Apri il menu principale
Stephan Lichtsteiner
AUT vs. SUI 2015-11-17 - Stephan Lichtsteiner (2).jpg
Lichtsteiner in nazionale nel 2015
Nazionalità Svizzera Svizzera
Altezza 182[1] cm
Peso 75[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Difensore, centrocampista
Squadra Flag of None.svg svincolato
Carriera
Giovanili
1991-1996 Giallo e Nero.svg FC Adligenswil
1996-2000 Lucerna
2000-2001 Grasshoppers
Squadre di club1
2001-2005Grasshoppers 79 (4)
2005-2008Lilla89 (5)
2008-2011Lazio100 (3)
2011-2018Juventus201 (12)
2018-2019Arsenal14 (0)
Nazionale
2003-2005Svizzera Svizzera U-2130 (1)
2006-Svizzera Svizzera105 (8)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 1º luglio 2019

Stephan Lichtsteiner (Adligenswil, 16 gennaio 1984) è un calciatore svizzero, difensore o centrocampista della nazionale svizzera, della quale è capitano, svincolato.

Durante la sua carriera, con le maglie di Grasshoppers, Lazio e Juventus ha vinto 1 campionato svizzero (2002-03), 7 campionati italiani consecutivi (dal 2011-12 al 2017-18) — divenendo lo straniero più scudettato nella storia del calcio italiano[2] —, 5 Coppe Italia (2008-09, e consecutivamente dal 2014-15 al 2017-18) e 4 Supercoppe italiane (2009, 2012, 2013 e 2015). Convocato nella Svizzera dal 2006, ha preso parte ai Mondiali di Sudafrica 2010, Brasile 2014 e Russia 2018, e agli Europei di Austria-Svizzera 2008 e Francia 2016.

Indice

Caratteristiche tecnicheModifica

Giocatore che fa della forza fisica, del dinamismo e della resistenza le sue doti migliori[3] — caratteristiche che gli sono valse il soprannome di Swiss Express[4] —, grazie alle quali sopperisce ad alcune pecche di tenore tecnico,[5] Lichtsteiner è un jolly di fascia che sul lato destro del campo ben si disimpegna sia nella fase difensiva sia in quella offensiva.[6]

Impiegato principalmente come terzino nella prima parte della carriera, in coincidenza con il trasferimento alla Juventus inizia a essere utilizzato sempre più nel ruolo maggiormente propositivo di esterno (già sperimentato nei trascorsi al Lilla[7]), a lui congeniale in schemi come il 3-5-2 dove oltre a ripiegare in difesa, può spingersi in avanti per effettuare traversoni dal fondo, servire assist o diventare lui stesso il finalizzatore dell'azione, inserendosi in area e concludendo a rete.[5] Per sua stessa ammissione in partita si dimostra un calciatore molto aggressivo e combattivo, a tratti fin troppo nervoso, all'opposto rispetto al suo pacato carattere fuori dal campo.[8]

CarrieraModifica

ClubModifica

IniziModifica

Agli inizi degli anni 1990 comincia a giocare a calcio nelle giovanili della squadra del suo paese natale, l'FC Adligenswil, nel Canton Lucerna. Nel 1996 è acquistato dal Lucerna dove rimane fino al 2000. Debutta da professionista nel 2001 nelle file del Grasshoppers, compagine di Zurigo con cui, nell'annata 2002-03, vince il campionato svizzero.

Nell'estate 2005 è acquistato dal Lilla. Con la società francese, nello stesso anno fa il suo esordio in Champions League, nella gara contro il Benfica. Con la squadra del Nord il difensore svizzero ottiene alla prima stagione il terzo posto in campionato e, nel successivo biennio, contribuisce al raggiungimento dei migliori piazzamenti dei biancorossoblù in Coppa UEFA e Champions League, in entrambi i casi gli ottavi di finale, rispettivamente nel 2005-06 e 2006-07. La terza e ultima annata oltralpe, 2007-08, è inoltre la migliore sottorete per Lichtsteiner grazie a 5 centri totali, di cui 4 in Ligue 1 e 1 in Coppa di Francia.

LazioModifica

 
Lichtsteiner nel 2008 con la maglia della Lazio

Nell'estate 2008, dopo essere stato notato da Walter Sabatini, si trasferisce in Italia firmando con la Lazio;[9] prelevato oltralpe per 933 000 euro,[10] nella rosa capitolina va a sostituire il suo compagno di nazionale Valon Behrami.[11] Il 31 agosto 2008 gioca la sua prima partita in Serie A, in Cagliari-Lazio (1-4). Alla sua prima stagione il tecnico Delio Rossi lo impiega come titolare nel ruolo di laterale destro di difesa. Segna il primo gol in biancoceleste nel derby capitolino dell'11 aprile 2009, portando il risultato sul 3-1. Chiude la stagione con 33 gare in campionato e 4 presenze in Coppa Italia compresa quella nella finale vinta ai rigori, l'8 maggio, contro la Sampdoria, in cui è fra i rigoristi.[12]

La stagione successiva, che vede l'arrivo sulla panchina laziale di Davide Ballardini, inizia con la vittoria della Supercoppa italiana a Pechino a spese dei campioni d'Italia dell'Inter.[13] Nei mesi successivi la squadra gioca al di sotto delle aspettative sicché nel febbraio 2010, quando Ballardini viene esonerato, la Lazio è terz'ultima in campionato; con l'arrivo del nuovo tecnico Edoardo Reja, Lichtsteiner segna reti pesanti: quella del vantaggio contro il Siena, nella partita vinta 2-0, e quella del pareggio nella trasferta contro il Milan terminata sull'1-1. Col cambio d'allenatore, il giocatore ottiene maggiore sicurezza e le sue prestazioni migliorano notevolmente; grazie agli ottimi risultati ottenuti nel finale di stagione, cui il difensore svizzero contribuisce attivamente, la squadra biancoceleste risale la classifica concludendo il torneo al dodicesimo posto.

Nella sua terza annata alla Lazio, il giocatore è schierato come esterno in una difesa a quattro, al fianco del brasiliano André Dias, dell'italiano Giuseppe Biava e del rumeno Ștefan Radu. Disputa un'ottima stagione sul piano personale, venendo elogiato dagli addetti ai lavori come il migliore terzino del campionato;[14] chiude con 34 presenze in Serie A e 1 in Coppa Italia, per un totale di 35 gare giocate; la squadra capitolina, classificandosi quinta, riesce a conquistare l'accesso all'Europa League.[15]

JuventusModifica

 
Lichtsteiner (accosciato, secondo da sinistra) nella Juventus campione d'Italia 2012-2013

Il 1º luglio 2011 la Juventus ufficializza l'acquisto del giocatore per 10 milioni di euro.[16] Il successivo 11 settembre, durante l'esordio in campionato contro il Parma, segna la sua prima rete in maglia bianconera; è anche il primo gol ufficiale nello Juventus Stadium.[17] Si ripete all'ultima gara del girone d'andata giocata a Bergamo contro l'Atalanta, aprendo le marcature nel 2-0 che permette alla Juventus di laurearsi, simbolicamente, campione d'inverno. Il 6 maggio 2012, con una giornata d'anticipo, conquista il suo primo scudetto con la maglia bianconera, nella partita giocata in campo neutro di Trieste contro il Cagliari e vinta 2-0.[18]

La stagione 2012-13 inizia con la vittoria, l'11 agosto a Pechino, della Supercoppa di Lega, grazie al 4-2 ai supplementari sul Napoli;[19] è la seconda vittoria nella manifestazione per Lichtsteiner, dopo quella del 2009 raggiunta con la Lazio.[13] Il 9 dicembre successivo risulta decisivo segnando la rete del definitivo 1-0 in casa del Palermo.[20] Il 5 maggio 2013, esattamente a un girone di distanza, dopo la vittoria della Juventus sulla squadra rosanero nuovamente per 1-0, vince il secondo tricolore di fila.[21]

 
Lichtsteiner in azione in maglia bianconera nel 2013

Nella prima gara ufficiale della stagione 2013-14, la Supercoppa italiana che il 18 agosto 2013 lo vede contrapposto ai suoi ex compagni della Lazio, Lichtsteiner è tra i maggiori protagonisti del successo bianconero, realizzando la terza rete e fornendo due assist ai compagni nel 4-0 della Juventus.[22] A fine stagione, per lo svizzero arriva il terzo scudetto consecutivo.[23] L'annata successiva, 2014-15, è quella che lo vede maggiormente impiegato in carriera, con 49 presenza totali. Oltre al quarto campionato italiano consecutivo dei bianconeri,[24] cui Lichtsteiner contribuisce con 3 reti, a fine stagione arriva anche il double nazionale grazie alla Coppa Italia, vinta ai supplementari ancora una volta contro la sua ex squadra biancoceleste;[25] gioca inoltre la sua prima finale di Champions League, persa 1-3 a Berlino contro il Barcellona.[26]

Nella stagione 2015-16 è titolare nella Supercoppa di Lega giocata l'8 agosto e vinta per 2-0 a Shanghai, nuovamente a spese della Lazio. La sua quinta annata a Torino subisce tuttavia un brusco stop il 23 settembre quando, durante l'intervallo della gara casalinga contro il Frosinone, accusa un malore con difficoltà respiratorie:[27] nei giorni successivi gli viene diagnosticato un flutter atriale, un'aritmia benigna che il 2 ottobre lo porta a sottoporsi a un intervento chirurgico di ablazione al cuore.[28] Una volta ristabilitosi e riottenuta l'idoneità sportiva,[29] lo svizzero torna in campo il 3 novembre 2015 nella sfida contro il Borussia M'gladbach, trovando nell'occasione anche la sua prima rete in Champions League che vale il definitivo 1-1:[30] a fine stagione, la UEFA inserirà questo gol tra i 10 più belli dell'edizione.[31] Nel frattempo, il 20 gennaio 2016 sigla di nuovo alla Lazio la sua prima rete in Coppa Italia, un 1-0 che permette alla Juventus di accedere alle semifinali della competizione,[32] poi vinta il 21 maggio 2016 contro un Milan superato 1-0 al termine dei supplementari.[33] In precedenza il 25 aprile, a corollario di una rimonta-record,[34] era già arrivato lo scudetto, il quinto di fila per la Juventus e per Lichtsteiner,[35] il quale contribuisce così a far bissare al club il double dell'anno precedente.[36]

 
Gli juventini Lichtsteiner, Pirlo ed Evra prima del fischio d'inizio della Supercoppa italiana 2014

Anche l'annata 2016-17 si chiude per il difensore con un double grazie alla terza Coppa Italia consecutiva, sollevata nella vittoria finale del 17 maggio 2017 a Roma contro la Lazio,[37] e al sesto titolo italiano di fila,[38] arrivato quattro giorni dopo con il successo 3-0 allo Stadium sul Crotone:[39] con quest'ultimo trionfo, la Juventus batte dopo 82 anni il record del Quinquennio d'oro.[38] Tuttavia, come sintomo dell'avanzare degli anni, durante la stagione il difensore viene inizialmente escluso dalla lista UEFA,[40] pur rientrandovi nel gennaio seguente (a causa dell'esclusione di Hernanes).[41]

Ormai tra i senatori della formazione torinese, nella stagione 2017-18, in occasione del vittorioso incontro casalingo di Serie A del 9 settembre 2017 contro il Chievo (3-0), scende in campo per la prima volta con la fascia di capitano al braccio.[42] Nonostante venga ancora inizialmente escluso dalla lista UEFA,[43] salvo riguadagnarsi nuovamente il posto in gennaio (a seguito dell'esclusione di Höwedes),[44] per lo svizzero anche in quest'annata si ripetono i successi degli anni precedenti, con la Juventus che fa suo il settimo scudetto consecutivo — record assoluto nella storia della Serie A e dei maggiori campionati nazionali d'Europa — e annesso quarto double domestico di fila — altro nuovo primato nel calcio italiano —: Lichtsteiner, insieme ai compagni di squadra Barzagli, Buffon, Chiellini e Marchisio, è tra i 5 eptacampioni d'Italia di questo ciclo bianconero.[45] È questa l'ultima stagione a Torino dello svizzero il quale, dopo sette anni e quattordici trofei, già sul finire del campionato aveva ufficializzato la volontà di chiudere la sua esperienza juventina causa mancanza di ulteriori stimoli.[46]

ArsenalModifica

Svincolatosi dalla Juventus,[47] il 5 giugno 2018 Lichtsteiner approda in Inghilterra accasandosi all'Arsenal.[48] L'esperienza a Londra non è tuttavia positiva per il terzino svizzero: non riesce a sovvertire le gerarchie del tecnico Unai Emery il quale lo schiera in campo solo sporadicamente, preferendogli elementi come Bellerín e Maitland-Niles,[49] e patisce il mancato feeling con la tifoseria.[50] Con i Gunners partecipa comunque alla cavalcata in Europa League, dove la squadra raggiunge la finale di Baku, tuttavia conclusasi con una cocente sconfitta 1-4 nel derby londinese contro il Chelsea. Al termine di una stagione tutt'altro che esaltante sul piano personale, nel giugno 2019 ufficializza il suo prossimo addio all'Arsenal.[51]

NazionaleModifica

 
Lichtsteiner (a destra) in azione con la Svizzera nel 2012, in marcatura sull'argentino Agüero

Prima di approdare nella nazionale maggiore, compie tutta la trafila delle giovanili culminata con la convocazione al campionato europeo di calcio Under-21 2004. Nel 2005 arriva la prima convocazione in nazionale A, per le partite di qualificazione al Mondiale 2006, contro Israele[52] e Cipro,[53] senza tuttavia scendere in campo.

L'esordio avviene il 15 novembre 2006, grazie al commissario tecnico Jakob Kuhn, in occasione di una sfida a Basilea contro il Brasile. Durante le amichevoli di preparazione al campionato d'Europa 2008, Lichtsteiner è spesso impiegato come titolare anche a causa dell'infortunio di Philipp Degen. È poi convocato da Kuhn per disputare la fase finale della suddetta rassegna europea organizzata congiuntamente da Austria e Svizzera, dove gioca da titolare le tre partite della fase a gironi.

Sotto la gestione del nuovo CT Ottmar Hitzfeld prende poi parte con la sua nazionale al campionato del mondo 2010 in Sudafrica,[54] chiuso dagli elvetici al primo turno.

 
Lichtsteiner capitano della nazionale durante il campionato del mondo 2018

Nell'agosto 2011, durante l'amichevole Liechtenstein-Svizzera a Vaduz, da due suoi cross scaturiscono una rete e un autogol che permettono alla sua nazionale di vincere la sfida 2-1. L'11 ottobre dello stesso anno, a Basilea, segna al Montenegro la sua prima rete in maglia rossocrociata.[55] Il 6 settembre 2013, durante le qualificazioni al Mondiale 2014, mette a segno la sua prima doppietta in nazionale, nel 4-4 di Berna contro l'Islanda.[56] Nel successivo campionato del mondo 2014 in Brasile scende in campo in tutte e quattro le partite disputate dalla Svizzera, prima dell'eliminazione agli ottavi di finale contro l'Argentina, a San Paolo, maturata ai tempi supplementari.

Convocato dal CT Vladimir Petković per il campionato d'Europa 2016 in Francia,[57] a causa dell'assenza di Gökhan Inler eredita da questo ultimo la fascia di capitano della nazionale elvetica,[58] che chiude la rassegna continentale agli ottavi di finale, miglior piazzamento della propria storia all'Europeo. Da qui in avanti, Lichtsteiner mantiene definitivamente i gradi di capitano dei rossocrociati.

Convocato per il campionato del mondo 2018 in Russia,[59] in occasione dell'amichevole preparatoria dell'8 giugno e vinta 2-0 contro il Giappone taglia il traguardo delle 100 presenze in nazionale.[60] Durante la manifestazione mondiale, chiusa dagli elvetici agli ottavi di finale dinanzi alla Svezia, Lichtsteiner si rende protagonista di un gesto controverso: in occasione della vittoriosa sfida della fase a gironi sulla Serbia (2-1), nel festeggiare i gol dei connazionali Shaqiri e Xhaka, entrambi di origine albanese-kosovara, si unisce a loro nel mimare irriverentemente l'aquila bicipite, a mo' di sfottò politico nei confronti dei serbi,[61] e difendendo pubblicamente il gesto al termine della gara;[62] per tale comportamento, viene ammonito e multato dalla FIFA.[63]

StatisticheModifica

Presenze e reti nei clubModifica

Statistiche aggiornate al 5 maggio 2019

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2001-2002   Grasshoppers SL 1 0 CS ? ? - - - - - - 1 0
2002-2003 SL 25 0 CS ? ? CU 2 0 - - - 27 0
2003-2004 SL 26 2 CS 4 0 UCL+CU 2[64]+2 0 - - - 34 2
2004-2005 SL 27 2 CS 1 0 - - - - - - 28 2
Totale Grasshoppers 79 4 5+ 0+ 6 0 - - 90+ 4+
2005-2006   Lilla L1 31 1 CF+CdL 2+2 0 UCL+CU 4+4 0 - - - 43 1
2006-2007 L1 24 0 CF+CdL 3+2 0 UCL 3 0 - - - 32 0
2007-2008 L1 34 4 CF+CdL 3+1 1+0 - - - - - - 38 5
Totale Lilla 89 5 13 1 11 0 - - 113 6
2008-2009   Lazio A 33 1 CI 6 0 - - - - - - 39 1
2009-2010 A 33 2 CI 2 0 UEL 7 0 SI 1 0 43 2
2010-2011 A 34 0 CI 1 0 - - - - - - 35 0
Totale Lazio 100 3 9 0 7 0 1 0 117 3
2011-2012   Juventus A 35 2 CI 3 0 - - - - - - 38 2
2012-2013 A 28 4 CI 1 0 UCL 6 0 SI 1 0 36 4
2013-2014 A 27 2 CI 1 0 UCL+UEL 3+4 0 SI 1 1 36 3
2014-2015 A 32 3 CI 3 0 UCL 13 0 SI 1 0 49 3
2015-2016 A 26 0 CI 4 1 UCL 6 1 SI 1 0 37 2
2016-2017 A 26 1 CI 2 0 UCL 1 0 SI 1 0 30 1
2017-2018 A 27 0 CI 3 0 UCL 2 0 SI 0 0 32 0
Totale Juventus 201 12 17 1 35 1 5 1 258 15
2018-2019   Arsenal PL 14 0 FACup+CdL 1+2 0+1 UEL 6 0 - - - 23 1
Totale carriera 483 24 47+ 3+ 65 1 6 1 600 29

Cronologia presenze e reti in nazionaleModifica

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Svizzera
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
15-11-2006 Basilea Svizzera   1 – 2   Brasile Amichevole -   61’   84’
22-3-2007 Fort Lauderdale Giamaica   0 – 2   Svizzera Amichevole -
25-3-2007 Miami Colombia   3 – 1   Svizzera Amichevole -
22-8-2007 Ginevra Svizzera   2 – 1   Paesi Bassi Amichevole -   69’
11-9-2007 Klagenfurt Svizzera   3 – 4   Giappone Amichevole -   71’
13-10-2007 Zurigo Svizzera   3 – 1   Austria Amichevole -
17-10-2007 Basilea Svizzera   0 – 1   Stati Uniti Amichevole -
20-11-2007 Zurigo Svizzera   0 – 1   Nigeria Amichevole -   9’
6-2-2008 Londra Inghilterra   2 – 1   Svizzera Amichevole -   46’
26-3-2008 Basilea Svizzera   0 – 4   Germania Amichevole -
24-5-2008 Lugano Svizzera   2 – 0   Slovacchia Amichevole -   79’
30-5-2008 San Gallo Svizzera   3 – 0   Liechtenstein Amichevole -   58’
7-6-2008 Basilea Svizzera   0 – 1   Rep. Ceca Euro 2008 - 1º turno -   75’
11-6-2008 Basilea Svizzera   1 – 2   Turchia Euro 2008 - 1º turno -
15-6-2008 Basilea Svizzera   2 – 0   Portogallo Euro 2008 - 1º turno -   84’
6-9-2008 Tel Aviv Israele   2 – 2   Svizzera Qual. Mondiali 2010 -
11-10-2008 San Gallo Svizzera   2 – 1   Lettonia Qual. Mondiali 2010 -
15-10-2008 Atene Grecia   1 – 2   Svizzera Qual. Mondiali 2010 -   84’
19-11-2008 San Gallo Svizzera   1 – 0   Finlandia Amichevole -   46’
28-3-2009 Chișinău Moldavia   0 – 2   Svizzera Qual. Mondiali 2010 -
1-4-2009 Ginevra Svizzera   2 – 0   Moldavia Qual. Mondiali 2010 -   77’
9-9-2009 Riga Lettonia   2 – 2   Svizzera Qual. Mondiali 2010 -
10-10-2009 Lussemburgo Lussemburgo   0 – 3   Svizzera Qual. Mondiali 2010 -
14-10-2009 Basilea Svizzera   0 – 0   Israele Qual. Mondiali 2010 -   71’
14-11-2009 Ginevra Svizzera   0 – 1   Norvegia Amichevole -   46’
3-3-2010 San Gallo Svizzera   1 – 3   Uruguay Amichevole -
1-6-2010 Sion Svizzera   0 – 1   Costa Rica Amichevole -
5-6-2010 Ginevra Svizzera   1 – 1   Italia Amichevole -  
16-6-2010 Durban Spagna   0 – 1   Svizzera Mondiali 2010 - 1º turno -
21-6-2010 Port Elizabeth Cile   1 – 0   Svizzera Mondiali 2010 - 1º turno -
25-6-2010 Bloemfontein Svizzera   0 – 0   Honduras Mondiali 2010 - 1º turno -
11-8-2010 Klagenfurt Austria   0 – 1   Svizzera Amichevole -
3-9-2010 San Gallo Svizzera   0 – 0   Australia Amichevole -   46’
7-9-2010 Basilea Svizzera   1 – 3   Inghilterra Qual. Euro 2012 -     57’, 65’
12-10-2010 Basilea Svizzera   4 – 1   Galles Qual. Euro 2012 -   18’
17-11-2010 Ginevra Svizzera   2 – 2   Ucraina Amichevole -   72’
9-2-2011 La Valletta Malta   0 – 0   Svizzera Amichevole -   68’
26-3-2011 Sofia Bulgaria   0 – 0   Svizzera Qual. Euro 2012 -
4-6-2011 Londra Inghilterra   2 – 2   Svizzera Qual. Euro 2012 -
10-8-2011 Vaduz Liechtenstein   1 – 2   Svizzera Amichevole -   48’   83’
6-9-2011 Basilea Svizzera   3 – 1   Bulgaria Qual. Euro 2012 -
7-10-2011 Swansea Galles   2 – 0   Svizzera Qual. Euro 2012 -
11-10-2011 Basilea Svizzera   2 – 0   Montenegro Qual. Euro 2012 1   14’
11-11-2011 Amsterdam Paesi Bassi   0 – 0   Svizzera Amichevole -   9’
15-11-2011 Lussemburgo Lussemburgo   0 – 1   Svizzera Amichevole -   70’
29-2-2012 Berna Svizzera   1 – 3   Argentina Amichevole -   57’
26-5-2012 Basilea Svizzera   5 – 3   Germania Amichevole 1
30-5-2012 Lucerna Svizzera   0 – 1   Romania Amichevole -
15-8-2012 Spalato Croazia   2 – 4   Svizzera Amichevole -   46’
7-9-2012 Lubiana Slovenia   0 – 2   Svizzera Qual. Mondiali 2014 -
11-9-2012 Lucerna Svizzera   2 – 0   Albania Qual. Mondiali 2014 -
12-10-2012 Berna Svizzera   1 – 1   Norvegia Qual. Mondiali 2014 -   44’
16-10-2012 Reykjavík Islanda   0 – 2   Svizzera Qual. Mondiali 2014 -
14-11-2012 Susa Tunisia   1 – 2   Svizzera Amichevole -   46’
6-2-2013 Il Pireo Grecia   0 – 0   Svizzera Amichevole -   30’
23-3-2013 Strovolos Cipro   0 – 0   Svizzera Qual. Mondiali 2014 -   62’
8-6-2013 Ginevra Svizzera   1 – 0   Cipro Qual. Mondiali 2014 -
14-8-2013 Basilea Svizzera   1 – 0   Brasile Amichevole -
6-9-2013 Berna Svizzera   4 – 4   Islanda Qual. Mondiali 2014 2
10-9-2013 Oslo Norvegia   0 – 2   Svizzera Qual. Mondiali 2014 -
5-3-2014 San Gallo Svizzera   2 – 2   Croazia Amichevole -   43’   62’
30-5-2014 Lucerna Svizzera   1 – 0   Giamaica Amichevole -
3-6-2014 Lucerna Svizzera   2 – 0   Perù Amichevole 1
15-6-2014 Brasilia Svizzera   2 – 1   Ecuador Mondiali 2014 - 1º Turno -
20-6-2014 Salvador Svizzera   2 – 5   Francia Mondiali 2014 - 1º Turno -
25-6-2014 Manaus Honduras   0 – 3   Svizzera Mondiali 2014 - 1º Turno -
1-7-2014 Sao Paulo Argentina   1 – 0 dts   Svizzera Mondiali 2014 - Ottavi -
8-9-2014 Basilea Svizzera   0 – 2   Inghilterra Qual. Euro 2016 -
9-10-2014 Maribor Slovenia   1 – 0   Svizzera Qual. Euro 2016 -
14-10-2014 Serravalle San Marino   0 – 4   Svizzera Qual. Euro 2016 -   59’
15-11-2014 Basilea Svizzera   4 – 0   Lituania Qual. Euro 2016 -
27-3-2015 Lucerna Svizzera   3 – 0   Estonia Qual. Euro 2016 -   77’
31-3-2015 Zurigo Svizzera   1 – 1   Stati Uniti Amichevole -   46’
10-6-2015 Thun Svizzera   3 – 0   Liechtenstein Amichevole - Cap.   46’
14-6-2015 Vilnius Lituania   1 – 2   Svizzera Qual. Euro 2016 -
5-9-2015 Basilea Svizzera   3 – 2   Slovenia Qual. Euro 2016 - Cap.   63’
8-9-2015 Londra Inghilterra   2 – 0   Svizzera Qual. Euro 2016 -
13-11-2015 Trnava Slovacchia   3 – 2   Svizzera Amichevole -   58’
17-11-2015 Vienna Austria   1 – 2   Svizzera Amichevole -   18’
29-3-2016 Zurigo Svizzera   3 – 0   Bosnia ed Erzegovina Amichevole - Cap.   65’
3-6-2016 Lugano Svizzera   2 – 1   Moldavia Amichevole - Cap.   64’
11-6-2016 Lens Albania   0 – 1   Svizzera Euro 2016 - 1º turno - Cap.
15-6-2016 Parigi Svizzera   1 – 1   Romania Euro 2016 - 1º turno - Cap.
19-6-2016 Villeneuve-d'Ascq Svizzera   0 – 0   Francia Euro 2016 - 1º turno - Cap.
25-6-2016 Saint-Étienne Svizzera   1 – 1 dts
(4 - 5 dcr)
  Polonia Euro 2016 - Ottavi - Cap.
6-9-2016 Basilea Svizzera   2 – 0   Portogallo Qual. Mondiali 2018 -   70’
7-10-2016 Budapest Ungheria   2 – 3   Svizzera Qual. Mondiali 2018 - Cap.
13-11-2016 Lucerna Svizzera   2 – 0   Fær Øer Qual. Mondiali 2018 1 Cap.
25-3-2017 Carouge Svizzera   1 – 0   Lettonia Qual. Mondiali 2018 - Cap.
9-6-2017 Tórshavn Fær Øer   0 – 2   Svizzera Qual. Mondiali 2018 - Cap.
31-8-2017 San Gallo Svizzera   3 – 0   Andorra Qual. Mondiali 2018 1 Cap.
3-9-2017 Riga Lettonia   0 – 3   Svizzera Qual. Mondiali 2018 - Cap.
7-10-2017 Basilea Svizzera   5 – 2   Ungheria Qual. Mondiali 2018 1 Cap.
10-10-2017 Lisbona Portogallo   2 – 0   Svizzera Qual. Mondiali 2018 - Cap.
9-11-2017 Belfast Irlanda del Nord   0 – 1   Svizzera Qual. Mondiali 2018 - Cap.
12-11-2017 Lisbona Svizzera   0 – 0   Irlanda del Nord Qual. Mondiali 2018 - Cap.
23-3-2018 Atene Grecia   0 – 1   Svizzera Amichevole - Cap.   61’
27-3-2018 Basilea Svizzera   6 – 0   Panama Amichevole -   69’
3-6-2018 Vila-real Spagna   1 – 1   Svizzera Amichevole - Cap.   63’
8-6-2018 Lugano Svizzera   2 – 0   Giappone Amichevole - Cap. 100ª presenza
17-6-2018 Rostov sul Don Brasile   1 – 1   Svizzera Mondiali 2018 - 1º turno - Cap.   31’ -   87’
22-6-2018 Kaliningrad Serbia   1 – 2   Svizzera Mondiali 2018 - 1º turno - Cap.
27-6-2018 Nižnij Novgorod Svizzera   2 – 2   Costa Rica Mondiali 2018 - 1º turno - Cap.   37’
11-9-2018 Leicester Inghilterra   1 – 0   Svizzera Amichevole - cap.   28’
23-3-2019 Tbilisi Georgia   0 – 2   Svizzera Qual. Euro 2020 - cap.
Totale Presenze (3º posto) 105 Reti 8

PalmarèsModifica

NoteModifica

  1. ^ a b Stephan Lichtsteiner, su juventus.com.
  2. ^ Quelli che hanno vinto più Scudetti, su ilpost.it, 14 maggio 2018.
  3. ^ Marina Salvetti, Juve, arriva Lichtsteiner: visite mediche, poi la firma, su tuttosport.com, 27 giugno 2011 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  4. ^ (EN) Champions of Italy: Stephan Lichtsteiner, su juventus.com, 7 giugno 2012 (archiviato dall'url originale il 27 gennaio 2013).
  5. ^ a b Juventus, Lichtsteiner l'universale: terzino, esterno e goleador, su gazzetta.it, 6 febbraio 2014.
  6. ^ Renato Maisani, Difende come un difensore, attacca come un attaccante: Lichtsteiner, l'arma in più della Juventus, su goal.com, 29 settembre 2014.
  7. ^ (EN) Lichtsteiner: We can progress, su fifa.com, 2 maggio 2008.
  8. ^   Lichtsteiner, prima intervista bianconera, su YouTube, Juventus Football Club, 1º luglio 2011, a 0 min 25 s.
  9. ^ Lazio - Lichtsteiner accordo raggiunto, su lazialita.com, 19 luglio 2008 (archiviato dall'url originale il 19 luglio 2008).
  10. ^ Alessandro Buttitta, E la Lazio rimpiange Sabatini..., su tuttopalermo.net, 25 luglio 2010.
  11. ^ Ecco Lichtsteiner, il nuovo Behrami, su lazio.net, 18 luglio 2008. URL consultato il 22 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 27 gennaio 2016).
  12. ^ Alessandro Bocci, La Lazio vince la Coppa Italia, su corriere.it, 13 maggio 2009.
  13. ^ a b Riccardo Pratesi, Supercoppa alla Lazio, Inter sorpresa 2-1, su gazzetta.it, 8 agosto 2009.
  14. ^ Andrea Bonino, Lichtsteiner non ha dubbi, "La Juve è sempre la Juve", su gazzetta.it, 10 luglio 2011.
  15. ^ (EN) Conte key for Lichtsteiner, su espnfc.com, 28 giugno 2011.
  16. ^ Stephan Lichtsteiner è bianconero, su juventus.com, 1º luglio 2011 (archiviato dall'url originale il 25 aprile 2014).
  17. ^ Jacopo Gerna, Pirlo è geniale, Juve da urlo, Parma spazzato via: 4-1, su gazzetta.it, 11 settembre 2011.
  18. ^ Vladimiro Cotugno, Juve Campione d'Italia, 2-0 al Cagliari. Milan ko, su tuttosport.com, 6 maggio 2012 (archiviato dall'url originale il 6 luglio 2015).
  19. ^ Supercoppa: festa Juve, furia Napoli, su ansa.it, 11 agosto 2012.
  20. ^ Riccardo Pratesi, Juve, Conte day col lieto fine. Lichtsteiner stende il Palermo, su gazzetta.it, 9 dicembre 2012.
  21. ^ Riccardo Pratesi, Juventus, scudetto bis: 1-0 sul Palermo. Conte sale ancora sul tetto della Serie A, su gazzetta.it, 5 maggio 2013.
  22. ^ Maurizio Nicita, Supercoppa, Juventus super: 4-0 alla Lazio con gol di Pogba, Chiellini, Lichtsteiner e Tevez, su gazzetta.it, 18 agosto 2013.
  23. ^ Andrea Pugliese, Catania-Roma 4-1. Doppietta di Izco, gol di Totti, Bergessio e Barrientos. È scudetto Juve, su gazzetta.it, 4 maggio 2014.
  24. ^ Stefano Cantalupi, Sampdoria-Juventus 0-1: Vidal, è festa scudetto. La Signora cala il poker, su gazzetta.it, 2 maggio 2015.
  25. ^ Jacopo Gerna, Juve infinita, vince la 10ª Coppa Italia: Matri piega la Lazio ai supplementari, su gazzetta.it, 20 maggio 2015.
  26. ^ Paolo Menicucci, Tris Barcellona, la Juve deve inchinarsi, su it.uefa.com, 6 giugno 2015.
  27. ^ Juve: malessere durante la gara con il Frosinone, notte in ospedale per Lichtsteiner, su sport.ilmessaggero.it, 24 settembre 2015.
  28. ^ Juventus, Lichtsteiner operato al cuore: intervento riuscito, starà fuori un mese, su gazzetta.it, 2 ottobre 2015.
  29. ^ Lichtsteiner con il gruppo, su juventus.com, 1º novembre 2015.
  30. ^ Elvira Erbì, Juventus, un pari di cuore con il Borussia: Lichtsteiner, ritorno e gol Champions, su tuttosport.com, 3 novembre 2015.
  31. ^ I 10 gol più belli della Champions League 2015/16, su it.uefa.com, 15 luglio 2016.
  32. ^ Nicola Berardino, Coppa Italia, Lazio-Juventus 0-1: decide Lichtsteiner, ora l'Inter in semifinale, su gazzetta.it, 20 gennaio 2016.
  33. ^ Jacopo Gerna, Milan-Juve 0-1, Morata-gol: Coppa Italia ad Allegri, trionfo ai supplementari, su gazzetta.it, 21 maggio 2016.
  34. ^ Alberto Mauro, Juventus, uno scudetto thrilling: dalla crisi iniziale al record di vittorie, su gazzetta.it, 25 aprile 2016.
  35. ^ Timothy Ormezzano, Juventus campione d'Italia: a Vinovo esplode la festa. Allegri: "Sono ancora più orgoglioso", su repubblica.it, 25 aprile 2016.
  36. ^ Juventus storica: secondo "double" di fila, nessuno vi era mai riuscito, su goal.com, 21 maggio 2016.
  37. ^ Marco Fallisi, Coppa Italia, Juve-Lazio 2-0: gol di Dani Alves e Bonucci, storico tris bianconero, su gazzetta.it, 17 maggio 2017.
  38. ^ a b Fabio Balaudo, Dal 2012 al 2017: la Juve e la legge(nda) del 6, su it.uefa.com, 22 maggio 2017.
  39. ^ Jacopo Gerna, Juventus-Crotone 3-0, bianconeri nella leggenda: gol di Mandzukic, Dybala e Alex Sandro, su gazzetta.it, 21 maggio 2017.
  40. ^ Ecco le liste Uefa delle italiane: la Juve taglia Lichtsteiner, su gazzetta.it, 1º settembre 2016.
  41. ^ Juve, Hernanes fuori dalla lista Champions: ci sono Lichtsteiner e Rincon, su premiumsporthd.it, 1º febbraio 2017.
  42. ^ (EN) Stephan Lichtsteiner [@LichtsteinerSte], 3:0 against Chievo. My first match as Juventus Captain went really well! What an honour!! (Tweet), su twitter.com, 9 settembre 2017.
  43. ^ Juventus, Lichtsteiner fuori dalla lista Champions: "Colpo durissimo", su gazzetta.it, 1º settembre 2017.
  44. ^ Juve, Lichtsteiner rientra in lista Uefa, su ansa.it, 1º febbraio 2018.
  45. ^ MY7H: Scudetto 2017-2018, in Juventus Special, Juventus Football Club S.p.A., 13 maggio 2018.
  46. ^ Daniele Minuti, Calciomercato, Lichsteiner annuncia: "In estate lascio la Juventus", su foxsports.it, 5 maggio 2018.
  47. ^ Vielen Dank, Swiss Express!, su juventus.com, 5 giugno 2018.
  48. ^ (EN) Stephan Lichtsteiner to join the club, su arsenal.com, 5 giugno 2018.
  49. ^ L'Arsenal ha già scaricato Lichtsteiner? "È piuttosto difficile che io rimanga perché...", su ilposticipo.it, 14 maggio 2019.
  50. ^ Arsenal, Lichtsteiner bocciato dai tifosi: "Il peggior giocatore mai visto...", su itasportpress.it, 30 gennaio 2019.
  51. ^ Lichtsteiner lascia l'Arsenal: "Ho amato questo club, è stata una grande sfida", su goal.com, 3 giugno 2019.
  52. ^ (EN) 2006 FIFA World Cup Germany ™ Preliminaries Switzerland - Israel, su fifa.com, 3 settembre 2005 (archiviato dall'url originale il 9 dicembre 2012).
  53. ^ (EN) 2006 FIFA World Cup Germany ™ Preliminaries Cyprus - Switzerland, su fifa.com, 7 settembre 2005 (archiviato dall'url originale il 10 dicembre 2012).
  54. ^ 23 convocati della nazionale svizzera per il Sudafrica, su calciatori-online.com, 8 giugno 2010.
  55. ^ (EN) Andy James, Switzerland end on a high against Montenegro, su uefa.org, 11 ottobre 2011.
  56. ^ Svizzera raggiunta all'ultimo minuto, su sport.rsi.ch, 6 settembre 2013.
  57. ^ (DEFR) Spielerliste / Liste des joueurs – UEFA EURO 2016 FRANCE (PDF), Associazione Svizzera di Football, 30 maggio 2016.
  58. ^ "Una notte in bianco per decidere", su rsi.ch, 18 maggio 2016.
  59. ^ Convocati Svizzera: la lista dei 23 per i Mondiali di Russia 2018, su it.eurosport.com, 4 giugno 2018.
  60. ^ "Dodici giorni alla grande, gente gentilissima", su rsi.ch, 9 giugno 2018.
  61. ^ Anche Lichtsteiner nel mirino della FIFA, su ticinonews.ch, 24 giugno 2018.
  62. ^ Lichtsteiner, Xhaka e Shaqiri? bene così, su ansa.it, 23 giugno 2018.
  63. ^ Mondiali, la Fifa multa Xhaka, Shaqiri e Lichtsteiner per l'esultanza "politica", su gazzetta.it, 25 giugno 2018.
  64. ^ Nei turni preliminari.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica