Apri il menu principale

Il premio Nebula per il miglior romanzo (Nebula Award for Best Novel) è un premio letterario assegnato dalla Science Fiction and Fantasy Writers of America a opere di fantascienza o fantasy di lunghezza superiore alle 40.000 parole[1].

Il premio viene consegnato con cadenza annuale dal 1966[2] durante il SFWA Nebula Conference.[3] La classifica avviene tramite votazione di una giuria di esperti nel settore per opere pubblicate l'anno precedente l'edizione[4]. Pur non avendo collegamenti con essi il premio Nebula viene influenzato dal premio Locus e a sua volta influenza sin dalla sua prima edizione la giuria del premio Hugo dando indicazioni circa le opere maggiormente meritorie da premiare.[4]

Il primo a ricevere il premio è stato Frank Herbert, per la sua opera Dune, pubblicata nel 1965.

Nel corso dei 53 anni di edizione, 40 autori si sono aggiudicati il premio, 183 autori sono stati nominati per le loro opere avuto lavori nominati, inclusi co-autori. Ursula K. Le Guin[5] ha ricevuto il maggior numero di riconoscimenti con quattro vittorie su sei nomination. Joe Haldeman ha ricevuto tre premi su quattro nomination, mentre altri nove autori hanno vinto due volte. Jack McDevitt[6] ha il maggior numero di nomination, con dodici nomine e una vittoria, mentre Poul Anderson[7] e Philip K. Dick[8] entrambi con cinque nomination, hanno il maggior numero di nomine senza vincere il premio.

RegolamentoModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Premio Nebula § Regolamento.

Il presidente della SFWA, in conformità con lo statuto e le procedure operative stabilite, nomina un commissario per la supervisione e l'amministrazione dei premi Nebula durante l'evento Nebula Awards® e per svolgere i compiti descritti nel regolamento e qualsiasi altra responsabilità correlata che potrebbe sorgere durante lo svolgimento di amministrazione. Durante il periodo di copertura del ruolo, nessuna opera del commissario può essere nominata o proposta, evitando così un conflitto di interessi.[9]

Oltre al commissiario il presidente nomina tre persone quali "Membri del Comitato Regole Premi degli SFWA". Compito del (SARC) è l'assicurarsi prima del ballottaggio finale dell'ammissibilità delle opere presentate, valutando che esse rispettino il regolamento, e rispettino la categoria nei quali sono presentati, queste si estendono oltre che ai premi Nebula ufficiali anche ai premi Ray Bradbury e Norton di quell'anno. Le opere giudicate inammissibili da parte del SARC vengono sottoposte al giudizio del consiglio di amministrazione per la deliberazione che, assieme a una relazione della Commissione per i premi Nebula (NAC), indica il motivo dei rigetti.[9]

Il Commissario funge da segretario del SARC, ma non ha diritto di voto.

Il Consiglio di Amministrazione ha inoltre facoltà, a sua discrezione, di creare ulteriori categorie di premi che devono essere sottoposte al voto dai membri attivi e assoggettati al regolamento.[9]

L'anno dei premi Nebula ha inizio il 1º gennaio e termine il 31 dicembre dell'anno per il quale verranno assegnati i premi.[9]

Vincitori e finalistiModifica

Anni 1966-1969Modifica

Anno Fotografia
vincitori
Vincitori e nominati Romanzo Editore Note 1 Note 2
1966   Frank Herbert Dune Chilton Company [N 1] [N 2]
Clifford D. Simak Il villaggio dei fiori purpurei Doubleday [N 3]
Theodore L. Thomas & Kate Wilhelm Dalle fogne di Chicago Berkley Books [N 4]
Philip K. Dick Cronache del dopobomba Ace Books [N 5]
Philip K. Dick Le tre stimmate di Palmer Eldritch Doubleday [N 6]
James White Partenza da zero Ace Books [N 7]
Thomas M. Disch Gomorra e dintorni Berkley Books [N 8]
William Burroughs Nova Express Grove Press [N 9]
Keith Laumer Agente 064: operazione demoni Berkley Books [N 10]
Avram Davidson Rogue Dragon Ace Books [N 11]
G. C. Edmondson The Ship That Sailed the Time Stream Ace Books [N 12]
Poul Anderson La volpe delle stelle Doubleday [N 13]
* Cerimoniere:
Presentazione tenutasi presso:
Est – Overseas Press Club, New York, New York 11 marzo 1966
Ovest – McHenry’s Tail O’ the Cock in Beverly Hills, California 11 marzo 1966
[48]
1967   Samuel R. Delany (ex aequo) Babel 17 Ace Books [N 14] [N 15]
Daniel Keyes (ex aequo) Fiori per Algernon Harcourt [N 16]
Robert A. Heinlein La Luna è una severa maestra G. P. Putnam's Sons [N 17]
* Cerimoniere
Presentazione tenutasi presso:
Est – Les Champs, New York, New York 25 marzo 1967
Ovest – McHenry’s Tail O’ the Cock in Beverly Hills, California 25 marzo 1967
[73]
1968   Samuel R. Delany Einstein perduto Ace Books [N 18] [N 19]
Piers Anthony Chthon Ballantine Books [N 20]
Hayden Howard Sexinvasione Ballantine Books [N 21]
Roger Zelazny Signore della luce Doubleday [N 22]
Robert Silverberg Brivido crudele Ballantine Books [N 23]
* Cerimoniere: Anthony Boucher, Keith Laumer
Presentazione tenutasi presso:
Est – Les Champs, New York, New York 16 marzo 1968
Ovest – Hotel Claremont, Berkeley, California 16 marzo 1968
[105]
1969   Alexei Panshin Rito di passaggio Ace Books [N 24] [N 25]
James Blish Pasqua nera Doubleday [N 26]
Philip K. Dick Il cacciatore di androidi Doubleday [N 27]
Robert Silverberg Le maschere del tempo Ballantine Books
R. A. Lafferty Maestro del passato Ace Books
Joanna Russ Picnic su Paradiso Ace Books
John Brunner Tutti a Zanzibar Doubleday
* Cerimoniere:
Presentazione tenutasi presso:
Est – Les Champs, New York, New York 15 marzo 1969
Ovest – Club 33, Disneyland, USA, Anaheim, California 15 marzo 1969
Sud – Fontainebleau Motor Hotel, New Orleans, Louisiana 14 marzo 1969
[130]

Anni 1970-1979Modifica

Anno Fotografia
vincitori
Vincitori e nominati Romanzo Note
1970   Ursula K. Le Guin
La mano sinistra delle tenebre [N 28]
Norman Spinrad Jack Barron e l'eternità
Roger Zelazny Metamorfosi cosmica
John Brunner L'orbita spezzata
Kurt Vonnegut Mattatoio n. 5
Robert Silverberg Up the Line
* Cerimoniere : Isaac Asimov
Presentazione tenutasi presso:
Est – Les Champs, New York, New York 14 marzo 1970
Ovest – Hotel Claremont, Berkeley, California 14 marzo 1970

La consegna dei Premi Nebula si è svolta nel ristorante Les Champs di New York con 125 persone presenti e Isaac Asimov in qualità di cerimoniere. Durante la serata, Judy-Lynn Benjamin, moglie di Lester del Rey ha parlato delle difficoltà di lavorare con Harlan Ellison mentre un discorso chiave è stato tenuto da Carl Sagan, concentrando la sua attenzione su Marte. L'evento si è limitato al banchetto e alla cerimonia di premiazione, dove Gordon Dickson ha presentato i quattro vincitori con i rispettivi premi, oltre a targhe presentate agli editori delle opere. Come era tipico dell'epoca, la stessa sera sulla costa occidentale si tenne un banchetto separato per gli autori che non potevano partecipare al banchetto di New York
[134]
1971   Larry Niven
Burattinai nel cosmo [N 29]
Joanna Russ And Chaos Died
R. A. Lafferty Quarta fase
D. G. Compton The Steel Crocodile
Robert Silverberg Torre di cristallo
Wilson Tucker L'anno del sole quieto
* Cerimoniere: Joseph Green, Alva Rogers, Gregory Benford, Joe Green, Lester del Rey

Presentazione tenutasi presso:
Est – Les Champs, New York, New York 3 aprile 1971
Ovest – Hotel Claremont, Berkeley, California 3 aprile 1971
Sud – Bourbon Orleans Hotel, New Orleans, Louisiana 3 aprile 1971

Il 1971 ha visto tre ricevimenti, tenuti tutti la sera del 3 aprile per la presentazione dei premi Nebula.

Il ricevimento di New York, di maggior rilevanza, contava un totale di 110 presenti, in calo rispetto all'anno precedente. Tra i presenti Lester del Rey ha intrattenuto gli ospiti fornendo uno sguardo satirico sui problemi di SFWA, anche se il risultato è stato di un fallimentare umorismo mentre il discorso è suonato come una predica. In seguito Marvin Minsky ha intrattenuto con un discorso chiave sull'intelligenza artificiale mentre Isaac Asimov come l'anno precedente ha annunciato i vincitori.

Degna di nota l'annuncio di Asimov della vittoria di Gene Wolfe per l'opera "L'isola del dott. Morte", sebbene il giorno precedente un comunicato stampa annunciava che non ci sarebbero stati vincitori per il Premio Nebula per il miglior racconto breve. Wolfe avrebbe vinto il premio per il medesimo romanzo tre anni più tardi, nel 1973, anche se in un'altra categoria, ovvero il Premio Nebula per il miglior romanzo breve.

A New Orleans hanno preso parte 30 persone, con Joe Green come cerimoniere. Jerry Page ha tenuto un interessante discorso sull'importanza delle riviste fantasy, anche se la serata è stata smorzata dall'annuncio di ritiro del premio per il miglior racconto breve, vanificando la speranza di R. A. Lafferty, unico candidato presente all'evento, e come Wolfe in lizza per il premio.

All'Hotel Claremont di San Francisco, nella costa occidentale 68 invitati sono stati ospitati da Gregory Benford e Alva Rogers. A differenza delle presentazioni di New York e New Orleans, prima della cena i presenti hanno potuto di ascoltare una serie di interventi tra i quali una recensione di mercato e la visione di Richard Lupoff, Chelsea Quinn Yarbro e Joe Goerscosa sugli SFWA.

Questo evento ha anche ospitato un incontro aziendale SFWA con Avram Davidson, particolarmente rilevante il discorso di George Clayton Robert sull'interfaccia tra presente e futuro. Erano presenti i vincitori Larry Niven e Fritz Leiber, mentre Forrest Ackerman ha ritirato il premio per conto di Theodore Sturgeon, anche se lo scrittore apparve prima della fine della serata
[138]
1972   Robert Silverberg
Il tempo delle metamorfosi [N 30]
Poul Anderson Il vagabondo degli spazi
R. A. Lafferty Il diavolo è morto
T. J. Bass Half Human
Ursula K. Le Guin La falce nei cieli
Kate Wilhelm MArgaret e io
* Cerimoniere: Harlan Ellison
Presentazione tenutasi presso:
Est – New York Hilton, New York, New York 29 aprile 1972
Ovest – Airport-Marina Hotel, Los Angeles, California 29 aprile 1972
Sud – Le Pavilion Hotel, New Orleans, Louisiana 29 aprile 1972
Il cerimoniale si è tenuto sabato mattina presso il New York Hilton, seguito da diversi interventi, tra i principali intrattenitori con argomenti a tema, Arthur C. Clarke e Isaac Asimov, Il rinfresco è stato tenuto a Les Champs.
[142]
1973   Isaac Asimov
Neanche gli dei [N 31]
Robert Silverberg Vacanze nel deserto
Robert Silverberg Morire dentro
Norman Spinrad Il signore della svastica
John Brunner Il gregge alza la testa
George Alec Effinger What Entropy Means to Me
David Gerrold La macchina di D.I.O.
* Cerimoniere:
Presentazione tenutasi presso:
Est – Sheraton McAlpin Hotel, New York, New York 28 aprile 1973
Ovest – Claremont Hotel, Berkeley, California 28 aprile 1973
Sud – Le Pavilion Hotel, New Orleans, Louisiana 28 aprile 1973
Il cerimoniale è iniziato a mezzogiorno e in seguito una libera uscita nel quartiere francese prima della riconvocazione per il rinfresco e la distribuzione dei premi. Lloyd Biggle ha tenuto un discorso nel quale ha messo in guardia contro l'incombente interesse accademico nella fantascienza. Damon Knight si è fatto portavoce di alcune personalità non presenti alla cerimonia, accettando i premi per conto di autori i cui lavori erano stati pubblicati sulle serie di antologie Orbit
[146]
1974   Arthur C. Clarke
Incontro con Rama [N 32]
Thomas Pynchon L'arcobaleno della gravità
David Gerrold ...per proteggere l'uomo dal male
Poul Anderson Il popolo del vento
Robert A. Heinlein Lazarus Long, l'immortale
* Cerimoniere: Robert Bloch

Presentazione tenutasi presso:
Est - Algonquin Hotel, New York, New York, 27 aprile 1974
Ovest - Century Plaza Hotel, Hollywood, CA, 27 aprile 1974

Nella giornata di mercoledì 24 aprile, è stato organizzato un tour presso la Edwards Air Force Base mentre il giorno seguente un ulteriore tour presso la Rockwell International che prevedeva la visualizzazione di uno space shuttle a grandezza naturale. Il venerdì si è tenuta una conferenza di tre ore su varie tematiche relative alla fantascienza nel quale si sono susseguiti interventi a rotazione.

La sera si è tenuta una festa presso la casa di Forrest J. Ackerman. La conferenza si è tenuta sabato mattina, seguito dalla presentazione degli editori, una presentazione di Bruce Murray e Robert Forward un discorso di Harlan Ellison e infine un'argomentazione sostenuta da Alfred Worden e Edgar Mitchell. Worden, Murray e Mitchell si sono alternati a intrattenere i presenti durante il rinfresco. Arthur C. Clarke, vincitore con Incontro con Rama, non fu in grado di partecipare, così Robert Heinlein fece firmare a tutti i presenti una copia del libro per poi spedirlo a Clarke.

Una festa ufficiosa si è tenuta sulla costa orientale presso l'hotel Algonquin.

Il 1974 ha visto l'introduzione del premio Nebula per la miglior sceneggiatura. L'idea che ha portato all'introduzione di un nuovo premio da parte della SFWA era rivolta a onorare presentazioni drammatiche come film o programmi televisivi. Alcuni membri ritenevano che la SFWA avrebbe dovuto offrire la possibilità di ottenere premi solo alle opere in prosa, mentre altri pensavano che se altri scrittori potevano unirsi a SFWA sulla base di crediti cinematografici e televisivi, allora i premi avrebbero dovuto riflettere anche questi tipi di opere. Entrambe le parti furono molto esplicite nelle loro preferenze, portando ad un dibattito aspro.[150]

Il Premio Nebula per la miglior sceneggiatura è stato assegnato nel 1974, 1975 e 1977 sotto il nome "miglior presentazione drammatica",[151] mentre nel 1976 sotto il nome di "'miglior sceneggiatura drammatica".
[152][150]
1975   Ursula K. Le Guin
I reietti dell'altro pianeta [N 33]
Thomas M. Disch 334
Philip K. Dick Scorrete lacrime, disse il poliziotto
T. J. Bass The Godwhale
* Cerimoniere:

Presentazione tenutasi presso:
Est - Warwick Hotel, New York, New York, 26 aprile 1975
Ovest - ?

La conferenza di New York si apre con una giornata di dibattito che ha richiamato circa 100 persone. Un altro centinaio prende parte al rinfresco, nel quale Spider Robinson si esibisce con un intro musicale di 20 minuti prima del discorso di apertura di Frederik Pohl, a sua volta seguito dal discorso principale tenuto da Damon Knight incentrato sulla storia e i successi di SFWA.

Oltre ai quattro riconoscimenti tradizionali, e al nuovo premio introdotto l'anno precedente nell'ambito dei premi cinematografici, viene presentato il primo premio alla carriera, il Premio Grand Master consegnato da Tom Scortia a Robert Heinlein.

I vincitori dei quattro premi tradizionali, Ursula Le Guin, Robert Silverberg, Gordon Eklund e Gregory Benford figuravano tra le 54 persone che partecipavano al rinfresco della West Coast, dove gli ospiti seguivano le argomentazioni di Robert W. Bussard. I nomi dei vincitori al rinfresco sono stati scritti su palloncini che sono stati fatti volare per rivelare il nome al momento di apertura della busta.
[152][156]
1976   Joe Haldeman
Guerra eterna [N 34]
Arthur Byron Autumn Angels
Tanith Lee Nata dal vulcano
Alfred Bester Connessione computer
Samuel R. Delany Dhalgren
Roger Zelazny Le rocce dell'Impero
Ian Watson Il grande anello
Vonda N. McIntyre The Exile Waiting
Joanna Russ Female Man
Michael Bishop Occhi di fuoco
Barry N. Malzberg Guernica Night
Marion Zimmer Bradley L'erede di Hastur
Italo Calvino Le città invisibili
Poul Anderson Tempesta di mezza estate
Katherine Maclean L'uomo disperso
Larry Niven & Jerry Pournelle La strada delle stelle
E. L. Doctorow Ragtime
Robert Silverberg L'uomo stocastico
* Cerimoniere: Terry Carr

Presentazione tenutasi presso:
Century Plaza Hotel, Los Angeles, California, 10 aprile 1976

L'evento annuale si è tenuto presso il Century Plaza Hotel per una durata di due giorni, alla conferenza hanno preso parte circa 140 persone. George Pal ha argomentato sulle tematiche principali affrontate dal convegno, parlando dei suoi primi film di fantascienza, tra cui Uomini sulla Luna (Destination Moon, 1950), Them e altri. Ulteriori discorsi hanno intrattenuto i presenti dopo il rinfresco da parte di Laurence J. Peter, autore di Principio di Peter e John McCarthy sull'intelligenza artificiale. I presentatori non erano a conoscenza di venire selezionati per dichiarare i vincitori, pertanto furono sorpresi quanto questi ultimi.
[160]
1977   Frederik Pohl
Uomo Più [N 35]
Larry Niven & Jerry Pournelle Questo è l'Inferno
Marta Randall Islands
Robert Silverberg Shadrach nella fornace
Samuel R. Delany Triton
Kate Wilhelm Gli eredi della Terra
* Cerimoniere: Jim Benford, Gregory Benford, Isaac Asimov

Presentazione tenutasi presso:
Est - Warwick Hotel, New York, New York, 30 aprile 1977
Ovest - America, San Francisco Bay, California, 30 aprile 1977

Prima della cena una serie conferenze non presidiate tratta il tema della fantascienza internazionale, Harlan Ellison ha tenuto una discussione contro la decisione di eliminare il premio Nebula per la migliore sceneggiatura drammatica, dopo soli tre anni dalla creazione del premio, terminando con le sue dimissioni dalla SFWA in segno di protesta, l'abolizione della categoria era stata annunciata solo durante la conferenza che si era svolta il giorno dopo gli scrutini. Circa duecento persone hanno partecipato all'cocktail hour e alla cena, Asimov in qualità di cerimoniere ha introdotto il discorso oratorio di Clifford D. Simak. A New York viene tenuta la cena non ufficiale della West Coast, in questa occasione tenutasi sulla nave America nella Baia di San Francisco con circa 50 ospiti. La serata è stata portata avanti dai gemelli Benford e il discorso principale è stato tenuto da Clayton Bailey, curatore del World Kaolithic Museum, al suo primo anniversario.
[164]
1978   Frederik Pohl
La porta dell'infinito [N 36]
Terry Carr Cinque
Gregory Benford Nell'oceano della notte
David Gerrold Moonstar Odyssey
Richard A. Lupoff Sword of Demon
* Cerimoniere: Robert Silverberg

Presentazione tenutasi presso:
Est - American Hotel, New York, New York, 29 aprile 1978
Ovest - Sir Francis Drake Hotel, San Francisco Bay, California, 29 aprile 1978

Preceduto da un paio di feste serali nelle notti di giovedì e venerdì, l'evento ufficiale è iniziato con il convegno di sabato mattina, il pomeriggio è stato riempito di argomentazioni, domande e risposte sugli aspetti tecnici del business dell'editoria, la cena che visto coinvolte 160 persone è stata ospitata da Robert Silverberg, il fumettista B. Kliban ha intrattenuto i presenti, seguito da William J. Kaufmann con un tema incentrato sui buchi neri. Dal momento che l'evento ufficiale è stato ospitato a San Francisco, a New York si è tenuto un banchetto non ufficiale presso l'American Hotel, dove erano presenti Spider e Jeanne Robinson per ricevere i propri premi.
[168]
1979   Vonda McIntyre
Il serpente dell'oblio [N 37]
Tom Reamy Le voci cieche
C. J. Cherryh I mondi del sole morente - Kesrith[172]
Gore Vidal Kalki
Gardner Dozois Strangers
* Cerimoniere: Norman Spinrad

Presentazione tenutasi presso:
Est - Warwick Hotel, New York, New York, 21 aprile 1979

Circa trecento persone, tra cui molti professionisti dell'editoria che avevano abbandonato il genere, hanno partecipato all'evento. In questa edizione il portavoce di SFWA ha annunciato in anticipo i vincitori alla stampa, togliendo ogni suspance alla cena. Il convegno si è concentrato su questioni organizzative e il consiglio ha annunciato il processo di costituzione. Durante l'incontro erano presenti gruppi di esperti che hanno trattato argomenti in materia di diritti stranieri, rimostranze e editoria. Il discorso principale è stato tenuto dall'editore Bob Guccione, che in collaborazione con la moglie Kathy Keeton Guccione aveva da poco fondato la rivista fantascientifica Omni. I premi di servizio sono andati a Jerry Pournelle, Andrew j. Offutt, e Thomas Monteleone con un premio speciale conferito a Joe Shuster e Jerry Siegel per la creazione di Superman.
[173]

Anni 1980-1989Modifica

Anno Fotografia
vincitori
Vincitori e nominati Romanzo Note
1980   Arthur C. Clarke
Le fontane del paradiso [N 38]
Frederik Pohl Il pianeta Jem
Kate Wilhelm Il tempo del ginepro
Thomas M. Disch Le ali della mente
Richard Cowper The Road to Corlay
John Varley Titano
* Cerimoniere: David Gerrold

Presentazione tenutasi presso:
Beverly Wilshire Hotel, Los Angeles, California, 26 aprile 1980

Dopo il meeting di sabato, Rick Sternbach, illustratore noto per le sue tavole inerenti allo spazio, illustra una presentazione di fronte a una giuria composta da sei editori. Alla cena sono presenti 120 invitati, il Dr. Edward Krupp, direttore del Osservatorio Griffith, ha tenuto il discorso principale seguito da un discorso di Robert L. Forward. Arthur C. Clarke ha inviato una registrazione audio di un discorso di accettazione per riguardante la sua opera vincitrice del premio Nebula.
[177]
1981   Gregory Benford
Timescape [N 39]
Frederik Pohl Oltre l'orizzonte azzurro
Walter Tevis Solo il mimo canta al limitar del bosco
Robert Stallman The Orphan
Gene Wolfe L'ombra del Torturatore
Joan D. Vinge La regina delle nevi
* Cerimoniere:

Presentazione tenutasi presso:
Waldorf-Astoria, New York, New York, 25 aprile 1981

Giovedì sera, una festa non ufficiale viene organizzata da Timescape Books, linea fantascientifica della Pocket Books della casa editrice Simon & Schuster e Forbidden Planet, (nome commerciale di due distinte catene di libri di fantascienza, fantasy e horror in tutto il Regno Unito, Irlanda e Stati Uniti), in una delle librerie di quest'ultima. Dopo la conferenza del sabato Sono seguite le presentazioni di editoria e royalties, anche se l'attrazione principale è risultata essere una convenzione di modelli in tutta la sala. Barbara Marx Hubbard, futurologa autrice e oratrice, ha tenuto il discorso d'apertura legato ai programma spaziale al cristianesimo rinato, non ottenendo grande successo. Altre argomentazioni sono state tenute da Marvin Minsky e Marc Chartrand.
[181]
1982   Gene Wolfe
L'artiglio del conciliatore [N 40]
John Crowley Little, Big
Julian May La terra dai molti colori
A. A. Attanasio Radix
Russell Hoban Riddley Walker
Suzy McKee Charnas L'arazzo del vampiro
* Cerimoniere: Terry Carr

Presentazione tenutasi presso:
Claremont Resort Hotel, Oakland, California, 24 aprile 1982

Le prime conferenze sono iniziate il venerdì pomeriggio, mentre il venerdì Timescape Books ha sponsorizzato il ricevimento serale. Il meeting si è tenuto sabato mattina, seguito da una serie di conferenze e alcuni filmati forniti dalla NASA. La recensionista del San Francisco Chronicle Patricia Holt ha tenuto un discorso sulla revisione dei libri e della necessità di rivedere i tascabili. Gene Wolfe] prima della vittoria del miglior romanzo, ha tenuto un discorso agli ospiti.

Con l'avvicinarsi della 17esima edizione dei premii Nebula, i nomi dei vincitori vennero anticipatamente pubblicati sulla rivista settimanale statunitense Publishers Weekly, pubblicazioni legate alle uscite dei romanzi, dei bestseller.

La pubblicazione scatenò le proteste dell'autrice Lisa Tuttle, portandola a richiedere il ritiro del racconto The Bone Flute dalle candidature dei finalisti del premio Nebula per il miglior racconto. La protesta della Tuttle è stata motivata dal modo in cui la cosa è gestita, e nella speranza che la sua protesta potesse spingere la commissione a istituire alcune semplici regole come ad esempio l'assicurarsi l'invio di tutte le opere a giudizio a tutti gli elettori, oppure squalificando le opere promosse dagli autori o dagli editori, al fine di rendere l'intero sistema Nebula meno di una farsa, si rese infatti conto che lo scrittore George Guthridge, nominato anche lui nella sua stessa categoria per il racconto The Quiet, stava pubblicizzando l'opera inviando copie ai membri della SFWA con in allegato una lettera scritta dall'editore di The Magazine of Fantasy and Science Fiction Ed Ferman.

Una lettera dell'autrice, inviata a Frank Catalano membro della SFWA, nella quale comunica per iscritto la motivazione delle proteste non rimane inosservata, a circa tre settimane dagli annunci ufficiali, lo stesso Frank la informa che il suo racconto era stato scelto come vincitore.

La Tuttle aveva ufficialmente ritirato il racconto, quindi si oppose dicharando che avrebbe rifiutato il premio, Frank non sapendo cosa fare passò il problema ad altri membri della SFWA, fino a Charles Grant, che contattò l'autrice e le annunciò che sarebbe stata comunque lei la vincitrice del premio, essendo già stato inciso sulla targa celebrativa il suo nome e il nome della sua opera. Non riuscendo a convincere la Tuttle, Charles le comunicò che non era sicuro di come si sarebbe comportato alla cerimonia. La Tuttle diede il consiglio di spiegare che il vincitore aveva ritirato la presentazione dell'opera prima di sapere della vittoria, oppure fornendo i veri dettagli sul motivo per l'opera era stata ritirata e il premio rifiutato.

La Tuttle decise di non presenziare alla cerimonia e quindi di non pronunciare il consueto discorso di ringraziamento; la commissione rassicurò la scrittrice sul fatto che le sue ragioni sarebbero state rese note al pubblico dalla commissione stessa.

Il 29 aprile, cinque giorni dopo la premiazione, la Tuttle ricevette un telegramma da parte di John Douglas della Pocket Books con le congratulazioni per aver vinto il premio. In seguito alla telefonata con Douglas, la Tuttle realizzò che aveva accettato il premio per suo conto, come spesso accadeva per autori che non potevano essere presenti alla cerimonia, apprese inoltre che non era stata detta una parola sul suo rifiuto, ne tantomeno sulle motivazioni.

La risposta implicita da parte di SFWA a Lisa e alle sue lamentele, consiste in una lettera su Locus magazine da parte della vicepresidente Marta Randall, che con l'assioma Tutto ciò che non è proibito è obbligatorio deduce dalle regole dei premi Nebula che fosse impossibile per Lisa ritirare il suo racconto.
[181][185]
1983   Michael Bishop
Il tempo è il solo nemico [N 41]
Isaac Asimov L'orlo della Fondazione
Robert A. Heinlein Operazione domani
Brian Aldiss La primavera di Helliconia
Gene Wolfe La spada del littore
Philip K. Dick La trasmigrazione alchemica di Timothy Archer
* Cerimoniere: Charles Grant

Presentazione tenutasi presso:
Statler Hilton, New York, New York, 23 aprile 1983

L'evento è iniziato con l'aperitivo di venerdì sera nella Presidential suite. Per la prima volta è presente un gran numero di editori, partecipando agli eventi organizzati più di quanto non abbiano fatto gli autori pubblicati. A causa delle intemperie che hanno causato una raffica d'acqua, l'hotel ha dovuto trovare un nuovo posto per ospitare l'evento. Il tradizionale meeting è stato scarsamente frequentato, con argomentazioni sui computer, sui redattori e uno sui diritti stranieri. L'unico discorso tenuto al banchetto è stato della Avon.
[189]
1984   David Brin
Le maree di Kithrup [N 42]
Gregory Benford Un oscuro infinito
Gene Wolfe La cittadella dell'Autarca
Jack Vance Lyonesse
R. A. MacAvoy Tea with the Black Dragon
Norman Spinrad Astronavi nell'abisso
* Cerimoniere: Terry Carr

Presentazione tenutasi presso:
Queen Mary, Long Beach, California, 28 aprile 1984

L'evento ha inizio venerdì sera, sponsorizzata da Berkley and Bantam mentre Baen Books ha sponsorizzato il ricevimento antecedente la cena, Berkley e IASFM hanno sponsorizzato il ricevimento sabato sera. Art Seidenbaum, editore e scrittore della L.A. Times Book Review ha tento il discorso principale. Il meeting si è tenuto sabato mattina, seguito da una discussione dell'agente letterario della SFWA Richard Curtis e dall'avvocato della SFWA Henry Holmes sui metodi di negoziazione con gli editori.
[189]
1985   William Gibson
Neuromante [N 43]
Lewis Shiner Frontera
Larry Niven Il popolo dell'anello
Robert A. Heinlein Il pianeta del miraggio
Jack Dann The Man Who Melted
Kim Stanley Robinson La costa dei barbari
* Cerimoniere:

Presentazione tenutasi presso:
Warwick Hotel di New York, New York, 5 maggio 1985

Ian e Betty Ballantine, fondatori della Ballantine Books, hanno ricevuto un il World Fantasy Special Award—Professional premio speciale per i loro contributi pionieristici alla fantascienza e all'editoria fantasy. Il meeting si è svolto sabato a mezzogiorno ed è stato seguito dalle argomentazioni degli editori e degli agenti. LACon ha sponsorizzato il ricevimento precedente al banchetto. Come per l'evento del 1983, gli editori erano più numerosi degli autori. L'avvocato Tim Jensen è stato l'oratore principale e ha parlato della tassazione sugli autori. Dopo il banchetto, Harlan Ellison assali pubblicamente l'autore e critico Charles Platt[196] per alcuni commenti riguardo al premio ottenuto da Larry Shaw. Platt successivamente non intraprese azioni legali contro Ellison, e i due uomini firmarono un "patto di non aggressione", promettendo di non discutere mai più l'incidente né di avere contatti tra loro. Platt sostenne successivamente che Ellison si vantò pubblicamente per l'incidente.[197] Tom Disch ha preso a pugni William Gibson, senza spiegazioni.
[198][199]
1986   Orson Scott Card
Il gioco di Ender [N 44]
Greg Bear La musica del sangue
Tim Powers Il palazzo del mutante
Brian Aldiss L'inverno di Helliconia
David Brin Il simbolo della rinascita
Barry N. Malzberg Il replicante di Sigmund Freud
Bruce Sterling La matrice spezzata
* Cerimoniere: Robert Silverberg

Presentazione tenutasi presso:
Claremont Hotel, Berkeley, California, 26 aprile 1986

Oltre 200 membri e amici della SFWA hanno partecipato al rinfresco e alla programmazione del fine settimana. In questa edizione i premi sono stati presentati prima del rinfresco.

La programmazione è iniziata sabato mattina, durante la presentazione per il miglior romanzo breve si è verificata una breve fase di stallo, una volta risolta il resto la cerimonia si è svolta senza ulteriori intoppi. Particolarmente comiche ed apprezzate sono state le osservazioni critiche espresse da Connie Willis riguardanti la mancanza di drammaticità e suspance durante la cerimonia.

[203]
1987   Orson Scott Card
Il riscatto di Ender [N 45]
William Gibson Giù nel ciberspazio
Gene Wolfe Free Live Free
Margaret Atwood Il racconto dell'ancella
Leigh Kennedy The Journal of Nicholas the American
James Morrow This is the Way the World Ends
1988   Pat Murphy
The Falling Woman [N 46]
Greg Bear L'ultimatum
Gene Wolfe Il soldato della nebbia
David Brin I signori di Garth
Avram Davidson Vergil in Averno
George Alec Effinger Senza tregua
1989   Lois McMaster Bujold
Gravità zero [N 47]
Lewis Shiner Desolate città del cuore
George Turner Le torri dell'esilio
Gregory Benford Il grande fiume del cielo
William Gibson Monna Lisa Cyberpunk
Orson Scott Card Il profeta dalla pelle rossa
Gene Wolfe Urth del Nuovo Sole

Anni 1990-1999Modifica

Anno Fotografia
vincitori
Vincitori e nominati Romanzo Note
1990   Elizabeth Ann Scarborough
The Healer's War [N 48]
Poul Anderson Gli immortali
Orson Scott Card Alvin l'apprendista
John Kessel Good News From Outer Space
Mike Resnick Ivory: A Legend of Past and Future
Jane Yolen Sister Light, Sister Dark
1991   Ursula K. Le Guin
L'isola del drago [N 49]
Valerie Martin La governante del dr. Jekill
James Morrow Nel nome della figlia
Dan Simmons La caduta di Hyperion
John E. Stith Astronave "Redshift"
Jane Yolen White Jenna
1992   Michael Swanwick
Domani il mondo cambierà [N 50]
John Barnes Orbital Resonance
Lois McMaster Bujold Barrayar
Emma Bull Bone Dance
Pat Cadigan Sintetizzatori umani
Bruce Sterling & William Gibson La macchina della realtà
1993   Connie Willis
L'anno del contagio [N 51]
John Barnes Un milione di porte
Karen Joy Fowler Sarah Canary
Maureen F. McHugh Angeli di seta
Vernor Vinge Universo incostante
Jane Yolen Briar Rose
1994   Kim Stanley Robinson
Il rosso di Marte [N 52]
Kevin J. Anderson & Doug Beason Costruttori di infinito
Algis Budrys Impatto mortale
Nancy Kress Mendicanti in Spagna
Gene Wolfe Nightside the Long Sun
1995   Greg Bear
Marte in fuga [N 53]
Octavia E. Butler La parabola del seminatore
Jonathan Lethem Concerto per archi e canguro
James Morrow L'ultimo viaggio di Dio
Rachel Pollack Temporary Agency
Kim Stanley Robinson Il verde di Marte
Roger Zelazny A Night in the Lonesome October
1996   Robert J. Sawyer
Killer on-line [N 54]
John Barnes Sistema virtuale XV
Nancy Kress Mendicanti e superuomini
Paul Park Celestis
Walter Jon Williams Metropolitan
Gene Wolfe Calde of the Long Sun
1997   Nicola Griffith
Slow River [N 55]
Nina Kiriki Hoffman The Silent Strength of Stones
Patricia A. McKillip Winter Rose
Tim Powers Expiration Date
Robert J. Sawyer Starplex
Neal Stephenson L'era del diamante
1998   Vonda McIntyre
The Moon and the Sun [N 56]
Lois McMaster Bujold Memory
Kate Elliott King's Dragon
George R. R. Martin Il gioco del trono
Jack McDevitt Ancient Shores
Walter Jon Williams Città di fuoco e La città e l'abisso[240]
Connie Willis Il fattore invisibile
1999   Joe Haldeman
Pace eterna [N 57]
Catherine Asaro The Last Hawk
Jack McDevitt Moonfall
Harry Turtledove How Few Remain
Martha Wells Death of the Necromancer
Connie Willis To Say Nothing of the Dog

Anni 2000-2009Modifica

Anno Fotografia
vincitori
Vincitori e nominati Romanzo Note
2000   Octavia E. Butler
La parabola dei Talenti [N 58]
Ken MacLeod La divisione Cassini
George R. R. Martin Lo scontro dei re
Maureen F. McHugh Mission Child
Sean Stewart Mockingbird
Vernor Vinge Quando la luce tornerà
2001   Greg Bear
Il risveglio di Erode [N 59]
Lois McMaster Bujold Guerra di strategie
Kathleen Ann Goonan Crescent City Rhapsody
Nalo Hopkinson Il pianeta di mezzanotte
Jack McDevitt Infinity Beach
Charles de Lint Forests of the Heart
2002   Catherine Asaro
La rosa quantica [N 60]
Jeffrey A. Carver Eternity's End
Geoffrey A. Landis Mars Crossing
George R. R. Martin Tempesta di spade
Wil McCarthy The Collapsium
Patricia A. McKillip The Tower at Stony Wood
Tim Powers Declare[253]
Connie Willis Passage
2003   Neil Gaiman
American Gods [N 61]
Kelley Eskridge Solitaire
Ursula K. Le Guin I venti di Earthsea
Robert A. Metzger Picoverse
China Miéville Perdido Street Station
Michael Swanwick Ossa della Terra
2004   Elizabeth Moon
La velocità del buio [N 62]
Lois McMaster Bujold Immunità diplomatica
Carol Emshwiller The Mount
Kathleen Ann Goonan Light Music
Nalo Hopkinson The Salt Roads
Jack McDevitt Chindi
2005   Lois McMaster Bujold
La messaggera delle anime [N 63]
Cory Doctorow Down and Out in the Magic Kingdom
Jack McDevitt Omega
David Mitchell L'atlante delle nuvole
Sean Stewart Perfect Circle
Gene Wolfe The Knight
2006   Joe Haldeman
I protomorfi [N 64]
Susanna Clarke Jonathan Strange & il signor Norrell
Jack McDevitt Polaris
Terry Pratchett Going Postal
Geoff Ryman Air
John C. Wright Orphans of Chaos
2007   Jack McDevitt
Seeker [N 65]
Ellen Kushner The Privilege of the Sword
Jeffrey Ford The Girl in the Glass
Jo Walton Farthing
Richard Bowes From the Files of the Time Rangers
Wil McCarthy To Crush the Moon
2008   Michael Chabon
Il sindacato dei poliziotti yiddish [N 66]
Tobias Buckell Ragamuffin
Joe Haldeman Cronomacchina accidentale
Nalo Hopkinson The New Moon's Arms
Jack McDevitt Odyssey
2009   Ursula K. Le Guin
Powers [N 67]
Cory Doctorow Little Brother
Jack McDevitt Cauldron
Ian McDonald Brasyl
Terry Pratchett Making Money
David J. Schwartz Superpowers

Anni 2010-2019Modifica

Anno Fotografia
vincitori
Vincitori e nominati Romanzo Note
2010   Paolo Bacigalupi
La ragazza meccanica [N 68]
Christopher Barzak The Love We Share Without Knowing
Laura Anne Gilman Flesh and Fire
China Miéville La città e la città
Cherie Priest Boneshaker
Jeff VanderMeer Finch
2011   Connie Willis
Blackout/All Clear [N 69]
M.K. Hobson The Native Star
N. K. Jemisin I centomila regni
Mary Robinette Kowal Shades of Milk and Honey
Jack McDevitt Echo
Nnedi Okorafor Chi teme la morte
2012   Jo Walton
Un altro mondo [N 70]
China Miéville Embassytown
Jack McDevitt Firebird
Kameron Hurley God's War
Genevieve Valentine Mechanique: A Tale of the Circus Tresaulti
N. K. Jemisin The Kingdom of Gods
2013   Kim Stanley Robinson
2312 [N 71]
Saladin Ahmed l trono della luna crescente
Tina Connolly Ironskin
N. K. Jemisin La luna che uccide
Caitlín R. Kiernan The Drowning Girl
Mary Robinette Kowal Glamour in Glass
2014   Ann Leckie
Ancillary Justice - La vendetta di Breq [N 72]
Karen Joy Fowler Siamo tutti completamente fuori di noi
Neil Gaiman L'oceano in fondo al sentiero
Charles E. Gannon Fire with Fire
Nicola Griffith Hild
Linda Nagata Red: La prima luce
Sofia Samatar A Stranger in Olondria
Helene Wecker The Golem and the Jinni
2015   Jeff VanderMeer
Annientamento [N 73]
Katherine Addison The Goblin Emperor
Charles E. Gannon Trial by Fire
Ann Leckie Ancillary Sword - La stazione di Athoek
Liu Cixin Il problema dei tre corpi
Jack McDevitt Coming Home
2016   Naomi Novik
Cuore oscuro [N 74]
Ann Leckie Ancillary Mercy
Lawrence M. Schoen Barsk: The Elephants' Graveyard
N. K. Jemisin La quinta stagione
Ken Liu The Grace of Kings
Charles E. Gannon Raising Caine
Fran Wilde Updraft
2017   Charlie Jane Anders
All the Birds in the Sky [N 75]
Mishell Baker Borderline
N. K. Jemisin The Obelisk Gate
Yoon Ha Lee Ninefox Gambit
Nisi Shawl Everfair
2018   N. K. Jemisin
The Stone Sky [N 76]
Lara Elena Donnelly Amberlough
Theodora Goss The Strange Case of the Alchemist's Daughter
Daryl Gregory Spoonbenders
Mur Lafferty Six Wakes
Fonda Lee Jade City
Annalee Newiz Autonomous
2019   Mary Robinette Kowal
The Calculating Stars [N 77]
Sam J. Miller Blackfish City
R. F. Kuang The Poppy War
Naomi Novik Spinning Silver
Rebecca Roanhorse Trail of Lightning
C. L. Polk Witchmark

PlurivincitoriModifica

NoteModifica

AnnotazioniModifica

  1. ^ originariamente fu pubblicato in due parti tra il 1963 e il 1965 sulla rivista Analog (ex Astounding Magazine), rispettivamente con i titoli di Dune World e The Prophet of Dune,[10] e successivamente apparso per la prima volta in volume nello stesso anno 1965 col suo titolo definitivo, la versione votata dalla giuria sarà proprio quest'ultima, prodotta dalla Chilton Books. Si aggiudicherà anche il premio Hugo[11] lo stesso anno.
  2. ^ Premio Nebula per il miglior romanzo 1966[12][13][14][15]
  3. ^ Pubblicato nel 1965[16] l'opera ha ricevuto una critica positiva, in una recensione del libro Science Fiction and Fantasy Book Review viene sottolineato il grande punto di forza di Simak nella creazione di non-umani comprensivi che tentano pazientemente di comunicare con l'umanità diffidente. La rivista ha anche affermato che il lavoro di Simak rispecchiava accuratamente le preoccupazioni degli anni '60.[17] Nel 2009 i recensori di The Dome, libro di Stephen King hanno sottolineato come il romanzo di Clifford D. Simak fosse fonte d'ispirazione dell'autore per la misteriosa cupola trasparente.[18]
  4. ^ Pubblicato per la prima volta nel 1959 solo da Theodore L. Thomas sul digest Fantastic compagno della rivista Amazing Stories e successivamente ampliato nel 1965 con la collaborazione di Kate Wilhelm,[19][20] al suo primo racconto fantascientifico Dalle fogne di Chicago viene considerato uno dei rari libri sf ad usare i cloni in senso strettamente biologico, attraverso la descrizione di un formidabile e vorace blob sempre crescente (Grey goo), offendo una dimostrazione competente della sua capacità da autrice di far fronte ai contenuti di questo genere[21]
  5. ^ Terminato verso la fine del 1963 con i titoli In Earth's Diurnal Course e A Terran Odyssey, fu pubblicato solo due anni più tardi con un titolo che riprendeva chiaramente il capolavoro kubrickiano Dr. Strangelove or: How I Learned to Stop Worrying and Love the Bomb (Il dottor Stranamore, ovvero: come imparai a non preoccuparmi e ad amare la bomba) del 1964 su consiglio dell'editore di Ace Books Donald A. Wollheim.[22][23][24]
  6. ^ pubblicato per la prima volta nel 1965. Il romanzo riprende degli elementi di un precedente racconto di Dick, I giorni di Perky Pat (The Days of Perky Pat), pubblicato nel dicembre 1963 sulla rivista Amazing Stories,[25][26] tuttavia, il romanzo non è una continuazione. All'inizio del terzo capitolo viene fatto riferimento a "... the Printers, the Biltong life forms ..." tratto dal racconto "Pay for the Printer", pubblicato nel 1956, altri temi ricorrenti sono la premonizione come una vocazione accettata figura pesantemente nella trama del racconto di Dick "rapporto di minoranza" (pubblicato per la prima volta nel 1956) e nel suo romanzo Nostri amici da Frolix 8 (Our Friends from Frolix 8).[27]
  7. ^ Pubblicato per la prima volta in tre parti da febbraio ad aprile del 1964 in Irlanda del Nord con il titolo di Open Prison sulla rivista New Worlds[28] e successivamente riproposto nel 1965 dalla Ace Books con il titolo di The Escape Orbit[29][30][31].
  8. ^ Pubblicato per la prima volta nel dicembre del 1965,[32] nonostante Disch non reclamò ispirazione diretta per il romanzo, in un'intervista dichiarò che stava leggendo Anna Karenina e fu ispirato dalla scrittura di Tolstoi.[33]
  9. ^ Pubblicato per la prima volta nel novembre del 1964,[34] nel romanzo viene usata la tecnica del cut-up, che unisce frammenti o testi differenti all'interno del romanzo: tra questi è presente, tra gli altri, La terra desolata di Thomas Stearns Eliot. È il terzo libro della Trilogia Nova composta da La macchina morbida (1961), Il biglietto che esplose (1962) (ultimo capitolo della trilogia) e Nova Express. Pasto nudo è considerato l'antefatto di questi libri.[35]
  10. ^ Pubblicato in due parti nel novembre e nel dicembre del 1964 all'interno della rivista If con il titolo di The Hounds of Hell[36][37][38] e successivamente ampliato e pubblicato nel maggio del 1965 con il titolo di A Plague of Demons[39]
  11. ^ Pubblicato per la prima volta nel 1965 dalla Ace Books[40] e sempre nel luglio dello stesso anno con lo stesso titolo sul The Magazine of Fantasy and Science Fiction, (cover di Jack Vaughn # TBT per il numero di F & SF del luglio 1965) occupando quasi metà del numero (58 su 128 pagine) ed è una storia d'avventura piena di imperi galattici, draghi e poeti nomadi, ottenendo incredibilmente le nomination per il miglior romanzo e il miglior romanzo breve.[41]
  12. ^ Pubblicato per la prima volta nel 1965 dalla Ace Books[42][43] si tratta del primo romanzo dell'autore e uno dei suoi più grandi successi, assieme al sequel del 1974 To Sail the Century Sea[44]
  13. ^ Pubblicato per la prima volta in tre parti sulla rivista The Magazine of Fantasy and Science Fiction rispettivamente con i titoli di Marque and Reprisal (febbraio, 1965), Arsenal Port (aprile, 1965), e Admiralty (giugno, 1965), viene successivamente sistemata e riproposta dalla casa editrice Doubleday nello stesso anno.[45][46] Nel romanzo viene presentato per la prima volta il personaggio Gunnar Heim che verrà riproposto nel 1974 su un'altra opera di Anderson, Fire Time[47]
  14. ^ Pubblicato per la prima volta nel maggio del 1966 dalla Ace Books il romanzo affronta tematiche particolari, nel quale l'ipotesi di Sapir-Whorf, nota come ipotesi della relatività linguistica (il linguaggio influenza il pensiero e la percezione), gioca un ruolo fondamentale.[49][50] Nello stesso anno è stato anche nominato anche per il Premio Hugo come miglior romanzo.[51] Nell'edizione del 1982, pubblicata dalla Bantam Books all'interno del volume è presente una breve nota (denominata Nota sul testo di questa edizione) nella quale l'autore ripristina alcune complessità tipografiche, incluse nel manoscritto originale, ma non presenti nell'edizione presentata ai Premi Nebula quindici anni prima, poiché non inclusa dall'editore per motivi tecnici. Inoltre, sono stati ripristinati tagli minori[52]
  15. ^ Premio Nebula per il miglior romanzo 1967[53][54][55]
  16. ^ Fiori per Algernon (Flowers for Algernon) è il titolo del racconto[56] e del romanzo dello scrittore statunitense Daniel Keyes.[57] Il racconto, scritto nel 1958 e pubblicato per la prima volta nel numero di aprile 1959 di The Magazine of Fantasy & Science Fiction,[58] ha vinto l'Hugo Award come miglior racconto nel 1960.[59] Algernon è un topo da laboratorio che ha subito un intervento chirurgico per aumentare la sua intelligenza. La storia è raccontata da una serie di rapporti sullo stato di avanzamento scritti da Charlie Gordon, il primo soggetto umano per la chirurgia, e tocca temi etici e morali come il trattamento dei disabili mentali.[60][61] Sebbene il libro sia stato spesso sfidato per la rimozione dalle biblioteche negli Stati Uniti e in Canada, a volte con successo, viene frequentemente insegnato nelle scuole di tutto il mondo ed è stato adattato molte volte per televisione, teatro, radio, inoltre l'adattamento cinematografico I due mondi di Charly ha ottenuto l'Oscar al miglior attore nel 1969.[62][63][64][65]
  17. ^ Pubblicato per la prima volta in cinque parti sulla rivista If tra il dicembre del 1965[66][67][68][69] e l'aprile del 1966,[70][71] nel maggio dello stesso anno viene pubblicato in un unico romanzo dalla G. P. Putnam's Sons[72], nello stesso anno il romanzo vince il premio Hugo per il miglior romanzo[51]
  18. ^ Pubblicato per la prima volta nel 1967 dalla Ace Books[74] Neil Gaiman ne ha scritto una prefazione per l'edizione della Wesleyan University Press del 1998, nella quale lo riassume in poche parole come «la storia di un giovane che va in una grande città, impara alcune semplici verità sull'amore, sul diventare adulti, e decide di tornare a casa»[75] e lo definisce «un bellissimo libro, scritto in modo perturbante, capace di prefigurare molta narrativa che è venuta dopo e troppo a lungo trascurato»,[76] non solo buona sf ma «grande letteratura, poiché è una raffinata trascrizione di sogni, di storie e di miti».[76] Il romanzo è presumibilmente influenzato dal film del 1959 di Marcel Camus, Orfeo Negro (Black Orpheus). Il protagonista, Lo Lobey, è liberamente basato sul personaggio di Orfeo, e il personaggio di Kid Death è anch'esso basato sulla morte in quel film.[77][78] Il romanzo è stato scritto tra il settembre 1965 e il novembre 1966, a New York, Parigi, Venezia, Atene, Istanbul e Londra.[79] L'autore aveva scelto come titolo A Fabulous, Formless Darkness, ma dovette subire l'imposizione di un titolo diverso, più pulp.[80] L'edizione italiana della Fanucci Editore del 2004 recupera l'intenzione originaria di Delany. Il romanzo ha ottenuto la nomination agli Hugo per il miglior romanzo nel 1967[81]
  19. ^ Premio Nebula per il miglior romanzo 1968[82][83][84]
  20. ^ Pubblicato per la prima volta il 25 luglio 1967,[85][86] Si tratta del primo romanzo di Piers Anthony,[87] che nello stesso anno otterrà la nomination al premio Hugo per il miglior romanzo.[81] Seguiranno tre sequel di Chthon, Phtohr pubblicato nel dicembre del 1975,[88] Plasm (ottobre 1987)[89] e Soma (gennaio 1989)[90] entrambi del autore Charles Platt e autorizzati da Anthony.
  21. ^ Pubblicato per la prima volta nel aprile del 1965[91] e successivamente nel aprile del 1967 sulla rivista Galaxy Science Fiction[92][93][94] viene ripubblicato nuovamente nel novembre del 1967 dalla Ballantine Books[95] Entrambe le edizioni ottengono la nomination ai premi Nebula, la prima come miglior romanzo breve nel 1967 e la seconda come miglior romanzo nel 1968.[96]
  22. ^ Pubblicati i primi due capitoli del romanzo come racconti indipendenti sulla rivista The Magazine of Fantasy and Science Fiction, il primo con il titolo Dawn nell'aprile 1967[97] e il secondo con il titolo Death and the Executioner nel giugno 1967,[98][99] la prima edizione integrale del romanzo viene pubblicata nel 1967 dalla casa editrice Doubleday[100] ottenendo il premio Hugo per il miglior romanzo nel 1968.[81]
  23. ^ Il romanzo è stato scritto in due settimane, nel settembre del 1966, di ritorno dal Worldcon tenutosi a Cleveland, al termine di una calda estate durante la quale Silverberg aveva dovuto sottoporsi a una faticosa cura per problemi alla tiroide.[101][102] L'opera è stata pubblicata nel agosto del 1967 dalla casa editrice Ballantine Books[103] e nel 1968 è stata candidata al Premio Hugo[104] Due dei protagonisti del romanzo, Prolisse e Malcondotto, devono il loro nome al commento tagliente di un critico italiano che, su una rivista letta da Silverberg durante la scrittura di Thorns, definiva "prolisso e mal condotto" lo stile dei suoi primi lavori pubblicati per la casa editrice Ace Books. I termini accesero la fantasia dello scrittore che li assegnò quali cognomi ai due personaggi.[102]
  24. ^ Pubblicato per la prima volta nel luglio del 1968, il romanzo è un ampliamemto di una versione precedentemente pubblicata sulla rivista If nel luglio del 1963, quest'ultima è una parte del capitolo III A Universal Education ed appare in forma sostanzialmente diversa con il titolo Down to the Worlds of Men[106][107][108][109] nello stesso anno si è posizionato anche al secondo posto nella classifica per il Premio Hugo per il miglior romanzo.[110]
  25. ^ Premio Nebula per il miglior romanzo 1969[111][112][113]
  26. ^ Pubblicato per la prima volta in una versione più breve serializzata in tre parti come Faust Aleph-Null nella rivista If, tra agosto e ottobre del 1967, l'edizione del libro mantiene la frase come sottotitolo.[114][115] e successivamente nel 1968 dalla Doubleday, ha avuto un sequel, The Day After Judgment pubblicato nell'agosto del 1970 sulla rivista Galaxy Science Fiction[116] e successivamente nel marzo del 1971 dalla casa editrice Doubleday.[117] Insieme, queste due romanzi brevi formano la terza parte della trilogia tematica After Such Knowledge (il titolo è tratto da una linea di Gerontion di T. S. Eliot: "Dopo tale conoscenza, quale perdono?") assieme ai romanzi Guerra al grande nulla e Doctor Mirabilis.[118][119] Blish ha dichiarato che solo dopo aver completato la Pasqua Nera si è reso conto che le opere formavano una trilogia.[120] Pasqua Nera e il suo sequel furono successivamente pubblicati in un unico volume con il titolo Black Easter e The Day After Judgment nel 1980; un'edizione del 1990 della Baen Books è stata ribattezzata The Devil's Day dando il nome alla serie.[121][122]
  27. ^ Pubblicato nel 1968,[123] dal romanzo è stato tratto il celebre film Blade Runner di Ridley Scott (1982).[124] In Italia il libro è stato pubblicato con tre differenti titoli, a seconda dell'anno di uscita. Intitolato dapprima Il cacciatore di androidi, è stato poi edito con lo stesso titolo del film che ne è stato tratto, Blade Runner, per essere successivamente ritradotto e ripubblicato con un titolo più aderente all'originale, Ma gli androidi sognano pecore elettriche? edito dalla Fanucci Editore.[125] Infarcito dei temi tipici dello scrittore statunitense (cos'è reale e cosa non lo è, cosa è umano e cosa no, le droghe, la repressione poliziesca, le difficili relazioni con le donne, i simulacri), è ritenuto da alcuni[126] inferiore a capolavori quali Ubik o La svastica sul sole, mentre altri critici[127] lo ritengono da inserire a pieno titolo nel novero delle opere maggiori.[128][129]
  28. ^ Premio Nebula per il miglior romanzo 1970[131][132][133]
  29. ^ Premio Nebula per il miglior romanzo 1971[135][136][137]
  30. ^ Premio Nebula per il miglior romanzo 1972[139][140][141]
  31. ^ Premio Nebula per il miglior romanzo 1973[143][144][145]
  32. ^ Premio Nebula per il miglior romanzo 1974[147][148][149]
  33. ^ Premio Nebula per il miglior romanzo 1975[153][154][155]
  34. ^ Premio Nebula per il miglior romanzo 1976[157][158][159]
  35. ^ Premio Nebula per il miglior romanzo 1977[161][162][163]
  36. ^ Premio Nebula per il miglior romanzo 1978[165][166][167]
  37. ^ Premio Nebula per il miglior romanzo 1979[169][170][171]
  38. ^ Premio Nebula per il miglior romanzo 1980[174][175][176]
  39. ^ Premio Nebula per il miglior romanzo 1981[178][179][180]
  40. ^ Premio Nebula per il miglior romanzo 1982[182][183][184]
  41. ^ Premio Nebula per il miglior romanzo 1983[186][187][188]
  42. ^ Premio Nebula per il miglior romanzo 1984[190][191][192]
  43. ^ Premio Nebula per il miglior romanzo 1985[193][194][195]
  44. ^ Premio Nebula per il miglior romanzo 1986[200][201][202]
  45. ^ Premio Nebula per il miglior romanzo 1987[204][205][206]
  46. ^ Premio Nebula per il miglior romanzo 1988[207][208][209]
  47. ^ Premio Nebula per il miglior romanzo 1989[210][211][212]
  48. ^ Premio Nebula per il miglior romanzo 1990[213][214][215]
  49. ^ Premio Nebula per il miglior romanzo 1991[216][217][218]
  50. ^ Premio Nebula per il miglior romanzo 1992[219][220][221]
  51. ^ Premio Nebula per il miglior romanzo 1993[222][223][224]
  52. ^ Premio Nebula per il miglior romanzo 1994[225][226][227]
  53. ^ Premio Nebula per il miglior romanzo 1995[228][229][230]
  54. ^ Premio Nebula per il miglior romanzo 1996[231][232][233]
  55. ^ Premio Nebula per il miglior romanzo 1997[234][235][236]
  56. ^ Premio Nebula per il miglior romanzo 1998[237][238][239]
  57. ^ Premio Nebula per il miglior romanzo 1999[241][242][243]
  58. ^ Premio Nebula per il miglior romanzo 2000[244][245][246]
  59. ^ Premio Nebula per il miglior romanzo 2001[247][248][249]
  60. ^ Premio Nebula per il miglior romanzo 2002[250][251][252]
  61. ^ Premio Nebula per il miglior romanzo 2003[254][255][256]
  62. ^ Premio Nebula per il miglior romanzo 2004[257][258][259]
  63. ^ Premio Nebula per il miglior romanzo 2005[260][261][262]
  64. ^ Premio Nebula per il miglior romanzo 2006[263][264][265]
  65. ^ Premio Nebula per il miglior romanzo 2007[266][267][268]
  66. ^ Premio Nebula per il miglior romanzo 2008[269][270][271]
  67. ^ Premio Nebula per il miglior romanzo 2009[272][273][274]
  68. ^ Premio Nebula per il miglior romanzo 2010[275][276][277]
  69. ^ Premio Nebula per il miglior romanzo 2011[278][279][280]
  70. ^ Premio Nebula per il miglior romanzo 2012[281][282][283]
  71. ^ Premio Nebula per il miglior romanzo 2013[284][285][286]
  72. ^ Premio Nebula per il miglior romanzo 2014[287][288][289]
  73. ^ Premio Nebula per il miglior romanzo 2015[290][291][292]
  74. ^ Premio Nebula per il miglior romanzo 2016[293][294][295]
  75. ^ Premio Nebula per il miglior romanzo 2017[296][297][298]
  76. ^ Premio Nebula per il miglior romanzo 2018[299][300][301]
  77. ^ Premio Nebula per il miglior romanzo 2018[302][303]

NoteModifica

  1. ^ (EN) Nebula Rules, Science Fiction and Fantasy Writers of America, ottobre 2011. URL consultato il 12 dicembre 2011 (archiviato il 1º luglio 2011).
  2. ^ (EN) SFE Science Fiction Encycolpedia - Encyclopedia of Fantasy (1997) Nebula Awards, su sf-encyclopedia.com. URL consultato il 5 aprile 2019.
  3. ^ (EN) Sfwa Nebula - About the Nebula, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 7 aprile 2019.
  4. ^ a b (EN) Nebula Award, Overview thread, su Science Fiction Awards Database. URL consultato il 5 aprile 2019.
  5. ^ (EN) Nebula awards - Ursula K. Le Guin Past Nominations and Wins, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 5 aprile 2019.
  6. ^ (EN) Nebula awards - Jack McDevitt Past Nominations and Wins, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 5 aprile 2019.
  7. ^ (EN) Nebula awards - Poul Anderson - Past Nominations and Wins, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 5 aprile 2019.
  8. ^ (EN) Nebula awards - Phillip K. Dick Past Nominations and Wins, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 5 aprile 2019.
  9. ^ a b c d (EN) Nebula Rules, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 3 aprile 2019.
  10. ^ (EN) autori vari, The Wesleyan Anthology of Science Fiction, Wesleyan University Press, pp. 477-478, ISBN 978-0-8195-6954-7. URL consultato il 6 aprile 2019.
  11. ^ (EN) 1966 Hugo Awards, su sito ufficiale del premio. URL consultato il 7 aprile 2019.
  12. ^ (EN) Isfdb - Best Novel Nebula Award 1966, su isfdb.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  13. ^ (EN) Nebula Awards Best Novel 1966, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  14. ^ (EN) Sfadb - Nebula Awards Best Novel 1966, su sfadb.com. URL consultato il 26 marzo 2019.
  15. ^ Tessa B. Dick: le conversazioni con Philip K. Dick, su fantascienza.com. URL consultato il 28 aprile 2019.
  16. ^ (EN) Isfdb - All Flesh Is Grass, su isfdb.org. URL consultato il 10 aprile 2019.
  17. ^ (EN) Neil Barron e Robert Reginald, Capitolo 1, in Science Fiction and Fantasy Book Review, Wildside Press LLC, 2009, ISBN 978-0-89370-624-1. URL consultato il 17 aprile 2019.
    «Simak's great forte is the creation of sympathetic non-humans who patiently attempt communication with distrustful mankind."».
  18. ^ (EN) How Well Does Stephen King’s Under the Dome Translate to Television?, su Tor.com. URL consultato il 17 aprile 2019.
  19. ^ (EN) Isfdb - The Clone, su isfdb.org. URL consultato il 10 aprile 2019.
  20. ^ (EN) Sf - Encyclopedia - Theodore L. Thomas, su sf-encyclopedia.com. URL consultato il 17 aprile 2019.
  21. ^ (EN) Sf - Encyclopedia - Kate Wilhelm, su sf-encyclopedia.com. URL consultato il 17 aprile 2019.
  22. ^ (EN) Isfdb - Title: Dr. Bloodmoney or How We Got Along After the Bomb, su isfdb.org. URL consultato il 17 aprile 2019.
  23. ^ (EN) Lethem Jonathan, Five Novels of the 1960s and 70s, by Philip K. Dick - Note nel testo, New York: Library of America, 2008, pp. 1117, ISBN 978-1-59853-025-4.
  24. ^ Speciale P.K.Dick – “Cronache del dopobomba” (Dr. Bloodmoney, or How We Got Along After the Bomb, 1965), su andromedasf.altervista.org, 1 giugno 2016. URL consultato il 17 novembre 2019.
  25. ^ (EN) Sf - Encyclopedia - Dick Philip K., su sf-encyclopedia.com. URL consultato il 18 aprile 2019.
  26. ^ (EN) Isfdb - The Three Stigmata of Palmer Eldritch, su isfdb.org. URL consultato il 18 aprile 2019.
  27. ^ (EN) The world Dick made - The Three Stigmata of Palmer Eldritch published 1964, su theworlddickmade.com. URL consultato il 18 aprile 2019.
  28. ^ (EN) Isfdb - Open Prison, su isfdb.org. URL consultato il 18 aprile 2019.
  29. ^ (EN) Isfdb - The Escape Orbit, su isfdb.org. URL consultato il 18 aprile 2019.
  30. ^ (EN) Sf - Encyclopedia - James White, su sf-encyclopedia.com. URL consultato il 18 aprile 2019.
  31. ^ (EN) John Boston e Damien Broderick, John Boston & Damien Broderick, in New Worlds: Before the New Wave, 1960-1964: The Carnell Era, Volume Two, Wildside Press LLC, 2013, p. 359, ISBN 978-1-4794-0982-2. URL consultato il 18 aprile 2019.
  32. ^ (EN) Isfdb - The Genocides, su isfdb.org. URL consultato il 18 aprile 2019.
  33. ^ (EN) Horwich David, Interview: Thomas M. Disch, su Strange Horizons, 30 luglio 2001. URL consultato il 18 aprile 2019.
    «TD: Tolstoi. Truly. I read War and Peace in high school, and thought that it was very important. When I was writing The Genocides, I went down to Mexico and brought along a small supply of books, Anna Karenina among them. I don't believe that there's any direct correspondence, except that Anna Karenina was so beautiful, just constantly awesome. It was the only text for the "Beginning a Novel" writing course that I gave when I was artist-in-residence at William and Mary in 1996. It had just the effect I hoped for on my students. It just knocked them out; as soon as they had to read it attentively under a microscope, to look at what Tolstoi was doing and to try and imitate it in a conscious way, it was like putting plant food in a tomato pot.».
  34. ^ (EN) Isfdb - Nova Express, su isfdb.org. URL consultato il 18 aprile 2019.
  35. ^ (EN) Fantascienza.com - Nova Express: in lotta per il Controllo della Realtà, su fantascienza.com. URL consultato il 18 aprile 2019.
  36. ^ (EN) Isfdb - The Hounds of Hell (Part 1 of 2), su isfdb.org. URL consultato il 18 aprile 2019.
  37. ^ (EN) Isfdb - The Hounds of Hell (Part 2 of 2), su isfdb.org. URL consultato il 18 aprile 2019.
  38. ^ Renato Giovannoli, Sezione 5, in La scienza della fantascienza, Giunti, 2015, ISBN 978-88-587-6944-7. URL consultato il 19 aprile 2019.
  39. ^ (EN) Isfdb - A Plague of Demons, su isfdb.org. URL consultato il 18 aprile 2019.
  40. ^ (EN) Isfdb - Rouge Dragon, su isfdb.org. URL consultato il 19 aprile 2019.
  41. ^ (EN) Fantasy and Science Fiction - F&SF, July 1965, su sfsite.com. URL consultato il 19 aprile 2019.
    «Fantasy & Science Fiction, July 1965, cover by Jack Vaughn#TBT to the July 1965 issue of F&SF and this Jack Vaughn illustration for Avram Davidson’s “Rogue Dragon.” Based on the cover, you’d think “Rogue Dragon” was a fantasy story but it’s far future SF where Earth is set aside as a nature preserve. Davidson’s novella was nominated for the 1966 Nebula Award. The expanded novel version was also nominated for the Nebula… the same year! (Did that ever happen any other time?) “Rogue Dragon” takes up nearly half the issue (58 of 128 pages) and is a fun adventure story filled galactic empires, dragons, and nomad poets.».
  42. ^ (EN) Isfdb - The Ship That Sailed the Time Stream, su isfdb.org. URL consultato il 19 aprile 2019.
  43. ^ (EN) Vintage Treasures: The Ship That Sailed the Time Stream by G.C. Edmondson Wednesday, January 28th, 2015 - Posted by John ONeill, su blackgate.com. URL consultato il 19 aprile 2019.
  44. ^ (EN) Sf - Encyclopedia - Edmondson G. C., su sf-encyclopedia.com. URL consultato il 19 aprile 2019.
  45. ^ (EN) Isfdb - The Star Fox, su isfdb.org. URL consultato il 19 aprile 2019.
  46. ^ (EN) “Back to your caves and your dust!” - The Star Fox, su jamesdavisnicoll.com. URL consultato il 19 aprile 2019.
  47. ^ (EN) Isfdb - Series: Gunnar Heim, su isfdb.org. URL consultato il 19 aprile 2019.
  48. ^ (EN) 1965 Nebula Award, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 28 marzo 2019.
  49. ^ Marco Boscolo, Oggi Scienza - #ClassiciRiscoperti: La lingua usata come arma in Babel-17 di Samuel R. Delany, su oggiscienza.it, 6 ottobre 2017. URL consultato il 20 aprile 2019.
  50. ^ (EN) Tor.com - More dimensions than you’d expect; Samuel Delany’s Babel 17, su tor.com, 23 giugno 2009. URL consultato il 20 aprile 2019.
  51. ^ a b (EN) Hugo Awards 1967, su thehugoawards.org. URL consultato il 20 aprile 2019.
  52. ^ (EN) Isfdb - Babel 17, su isfdb.org. URL consultato il 21 aprile 2019.
  53. ^ (EN) Isfdb - Best Novel Nebula Award 1967, su isfdb.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  54. ^ (EN) Nebula Awards Best Novel 1967, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  55. ^ (EN) Sfadb - Nebula Awards Best Novel 1967, su sfadb.com. URL consultato il 26 marzo 2019.
  56. ^ (EN) Isfdb - Flowers for Algernon (Short Fiction), su isfdb.org. URL consultato il 20 aprile 2019.
  57. ^ (EN) Isfdb - Flower for Algernon, su isfdb.org. URL consultato il 20 aprile 2019.
  58. ^ (EN) Sf - Encyclopedia: Flowers For Algernon, su sf-encyclopedia.com. URL consultato il 20 aprile 2019.
  59. ^ (EN) Hugo Awards 1960, su thehugoawards.org. URL consultato il 20 aprile 2019.
  60. ^ (EN) Emily Langer, Daniel Keyes, author of the classic book 'Flowers for Algernon,' dies at 86 (The Washington Post), 18 giugno 2014. URL consultato il 20 aprile 2019.
  61. ^ (EN) Archive - Fantasy Science Fiction - April 1959 (PDF), su archive.org. URL consultato il 20 aprile 2019.
  62. ^ (EN) Kyle Munley, Challenged and Banned: Flowers for Algernon, Suvudu, 3 ottobre 2008. URL consultato il 20 aprile 2019.
  63. ^ (EN) The 100 Most Frequently Challenged Books of 1990–1999, su ala.org. URL consultato il 20 aprile 2019.
  64. ^ (EN) Daniel Keyes, Frequently Asked Questions and Updates, su danielkeyesauthor.com. URL consultato il 20 aprile 2019.
  65. ^ (EN) Cheryl Hill, A History of Daniel Keyes’ Flowers for Algernon (PDF), su slais.ubc.ca, 2004, LIBR 548F: History of the Book. URL consultato il 20 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 21 febbraio 2007).
  66. ^ (EN) Isfdb - The Moon Is a Harsh Mistress (1 of 5), su isfdb.org. URL consultato il 21 aprile 2019.
  67. ^ (EN) Isfdb - The Moon Is a Harsh Mistress (2 of 5), su isfdb.org. URL consultato il 21 aprile 2019.
  68. ^ (EN) Isfdb - The Moon Is a Harsh Mistress (3 of 5), su isfdb.org. URL consultato il 21 aprile 2019.
  69. ^ (EN) Isfdb - The Moon Is a Harsh Mistress (4 of 5), su isfdb.org. URL consultato il 21 aprile 2019.
  70. ^ (EN) Isfdb - The Moon Is a Harsh Mistress (5 of 5), su isfdb.org. URL consultato il 21 aprile 2019.
  71. ^ (EN) Tor.com - Is The Moon is a Harsh Mistress Heinlein’s All-Time Greatest Work?, su tor.com. URL consultato il 21 aprile 2019.
  72. ^ (EN) Isfdb - The Moon Is a Harsh Mistress, su isfdb.org. URL consultato il 21 aprile 2019.
  73. ^ (EN) 1966 Nebula Award, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 28 marzo 2019.
  74. ^ (EN) Isfdb - The Einstein Intersection, su isfdb.org. URL consultato il 21 aprile 2019.
  75. ^ Neil Gaiman, op. cit., p. 10
  76. ^ a b Neil Gaiman, Prefazione a Samuel R. Delany, Una favolosa tenebra informe, Fanucci Editore, 2004. p. 12
  77. ^ (EN) E - Notes - The Einstein Intersection Analysis, su enotes.com. URL consultato il 21 aprile 2019.
  78. ^ (EN) Goodreads - The music of the world, su goodreads.com. URL consultato il 21 aprile 2019.
  79. ^ Samuel R. Delany, Una favolosa tenebra informe, Fanucci Editore, 2004. p. 182
  80. ^ Neil Gaiman, op. cit., p. 8
  81. ^ a b c (EN) Hugo Awards 1968, su thehugoawards.org. URL consultato il 21 aprile 2019.
  82. ^ (EN) Isfdb - Best Novel Nebula Award 1968, su isfdb.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  83. ^ (EN) Nebula Awards Best Novel 1968, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  84. ^ (EN) Sfadb - Nebula Awards Best Novel 1968, su sfadb.com. URL consultato il 26 marzo 2019.
  85. ^ (EN) Isfdb - Chthon, su isfdb.org. URL consultato il 21 aprile 2019.
  86. ^ (EN) 25 luglio 1967, p. 32.
  87. ^ (EN) Sf - Encyclopedia - Anthony Piers, su sf-encyclopedia.com. URL consultato il 21 aprirle 2019.
  88. ^ (EN) Isfdb - Phthor, su isfdb.org. URL consultato il 21 aprile 2019.
  89. ^ (EN) Isfdb - Plasm, su isfdb.org. URL consultato il 21 aprile 2019.
  90. ^ (EN) Isfdb - Soma, su isfdb.org. URL consultato il 21 aprile 2019.
  91. ^ Unica fonte su Sf Encyclopedia
  92. ^ (EN) Sf - Encyclopedia - Howard Hayden, su sf-encyclopedia.com. URL consultato il 21 aprile 2019.
  93. ^ (EN) The Science Fiction, Fantasy, & Weird Fiction Magazine Index, su philsp.com. URL consultato il 21 aprile 2019.
  94. ^ (EN) Fantasy Science Fiction - Bibliography, su sfsite.com. URL consultato il 21 aprile 2019.
  95. ^ (EN) The Eskimo Invasion, su isfdb.org. URL consultato il 21 aprile 2019.
  96. ^ (EN) Nebula SFWA - Nomination Hayden Howard, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 21 aprile 2019.
  97. ^ (EN) Isfdb - Dawn, su isfdb.org. URL consultato il 21 aprile 2019.
  98. ^ (EN) Isfdb - Death and the Executioner, su isfdb.org. URL consultato il 21 aprile 2019.
  99. ^ (EN) Carl B. Yoke, Roger Zelazny - Abbreviation, in Roger Zelazny Starmont reader's guide Volume 21 di Starmont reader's guides to contemporary science fiction and fantasy authors, Wildside Press LLC, 1 gennaio 1979, p. 11, ISBN 978-0-916732-04-2. URL consultato il 21 aprile 2019.
  100. ^ (EN) Isfdb - Lord of Light, su isfdb.org. URL consultato il 21 aprile 2019.
  101. ^ (EN) Robert Silverberg, Introduction by Robert Silverberg, in Thorns, Open Road Media, 1 aprile 2014, ISBN 978-1-4976-3243-1. URL consultato il 25 aprile 2019.
  102. ^ a b (EN) Robert Silverberg, Other Spaces, Other Times, Hachette, 2014, ISBN 978-0-575-10677-2.
  103. ^ (EN) Isfdb - Thorns, su isfdb.org. URL consultato il 24 aprile 2019.
  104. ^ Robert Silverberg Awards Summary, su Science Fiction Awards Database. URL consultato il 2 aprile 2018.
  105. ^ (EN) 1967 Nebula Award, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 28 marzo 2019.
  106. ^ (EN) Isfdb - Rite of Passage, su isfdb.org. URL consultato il 25 aprile 2019.
  107. ^ (EN) Sf - Encyclopedia - Panshin, Alexei, su sf-encyclopedia.com. URL consultato il 25 aprile 2019.
  108. ^ (EN) [JULY 2, 1963] A NEW POINT OF VIEW (MAKING DOWN TO THE WORLDS OF MEN), su galacticjourney.org. URL consultato il 25 aprile 2019.
  109. ^ (EN) Alexei Panshin, RITE OF PASSAGE (PDF), su epdf.tips. URL consultato il 25 aprile 2019.
    «A portion of Part III appeared in substantially different form in the July 1963 issue of If under the title Down to the Worlds of Men and is copyright, 1963, by Galaxy Publishing Co., Inc.».
  110. ^ (EN) Hugo Awards 1969, su thehugoawards.org. URL consultato il 25 aprile 2019.
  111. ^ (EN) Isfdb - Best Novel Nebula Award 1969, su isfdb.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  112. ^ (EN) Nebula Awards Best Novel 1969, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  113. ^ (EN) Sfadb - Nebula Awards Best Novel 1969, su sfadb.com. URL consultato il 26 marzo 2019.
  114. ^ (EN) Isfdb - Black Easter, su isfdb.org. URL consultato il 26 aprile 2019.
  115. ^ (EN) Britannica - Faust Aleph-Null, su britannica.com. URL consultato il 26 aprile 2019.
  116. ^ (EN) Galaxy Science Fiction - The Day After Judgment, su archive.org. URL consultato il 26 aprile 2019.
  117. ^ (EN) The Day After Judgment, su isfdb.org. URL consultato il 26 aprile 2019.
  118. ^ (EN) Britannica - After Such Knowledge, su britannica.com. URL consultato il 26 aprile 2019.
  119. ^ (EN) Sf reviews - James Blish - Black Easter, su sfreviews.com. URL consultato il 26 aprile 2019.
  120. ^ (EN) David Ketterer, Imprisoned in a Tesseract: The Life and Work of James Blish, Kent State University Press, 1987, ISBN 978-0-87338-334-9.
  121. ^ (EN) Isfdb - The Devil's Day, su isfdb.org. URL consultato il 26 aprile 2019.
  122. ^ (EN) James Blish, The Devil's Day, Baen Pub. Enterprises, 1990, ISBN 978-0-671-69860-7. URL consultato il 26 aprile 2019.
  123. ^ (EN) Isfdb - Do Androids Dream of Electric Sheep?, su isfdb.org. URL consultato il 28 aprile 2019.
  124. ^ Michele Magno, Psichedelico Dick, su ilfoglio.it. URL consultato il 28 aprile 2019.
  125. ^ Fanucci Editore - Ma gli androidi sognano pecore elettriche?, su fanucci.it. URL consultato il 28 aprile 2019.
  126. ^ Recensioni opere di Philip K. Dick, su intercom.publinet.it. URL consultato il 28 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 7 dicembre 2008).
  127. ^ Ibidem
  128. ^ Marta Merigo, P. K. Dick e gli androidi sognatori di pecore elettriche di “Blade Runner”, su artspecialday.com. URL consultato il 28 aprile 2019.
  129. ^ (EN) James Van Hise, PHILIP K. DICK ON ‘BLADE RUNNER’, su scrapsfromtheloft.com, 9 novembre 2016. URL consultato il 28 aprile 2019.
  130. ^ (EN) 1968 Nebula Award, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 28 marzo 2019.
  131. ^ (EN) Isfdb - Best Novel Nebula Award 1970, su isfdb.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  132. ^ (EN) Nebula Awards Best Novel 1970, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  133. ^ (EN) Sfadb - Nebula Awards Best Novel 1970, su sfadb.com. URL consultato il 26 marzo 2019.
  134. ^ (EN) 1969 Nebula Award, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 28 marzo 2019.
  135. ^ (EN) Isfdb - Best Novel Nebula Award 1971, su isfdb.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  136. ^ (EN) Nebula Awards Best Novel 1971, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  137. ^ (EN) Sfadb - Nebula Awards Best Novel 1971, su sfadb.com. URL consultato il 26 marzo 2019.
  138. ^ (EN) 1970 Nebula Award, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 28 marzo 2019.
  139. ^ (EN) Isfdb - Best Novel Nebula Award 1972, su isfdb.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  140. ^ (EN) Nebula Awards Best Novel 1972, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  141. ^ (EN) Sfadb - Nebula Awards Best Novel 1972, su sfadb.com. URL consultato il 26 marzo 2019.
  142. ^ (EN) 1971 Nebula Award, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 28 marzo 2019.
  143. ^ (EN) Isfdb - Best Novel Nebula Award 1973, su isfdb.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  144. ^ (EN) Nebula Awards Best Novel 1973, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  145. ^ (EN) Sfadb - Nebula Awards Best Novel 1973, su sfadb.com. URL consultato il 26 marzo 2019.
  146. ^ (EN) 1972 Nebula Award, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 28 marzo 2019.
  147. ^ (EN) Isfdb - Best Novel Nebula Award 1974, su isfdb.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  148. ^ (EN) Nebula Awards Best Novel 1974, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  149. ^ (EN) Sfadb - Nebula Awards Best Novel 1974, su sfadb.com. URL consultato il 26 marzo 2019.
  150. ^ a b (EN) Michael A. Burstein, An Introductory Guide to the Nebula Awards by Michael A. Burstein on Apr 18, 2011 in Nonfiction, su apex-magazine.com. URL consultato il 7 aprile 2019.
  151. ^ (EN) Nebula Awards Nominees and Winners: Best Script, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 7 aprile 2019.
  152. ^ a b (EN) 1974 Nebula Award, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 28 marzo 2019.
  153. ^ (EN) Isfdb - Best Novel Nebula Award 1975, su isfdb.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  154. ^ (EN) Nebula Awards Best Novel 1975, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  155. ^ (EN) Sfadb - Nebula Awards Best Novel 1975, su sfadb.com. URL consultato il 26 marzo 2019.
  156. ^ (EN) SFWA - Grand Master, su nebulas.sfwa.org. URL consultato l'8 aprile 2019.
  157. ^ (EN) Isfdb - Best Novel Nebula Award 1976, su isfdb.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  158. ^ (EN) Nebula Awards Best Novel 1976, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  159. ^ (EN) Sfadb - Nebula Awards Best Novel 1976, su sfadb.com. URL consultato il 26 marzo 2019.
  160. ^ (EN) 1975 Nebula Award, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 28 marzo 2019.
  161. ^ (EN) Isfdb - Best Novel Nebula Award 1977, su isfdb.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  162. ^ (EN) Nebula Awards Best Novel 1977, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  163. ^ (EN) Sfadb - Nebula Awards Best Novel 1977, su sfadb.com. URL consultato il 26 marzo 2019.
  164. ^ (EN) 1976 Nebula Award, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 28 marzo 2019.
  165. ^ (EN) Isfdb - Best Novel Nebula Award 1978, su isfdb.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  166. ^ (EN) Nebula Awards Best Novel 1978, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  167. ^ (EN) Sfadb - Nebula Awards Best Novel 1978, su sfadb.com. URL consultato il 26 marzo 2019.
  168. ^ (EN) 1977 Nebula Award, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 28 marzo 2019.
  169. ^ (EN) Isfdb - Best Novel Nebula Award 1979, su isfdb.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  170. ^ (EN) Nebula Awards Best Novel 1979, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  171. ^ (EN) Sfadb - Nebula Awards Best Novel 1979, su sfadb.com. URL consultato il 26 marzo 2019.
  172. ^ I tre libri della trilogia Faded Sun furono pubblicati in un unico volume dall'Editrice Nord, ad essere candidato per il premio Nebula fu il primo di essi dal titolo Kesrith
  173. ^ (EN) 1978 Nebula Award, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 28 marzo 2019.
  174. ^ (EN) Isfdb - Best Novel Nebula Award 1980, su isfdb.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  175. ^ (EN) Nebula Awards Best Novel 1980, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  176. ^ (EN) Sfadb - Nebula Awards Best Novel 1980, su sfadb.com. URL consultato il 26 marzo 2019.
  177. ^ (EN) 1979 Nebula Award, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 28 marzo 2019.
  178. ^ (EN) Isfdb - Best Novel Nebula Award 1981, su isfdb.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  179. ^ (EN) Nebula Awards Best Novel 1981, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  180. ^ (EN) Sfadb - Nebula Awards Best Novel 1981, su sfadb.com. URL consultato il 26 marzo 2019.
  181. ^ a b (EN) 1981 Nebula Award, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 28 marzo 2019.
  182. ^ (EN) Isfdb - Best Novel Nebula Award 1982, su isfdb.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  183. ^ (EN) Nebula Awards Best Novel 1982, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  184. ^ (EN) Sfadb - Nebula Awards Best Novel 1982, su sfadb.com. URL consultato il 26 marzo 2019.
  185. ^ (EN) Ansible 26, June 1982, su news.ansible.uk, 26 giugno 1982. URL consultato il 2 aprile 2019.
  186. ^ (EN) Isfdb - Best Novel Nebula Award 1983, su isfdb.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  187. ^ (EN) Nebula Awards Best Novel 1983, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  188. ^ (EN) Sfadb - Nebula Awards Best Novel 1983, su sfadb.com. URL consultato il 26 marzo 2019.
  189. ^ a b (EN) 1983 Nebula Award, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 28 marzo 2019.
  190. ^ (EN) Isfdb - Best Novel Nebula Award 1984, su isfdb.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  191. ^ (EN) Nebula Awards Best Novel 1984, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  192. ^ (EN) Sfadb - Nebula Awards Best Novel 1984, su sfadb.com. URL consultato il 26 marzo 2019.
  193. ^ (EN) Isfdb - Best Novel Nebula Award 1985, su isfdb.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  194. ^ (EN) Nebula Awards Best Novel 1985, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  195. ^ (EN) Sfadb - Nebula Awards Best Novel 1985, su sfadb.com. URL consultato il 26 marzo 2019.
  196. ^ (EN) Richard Cusick, Bugfuck! By Richard Cusick (TXT), su harlanellison.com. URL consultato il 3 aprile 2019.
  197. ^ (EN) The Ellison Appreciation Society, su news.ansible.co.uk, vol. 77, dicembre 1993, ISSN 0265-9816 (WC · ACNP).
  198. ^ (EN) 1984 Nebula Award, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 28 marzo 2019.
  199. ^ (EN) The New Rebuplic - Harlan Ellison’s Death Raises a #MeToo Quandary, su newrepublic.com. URL consultato il 3 aprile 2017.
    «In 1985 at the awards dinner of the Science Fiction Writers of America, Ellison punched fellow writer Charles Platt, who had criticized Ellison for a speech he felt was tasteless.».
  200. ^ (EN) Isfdb - Best Novel Nebula Award 1986, su isfdb.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  201. ^ (EN) Nebula Awards Best Novel 1986, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  202. ^ (EN) Sfadb - Nebula Awards Best Novel 1986, su sfadb.com. URL consultato il 26 marzo 2019.
  203. ^ (EN) 1985 Nebula Award, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 28 marzo 2019.
  204. ^ (EN) Isfdb - Best Novel Nebula Award 1987, su isfdb.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  205. ^ (EN) Nebula Awards Best Novel 1987, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  206. ^ (EN) Sfadb - Nebula Awards Best Novel 1987, su sfadb.com. URL consultato il 26 marzo 2019.
  207. ^ (EN) Isfdb - Best Novel Nebula Award 1988, su isfdb.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  208. ^ (EN) Nebula Awards Best Novel 1988, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  209. ^ (EN) Sfadb - Nebula Awards Best Novel 1988, su sfadb.com. URL consultato il 26 marzo 2019.
  210. ^ (EN) Isfdb - Best Novel Nebula Award 1989, su isfdb.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  211. ^ (EN) Nebula Awards Best Novel 1989, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  212. ^ (EN) Sfadb - Nebula Awards Best Novel 1989, su sfadb.com. URL consultato il 26 marzo 2019.
  213. ^ (EN) Isfdb - Best Novel Nebula Award 1990, su isfdb.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  214. ^ (EN) Nebula Awards Best Novel 1990, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  215. ^ (EN) Sfadb - Nebula Awards Best Novel 1990, su sfadb.com. URL consultato il 26 marzo 2019.
  216. ^ (EN) Isfdb - Best Novel Nebula Award 1991, su isfdb.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  217. ^ (EN) Nebula Awards Best Novel 1991, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  218. ^ (EN) Sfadb - Nebula Awards Best Novel 1991, su sfadb.com. URL consultato il 26 marzo 2019.
  219. ^ (EN) Isfdb - Best Novel Nebula Award 1992, su isfdb.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  220. ^ (EN) Nebula Awards Best Novel 1992, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  221. ^ (EN) Sfadb - Nebula Awards Best Novel 1992, su sfadb.com. URL consultato il 26 marzo 2019.
  222. ^ (EN) Isfdb - Best Novel Nebula Award 1993, su isfdb.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  223. ^ (EN) Nebula Awards Best Novel 1993, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  224. ^ (EN) Sfadb - Nebula Awards Best Novel 1993, su sfadb.com. URL consultato il 26 marzo 2019.
  225. ^ (EN) Isfdb - Best Novel Nebula Award 1994, su isfdb.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  226. ^ (EN) Nebula Awards Best Novel 1994, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  227. ^ (EN) Sfadb - Nebula Awards Best Novel 1994, su sfadb.com. URL consultato il 26 marzo 2019.
  228. ^ (EN) Isfdb - Best Novel Nebula Award 1995, su isfdb.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  229. ^ (EN) Nebula Awards Best Novel 1995, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  230. ^ (EN) Sfadb - Nebula Awards Best Novel 1995, su sfadb.com. URL consultato il 26 marzo 2019.
  231. ^ (EN) Isfdb - Best Novel Nebula Award 1996, su isfdb.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  232. ^ (EN) Nebula Awards Best Novel 1996, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  233. ^ (EN) Sfadb - Nebula Awards Best Novel 1996, su sfadb.com. URL consultato il 26 marzo 2019.
  234. ^ (EN) Isfdb - Best Novel Nebula Award 1997, su isfdb.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  235. ^ (EN) Nebula Awards Best Novel 1997, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  236. ^ (EN) Sfadb - Nebula Awards Best Novel 1997, su sfadb.com. URL consultato il 26 marzo 2019.
  237. ^ (EN) Isfdb - Best Novel Nebula Award 1998, su isfdb.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  238. ^ (EN) Nebula Awards Best Novel 1998, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  239. ^ (EN) Sfadb - Nebula Awards Best Novel 1998, su sfadb.com. URL consultato il 26 marzo 2019.
  240. ^ Il volume originale City on Fire è stato pubblicato in italiano diviso in due parti.
  241. ^ (EN) Isfdb - Best Novel Nebula Award 1999, su isfdb.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  242. ^ (EN) Nebula Awards Best Novel 1999, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  243. ^ (EN) Sfadb - Nebula Awards Best Novel 1999, su sfadb.com. URL consultato il 26 marzo 2019.
  244. ^ (EN) Isfdb - Best Novel Nebula Award 2000, su isfdb.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  245. ^ (EN) Nebula Awards Best Novel 2000, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  246. ^ (EN) Sfadb - Nebula Awards Best Novel 2000, su sfadb.com. URL consultato il 26 marzo 2019.
  247. ^ (EN) Isfdb - Best Novel Nebula Award 2001, su isfdb.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  248. ^ (EN) Nebula Awards Best Novel 2001, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  249. ^ (EN) Sfadb - Nebula Awards Best Novel 2001, su sfadb.com. URL consultato il 26 marzo 2019.
  250. ^ (EN) Isfdb - Best Novel Nebula Award 2002, su isfdb.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  251. ^ (EN) Nebula Awards Best Novel 2002, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  252. ^ (EN) Sfadb - Nebula Awards Best Novel 2002, su sfadb.com. URL consultato il 26 marzo 2019.
  253. ^ Malgrado Declare comparisse nel ballottaggio finale, fu in seguito dichiarato ineleggibile. Verdetto della SFWA Archiviato il 29 dicembre 2007 in Internet Archive.
  254. ^ (EN) Isfdb - Best Novel Nebula Award 2003, su isfdb.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  255. ^ (EN) Nebula Awards Best Novel 2003, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  256. ^ (EN) Sfadb - Nebula Awards Best Novel 2003, su sfadb.com. URL consultato il 26 marzo 2019.
  257. ^ (EN) Isfdb - Best Novel Nebula Award 2004, su isfdb.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  258. ^ (EN) Nebula Awards Best Novel 2004, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  259. ^ (EN) Sfadb - Nebula Awards Best Novel 2004, su sfadb.com. URL consultato il 26 marzo 2019.
  260. ^ (EN) Isfdb - Best Novel Nebula Award 2005, su isfdb.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  261. ^ (EN) Nebula Awards Best Novel 2005, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  262. ^ (EN) Sfadb - Nebula Awards Best Novel 2005, su sfadb.com. URL consultato il 26 marzo 2019.
  263. ^ (EN) Isfdb - Best Novel Nebula Award 2006, su isfdb.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  264. ^ (EN) Nebula Awards Best Novel 2006, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  265. ^ (EN) Sfadb - Nebula Awards Best Novel 2006, su sfadb.com. URL consultato il 26 marzo 2019.
  266. ^ (EN) Isfdb - Best Novel Nebula Award 2007, su isfdb.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  267. ^ (EN) Nebula Awards Best Novel 2007, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  268. ^ (EN) Sfadb - Nebula Awards Best Novel 2007, su sfadb.com. URL consultato il 26 marzo 2019.
  269. ^ (EN) Isfdb - Best Novel Nebula Award 2008, su isfdb.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  270. ^ (EN) Nebula Awards Best Novel 2008, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  271. ^ (EN) Sfadb - Nebula Awards Best Novel 2008, su sfadb.com. URL consultato il 26 marzo 2019.
  272. ^ (EN) Isfdb - Best Novel Nebula Award 2009, su isfdb.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  273. ^ (EN) Nebula Awards Best Novel 2009, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  274. ^ (EN) Sfadb - Nebula Awards Best Novel 2009, su sfadb.com. URL consultato il 26 marzo 2019.
  275. ^ (EN) Isfdb - Best Novel Nebula Award 2010, su isfdb.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  276. ^ (EN) Nebula Awards Best Novel 2010, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  277. ^ (EN) Sfadb - Nebula Awards Best Novel 2010, su sfadb.com. URL consultato il 26 marzo 2019.
  278. ^ (EN) Isfdb - Best Novel Nebula Award 2011, su isfdb.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  279. ^ (EN) Nebula Awards Best Novel 2011, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  280. ^ (EN) Sfadb - Nebula Awards Best Novel 2011, su sfadb.com. URL consultato il 26 marzo 2019.
  281. ^ (EN) Isfdb - Best Novel Nebula Award 2012, su isfdb.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  282. ^ (EN) Nebula Awards Best Novel 2012, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  283. ^ (EN) Sfadb - Nebula Awards Best Novel 2012, su sfadb.com. URL consultato il 26 marzo 2019.
  284. ^ (EN) Isfdb - Best Novel Nebula Award 2013, su isfdb.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  285. ^ (EN) Nebula Awards Best Novel 2013, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  286. ^ (EN) Sfadb - Nebula Awards Best Novel 2013, su sfadb.com. URL consultato il 26 marzo 2019.
  287. ^ (EN) Isfdb - Best Novel Nebula Award 2014, su isfdb.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  288. ^ (EN) Nebula Awards Best Novel 2014, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  289. ^ (EN) Sfadb - Nebula Awards Best Novel 2014, su sfadb.com. URL consultato il 26 marzo 2019.
  290. ^ (EN) Isfdb - Best Novel Nebula Award 2015, su isfdb.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  291. ^ (EN) Nebula Awards Best Novel 2015, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  292. ^ (EN) Sfadb - Nebula Awards Best Novel 2015, su sfadb.com. URL consultato il 26 marzo 2019.
  293. ^ (EN) Isfdb - Best Novel Nebula Award 2016, su isfdb.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  294. ^ (EN) Nebula Awards Best Novel 2016, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  295. ^ (EN) Sfadb - Nebula Awards Best Novel 2016, su sfadb.com. URL consultato il 26 marzo 2019.
  296. ^ (EN) Isfdb - Best Novel Nebula Award 2017, su isfdb.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  297. ^ (EN) Nebula Awards Best Novel 2017, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  298. ^ (EN) Sfadb - Nebula Awards Best Novel 2017, su sfadb.com. URL consultato il 26 marzo 2019.
  299. ^ (EN) Isfdb - Best Novel Nebula Award 2018, su isfdb.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  300. ^ (EN) Nebula Awards Best Novel 2018, su nebulas.sfwa.org. URL consultato il 26 marzo 2019.
  301. ^ (EN) Sfadb - Nebula Awards Best Novel 2018, su sfadb.com. URL consultato il 26 marzo 2019.
  302. ^ (EN) isfdb - Best Novel Nebula Award 2019, su isfdb.org. URL consultato il 30 maggio 2019.
  303. ^ (EN) Sfadb - Nebula Awards Best Novel 2019, su sfadb.com. URL consultato il 30 maggio 2019.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  • (EN) Nebula Awards, su Sito ufficiale dei Premi Nebula. URL consultato il 29 gennaio 2016.