Apri il menu principale
Héctor Barberá
Hector Barbera 2011 Estoril.jpg
Nazionalità Spagna Spagna
Motociclismo IlmorX3-003.png
Carriera
Carriera nel Motomondiale
Esordio 2002 in classe 125
Miglior risultato finale
Gare disputate 267
Gare vinte 10
Podi 32
Punti ottenuti 1735
Pole position 9
Giri veloci 10
Carriera in Supersport
Esordio 2018
Miglior risultato finale 17º
Gare disputate 6
Punti ottenuti 49
Carriera in Superbike
Esordio 2019
Gare disputate 4
Punti ottenuti 3
 

Héctor Barberá Vall (Dos Aguas, 2 novembre 1986) è un pilota motociclistico spagnolo.

CarrieraModifica

Inizia la sua carriera da professionista in ambito nazionale, vincendo nel 2002 il campionato spagnolo nella classe 125.[1] Sempre nella stessa stagione esordisce nella classe 125 del motomondiale con un'Aprilia del team Master-Aspar, con compagni di squadra: Pablo Nieto e Ángel Rodríguez, concludendo la stagione al 14º posto con 50 punti e ottenendo come miglior risultato un quarto posto in Repubblica Ceca.

Nel 2003 viene confermato nel team, rinominato Master-MXOnda-Aspar, con Pablo Nieto quale compagno di squadra, ottenendo due vittorie (Gran Bretagna e Pacifico), un secondo posto in Portogallo e due terzi posti (Olanda e Comunità Valenciana) e concludendo la stagione al 3º posto con 164 punti. Nel 2004 resta fedele alla stessa casa passando nel team Seedorf Racing, con compagno di squadra Álvaro Bautista, ottenendo quattro vittorie (Catalogna, Brasile, partendo dalla pole positon, Portogallo e Comunità Valenciana), un secondo posto in Germania, due terzi posti (Spagna e Italia), e terminando la stagione al 2º posto con 202 punti. Nel 2005 passa alla classe 250, nel team Fortuna Honda, con Jorge Lorenzo come compagno di squadra, giungendo 9º con 120 punti e ottenendo come miglior risultato un quarto posto in Australia.

Nel 2006 passa alla guida di una Aprilia RSV 250, sempre con Jorge Lorenzo come compagno, ottenendo una vittoria in Cina, un secondo posto in Turchia, un terzo posto nel GP della Comunità Valenciana e due pole position (Cina e Malesia), e terminando la stagione in 7ª posizione con 152 punti. In questa stagione è stato costretto a saltare i GP di Catalogna e Olanda a causa di una frattura al radio destro rimediata in un allenamento in mountain bike. Nel 2007 passa nel team Toth Aprilia, con Imre Tóth come compagno di squadra, ottenendo un secondo posto in Malesia, quattro terzi posti (Qatar, Italia, San Marino e Giappone) e giungendo al 5º posto a fine stagione con 177 punti.

Nel 2008 viene confermato nel team, ottenendo due secondi posti (Qatar e Germania), due terzi posti (Catalogna e San Marino), due pole position (Italia e San Marino) e concludendo la stagione al 6º posto con 142 punti. In questa stagione è stato costretto a saltare i GP di Giappone, Australia, Malesia e Comunità Valenciana a causa di fratture a tre vertebre rimediate nelle qualifiche del GP del Giappone. Nel 2009 passa al team Pepe World, con Axel Pons come compagno di squadra, ottenendo tre vittorie (Qatar, San Marino e Comunità Valenciana), tre secondi posti (Olanda, Australia e Malesia), due terzi posti (Catalogna e Portogallo) e quattro pole position (Catalogna, Paesi Bassi, Gran Bretagna e Portogallo). Terminerà la stagione al 2º posto con 239 punti.

Nel 2010 passa alla classe MotoGP nel team Paginas Amarillas Aspar, guidando una Ducati Desmosedici. Ottiene come miglior risultato due ottavi posti (Francia e Comunità Valenciana) e termina la stagione al 12º posto con 90 punti. Nel 2011 rimane nello stesso team (ridenominato questa stagione come team Mapfre Aspar). Ottiene come miglior risultato un sesto posto in Spagna e termina la stagione all'11º posto con 82 punti. In questa annata è costretto a saltare il Gran Premio d'Australia a causa della frattura della clavicola destra rimediata nel precedente GP del Giappone. Nel 2012 passa al team Pramac Racing. Ottiene come miglior risultato due settimi posti (Olanda e Malesia) e termina la stagione all'11º posto con 83 punti. Salta il Gran Premio degli Stati Uniti a causa della frattura di tibia e perone della gamba destra rimediate in un allenamento ed i Gran Premi di Indianapolis e Repubblica Ceca per la frattura di quinta, sesta e ottava vertebra dorsale rimediata nelle prove libere del GP di Indianapolis.

Nel 2013 passa al team Avintia Blusens alla guida di una FTR MGP13 (motocicletta rispettante il regolamento CRT); il compagno di squadra è Hiroshi Aoyama. Ottiene come miglior risultato due decimi posti (Italia e Stati Uniti) e termina la stagione al 16º posto con 35 punti. Nel 2014 rimane nello stesso team, il compagno di squadra è Mike Di Meglio. Corre le prime tredici gare in calendario alla guida di una Avintia GP14 (motocicletta con specifiche Open), per poi passare, a partire dal Gran Premio d'Aragona, alla guida di una Ducati Desmosedici. Ottiene come miglior risultato un quinto posto in Australia e termina la stagione al 18º posto con 26 punti. Nel 2015 rimane nel team Avintia alla guida di una Ducati Desmosedici (con specifiche Open). Il compagno di squadra è Mike Di Meglio. Chiude la stagione al quindicesimo posto con 33 punti.

Nel 2016 rimane nello stesso team, con compagno di squadra Loris Baz. A Motegi e Phillip Island sostituisce l'infortunato Andrea Iannone in sella alla Ducati ufficiale.[2] Ottiene come miglior risultato un quarto posto in Malesia e termina la stagione al 10º posto con 102 punti. Nel 2017 inizia la sua ottava stagione consecutiva in MotoGP, lo fa con lo stesso team e lo stesso compagno di squadra della stagione precedente. Ottiene come miglior risultato un nono posto in Catalogna e termina la stagione al 22º posto con 28 punti.

Nel 2018 corre in Moto2 sulla Kalex del team Pons HP40, con compagno di squadra Lorenzo Baldassarri. I'8 giugno a causa dell'arresto per guida in stato di ebrezza avvenuto la notte del 7 giugno il team rescinde il contratto con il pilota.[3] In questa stagione, a partire dal Gran Premio di Portogallo è chiamato a guidare la Kawasaki ZX-6R del team Puccetti Racing nel Campionato mondiale Supersport in sostituzione di Kenan Sofuoğlu; nel frattempo ritiratosi dalle corse.[4] Chiude la stagione al diciassettesimo posto con ventisette punti ottenuti. In Moto2 ha totalizzato dieci punti, con l'undicesimo posto in Francia come miglior risultato. Nel 2019 rimane in Supersport, è pilota titolare del Team Toth by Willirace che gli affida una Yamaha YZF-R6.[5] In occasione del Gran Premio d'Olanda si trasferisce nel mondiale Superbike alla guida della Kawasaki ZX-10R del Team Orelac Racing VerdNatura in sostituzione dell'infortunato Leandro Mercado.[6]

Risultati in garaModifica

MotomondialeModifica

2002 Classe Moto                                 Punti Pos.
125 Aprilia 16 NP 12 15 Rit 18 20 Rit 21 4 Rit 15 5 8 14 6 50 14º
2003 Classe Moto                                 Punti Pos.
125 Aprilia Rit 13 7 11 9 Rit 3 1 14 5 2 9 1 8 6 3 164
2004 Classe Moto                                 Punti Pos.
125 Aprilia 10 3 5 3 1 6 1 2 Rit 7 1 Rit 12 Rit 6 1 202
2005 Classe Moto                                   Punti Pos.
250 Honda 5 11 7 7 6 16 9 NE Rit 8 Rit 8 6 7 4 6 5 120
2006 Classe Moto                                   Punti Pos.
250 Aprilia 5 4 2 1 7 Rit Inf Inf 5 5 NE 5 Rit 6 7 10 3 152
2007 Classe Moto                                     Punti Pos.
250 Aprilia 3 Rit 8 6 4 3 8 Rit 7 6 NE 4 3 5 3 Rit 2 5 177
2008 Classe Moto                                     Punti Pos.
250 Aprilia 2 5 8 6 12 Rit 3 4 5 2 NE 4 3 AN NP Inf Inf Inf 142
2009 Classe Moto                                   Punti Pos.
250 Aprilia 1 11 4 11 5 3 2 NE 5 8 7 6 1 3 2 2 1 239
2010 Classe Moto                                     Punti Pos.
MotoGP Ducati 12 13 8 12 11 12 10 9 Rit 9 10 9 11 13 11 14 10 8 90 12º
2011 Classe Moto                                     Punti Pos.
MotoGP Ducati 12 6 Rit 9 11 11 12 7 11 9 10 Rit 9 8 Rit Inf AN 11 82 11º
2012 Classe Moto                                     Punti Pos.
MotoGP Ducati 9 10 10 9 11 10 7 9 9 Inf Inf Inf Rit 12 10 7 12 Rit 83 11º
2013 Classe Moto                                     Punti Pos.
MotoGP FTR 13 18 12 18 10 Rit 20 11 10 16 Rit 13 Rit Rit 14 14 16 12 35 16º
2014 Classe Moto                                     Punti Pos.
MotoGP Avintia e Ducati[7] Rit 15 16 15 Rit Rit 19 18 18 Rit 17 19 19 19 15 5 9 11 26 18º
2015 Classe Moto                                     Punti Pos.
MotoGP Ducati 15 12 13 14 13 13 16 Rit 13 15 16 13 18 16 9 16 13 16 33 15º
2016 Classe Moto                                     Punti Pos.
MotoGP Ducati 9 5 9 10 8 12 11 6 9 SQ 5 14 13 13 17 Rit 4 11 102 10º
2017 Classe Moto                                     Punti Pos.
MotoGP Ducati 13 13 14 12 Rit 14 9 16 SQ 20 17 14 Rit 18 14 20 14 15 28 22º
2018 Classe Moto                                       Punti Pos.
Moto2 Kalex 13 20 18 14 11 Rit 10 23º
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Gara non valida Non qual./Non part. Ritirato/Non class. Squalificato "-" Dato non disp.
Fonte dei dati: motogp.com, racingmemo.free.fr, autosport.com, jumpingjack.nl, pilotegpmoto.com.

Campionato mondiale SupersportModifica

2018 Moto                         Punti Pos.
Kawasaki 11 10 9 7 27 17º
2019 Moto                         Punti Pos.
Yamaha 4 7 NP 22
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Gara non valida Non qual./Non part. Ritirato/Non class. Squalificato "-" Dato non disp.

Campionato mondiale SuperbikeModifica

2019 Moto                           Punti Pos.
Kawasaki 16 AN 16 13 14 AN 3
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Non disputata/Non valida Non qual./Non part. Squalificato Ritirato

NoteModifica

  1. ^ (ES) Redazione RFME, Albo d'oro dei campionati spagnoli di motociclismo (PDF), su fedemoto.info. URL consultato il 31 agosto 2018.
  2. ^ Redazione Corriere dello Sport, MotoGp Giappone, Barberá sostituisce Iannone, su corrieredellosport.it, 13 ottobre 2016. URL consultato il 14 ottobre 2016.
  3. ^ (ES) pmpress, difusion de noticias, PONS Racing rescinde el contrato con Héctor Barberá, su www.pmpress.es, 8 giugno 2018. URL consultato il 9 giugno 2018.
  4. ^ (DE) Kay Hettich, Puccetti-Boss jubelt: «Barberá hat uns überrascht», su speedweek.com, 30 agosto 2018. URL consultato il 31 agosto 2018.
  5. ^ Mirko Colombi, SBK, Niente 'pensione' per Barbera, nel 2019 con il team Toth, su gpone.com, 7 dicembre 2018. URL consultato il 24 febbraio 2019.
  6. ^ Redazione Moto, SBK 2019. Barberá sostituirà Mercado ad Assen, su moto.it, 10 aprile 2019. URL consultato il 13 aprile 2019.
  7. ^ Con Ducati a partire dal GP d'Aragona.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica