Apri il menu principale

Panathīnaïkos Athlītikos Omilos

società polisportiva greca
Panathīnaïkos A.O.
Calcio Football pictogram.svg
PAO Emblem.png
Pana; prasinoi (verdi); trifylli (trifoglio)
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Terza divisa
Colori sociali Verde con trifoglio Verde su cerchio Bianco.png Verde, bianco
Simboli Trifoglio
Dati societari
Città Atene
Nazione Grecia Grecia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Greece.svg HFF
Campionato Souper Ligka Ellada
Fondazione 1908
Presidente Grecia Dimitris Giannakopoulos
Allenatore Grecia Giōrgos Dōnīs
Stadio Stadio olimpico Spyros Louīs
(16.003 posti)
Sito web www.pao.gr
Palmarès
10 campionati greci10 campionati greci
Titoli di Grecia 20
Trofei nazionali 18 Coppe di Grecia
3 Supercoppe di Grecia
Trofei internazionali 1 Coppa dei Balcani
Soccerball current event.svg Stagione in corso
Si invita a seguire il modello di voce

Il Panathīnaïkos Athlītikos Omilos (in greco: Παναθηναϊκός Αθλητικός Όμιλος, Club Atletico di Tutti gli Ateniesi), noto più semplicemente come Panathinaikos, Pao o Pana, è una società polisportiva greca con sede ad Atene.

La squadra di calcio del Panathinaikos, la cui attività iniziò il 3 febbraio 1908, data di fondazione della polisportiva, gioca le partite interne allo Stadio olimpico Spyros Louīs e milita nella Souper Ligka Ellada, la massima serie del campionato greco di calcio fin dalla sua istituzione, avvenuta nel 1959. Insieme a Olympiakos e AEK Atene è una delle grandi di Grecia; nella sua storia ha conquistato 20 campionati nazionali e 18 Coppe di Grecia, mentre a livello internazionale il miglior risultato raggiunto dal club, il più prestigioso traguardo internazionale per una squadra di calcio ellenica, è la finale della Coppa dei Campioni 1970-1971, persa contro l'Ajax (questo non impedì comunque ai greci di partecipare alla Coppa Intercontinentale 1971 stante la rinuncia degli olandesi).

Per distinguersi dalle altre sezioni sportive il settore calcistico usa spesso presentarsi su testi anglofoni come Panathinaikos FC, sebbene l'originale ed ufficiale denominazione greca coincida con quella della polisportiva generale. Nomi particolari attengono invece agli altri sport, tra i quali quello della sezione cestistica, che è tra le principali realtà europee nella sua specialità.

StoriaModifica

Le originiModifica

 
Giōrgos Kalafatīs, il fondatore del club.

Il Panathīnaïkos venne fondato il 3 febbraio 1908 come P.O.A. - Podosferikos Omilos Athinon (Π.Ο.Α. - Ποδοσφαιρικός Όμιλος Αθηνών) da Giōrgos Kalafatīs, calciatore che aveva appena partecipato alle Olimpiadi del 1906 tenutesi proprio ad Atene[1], e da alcuni suoi atleti appena usciti dal loro vecchio club, il Panellinios G.S. per creare una nuova associazione dedicata interamente al calcio[2].

Kalafatīs prese in affitto come primo terreno di gioco e di allenamento un campo sulla strada Patission dopo aver raggiunto un accordo con l'Ethnikos G.S. Athens e il Panellinios G.S.: i due club sportivi beneficiari erano esitanti nell'istituire una sezione calcistica perché ritenevano questo uno sport dedicato alla classe lavoratrice[3]. La prima partita non ufficiale fu disputata nel settembre 1908 contro il Piraeikos, un'antenata dell'Olympiakos; questa si concluse con una vittoria per 9-0[3], ed attirò i primi tifosi. L'anno successivo venne invece istituito il primo torneo calcistico ufficiale greco, la Coppa S.E.G.A.S., che il Panathīnaïkos concluse subito al terzo posto.[3]

Alla fine del 1909 Kalafatīs ebbe alcune divergenze con il resto del vertice della società, e decise di ricostruire la squadra cambiando il nome della società in P.P.O. - Panellinios Podosferikos Omilos (in greco: Π.Π.Ο. - Πανελλήνιος Ποδοσφαιρικός Όμιλος, Club Calcistico Panellenico). Si assicurò inoltre un campo in piazza Amerikis[3], e venne presto raggiunto dalla dirigenza del vecchio club[2]. Nel 1912 Kalafatīs, finora allenatore-giocatore della squadra, chiamò in panchina John Cyril Campbell, che proveniva dall'università di Oxford[4]: per quanto i metodi di allenamento del tecnico fossero al di sotto dello standard inglese, essi furono considerati rivoluzionari in Grecia. Questo fu più chiaro quando abbandonò la squadra nel 1914: grazie anche all'apporto di giocatori come Michalis Papazoglou, Michalis Rokos, Loukas Panourgias e Apostolos Nikolaïdīs il club aveva infatti già una certa notorietà a livello nazionale.

Cambiamenti di nomeModifica

Un altro cambiamento di nome avvenne al termine del primo conflitto mondiale, quando mutò in P.P.A.O. - Panellinios Podosferikos ke Agonistikos Omilos (Πανελλήνιος Ποδοσφαιρικός και Αγωνιστικός Όμιλος, in italiano Club calcistico e sportivo panellenico) per sottolineare la giurisdizione di società polisportiva[5]. Nel 1919 il club adottò il verde come colore sociale e, su proposta di Papazoglou, il trifoglio come emblema[3][6] In quello stesso anno la squadra vinse il primo campionato greco disputato del dopoguerra, che venne organizzato dall'Unione Calcistica di Atene e del Pireo[7]. Anche a causa dell'acquisizione dello status di società polisportiva si dovette affrontare il problema dello stadio, che venne risolto nel 1923 con il trasferimento della squadra in un impianto situato nel distretto di Ampelokipoi che prese inizialmente il nome della strada su cui sorgeva, Leoforos Alexandras (Leoforos può essere tradotto come "viale")[8]. Questo coincise con un altro cambiamento nella denominazione del club, che assunse definitivamente il nome di P.A.O. - Panathīnaïkos Athlitikos Omilos (Π.Α.Ο. - Παναθηναϊκός Αθλητικός Όμιλος, in italiano Società sportiva pan-ateniese)[5].

Nel 1926 anche in Grecia venne fondata la federazione calcistica nazionale, che l'anno successivo organizzò il primo campionato greco di calcio in sostituzione della coppa S.E.G.A.S.; si trattava comunque di molti campionati locali con una successiva fase nazionale per le sole squadre "meritevoli". Durante gli anni trenta il Panathīnaïkos non ottenne risultati degni di nota, anche a causa di dissapori all'interno della dirigenza del club[4]; gli unici risultati di rilievo furono la conquista del titolo nella stagione 1929-1930 e quella della Coppa di Grecia 1939-1940 in seguito alla vittoria per 3-1 sull'Arīs Salonicco nella finale.

I successi del dopoguerraModifica

 
Dīmītrīs "Mimīs" Domazos, in squadra dal 1959 al 1978, detiene il record di presenze con la maglia del club.
Coppa dei Campioni 1970-1971

Il Panathīnaïkos vinse il secondo titolo nella stagione 1948-1949, e contemporaneamente arrivò anche alla finale della Coppa nazionale (dove venne però sconfitto dai concittadini dell'AEK Atene); vinse quindi il terzo nel 1952-1953 e un'altra Coppa nel 1954-1955. Il 1959 fu un anno emblematico: in Grecia nacque l'Alpha Ethniki, il primo campionato greco con un format uguale a quello dei maggiori tornei europei (un unico girone all'italiana con squadre da tutta la nazione), inoltre esordì in squadra il "Generale" Dīmītrīs "Mimīs" Domazos[9]. Il Panathīnaïkos vinse subito la prima edizione e si ripeté per altre sei volte fino al 1970, quando conquistò il decimo titolo; chiuse inoltre la stagione 1963-64 da imbattuto, ed ottenne anche un double nella stagione 1968-69 e un'altra Coppa.

Intanto in Europa era nata la Coppa dei Campioni. Sebbene il Panathīnaïkos avesse rappresentato la Grecia in più occasioni, raramente era riuscito a superare il primo turno, e comunque mai il secondo. Le cose cambiarono quando venne chiamato a sedersi in panchina Ferenc Puskás, che da giocatore aveva invece sollevato il trofeo in tre occasioni: infatti nell'edizione 1970-1971 della Coppa dei Campioni i greci superarono la Jeunesse Esch e lo Slovan Bratislava nei primi due turni, poi l'Everton nei quarti e la Stella Rossa in semifinale; il passaggio in quest'ultimo turno fu complicato dalla sconfitta per 4-1 subita a Belgrado, a cui venne posto rimedio con la vittoria per 3-0 di Atene. Il 2 giugno 1971 il club andò quindi a Wembley a giocare la finale, e qui trovò l'Ajax del calcio totale, che era guidato da Rinus Michels in panchina e da Johan Cruijff in campo. A vincere l'incontro furono però gli olandesi, per 2-0, che conquistarono il primo dei loro tre successi consecutivi, ma Antōnīs Antōniadīs si laureò capocannoniere della competizione. Inoltre, a causa della rinuncia dei campioni continentali, il Panathīnaïkos ebbe la possibilità di giocare contro il Nacional nella Coppa Intercontinentale 1971. La coppa non venne però conquistata: allo Stadio Geōrgios Karaiskakīs la prima gara finì 1-1, mentre nel ritorno in Uruguay i padroni di casa vinsero 2-1 (a segnare per gli ellenici fu in entrambe le occasioni Totīs Fylakourīs). Negli anni successivi il Panathīnaïkos continuò ad affermarsi in campo nazionale, vincendo un campionato nel 1971-1972 e centrando il double nel 1976-1977. Questo anche grazie anche ai gol di Antōniadīs, più volte miglior marcatore in campionato oltre che secondo nella Scarpa d'oro 1972 con 39 gol, solo uno in meno di Gerd Müller.

Nel 1979, con l'avvento del professionismo in Grecia, la squadra fu acquistata da Yiorgos Vardinogiannis[10], facente parte di una famiglia di imprenditori televisivi e petroliferi[2][4]. In quello stesso periodo la società istituì una sezione dedicata al calcio femminile, divenendo il primo club greco a farlo. Dopo un periodo di transizione il Panathīnaïkos attraversò un periodo di forma per il resto del decennio, centrando il double due volte (nel 1984 e 1986), vincendo un'altra Coppa e una Supercoppa. A livello internazionale offrì una buona prova nella Coppa dei Campioni 1984-1985, quando venne eliminato in semifinale dal Liverpool, mentre in questo periodo il club cominciò a trasferirsi nel nuovo Stadio olimpico, che in futuro si sarebbe spesso alternato col Leoforos.

Il Panathīnaïkos confermò il suo buon periodo anche nella prima metà del decennio successivo: ottenne il double altre due volte (nel 1991 e nel 1995), vinse inoltre il campionato nel 1990 e nel 1996, la coppa nazionale nel 1993 e nel 1994 e la Supercoppa nel 1993 e nel 1994. Sempre nel 1996 i greci raggiunsero le semifinali di Champions League, dove trovarono nuovamente l'Ajax: gli olandesi furono sconfitti in casa per 1-0, ma poi vinsero 3-0 ad Atene ed in seguito persero in finale di Roma contro la Juventus. Nel gennaio del 1998 il polacco Krzysztof Warzycha divenne il miglior goleador di sempre[11].

Il nuovo millennioModifica

 
Krzysztof Warzycha, in squadra dal 1999 al 2004, detiene il record di gol con la maglia del club.

Nell'estate del 2000 il presidente Vardinogiannis si dimise dopo ventun anni dall'incarico, favorendo alla successione il nipote Giannis[12], che cambiò strategia aziendale. Nei primi anni della sua gestione il Panathīnaïkos, che già veniva da alcuni anni senza successi, alternò prestazioni altalenanti in campionato a buone prove in campo internazionale: guidato in panchina da Sergio Markarián e trascinato da Michalīs Kōnstantinou raggiunse infatti, dopo aver superato due fasi a gironi, i quarti di finale della UEFA Champions League 2001-2002, dove venne eliminato dal Barcellona. Lo stesso traguardo venne raggiunto anche nella successiva edizione di Coppa UEFA, quando fu invece fermato dai futuri vincitori del Porto. In quella stessa stagione la squadra tornò in corsa per la vittoria finale del campionato, arrendendosi solo all'ultima giornata ai rivali dell'Olympiakos. In seguito la squadra fu rinnovata (arrivarono giocatori come Ezequiel González, Lucian Sânmărtean e Markus Münch) e, affidata al tecnico israeliano Itzhak Shum vinse, dopo otto anni di astinenza, il suo diciannovesimo titolo, e pure la Coppa.

Anni senza vittorie e cambio di dirigenzaModifica

Subito dopo abbandonarono la squadra sia l'allenatore che il portiere Antōnīs Nikopolidīs, ed in seguito furono seguiti anche da diversi artefici della vittoria del campionato, tra cui Aggelos Mpasinas e Konstantinou. Vennero invece ingaggiati tra gli altri Flávio Conceição ed Igor Bišćan ma la squadra, sulla cui panchina si sedettero Zdeněk Ščasný e Alberto Malesani, non riuscì a battere i rivali dell'Olympiakos e si classificò al secondo ed al terzo posto in campionato.

 
Henk Ten Cate, allenatore del Panathīnaïkos dal 2008 al 2009.

Nell'estate 2008 ci fu un cambio ai vertici dirigenziali, con Nikos Pateras che assunse l'incarico di presidente al posto di Vardinogiannis. La nuova dirigenza chiamò in panchina l'olandese Henk Ten Cate ed effettuò alcuni acquisti di peso, tra cui il terzino Gabriel e Gilberto Silva, proveniente dall'Arsenal. Il Panathīnaïkos, pur classificandosi nuovamente terzo in campionato si rese protagonista di un'altra una buona prestazione in Champions League: chiuso il raggruppamento al primo posto davanti all'Inter e al Werder Brema venne eliminato agli ottavi dal Villarreal.

Ritorno ai vertici (2009-2011), cambio di proprietà, crisi e risalitaModifica

Per la stagione 2009-2010 la squadra venne rafforzata in estate con una campagna acquisti imponente (35 milioni di euro investiti e arrivi di valore come Djibril Cissé, Kōstas Katsouranīs e Sebastián Leto) e, pur perdendo nel periodo natalizio l'allenatore Ten Cate, che venne sostituito da Nikos Nioplias, fu protagonista di una fuga in campionato. Questa si concluse con la conquista del suo ventesimo titolo nazionale, il primo dopo sei anni, al quale si aggiunse il trionfo contro l'Arīs Salonicco nella finale di Coppa. Nell'estate 2010 arrivarono Jean-Alain Boumsong, Sidney Govou, e Luis García oltre all'allenatore portoghese Jesualdo Ferreira, ma la squadra non riuscì a difendere il titolo, giungendo seconda, e terminò il girone di Champions League all'ultimo posto.

A causa di problemi finanziari e divergenze professionali il Panathīnaïkos cedette poi il capocannoniere Cissé alla Lazio e il portiere titolare Alexandros Tzorvas al Palermo, con lo scopo principale di ridurre il monte ingaggi. Arrivarono invece, Quincy Owusu-Abeyie, Toché, Vitolo e Zeca, mentre la presidenza passò a Dimitris Gontikas. La stagione iniziò male: la squadra non riuscì ad entrare nel tabellone principale delle due Coppe europee, mentre il secondo posto posto in campionato fu segnato dai gravi fatti[13] del derby con l'Olympiacos del 18 marzo 2012. La società passò poi a Ioannis Alafouzos, proprietario dell'emittente greca Skai, che rilevò il club a costo zero e chiese ai tifosi di contribuire con una sorta di azionariato popolare. Vennero raccolti poco meno di 3 milioni di euro grazie al contributo di 8.606 sostenitori (tra i quali gli ex calciatori del club Jean-Alain Boumsong, Sōtīrīs Ninīs, Gilberto Silva e Djibril Cissé), e il nuovo proprietario riuscì a rilevare la quota che apparteneva a Vardinogiannis e a costituire un board di 20 nuovi membri con a capo nuovamente Dimitris Gontikas. Giannis Vardinogiannis cedette ufficialmente il 54% del Panathīnaïkos alla Panathīnaïkos Alliance, e Giannis Alafouzos divenne presidente[14]. Le difficoltà finanziarie del club pregiudicarono però l'annata 2012-2013, che si concluse con un deludente sesto posto in campionato: nella stagione successiva il Panathīnaïkos restò così direttamente fuori dalle competizioni europee per la prima volta dopo sedici anni. In vista della stagione 2013-2014 i membri salirono a 9.305, e nel maggio 2013 la panchina fu affidata a Yannis Anastasiou, che seppe combinare giovani del vivaio con nuovi acquisti stranieri in cerca di riscatto. Malgrado le scarse aspettative la squadra si piazzò quarta in campionato nella regular season e seconda dopo i play-off, qualificandosi così per la Champions League, con Marcus Berg capocannoniere del torneo. Battendo per 4-1 il PAOK nella finale di Coppa di Grecia venne poi conquistato un nuovo trofeo dopo vari anni.

Storia recenteModifica

Il Panathīnaïkos non riuscì però ad accedere alla UEFA Champions League 2014-2015, e nemmeno alla successiva edizione della manifestazione. Il 2 novembre 2015 Anastasiou fu sollevato dall'incarico[15]; al suo posto fu ingaggiato Andrea Stramaccioni, che condusse la squadra al terzo posto in campionato. L'italiano terminò la sua esperienza il 1º dicembre 2016, con la squadra terza in campionato a sette punti dalla vetta della classifica[16]; gli subentrò Marinos Ouzounidīs, già calciatore della squadra negli anni '90, e la squadra confermò a fine stagione il terzo posto in Souper Ligka.

Dal punto di vista calcistico la stagione 2017-2018 fu probabilmente la peggiore nella storia del Panathīnaïkos: con il club attanagliato da problemi societari e debiti, la squadra, penalizzata di 8 punti anche a causa delle intemperanze dei propri tifosi, riuscì a salvarsi chiudendo il campionato al tredicesimo posto, il peggior piazzamento nella storia del club in massima divisione. Ouzounidis lasciò alla fine della stagione la guida tecnica[17], mentre alla fine di giugno 2018 la squadra passò sotto il controllo di Pairoj Piempongsant, uomo d'affari thailandese a capo di PAN ASIA Fund, che ne ha rilevato la proprietà da Giannis Alafouzos[18]. In panchina venne poi chiamato Giōrgos Dōnīs, che guidò i verdi all'ottavo posto nella Souper Ligka Ellada 2018-2019: il derby con l'Olympiakos venne sospeso[19] e la stagione si chiuse con un totale di 11 punti di penalizzazione.

CronistoriaModifica

Cronistoria del Panathīnaïkos Athlītikos Omilos

Vince la Coppa di Grecia (1º titolo).

Campionato non disputato o non terminato

Vince la Coppa di Grecia (2º titolo).
Finalista in Coppa di Grecia.
  • 1949-1950

Vince la Coppa di Grecia (3º titolo).
Finalista in Coppa di Grecia.

Eliminato nel primo turno della Coppa dei Campioni.
Eliminato nel turno preliminare della Coppa dei Campioni.
Eliminato nel turno preliminare della Coppa dei Campioni.
Eliminato nel secondo turno della Coppa dei Campioni.
Finalista in Coppa di Grecia.
Eliminato nel secondo turno della Coppa dei Campioni.
Vince la Coppa di Grecia (4º titolo).
Finalista in Coppa di Grecia.
Eliminato nel primo turno della Coppa delle Coppe.
Vince la Coppa di Grecia (5º titolo).
Eliminato nel primo turno della Coppa dei Campioni.

Finalista nella Coppa dei Campioni.
Finalista nella Coppa Intercontinentale.
Finalista in Coppa di Grecia.
Eliminato nel primo turno della Coppa dei Campioni.
Eliminato nel primo turno della Coppa UEFA.
Eliminato nel primo turno della Coppa UEFA.
Finalista in Coppa di Grecia.
Eliminato nel primo turno della Coppa delle Coppe.
Vince la Coppa di Grecia (6º titolo).
Eliminato nel secondo turno della Coppa dei Campioni.
Eliminato nel primo turno della Coppa UEFA.

Eliminato nel primo turno della Coppa UEFA.
Eliminato nel primo turno della Coppa UEFA.
Vince la Coppa di Grecia (7º titolo).
Eliminato nel primo turno della Coppa delle Coppe.
Vince la Coppa di Grecia (8º titolo).
Semifinalista nella Coppa dei Campioni.
Eliminato nel primo turno della Coppa UEFA.
Vince la Coppa di Grecia (9º titolo).
Eliminato nel primo turno della Coppa dei Campioni.
Eliminato nei quarti della Coppa UEFA.
Vince la Coppa di Grecia (10º titolo).
Eliminato nel secondo turno della Coppa delle Coppe.
Vince la Coppa di Grecia (11º titolo).
Eliminato nel secondo turno della Coppa delle Coppe.

Eliminato nel primo turno della Coppa dei Campioni.
Vince la Coppa di Grecia (12º titolo).
Eliminato nel terzo turno della Coppa dei Campioni.
Eliminato nel secondo turno della Coppa UEFA.
Vince la Coppa di Grecia (13º titolo).
Eliminato nel secondo turno della Coppa delle Coppe.
Vince la Coppa di Grecia (14º titolo).
Eliminato nel secondo turno della Coppa delle Coppe.
Vince la Coppa di Grecia (15º titolo).
Semifinalista in Champions League.
Eliminato nel turno di qualificazione della Champions League.
Eliminato nel primo turno della Coppa UEFA.
Finalista in Coppa di Grecia.
Finalista in Coppa di Grecia.
Eliminato nella fase a gironi della Champions League.
Finalista in Coppa di Grecia.
Eliminato nel terzo turno della Coppa UEFA.

Eliminato nella seconda fase a gironi della Champions League.
Eliminato nei quarti della Champions League.
Eliminato nei quarti della Coppa UEFA.
Eliminato nella prima fase a gironi della Champions League.
Eliminato nel terzo turno della Coppa UEFA.
Vince la Coppa di Grecia (16º titolo).
Eliminato nella fase a gironi della Champions League.
Eliminato nei sedicesimi della Coppa UEFA.
Eliminato nella fase a gironi della Champions League.
Eliminato nei sedicesimi della Coppa UEFA.
Finalista in Coppa di Grecia.
Eliminato nei sedicesimi della Coppa UEFA.
Eliminato negli ottavi della Champions League.
Eliminato negli spareggi della Champions League.
Eliminato negli ottavi dell'Europa League.
Vince la Coppa di Grecia (17º titolo).

Eliminato nella fase a gironi della Champions League.
Eliminato nel terzo turno preliminare della Champions League.
Eliminato negli spareggi dell'Europa League.
Eliminato negli spareggi della Champions League.
Eliminato nella fase a gironi dell'Europa League.
Vince la Coppa di Grecia (18º titolo).
Eliminato nel terzo turno preliminare della Champions League.
Eliminato nella fase a gironi dell'Europa League.
Eliminato nel terzo turno preliminare della Champions League.
Eliminato negli spareggi dell'Europa League.
Eliminato nella fase a gironi dell'Europa League.
Eliminato negli spareggi dell'Europa League.

Colori e simboliModifica

ColoriModifica

 
La maglia del centenario.

L'attuale simbolo e i colori della maglia furono adottati nel 1919, quando il giocatore Michalis Papazoglou[3][6] (proveniente dal quartiere Kadıköy di Istanbul) propose alla società di adottare come logo il trifoglio (Tριφύλλι - Trifylli), già adottato dalla squadra da dove il giocatore proveniva. I colori della divisa sono il bianco e il verde, anche se a volte il bianco non viene utilizzato nella divisa.

Nei primi anni dall'istituzione del verde come colore sociale, i giocatori indossavano magliette verdi, calzoncini bianchi e calzettoni verdi. Da allora l'uniforme ha cambiato diverse volte stile, ma il verde fu mantenuto come principale colore sociale.

Il 6 gennaio 2008, in occasione del centenario della fondazione del club, furono introdotte nuove uniformi, nonché un nuovo logo per celebrare la ricorrenza, un trifoglio stilizzato accompagnato da un numero 100[20]. Questo logo è stato disegnato da Nikos Karokis, un tifoso della squadra, che aveva vinto un concorso che consisteva nel disegnare un logo per celebrare il centesimo anniversario della fondazione[21].

1908
1924–25
1928–29
1929–30
1967-68
1968–69
1970–71
1984–85
1995–96
2004–05
2012–13
2013–14

StadioModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Stadio olimpico Spyros Louīs.

Dal 2018 il club gioca le sue partite interne nello Stadio olimpico Spyros Louīs. L'impianto, inaugurato nel 1982 e capace di contenere 69.618 spettatori, è stato il terreno di gioco del Panathīnaïkos in più periodi distinti: dal 1984 al 2000, dal 2005 al 2007 e dal 2008 al 2013[22]. Nella sua storia è stato inoltre teatro di vari eventi, tra i quali spiccano le Olimpiadi di Atene del 2004 (per ospitarle subì una profonda ristrutturazione e l'aggiunta di una copertura particolare progettata dal celebre architetto Santiago Calatrava), oltre a tre finali di Coppa dei Campioni-Champions League e ad una di Coppa delle Coppe.

Storicamente il club è però legato allo Stadio Apostolos Nikolaidis, detto anche Leoforos; aperto nel 1922 può ospitare 16.003 persone e si trova nel distretto di Ampelokipi, nel centro di Atene. Questo stadio venne rinnovato nel 2000 per adeguarlo agli standard UEFA (furono ridotti i posti da 25.000 a 16.620, rinnovati gli spogliatoi ed installata una copertura), ma fu abbandonato quattro anni dopo a causa di una nuova normativa che impose nuovi criteri. Nel tempo è stato utilizzato anche per le partite della nazionale greca, nonché degli altri due club cittadini, l'AEK Atene (che lo ha usato fino al 2004 per le partite interne di Champions League) e l'Olympiakos (solo per le amichevoli). Qui si sono cimentate diverse formazioni note a livello internazionale, come Real Madrid, Barcellona, Manchester Utd e Arsenal. Nel frattempo si è anche parlato di costruire un nuovo stadio, ma a causa della crisi economica della Grecia l'idea è stata accantonata; venne quindi deciso di ammodernare il Leoforos, eseguendo dei lavori terminati nel 2013.

Centro di allenamentoModifica

Dal 2013 il Panathīnaïkos svolge le sue sedute di allenamento al centro Georgios Kalafatis, che si trova a Koropi[23] ed è stato intitolato al fondatore del club.

SocietàModifica

Modifica

 
Sponsor ufficiali
 
Fornitori tecnici

Altre sezioni della societàModifica

La polisportiva del Panathīnaïkos, oltre alla nota sezione calcistica, gareggia in diverse competizioni e ha 21 club in diversi sport, tra cui:

PallacanestroModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Panathinaikos Basketball Club.

PallanuotoModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Panathinaikos Water Polo Club.

PallavoloModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Panathīnaïkos Athlītikos Omilos (pallavolo maschile).

Allenatori e presidentiModifica

  Le singole voci sono elencate nella Categoria:Allenatori del Panathīnaïkos A.O.

Di seguito è riportata la lista degli allenatori[24] che si sono succeduti alla guida del club nella sua storia.

 
Allenatori

Sono ora elencati i presidenti che si sono succeduti alla dirigenza del club.

 
Presidenti
  • 1908   Alexandros Kalafatis
  • 1908-1909   Marinos Marinakis
  • 1910   Euthymios Chrysis
  • 1911   Georgios Vratsanos
  • 1912   Ioannis Masvoulas
  • 1913   Georgios Gennimatas
  • 1914-1918   Georgios Tsochas
  • 1919   Christos Merisimitzakis
  • 1920   Nikolaos Kyriakidis
  • 1921   Georgios Chatzopoulos
  • 1922-1923   Panos Savvidis
  • 1924-1926   Pantelīs Karasevdas
  • 1927   Dimitrios Damaskinos
  • 1928-1930   Pantelīs Karasevdas
  • 1931-1933   Nikolaos Ksiros
  • 1934   Georgios Giannoulatos
  • 1935-1936   Georgios Tsochas
  • 1937-1939   Konstantinos Kotzias
  • 1940   Georgios Kozonis
  • 1941-1944   Evangelos Stamatis
  • 1945-1951   Konstantinos Kotzias
  • 1952-1961   Ioannis Moatsos
  • 1962-1966   Loukas Panourgias
  • 1967-1968   Matthaios Koumarianos
  • 1969   Georgios Asimakopoulos
  • 1970   Georgios Merikas
  • 1971   Dimitrios Chamosfakitis
  • 1971-1972   Michail Kitsios
  • 1973   Spyridon Anestis
  • 1974   Ioannis Oikonomopoulos
  • 1974-1979   Apostolos Nikolaïdīs
  • 1979   Jack Nikolaidis
  • 1979-2000   Yiorgos Vardinogiannis
  • 2000-2003   Angelos Filippidis
  • 2003-2008   Argyris Mitsou
  • 2008-2010   Nikolaos Pateras
  • 2010   Nikos Konstantopoulos
  • 2010   Nikolaos Pateras
  • 2010-2011   Ioannis Vekris
  • 2011-2012   Dimitris Gontikas
  • 2012-2017   Giannis Alafouzos
  • 2017-   Vasilīs Kōnstantinou

CalciatoriModifica

PalmarèsModifica

Competizioni nazionaliModifica

1929-1930, 1948-1949, 1952-1953, 1959-1960, 1960-1961, 1961-1962, 1963-1964, 1964-1965, 1968-1969, 1969-1970, 1971-1972, 1976-1977, 1983-1984, 1985-1986, 1989-1990, 1990-1991, 1994-1995, 1995-1996, 2003-2004, 2009-2010
1911
1939-1940, 1947-1948, 1954-1955, 1966-1967, 1968-1969, 1976-1977, 1981-1982, 1983-1984, 1985-1986, 1987-1988, 1988-1989, 1990-1991, 1992-1993, 1993-1994, 1994-1995, 2003-2004, 2009-2010, 2013-2014
1988, 1993, 1994

Trofei internazionaliModifica

1977

Altri piazzamentiModifica

Secondo posto: 1930-1931, 1931-1932, 1935-1936, 1953-1954, 1954-1955, 1956-1957, 1962-1963, 1965-1966, 1973-1974, 1981-1982, 1984-1985, 1986-1987, 1992-1993, 1993-1994, 1997-1998, 1999-2000, 2000-2001, 2002-2003, 2004-2005, 2007-2008, 2008-2009, 2010-2011, 2011-2012, 2013-2014
Terzo posto: 1936-1937, 1939-1940, 1955-1956, 1957-1958, 1966-1967, 1967-1968, 1970-1971, 1972-1973, 1977-1978, 1979-1980, 1988-1989, 1991-1992, 1998-1999, 2001-2002, 2005-2006, 2006-2007, 2007-2008, 2008-2009, 2015-2016, 2016-2017
Finalista: 1948-1949, 1959-1960, 1961-1962, 1964-1965, 1967-1968, 1971-1972, 1974-1975, 1996-1997, 1997-1998, 1998-1999, 2006-2007
Semifinalista: 1949-1950, 1950-1951, 1952-1953, 1955-1956, 1956-1957, 1957-1958, 1963-1964, 1973-1974, 1975-1976, 1984-1985, 1986-1987, 1989-1990, 2016-2017
Finalista: 1989, 1996
Finalista: 1970-1971
Semifinalista: 1984-1985, 1995-1996
Finalista: 1971


Statistiche e recordModifica

Partecipazione ai campionati e ai tornei internazionaliModifica

Campionati nazionaliModifica

Dalla stagione 1959-1960 alla 2019-2020 il club ha ottenuto le seguenti partecipazioni ai campionati nazionali:

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Alpha Ethniki / Souper Ligka Ellada 61 1959-1960 2019-2020 61

Tornei internazionaliModifica

Alla stagione 2019-2020 il club ha ottenuto le seguenti partecipazioni ai tornei internazionali[27]:

Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione
Coppa dei Campioni/UEFA Champions League 28 1960-1961 2015-2016
Coppa Intercontinentale 1 1971
Coppa delle Coppe 7 1967-1968 1994-1995
Coppa UEFA/UEFA Europa League 22 1973-1974 2017-2018

Statistiche individualiModifica

Il giocatore con più presenze nelle competizioni europee è Giōrgos Karagkounīs a quota 79, mentre il miglior marcatore è Krzysztof Warzycha con 25 gol[27].

Record di presenze
Record di reti

Statistiche di squadraModifica

A livello internazionale la miglior vittoria è per 6-0, ottenuta contro l'Extensiv Craiova nel primo turno della Coppa UEFA 1992-1993, mentre la peggior sconfitta è il 6-1 subito contro la Dinamo Bucarest nel secondo turno della Coppa delle Coppe 1989-1990[27].

Alcuni record: Aggiornata alla stagione 2010-2011

TifoseriaModifica

StoriaModifica

Tra i tifosi del Panathīnaïkos figura il gruppo Gate 13, fondato il 19 novembre 1966.

Gemellaggi e rivalitàModifica

I tifosi del Panathīnaïkos sono gemellati con quelli dell'Atlético Madrid e della Roma, mentre sentono una particolare rivalità con quelli dell'AEK Atene e del Olympiakos.

OrganicoModifica

 
I giocatori del Panathinaikos prima della partita contro l'Ipswich Town nel 2007.

Rosa 2019-2020Modifica

Aggiornata al 31 agosto 2019[28].

N. Ruolo Giocatore
1   P Sōkratīs Dioudīs
2   D Mattias Johansson
3   D Emanuel Insúa
4   D Dīmītrios Kolovetsios
5   D Bart Schenkeveld
6   C Fausto
7   C Dīmītrīs Kolovos
8   C Chrīstos Dōnīs
9   A Federico Macheda
10   C Ghayas Zahid
11   C Anastasios Chatzīgiovannīs
12   D Ilias Chatzitheodoridis
14   A Yohan Mollo
15   P Vasilis Xenopoulos
16   D Kostas Apostolakis
17   A Uffe Bech
N. Ruolo Giocatore  
18   C Giannis Bouzoukis
19   A Juan José Perea
20   A Nikos Vergos
21   C Dīmītrios Kourmpelīs (capitano)
22   C Theofanīs Tzandarīs
23   D Vangelis Theocharis
24   D Theofanīs Mauromatīs
27   P Kōnstantinos Kotsarīs
30   D João Nunes
44   D Achilleas Poungouras
71   P Nikos Christogeorgos
99   A Argyrīs Kampetsīs

Staff tecnicoModifica

Fonte: Technical Staff, pao.gr.

Staff dell'area tecnica

NoteModifica

  1. ^ (EN) The foundation of Panathīnaïkos, in pao.gr. URL consultato il 28 agosto 2019.
  2. ^ a b c (EL) Panathīnaïkos celebrates today (3/2) their 100th birthday![collegamento interrotto]. balla.gr.
  3. ^ a b c d e f (EL) Fondazione e trasformazione del Panathīnaïkos Archiviato l'8 aprile 2009 in Internet Archive.
  4. ^ a b c (EL) Christos Kyriazis, The "Golden Age" of PAO Archiviato il 21 aprile 2008 in Internet Archive.. Ethnosport (Pegasus Publishing S.A.).
  5. ^ a b (EL) Formazione e trasformazione del Panathīnaïkos Archiviato l'8 aprile 2009 in Internet Archive.
  6. ^ a b DO PANATHINAIKOS HAVE SECRET IRISH CONNECTIONS?, dal sito del quotidiano The Guardian
  7. ^ Storia ufficiale Archiviato il 13 aprile 2009 in Internet Archive. del Panathīnaïkos
  8. ^ (EL) Οι καλύτερες στιγμές μας... Archiviato il 5 ottobre 2009 in Internet Archive., dal sito athlitikh.gr Archiviato il 24 agosto 2008 in Internet Archive.
  9. ^ (EN) The "General" wears the shamrock, in pao.gr. URL consultato il 28 agosto 2019.
  10. ^ (EN) In the hands of Vardinoyiannis family, in pao.gr. URL consultato il 29 agosto 2019.
  11. ^ (EN) Warzycha is the first scorer, in pao.gr. URL consultato il 29 agosto 2019.
  12. ^ (EN) The changing of the guard, in pao.gr. URL consultato il 29 agosto 2019.
  13. ^ Atene, guerriglia allo stadio durante il derby: partita sospesa, Blitz Quotidiano, 19 marzo 2012
  14. ^ (EN) Time for a publicly owned company, in pao.gr. URL consultato il 30 agosto 2019.
  15. ^ PANATHINAIKOS ESONERATO ANASTASIOU, in sportmediaset.mediaset.it. URL consultato il 29 agosto 2019.
  16. ^ Divorzio Stramaccioni-Panathīnaïkos, in ansa.it. URL consultato il 29 agosto 2019.
  17. ^ Panathīnaïkos manager Ouzounidis resigns, with an asterisk | Sports | ekathimerini.com
  18. ^ https://neoskosmos.com/en/115073/ouzounidis-leaving-management-of-panathinaikos-or-is-he
  19. ^ (EN) Campionati in Europa: Grecia, Paok ok. Derby Pana-Olympiakos sospeso, in tuttomercatoweb.com. URL consultato il 31 agosto 2019.
  20. ^ Panathinaikos-Kalamaria 1-0, partita del centenario del Panathinaikos Archiviato il 12 gennaio 2009 in Internet Archive., dal sito ufficiale della squadra.
  21. ^ (EL) Δελτίο Τύπου Archiviato il 10 gennaio 2009 in Internet Archive., dal sito ufficiale del Panathinaikos.
  22. ^ (EN) HOME GROUND "Spiros Louis", in pao.gr. URL consultato il 25 agosto 2019.
  23. ^ (EN) TRAINING CENTER "G. KALAFATIS", in pao.gr. URL consultato il 25 agosto 2019.
  24. ^ Panathinaikos » Storia Allenatore, in calcio.com. URL consultato il 21 agosto 2019.
  25. ^ Greece - List of Champions
  26. ^ Supercup - Champions
  27. ^ a b c Panathinaikos FC, in www.uefa.com. URL consultato il 24 agosto 2019.
  28. ^ (EN) Squad, pao.gr. URL consultato il 1º luglio 2016.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN147991773 · LCCN (ENn2010058761 · GND (DE16009654-6 · WorldCat Identities (ENn2010-058761
  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio