Leicester City Football Club

club calcistico inglese
Leicester City FC
Calcio Football pictogram.svg
Detentore della FA Cup
Detentore del Community Shield
Leicester City Logo (2009).svg
The Foxes
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Terza divisa
Colori sociali 600px Blu Reale con Bande Bianche.png Blu reale, bianco
Simboli Volpe
Inno When You're Smiling
Dati societari
Città Leicester
Nazione Regno Unito Regno Unito
Inghilterra Inghilterra
Confederazione UEFA
Federazione Flag of England.svg FA
Campionato Premier League
Fondazione 1884
Proprietario Thailandia King Power
Presidente Thailandia Khun Aiyawatt Srivaddhanaprabha
Allenatore Irlanda del Nord Brendan Rodgers
Stadio Leicester City Stadium
(32 312 posti)
Sito web www.lcfc.com
Palmarès
Premiership inglese FA Cup Coppa di LegaCoppa di LegaCoppa di Lega Community ShieldCommunity Shield
Titoli d'Inghilterra 1
Coppe d'Inghilterra 1
Coppe di Lega inglesi 3
Charity/Community Shield 2
Soccerball current event.svg Stagione in corso
Si invita a seguire il modello di voce

Il Leicester City Football Club, noto semplicemente come Leicester City o Leicester, è una società calcistica inglese con sede nella città di Leicester, militante in Premier League (massima divisione del campionato inglese) dal 2014; disputa le proprie partite casalinghe al Leicester City Stadium, noto per ragioni di sponsorizzazione come King Power Stadium.

Fondato nel 1884, il Leicester è affiliato alla federcalcio inglese da quando aveva la denominazione di Leicester Fosse Football Club, ma ha acquisito l'attuale ragione sociale nel 1919. Dopo aver esordito nel campionato di Second Division (seconda divisione inglese) nella stagione 1894-1895, ha preso parte ad altre sessantadue edizioni di seconda divisione e a quarantotto della massima serie.

La squadra salì alla ribalta per l'inaspettata vittoria della Premier League nella stagione 2015-2016, sotto la guida tecnica dell'allenatore italiano Claudio Ranieri; apparentemente meno competitivo di altri club più blasonati, il Leicester si rese protagonista di uno dei trionfi più sorprendenti nella storia dello sport.[1] Nel suo palmarès figurano anche una Coppa d'Inghilterra (2020-2021),[2] tre Coppe di Lega inglesi (1963-1964, 1996-1997, 1999-2000), due Supercoppe d'Inghilterra (1971, 2021) e sette campionati di seconda divisione (1924-1925, 1936-1937, 1953-1954, 1956-1957, 1970-1971, 1979-1980, 2013-2014).

StoriaModifica

Dagli inizi al cambio di nomeModifica

Il Leicester City fu fondato nel 1884 da un gruppo di studenti della Wyggeston School con il nome di "Leicester Fosse"[3]. Il club si unì alla Football Association solo nel 1890. Prima di trasferirsi al Filbert Street, il Leicester giocò in cinque diversi campi, incluso il Victoria Park nella zona sud-est del centro della città. Nel 1891 il club partecipò alla Midland League, dove nel 1894 terminò seconda guadagnandosi la promozione alla Division Two della Football League. Il primo match nella lega nazionale fu una sconfitta per 4–3 a Grimsby, mentre la prima vittoria ufficiale giunse la settimana dopo contro il Rotherham al Filbert Street[4]. Nella stessa stagione il club realizzò la più ampia vittoria della sua storia, un 13–0 contro il Notts Olympic nel turno di qualificazione della FA Cup[3].

Nella stagione 1907-08 il Leicester terminò seconda in Second Division, conquistando la promozione in First Division, la massima serie calcistica inglese. Tuttavia, il club retrocesse dopo una sola stagione, nella quale si registrò anche la peggior sconfitta di sempre, un 12–0 contro il Nottingham Forest[4]. Nel 1919, al ritorno al calcio giocato dopo l'interruzione causata dalla prima guerra mondiale, il Leicester Fosse fallì per problemi di natura economica. Tuttavia, grazie all'intervento del distretto di Leicester, che acquisì lo status di città proprio in quell'anno[3], il club venne rifondato e ribattezzato "Leicester City Football Club".

Il secondo posto e il declinoModifica

Dopo il cambio di nome, negli anni Venti, incominciò un periodo di discreti successi: con in panchina Peter Hodge e con il capocannoniere Arthur Chandler in attacco, nella stagione 1924-25 il Leicester vinse la Division Two e nella stagione 1928–29 raggiunse la seconda posizione in classifica, terminando in First Division ad un solo punto dallo Sheffield Wednesday. Tuttavia gli anni Trenta videro un forte calo dei Foxes, compromesso in un sali e scendi dalla prima alla seconda divisione[3]. Nel 1949 il Leicester raggiunse la finale di FA Cup per la prima volta nella sua storia, dove venne sconfitto per 3-1 dal Wolverhampton[5].

1954-1969: l'avventura in First DivisionModifica

Nel 1954 i Foxes vinsero la Second Division grazie ad Arthur Rowley, uno dei più prolifici attaccanti della storia del club. La retrocessione dalla massima serie arrivò la stagione seguente, ma sotto la guida di Dave Halliday nel 1957 venne riconquistato un posto in First Division e Rowley siglò il record del club con 44 goal in una sola stagione. Il Leicester rimase in prima categoria fino al 1969, il più lungo periodo di permanenza per i Foxes. Con Matt Gillies in panchina e Bert Johnson ad assisterlo, il Leicester raggiunse la finale di FA Cup per ben due volte, perdendole entrambe nelle edizioni del 1961 e del 1963[3]. Nella finale persa del 1961 contro i già campioni d'Inghilterra del Tottenham però il club si guadagnò la possibilità di accedere all'edizione 1961-62 della Coppa delle Coppe.

Nella stagione 1962-1963 la squadra terminò quarta in First Division, grazie a ottime prestazioni sui difficili campi ghiacciati e innevati che quel duro inverno impose, gesta che valsero ai giocatori il soprannome di Ice Kings, "i re del ghiaccio". Nel 1964 Gillies portò il primo trofeo in casa Leicester, vincendo la Coppa di Lega contro lo Stoke City. Anche nell'annata seguente le Foxes raggiunsero la finale di League Cup, ma questa volta persero contro i londinesi del Chelsea. Il gioco proposto da Gillies e Johnson diventò piuttosto influente nel calcio britannico per la sua innovatività e capacità di cambiare rispetto agli schemi tradizionali. Dopo un brutto avvio di stagione, Matt Gillies abbandonò le Foxes nel novembre del 1968. il suo successore Frank O'Farrell non riuscì ad evitare la retrocessione, ma raggiunse comunque la finale di Coppa d'Inghilterra del 1969, persa contro il Manchester City[3].

Dalla vittoria del Charity Shield a Gary LinekerModifica

Nel 1971 il Leicester fece ritorno nella massima serie e vinse il Charity Shield. Infatti le Foxes furono chiamate straordinariamente, in quanto campioni della seconda divisione, a sostituire i campioni d'Inghilterra dell'Arsenal che avevano rinunciato alla competizione; contesero così il trofeo al Liverpool, finalista della FA Cup precedente. Il Leicester batté i Reds per 1-0, aggiudicandosi così un altro titolo. Frank McLintock, vecchia gloria degli anni cinquanta e sessanta del Leicester, prese nel 1977 il posto in panchina di Jimmy Bloomfield, che nei precedenti anni aveva solo raggiunto una semifinale di FA Cup[3]. I Foxes retrocessero nella stagione 1977-1978 e McLintock venne esonerato. Jock Wallace, il suo sostituto, non tradì la favorevole tradizione degli allenatori scozzesi (dopo Peter Hodge e Matt Gillies), portando il Leicester a vincere la Second Division nel 1980[3].

Wallace non riuscì a rimanere in Division One, ma nel 1981-1982 raggiunse la semifinale di FA Cup. Con Wallace riuscì a emergere in prima squadra anche l'attaccante Gary Lineker. Come nuovo allenatore venne ingaggiato Gordon Milne, che raggiunse la promozione nel 1983. Sospinto da Lineker, il Leicester seppe mantenere il proprio posto in First Division, ma con la cessione del giocatore all'Everton, nel 1985, iniziò un periodo di declino, culminato con la retrocessione del 1986. Milne abbandonò nel 1986 e venne rimpiazzato nel 1987 da David Pleat, che venne esonerato nel gennaio 1991, dopo una sconfitta che relegò il Leicester al quart'ultimo posto[3].

Gordon Lee venne incaricato di traghettare il club fino alla fine della stagione; il Leicester vinse le ultime partite del campionato, evitando così la retrocessione in terza categoria[3]. Nel 1991 venne così ingaggiato Brian Little e alla fine della stagione 1991-1992 il Leicester giocò i play-off per la promozione in Premiership, ma la sconfitta in casa del Blackburn non permise alle Foxes di raggiungere la neonata massima serie nazionale. Anche nel 1992-1993 il club raggiunse i play-off e fallì nuovamente, questa volta contro lo Swindon Town, che, in svantaggio di tre gol, ribaltò clamorosamente l'esito del match. La stagione 1993-1994 fu quella buona per il Leicester, che, battendo ai play-off il Derby County, riuscì a raggiungere l'agognata promozione, svanita negli anni precedenti. Il tecnico Little si trasferì all'Aston Villa e fu rimpiazzato da Mark McGhee, il quale non fu capace di salvare la massima categoria, dato che il Leicester chiuse al penultimo posto nella stagione 1994-1995, tornando in seconda serie[3]. McGhee lasciò il club inaspettatamente nel dicembre 1995, quando il Leicester era in testa alla Division One (che sostituiva la seconda divisione).

L'era Martin O'NeillModifica

McGhee fu sostituito da Martin O'Neill, che qualificò il Leicester ai play-off per la promozione nel 1995-1996; qui le Foxes ebbero la meglio nella finale contro il Crystal Palace. Nelle seguenti quattro stagioni il Leicester riuscì a classificarsi sempre tra le prime dieci della Premiership. Con O'Neill le Foxes vinsero, inoltre, per due volte la Coppa di Lega inglese, nel 1996-1997 e nel 1999-2000, e giunsero in finale nella competizione nel 1998-1999. Il club si qualificò alla Coppa UEFA nelle stagioni 1997-1998 e 2000-2001. Nel giugno 2000 O'Neill si accasò al Celtic. Al suo posto venne ingaggiato Peter Taylor, selezionatore della nazionale inglese Under-21.

Dopo una lunga striscia negativa di risultati, Taylor venne esonerato nell'ottobre 2001; gli subentrò il duo composto da Dave Bassett e Micky Adams, che tuttavia non riuscirono a rendere onore all'ultima stagione giocata al Filbert Street, terminando nella zona retrocessione della Premiership. Nella stagione 2002-2003 il Leicester si trasferì al nuovo Walkers Stadium, una moderna struttura da 32 500 posti. La Walkers, un'importante azienda di ristorazione della città, si aggiudicò i diritti di denominazione dello stadio per dieci anni. Nell'ottobre 2002 il club sprofondò in una crisi di liquidità, che causò un debito pari a circa 30 milioni di sterline.

L'allenatore Adams guidò il Leicester al secondo posto in Division One, piazzamento che automaticamente promosse il club in Premiership, con più di 90 punti. La permanenza nella serie massima fu, tuttavia, breve, tanto che l'anno seguente le Foxes tornarono in seconda divisione, ridenominata Football League Championship. Quando Adams rassegnò le proprie dimissioni dalla panchina nell'ottobre 2004, venne designato come suo successore Craig Levein, la cui esperienza fu breve e deludente. L'assistente allenatore Rob Kelly lo sostituì e, dopo una serie positiva di tre vittorie in quattro match, venne confermato fino al termine della stagione. Kelly traghettò il Leicester alla salvezza e nell'aprile 2006 fu nominato allenatore in via permanente.

La presidenza MandarićModifica

Nell'ottobre 2006 l'ex presidente del Portsmouth, Milan Mandarić, si interessò all'acquisto del Leicester per un prezzo che si aggirava intorno ai 6 milioni di sterline. Il cambio di proprietà venne ufficializzato il 13 febbraio 2007. L'11 aprile seguente Rob Kelly venne esonerato dalla panchina delle Foxes e sostituito da Nigel Worthington, che salvò il club dalla retrocessione, ma non si vide confermato l'incarico. Il 25 maggio 2007 il club annunciò l'arrivo di Martin Allen, ex allenatore dell'MK Dons. Il rapporto tra Allen ed il presidente Mandarić si inasprì e dopo solo quattro partite, di comune accordo, il contratto con il tecnico fu risolto.

Il 13 settembre 2007 Mandarić annunciò come nuovo allenatore del Leicester l'esperto Gary Megson, che lasciò il proprio ruolo già il 24 ottobre successivo, dopo sole sei settimane, accettando il contratto offertogli dai Bolton. Mandarić affidò la panchina alla coppia formata da Frank Burrows e Gerry Taggart, duo che sarebbe rimasto in carica fino all'assuzione di un nuovo allenatore. Il 22 novembre Ian Holloway approdò sulla panchina delle Foxes. Holloway passò immediatamente alla storia quale primo allenatore del Leicester dopo cinquant'anni a vincere la partita d'esordio, battendo il Bristol City per 2-0. Malgrado ciò il Leicester retrocesse dalla Championship alla fine della stagione 2007-2008 dopo un pareggio contro lo Stoke City. La dolorosa retrocessione in League One costò la panchina ad Holloway, che venne rimpiazzato da Nigel Pearson; l'annata 2008-2009 fu la prima nella storia del club in terza categoria.

Il Leicester ritornò in Championship già al termine di quell'annata, vincendo il titolo della League One con due giornate d'anticipo rispetto alla fine della competizione. La stagione 2009-2010 vide continuità di risultati: il Leicester terminò in quinta posizione, aggiudicandosi la possibilità immediata di partecipare ai play-off e dunque di tornare in Premier League. Nella semifinale dei play-off le Foxes vennero battute ai tiri di rigore dal Cardiff City. Il 29 giugno 2010 venne confermata la partenza di Nigel Pearson, che fu ingaggiato dall'Hull City; Mandarić lo sostituì con Paulo Sousa.

La cordata Asian Football InvestmentsModifica

Nell'agosto 2010, successivamente ad un accordo per la sponsorizzazione con il King Power Group, Mandarić vendette il club ad una cordata thailandese chiamata Asian Football Investments (AFI), guidata proprio dal King Power Group di Vichai Raksriaksorn.

 
Jamie Vardy, acquistato dal Leicester nel 2012, fu tra i protagonisti del titolo nazionale vinto nel 2015-2016 e si laureò capocannoniere del campionato inglese nel 2019-2020.

Mandarić, azionista dell'AFI, fu comunque mantenuto come presidente del club. Il 1º ottobre 2010, dopo una deludente partenza che vide il Leicester ultimo in Championship, con una sola vittoria nelle prime nove partite, Paulo Sousa venne esonerato e rimpiazzato, due giorni più tardi, da Sven-Göran Eriksson, che firmò un contratto biennale con il Leicester. Il 10 febbraio 2011 Vichai Raksriaksorn divenne presidente della società, dopo l'approdo di Mandarić in novembre allo Sheffield Wednesday. Il Leicester fu tra le favorite nella stagione 2011-12, ma nell'ottobre 2011 – successivamente ad un'altra partenza in sordina – Sven-Göran Eriksson lasciò il club[6]. Tre settimane dopo, il 15 novembre 2011, Nigel Pearson fu richiamato sulla panchina delle Foxes e le condusse fino al sesto posto finale nel campionato 2012-2013, guadagnando l'accesso ai play-off, dove, in semifinale, il Leicester fu eliminato dal Watford.

Il ritorno in Premier LeagueModifica

Il ritorno in massima serie avviene un anno più tardi, nell'aprile 2014.[7] Il 21 settembre la squadra si rese protagonista di una rimonta ai danni del Manchester United dal 3-1 al 5-3.[8] Un finale di campionato con sette vittorie in nove giornate portò alla salvezza; l'allenatore Nigel Pearson, per motivi estranei alla gestione sportiva, non fu tuttavia confermato e il 13 luglio viene sostituito dall'italiano Claudio Ranieri.[9]

Il titolo con RanieriModifica

 
Le Foxes alzano al cielo il trofeo di vincitori della Premier League.

In avvio di stagione il Leicester si propose, contro ogni pronostico, nelle posizioni di vertice della Premier League[10], fino ad issarsi in prima posizione. Grazie soprattutto alle vittorie negli scontri diretti con le altre squadre di prima fascia[11][12], e trascinata dal centravanti Jamie Vardy (miglior marcatore stagionale della squadra nonché secondo migliore realizzatore del campionato dopo Harry Kane) e dal centrocampista offensivo Riyad Mahrez, la compagine di Leicester riuscì a mantenere il primato e si assicurò la qualificazione alla UEFA Champions League già in aprile[13]. Beneficiando di un pareggio per 2-2 nel derby londinese fra Chelsea e Tottenham, la squadra di Ranieri ottenne, il 2 maggio 2016, la certezza aritmetica del primo posto in campionato, laureandosi quindi campione di Inghilterra per la prima volta nella propria storia ultracentenaria.[14] Questa vittoria, che diede alla squadra il diritto a giocare la Supercoppa d'Inghilterra, venne ampiamente celebrata come un trionfo da "favola" sia dai giornali nazionali[15] sia da quelli esteri[16][17].

Il debutto in Champions League e il dopo-RanieriModifica

La nuova stagione si aprì con la sconfitta nel Supercoppa d'Inghilterra contro il Manchester United (2-1)[18]. Nell'autunno 2016 il Leicester di Ranieri, al debutto nella massima competizione europea, compì un'altra impresa, vincendo il proprio girone (in anticipo) e qualificandosi agli ottavi di finale[19][20]. Il 23 febbraio 2017 l'allenatore Ranieri fu esonerato[21], a causa dello scivolamento del club in zona retrocessione al culmine di una serie negativa: gli subentrò Craig Shakespeare. Il 14 marzo, in virtù della vittoria per 2-0 contro il Siviglia, il Leicester ebbe accesso per la prima volta nella propria storia ai quarti di finale di UEFA Champions League, da cui fu eliminato dopo aver pareggiato per 1-1 in casa dell'Atlético Madrid, già vittorioso per 1-0 all'andata. La squadra inglese uscì dalla competizione conservando l'imbattibilità casalinga in Champions. Dopo l'esonero del tecnico italiano, il Leicester registrò una serie di risultati utili consecutivi in campionato, fino a raggiungere una tranquilla salvezza con il dodicesimo posto.

La stagione 2017-2018 vide l'avvicendamento tra Shakespeare e Claude Puel, che subentrò nell'ottobre 2017 e guidò la squadra al nono posto finale. L'annata successiva fu funestata da una tragedia: il 27 ottobre 2018, dopo la partita finita 1-1 in casa contro il West Ham, l'elicottero del presidente Vichai Srivaddhanaprabha si schiantò al suolo; nell'incidente morirono il presidente, il pilota ed altri tre passeggeri. Il 23 febbraio 2019 il tecnico francese venne esonerato dopo la sconfitta interna per 1-4, la quarta consecutiva in casa in campionato, contro il Crystal Palace. Lo rimpiazzò Brendan Rodgers, che condusse la squadra al nono posto nel 2018-2019.

L'annata 2019-2020 iniziò con ben otto vittorie consecutive, tra cui quella, storica, del 25 ottobre 2019, per 0-9 in casa del Southampton: fu la vittoria esterna più larga nella storia del campionato inglese.[22][23][24][25] Malgrado la qualificazione alla UEFA Champions League sembrasse vicina, un calo nelle ultime giornate fece scivolare la squadra al quinto posto finale, sancito dalla sconfitta casalinga all'ultima giornata nello scontro diretto contro il Manchester Utd; le Foxes si qualificarono comunque all'Europa League, piazzando Jamie Vardy al primo posto nella classifica dei marcatori con 23 reti.

La stagione 2020-2021 vide il Leicester stazionare nelle posizioni di vertice della classifica inglese e vincere la Coppa d'Inghilterra, la prima nella storia del club, grazie al successo in finale contro il Chelsea per 1-0. L'annata seguente si aprì con la vittoria della Supercoppa d'Inghilterra, in virtù del successo per 1-0 contro il Manchester City.

CronistoriaModifica

Cronistoria del Leicester City Football Club
  • 1884 – Fondazione ufficiale del Leicester Fosse
  • 1885-94 – Club inattivo.
  • 1894/95 – 4º in Second Division.
  • 1895/96 – 8º in Second Division.
  • 1896/97 – 9º in Second Division.
  • 1897/98 – 7º in Second Division.
  • 1898/99 – 3º in Second Division.
  • 1899/00 – 5º in Second Division.
  • 1900/01 – 11º in Second Division.
  • 1901/02 – 14º in Second Division.
  • 1902/03 – 15º in Second Division.
  • 1903/04 – 18º in Second Division.
  • 1904/05 – 14º in Second Division.
  • 1905/06 – 7º in Second Division.
  • 1906/07 – 3º in Second Division.
  • 1907/08 – 2º in Second Division.   Promosso in First Division.
  • 1908/09 – 20º in First Division.   Retrocede in Second Division.
  • 1909/10 – 5º in Second Division.
  • 1910/11 – 15º in Second Division.
  • 1911/12 – 10º in Second Division.
  • 1912/13 – 15º in Second Division.
  • 1913/14 – 18º in Second Division.
  • 1914/15 – 19º in Second Division.
  • 1915/19 – Tutti i campionati vengono sospesi a causa della Prima guerra mondiale.
  • Cambia denominazione in Leicester City Football Club
  • 1919/20 – 14º in Second Division.
  • 1920/21 – 12º in Second Division.
  • 1921/22 – 9º in Second Division.
  • 1922/23 – 3º in Second Division.
  • 1923/24 – 12º in Second Division.
  • 1924/25 – 1º in Second Division.   Promosso in First Division.
  • 1925/26 – 17º in First Division.
  • 1926/27 – 7º in First Division.
  • 1927/28 – 3º in First Division.
  • 1928/29 – 2º in First Division.
  • 1929/30 – 8º in First Division.
  • 1930/31 – 16º in First Division.
  • 1931/32 – 19º in First Division.
  • 1932/33 – 19º in First Division.
  • 1933/34 – 17º in First Division.
  • 1934/35 – 21º in First Division.   Retrocesso in Second Division.
  • 1935/36 – 6º in Second Division.
  • 1936/37 – 1º in Second Division.   Promosso in First Division.
  • 1937/38 – 16º in First Division.
  • 1938/39 – 22º in First Division.   Retrocesso in Second Division.
  • 1939/46 – Tutti i campionati inglesi vengono sospesi a causa della Seconda guerra mondiale.
  • 1946/47 – 9º in Second Division.
  • 1947/48 – 9º in Second Division.
  • 1948/49 – 19º in Second Division.
  • 1949/50 – 15º in Second Division.
  • 1950/51 – 14º in Second Division.
  • 1951/52 – 5º in Second Division.
  • 1952/53 – 5º in Second Division.
  • 1953/54 – 1º in Second Division.   Promosso in First Division.
  • 1954/55 – 21º in First Division.   Retrocesso in Second Division.
  • 1955/56 – 5º in Second Division.
  • 1956/57 – 1º in Second Division.   Promosso in First Division.
  • 1957/58 – 18º in First Division.
  • 1958/59 – 19º in First Division.
  • 1959/60 – 12º in First Division.
  • 1960/61 – 6º in First Division.
  • 1961/62 – 14º in First Division.
  • 1962/63 – 4º in First Division.
  • 1963/64 – 11º in First Division.
  Vincitore della League Cup (1º titolo).
  • 1964/65 – 18º in First Division.
  • 1965/66 – 7º in First Division.
  • 1966/67 – 8º in First Division.
  • 1967/68 – 13º in First Division.
  • 1968/69 – 21º in First Division.   Retrocesso in Second Division.
  • 1969/70 – 3º in Second Division.
  • 1970/71 – 1º in Second Division.   Promosso in First Division.
  • 1971/72 – 12º in First Division.
  Vincitore del Charity Shield (1º titolo).
  • 1972/73 – 16º in First Division.
  • 1973/74 – 9º in First Division.
  • 1974/75 – 18º in First Division.
  • 1975/76 – 7º in First Division.
  • 1976/77 – 11º in First Division.
  • 1977/78 – 22º in First Division.   Retrocesso in Second Division.
  • 1978-79 – 17º in Second Division.
  • 1979-80 – 1º in Second Division.   Promosso in First Division.
  • 1980/81 – 21º in First Division.   Retrocesso in Second Division.
  • 1981-82 – 8º in Second Division.
  • 1982-83 – 3º in Second Division.   Promosso in First Division.
  • 1983-84 – 15º in First Division.
  • 1984-85 – 15º in First Division.
  • 1985-86 – 19º in First Division.
  • 1986-87 – 20º in First Division.   Retrocesso in Second Division.
  • 1987-88 – 13º in Second Division.
  • 1988-89 – 15º in Second Division.
  • 1989-90 – 13º in Second Division.
  • 1990-91 – 22º in Second Division.
  • 1991-92 – 4º in Second Division, perde ai play-off contro il Blackburn.
  • 1992-93 – 6º in First Division.
  • 1993-94 – 4º in First Division.   Promosso in Premier League.
  • 1994-95 – 21º in Premier League.   Retrocesso in First Division.
  • 1995-96 – 5º in First Division, vince i play-off.   Promosso in Premier League.
  • 1996-97 – 9º in Premier League.
  Vincitore della League Cup (2º titolo).
  • 1997-98 – 10º in Premier League.
  • 1998-99 – 10º in Premier League.
  • 1999-00 – 8º in Premier League
  Vincitore della League Cup (3º titolo).
  • 2000-01 – 13º in Premier League.
  • 2001-02 – 20º in Premier League.   Retrocesso in First Division.
  • 2002-03 – 2º in First Division.   Promosso in Premier League.
  • 2003-04 – 18º in Premier League.   Retrocesso in Championship.
  • 2004-05 – 15º in Championship.
  • 2005-06 – 16º in Championship.
  • 2006-07 – 19º in Championship.
  • 2007-08 – 22º in Championship   Retrocesso in League One.
  • 2008-09 – 1º in League One   Promosso in Championship.
  • 2009-10 – 5º in Championship, perde ai play-off contro il Cardiff City.
  • 2010-11 – 10º in Championship.
  • 2011-12 – 9º in Championship.
  • 2012-13 – 6º in Championship, perde ai play-off contro il Watford.
  • 2013-14 – 1º in Championship   Promosso in Premier League.
  • 2014-15 – 14º in Premier League.
  • 2015-16    Campione d'Inghilterra (1º titolo).
  • 2016-17 – 12º in Premier League.
Quarti di finale di Champions League
  Vince la FA Cup (1º titolo).
Sedicesimi di finale di Europa League.
  Vincitore del Community Shield (2º titolo).

Partecipazione ai campionatiModifica

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
First Division 38 1908-1909 1986-1987 52
Premier League 14 1994-1995 2020-2021
Second Division 49 1894-1895 1991-1992 62
First Division 4 1992-1993 2002-2003
Championship 9 2004-2005 2013-2014
League One 1 2008-2009 1

Colori e simboliModifica

ColoriModifica

 
La casacca adottata nel 1948 fu la prima recante il simbolo del club ricamato sul petto.

Dopo aver adottato dal 1884 al 1886 maglie nere con sbarra diagonale azzurra sul torso, il club ha adottato quali colori sociali il blu reale (tinta tradizionalmente dominante sulle maglie casalinghe) e il bianco (tinta complementare e talora dominante nelle maglie esterne). Egualmente presente nel patrimonio dell'identità visiva delle Foxes è il colore giallo/dorato, molto ricorrente nelle finiture dei completi e talora dominante nelle casacche secondarie.[26]

Le divise adottate per la stagione 2018-2019, con la firma di un nuovo contratto di sponsorizzazione[27], vengono prodotte dallo sponsor tecnico Adidas, e sono così strutturate:

  • La divisa casalinga è costituita da una maglia blu con colletto a V bordato d'oro, decorata sul torso con una trama tono su tono a righe diagonali, con le caratteristiche tre strisce parallele di colore bianco sulle spalle; le maniche di un unico fondo blu bordate d'oro; pantaloncini blu con le tre strisce parallele bianche; calzettoni egualmente blu con fascia alta bianca solcata in maniera orizzontale dalle tre strisce parallele di colore blu, numerazione e scritte color bianco e nero[28].
  • La maglia esterna è di colore grigio con colletto a girocollo bordato internamente d'arancio, decorata sul torso e sulle maniche con un motivo a righe orizzontali di diversa larghezza e quadri verticali regolari che intersecandosi tra loro producono una differente tonalità di grigio rispetto al tono di fondo; sulle fasce sulle spalle presenta le caratteristiche tre strisce parallele di colore giallo/dorato. I pantaloncini e i calzettoni sono in tinta unita grigia, con l'inserimento delle tre strisce parallele di colore giallo/dorato, mentre le scritte e la numerazione sono di colore bianco e nero[29].
  • La terza divisa è integralmente bianca con colletto a V, decorata sul torso con una striscia orizzontale blu; la fascia delle spalle anteriore e posteriore è caratterizzata da una fascia blu; lungo i fianchi sono state inserite le tre strisce parallele di colore blu; le maniche di un unico fondo bianche; pantaloncini bianchi con le bordature inferiori e le tre strisce blu; calzettoni egualmente bianchi con fascia alta bianca solcata in maniera orizzontale dalle tre strisce parallele di colore blu, numerazione e scritte color blu e bianco[30].

Sponsor di maglia è il gruppo King Power, attivo a livello internazionale (principalmente in Asia) nella gestione di negozi duty-free ubicati in strutture aeroportuali e controllato dalla proprietà del club; sponsor di manica è Bia Saigon, società controllata dalla ThaiBev, multinazionale thailandese nel campo delle bevande.

Simboli ufficialiModifica

L'emblema della volpe è associato al club dal 1948; esso evoca la larga presenza di tale animale (e la diffusione della relativa pratica venatoria) nel Leicestershire.[31] In virtù di ciò, i giocatori del club sono soprannominati "volpi" (Foxes in inglese).

Sempre riferito alla pratica della caccia era il corno adottato come simbolo nel 1941; tale strumento è poi rimasto associato al club, in quanto il suo suono viene diffuso all'atto dell'ingresso in campo della squadra nelle partite casalinghe.

StemmaModifica

L'emblema societario adottato dal 1992 e successivamente modificato lievemente negli anni seguenti è costituito da un cerchio bianco-blu contenente il muso di una volpe sovrapposto ad un cinquefoglia bianco (mutuato dallo stemma cittadino di Leicester). Nella corona circolare esterna è inscritta la denominazione societaria, a caratteri stampatelli azzurri.

In occasione del centoventicinquesimo anniversario di fondazione, nella stagione 2009–2010, al di sotto dello stemma venne inserita una striscia contenente la dicitura 125 years; nell'emblema vero e proprio venne inserito un bordo d'oro, la volpe venne egualmente ricolorata d'oro e nella corona esterna venne sostituita la dicitura Football Club con 1884-2009.[32]

MascotteModifica

La mascotte del club è una volpe chiamata Filbert Fox, il cui nome ricalca quello della strada in cui sorge il King Power Stadium.

InnoModifica

L'inno ufficiale del Leicester City è il brano When You're Smiling, nella versione eseguita da Jersey Budd, mentre il motto ufficiale è Foxes Never Quit (letteralmente "Le volpi non mollano mai").

StruttureModifica

StadioModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Filbert Street e Leicester City Stadium.
 
Leicester City Stadium visto dal Grand Union Canal

Nei primi sette anni di esistenza, dal 1884 al 1891, il club adottò vari terreni per disputarvi le gare casalinghe. Una prima sistemazione stabile fu raggiunta nel 1891, allorché la squadra si spostò al campo di Filbert Street, che tra vari interventi di ampliamento ed adeguamento rimase lo stadio casalingo del Leicester fino al 2002[33], allorché venne demolito e sostituito dal moderno Leicester City Stadium, costruito a poca distanza e noto per ragioni di sponsorizzazione anche come King Power Stadium.

SocietàModifica

Organigramma societarioModifica

Aggiornato all'8 agosto 2019.

Staff dell'area amministrativa
  •   Aiyawatt Srivaddhanaprabha – presidente
  •   Apichet Srivaddhanaprabha – vicepresidente
  •   Liu Shilai – vicepresidente
  •   Susan Whelan – amministratore delegato
  •   Simon Capper – direttore finanziario
  •   Jon Rudkin – direttore area sportiva
  •   Andrew Neville – direttore operativo area sportiva
  •   Dan Barnett – direttore commerciale
  •   Mags Mernagh – direttore proprietà ed infrastrutture
  •   Matthew Phillips – consulente generale
  •   Kevin Barclay – direttore operativo e responsabile della sicurezza
  •   Nick Oakley – direttore strategia commerciale
  •   Anthony Herlihy - direttore comunicazione

Modifica

Di seguito la cronologia dei fornitori tecnici e degli sponsor ufficiali del Leicester City F. C.

Cronologia degli sponsor tecnici
  • fino al 1962 …
  • 1962-1964 Bukta
  • 1964-1976 …
  • 1976-1979 Admiral
  • 1979-1983 Umbro
  • 1983-1988 Admiral
  • 1988-1990 Scoreline
  • 1990-1992 Bukta
  • 1992-2000 Fox Leisure
  • 2000-2005 Le Coq Sportif
  • 2005-2007 JJB
  • 2007-2009 Jako
  • 2009-2010 Joma
  • 2010-2012 Burrda[34]
  • 2012-2018 Puma[35]
  • 2018- Adidas
Cronologia degli sponsor ufficiali

Settore giovanileModifica

Allenatori e presidentiModifica

  Le singole voci sono elencate nella Categoria:Allenatori del Leicester City F.C.

Di seguito le liste degli allenatori e dei presidenti.[39]

 
Allenatori
 
Presidenti

CalciatoriModifica

  Le singole voci sono elencate nella Categoria:Calciatori del Leicester City F.C.

Giocatori ammessi nella Hall of Fame del calcio ingleseModifica

Sei giocatori che hanno militato nelle file del Leicester sono stati ammessi nella Hall of Fame del calcio inglese:

Giocatori ammessi nella Football League 100 LegendsModifica

Cinque giocatori che hanno militato nelle file del Leicester sono stati inclusi nella lista della Football League 100 Legends[45]:

Player of the YearModifica

A partire dal 1988 il premio Player of the Year (calciatore dell'anno) viene assegnato dai tifosi al termine di ogni stagione.[46]

 
Robbie Savage, player of the year per due stagioni consecutive (2000-2002).
 
Esteban Cambiasso, player of the year per la stagione 2014-2015.

CapitaniModifica

Di seguito la lista dei capitani.[senza fonte]

 
Wes Morgan, capitano del club dal 2012 al 2021

Vincitori di titoliModifica

Campioni del mondo

PalmarèsModifica

Statistiche e recordModifica

Statistiche individualiModifica

Di seguito le top 10 dei primatisti di presenze e reti.[46]

 
Record di presenze
 
Record di reti

Statistiche di squadraModifica

Statistiche nelle competizioni UEFAModifica

Tabella aggiornata alla fine della stagione 2020-2021

Competizione Partecipazioni G V N P RF RS
UEFA Champions League 1 10 5 2 3 11 10
Coppa delle Coppe 1 4 2 1 1 8 5
Coppa UEFA/UEFA Europa League 3 12 4 3 5 17 15

OrganicoModifica

Rosa 2021-2022Modifica

Rosa, numerazione e ruoli, tratti dal sito ufficiale, sono aggiornati al 31 Agosto 2021.

N. Ruolo Giocatore
1   P Kasper Schmeichel (capitano)
2   D James Justin
3   D Wesley Fofana
4   D Çağlar Söyüncü
5   D Ryan Bertrand
6   D Jonny Evans
7   C Harvey Barnes
8   C Youri Tielemans
9   A Jamie Vardy
10   C James Maddison
11   C Marc Albrighton
12   P Danny Ward
14   A Kelechi Iheanacho
N. Ruolo Giocatore
16   D Filip Benković
17   A Ayoze Pérez
18   C Daniel Amartey
19   C Ademola Lookman
20   C Hamza Choudhury
21   D Ricardo Pereira
22   C Kiernan Dewsbury-Hall
23   D Jannik Vestergaard
24   C Nampalys Mendy
25   C Wilfred Ndidi
27   D Timothy Castagne
29   A Patson Daka
33   D Luke Thomas
35   P Eldin Jakupović
38   D Vontae Daley-Campbell
42   C Boubakary Soumaré
45   D Ben Nelson
48   C Thanawat Suengchitthawon

Staff tecnicoModifica

Dal sito Internet ufficiale della società[47].

Staff dell'area tecnica
Area tecnica
  •   Brendan Rodgers – Allenatore
  •   Chris Davies – Viceallenatore
  •   Glen Driscoll – Assistente Tecnico
  •   Adam Sadler – Assistente Tattico
  •   Kolo Touré – Collaboratore Tecnico
  •   Mike Stowell – Allenatore dei portieri
  •   Eduardo Macía – Capo osservatori
  •   Paul McAndrew – Magazziniere
  •   Jon Sanders – Rapporti con la squadra
Area sanitaria
  •   Dave Rennie – Capo fisioterapista
  •   Simon Murphy – Fisioterapista
  •   Ian Patchett – Medico sociale
  •   Gary Silk – Massaggiatore
  •   Reuben Walker – Massaggiatore
Ricerca scientifica e preparazione atletica
  •   Paul Balsom – Resp. settore ricerca e analisi scientifica
  •   Andy Blake – Capo Analista
  •   Peter Clark – Analista
  •   Matt Reeves – Osservatore scientifico
  •   Ollie Waldron – Coordinatore Scouting
  •   Tom Joel – Preparatore atletico
  •   Mitch Willis – Preparatore atletico
  •   Matthew Edge – Analista preparazione atletica e performance
  •   Chris Edwards – Nutrizionista
  •   Jack Milligan – Assistente Scienze dello sport

TifoseriaModifica

RivalitàModifica

Essendo una squadra dell'East Midlands sono molte le squadre con cui le volpi possono vantarsi di avere dei derby. I più sentiti sono sicuramente quelli contro Derby County e Nottingham Forest. Ma anche altre squadre possono vantare delle rivalità dovute soprattutto all'ambito geografico con il Leicester: Notts County, Northampton Town, Mansfield Town, Lincoln City, Boston Utd e Chesterfield. Molte delle squadre sopraccitate hanno avuto confronti recenti nelle varie coppe inglesi con i Foxes. Il derby geograficamente più vicino è quello con il Coventry City denominato The M69 Derby dal nome della strada che unisce i due centri distanti appena 24 miglia. Altri incontri noti semplicemente come derby delle Midlands vengono disputati contro: Birmingham City, West Bromwich, Wolverhampton e l'Aston Villa.

NoteModifica

  1. ^ (EN) Sport's greatest-ever upset, su sportinglife.com, Sporting Life, 2 maggio 2016. URL consultato il 3 maggio 2016 (archiviato dall'url originale il 3 maggio 2016).
  2. ^ (EN) Just what were the odds? Leicester City the bookie bashers, su dailymail.co.uk, Daily Mail, 1º maggio 2016. URL consultato il 3 maggio 2016 (archiviato dall'url originale il 3 maggio 2016).
  3. ^ a b c d e f g h i j k (EN) The History Of Leicester City Football Club, su lcfc.com (archiviato dall'url originale il 21 giugno 2009).
  4. ^ a b Albert Sewell, Observers Book of Association Football, London, England: Frederick, 1974, p. 58
  5. ^ (EN) FA Cup 1949, su Soccerbase.com.
  6. ^ (EN) Sven-Goran Eriksson leaves his role as Leicester boss, su bbc.com, BBC, 25 ottobre 2011.
  7. ^ Il Leicester City torna in Premier League: promozione dopo 10 anni!, su goal.com, 5 aprile 2014.
  8. ^ Leicester-Manchester United 5-3. Balotelli sfotte: insulti razzisti per lui, su gazzetta.it, 21 settembre 2014.
  9. ^ Leicester, è Claudio Ranieri il nuovo allenatore. Prende il posto di Pearson, su gazzetta.it, 13 luglio 2015.
  10. ^ Premier, Ranieri è secondo: rimontona Leicester da 0-2 a 3-2, su gazzetta.it, 13 settembre 2015.
  11. ^ Campionati esteri Mou ancora ko, panchina a rischio. Leicester 1º, in la Repubblica, 6 dicembre 2015, p. 60.
  12. ^ Premier League il Leicester vola con Vardy. Solo 0-0 dell'Arsenal, in la Repubblica, 3 febbraio 2016, p. 46.
  13. ^ Leicester in Champions! E può vincere la Premier tra 15 giorni se..., su gazzetta.it, 10 aprile 2016.
  14. ^ Stefano Cantalupi, Ranieri nella storia: la Premier è sua! Leicester campione per la prima volta, su gazzetta.it, 2 maggio 2016.
  15. ^ City explodes with joy as underdogs Leicester grab glory, in Mail Online. URL consultato l'11 dicembre 2016.
  16. ^ SPIEGEL ONLINE, Hamburg Germany, Premier League: Warum Leicesters Titel kein Fußballwunder ist, su SPIEGEL ONLINE. URL consultato l'11 dicembre 2016.
  17. ^ Leicester City campione d'Inghilterra! Il trionfo da sogno di Ranieri, in Eurosport, 2 maggio 2016. URL consultato l'11 dicembre 2016.
  18. ^ Federico Sala, Leicester-Manchester Utd 1-2: Ibra regala il primo trofeo a Mourinho, su repubblica.it, 7 agosto 2016.
  19. ^ Leicester, favola senza fine. Esordio con il botto: 3-0 contro il Brugge, su gazzetta.it, 15 settembre 2016.
  20. ^ Valerio Clari, Champions, Ranieri storico: Leicester agli ottavi. Anche Real e Monaco avanti, su gazzetta.it, 22 novembre 2016.
  21. ^ Leicester, ufficiale: Ranieri è stato esonerato, Tuttosport.com, 23 febbraio 2017.
  22. ^ Salvatore Riggio, Southampton-Leicester finisce 0-9: la prima volta in 131 anni per un punteggio così, su Corriere della Sera, 26 ottobre 2019. URL consultato il 26 ottobre 2019.
  23. ^ (EN) 'This cannot happen like this': Leicester demolishes Southampton to tie record for biggest EPL win, su ABC News, 26 ottobre 2019. URL consultato il 26 ottobre 2019.
  24. ^ (EN) Leicester City hungry for record victory, says Jamie Vardy, su AS.com, 26 ottobre 2019. URL consultato il 26 ottobre 2019.
  25. ^ The eye-catching stats from Leicester's huge win over Southampton, su Mail Online, 25 ottobre 2019. URL consultato il 26 ottobre 2019.
  26. ^ Leicester City, su historicalkits.co.uk, Historical Football Kits. URL consultato il 17 settembre 2009.
  27. ^ (EN) Leicester City & adidas Announce Multi-Year Partnership, su lcfc.com, 16 maggio 2018.
  28. ^ (EN) Introducing Leicester City's 2018/19 adidas Home Kit, su lcfc.com, 1º giugno 2018.
  29. ^ (EN) Introducing Leicester City's 2018/19 adidas Away Kit, su lcfc.com, 1º luglio 2018.
  30. ^ (EN) Leicester City’s 2018/19 adidas White Away Kit Revealed!, su lcfc.com, 1º agosto 2018.
  31. ^ John Hutchinson, City Shirts – A Potted History, su lcfc.com. URL consultato il 31 ottobre 2013.
  32. ^ Leicester City unveil new home kit, in Leicester Mercury, 25 aprile 2009. URL consultato il 31 ottobre 2013 (archiviato dall'url originale il 14 luglio 2015).
  33. ^ (EN) The History of Filbert Street, su filbertstreet.net. URL consultato il 21 settembre 2014 (archiviato dall'url originale il 29 settembre 2011).
  34. ^ Burrda Announced As Official Kit Supplier, su lcfc.com. URL consultato il 31 ottobre 2013 (archiviato dall'url originale il 15 luglio 2010).
  35. ^ LCFC & PUMA Unveil 13/14 Home Kit, su lcfc.com. URL consultato il 31 ottobre 2013.
  36. ^ Sleeve Sponsor per tutte le maglie
  37. ^ Per le sole partite di campionato
  38. ^ Sleeve Sponsor
  39. ^ Smith-Taylor, 2001, p. 381.
  40. ^ a b (EN) BBC SPORT | Football | English football's finest honoured, su news.bbc.co.uk, BBC News, 30 novembre 2002. URL consultato il 12 maggio 2016.
  41. ^ (EN) BBC SPORT | Football | Football Focus | Robson joins Hall of Fame, su news.bbc.co.uk, BBC News, 2 dicembre 2003. URL consultato il 12 maggio 2016.
  42. ^ (EN) James Riach, Revie remembered | Football News, su skysports.com, Sky Sports. URL consultato il 12 maggio 2016.
  43. ^ (EN) Stephen Halliday, Football Hall of Fame: Pat Stanton and Gordon McQueen among five new inductees, su scotsman.com, The Scotsman, 12 novembre 2012. URL consultato il 12 maggio 2016.
  44. ^ (EN) Sir Trevor Brooking inducted into National Football museum Hall of Fame, su telegraph.co.uk, https://www.telegraph.co.uk/, 9 luglio 2009. URL consultato il 22 maggio 2016.
  45. ^ (EN) Football | Legends list in full, su news.bbc.co.uk, BBC News, 5 agosto 1998. URL consultato il 6 maggio 2016.
  46. ^ a b Smith-Taylor, 2001.
  47. ^ (EN) Staff, su lcfc.com.

BibliografiaModifica

  • Dave Smith e Paul Taylor, Of Fossils and Foxes: The Official Definitive History of Leicester City Football Club, 2001, ISBN 978-1-899538-21-8.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN156188873 · LCCN (ENnb2005003033 · WorldCat Identities (ENlccn-nb2005003033
  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio