Apri il menu principale

Robert Prosinečki

allenatore di calcio ed ex calciatore croato
Robert Prosinečki
Robert Prosinečki.jpg
Prosinečki nel 2012
Nazionalità Jugoslavia Jugoslavia
Croazia Croazia (dal 1991)
Altezza 182 cm
Peso 77 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Ritirato 2004 - giocatore
Carriera
Squadre di club1
1986-1987Dinamo Zagabria2 (1)
1987-1991Stella Rossa117 (24)
1991-1994Real Madrid55 (10)
1994-1995Real Oviedo30 (5)
1995-1996Barcellona19 (2)
1996-1997Siviglia20 (4)
1997-2000Dinamo Zagabria50 (14)
2000-2001Hrvatski Dragovoljac4 (1)
2001Standard Liegi20 (4)
2001-2002Portsmouth33 (9)
2002-2003Olimpia Lubiana23 (3)
2003-2004NK Zagabria26 (5)
Nazionale
1987Jugoslavia Jugoslavia U-205 (1)
1989-1991Jugoslavia Jugoslavia15 (4)
1993-2002Croazia Croazia49 (10)
Carriera da allenatore
2006-2010Croazia CroaziaVice
2010-2012Stella Rossa
2012-2013Kayserispor
2014-2017Azerbaigian Azerbaigian
2018-2019Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina
Palmarès
Transparent.png Mondiali di Calcio Under-20
Oro Cile 1987
Coppa mondiale.svg Mondiali di calcio
Bronzo Francia 1998
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 10 settembre 2019

Robert Prosinečki (in Alfabeto cirillico Роберт Просинечки; [ˈrɔbɛrt ˈprɔsinɛtʃki]; Villingen-Schwenningen, 12 gennaio 1969) è un allenatore di calcio ed ex calciatore croato, di ruolo centrocampista.

BiografiaModifica

Robert Prosinečki è nato nell'allora Germania Ovest da una coppia di lavoratori alberghieri emigrati dalla Jugoslavia, Đuro Prosinečki, croato, proveniente da un villaggio nei pressi di Kraljevec na Sutli, ed Emilija Đoković, serba, nativa di una località vicino Čačak.[1][2]

Caratteristiche tecnicheModifica

GiocatoreModifica

Era un centrocampista dotato di buon dribbling,[2][3] cambio di passo,[2] abile nel calciare le punizioni[2][3] e a tirare da fuori area,[2] oltre ad avere un'ottima visione di gioco che gli consentiva di fornire assist ai compagni.[3] Aveva anche una forte personalità,[3] che non andava di pari passo con la sua professionalità vista la sua condotta non sempre equilibrata fuori dal campo che lo ha portato a infortunarsi più volte.[3][4]

CarrieraModifica

GiocatoreModifica

ClubModifica

 
Prosinečki alla Stella Rossa con la Coppa dei Campioni 1990-1991, vinta al San Nicola di Bari

Iniziò la carriera nella Dinamo Zagabria, dove all'età di diciassette anni fu respinto dall'ex allenatore Miroslav Blažević.[5] Trasferitosi alla Stella Rossa di Belgrado, sotto la guida di Dragoslav Šekularac prima e successivamente di Ljupko Petrović, vince la Coppa dei Campioni 1990-1991.

Giocò anche con Real Madrid, Real Oviedo, Barcellona, Siviglia, Hrvatski Dragovoljac, Standard Liegi, Portsmouth, Olimpia Lubiana e NK Zagabria.

NazionaleModifica

Conta 15 presenze e 4 gol con la Nazionale jugoslava,[4] e 49 presenze e 10 gol con la Nazionale croata. Nel 1987 fu nominato miglior giocatore del torneo nel campionato del mondo Under-20 1987 disputatosi in Cile.[2][6] Nel torneo è stato decisivo nei quarti di finale contro il Brasile.[2]

In seguito giocò con la Nazionale maggiore jugoslava al campionato del mondo 1990 in Italia – dove venne eletto miglior giovane del Mondiale[7] – e con la Nazionale croata al campionato d'Europa 1996 in Inghilterra, al campionato del mondo 1998 in Francia (manifestazioni in cui segnò 2 gol, contribuendo al raggiungimento del terzo posto finale) e al campionato del mondo 2002 in Corea del Sud e Giappone.

È l'unico giocatore della storia[8] ad aver realizzato gol ai Mondiali giocando per due Nazionali diverse: nel 1990 segnò agli Emirati Arabi Uniti con la maglia della Jugoslavia, mentre nel 1998 andò a segno contro Giamaica (gironi) e Paesi Bassi (finale 3º posto) vestendo la divisa della Croazia.[2] Nella stessa competizione, lui era subentrato a un minuto dalla fine nella semifinale contro la Francia (persa 2-1), e la cosa ha suscitato non poche critiche nei confronti dell'allenatore della Croazia Miroslav Blažević,[2][5] tanto che lo stesso Blažević ha successivamente dichiarato di essere pentito della propria scelta.[2][5]

AllenatoreModifica

Inizia la sua carriera di allenatore il 25 luglio 2006 come assistente di Slaven Bilić nella Nazionale croata. Il 9 dicembre 2010 è diventato l'allenatore della Stella Rossa di Belgrado, sostituendo Aleksandar Kristić, e diventando il primo allenatore croato ad allenare una squadra serba dai tempi delle guerre in Jugoslavia.[2] Si dimette dall'incarico il 21 luglio 2012.

Il 15 ottobre dello stesso anno diventa allenatore del Kayserispor al posto di Shota Arveladze. Il 31 dicembre 2013 ha trovato l'accordo con la dirigenza per la rescissione contrattuale; già diverse settimane prima aveva presentato le proprie dimissioni, inizialmente rifiutate. Nel dicembre del 2014 diventa commissario tecnico della nazionale azera al posto di Berti Vogts fino all'ottobre 2017. Il 4 gennaio 2018 viene nominato commissario tecnico della Bosnia ed Erzegovina.[9] Dopo un'ottima Nations League in cui la squadra arriva prima nel suo girone con 10 punti davanti ad Austria ed Irlanda del Nord,[10] nelle qualificazioni a Euro 2020 la squadra fatica,[11] tanto che l'8 settembre 2019, a seguito della netta sconfitta per 4-2 rimediata dalla Bosnia contro l'Armenia, si dimette dalla carica di CT,[12] salvo tornare sui suoi passi due giorni dopo.[13]

StatisticheModifica

GiocatoreModifica

Cronologia presenze e reti in nazionaleModifica

JugoslaviaModifica
Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Jugoslavia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
23-8-1989 Kuopio Finlandia   2 – 2   Jugoslavia Amichevole -   46’
20-9-1989 Novi Sad Jugoslavia   3 – 0   Grecia Amichevole 1
28-10-1989 Amarousio Cipro   1 – 2   Jugoslavia Amichevole -   75’
14-11-1989 João Pessoa Brasile   0 – 0   Jugoslavia Amichevole -
13-12-1989 Londra Inghilterra   2 – 1   Jugoslavia Amichevole -   78’
26-5-1990 Lubiana Jugoslavia   0 – 1   Spagna Amichevole -
3-6-1990 Zagabria Jugoslavia   0 – 2   Paesi Bassi Amichevole -   59’
10-6-1990 Milano Germania Ovest   4 – 1   Jugoslavia Mondiali 1990 - 1º turno -   56’
19-6-1990 Bologna Jugoslavia   4 – 1   Emirati Arabi Uniti Mondiali 1990 - 1º turno 1   79’
30-6-1990 Firenze Argentina   0 – 0 dts
(3 – 2 dcr)
  Jugoslavia Mondiali 1990 - Quarti di finale -
12-9-1990 Belfast Irlanda del Nord   0 – 2   Jugoslavia Qual. Euro 1992 1
31-10-1990 Belgrado Jugoslavia   4 – 1   Austria Qual. Euro 1992 -
27-3-1991 Belgrado Jugoslavia   4 – 1   Irlanda del Nord Qual. Euro 1992 -
1-5-1991 Belgrado Jugoslavia   1 – 2   Danimarca Qual. Euro 1992 -
16-5-1991 Belgrado Jugoslavia   7 – 0   Fær Øer Qual. Euro 1992 1
Totale Presenze 15 Reti 4
CroaziaModifica
Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Croazia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
23-3-1994 Valencia Spagna   0 – 2   Croazia Amichevole 1
18-5-1994 Győr Ungheria   2 – 2   Croazia Amichevole -   46’
4-6-1994 Zagabria Croazia   0 – 0   Argentina Amichevole -   83’
4-9-1994 Tallinn Estonia   0 – 2   Croazia Qual. Euro 1996 -
16-11-1994 Palermo Italia   1 – 2   Croazia Qual. Euro 1996 -   58’
25-3-1995 Zagabria Croazia   4 – 0   Ucraina Qual. Euro 1996 1
29-3-1995 Vilnius Lituania   0 – 0   Croazia Qual. Euro 1996 -   12’
26-4-1995 Zagabria Croazia   2 – 0   Slovenia Qual. Euro 1996 1   83’
3-9-1995 Zagabria Croazia   7 – 1   Estonia Qual. Euro 1996 -
15-11-1995 Lubiana Slovenia   1 – 2   Croazia Qual. Euro 1996 -
28-2-1996 Fiume Croazia   2 – 1   Polonia Amichevole -   59’
26-3-1996 Varaždin Croazia   2 – 0   Israele Amichevole -   63’
24-4-1996 Londra Inghilterra   0 – 0   Croazia Amichevole -
11-6-1996 Nottingham Turchia   0 – 1   Croazia Euro 1996 - 1º turno -
16-6-1996 Sheffield Croazia   3 – 0   Danimarca Euro 1996 - 1º turno -   23’   67’
19-6-1996 Nottingham Croazia   0 – 3   Portogallo Euro 1996 - 1º turno -   46’
10-11-1996 Zagabria Croazia   1 – 1   Grecia Qual. Mondiali 1998 -   74’
11-12-1996 Casablanca Marocco   2 – 2   Croazia Amichevole -   70’
12-12-1996 Casablanca Croazia   1 – 1   Rep. Ceca Amichevole -   85’
29-3-1997 Spalato Croazia   1 – 1   Danimarca Qual. Mondiali 1998 -
2-4-1997 Spalato Croazia   3 – 3   Slovenia Qual. Mondiali 1998 1
30-4-1997 Salonicco Grecia   0 – 1   Croazia Qual. Mondiali 1998 -   72’
8-6-1997 Tokyo Giappone   4 – 3   Croazia Kirin Cup -   74’
12-6-1997 Sendai Turchia   1 – 1   Croazia Kirin Cup - cap.   72’
11-10-1997 Lubiana Slovenia   1 – 3   Croazia Qual. Mondiali 1998 -
29-10-1997 Zagabria Croazia   2 – 0   Ucraina Qual. Mondiali 1998 -
29-5-1998 Pola Croazia   1 – 2   Slovacchia Amichevole -   28’   79’
3-6-1998 Fiume Croazia   2 – 0   Iran Amichevole 1   80’
6-6-1998 Zagabria Croazia   7 – 0   Australia Amichevole 1   59’
14-6-1998 Lens Giamaica   1 – 3   Croazia Mondiali 1998 - 1º turno 1
20-6-1998 Lens Giappone   0 – 1   Croazia Mondiali 1998 - 1º turno -   26’   66’
26-6-1998 Bordeaux Argentina   1 – 0   Croazia Mondiali 1998 - 1º turno -   68’
8-7-1998 Saint-Denis Francia   2 – 1   Croazia Mondiali 1998 - Semifinale -   89’
11-7-1998 Parigi Paesi Bassi   1 – 2   Croazia Mondiali 1998 - Finale 3º posto 1   78’
16-8-2000 Bratislava Slovacchia   1 – 1   Croazia Amichevole -
11-10-2000 Zagabria Croazia   1 – 1   Scozia Qual. Mondiali 2002 -
28-2-2001 Fiume Croazia   1 – 0   Austria Amichevole -   46’
24-3-2001 Osijek Croazia   4 – 1   Lettonia Qual. Mondiali 2002 -   63’
2-6-2001 Varaždin Croazia   4 – 0   San Marino Qual. Mondiali 2002 -
6-6-2001 Riga Lettonia   0 – 1   Croazia Qual. Mondiali 2002 -   72’
15-8-2001 Dublino Irlanda   2 – 2   Croazia Amichevole -   74’
1-9-2001 Glasgow Scozia   0 – 0   Croazia Qual. Mondiali 2002 -   78’
5-9-2001 Serravalle San Marino   0 – 4   Croazia Qual. Mondiali 2002 2
6-10-2001 Zagabria Croazia   1 – 0   Belgio Qual. Mondiali 2002 -   80’
13-2-2002 Fiume Croazia   0 – 0   Bulgaria Amichevole -   46’
27-3-2002 Zagabria Croazia   0 – 0   Slovenia Amichevole -   46’
17-4-2002 Zagabria Croazia   2 – 0   Bosnia ed Erzegovina Amichevole -   46’
8-5-2002 Pécs Ungheria   0 – 2   Croazia Amichevole -   78’
3-6-2002 Niigata Croazia   0 – 1   Messico Mondiali 2002 - 1º turno -   46’
Totale Presenze 49 Reti 10

AllenatoreModifica

Nazionale nel dettaglioModifica

AzerbaigianModifica

Statistiche aggiornate al 4 giugno 2018.

Stagione Squadra Campionato Piazzamento Andamento Reti
Giocate Vittorie Pareggi Sconfitte % vittorie GF GS DR
2015   Azerbaigian Qual. Euro 2016 5° nel gruppo H, non qualificato 6 1 3 2 16,67 5 7 -2
2016 Qual. Mondiali 5° nel gruppo C, non qualificato 4 2 1 1 50,00 2 4 -2
2017 6 1 0 5 16,67 8 15 -7
Dal 2015 al 2017 Amichevoli 6 2 2 2 33,33 7 6 +1
Totale Azerbaigian 22 6 6 10 27,27 22 32 -10
Bosnia ed ErzegovinaModifica

Statistiche aggiornate al 16 ottobre 2019.

Stagione Squadra Competizione Piazzamento Andamento Reti
Giocate Vittorie Pareggi Sconfitte % vittorie GF GS DR
2018   Bosnia ed Erzegovina UEFA Nations League 1° nel gruppo 3, promosso 4 3 1 0 75,00 5 1 +4
2019 Qual. Euro 2020 nel gruppo J 8 3 1 4 37,50 17 14 +3
Dal 2018 a oggi Amichevoli 8 2 4 2 25,00 4 3 +1
Totale Bosnia ed Erzegovina 20 8 6 6 40,00 26 18 +8

PalmarèsModifica

GiocatoreModifica

ClubModifica

Competizioni nazionaliModifica
Stella Rossa: 1987-1988, 1989-1990, 1990-1991
Stella Rossa: 1989-1990
Real Madrid: 1992-1993
Real Madrid: 1993
Barcellona: 1996
Croazia Zagabria: 1997-1998, 1998-1999, 1999-2000
Croazia Zagabria: 1997-1998
Croazia Zagabria: 1998
Olimpia Lubiana: 2002-2003
Competizioni internazionaliModifica
Stella Rossa: 1990-1991
Real Madrid: 1994

NazionaleModifica

Jugoslavia: Cile 1987

IndividualeModifica

1991

NoteModifica

  1. ^ (SR) Prosinečki: Ne znam da li sam rod s Novakom, in mondo.rs, 20 maggio 2011.
  2. ^ a b c d e f g h i j k Prosinecki, il mito compie 50 anni. E poi sfida l'Italia per Euro 2020, su La Gazzetta dello Sport - Tutto il rosa della vita. URL consultato il 16 ottobre 2019.
  3. ^ a b c d e Storia di Prosinecki: 'Senza lo spritzer sarei stato il più forte del mondo', su Calciomercato.com | Tutte le news sul calcio in tempo reale. URL consultato il 16 ottobre 2019.
  4. ^ a b La prima grande Croazia, su L'Ultimo Uomo, 11 luglio 2018. URL consultato il 16 ottobre 2019.
  5. ^ a b c (EN) Blazevic regrets Prosinecki omission, in sbs.com.au, 13 novembre 2012.
  6. ^ (EN) FIFA World Youth Championship Chile 1987 - Awards, fifa.com. URL consultato l'11 luglio 2015 (archiviato il 5 marzo 2016).
  7. ^ (EN) 1990 FIFA World Cup Italy ™ - Awards, fifa.com. URL consultato l'11 luglio 2015.
  8. ^ (EN) Scoring at the World Cup for two different countries, espn.co.uk, 26 novembre 2012.
  9. ^ (BS) Robert Prosinečki je novi selektor BiH!, su rtvbn.com, 4 gennaio 2018 (archiviato il 4 gennaio 2018).
  10. ^ (EN) Bosnia promoted to Nations League top tier with Austria draw, in Reuters, 15 novembre 2018. URL consultato il 17 ottobre 2019.
  11. ^ (EN) European Football Championship Qualifying Tournament 2019 match reports, Group J, su _tournament.php. URL consultato il 17 ottobre 2019.
  12. ^ Bosnia, Prosinecki si dimette: “Io il responsabile del flop”, in Corriere dello Sport, 8 settembre 2019 (archiviato il 15 settembre 2019).
  13. ^ Bosnia, ritirate le dimissioni del ct Prosinecki: "Sì, ho cambiato idea", in TuttoMercatoWeb, 11 settembre 2019.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica