Apri il menu principale
Ángel Nieto Team
Motociclismo IlmorX3-003.png
PaeseSpagna Spagna
Nome completoSama Qatar Angel Nieto Team
CategorieMoto2
Moto3
Classe 125
Team managerJorge Martínez
Piloti nel 2019
Moto218 Andorra Xavi Cardelus
96 Regno Unito Jake Dixon
Moto325 Spagna Raúl Fernández
75 Spagna Albert Arenas
Moto nel 2019KTM Moto2 (Moto2)
KTM RC 250 GP (Moto3)
Pneumatici nel 2019Dunlop
Campioni del Mondo
Classe 1252006 - Spagna Álvaro Bautista
2007 - Ungheria Gábor Talmácsi
2009 - Spagna Julián Simón
2011 - Spagna Nicolás Terol

L'Ángel Nieto Team è una squadra spagnola di motociclismo sportivo nata nel 1992 ad opera dell'ex pilota e quattro volte campione del mondo Jorge Martínez.

StoriaModifica

Già prima del suo ritiro dalle competizioni del motomondiale avvenuto nel 1997, Martínez allestì un suo team che divenne operativo nel motomondiale 1993 schierando una Honda nella classe 125; con questa moto il pilota spagnolo giunse all'ottavo posto in classifica generale.[1] Già dall'anno successivo e per due anni, dopo essere passato dall'utilizzo di modelli Honda a quelli della Yamaha, le moto schierate divennero stabilmente due, essendosi affiancando al team manager il pilota giapponese Yoshiaki Katō. Nel 1996 il team passò poi a gestire delle Aprilia.

Nel primo anno di gare dopo il ritiro dalle stesse del fondatore, il pilota del team fu lo spagnolo Jerónimo Vidal, vincitore del titolo nazionale spagnolo della classe 125 proprio con il team di Martínez.

Nonostante la partecipazione del team si estese, con il passare delle stagioni, a tutte le classi del motomondiale, la classe di minor cilindrata fu sempre quella che diede maggiori soddisfazioni alla squadra: nella categoria ottenne quattro titoli iridati, grazie ad Álvaro Bautista nel motomondiale 2006, a Gábor Talmácsi nel 2007, a Julián Simón nel 2009 e a Nicolás Terol nel 2011 tutti con motociclette Aprilia. Altri risultati di rilievo sono stati le due vittorie del campionato europeo 125 GP (nel 1992 e nel 1994 ad opera di Juan Bautista Borja e dello stesso "Aspar" Martínez), di quattro titoli spagnoli in 125 e di uno in 250.[2]

Da ricordare anche numerosi altri piloti di prestigio che si susseguirono all'interno del box di Jorge Martínez, come ad esempio: Emilio Alzamora, Alex Debón, Randy De Puniet, Toni Elías, Sebastián Porto e Arnaud Vincent.

A partire dal 2010 ha allargato le sue partecipazioni anche alla MotoGP con una Ducati Desmosedici affidata a Héctor Barberá; alla sua prima partecipazione è giunto al nono posto nella classifica dedicata ai team. Sempre nel 2010 partecipa al nascente campionato di Moto2 schierando da prima l'italiana RSV DR600, per passare a stagione in corso alla motocicletta Suter MMX. Il pilota Julián Simón, pur non vincendo gran premi, si laurea vicecampione della nuova classe intermedia con 201 punti e otto piazzamenti a podio.

La stessa accoppiata moto/pilota si è ripresentata anche l'anno successivo al via della classe MotoGP. In Moto2 schiera ancora motociclette Suter ma non ottiene risultati di rilievo, a parte un secondo posto di Julián Simón al Gran Premio di Portogallo.

Nel motomondiale 2012 il team schiera due ART GP12 (moto appartenente alla categoria CRT) con piloti Randy De Puniet e Aleix Espargaró. Dopo aver vinto l'ultimo titolo della classe 125 nel 2011, il team passa alla nascente Moto3, mettendo in pista motociclette Kalex motorizzate KTM. Nella stagione d'esordio ottiene tre vittorie con i piloti Luis Salom e Jonas Folger. Per quanto concerne la classe intermedia, la Moto2, il team continua a schierare motociclette Suter.

Nel motomondiale 2013 per quanto concerne la MotoGP il team schiera gli stessi piloti e la stessa moto, in versione GP13. Aleix Espargaró si classifica 11º in campionato, primo dei piloti alla guida di una moto CRT con 93 punti. La squadra si piazza settima in classifica con 129 punti. In Moto2 schiera ancora motociclette Suter andando ad ottenere le prime vittorie di categoria con Nicolás Terol e Jordi Torres. Nella Moto3 Schiera ancora motociclette Kalex-KTM, senza ottenere vittorie.

Nel motomondiale 2014 avviene un cambio nella squadra MotoGP: si passa alle motociclette Honda RCV1000R in configurazione open. Come piloti il team punta su due campioni del mondo: l'ex iridato MotoGP Nicky Hayden e l'ultimo campione della classe 250 Hiroshi Aoyama, quest'ultimo chiude il campionato in 14ª posizione con 68 punti ma è l'unico pilota a portare a termine tutti i 18 gran premi in calendario, mancando la zona punti solo ad Assen dove si classifica 16º. Nella classe intermedia il team schiera ancora motociclette Suter. Ottiene solo qualche punto. Nella Moto3, correndo con moto Kalex-KTM, non ottiene risultati di rilievo.

Nel motomondiale 2015 classe MotoGP il team schiera la nuova Honda RCV213-RS, in configurazione Open. Confermato Hayden, si unisce al team Eugene Laverty, proveniente dal mondiale Superbike, che rileva il posto di Aoyama. Il team non partecipa alla classe Moto2, mentre nella Moto3 si assiste ad un cambio di moto, abbandonate le Kalex-KTM, vengono messe in pista tre motociclette Mahindra MGP3O, affidate agli spagnoli Juanfran Guevara, Jorge Martín e all'italiano Francesco Bagnaia. In occasione del Gran Premio Francia Moto3, Francesco Bagnaia riporta il team sul podio di un GP iridato piazzandosi al terzo posto.

Nel Motomondiale 2016 si assiste ad un cambio di moto sul fronte Moto GP, vengono schierate infatti due Ducati Desmosedici in versione GP14, riadattate ai nuovi regolamenti. Queste moto sono affidate al confermato Eugene Laverty e al colombiano Yonny Hernández proveniente dal team Pramac Racing. In Moto3 vengono schierate ancora le Mahindra, passando però da tre a due moto, affidate ai confermati Martín e Bagnaia, proprio quest'ultimo ottiene un altro podio nella gara inaugurale della stagione in Qatar e la prima vittoria della Mahindra nel motomondiale durante il GP d'Olanda.[3]

Nel Motomondiale 2017 si assiste ad un cambio totale di piloti da parte del team. Nella classe Moto3 Francesco Bagnaia lascia il team per trasferirsi in Moto2 allo SKY Racing Team VR46, mentre Jorge Martín rimane nella stessa classe ma si accasa al Team Gresini. Al loro posto vengono ingaggiati l'italiano Lorenzo Dalla Porta e lo spagnolo Albert Arenas. Sia Laverty che Hernandez lasciano la MotoGP, il primo ritorna nel Campionato mondiale Superbike il secondo si accasa in Moto2 all'AGR Team. Al loro posto vengono ingaggiati, alla guida delle Ducati Desmosedici, il ceco Karel Abraham, al rientro dopo una stagione opaca in Superbike, e l'esperto pilota spagnolo Álvaro Bautista.[4]

Il 26 dicembre 2017 il team annuncia di aver cambiato il nome in "Ángel Nieto Team" in memoria del campione spagnolo Ángel Nieto scomparso nell'agosto dello stesso anno.[5]

Nel 2018 il team schiera gli stessi piloti della stagione precedente in MotoGP, anche le prestazioni rimangono in linea con quelle del 2017. In occasione del Gran Premio d'Australia corre l'australiano Mike Jones, in sostituzione di Bautista, passato al team ufficiale Ducati per sostituire a sua volta l'infortunato Jorge Lorenzo.[6] Nella classe Moto3 il Team mette in pista due KTM RC 250 GP affidate ad Albert Arenas a ad Andrea Migno che ottengono una doppietta in occasione del Gran Premio di Francia.[7] Un altro successo arriva in occasione del Gran Premio d'Australia.

Risultati del team in MotoGPModifica

Diversamente dalla classifica costruttori, i punti e il risultato finale sono la somma dei punti ottenuti dai piloti della squadra e il risultato finale si riferisce al team, non al costruttore.

Anno Moto Gomme Piloti                                     Punti Pos.
2010 Ducati Desmosedici B Héctor Barberá 12 13 8 12 11 12 10 9 Rit 9 10 9 11 13 11 14 10 8 90
Anno Moto Gomme Piloti                                     Punti Pos.
2011 Ducati Desmosedici B Héctor Barberá 12 6 Rit 9 11 11 12 7 11 9 10 Rit 9 8 Rit Inf AN 11 82
Damian Cudlin NP
Anno Moto Gomme Piloti                                     Punti Pos.
2012 ART B Randy De Puniet 13 Rit 13 Rit 15 12 8 11 12 11 Rit 8 9 11 Rit Rit 11 12 136
Aleix Espargaró 15 12 12 13 13 11 Rit 13 13 9 10 10 Rit 10 12 8 10 11
Anno Moto Gomme Piloti                                     Punti Pos.
2013 ART B Aleix Espargaró 11 11 9 13 8 8 8 8 Rit 12 10 10 13 11 9 11 Rit 11 129
Randy De Puniet 12 14 Rit Rit 11 Rit 12 12 Rit Rit 15 16 17 13 12 10 13 Rit
Anno Moto Gomme Piloti                                     Punti Pos.
2014 Honda RCV1000R B Nicky Hayden 8 11 11 11 Rit NP 13 17 14 Inf Inf Inf Inf 9 14 10 Rit 13 116
Leon Camier Rit 15 16 16
Hiroshi Aoyama 11 12 10 12 14 14 15 16 12 10 13 14 12 8 13 8 11 15
Anno Moto Gomme Piloti                                     Punti Pos.
2015 Honda RC213V-RS B Nicky Hayden 17 13 16 17 11 Rit Rit 16 16 16 17 12 17 15 13 Rit 16 17 25 12º
Eugene Laverty 18 16 17 18 14 15 12 Rit 17 19 Rit 17 19 14 17 19 19 Rit
Anno Moto Gomme Piloti                                     Punti Pos.
2016 Ducati Desmosedici M Eugene Laverty 12 4 12 9 11 13 13 7 11 18 6 12 14 14 Rit 14 12 16 97 10º
Yonny Hernández Rit Rit 14 15 Rit 16 17 Rit 18 17 11 11 16 16 12 13 Rit Rit
Anno Moto Gomme Piloti                                     Punti Pos.
2017 Ducati Desmosedici M Álvaro Bautista Rit 4 15 Rit Rit 5 7 Rit 6 Rit 8 10 12 8 Rit 17 11 Rit 107
Karel Abraham 14 10 Rit 15 Rit 16 14 7 17 13 14 13 17 Rit Rit 14 Rit 14
Anno Moto Gomme Piloti                                       Punti Pos.
2018 Ducati Desmosedici M Álvaro Bautista 13 16 15 8 Rit 9 9 9 5 9 10 AN 9 Rit 8 5 7 Rit 104
Mike Jones 18
Karel Abraham 15 20 Rit 18 17 Rit 13 Rit 18 18 21 AN 20 15 17 Rit 11 Rit 14
Legenda Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti
Gara non valida Non qualificato/Non partito Squalificato Ritirato/Non class.

NoteModifica

  1. ^ (FR) Vincent Glon, Motomondiale 1993 classifica 125, racingmemo.free.fr, 23 aprile 2011.
  2. ^ (FR) Vincent Glon, Albo d'oro del campionato europeo Velocità, racingmemo.free.fr, 23 aprile 2011.
  3. ^ Alessio Brunori, Moto3 Assen: Gara pazzesca, vince Bagnaia su Migno e Di Giannantonio, motograndprix.motorionline.com, 26 giugno 2016.
  4. ^ Diana Tamantini, MotoGP Karel Abraham svela i piani 2017 con Aspar Team, corsedimoto.com, 2 marzo 2017.
  5. ^ Giacomo Rauli, Il team Aspar cambia nome in memoria di Angel Nieto (motorsport.com), 27 dicembre 2017.
  6. ^ Redazione Moto, Mike Jones, di nuovo in MotoGP per sostituire Bautista, moto.it, 23 ottobre 2018.
  7. ^ (EN) Redazione MotoGP, Moto3 2018 Le Mans - Results Race (PDF), motogp.com, 20 maggio 2018.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  • Sito ufficiale, su teamaspar.com. URL consultato il 6 agosto 2011 (archiviato dall'url originale il 26 agosto 2012).