Apri il menu principale
Football Club Internazionale Milano
Stagione 2001-2002
AllenatoreArgentina Héctor Cúper
All. in secondaArgentina Mario Gómez
PresidenteItalia Massimo Moratti
Serie A3º posto (in Champions League)
Coppa UEFASemifinali
Coppa ItaliaOttavi di finale
Maggiori presenzeCampionato: Toldo, J.Zanetti (33)
Totale: J.Zanetti (44)
Miglior marcatoreCampionato: Vieri (22)
Totale: Vieri (25)
Abbonati43 496[1]
Maggior numero di spettatori79 188 vs. Juventus (9 marzo 2002)[1]
Minor numero di spettatori47 728 vs. Hellas Verona (19 dicembre 2001)[1]
Media spettatori62 434[1]¹
¹ considera le partite giocate in casa in campionato.
Dati aggiornati al 5 maggio 2002

Questa voce raccoglie le informazioni riguardanti il Football Club Internazionale Milano nelle competizioni ufficiali della stagione 2001-2002.

Indice

StagioneModifica

 
Il nuovo allenatore Héctor Cúper, che portò la squadra al terzo posto in campionato e in semifinale di Coppa UEFA.

Concluso il campionato 2000-01 con la qualificazione in Coppa UEFA, Héctor Cúper sostituì Marco Tardelli in panchina.[2] Il tecnico argentino, reduce da due finali di Champions League perse sulla panchina del Valencia[3][4], promise di riportare l'Inter al successo.[5][6] Rispetto alla stagione precedente, la rosa subì un profondo repulisti[7]: Frey e Ballotta vennero entrambi ceduti, così come Blanc, Pirlo e Mutu.[8][9] Il ruolo di portiere fu assegnato a Toldo[10], mentre giunsero anche il centrale difensivo Materazzi e l'ala Sérgio Conceição.[11][12] Per ovviare all'assenza di Ronaldo, ancora infortunato, in attacco venne preso il giovane Adriano.[13] Rientrarono, infine, dai prestiti anche le punte Ventola e Kallon.[14] In campionato, ad eccezione di un pareggio contro il Parma su un campo notoriamente difficile[15], la squadra riportò solo vittorie sino alla sosta di ottobre.[16][17][18] I nerazzurri non occupavano il primo posto dalla stagione 1999-00[19], che avrebbero poi terminato in quarta posizione.[20] Dopo un pareggio subìto nei minuti finali contro l'Udinese[21] (strappato dai friulani grazie ad un calcio di rigore, la cui assegnazione non mancò di suscitare polemiche[22]), la Beneamata perse il comando della classifica a causa della battuta d'arresto nel derby.[23] La vetta fu riconquistata agli inizi di dicembre[24], parallelamente alla qualificazione per gli ottavi di finale della Coppa UEFA.[25] Il passo falso contro la rivelazione Chievo diede il provvisorio primato a quest'ultima[26], ma le vittorie contro l'altra veronese (nel recupero di una giornata inizialmente prevista ad ottobre) e il Piacenza riportarono in testa i milanesi.[27][28][29] Il titolo d'inverno fu mancato all'ultimo turno di andata, causa il pareggio contro la Lazio e la contemporanea affermazione della Roma contro il Torino.[30] I giallorossi furono dunque primi al giro di boa anche in questa stagione, con un punto di vantaggio rispetto alla formazione di Cúper.[31]

Il sorpasso si verificò al diciannovesimo turno, quando la vittoria contro il Parma e il contemporaneo pari dei capitolini in quel di Udine riportarono in testa i lombardi.[32] La situazione mutò dopo appena una settimana, allorché al successo dei campioni d'Italia contro il Piacenza corrispose un pari (per 1-1) con il Venezia da parte dell'Inter: anche in questo caso, come già avvenuto in Friuli, la squadra venne fermata nel finale subendo gol su un discusso rigore.[33] L'attaccante dei lagunari, Filippo Maniero, dichiarò alla stampa di aver simulato un fallo traendo in errore l'arbitro.[22][34] Gli uomini di Cúper persero ulteriore terreno, pareggiando anche con il Torino e facendosi battere dal Bologna.[35][36][37] Sconfiggendo l'AEK Atene in Europa (dove - nei turni precedenti - erano già state eliminate Brașov, Wisla Cracovia e Ipswich Town), i nerazzurri parvero ritrovare fiducia.[38][39] Ad inizio marzo, la vittoria nel derby di ritorno spinse la Beneamata al primato solitario con 52 punti.[40] Nelle settimane a venire, la stagione parve incanalarsi sui giusti binari: al pareggio in rimonta con la Juventus - rientrata in forma dopo gli stenti invernali -[41] fecero seguite tre vittorie consecutive[42], nonché l'accesso ai quarti di finale della Coppa UEFA.[43] In tale frangente, spiccò soprattutto la vittoria dello scontro diretto con la Roma che confermò il primato a 6 giornate dal termine.[44] Le certezze nerazzurre vacillarono ad aprile, quando la sconfitta casalinga con l'Atalanta riaprì la corsa al tricolore[45]; in Europa, la squadra fu invece eliminata dal Feyenoord.[46][47] Alla quartultima giornata di campionato, l'Inter ospitò il Brescia e - dopo essere passata in svantaggio - rimontò con una doppietta di Ronaldo, finalmente tornato su buoni livelli di forma.[48]

Un importante crocevia ebbe luogo la domenica successiva, quando la formazione meneghina fu di scena a Verona contro il Chievo: gli scaligeri, a sorpresa in corsa per la qualificazione alle coppe continentali, imposero il 2-2.[49] Nell'occasione non mancarono le proteste, a causa del rigore non accordato per un fallo sul Fenomeno.[22] Il gol che sancì il definitivo pari giunse, peraltro, nella fase di recupero[22]: pochi minuti prima, la Juventus aveva trovato sul campo del Piacenza una vittoria che assottigliò nettamente il distacco in classifica (da un possibile margine di 5 lunghezze, i nerazzurri si ritrovarono ad avere un solo punto in più dei torinesi).[49] La distanza rimase tale anche al penultimo turno, così che nella giornata conclusiva l'Inter si presentò a Roma per sfidare la Lazio con un esiguo vantaggio sulle rivali: i giallorossi, pur trovandosi a −2, videro infatti le proprie speranze di un bis-scudetto tenute "in vita" dall'aritmetica.[50] La formazione allenata da Capello avrebbe giocato contro un Torino già salvo; il medesimo scenario si preannunciava per la Juventus di Lippi, attesa dall'Udinese che si era assicurato la permanenza in massima categoria.[50]

Nella capitale, i nerazzurri trovarono un clima favorevole: il gemellaggio tra le due tifoserie non fece sorgere alcuna tensione, mentre sul versante sportivo i biancocelesti - a detta dei propri sostenitori - avrebbero messo a repentaglio l'ingresso in Coppa UEFA (matematicamente ancora raggiungibile) pur di impedire ai rivali romanisti la vittoria del campionato.[50] Durante il primo tempo, l'Inter passò in vantaggio per due volte con Vieri e Di Biagio[51]: in entrambi i casi la Lazio trovò la via del pareggio con Poborský, che realizzò il 2-2 approfittando di un malinteso tra Greško e Toldo.[51] Nel frattempo, la Juventus aveva già archiviato la sua pratica: il parziale di 2-0 complicò la situazione dei milanesi, cui sarebbe servita una vittoria per agguantare lo Scudetto.[51] L'assalto nerazzurro non produsse frutti, esponendo anzi gli uomini di Cupér al contrattacco biancoceleste: l'ex Simeone segnò infatti il 3-2, che suonò come il colpo del knock-out.[51] Ad arrotondare il punteggio fu Simone Inzaghi, che intorno alla mezz'ora della ripresa fissò il 4-2.[51] Sconfitta in rimonta, la Beneamata passò dal possibile tricolore al terzo posto: con il titolo finito sulle maglie bianconere, la Roma piegò i granata facendo sua la seconda piazza.[51] I nerazzurri fallirono così un obiettivo atteso da 13 anni, vedendosi costretti a disputare i preliminari della Champions League.[51]

Maglie e sponsorModifica

Lo sponsor tecnico per la stagione 2001-2002 fu la Nike, mentre lo sponsor ufficiale fu Pirelli.

1ª divisa
2ª divisa
3ª divisa

Organigramma societarioModifica

[52]

Area direttiva

  • Presidente: Massimo Moratti
  • Vice-Presidenti: Giuseppe Prisco poi Giacinto Facchetti
  • Amministratore delegato: Rinaldo Ghelfi
  • Responsabile relazioni internazionali: Giacinto Facchetti
  • Segretario Generale: Luciano Cucchia
  • Direttore Generale: Luigi Predeval
  • Consigliere delegato sportivo: Massimo Moretti

Area comunicazione

  • Direttore comunicazione e team manager: Bruno Bartolozzi
  • Direttore editoriale: Susanna Wermelinger
  • Ufficio Stampa: Giuseppe Sapienza

Area tecnica

  • Direttore tecnico: Gabriele Oriali
  • Direttore sportivo: Giuliano Terraneo
  • Allenatore: Héctor Cúper
  • Allenatore in seconda: Mario Gómez
  • Preparatore atletico: Juan Manuel Alfano
  • Vice-preparatore atletico: Claudio Gaudino
  • Preparatore fisico pesistico: Ennio Barigelli
  • Consulente scientifico: Gian Nicola Bisciotti

Area sanitaria

  • Responsabile sanitario: Franco Combi
  • Medici sociali: Alessandro Soldini e Fabio Forloni
  • Massofisioterapisti: Massimo Della Casa, Marco Della Casa, Marco Morelli, Silvano Cotti e Nilton Petroni

RosaModifica

CalciomercatoModifica

Sessione estiva (dall'1/7 al 31/8)Modifica

Acquisti[56]
R. Nome da Modalità
C Okan Buruk Galatasaray svincolato
C Emre Belözoğlu Galatasaray svincolato
P Francesco Toldo Fiorentina definitivo (52 miliardi £)
P Alberto Fontana Napoli definitivo (6 miliardi £)
D Gonzalo Sorondo Defensor definitivo (18 miliardi £)
D Marco Materazzi Perugia definitivo (20 miliardi £)
C Sérgio Conceição Parma definitivo (42 miliardi £)
A Mohamed Kallon Reggina fine prestito
A Nicola Ventola Atalanta fine prestito
D Nelson Vivas Arsenal definitivo
D Andrés Guglielminpietro Milan definitivo
C Cristiano Zanetti Roma fine prestito
Cessioni[56]
R. Nome a Modalità
P Marco Ballotta Modena definitivo
P Sébastien Frey Parma definitivo
D Laurent Blanc Manchester Utd definitivo
D Bruno Cirillo Lecce compartecipazione
D Matteo Ferrari Parma compartecipazione
D Fabio Macellari Bologna compartecipazione
C Cristian Brocchi Milan definitivo
C Benoît Cauet Torino definitivo
C Vladimir Jugović Monaco definitivo
C Andrea Pirlo Milan definitivo (35 miliardi £)[57]
A Marco Ferrante Torino fine prestito
A Adrian Mutu Verona definitivo
A Corrado Colombo Atalanta definitivo

Sessione invernale (dal 2/1 all'1/2)Modifica

Cessioni[56]
R. Nome a Modalità
A Antonio Pacheco Espanyol prestito
A Adriano Fiorentina prestito
A Anselmo Robbiati Fiorentina prestito
A Hakan Şükür Parma definitivo

RisultatiModifica

Serie AModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Serie A 2001-2002.

Girone di andataModifica

Milano
26 agosto 2001, ore 15:00 CEST
1ª giornata
Inter4 – 1
referto
PerugiaStadio Giuseppe Meazza (60.000 spett.)
Arbitro:  Treossi (Forlì)

Parma
9 settembre 2001, ore 15:00 CEST
2ª giornata
Parma2 – 2
referto
InterStadio Ennio Tardini (27.000 spett.)
Arbitro:  De Santis (Tivoli)

Milano
16 settembre 2001, ore 15:15 CEST
3ª giornata
Inter2 – 1
referto
VeneziaStadio Giuseppe Meazza (55.000 spett.)
Arbitro:  Rosetti (Torino)

Torino
23 settembre 2001, ore 15:00 CEST
4ª giornata
Torino0 – 1
referto
InterStadio delle Alpi (25.000 spett.)
Arbitro:  Farina (Novi Ligure)

Milano
30 settembre 2001, ore 15:00 CEST
5ª giornata
Inter1 – 0
referto
BolognaStadio Giuseppe Meazza (70.000 spett.)
Arbitro:  Farina (Novi Ligure)

Milano
19 dicembre 2001, ore 20:30 CET
6ª giornata[58]
Inter3 – 0
referto
VeronaStadio Giuseppe Meazza (25.000 spett.)
Arbitro:  Treossi (Forlì)

Udine
14 ottobre 2001, ore 20:30 CEST
7ª giornata
Udinese1 – 1
referto
InterStadio Friuli (19.000 spett.)
Arbitro:  Trentalange (Torino)

Milano
21 ottobre 2001, ore 20:30 CEST
8ª giornata
Inter2 – 4
referto
MilanStadio Giuseppe Meazza (78.124 spett.)
Arbitro:  Collina (Viareggio)

Torino
27 ottobre 2001, ore 20:30 CEST
9ª giornata
Juventus0 – 0
referto
InterStadio delle Alpi (53.661 spett.)
Arbitro:  Braschi (Prato)

Milano
4 novembre 2001, ore 15:00 CET
10ª giornata
Inter2 – 0
referto
LecceStadio Giuseppe Meazza (60.000 spett.)
Arbitro:  Messina (Bergamo)

Roma
17 novembre 2001, ore 20:30 CET
11ª giornata
Roma0 – 0
referto
InterStadio Olimpico (70.000 spett.)
Arbitro:  Rosetti (Torino)

Milano
25 novembre 2001, ore 20:45 CET[59]
12ª giornata
Inter2 – 0
referto
FiorentinaStadio Giuseppe Meazza (60.000 spett.)
Arbitro:  Rodomonti (Teramo)

Bergamo
2 dicembre 2001, ore 15:00 CET
13ª giornata
Atalanta2 – 4
referto
InterStadio Atleti Azzurri d'Italia (25:000 spett.)
Arbitro:  Braschi (Prato)

Brescia
9 dicembre 2001, ore 15:00 CET
14ª giornata
Brescia1 – 3
referto
InterStadio Mario Rigamonti (26.000 spett.)
Arbitro:  Rodomonti (Teramo)

Milano
15 dicembre 2001, ore 20:30 CET
15ª giornata
Inter1 – 2
referto
ChievoStadio Giuseppe Meazza (60.000 spett.)
Arbitro:  Rosetti (Torino)

Piacenza
23 dicembre 2001, ore 15:00 CET
16ª giornata
Piacenza2 – 3
referto
InterStadio Leonardo Garilli (18.000 spett.)
Arbitro:  Braschi (Prato)

Milano
6 gennaio 2002, ore 20:30 CET
17ª giornata
Inter0 – 0
referto
LazioStadio Giuseppe Meazza (54.380 spett.)
Arbitro:  Messina (Bergamo)

Girone di ritornoModifica

Perugia
13 gennaio 2002, ore 20:30 CET
18ª giornata
Perugia0 – 2
referto
InterStadio Renato Curi (18.000 spett.)
Arbitro:  Farina (Novi Ligure)

Milano
20 gennaio 2002, ore 15:00 CET
19ª giornata
Inter2 – 0
referto
ParmaStadio Giuseppe Meazza (56.000 spett.)
Arbitro:  Rosetti (Torino)

Venezia
27 gennaio 2002, ore 15:00 CET
20ª giornata
Venezia1 – 1
referto
InterStadio Pierluigi Penzo (11.718 spett.)
Arbitro:  Rodomonti (Teramo)

Milano
2 febbraio 2002, ore 20:30 CET
21ª giornata
Inter0 – 0
referto
TorinoStadio Giuseppe Meazza (55.000 spett.)
Arbitro:  Treossi (Forlì)

Bologna
10 febbraio 2002, ore 15:00 CET
22ª giornata
Bologna2 – 1
referto
InterStadio Renato Dall'Ara (37.000 spett.)
Arbitro:  Collina (Viareggio)

Verona
17 febbraio 2002, ore 15:00 CET
23ª giornata
Verona0 – 3
referto
InterStadio Marcantonio Bentegodi (20.000 spett.)
Arbitro:  Farina (Novi Ligure)

Milano
24 febbraio 2002, ore 15:00 CET
24ª giornata
Inter3 – 2
referto
UdineseStadio Giuseppe Meazza (55.000 spett.)
Arbitro:  Braschi (Prato)

Milano
3 marzo 2002, ore 20:30 CET
25ª giornata
Milan0 – 1
referto
InterStadio Giuseppe Meazza (81.451 spett.)
Arbitro:  Collina (Viareggio)

Milano
9 marzo 2002, ore 20:30 CET
26ª giornata
Inter2 – 2
referto
JuventusStadio Giuseppe Meazza (79.188 spett.)
Arbitro:  Braschi (Prato)

Lecce
17 marzo 2002, ore 15:00 CET
27ª giornata
Lecce1 – 2
referto
InterStadio Via del Mare (40.000 spett.)
Arbitro:  De Santis (Tivoli)

Milano
24 marzo 2002, ore 20:30 CET
28ª giornata
Inter3 – 1
referto
RomaStadio Giuseppe Meazza (78.209 spett.)
Arbitro:  Cesari (Genova)

Firenze
30 marzo 2002, ore 15:00 CET
29ª giornata
Fiorentina0 – 1
referto
InterStadio Artemio Franchi (22.000 spett.)
Arbitro:  Collina (Viareggio)

Milano
7 aprile 2002, ore 15:00 CEST
30ª giornata
Inter1 – 2
referto
AtalantaStadio Giuseppe Meazza (56.000 spett.)
Arbitro:  Paparesta (Bari)

Milano
14 aprile 2002, ore 15:00 CEST
31ª giornata
Inter2 – 1
referto
BresciaStadio Giuseppe Meazza (69.171 spett.)
Arbitro:  Rosetti (Torino)

Verona
21 aprile 2002, ore 15:00 CEST
32ª giornata
Chievo2 – 2
referto
InterStadio Marcantonio Bentegodi (36.997 spett.)
Arbitro:  De Santis (Tivoli)

Milano
28 aprile 2002, ore 15:00 CEST
33ª giornata
Inter3 – 1
referto
PiacenzaStadio Giuseppe Meazza (75.000 spett.)
Arbitro:  Borriello (Mantova)

Roma
5 maggio 2002, ore 15:00 CEST
34ª giornata
Lazio4 – 2
referto
InterStadio Olimpico (60.000 spett.)
Arbitro:  Paparesta (Bari)

Coppa ItaliaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Coppa Italia 2001-2002.
Udine
12 novembre 2001, ore 20:45 CET
Ottavi di finale - Andata
Udinese2 – 1
referto
InterStadio Friuli
Arbitro:  Bertini (Arezzo)

Milano
29 novembre 2001, ore 20:45 CET
Ottavi di finale - Ritorno
Inter2 – 2
referto
UdineseStadio Giuseppe Meazza
Arbitro:  Trefoloni (Siena)

Coppa UEFAModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Coppa UEFA 2001-2002.

Primo turnoModifica

Trieste
20 settembre 2001, ore 21:00 CEST
Andata
Inter3 – 0
referto
BrașovStadio Nereo Rocco
Arbitro:   Mendez

Brașov
27 settembre 2001, ore 15:30 CEST
Ritorno
Brașov0 – 3
referto
InterStadio Silviu Ploieșteanu
Arbitro:   Vuorela

Secondo turnoModifica

Trieste
18 ottobre 2001, ore 21:00 CEST
Andata
Inter2 – 0
referto
Wisła CracoviaStadio Nereo Rocco
Arbitro:   Irvine

Cracovia
30 ottobre 2001, ore 13:00 CEST
Andata
Wisła Cracovia1 – 0
referto
InterStadio Wisła
Arbitro:   Paraty

Sedicesimi di finaleModifica

Ipswich
22 novembre 2001, ore 20:45 CEST
Andata
Ipswich Town1 – 0
referto
InterPortman Road
Arbitro:   Nielsen

Milano
6 dicembre 2001, ore 21:00 CEST
Ritorno
Inter4 – 1
referto
Ipswich TownStadio Giuseppe Meazza
Arbitro:   Sars

Ottavi di finaleModifica

Milano
21 febbraio 2002, ore 21:00 CEST
Andata
Inter3 – 1
referto
AEK AteneStadio Giuseppe Meazza
Arbitro:   Poll

Atene
28 febbraio 2002, ore 20:30 CEST
Ritorno
AEK Atene2 – 2
referto
InterStadio Olimpico di Atene
Arbitro:   Nilsson

Quarti di finaleModifica

Milano
14 marzo 2002, ore 21:00 CET
Andata
Inter1 – 1
referto
ValenciaStadio Giuseppe Meazza
Arbitro:   Merk

Valencia
21 marzo 2002, ore 21:45 CET
Ritorno
Valencia0 – 1
referto
InterStadio Mestalla
Arbitro:   Colombo

SemifinaleModifica

Milano
4 aprile 2002, ore 20:45 CEST
Andata
Inter0 – 1
referto
FeyenoordStadio Giuseppe Meazza
Arbitro:   Micheľ

Rotterdam
11 aprile 2002, ore 20:30 CEST
Ritorno
Feyenoord2 – 2
referto
InterFeijenoord Stadion
Arbitro:   López Nieto

StatisticheModifica

Statistiche di squadraModifica

Statistiche aggiornate al 5 maggio 2002.

Competizione Punti In casa In trasferta Totale Gf Gs D.R.
G V N P G V N P G V N P
  Serie A 69 17 11 3 3 17 6 9 2 34 20 9 5 62 35 +27
  Coppa Italia - 1 0 1 0 1 0 0 1 2 0 1 1 3 4 −1
  Coppa UEFA - 6 4 1 1 6 2 2 2 12 6 3 3 21 10 +11
Totale - 24 15 5 4 24 8 11 5 48 23 16 9 86 49 +37

Statistiche dei giocatoriModifica

Sono in corsivo i calciatori che hanno lasciato la società a stagione in corso.[60][61]

Giocatore Serie A Coppa Italia Coppa UEFA Totale
                               
Adriano, Adriano 81??10??50??141??
Belözoğlu, E. E. Belözoğlu 140??10??60??210??
Buruk, O. O. Buruk 70??10??30??110??
Cauet, B. B. Cauet 0000000010??100+0+
Conceição, S. S. Conceição 231??10??80??321??
Córdoba, I. I. Córdoba 301??10??110??421??
Dalmat, S. S. Dalmat 161??10??71??242??
Di Biagio, L. L. Di Biagio 313??20??91??424??
Farinós, F. F. Farinós 100??10??50??160??
Ferraro, S. S. Ferraro 10??000010??200+0+
Fontana, A. A. Fontana 1-0??1-2??3-3??5-5??
Georgatos, G. G. Georgatos 101??000020??1210+0+
Greško, V. V. Greško 230??20??91??341??
Guglielminpietro, A. A. Guglielminpietro 230??20??81??331??
Kallon, M. M. Kallon 299??0000116??40150+0+
Materazzi, M. M. Materazzi 231??10??81??322??
Moreau, M. M. Moreau 0-0000-0000-0000-000
Padalino, P. P. Padalino 000010??0000100+0+
Recoba, A. A. Recoba 186??000040??2260+0+
Ronaldo, Ronaldo 107??000050??1570+0+
Seedorf, C. C. Seedorf 203??21??100??324??
Serena, M. M. Serena 20??00000000200+0+
Šimić, D. D. Šimić 120??10??80??210??
Sorondo, G. G. Sorondo 110??10??00001200+0+
Şükür, H. H. Şükür 10??10??0000200+0+
Toldo, F. F. Toldo 33-35??1-2??9-7??43-44??
Ventola, N. N. Ventola 164??21??95??2710??
Vieri, C. C. Vieri 2522??10??23??2825??
Vivas, N. N. Vivas 130??000020??1500+0+
Zanetti, C. C. Zanetti 261??10??61??332??
Zanetti, J. J. Zanetti 330??11??101??442??

NoteModifica

  1. ^ a b c d (EN) Statistiche Spettatori Serie A 2001-2002, su stadiapostcards.com.
  2. ^ Luigi Bolognini, L'anno orribile del calcio Cuper e Terim per dimenticare il 2001, in la Repubblica, 17 giugno 2001, p. 15.
  3. ^ Aspettando Cuper, su www2.raisport.rai.it, 19 giugno 2001.
  4. ^ Caccia a Cuper, su www2.raisport.rai.it, 20 giugno 2001.
  5. ^ Inter e Cuper, su www2.raisport.rai.it, 21 giugno 2001.
  6. ^ Cuper, messaggio a Vieri "Voglio gente motivata", su repubblica.it, 22 giugno 2001.
  7. ^ Giovanni Battista Olivero, Inter e Milan, due strade diverse per sfoltire la rosa, in La Gazzetta dello Sport, 24 giugno 2001.
  8. ^ L'Inter cede Pirlo al Milan Gli inglesi vogliono Sheva, su repubblica.it, 30 giugno 2001.
  9. ^ Alessandra Bocci, Andrea Elefante e Mirko Graziano, Una maglia rossonera per Pirlo, in La Gazzetta dello Sport, 1º luglio 2001.
  10. ^ Toldo e Sergio Conceicao: all'Inter gli "eroi" di Euro 2000, su inter.it, 4 luglio 2001.
  11. ^ La Juve prende Nedved Toldo e Conceicao all'Inter, su repubblica.it, 4 luglio 2001.
  12. ^ Difensore cannoniere all'Inter, su www2.raisport.rai.it, 17 luglio 2001. URL consultato il 12 dicembre 2018 (archiviato dall'url originale il 24 agosto 2018).
  13. ^ Andrea Elefante, Mauricio Cannone e Carlo Laudisa, La favola di Adriano, in La Gazzetta dello Sport, 17 agosto 2001.
  14. ^ Alberto Cerruti, È un'Inter che promette bene, in La Gazzetta dello Sport, 27 agosto 2001.
  15. ^ Il Tardini si conferma campo stregato per l'Inter, su repubblica.it, 9 settembre 2001.
  16. ^ Prodezza di Adriano L'Inter resta in scia, su repubblica.it, 16 settembre 2001.
  17. ^ Juve, Milan e Inter in testa, su www2.raisport.rai.it, 23 settembre 2001.
  18. ^ Georgatos spinge l'Inter: gol, vittoria e primato, su repubblica.it, 30 settembre 2001.
  19. ^ I numeri della A, su www2.raisport.rai.it, 1º ottobre 2001.
  20. ^ Inter prima alla quinta alla fine arrivò quarta, su repubblica.it, 1º ottobre 2001.
  21. ^ L'Inter pareggia e resta capolista, su repubblica.it, 14 ottobre 2001.
  22. ^ a b c d Filippo Grassia e Gianpiero Lotito, L'Inter e il «decennio arbitrale»ISBN=9788820049676, in Inter. Il calcio siamo noi, Sperling & Kupfer, 2010, pp. 117-118.
  23. ^ Gianni Piva, Milan, 3 gol in 5 minuti: Sheva è il re, in la Repubblica, 22 ottobre 2001, p. 35.
  24. ^ Gianni Piva, Vieri e Recoba, ritrovarsi e dirsi gol, in la Repubblica, 3 dicembre 2001, p. 36.
  25. ^ Gianni Piva, Vieri, la macchina dei gol, in la Repubblica, 7 dicembre 2001, p. 54.
  26. ^ Massimo Vincenzi, Bella partita, grande Chievo l'Inter deve inchinarsi, su repubblica.it, 15 dicembre 2001.
  27. ^ Gianni Piva, INTER-VERONA, in la Repubblica, 20 dicembre 2001, p. 52.
  28. ^ L'incredibile Vieri spaventa tutti, in la Repubblica, 24 dicembre 2001, p. 36.
  29. ^ Gianni Piva, PIACENZA-INTER, in la Repubblica, 24 dicembre 2001, p. 38.
  30. ^ Inter-Lazio 0-0, su www2.raisport.rai.it, 6 gennaio 2002.
  31. ^ Vieri non basta L'Inter si ferma, su repubblica.it, 6 gennaio 2002.
  32. ^ Vittoria e sorpasso Inter prima in classifica, su repubblica.it, 20 gennaio 2002.
  33. ^ Venezia-Inter 1-1. Al gol di Vieri risponde un rigore dubbio di Maniero, su inter.it, 27 gennaio 2002.
  34. ^ La verità non paga, su www2.raisport.rai.it, 28 gennaio 2002.
  35. ^ La grinta del Torino frena Vieri e l'Inter, su repubblica.it, 2 febbraio 2002.
  36. ^ L'Inter è piccola la festa è del Bologna, su repubblica.it, 10 febbraio 2002.
  37. ^ Andrea Elefante, Lodovico Maradei, Sebastiano Vernazza e Germano Mosconi, Vieri applaude la sua Inter, in La Gazzetta dello Sport, 18 febbraio 2002.
  38. ^ Inter-Aek 3-1, su www2.raisport.rai.it, 21 febbraio 2002.
  39. ^ AEK-Inter 2-2. I nerazzurri approdano ai quarti di finale dove troveranno il Valencia, su inter.it, 28 febbraio 2002.
  40. ^ Derby, gol di Vieri e l'Inter vola in testa, su repubblica.it, 3 marzo 2002.
  41. ^ Lodovico Maradei e Antonello Capone, Un Seedorf mai visto beffa la Juve, in La Gazzetta dello Sport, 10 marzo 2002.
  42. ^ Franco Arturi, Cuper, Lippi e i due assi ritrovati, in La Gazzetta dello Sport, 18 marzo 2002.
  43. ^ Uefa, l'Inter vince a Valencia e conquista la semifinale, 21 marzo 2002.
  44. ^ Marco Pastonesi, STOP A SEGUIRE, in La Gazzetta dello Sport, 25 marzo 2002.
  45. ^ Inter-Atalanta 1-2, il gol del solito incontenibile Vieri non basta per regalare il pareggio ai nerazzurri, su inter.it, 7 aprile 2002.
  46. ^ Feyenoord-Inter 2-2. I nerazzurri lasciano la Coppa UEFA ad un passo dalla finale, su inter.it, 11 aprile 2002.
  47. ^ Inter, inutile rimonta Promosso il Feyenoord, su repubblica.it, 11 aprile 2002.
  48. ^ Giancarlo Laurenzi, Il Fenomeno salva l'Inter «Italia, ti devo dire grazie», in La Stampa, 15 aprile 2002, p. 41.
  49. ^ a b Lodovico Maradei, L'Inter si mangia le mani, in La Gazzetta dello Sport, 22 aprile 2002.
  50. ^ a b c Gaetano Imparato, La Roma assegna il suo scudetto, in La Gazzetta dello Sport, 4 maggio 2002.
  51. ^ a b c d e f g Lodovico Maradei, L'Inter paga la grande illusione, in La Gazzetta dello Sport, 6 maggio 2002.
  52. ^ Il raduno dell'Inter - Inter 2001-02, in raisport.rai.it, 15 luglio 2001.
  53. ^ Panini, 22-23-24-25
  54. ^ Aggregato alla prima squadra dalla formazione Primavera.
  55. ^ a b c Ceduto nella sessione invernale del calciomercato.
  56. ^ a b c storiainter.com, Acquisti e cessioni dell'Inter 2001/02, su storiainter.com. URL consultato il 18 novembre 2011 (archiviato dall'url originale il 25 settembre 2011).
  57. ^ inter.it, L'Inter ha ceduto Pirlo al Milan, su inter.it, 30 giugno 2001.
  58. ^ Rinviata dal 7 ottobre 2001 per la sovrapposizione con il calendario delle coppe europee. Consiglio di Lega, in RaiSport, 14 settembre 2001.
  59. ^ Fischio d'inizio previsto alle 20:30 ma posticipato di 15' per problemi all'impianto di illuminazione.
  60. ^ Almanacco illustrato del Calcio 2003, Modena, Panini editore, 2002.
  61. ^ Filippo Grassia e Gianpiero Lotito, INTER Dalla nascita allo scudetto del centenario, Milano, Vallardi editore, 2008, p. 237.

BibliografiaModifica

  • Calciatori 2001-02, Modena-Milano, Panini-L'Unità.

Collegamenti esterniModifica