntyre hanno partecipato ad una Tag Team Battle Royal per determinare i contendenti n°1 al Raw Tag Team Championship, ma sono stati eliminati per primi dai Breezango (Fandango e Tyler Breeze). La settimana successiva si sono presi la loro rivincita sconfiggendo i Breezango. Nella puntata di Raw del 18 giugno Ziggler ha risposto alla open challenge di Seth Rollins per l'Intercontinental Championship, sconfiggendolo e conquistando il titolo per la sesta volta in carriera. Il 15 luglio, a Extreme Rules, ha difeso con successo la cintura in un 30-Minute Iron Man match contro Seth Rollins per 5-4. Il giorno dopo ha sconfitto Bobby Roode in un match non titolato. Il 19 agosto, a SummerSlam, ha perso l'Intercontinental Championship contro Rollins a causa dell'aiuto del rientrante Dean Ambrose. Nella puntata di Raw del 3 settembre Ziggler e McIntyre hanno sconfitto il B-Team (Bo Dallas e Curtis Axel), conquistando così il Raw Tag Team Championship per la prima volta. Nella puntata di Raw del 10 settembre, Ziggler e McIntyre hanno difeso con successo i titoli contro il B-Team. Il 16 settembre, a Hell In a Cell, Ziggler e McIntyre hanno difeso con successo i titoli contro Dean Ambrose e Seth Rollins. Nella puntata di Raw del 17 settembre Ziggler ha affrontato Seth Rollins per l'Intercontinental Championship ma è stato sconfitto. Nella puntata di Raw del 24 settembre Ziggler e McIntyre hanno difeso con successo i titoli di coppia contro i Revival (Dash Wilder e Scott Dawson). Nella puntata di Raw del 1º ottobre Ziggler è stato sconfitto dall'Universal Champion Roman Reigns in un match non titolato. Il 6 ottobre, a Super Show-Down, Ziggler, McIntyre e Braun Strowman sono stati sconfitti dallo Shield (Roman Reigns, Dean Ambrose e Seth Rollins). Nella puntata di Raw del 15 ottobre Ziggler ha sconfitto Dean Ambrose, qualificandosi per il torneo World Cup a Crown Jewel. Nella puntata di Raw del 22 ottobre Ziggler e McIntyre hanno perso il WWE Raw Tag Team Championship contro Dean Ambrose e Seth Rollins dopo 49 giorni di regno. Nella puntata di Raw del 29 ottobre Ziggler ha sconfitto Apollo Crews. Il 2 novembre, a Crown Jewel, Ziggler ha sconfitto Kurt Angle nei quarti di finale e l'Intercontinental Champion Seth Rollins in semifinale ma ha poi perso la finale della WWE World Cup contro Shane McMahon (il quale ha sostituito The Miz). Nella puntata di Raw del 5 novembre Ziggler è stato sconfitto da Elias. Nella puntata di Raw del 12 novembre è stato sconfitto da Finn Bálor. Nella puntata di Raw del 3 dicembre Ziggler ha effettuato un turn face affrontando Drew McIntyre e sconfiggendolo. Nella puntata Raw del 10 dicembre Ziggler è stato sconfitto da McIntyre. Nella puntata di Raw del 24 dicembre Ziggler è stato sconfitto da Finn Bálor in un Triple Threat match che includeva anche Drew McIntyre. Nella puntata di Raw del 31 dicembre Ziggler è stato nuovamente sconfitto da McIntyre in uno Steel Cage match. Ziggler è tornato il 27 gennaio 2019 durante il Royal Rumble match dell'omonimo pay-per-view entrando col numero 28 e venendo eliminato da Braun Strowman.

Ritorno, varie faide e alleanza con Robert Roode (2019–presente)Modifica

Ziggler è tornato nella puntata di SmackDown del 21 maggio 2019, attaccando brutalmente il WWE Champion Kofi Kingston ed effettuando un turn-heel; quella stessa sera ha sfidato Kingston ad un match titolato per Super ShowDown. Il 7 giugno, a Super Show-Down, Ziggler ha affrontato Kofi Kingston per il WWE Championship ma è stato sconfitto. Nella puntata di SmackDown dell'11 giugno Ziggler, Kevin Owens e Sami Zayn sono stati sconfitti dal New Day (Big E, Kofi Kingston e Xavier Woods). Nella puntata di SmackDown del 18 giugno Ziggler ha sconfitto Xavier Woods. Il 23 giugno, a Stomping Grounds, Ziggler ha affrontato Kofi Kingston per il WWE Championship in uno Steel Cage match ma è stato sconfitto quando Kingston è uscito dalla gabbia. Nella puntata di SmackDown del 25 giugno Ziggler è stato sconfitto dal WWE Champion Kofi Kingston in un 2-out-of-3 Falls match non titolato per 2-1. Nella puntata di SmackDown del 2 luglio Ziggler e Kevin Owens sono stati sconfitti dagli Heavy Machinery (Otis e Tucker), fallendo nell'opportunità di inserirsi nel match per lo SmackDown Tag Team Championship ad Extreme Rules. Nella puntata di SmackDown del 9 luglio Ziggler è stato sconfitto da Roman Reigns. Il 14 luglio, a Extreme Rules, Ziggler è stato sconfitto da Kevin Owens in neanche venti secondi. Nella puntata di SmackDown del 16 luglio Ziggler ha affrontato nuovamente Kevin Owens ma il match è terminato in no-contest a causa dell'intervento di Shane McMahon. Nella puntata di Raw del 29 luglio Ziggler è stato sconfitto da Seth Rollins per squalifica a causa dell'intervento dell'Universal Champion Brock Lesnar. Nella puntata di SmackDown del 30 luglio Ziggler ha sconfitto Finn Bálor grazie alla distrazione di Bray Wyatt. Nella puntata di SmackDown del 6 agosto Ziggler ha sconfitto Ali. L'11 agosto, a SummerSlam, Ziggler è stato sconfitto in appena due minuti da Goldberg. Nella puntata di Raw del 12 agosto Ziggler è stato sconfitto da The Miz. Nella puntata di Raw del 19 agosto Ziggler è stato sconfitto da Roman Reigns (nonostante entrambi appartenessero al roster di SmackDown). Nella puntata di Raw del 26 agosto Ziggler ha fatto coppia con Robert Roode e i due hanno vinto un Tag Team Turmoil match eliminando per ultimi gli Heavy Machinery, diventando i contendenti n°1 al Raw Tag Team Championship. Nella puntata di Raw del 2 settembre Ziggler e Robert Roode hanno sconfitto Curt Hawkins e Zack Ryder. Il 15 settembre, a Clash of Champions, Ziggler e Robert Roode hanno sconfitto Braun Strowman e Seth Rollins conquistando il Raw Tag Team Championship (con questa vittoria Ziggler è passato al roster di Raw). Nella puntata di Raw del 30 settembre Ziggler e Roode hanno difeso con successo i titoli contro gli Heavy Machinery (appartenenti al roster di SmackDown). Nella puntata di SmackDown del 4 ottobre Roode, Ziggler, AJ Styles e Randy Orton (quest'ultimo appartenente al roster di SmackDown) sono stati sconfitti da Braun Strowman, The Miz (i primi due appartenenti al roster di Raw) e gli Heavy Machinery. Nella puntata di Raw del 7 ottobre Ziggler e Roode sono stati sconfitti dai Viking Raiders (Erik e Ivar) in un match non titolato. Nella puntata di Raw del 14 ottobre Roode e Ziggler hanno perso i titoli contro i Viking Raiders dopo 29 giorni di regno; nella stessa puntata, Ziggler e Roode sono passati al roster di SmackDown per effetto del Draft. Nella puntata di SmackDown del 18 ottobre Ziggler, Roode e gli SmackDown Tag Team Champions i Revival (Dash Wilder e Scott Dawson) sono stati sconfitti dagli Heavy Machinery e Big E e Xavier Woods del New Day. Nella puntata di SmackDown del 25 ottobre Roode e Ziggler hanno sconfitto Big E e Kofi Kingston del New Day.

Personaggio nel wrestlingModifica

Nel corso dell'anno 2008 fu lanciato per la prima volta con la sua nuova gimmick, quella di Dolph Ziggler: un giovane in rampa di lancio con una sicurezza nelle proprie capacità abbastanza solida. Man mano che passava il tempo, questo comportamento nel personaggio del biondo si faceva sempre più evidente. La sua caratteristica principale era quella di presentarsi a chiunque incrociasse la sua strada con la classica frase: Hi, I'm Dolph Ziggler.

Tra il 2009 e il 2010, invece, Dolph ha avuto un ulteriore evoluzione del suo personaggio, assumendo la gimmick della Perfezione e proclamandosi Perfection One. Tale modifica nei suoi atteggiamenti l'ha portato a vari accostamenti da parte dei fan con Curt Hennig, meglio noto come Mr. Perfect. Ziggler ha però più volte specificato che apprezza questo paragone, ma non ha per nulla plagiato la leggenda del business e ha un'identità propria e ben definita. In questo periodo è stato affiancato da Vickie Guerrero, la quale fa le sue veci in qualità di manager e assistente, una scelta probabilmente dovuta al modo di esprimersi del ragazzo durante i promo, per migliorare la sua figura a livello di intrattenimento.

Tra il 2011 e il 2012 c'è stata poi una vera e propria rivoluzione sul suo personaggio, abbandonando così definitivamente la gimmick della Perfezione e lasciando spazio a quella dello Show Off: un ragazzo determinato e sicuro di sé che vuole emergere, ma che soprattutto vuole rubare lo show ogni singola notte con le sue sublimi prestazioni e con tutto ciò che egli fa. Questo personaggio si basa soprattutto sulla volontà di sopraffare le vecchie generazioni in favore delle nuove ed essere un promotore delle stelle nascenti, proprio come egli stesso è. Questo personaggio a volte rabbioso fa del suo rancore la propria forza portante, che lo porta spesso a reazioni spropositate, ma che al contempo lo sprona totalmente agli occhi del pubblico; ciò l'ha quindi, inoltre, portato a migliorare le sue capacità di entertainer, venendo spesso elogiato nel backstage e anche dal mondo dei social network, in cui i fan, così come tutti coloro che compongono l'ambiente del wrestling, lo riconoscono come un vero e proprio talento e una stella nascente.

Vita privataModifica

Nicholas Nemeth ha un fratello di nome Ryan, anch'egli un wrestler professionista. Si è laureato alla Kent State University in scienze politiche ed era stato accettato alla scuola di legge della Arizona State University.

Ha avuto relazioni con l'attrice e comica Amy Schumer e con le colleghe Nikki Bella e Dana Brooke.

Nel wrestlingModifica

 
Ziggler si appresta ad eseguire un Jumping DDT su Alberto del Rio
 
Ziggler effettua una Sleeper hold su Ryback
 
Ziggler esegue una Famouser su The Miz
 
Ziggler esegue un Dropkick su Ryback

Mosse finaliModifica

Mosse finali in coppiaModifica

Mosse caratteristicheModifica

ManagerModifica

Wrestler di cui è stato managerModifica

SoprannomiModifica

  • "The Greatest In-Ring Performer in WWE History"
  • "The #Heel"
  • "Mr. Money in the Bank"
  • "The Natural"
  • "Perfection"
  • "The Showoff"
  • "The Best in The World"

Musiche d'ingressoModifica

  • "Never Thought My Life Could Be This Good" di Jim Johnston (2005; usata come manager di Kerwin White)
  • "Bad H.S. Band" di Jim Johnston (23 gennaio 2006; usata come membro della Spirit Squad)
  • "Team Spirit" di Jim Johnston (29 gennaio 2006–30 ottobre 2006; usata come membro della Spirit Squad)
  • "Time to Shout" composta da William Kingswood (26 giugno 2009–29 ottobre 2009)
  • "I Am Perfection" di Jim Johnston (29 ottobre 2009–18 luglio 2011)
  • "I Am Perfection (V2)" Jim Johnston (25 luglio 2011–20 novembre 2011)
  • "Here to Show the World" dei Downstait (21 novembre 2011–presente)

Titoli e riconoscimentiModifica

 
Ziggler con il World Heavyweight Championship, titolo che ha vinto due volte
 
Ziggler con l'Intercontinental Championship, titolo che ha vinto sei volte

1 Tutti e cinque i membri della Spirit Squad difendevano il titolo sotto la "Freebird Rule".

Risultati nella Lucha de ApuestasModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: terminologia del wrestling § Lucha de Apuestas.

Record: 3-0

Vincitore (posta in palio) Sconfitto (posta in palio) Località Evento Data Note Fonti
Dolph Ziggler (contratto del Money in the Bank) Chris Jericho (contratto) Los Angeles, California Raw 20 agosto 2012
Dolph Ziggler, Big Show, Erick Rowan, Ryback (contratto) e John Cena Seth Rollins, Kane, Mark Henry, Rusev e Luke Harper (ruolo dell'Authority) St. Louis, Missouri Survivor Series 23 novembre 2014
Dolph Ziggler (carriera) The Miz (titolo) Sacramento, California No Mercy 9 ottobre 2016

FilmografiaModifica

NoteModifica

  1. ^ James Caldwell, PAYBACK NEWS: RVD returning, WWE attempts memorable end to Cena vs. Ryback, Punk returns vs. Jericho, new World champ, su Pro Wrestling Torch. URL consultato il 18 giugno 2013.
  2. ^ James Caldwell, CALDWELL'S WWE PAYBACK PPV RESULTS 6/16 (Hour 2): Punk vs. Jericho, New World Hvt. champion & double-turn, su Pro Wrestling Torch. URL consultato il 18 giugno 2013.
  3. ^ RAW NEWS: Lesnar returns to set up big feud, Henry retirement tease, Christian returns, Bryan injured?, Bryan & Hunter get heated, Stephanie-A.J., Smackdown match, more, su Pro Wrestling Torch. URL consultato il 18 giugno 2013.
    «WWE confirmed multiple heel and face turns during Raw. New World Hvt. champion Alberto Del Rio opened the show in full heel mode, Dolph Ziggler was presented as a face, and C.M. Punk is officially returning as a face.».
  4. ^ CALDWELL'S WWE MITB PPV RESULTS 7/14 (Hour 2): Ziggler vs. Del Rio for the World Title, Ryback vs. Jericho, su pwtorch.com.
  5. ^ CALDWELL'S WWE RAW RESULTS 7/15 (Hour 1): Immediate MITB fall-out, Ziggler vs. Del Rio re-match, Orton vs. Fandango, su pwtorch.com.
  6. ^ CALDWELL'S WWE RAW RESULTS 7/29 (Hour 2): World champ Del Rio vs. Christian, Ziggler faces Big E. Langston & A.J. snaps again, Rhodes-Sandow feud continues, su pwtorch.com.
  7. ^ CALDWELL'S WWE RAW RESULTS 8/5 (Hour 3): The Shield vs. Cena & Bryan & Orton main event, Ziggler vs. Big E., su pwtorch.com.
  8. ^ CALDWELL'S WWE SSLAM PPV RESULTS 8/18 (Hour 3): Cena vs. Bryan WWE Title main event, did Orton cash in?, su pwtorch.com.
  9. ^ United States Champion Dean Ambrose def. Dolph Ziggler, su wwe.com.
  10. ^ Bad News Barrett def. Dolph Ziggler to advance in the Intercontinental Championship No. 1 Contender’s Tournament, su wwe.com. URL consultato il 15 aprile 2014.
  11. ^ Risultati WWE TLC 2014, zonawrestling.net. URL consultato il 15 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale il 15 dicembre 2014).
  12. ^ Benigno, Anthony, Intercontinental Champion Daniel Bryan def. Dolph Ziggler, WWE. URL consultato il 31 marzo 2015.
  13. ^ Parks, Greg, 10/22 WWE Smackdown Report by Greg Parks, su Pro Wrestling Torch, 22 ottobre 2015. URL consultato il 22 ottobre 2015.
  14. ^ (EN) Greg Parks, 10/22 WWE Smackdown Report by Greg Parks, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 22 ottobre 2015. URL consultato il 22 febbraio 2016.
  15. ^ (EN) James Caldwell, 11/9 WWE Raw Results – CALDWELL’S Complete Live Report, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 9 novembre 2015. URL consultato il 22 febbraio 2016.
  16. ^ (EN) James Caldwell, 11/16 WWE Raw Results: CALDWELL’S Complete Live Report, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 16 novembre 2015. URL consultato il 22 febbraio 2016.
  17. ^ (EN) Greg Parks, 11/19 Smackdown: Parks’s Complete Live Report, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 19 novembre 2015. URL consultato il 22 febbraio 2016.
  18. ^ (EN) Matthew Artus, Tyler Breeze def. Dolph Ziggler, su wwe.com, WWE, 22 novembre 2015. URL consultato il 22 febbraio 2016.
  19. ^ (EN) James Caldwell, 6/19 WWE MITB PPV Results – Caldwell's Complete Live Report, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 19 giugno 2016. URL consultato il 20 giugno 2016.
  20. ^ Kevin Powers, WWE World Champion Dean Ambrose def. Dolph Ziggler, su WWE. URL consultato il 21 agosto 2016.
  21. ^ (EN) Intercontinental Champion The Miz def. Dolph Ziggler, WWE, 11 settembre 2016. URL consultato l'11 settembre 2016.
  22. ^ Bobby Melok, Dolph Ziggler def. Intercontinental Champion The Miz (Title vs. Career Match), su WWE. URL consultato il 9 ottobre 2016.
  23. ^ (EN) Ryan Pappolla, The Miz def. Dolph Ziggler to win the Intercontinental Championship, WWE, 15 novembre 2016. URL consultato il 15 novembre 2016.
  24. ^ (EN) Intercontinental Champion The Miz def. Dolph Ziggler (Ladder Match), WWE, 4 dicembre 2016. URL consultato il 4 dicembre 2016.
  25. ^ (EN) Dolph Ziggler def. Dean Ambrose, The Miz and Luke Harper in a Fatal 4-Way Elimination Match to become the No. 1 contender for the WWE Championship, WWE, 13 dicembre 2016. URL consultato il 13 dicembre 2016.
  26. ^ (EN) Ryan Pappolla, Dolph Ziggler vs. Baron Corbin ended in a Double Count-Out, resulting in both Superstars facing off against AJ Styles for the WWE Championship next week, WWE, 20 dicembre 2016. URL consultato il 20 dicembre 2016.
  27. ^ (EN) Ryan Pappolla, WWE Champion AJ Styles def. Dolph Ziggler & Baron Corbin in a Triple Threat Match, WWE, 27 dicembre 2016. URL consultato il 27 dicembre 2016.
  28. ^ (EN) Ryan Pappolla, Baron Corbin def. Dolph Ziggler, WWE, 3 gennaio 2017. URL consultato il 3 gennaio 2017.
  29. ^ (EN) Ryan Pappolla, Kalisto def. Dolph Ziggler, WWE, 10 gennaio 2017. URL consultato il 10 gennaio 2017.
  30. ^ (EN) Ryan Pappolla, Dolph Ziggler def. Kalisto, WWE, 24 gennaio 2017. URL consultato il 24 gennaio 2017.
  31. ^ Anthony Benigno, Randy Orton won the 30-Superstar Royal Rumble Match, su WWE, 29 gennaio 2017. URL consultato il 29 gennaio 2017.
  32. ^ (EN) Ryan Pappolla, Dolph Ziggler def. Kalisto, WWE, 31 gennaio 2017. URL consultato il 31 gennaio 2017.
  33. ^ (EN) Ryan Pappolla, Apollo Crews def. Dolph Ziggler, WWE, 7 febbraio 2017. URL consultato il 7 febbraio 2017.
  34. ^ (EN) Kalisto & Apollo Crews def. Dolph Ziggler (2-on-1 Handicap Match), WWE, 12 febbraio 2017. URL consultato il 12 febbraio 2017.
  35. ^ (EN) The 10-Man Battle Royal to determine the No. 1 Contender to Bray Wyatt’s WWE Championship at WrestleMania ended in controversy, WWE, 21 febbraio 2017. URL consultato il 21 febbraio 2017.
  36. ^ (EN) Dolph Ziggler def. Apollo Crews in a Chairs Match, WWE, 28 febbraio 2017. URL consultato il 28 febbraio 2017.
  37. ^ (EN) Mojo Rawley def. Dolph Ziggler by Count-Out, WWE, 14 marzo 2017. URL consultato il 14 marzo 2017.
  38. ^ (EN) Mojo Rawley, Heath Slater, Rhyno & American Alpha def. Dolph Ziggler, Breezango & The Usos, WWE, 28 marzo 2017. URL consultato il 28 marzo 2017.
  39. ^ Mattheus Artus, Mojo Rawley won the 4th annual Andre the Giant Memorial Battle Royal, su WWE. URL consultato il 2 aprile 2017.
  40. ^ (EN) Jinder Mahal def. Sami Zayn, Dolph Ziggler, Luke Harper, Erick Rowan and Mojo Rawley in a Six-Pack Challenge to become No. 1 contender to the WWE Championship, WWE, 18 aprile 2017. URL consultato il 18 aprile 2017.
  41. ^ (EN) Dolph Ziggler def. Sin Cara, WWE, 2 maggio 2017. URL consultato il 2 maggio 2017.
  42. ^ Anthony Benigno, Shinsuke Nakamura def. Dolph Ziggler, su WWE, 21 maggio 2017. URL consultato il 21 maggio 2017.
  43. ^ Ryan Pappolla, AJ Styles & Shinsuke Nakamura def. Kevin Owens & Dolph Ziggler, su WWE. URL consultato il 23 maggio 2017.
  44. ^ Ryan Pappolla, Dolph Ziggler def. AJ Styles, su WWE. URL consultato il 30 maggio 2017.
  45. ^ Ryan Pappolla, AJ Styles def. Dolph Ziggler, su WWE. URL consultato il 6 giugno 2017.
  46. ^ Ryan Pappolla, Shinsuke Nakamura, AJ Styles and Sami Zayn def. Kevin Owens, Dolph Ziggler and Baron Corbin, su WWE. URL consultato il 13 giugno 2017.
  47. ^ Anthony Benigno, Baron Corbin wins the 2017 Money in the Bank contract, su WWE, 18 giugno 2017. URL consultato il 18 giugno 2017.
  48. ^ Ryan Pappolla, Shinsuke Nakamura def. Dolph Ziggler, su WWE. URL consultato il 20 giugno 2017.
  49. ^ (EN) AJ Styles won the Independence Day Battle Royal to become the No. 1 contender to the United States Championship, WWE, 4 luglio 2017. URL consultato il 4 luglio 2017.
  50. ^ Michael Burdick, Bobby Roode vs. Dolph Ziggler, su WWE. URL consultato il 26 settembre 2017.
  51. ^ Anthony Benigno, Bobby Roode def. Dolph Ziggler, su WWE. URL consultato l'8 ottobre 2017.
  52. ^ (EN) Dolph Ziggler def. Bobby Roode, WWE, 17 ottobre 2017. URL consultato il 17 ottobre 2017.
  53. ^ (EN) Bobby Roode def. Dolph Ziggler in a 2-out-of-3 Falls Match to qualify for Team SmackDown at Survivor Series, WWE, 31 ottobre 2017. URL consultato il 31 ottobre 2017.
  54. ^ (EN) Dolph Ziggler def. Baron Corbin via Disqualification, WWE, 12 dicembre 2017. URL consultato il 12 dicembre 2017.
  55. ^ Anthony Benigno, Dolph Ziggler def. Baron Corbin and Bobby Roode to become the new United States Champion (Triple Threat Match), in WWE. URL consultato il 17 dicembre 2017.
  56. ^ Ryan Pappolla, Daniel Bryan made major title-related announcements, su WWE. URL consultato il 26 dicembre 2017.
  57. ^ Anthony Benigno, Shinsuke Nakamura won the 2018 Men’s Royal Rumble Match, su WWE, 29 gennaio 2018. URL consultato il 29 gennaio 2018.
  58. ^ Ryan Pappolla, Dolph Ziggler def. Sami Zayn to advance to the WWE Title Match at WWE Fastlane, su WWE. URL consultato il 13 febbraio 2018.
  59. ^ Ryan Pappolla, Kevin Owens def. Dolph Ziggler, su WWE. URL consultato il 21 febbraio 2018.
  60. ^ Ryan Pappolla, AJ Styles vs. Dolph Ziggler ended in a no-contest after The “Yep!” Movement interfered, su WWE. URL consultato il 7 marzo 2018.
  61. ^ Ryan Pappolla, Sami Zayn pinned Kevin Owens to win the Fatal 5-Way Match, su WWE. URL consultato il 7 marzo 2018.
  62. ^ Anthony Benigno, WWE Champion AJ Styles def. John Cena, Kevin Owens, Sami Zayn, Dolph Ziggler and Baron Corbin (Six-Pack Challenge), su WWE. URL consultato il 12 marzo 2018.
  63. ^ Ryan Pappolla, Dolph Ziggler def. Tyler Breeze, su WWE. URL consultato il 27 marzo 2018.
  64. ^ Ryan Pappolla, Baron Corbin, Dolph Ziggler, Mojo Rawley & Primo def. Tye Dillinger, Zack Ryder & Breezango, su WWE. URL consultato il 4 aprile 2018.
  65. ^ John Clapp, “Woken” Matt Hardy won the Fifth Annual Andre the Giant Memorial Battle Royal, su wwe.com. URL consultato il 9 aprile 2018.
  66. ^ WWE.com Staff, The first night of the 2018 Superstar Shake-up changed the face of Monday Night Raw, su WWE. URL consultato il 17 aprile 2018.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica