Apri il menu principale

Beşiktaş Jimnastik Kulübü

società polisportiva turca
Beşiktaş Jimnastik Kulübü
Calcio Football pictogram.svg
Besiktasstemma.png
Kara Kartallar (aquile nere)
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Terza divisa
Colori sociali Nero e Bianco (Strisce).svg Bianco, nero
Simboli Aquila
Inno Beşiktaş Marşı
Dati societari
Città Istanbul
Nazione Turchia Turchia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Turkey.svg TFF
Campionato Süper Lig
Fondazione 1903
Presidente Turchia Fikret Orman
Allenatore Turchia Abdullah Avci
Stadio Vodafone Arena
(41.903 posti)
Sito web www.bjk.com.tr
Palmarès
Titoli nazionali 15 Campionati turchi
Trofei nazionali 9 Coppe di Turchia
8 Supercoppe di Turchia
Soccerball current event.svg Stagione in corso
Si invita a seguire il modello di voce

Il Beşiktaş Jimnastik Kulübü, meglio noto come semplicemente Beşiktaş, è una società polisportiva turca con sede nell'omonimo quartiere della città d'Istanbul, fondato nel 1903 ed attivo in molti sport, ma famoso soprattutto per la sua sezione calcistica, che disputa le partite interne nella Vodafone Arena, impianto da 41.903 posti, e milita nella Süper Lig, la massima divisione del campionato turco di calcio.

La squadra di calcio del Beşiktaş non è mai retrocessa in seconda divisione e insieme a Galatasaray e Fenerbahçe è tra le più titolate di Turchia. Ha vinto, infatti, 15 titoli nazionali, 9 Coppe di Turchia e 8 Supercoppe di Turchia. Nel 2004 la società ha fondato un'emittente televisiva, Beşiktaş TV, dedicata completamente alla polisportiva Beşiktaş.

StoriaModifica

OriginiModifica

 
Giocatori del Beşiktaş nel 1903
 
Mehmet Şamil Şhaplı, uno dei fondatori e primo presidente del Beşiktaş
 
Calciatori del Beşiktaş prima di un incontro con il Galatasaray, 19 marzo 1939

Il Beşiktaş J.K. fu fondato nel 1903 nell'allora Impero ottomano ed è quindi la più antica società sportiva turca. Le prime sezioni del club furono quelle di lotta, pugilato, sollevamento pesi e diverse sezioni di ginnastica.

Le regole monarchiche degli ottomani furono attenuate con la dichiarazione del Meşrutiyet (la costituzione monarchica), una legge che permetteva la fondazione di società sportive che passò il 3 agosto 1909.

Il club fu ufficialmente registrato il 20 gennaio 1910 con il nome di Club Ottomano di Ginnastica Beşiktaş e Şükrü Pasha ne divenne il primo presidente ufficiale (secondo dalla fondazione). In questo modo il Beşiktaş divenne anche la prima squadra turca ufficialmente registrata.

Alcuni dei giovani patrioti del distretto di Beşiktaş (Istanbul) formarono due squadre di calcio, il Valideçeşme e il Basiret, sotto la guida di Şeref Bey. Nel 1911 le due compagini si unirono dando vita al Club Ottomano di Ginnastica Beşiktaş. In breve tempo il calcio divenne la principale sezione della società.

Anni cinquantaModifica

Il 24 settembre 1951 la federcalcio turca diede carattere di ufficialità e professionismo al campionato di calcio di Istanbul, che iniziò a disputarsi secondo i nuovi crismi nel 1952, con la partecipazione di 8 squadre. La prima edizione del torneo (1952) vide la vittoria del Beşiktaş, che concluse la competizione senza sconfitte. Il club bianconero si aggiudicò anche l'edizione 1953-1954, dopo il secondo posto del 1952-1953. Nel 1954-1955 arrivò un altro secondo posto, mentre nei successivi quattro torneo il Beşiktaş si piazzò al terzo, quinto, quarto e quinto posto.

Nel 1958-1959 il Beşiktaş esordì in Coppa dei Campioni. Nel 1959 fu istituita la massima divisione del campionato turco di calcio, che si componeva di due raggruppamenti: gruppo rosso e gruppo bianco. Nel 1959 il Beşiktaş si piazzò secondo nel gruppo bianco, alle spalle del Fenerbahçe.

Anni sessantaModifica

Nel 1959-1960 il club bianconero vinse il titolo, il terzo per il club, con cinque punti di vantaggio sul Fenerbahçe, con 68 reti fatte e sole 15 subite e 11 partite vinte per 1-0 (record per l'epoca). Ci furono poi due secondi posti di fila. Dopo tre secondi posti consecutivi (dal 1962-1963 al 1964-1965) il quarto titolo arrivò nel 1965-1966 e il quinto nella stagione successiva. Nel 1967-1968 la squadra si classificò seconda e un anno dopo terza. Nel 1967 vinse la sua prima Supercoppa di Turchia.

Anni settantaModifica

Gli anni settanta videro il Beşiktaş entrare nei primi tre posti in campionato solo 1973-1974, grazie alla seconda piazza. In questa annata arrivò anche il secondo successo in Supercoppa di Turchia. Nel 1974-1975 il club si aggiudicò la coppa nazionale per la prima volta.

Anni ottantaModifica

Nel 1981-1982, sotto la guida del tecnico iugoslavo Đorđe Milić, il Beşiktaş vinse il suo sesto titolo nazionale. Dopo il secondo posto del 1984-1985, la squadra si ripeté nel 1985-1986 con l'allenatore Branko Stanković, che l'anno dopo condusse la squadra alla vittoria della Supercoppa di Turchia e al secondo posto.

Nel 1987 assunse la guida tecnica del Beşiktaş l'inglese Gordon Milne, che inaugurò una nuova epoca d'oro per il sodalizio di Istanbul. Dapprima guidò la squadra al secondo posto nel 1987-1988 e nel 1988-1989, annata impreziosita dalla vittoria della Coppa di Turchia.

Anni novantaModifica

Milne ottenne ben tre titoli consecutivi dal 1989 al 1992, grazie anche al forte trio d'attacco composto da Metin Tekin, Ali Gültiken e Feyyaz Uçar.

Nel 1989-1990 il Beşiktaş partì male in campionato (due sconfitte e un pareggio nelle prime cinque giornate) e alla sesta giornata l'allenatore inglese decise di schierare una formazione composta da soli giocatori turchi. Allo Stadio Ali Sami Yen, il 15 ottobre 1989, il Beşiktaş vinse per 10-0 contro l'Adana Demirspor, stabilendo un nuovo record per il campionato turco. Da quel momento fu protagonista di un torneo memorabile, conclusosi con la vittoria finale e il titolo di capocannoniere di Uçar (28 gol). Nel 1990-1991 il campionato fu vinto con una sola sconfitta in 30 partite e nel 1991-1992 senza sconfitte (23 vittorie e 7 pareggi), impresa mai riuscita nel calcio turco, con una striscia di imbattibilità di 30 partite.

Nel 1992-1993 Beşiktaş e Galatasaray conclusero il campionato appaiate in classifica a quota 66 punti, ma il club bianconero, sfavorito da una peggiore differenza reti, dovette accontentarsi del secondo posto.

Milne allenò la squadra bianconera sino al 1994, facendo esprimere al suo 4-4-2 un calcio offensivo e molto produttivo in termini di realizzazioni e vincendo in totale 12 trofei, tra cui un'altra Coppa di Turchia (1989-1990, con un 2-0 in finale contro il Trabzonspor) e due supercoppe nazionali (1989, 1992).

 
Christoph Daum, allenatore del Beşiktaş dal 1993 al 1996 e dal 2001 al 2002

All'inizio del 1994 il ruolo di tecnico del Beşiktaş fu affidato al tedesco Christoph Daum, che nel 1993-1994 condusse la squadra alla vittoria della coppa nazionale (0-0 e 3-2 contro il Galatasaray), alla vittoria della supercoppa nazionale e al quarto posto. Nel 1994-1995 Daum riportò il Beşiktaş sul trono del campionato, vincendo il titolo[1]. Nel 1995-1996 la squadra si piazzò terza.

Daum lasciò il posto a Rasim Kara, che nel 1996-1997 portò la squadra al secondo posto e al terzo turno (ottavi di finale) di Coppa UEFA.

Nel 1997 sulla panchina del Beşiktaş arrivò il gallese John Toshack, che riuscì a portare a casa un trofeo, la Coppa di Turchia, vinta contro il Galatasaray (1-1 all'andata e al ritorno e vittoria per 4-2 ai rigori), oltre a condurre la compagine di Istanbul al sesto posto in campionato, valido per l'accesso al terzo turno di Coppa UEFA. La stagione fu condizionata dall'impegno europeo, con la squadra alle prese con il girone di Champions League, concluso al terzo posto dietro Bayern Monaco e Paris Saint-Germain e davanti al IFK Göteborg (2 vittorie e 4 sconfitte). Nel 1998-1999, ultima annata con Toshack, il club bianconero fu autore di un grande campionato, concluso ad un solo punto dalla vetta.

Il nuovo allenatore, il tedesco Karl-Heinz Feldkamp, si dimise nel settembre 1999 per problemi di salute[2].

Anni duemilaModifica

Sotto la guida del subentrato Hans-Peter Briegel la squadra si confermò seconda nel 1999-2000. La stagione seguente, conclusa al quarto posto in campionato, iniziò con l'allenatore italiano Nevio Scala, sollevato dall'incarico nel marzo 2001.

Nella stagione 2001-2002 il tedesco Daum tornò alla guida della squadra. Nel 2002-2003 arrivò il rumeno Mircea Lucescu, che portò il Beşiktaş alla vittoria del titolo turco e ai quarti di finale di Coppa UEFA, dove la squadra fu eliminata dal Valencia. Nel giugno 2004 fu nominato allenatore lo spagnolo Vicente del Bosque, che rimase in carica solo sette mesi, prima di lasciare il posto a Rıza Çalımbay. Questi rimase in carica fino all'ottobre 2005, quando fu esonerato in seguito agli scarsi risultati e rimpiazzato dal francese Jean Tigana. Tigana rimase in carica per due anni, vincendo una Supercoppa di Turchia nel 2006 e due Coppe di Turchia nel 2005-2006 e nel 2006-2007[3].

A Tigana subentrò Ertuğrul Sağlam, che fu il primo allenatore turco capace di portare il Beşiktaş in Champions League. Il 7 ottobre 2008 Sağlam si dimise dopo la sconfitta in Coppa UEFA contro il Metalist. Gli subentrò Mustafa Denizli, già tecnico di Fenerbahçe e Galatasaray e della nazionale turca. Nel 2008-2009 Denizli condusse il Beşiktaş alla vittoria del titolo turco dopo sei anni e alla vittoria della Coppa di Turchia. La stagione seguente si chiuse con il quarto posto in campionato.

Anni duemiladieciModifica

All'inizio di giugno del 2010 Mustafa Denizli annunciò le proprie dimissioni per motivi di salute. Al suo posto arrivò Bernd Schuster, che firmò un contratto di due anni. Il 15 marzo 2011 l'allenatore tedesco si dimise; al suo posto subentrò Tayfur Havutçu, che condusse il Beşiktaş ad una nuova vittoria in coppa nazionale e al quinto posto in campionato.

Nell'ambito delle indagini volte a verificare il coinvolgimento del club nello scandalo di partite truccate che investì il calcio turco del 2011, Havutçu fu posto in custodia cautelare, ma gli fu consentito di rimanere in carica. Il 2 agosto 2011 Carlos Carvalhal, già vice-allenatore, assunse la guida tecnica della squadra, giunta quarta in campionato nel 2011-2012. Nel 2012-2013 l'allenatore fu Samet Aybaba, che portò la compagine bianconera al terzo posto prima di essere sostituito dal croato Slaven Bilić. Nell'agosto 2013 il club fu escluso dall'Europa League per problemi finanziari (decisione confermata dal TAS). Bilić guidò la squadra a due terzi posti in campionato, nel 2013-2014 e nel 2014-2015.

Nel 2015 si insediò sulla panchina del Beşiktaş Şenol Güneş, che nel 2015-2016 portò la squadra alla vittoria del titolo nazionale dopo sette anni[4]. Il successo fu ripetuto nel campionato 2016-2017: per la squadra bianconera fu il quindicesimo titolo nazionale, che diede diritto alla terza stella[5].

Nell'annata 2017-2018 la squadra si piazzò quarta in campionarto e giunse in semifinale di Coppa di Turchia, dove il cammino terminò tra le polemiche. La partita di andata contro il Fenerbahçe alla Vodafone Arena terminò 2-2, mentre il match di ritorno, fermo sul punteggio di 0-0, fu sospeso durante il secondo tempo per incidenti, con Güneş colpito alla testa e ferito da un oggetto lanciato dagli spalti[6]. In seguito alla decisione di far giocare l'incontro a porte chiuse ripartendo dal minuto 57 di quella gara, anche alla luce dei disordini verificatisi tra le tifoserie che avevano portato all'arresto di ben trenta tifosi, il Beşiktaş decise di non presentarsi alla ripresa del match, ritenendo di aver subito un danno meritevole dell'assegnazione della vittoria a tavolino. La vittoria fu quindi assegnata al Fenerbahçe, mentre il Beşiktaş fu squalificato per un anno dalla coppa dalla federcalcio turca.

Nella stagione 2018-2019 il Beşiktaş è eliminato dall'Europa League nella fase a gironi. Il rendimento altalenante che accompagna il club in campionato si riflette anche sulla competizione europea, che porta la squadra a chiudere il girone al terzo posto (7 punti).

CronistoriaModifica

Cronistoria del Beşiktaş Jimnastik Kulübü
  • 1957   Campione di Turchia (1º titolo).
  • 1958   Campione di Turchia (2º titolo).
  • 1959 - 2º in Milli Lig, gruppo bianco.
Eliminato nel primo turno della Coppa dei Campioni.

Eliminato nel turno preliminare della Coppa dei Campioni.
Finalista in Coppa di Turchia.
Eliminato nel primo turno della Coppa dei Campioni.
Vince la Supercoppa di Turchia (1º titolo).
Eliminato nel primo turno della Coppa dei Campioni.

Eliminato nel primo turno della Coppa UEFA.
Vince la Supercoppa di Turchia (2º titolo).
Vince la Coppa di Turchia (1º titolo).
Eliminato nel primo turno della Coppa delle Coppe.
Finalista in Coppa di Turchia.
Eliminato nel primo turno della Coppa delle Coppe.

Eliminato nel primo turno della Coppa dei Campioni.
Finalista in Coppa di Turchia.
Eliminato nel primo turno della Coppa delle Coppe.
Eliminato nel primo turno della Coppa UEFA.
Vince la Supercoppa di Turchia (3º titolo).
Eliminato nei quarti della Coppa dei Campioni.
Eliminato nel primo turno della Coppa UEFA.
Eliminato nel primo turno della Coppa UEFA.
Vince la Coppa di Turchia (2º titolo).
Vince la Supercoppa di Turchia (4º titolo).
Eliminato nel primo turno della Coppa delle Coppe.
Vince la Coppa di Turchia (3º titolo).

Eliminato nel primo turno della Coppa dei Campioni.
Eliminato nel primo turno della Coppa dei Campioni.
Vince la Supercoppa di Turchia (5º titolo).
Eliminato nel primo turno della Champions League.
Finalista in Coppa di Turchia.
Eliminato nel primo secondo della Coppa delle Coppe.
Vince la Coppa di Turchia (4º titolo).
Vince la Supercoppa di Turchia (6º titolo).
Eliminato nel primo secondo della Coppa delle Coppe.
Eliminato nel turno di qualificazione della Champions League.
Eliminato nel primo turno della Coppa UEFA.
Eliminato nella fase a gironi della Champions League.
Vince la Coppa di Turchia (5º titolo).
Vince la Supercoppa di Turchia (7º titolo).
Eliminato nel primo secondo della Coppa delle Coppe.
Finalista in Coppa di Turchia.
Eliminato nel secondo turno di qualificazione della Champions League.

Eliminato nella prima fase a gironi della Champions League.
Finalista in Coppa di Turchia.
Eliminato nei quarti della Coppa UEFA.
Eliminato nella prima fase a gironi della Champions League.
Eliminato nel terzo della Coppa UEFA.
Eliminato nella fase a gironi della Coppa UEFA.
Eliminato nella fase a gironi della Coppa UEFA.
Vince la Coppa di Turchia (6º titolo).
Eliminato nella fase a gironi della Coppa UEFA.
Vince la Supercoppa di Turchia (8º titolo).
Vince la Coppa di Turchia (7º titolo).
Eliminato nella fase a gironi della Champions League.
Eliminato nel primo turno della Coppa UEFA.
Vince la Coppa di Turchia (8º titolo).
Eliminato nella fase a gironi della Champions League.

Eliminato nei sedicesimi dell'Europa League.
Vince la Coppa di Turchia (9º titolo).
Eliminato negli ottavi dell'Europa League.
Eliminato negli spareggi dell'Europa League.
Eliminato negli spareggi della Champions League.
Eliminato negli ottavi dell'Europa League.
Eliminato nella fase a gironi dell'Europa League.
Eliminato nella fase a gironi della Champions League.
Eliminato nei quarti dell'Europa League.
Eliminato negli ottavi della Champions League.
Eliminato nella fase a gironi dell'Europa League.
Ammesso alla fase a gironi dell'Europa League.

Colori e simboliModifica

ColoriModifica

Fino a quando al Palazzo Osman Pasha venivano praticati solo sport individuali, non c'era bisogno di alcun colore per le uniformi. Comunque, il numero di sportivi crebbe con i giovani che, giorno dopo giorno, sceglievano di praticare uno sport di squadra. Mehmet Şamil Bey (primo presidente del club), che si era laureato alla scuola francese di Istanbul, riunì il Comitato Fondatore. Tolse dal risvolto della giacca della divisa lo stemma che usava alla scuola francese con i colori della sua scuola e lo mostrò. Disse: Dobbiamo avere uno stemma fatto proprio come questo e dobbiamo spingere coloro che fanno sport nel nostro club a onorare questo stemma. Assistendo a questo discorso il gruppo fu vivamente d'accordo con la proposta di Mehmet Şamil Bey. Al termine della riunione, i colori della società da mettere in mostra sullo stemma furono decisi. I due principali colori della natura, in pieno contrasto tra loro, furono scelti come i colori sociali: il bianco e il nero.

Simboli ufficialiModifica

StemmaModifica

La data sul primo emblema del Beşiktaş realizzato, fu il 1906, secondo il conteggio latino degli anni, ispirato allo stemma della scuola francese. In alto, c'era scritto Beşiktaş in caratteri arabi, la lettera J fu sistemata a destra e la lettera K a sinistra. Sul retro dello stemma, c'era una scritta che diceva che era stato realizzato a Costantinopoli e il sigillo dell'artigiano che aveva realizzato lo stemma. È interessante notare che la stella sull'emblema aveva 6 punte. Questa stella a sei punte era usata fin sotto la seconda Monarchia Costituzionale (fino al 1908). Questo stemma fu donato da Iskender Yakak a Süleyman Seba, il presidente onorario del Beşiktaş J.K.

L'attuale emblema del Beşiktaş riporta la data di fondazione. Così è il 1319, l'anno della fondazione: il calendario islamico era ancora in uso al tempo della fondazione della società. 1319 è l'equivalente del 1903 nel calendario gregoriano.

La bandiera turca che compare nel mezzo dello stemma è un dono della Federcalcio turca. Il Beşiktaş guadagnò il diritto di incorporare la bandiera dopo che nella gara della nazionale turca contro la Grecia del 16 maggio 1952 scesero in campo undici giocatori, tutti appartenenti al Beşiktaş.

 
I giocatori del Besiktas durante una partita nel 2007

SoprannomeModifica

Il soprannome Kara kartallar (Aquile Nere) venne dato ai giocatori dopo una splendida gara tenutasi allo stadio Şeref contro il Süleymaniye, il 19 gennaio 1941. Tra la folla partì un gigantesco coro che recitava "Forza Aquile Nere, attaccate aquile nere!". Il Beşiktaş chiuse quella partita vincendo 6-0. Dopo quella gara il simbolo del Beşiktaş divenne un'Aquila nera.

StruttureModifica

StadioModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Vodafone Arena.
 
Panoramica della Vodafone Arena.

Dal 10 aprile 2016 il club gioca nella moderna Vodafone Arena, che può contenere 41.903 spettatori e che si trova nel distretto di Beşiktaş, nella parte europea della città. Nella sua breve storia ha comunque ospitato anche la Supercoppa UEFA 2019.

Il primo terreno di gioco del Beşiktaş è stato però il Papazın Çayırı (campo del prete), che ospitava tutti gli incontri del campionato di calcio di Istanbul; questo, oggi noto come Stadio Şükrü Saraçoğlu, ospita le gare interne del Fenerbahçe. Nel 1921 il Papazın perse la sua importanza a causa dell'apertura dello Stadio di Taksim, che venne utilizzato anch'esso congiuntamente fino alla sua demolizione, avvenuta nel 1940; in quella zona si trovano oggi il Parco di Gezi e la celebre Piazza Taksim. Dal 1947 il Beşiktaş ha giocato invece nello Stadio BJK İnönü, che poteva ospitare 41.905 persone: esso è stato utilizzato fino alla sua demolizione, avvenuta nel 2013 per far posto all'attuale impianto.

Allenatori e presidentiModifica

Di seguito l'elenco degli allenatori che si sono succeduti alla guida del club:

Di seguito l'elenco dei presidenti che si sono succeduti alla dirigenza del club:

CalciatoriModifica

  Le singole voci sono elencate nella Categoria:Calciatori del Beşiktaş J.K.

PalmarèsModifica

 
Il trofeo del campionato 2002-2003, vinto nell'anno del centenario del club

Competizioni nazionaliModifica

1957[7], 1958[7], 1959-1960, 1965-1966, 1966-1967, 1981-1982, 1985-1986, 1989-1990, 1990-1991, 1991-1992, 1994-1995, 2002-2003, 2008-2009, 2015-2016, 2016-2017
1974-1975, 1988-1989, 1989-1990, 1993-1994, 1997-1998, 2005-2006, 2006-2007, 2008-2009, 2010-2011
1967, 1974, 1986, 1989, 1992, 1994, 1998, 2006
  • Coppa del Cancelliere: 6
1943-1944, 1946-1947, 1973-1974, 1976-1977, 1987-1988, 1996-1997
2000
  • Coppa Spor-Toto: 4
    • 1966, 1968, 1970, 1972
  • Fleet Cup: 1
1986
1941, 1944, 1947
  • Coppa TSYD: 12
1965, 1966, 1972, 1973, 1975, 1984, 1985, 1989, 1990, 1991, 1994, 1997
  • Coppa dell'Aviazione: 1
1938
  • Coppa delle Associazioni di Polizia: 1
1982
  • Coppa Ali Sami Yen-Şeref Bey: 1
1963
  • Coppa della Vittoria: 1
1953
  • Coppa Efes Pilsen: 1
2006

Competizioni regionaliModifica

1923-1924, 1933-1934, 1938-1939, 1939-1940, 1940-1941, 1941-1942, 1942-1943, 1944-1945, 1945-1946, 1949-1950, 1950-1951, 1951-1952, 1953, 1954
  • Scudo di Istanbul: 1
1935
  • Coppa delle Fiere di Smirne: 1
1943

Altri piazzamentiModifica

Secondo posto: 1962-1963, 1963-1964, 1964-1965, 1967-1968, 1973-1974, 1986-1987, 1987-1988, 1988-1989, 1992-1993, 1996-1997, 1998-1999, 1999-2000, 2006-2007
Terzo posto: 1960-1961, 1961-1962, 1968-1969, 1984-1985, 1995-1996, 2001-2002, 2003-2004, 2005-2006, 2007-2008, 2012-2013, 2013-2014, 2014-2015, 2018-2019
Finalista: 1965-1966, 1976-1977, 1983-1984, 1992-1993, 1998-1999, 2001-2002
Semifinalista: 1963-1964, 1973-1974, 1984-1985, 1991-1992, 1996-1997, 2000-2001, 2017-2018
Finalista: 1966, 1975, 1977, 1982, 1990, 1991, 1993, 1995, 2007, 2009, 2016, 2017
Secondo posto: 1938, 1945, 1946

Statistiche e recordModifica

Partecipazione ai campionati e ai tornei internazionaliModifica

Campionati nazionaliModifica

Dalla stagione 1959 alla 2019-2020 il club ha ottenuto le seguenti partecipazioni ai campionati nazionali:

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Millî Lig / Türkiye 1.Lig / Süper Lig 62 1959 2019-2020 62

Tornei internazionaliModifica

Alla stagione 2019-2020 il club ha ottenuto le seguenti partecipazioni ai tornei internazionali[8]:

Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione
Coppa dei Campioni/UEFA Champions League 19 1958-1959 2017-2018
Coppa delle Coppe 7 1975-1976 1998-1999
Coppa UEFA/UEFA Europa League 19 1974-1975 2019-2020

Statistiche individualiModifica

Il giocatore con più presenze nelle competizioni europee è İbrahim Üzülmez a quota 63, mentre il miglior marcatore è Oktay Derelioğlu con 14 gol[8].

Record di presenze e di gol nelle coppe europeeModifica

Dati aggiornati al 21 aprile 2017.

Record di presenze
Record di reti

Statistiche di squadraModifica

Per quanto riguarda la partecipazione ai tornei internazionali, il club esordì nella Coppa dei Campioni 1958-1959 ma fino alla Coppa dei Campioni 1986-1987 venne sempre eliminato al primo turno: in questa occasione sconfisse invece la Dinamo Tirana e saltò il turno successivo a causa della rinuncia dell'APOEL. Arrivò quindi ai quarti, dove fu però nettamente battuto dalla Dinamo Kiev; raggiunse in seguito questo traguardo, il migliore, anche nella Coppa UEFA 2002-2003 (sconfitta contro la Lazio) e nella UEFA Europa League 2016-2017. Notevole è comunque anche l'approdo agli ottavi della UEFA Champions League 2017-2018 dopo aver terminato il gruppo al primo posto e senza subire sconfitte (4 vittorie e 2 pareggi).

A livello internazionale la miglior vittoria è per 6-0, ottenuta contro il B36 Tórshavn nel secondo turno preliminare dell'UEFA Europa League 2018-2019, mentre la peggior sconfitta è l'8-0 subito contro il Liverpool nella fase a gironi della UEFA Champions League 2007-2008[8].

OrganicoModifica

Rosa 2019-2020Modifica

Aggiornata al 29 luglio 2019.[9].

N. Ruolo Giocatore
1   P Loris Karius
8   A Umut Nayir
10   C Oğuzhan Özyakup
11   A Tyler Boyd
12   D Enzo Roco
13   C Atiba Hutchinson
15   D Nicolas Isimat-Mirin
17   C Jeremain Lens
19   A Güven Yalçın
20   C Necip Uysal
21   C Muhayer Oktay
22   A Adem Ljajić
24   D Domagoj Vida
N. Ruolo Giocatore
26   C Dorukhan Toköz
27   C Orkan Çınar
30   P Ersin Destanoğlu
37   C Mertcan Açıkgöz
41   D Alpay Çelebi
61   D Rıdvan Yılmaz
71   A Burak Yılmaz
77   D Gökhan Gönül
88   D Caner Erkin
97   P Utku Yuvakuran
  A Aras Özbiliz
  C Mohamed Elneny

Staff tecnicoModifica

Staff dell'area tecnica

NoteModifica

  1. ^ (EN) Cocaine and silverware: the weird and wonderful coaching odyssey of Christoph Daum, These Football Times, 17 febbraio 2017.
  2. ^ Galatasaray appoint veteran Feldkamp, uefa.com, 5 giugno 2007.
  3. ^ Tigana parts company with Besiktas, http://bdnews24.com, 15 maggio 2007
  4. ^ Besiktas clinch their first Turkish title for seven years with win over Osmanlispor, dailymail.co.uk, 15 maggio 2016.
  5. ^ Turchia: titolo al Besiktas con un turno di anticipo, Eurosport, 28 maggio 2017.
  6. ^ Turchia, ancora violenza: Gunes ferito, sospesa Fenerbahce-Besiktas, Sky Sport, 20 aprile 2018.
  7. ^ a b Le edizioni del 1957 e del 1958 non rientrano in realtà nella Süper Lig, ma furono due edizioni della "Coppa della Federazione Turca", che tuttavia nel 2002 la Federcalcio ha incluso nell'albo d'oro ufficiale del campionato.
  8. ^ a b c Beşiktaş JK, in www.uefa.com. URL consultato il 28 ottobre 2019.
  9. ^ http://www.bjk.com.tr/en/takim/1/

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàGND (DE7864105-6
  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio