Apri il menu principale
Michalīs Kōnstantinou
Nazionalità Cipro Cipro
Altezza 188 cm
Peso 80 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Ritirato 18 gennaio 2014 - giocatore
Carriera
Squadre di club1
1993-1997 EN Paralimni 68 (31)
1997-2001 Īraklīs 119 (60)
2001-2005 Panathīnaïkos 94 (34)
2005-2008 Olympiakos 57 (17)
2008-2009 Īraklīs 13 (3)
2009-2011 Omonia 59 (34)
2011-2012 Anorthosis 17 (3)
2012-2013 AEL Limassol 19 (6)
Nazionale
1999-2012 Cipro Cipro 85 (32)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 13 marzo 2018

Michalīs Kōnstantinou (in greco: Μιχάλης Κωνσταντίνου; Paralimni, 19 febbraio 1978) è un ex calciatore cipriota, di ruolo attaccante.

CarrieraModifica

ClubModifica

Enosis Neon ParalimniModifica

Ha cominciato la carriera professionistica nella squadra cipriota dell'Enosis, per la quale mise a segno 17 gol in 25 partite nella stagione 1996-1997 laureandosi capocannoniere del campionato cipriota.

Iraklis SaloniccoModifica

Prelevato dall'Iraklis Salonicco nel 1997, Konstantinou segnò in quattro stagioni 60 gol in 119 presenze e giocando anche in Coppa UEFA.

PanathinaikosModifica

Nel 2001 venne acquistato dal Panathīnaïkos per 11,3 milioni di euro più tre suoi giocatori. Fu la cifra più alta mai pagata per un calciatore di Cipro.[senza fonte]Qui trova il leggendario portiere greco Antōnīs Nikopolidīs e con il Panathinaikos ebbe l'opportunità di giocare in Champions League. Portò il Panathinaikos molto avanti anche in coppa. Segnò un gol al Camp Nou nel ritorno dei quarti di finale della Champions 2001-2002 contro il Barcellona. La sua marcatura sembrò assicurare al Panathinaikos le semifinali, in quanto erano necessari tre gol agli spagnoli per passare; il Barça, tuttavia, rimontò e vinse 3-1, qualificandosi per le semifinali. Nella seconda stagione al Panathinaikos un infortunio ridusse le sue presenze in campionato a 21. Vinse la finale di Coppa di Grecia 2004 grazie a due suoi gol. In campionato segnò 5 reti vincendo l'unico campionato del decennio. Nella stagione 2004-2005 segnò 15 gol. Successivamente non gli venne rinnovato il contratto.

Olympiakos PireoModifica

Il 14 luglio 2005 firmò un contratto di tre anni con l'Olympiakos. Con la maglia dell'Olympiakos nella stagione 2005-2006 vinse il double campionato-coppa, il suo secondo dopo quello con il Panathinaikos. Nella finale di Coppa di Grecia, in cui l'Olympiakos batte l'AEK Atene per 3-0, Konstantinou realizzò il primo gol. Tra l'altro segnò in campionato anche contro l'AEK e contro la sua ex squadra, il Panathinaikos. Per la seconda stagione consecutiva, nel 2007 ha vinto il campionato con la squadra del Pireo: benché quell'ultima stagione fosse stata piena di infortuni, ha segnato un gol nella gara di Champions contro lo Šachtar Donec'k giocatasi in Ucraina.

Ritorno all'Iraklis SaloniccoModifica

Nella stagione 2007-2008 ha trovato poco spazio e a luglio 2008 si è trasferito all'Iraklis Salonicco, suo club di origine, ma a causa di problemi fisici non si è potuto esprimere al meglio delle sue capacità.[senza fonte]

Omonia NicosiaModifica

Nel gennaio 2009 ha lasciato l'Iraklis per problemi familiari[1] ed è tornato in patria, nell'Omonia.[2] Qui ritrova per una stagione il connazionale Ioannis Okkas, già compagno di squadra all'Olympiakos. Dopo qualche mese Okkas passa all'Anorthosis, così Kōnstantinou diventa il primo attaccante della squadra. Con la squadra vinse il campionato cipriota a distanza di sette anni dall'ultima volta.

AnorthosisModifica

Nella stagione 2011/2012 gioca per l'Anorthosis totalizzando 17 presenze e segnando 3 reti.

AEL LimassolModifica

Nella stagione 2012/2013 gioca per l'AEL Limassol totalizzando 19 presenze e segnando 6 reti. Rimasto svincolato, il 18 gennaio 2014 si ritira dal calcio giocato.

NazionaleModifica

È il miglior realizzatore di sempre della Nazionale cipriota con 32 reti in 85 partite.

Ha debuttato in Nazionale contro l'Albania nell'agosto 1998. I suoi primi due gol sono arrivati il 10 febbraio 1999 contro San Marino allo stadio Tsirion (punteggio finale di 4-0).

In seguito la squadra fallisce la qualificazione a Euro 2000, partecipando poi alle qualificazioni per i Mondiali 2002. Ha anche segnato due gol contro l'Irlanda nel 2006 e contro la Georgia per la qualificazione ai mondiali Mondiali 2010[3]

StatisticheModifica

Presenze e reti nei clubModifica

Stagione Squadra Campionato Totale
Campionato Presenze Reti Presenze Reti
1993-1994   EN Paralimni A 1 0 1 0
1994-1995 A 23 8 23 8
1995-1996 A 19 6 19 6
1996-1997 A 25 17 25 17
Totale EN Paralimni 68 31 68 31
1997-1998   Īraklīs SLE 30 11 30 11
1998-1999 SLE 31 9 31 9
1999-2000 SLE 31 22 31 22
2000-2001 SLE 27 18 27 18
Totale Īraklīs 119 60 119 60
2001-2002   Panathīnaïkos SLE 17 9 17 9
2002-2003 SLE 21 5 21 5
2003-2004 SLE 26 5 26 5
2004-2005 SLE 30 15 30 15
Totale Panathīnaïkos 94 34 94 34
2005-2006   Olympiakos SLE 21 10 21 10
2006-2007 SLE 11 1 11 1
2007-2008 SLE 10 0 10 0
Totale Olympiakos 57 17 57 17
2008-gen. 2009   Īraklīs SLE 13 3 13 3
gen.-giu. 2009   Omonia A 12 6 12 6
2009-2010 A 21 11 21 11
2010-2011 A 22 17 22 17
Totale Omonia 59 34 59 34
2011-2012   Anorthosis A 17 3 17 3
2012-2013   AEL Limassol A 19 6 19 6
Totale carriera 446 188 446 188

PalmarèsModifica

ClubModifica

Competizioni nazionaliModifica

Panathinaikos: 2003-2004
Olympiakos: 2005-2006, 2006-2007, 2007-2008
Panathinaikos: 2004
Olympiakos: 2006, 2008
Olympiakos: 2007
Omonia Nicosia: 2009-2010
Omonia Nicosia: 2010
Omonia: 2011, 2012

IndividualeModifica

  • Capocannoniere del campionato cipriota
1996-1997: Enosis Neon Paralimni (17 gol)

NoteModifica

  1. ^ (FR) Konstantinou quitte Iraklis, Équipe.fr (archiviato dall'url originale il 1º luglio 2009).
  2. ^ UFFICIALE: Kostantinou lascia l'Iraklis, Tuttomercatoweb.com.
  3. ^ 11 ottobre 2008, Qualificazioni-Mondiali 2010 Georgia Cipro 1-1 http://www.tuttomercatoweb.com/altre-notizie/qualificazioni-mondiali-2010-georgia-cipro-1-1-125017 Qualificazioni-Mondiali 2010 Georgia Cipro 1-1. URL consultato l'11 ottobre 2008.

Collegamenti esterniModifica