Nazionale di calcio dell'Armenia

Armenia Armenia
Football Federation of Armenia logo.png
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Sport Football pictogram.svg Calcio
Federazione FFA/HFF[1]
inglese: Football Federation of Armenia
armeno: Հայաստանի ֆուտբոլի ֆեդերացիան (Hayastani Fowtboli Federac'ian)
Confederazione UEFA
Codice FIFA ARM
Soprannome Հավաքական (Il Collettivo)
Selezionatore Spagna Joaquín Caparrós
Record presenze Sargis Hovsep'yan (132)
Capocannoniere Henrix Mxit'aryan (30)
Stadio Stadio repubblicano Vazgen Sargsyan
(14 403 posti)
Ranking FIFA 90º[2] (7 aprile 2021)
Esordio internazionale
Armenia Armenia 0 - 0 Moldavia Moldavia
Erevan, Armenia; 12 ottobre 1992
Migliore vittoria
Guatemala Guatemala 1 - 7 Armenia Armenia
Los Angeles, Stati Uniti; 28 maggio 2016
Peggiore sconfitta
Italia Italia 9 - 1 Armenia Armenia
Palermo, Italia; 18 novembre 2019
Nations League
Partecipazioni 2 (esordio: 2018-2019)
Miglior risultato 4º posto nella Lega C 2020-2021

La nazionale di calcio dell'Armenia (arm. Հայաստանի ֆուտբոլի ազգային հավաքական) è la rappresentativa calcistica dell'Armenia ed è posta sotto l'egida della federazione calcistica armena.

È nata nel 1992, dopo la scissione dell'Unione Sovietica in 15 repubbliche e la successiva divisione della Comunità degli Stati Indipendenti. Da allora la nazionale armena ha collezionato oltre cento partite, senza risultati di rilievo eccezion fatta per qualche vittoria su squadre di secondaria importanza (anche se spiccano vittorie sulla Polonia, sul Paraguay, sul Belgio, sulla Danimarca, sulla Rep. Ceca e sulla Grecia). Non si è mai qualificata alla fase finale di Mondiali o Europei.

Occupa il 90º posto del ranking FIFA.[2]

StoriaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Nazionale di calcio dell'Unione Sovietica.

EsordiModifica

La nazionale armena nacque ufficialmente nel 1992, dopo il crollo dell'Unione Sovietica. Giocò la sua prima partita il 12 ottobre 1992 a Erevan contro la Moldavia (0-0), altra rappresentativa di una neonata repubblica del blocco sovietico. Nel 1992 la federazione calcistica dell'Armenia diventò membro di FIFA e UEFA.

I primi anni di esistenza della locale federazione calcistica furono difficili. Dall'indipendenza, proclamata nel 1991, il paese fu infatti attanagliato da una serie di problemi economici e i rapporti diplomatici tesi con i vicini azeri e i turchi contribuirono a rendere il quadro complicato. Nei primi anni '90 il blocco imposto dagli stati viciniori in risposta alla guerra del Nagorno Karabakh privò il paese di energia elettrica e di risorse naturali quali petrolio e gas; in queste condizioni gli allenamenti della nazionale di calcio furono tutt'altro che una priorità. Un leggero miglioramento nei risultati si manifestò verso la fine del decennio. L'Armenia, che nel 1996 aveva battuto per 2-1 in amichevole il Paraguay, fece registrare dei lievi progressi nelle eliminatorie del campionato del mondo 1998, con l'arrivo del commissario tecnico Khoren Hovhannisyan, che coincise con l'ingresso in squadra di Éric Assadourian e Michel Der Zakarian, che militavano nel campionato francese. In quelle eliminatorie la compagine armena ottenne una vittoria, contro l'Albania, e cinque pareggi in dieci gare, chiudendo al quarto posto nel girone.

Il nuovo millennioModifica

La squadra conobbe poi una fase di declino. In vista delle eliminatorie del campionato d'Europa 2000 molti giocatori si rifiutarono di vestire la maglia della nazionale, che terminò la campagna di qualificazione al penultimo posto in classifica, con 8 sconfitte in 10 partite. Il selezionatore Sowren Barsēġyan, in carica dal settembre 1998 all'ottobre 1999, ottenne 3 vittorie in 13 partite, tutte nel 1998.

Nei successivi quattro anni, dal 2000 al 2004, si successero alla guida della nazionale armena cinque allenatori, l'ultimo dei quali, il rumeno Mihai Stoichiță (in carica tra il 2003 e il 2004), riuscì a ottenere 4 vittorie in 10 partite.

 
Armenia-Portogallo 1-1 dell'agosto 2007

Dall'agosto 2004 la nazionale fu guidata dall'allenatore francese Bernard Casoni, esonerato nell'aprile 2005, dopo 8 partite, per gli scarsi risultati (6 sconfitte). Stessa sorte toccò all'olandese Henk Wisman, che subì 6 sconfitte nelle 8 partite di gestione tra il 2005 e il 2006.

Nel 2006 giunse sulla panchina armena lo scozzese Ian Porterfield, che rivitalizzò in parte la squadra, ottenendo una vittoria per 2-1 contro il Kazakistan il 2 giugno 2007, una vittoria 1-0 contro la Polonia quattro giorni più tardi e un pareggio per 1-1 contro il Portogallo nell'agosto 2007. Porterfield morì l'11 settembre 2007 e il suo posto fu preso dal suo vice, Tom Jones, in via temporanea, insieme a Vardan Minasyan. I risultati della compagine armena sotto la sua gestione furono deludenti: alla vittoria contro Malta, seguirono il pareggio contro la Serbia e una serie di sconfitte, quella per 3-0 contro il Belgio del 17 ottobre 2007 e quelle per 1-0 contro il Portogallo e il Kazakistan del novembre seguente.

Il sorteggio delle qualificazioni al campionato d'Europa 2008, tenutosi nel 2007, mise nello stesso girone Armenia e Azerbaigian, paesi tra cui le relazioni erano turbolente a causa della guerra del Nagorno-Karabakh. Le due nazionali non si accordarono sulle modalità di svolgimento delle partite tra di loro, quindi per decisione della UEFA giocarono solo 12 partite delle 14 previste nel girone. L'Armenia chiuse al penultimo posto, davanti agli azeri.

Nel 2008 fu il danese Jan Børge Poulsen a subentrare sulla panchina dell'Armenia. Malgrado un inizio incoraggiante, dall'avvio delle qualificazioni al campionato del mondo 2010 la squadra non ottenne più una vittoria. Il sorteggio del girone di qualificazione mise nel medesimo raggruppamento Armenia e Turchia. I rapporti tra i due paesi, molto freddi dal 1994, si distesero, tanto che il 6 settembre 2008, su invito del presidente armeno Serž Sargsyan, il suo omologo turco, Abdullah Gül, assistette alla partita tra le due squadre allo stadio di Erevan[3].

L'era Minasyan (2009-2013)Modifica

Il 1º aprile 2009, dopo il pareggio casalingo contro l'Estonia nel girone di qualificazione a Sudafrica 2010, Jan Poulsen fu esonerato, con la squadra all'ultimo posto del girone 5 con un bilancio di quattro sconfitte e un pareggio[4]. Due settimane più tardi fu nominato CT Vardan Minasyan, con il compito di allenare la squadra per il resto della campagna di qualificazione[5]. Il nuovo tecnico esordì con una sconfitta (1-0) sul campo degli estoni.

Il 9 settembre 2009 la nazionale conseguì una vittoria di un certo rilievo nelle qualificazioni ai campionatl mondiale del 2010, battendo per 2-1 in casa il Belgio.

Circa un anno dopo, l'8 ottobre 2010, batté per 3-2 la Slovacchia in un match valido per le qualificazioni al campionato d'Europa 2012. Conseguì poi la seconda vittoria di fila battendo Andorra e raggiunse la sessantesima posizione della classifica mondiale della FIFA, sino ad allora il miglior piazzamento nella storia della nazionale nella graduatoria, migliorato il mese seguente salendo al 59º posto[6].

 
Il portiere armeno Ṙoman Berezovski nell'amichevole contro l'Algeria del 31 maggio 2014

Il 26 marzo 2011 l'Armenia ottenne un pari casalingo senza reti contro la Russia che la proiettò al quarto posto nel girone, a due punti dalle tre capoliste[7]. Il 6 settembre 2011, quattro giorni dopo aver sconfitto Andorra in trasferta, si impose con un clamoroso 0-4 a Žilina in casa degli slovacchi. Grazie alle due vittorie consecutive l'Armenia si issò al terzo posto del girone, a due punti dalla Russia capolista[8]. Un mese più tardi la squadra caucasica si apprestò ad affrontare due match che avrebbero potuto sancire la sua qualificazione agli spareggi per l'europeo di Polonia e Ucraina. Il 7 ottobre sconfisse per 4-1 la Macedonia del Nord, il 12 ottobre si presentò sul campo dell'Irlanda, diretta rivale per l'accesso ai play-off, con la necessità di vincere per sperare nella qualificazione agli spareggi. La partita terminò con il risultato di 2-1 in favore degli irlandesi, con gli armeni penalizzati anche da una discutibile espulsione comminata al portiere Ṙoman Berezovski[9]. Nonostante la delusione finale, si trattò di una delle migliori campagne di qualificazione nella storia della nazionale armena. In tale girone la squadra allenata da Minasyan si rivelò la vera sorpresa, arrivando a contendere l'accesso ai play-off all'Irlanda, realizzando 22 gol e aggiudicandosi il terzo posto finale nel raggruppamento, miglior risultato dell'Armenia in una fase di qualificazione a un torneo internazionale.

L'Armenia fu poi impegnata, nel febbraio 2012, in un torneo amichevole contro Serbia e Canada. Perse il primo match contro la Serbia (2-0), poi vinse contro il Canada (3-1). Nel settembre seguente iniziarono le eliminatorie UEFA del campionato del mondo 2014. Nel girone l'Armenia trovò Italia, Danimarca, Rep. Ceca, Bulgaria e Malta, compagine contro cui cominciò le qualificazioni vincendo in trasferta. Il 5 febbraio 2013 ottenne un pari contro il Lussemburgo (1-1) a Valence, città francese dove risiede una folta comunità armena. L'11 giugno 2013 la nazionale armena ottenne una storica vittoria esterna imponendosi per 4-0 contro la Danimarca al Parken Stadium di Copenaghen. La gara era valida per le qualificazioni al mondiale di Brasile 2014, nelle quali la squadra caucasica confermò in parte i progressi mostrati negli anni precedenti, chiudendo al quarto posto (pari punti con la Bulgaria) nel raggruppamento grazie anche alle vittorie ottenute contro le ben più quotate Repubblica Ceca e Bulgaria, mentre nell'ultima partita del girone, contro l'Italia al San Paolo di Napoli, ottenne un prestigioso pari (2-2) dopo essere stata per due volte in vantaggio.

Terminate le qualificazioni, Vardan Minasyan rifiutò il prolungamento del contratto offertogli dalla federazione e lasciò la nazionale armena[10][11].

Continui cambi tecniciModifica

Il 28 febbraio 2014 arrivò sulla panchina della nazionale lo svizzero Bernard Challandes, la cui gestione terminò il 30 marzo 2015 dopo la sconfitta esterna per 2-1 contro l'Albania nelle eliminatorie del campionato d'Europa 2016. Lo rimpiazzò il primatista di presenze in nazionale, l'ex calciatore Sargis Hovsepyan, nominato CT il 28 aprile 2015. Le qualificazioni all'europeo si conclusero con solo 2 punti conquistati e l'ultimo posto del girone. Il 10 dicembre 2015 sulla panchina armena subentrò quindi Varuzhan Sukiasyan[12], che guidò l'Armenia in sette partite, ma si dimise a causa del negativo inizio nelle eliminatorie del campionato del mondo 2018 (tre sconfitte consecutive nel gruppo E)[13][14]. Il 26 ottobre 2016 fu nominato CT Art'owr Petrosyan[15], rimasto in carica fino al 6 aprile 2018, quando si dimise dopo aver concluso le qualificazioni a Russia 2018 al quinto e penultimo posto nel girone.[16][17]

La successiva gestione del rientrante Vardan Minasyan, nominato CT il 10 aprile 2018[18], durò pochi mesi. A settembre l'Armenia esordì nel girone di Lega D della UEFA Nations League 2018-2019 battendo in casa il Liechtenstein (2-1), prima di perdere in casa della Macedonia del Nord (2-0). Minasyan rassegnò le proprie dimissioni il 21 settembre[19][20]. Il 7 ottobre 2018 arrivò sulla panchina armena il CT Armen Gyowlbowdaġyanc'[21], che esordì con una clamorosa sconfitta in casa contro Gibilterra (0-1) nella terza giornata di Nations League. Gli armeni chiusero poi il girone al secondo posto dietro la Macedonia del Nord.

Nel novembre 2019 fu nominato CT Abraham Khashmanyan, con cui l'Armenia concluse le qualificazioni al campionato d'Europa 2020 al quinto e penultimo posto nel proprio girone, davanti al solo Liechtenstein. Nell'ultimo incontro delle eliminatorie, a Palermo contro l'Italia, la squadra subì la sconfitta più larga della propria storia (9-1).

Nel marzo 2020 la nazionale armena fu affidata al CT spagnolo Joaquín Caparrós. Nella Lega C della UEFA Nations League 2020-2021, l'Armenia fu sorteggiata nel girone con Macedonia del Nord, Georgia ed Estonia. Dopo aver ottenuto una vittoria e due pareggi e subito una sconfitta in quattro partite, la squadra parve destinata a cedere alle avversarie la vetta della classifica, avendo anche perso la possibilità di giocare in casa (seppure a porte chiuse a causa della pandemia di COVID-19) le successive sfide per decisione dell'UEFA, per via della preoccupante situazione di insicurezza nel Nagorno Karabakh.[22] Negli ultimi due incontri, pur priva della sua stella Henrix Mxit'aryan, l'Armenia riuscì, tuttavia, a battere per 2-1 i georgiani a Tbilisi e per 1-0, a Nicosia, la Macedonia del Nord, che qualche giorno prima aveva conseguito la qualificazione al campionato d'Europa 2020 a scapito proprio della Georgia. Il risultato consentì agli armeni di vincere il girone ed essere promossi nella Lega B di Nations League, oltre che di concorrere per un posto al campionato del mondo 2022 tramite i play-off.

Il buon momento dell'Armenia proseguì nel marzo 2021, quando, all'esordio nel girone di qualificazione al campionato del mondo 2022, la squadra di Caparrós ottenne tre vittorie consecutive, contro Liechtenstein, Islanda e Romania, portandosi in testa al proprio girone.[23] A settembre, nelle successive tre partite, arrivarono, tuttavia, solo due punti.

Colori e simboliModifica

Dalla fondazione la nazionale armena gioca in tenuta rossa, calzoncini blu e calzettoni arancio. Questa combinazione rispecchia proprio la bandiera dell'Armenia, un tricolore orizzontale con lo stesso cromatismo, nello stesso ordine.

In trasferta usa una divisa bianca o azzurra a seconda degli anni.

Commissari tecniciModifica

 
Vardan Minasyan, CT dell'Armenia dal 2009 al 2014 e per un breve periodo nel 2018.
 
Joaquín Caparrós, CT dell'Armenia dal 2020.

Dati aggiornati all'8 settembre 2021.

Allenatore Periodo G V N P RF RS % V
  Ēdoward Margarov 1992-1994 6 1 2 3 1 5 16.67
  Samvel Darbinyan 1995-1996 9 1 1 7 5 21 11.11
  Xoren Hovhannisyan 1996-1997 16 2 5 9 10 41 12.5
  Sowren Barsēġyan 1998-1999 14 4 2 8 11 19 28.57
  Varowžan Sowk'iasyan 2000-2001 17 3 7 7 17 27 17.65
  Andranik Adamyan (ad interim) 2002 1 1 0 0 2 0 100
  Óscar López 2002 2 0 1 1 2 4 0
  Andranik Adamyan (ad interim) 2003 1 0 0 1 0 2 0
  Mihai Stoichiță 2003-2004 10 4 1 5 11 17 40
  Bernard Casoni 2004-2005 8 1 1 6 5 18 12.5
  Henk Wisman 2005-2006 8 1 1 6 5 14 12.5
  Ian Porterfield 2006-2007 10 2 4 4 5 9 20
  Vardan Minasyan (ad interim)
  Tom Jones (ad interim)
2007 6 1 1 4 2 8 16.67
  Jan Poulsen 2008-2009 12 3 4 5 9 19 25
  Vardan Minasyan 2009-2014 39 14 4 21 56 58 35.9
  Bernard Challandes 2014-2015 9 1 1 7 9 23 11.11
  Sargis Hovsepyan (ad interim) 2015 4 0 1 3 2 9 0
  Varowžan Sowk'iasyan 2015-2016 7 2 1 4 12 12 28.57
  Art'owr Petrosyan 2016-2018 10 5 1 4 21 21 50
  Vardan Minasyan 2018 4 1 2 1 3 4 25
  Armen Gyowlbowdaġyanc' 2018-2019 12 5 2 5 25 20 41.67
  Abraham Khashmanyan 2019-2020 2 0 0 2 1 10 0
  Joaquín Caparrós 2020- 14 6 5 3 18 20 66.67

Rosa attualeModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Calciatori della Nazionale armena.

Lista dei giocatori convocati per le sfide amichevoli contro Croazia e Svezia del 1 e 5 giugno 2021.

Presenze e reti aggiornate al 5 giugno 2021, al termine della sfida contro la Svezia.

N. Pos. Giocatore Data nascita (età) Pres. Reti Squadra
P David Yurchenko 27 marzo 1986 (35 anni) 10 0   Alashkert
P Grigor Meliksetyan 18 agosto 1986 (35 anni) 4 0   Gandzasar
P Arman Nersesyan 19 ottobre 2001 (19 anni) 0 0   BKMA Erevan
D Kamo Hovhannisyan 5 ottobre 1992 (28 anni) 59 1   Kairat
D Varazdat Haroyan 24 agosto 1992 (29 anni) 58 3   Astana
D Taron Voskanyan 22 febbraio 1993 (28 anni) 34 0   Alashkert
D André Calisir 13 giugno 1990 (31 anni) 17 0   Silkeborg
D Jordy Monroy 3 gennaio 1996 (25 anni) 4 0   Noah
D Hakob Hakobyan 29 marzo 1997 (24 anni) 3 0   Urartu
D David Terteryan 17 dicembre 1997 (23 anni) 1 0   Ararat
D Albert Khachumyan 23 giugno 1999 (22 anni) 1 0   Ararat
C Gevorg Ghazaryan 5 aprile 1988 (33 anni) 73 14   P.A.S. Lamia
C Tigran Barseghyan 22 settembre 1993 (27 anni) 39 8   Astana
C Artak Grigoryan 19 ottobre 1987 (33 anni) 35 1   Alashkert
C Edgar Babayan 28 ottobre 1995 (25 anni) 13 1   Riga
C Karen Muradyan 1º novembre 1992 (28 anni) 10 0   Ararat
C Khoren Bayramyan 7 gennaio 1992 (29 anni) 8 2   Rostov
C Wbeymar 6 marzo 1992 (29 anni) 7 2   Ararat
C Vahan Bichakhchyan 9 luglio 1999 (22 anni) 7 1   Žilina
C Eduard Spertsyan 7 giugno 2000 (21 anni) 3 1   Krasnodar
C Žirayr Šaġoyan 10 aprile 2001 (20 anni) 3 0   BKMA Erevan
C David Davidyan 14 dicembre 1997 (23 anni) 0 0   Alashkert
A Sargis Adamyan 23 maggio 1993 (28 anni) 25 2   1899 Hoffenheim
A Artur Miranyan 5 dicembre 1997 (23 anni) 3 0   Urartu
A Karen Melkonyan 25 marzo 1999 (22 anni) 1 0   Urartu

Record individualiModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Calciatori della nazionale armena.

Dati aggiornati all'8 settembre 2021.
I calciatori in grassetto sono ancora attivi in nazionale.

Record presenze
Pos. Giocatore Presenze Reti Periodo
1 Sargis Hovespyan 132 2 1992-2012
2 Roman Berezovski 94 0 1996-2015
3 Henrik Mkhitarayan 91 31 2007-
4 Robert Arzumanyan 74 5 2005-2015
5 Gevorg Ghazaryan 73 14 2007-
6 Artur Petrosyan 69 11 1992-2004
7 Marcos Pizzelli 66 11 2008-2019
8 Kamo Hovhannisyan 62 1 2012-
Harutyun Vardanyan 62 1 1994-2004
10 Varazdat Haroyan 60 3 2011-
Record reti
Pos. Giocatore Reti Presenze Periodo
1 Henrik Mkhitarayan 31 91 2007-
2 Yura Movsisyan 14 38 2010-2018
Gevorg Ghazaryan 73 2007-
4 Artur Petrosyan 11 69 1992-2004
Marcos Pizzelli 66 2008-2019
6 Edgar Manucharyan 9 53 2004-2017
7 Tigran Barseghyan 8 42 2016-
8 Ara Hakobyan 7 42 1998-2008
9 Aleksandre Karapetian 6 23 2014-
Artur Sarkisov 40 2011-
Aras Özbiliz 41 2012-
Armen Shahgeldyan 53 1992-2017

Partecipazioni ai tornei internazionaliModifica

Fino al 1991 l'Armenia non aveva una propria nazionale in quanto lo stato armeno era inglobato nell'Unione Sovietica. Esisteva, quindi, un'unica nazionale che rappresentava tutta l'Unione Sovietica. Dopo la dissoluzione dell'Unione Sovietica venne creata la Nazionale di calcio della Comunità degli Stati Indipendenti che rappresentava l'omonima confederazione di cui l'Armenia fa parte tuttora. Tale nazionale, però, partecipò solo al Campionato europeo di calcio 1992, dopodiché ogni nazione che aderiva alla CSI creò la propria nazionale.

Campionato del mondo
Edizione Risultato
1998 Non qualificata
2002 Non qualificata
2006 Non qualificata
2010 Non qualificata
2014 Non qualificata
2018 Non qualificata
Campionato europeo
Edizione Risultato
1996 Non qualificata
2000 Non qualificata
2004 Non qualificata
2008 Non qualificata
2012 Non qualificata
2016 Non qualificata
Giochi olimpici[24]
Edizione Risultato
Confederations Cup
Edizione Risultato
1995 Non invitata
1997 Non qualificata
1999 Non qualificata
2001 Non qualificata
2003 Non qualificata
2005 Non qualificata
2009 Non qualificata
2013 Non qualificata
2017 Non qualificata


Legenda: Grassetto: Risultato migliore, Corsivo: Mancate partecipazioni


Statistiche dettagliate sui tornei internazionaliModifica

Nations LeagueModifica

Anno Luogo Piazzamento V N P Gol
2018-2019   Portogallo 2° in Lega D [25] 3 1 2 14:8
2020-2021   Italia 1° in Lega C[26] 3 2 1 9:6

Confronto con le altre nazionaliModifica

Chiave
Bilancio positivo (più vittorie)
Bilancio neutro (stesso numero di vittorie e sconfitte)
Bilancio negativo (più sconfitte)
Aggiornata al 19 novembre 2018[27].
  • I pareggi includono le partite decise ai tiri di rigore
  • Le nazionali in corsivo sono scomparse
Squadra Giocate Vinte Nulle Perse Reti fatte Reti subite Differenza reti
  Albania 5 1 1 3 5 8 -3
  Algeria 1 0 0 1 1 3 −2
  Andorra 8 7 1 0 20 2 +18
  Bielorussia 7 2 2 3 9 9 0
  Bosnia ed Erzegovina 2 0 0 2 1 6 -5
  Bulgaria 2 1 0 1 2 2 0
  Canada 1 1 0 0 3 1 +2
  Cile 1 0 0 1 0 7 -7
  Cipro 6 1 1 4 6 12 -6
  Danimarca 8 1 1 6 7 13 -6
  Ecuador 1 0 0 1 0 3 -3
  El Salvador 1 1 0 0 4 0 +4
  Emirati Arabi Uniti 1 1 0 0 4 3 +1
  Estonia 5 1 2 2 4 6 -2
  Finlandia 4 0 1 3 1 6 -5
  Francia 5 0 0 5 2 14 -12
  Galles 2 0 2 0 2 2 0
  Georgia 5 1 1 3 4 11 -7
  Germania 3 0 0 3 2 15 -13
  Gibilterra 1 1 0 1 6 3 +3
  Giordania 1 0 1 0 0 0 0
  Grecia 4 0 1 3 0 4 -4
  Guatemala 2 1 1 0 8 2 +6
  Iran 1 0 0 1 1 3 -2
  Irlanda 2 0 0 2 1 3 -2
  Irlanda del Nord 4 2 2 0 3 1 +2
  Islanda 3 1 1 2 2 4 -2
  Israele 1 0 0 1 0 2 -2
  Italia 2 0 1 3 4 17 -13
  Kazakistan 7 4 2 1 12 6 +6
  Kuwait 1 0 0 1 1 3 -2
  Lettonia 2 0 1 1 0 2 -2
  Libano 1 1 0 0 1 0 +1
  Liechtenstein 2 1 1 0 4 3 +1
  Lituania 4 2 0 2 6 7 -1
  Lussemburgo 1 0 1 0 1 1 0
  Macedonia del Nord 8 3 2 3 15 13 +2
  Malta 6 4 1 1 5 2 +3
  Marocco 1 0 0 1 0 6 -6
  Moldavia 5 1 3 1 5 7 -2
  Montenegro 2 1 0 1 4 6 -2
  Norvegia 2 0 1 1 1 4 -3
  Paesi Bassi 2 0 0 2 0 3 -3
  Panama 1 0 1 0 1 1 0
  Paraguay 2 1 0 1 2 3 -1
  Perù 1 0 0 1 0 4 -4
  Polonia 7 1 1 5 4 15 -11
  Portogallo 6 0 2 4 4 9 -5
  Rep. Ceca 5 1 0 4 3 14 -11
  Romania 5 1 1 4 4 14 -11
  Russia 5 0 1 4 1 10 -9
  Saint Kitts e Nevis 1 1 0 0 5 0 +5
  Serbia 5 0 2 3 1 8 -7
  Slovacchia 2 2 0 0 7 1 +6
  Stati Uniti 1 0 0 1 0 1 -1
  Turchia 2 0 0 2 0 4 -4
  Turkmenistan 1 1 0 0 1 0 -4
  Ucraina 8 0 3 5 8 17 -9
  Ungheria 1 0 0 1 0 2 -2
  Uzbekistan 2 2 0 0 5 1 +4
Totale 201 49 42 110 200 342 -142

NoteModifica

  1. ^ L'acronimo della federazione è FFA in inglese, mentre l'acronimo in armeno è HFF.
  2. ^ a b (EN) Men's Ranking, su fifa.com.
  3. ^ Gaïané Movsesian, «Le courant passe entre Ankara et Erevan» in le Courrier international, 19 settembre 2008, cfr. Courrier International.
  4. ^ (FR) Le sélectionneur danois Jan Poulsen évincé, su fr.fifa.com, FIFA, 31 marzo 2009.
  5. ^ Krikor Amirzayan, «Vartan Minassian, nommé sélectionneur national de l’équipe d’Arménie» in Les Nouvelles d'Arménie, 12 aprile 2009, cfr. Armennews Archiviato il 3 marzo 2016 in Internet Archive..
  6. ^ (EN) FIFA Ranking: November 2010 final preview, su football-rankings.info.
  7. ^ (EN) Armenia-Russia UEFA EURO 2012 qualifier ends in draw, U1+, 27 marzo 2011.
  8. ^ (FR) Rastislav Hribik, L'Arménie se relance face à la Slovaquie, su fr.uefa.com, UEFA, 6 settembre 2011..
  9. ^ L'Irlanda domina. Il Trap va ai play off, La Gazzetta dello Sport, 12 ottobre 2011.
  10. ^ Minasyan lascia la panchina armena, UEFA, 22 ottobre 2013.
  11. ^ (FR) Minasyan quitte le banc de l'Arménie, UEFA, 22 ottobre 2013.
  12. ^ (EN) Siranush Ghazanchyan, Varuzhan Sukiasyan appointed head coach of the Armenian national team, armradio.am, 10 dicembre 2015.
  13. ^ (EN) Varuzhan Sukiasyan resigns as Armenia football team coach, sport.mediamax.am.
  14. ^ (EN) Armenia coach Sukiasyan resigns after poor start, 14 ottobre 2016.
  15. ^ (EN) Arthur Petrosyan Named New Head Coach of Armenian National Team, massispost.com, 19 ottobre 2016.
  16. ^ (EN) Arthur Petrosyan resigns as head coach of Armenian national, ARKA News Agency, 6 aprile 2018.
  17. ^ (EN) Siranush Ghazanchyan, Artur Petrosyan quits as Armenia head coach, armradio.am, 6 aprile 2018.
  18. ^ (EN) Vardan Minasyan re-appointed head coach of Armenian National Football Team after 4 years, armenpress.am, 10 aprile 2018.
  19. ^ (EN) Siranush Ghazanchyan, Vardan Minasyan quits as Armenia head coach, armradio.am, 21 settembre 2018.
  20. ^ (EN) Vardan Minasyan steps down as head coach of Armenia national football team, 128hours, 22 settembre 2018.
  21. ^ (EN) Armenian national football team appoints new head coach, tert.arm, 8 ottobre 2018.
  22. ^ Sospensione temporanea delle partite UEFA in Armenia e Azerbaigian, UEFA, 20 ottobre 2020.
  23. ^ Qualificazioni Mondiali Qatar 2022, premier Armenia: “Vittorie dedicate a soldati morti”, sportface.it, 31 marzo 2021.
  24. ^ Come da regolamento FIFA vengono considerate le sole edizioni comprese tra il 1908 ed il 1948 in quanto sono le uniche ad essere state disputate dalle Nazionali maggiori. Per maggiori informazioni si invita a visionare questa pagina.
  25. ^ Promossa in Lega C
  26. ^ Promosso in Lega B
  27. ^ (EN) eu-football.info, https://eu-football.info/_summary.php?id=9. URL consultato il 7 gennaio 2019.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio