Apri il menu principale

Takaaki Nakagami

pilota motociclistico giapponese
Takaaki Nakagami
-30 Takaaki Nakagami (1) (31156138111).jpg
Nakagami nel 2016 a Motegi
Nazionalità Giappone Giappone
Motociclismo IlmorX3-003.png
Carriera
Carriera nel Motomondiale
Esordio 2007 in classe 125
Miglior risultato finale
Gare disputate 173
Gare vinte 2
Podi 14
Punti ottenuti 808
Pole position 5
Giri veloci 1
 

Takaaki Nakagami (中上貴晶 Nakagami Takaaki?; Chiba, 9 febbraio 1992) è un pilota motociclistico giapponese.

CarrieraModifica

Inizia la propria carriera con le minimoto, passando in seguito a correre in diverse competizioni minori giapponesi e poi nel campionato nazionale,[1] vincendo il titolo nella classe 125 nel 2006.[2] Nel 2006 e nel 2007 è tra i piloti inclusi nella Red Bull MotoGP Academy, con cui prende parte al campionato spagnolo della classe 125, e nel secondo anno gli viene data la possibilità di esordire nel motomondiale con una wild card per partecipare al GP della Comunità Valenciana,[3] che ha disputato in sella ad una Honda senza portare a termine la gara. Nel 2008 corre a tempo pieno nel motomondiale in 125 con una Aprilia dell'I.C. Team, piazzandosi al 24º posto nella classifica finale. Nel 2009 viene confermato nella stessa squadra, in quell'anno nota come Ongetta Team I.S.P.A., disputando nuovamente la stagione completa e classificandosi in questo caso al 16º posto generale.

Nel 2010 fa ritorno in Giappone, correndo nella classe Supersport nazionale e aggiudicandosi la 8 Ore di Suzuka su Honda CBR1000RR insieme a Ryūichi Kiyonari e Takumi Takahashi,[4] mentre nel 2011 passa alla classe J-GP2, vincendo il campionato.[5] Sempre nel 2011 è iscritto in Moto2 al Gran Premio del Giappone al posto di Claudio Corti con la Suter MMXI del team Italtrans Racing, ma non riesce però a disputare la gara a causa di un infortunio.

Nel 2012 rientra nel motomondiale come pilota titolare, questa volta a bordo di una Kalex Moto2. Ottiene come miglior risultato un quinto posto al GP di Spagna e termina la stagione al 15º posto con 57 punti. Nel 2013 rimane nel team Italtrans Racing, realizzando il suo primo podio in carriera nel contesto del motomondiale al GP del Qatar, ottenendo nel seguito della stagione: quattro secondi posti (nei GP di Indianapolis, della Repubblica Ceca, di Gran Bretagna e di San Marino) e tre pole position (nei GP di Francia, Repubblica Ceca e Gran Bretagna), chiudendo la stagione all'8º posto con 149 punti. In questa stagione è costretto a saltare il Gran Premio d'Olanda per la frattura della clavicola sinistra rimediata nel warm up del GP.

Nel 2014 passa al team IDEMITSU Honda Asia, continuando a correre con una motocicletta della Kalex; il compagno di squadra è Azlan Shah. Ottiene come miglior risultato un decimo posto nel Gran Premio di San Marino e termina la stagione al 22º posto con 34 punti. Nel 2015 rimane nello stesso team. Ottiene un terzo posto nel Gran Premio di San Marino come miglior risultato. Chiude la stagione all'ottavo posto con 100 punti. Nel 2016 viene confermato nella stessa squadra, con compagno di squadra Ratthapark Wilairot. Ottiene un terzo posto al GP di Catalogna, in occasione della gara successiva, il Gran Premio d'Olanda, ottiene la sua prima vittoria nel motomondiale.[6] In Gran Bretagna e San Marino giunge terzo. Conclude la stagione al 6º posto con 169 punti.

Continua a correre con IDEMITSU Honda Team Asia anche nel 2017, con compagno di squadra Khairul Idham Pawi. Ottiene un terzo posto alla prima del motomondiale, in Qatar, e riesce a ripetere tale piazzamento in occasione del GP delle Americhe e in quello d'Olanda. In occasione del GP di Gran Bretagna arriva la prima vittoria dell'anno per il pilota giapponese (la seconda della sua carriera nel motomondiale).[7] In Giappone ottiene la pole position. Conclude la stagione al 7º posto con 137 punti.

Nel 2018 passa in MotoGP, alla guida della Honda RC213V del team LCR; il compagno di squadra è Cal Crutchlow. Ottiene come miglior risultato un sesto posto in Comunità Valenciana e termina la stagione al 20º posto con 33 punti.

Nel 2019 è nuovamente titolare in MotoGP, con lo stesso team della stagione precedente. Chiude la stagione anzitempo, dopo il Gran Premio del Giappone, per operarsi alla spalla destra a seguito di un trauma rimediato durante il campionato.

Risultati nel motomondialeModifica

2007 Classe Moto                                     Punti Pos.
125 Honda NE Rit 0
2008 Classe Moto                                     Punti Pos.
125 Aprilia 19 15 19 Rit 16 16 22 8 Rit 18 NE Rit 19 Rit 13 Rit Rit 16 12 24º
2009 Classe Moto                                   Punti Pos.
125 Aprilia 20 20 16 5 15 15 17 NE Rit 5 19 9 20 11 18 11 14 43 16º
2011 Classe Moto                                     Punti Pos.
Moto2 Suter NE NP 0
2012 Classe Moto                                     Punti Pos.
Moto2 Kalex 14 5 18 Rit 6 19 12 19 7 NE 16 17 11 29 7 Rit 9 Rit 57 15º
2013 Classe Moto                                     Punti Pos.
Moto2 Kalex 3 Rit 4 Rit Rit 5 NP 10 NE 2 2 2 2 11 8 22 9 13 149
2014 Classe Moto                                     Punti Pos.
Moto2 Kalex SQ 11 15 Rit 16 16 13 14 21 11 19 15 10 15 13 11 Rit 14 34 22º
2015 Classe Moto                                     Punti Pos.
Moto2 Kalex 14 10 20 17 7 13 20 13 7 9 12 14 3 8 22 4 4 11 100
2016 Classe Moto                                     Punti Pos.
Moto2 Kalex 14 9 15 7 5 9 3 1 11 7 Rit 3 3 5 4 5 21 6 169
2017 Classe Moto                                     Punti Pos.
Moto2 Kalex 3 Rit 3 21 7 Rit 10 3 10 24 6 1 10 8 6 Rit Rit 7 137
2018 Classe Moto                                       Punti Pos.
MotoGP Honda 17 13 14 12 15 18 Rit 19 Rit 17 15 AN 13 12 22 15 14 14 6 33 20º
2019 Classe Moto                                       Punti Pos.
MotoGP Honda 9 7 10 9 Rit 5 8 Rit 14 9 11 17 18 10 10 16 68
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Gara non valida Non qual./Non part. Ritirato/Non class. Squalificato "-" Dato non disp.
Fonte dei dati: motogp.com, racingmemo.free.fr, autosport.com, jumpingjack.nl, pilotegpmoto.com.

NoteModifica

  1. ^ (EN) Redazione Sito, Taka-Nakagami # 30 - Profile, taka-nakagami.com.
  2. ^ (EN) Moto Racing Japan, Classifica campionati giapponesi - stagione 2006, motoracing-japan.com.
  3. ^ Redazione Motogp, Nakagami al debutto in 125cc a Valencia, MotoGP.com, 26 ottobre 2007.
  4. ^ (EN) Moto Racing Japan, Classifica 8 ore di Suzuka - stagione 2010, motoracing-japan.com, 25 luglio 2010.
  5. ^ (EN) Moto Racing Japan, Classifica campionati giapponesi - stagione 2011, motoracing-japan.com.
  6. ^ Diana Tamantini, Moto2 Assen Gara La prima volta di Takaaki Nakagami, Morbido sul podio, corsedimoto.com, 26 giugno 2016.
  7. ^ Giovanni Zamagni, Moto2 Silverstone, sorride Nakagami; Pasini (2°) e Morbidelli a podio, gazzetta.it, 27 agosto 2017.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica