Football Club Valdagno

società calcistica italiana attiva solamente a livello giovanile e scolastico, con sede nella città di Valdagno (VI)
S.S.D. F.C. Valdagno
Calcio Football pictogram.svg
FC Valdagno.jpg
Lanieri
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali 600px bisection vertical White HEX-78D3F7.svg Bianco, celeste
Simboli Agnello
Dati societari
Città Valdagno (VI)
Nazione Italia Italia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Italy.svg FIGC
Campionato Prima Categoria
Fondazione 1926
Scioglimento1997
Rifondazione2005
Scioglimento2014
Rifondazione2017
Presidente Italia Roberto Maria Coda
Allenatore Italia Salvatore Mantovani
Stadio Stadio dei Fiori
(6 000 posti)
Sito web http://www.ssdfcvaldagno.it/index.html
Palmarès
Trofei nazionali 1 Trofeo Jacinto
Si invita a seguire il modello di voce

La Società Sportiva Dilettantistica Football Club Valdagno[1], comunemente nota come Valdagno, è una società calcistica della città di Valdagno (VI), militante in Prima Categoria.

La squadra è tra le prime cento in Italia per tradizione sportiva, avendo preso parte per 57 volte a campionati organizzati su base nazionale e raggiunto quale apice sportivo la partecipazione per dieci stagioni consecutive alla Serie B negli anni 1950 con la denominazione Associazione Calcio Marzotto[2].

Nato nel 1926 quale sezione calcio dell'Unione Sportiva Pasubio attiva già dal 1907[3], il sodalizio ha affrontato numerosi cambi di denominazione e modifiche societarie incluse due rifondazioni avvenute nel 2005 e 2017[4], in entrambi i casi al termine di periodi di inattività. I Lanieri – come sono soprannominati[5] – indossano una maglia biancoceleste a strisce verticali[6] e disputano le proprie partite interne allo stadio dei Fiori[7], che li ospita dal 1933.

StoriaModifica

Dalle origini agli anni 1950Modifica

La polisportiva Unione Sportiva Pasubio – fondata a Valdagno da Domenico Cocco nel 1907[3] – avviò la propria sezione calcio nel 1926[6] e partecipò al suo primo campionato regionale nella stagione 1927-1928: al termine della stessa il sodalizio venne ammesso in Seconda Divisione per allargamento dei quadri e mutò la propria denominazione in Associazione Calcio Valdagno[6]. Dopo due stagioni nei campionati nazionali, nel 1930 la squadra tornò a disputare competizioni in ambito regionale in seguito al declassamento della Seconda Divisione.

Nel 1933 la società assunse la denominazione Dopolavoro Aziendale Marzotto[6], diventando parte del circolo ricreativo avviato dal lanificio cittadino già nel 1926 sotto l'egida dell'Opera nazionale del dopolavoro[8]. Sempre nel 1933 avvenne l'inaugurazione del nuovo campo sportivo[9] intitolato a Benito Mussolini[10], facente parte del più ampio progetto urbanistico di Città sociale voluto dall'imprenditore Gaetano Marzotto e realizzato da Francesco Bonfanti[11]. Con il nuovo assetto societario la compagine si laureò Campione regionale ed ottenne la promozione in Prima Divisione superando nelle finali la Cividalese. Dopo una stagione anche la Prima Divisione venne declassata a campionato regionale e la squadra la vinse nel 1936, diventando nuovamente Campione del Veneto ed ottenendo la promozione in Serie C, categoria che mantenne fino allo scoppio della seconda guerra mondiale. In quel periodo il miglior piazzamento fu il terzo posto nel girone A della Serie C 1939-1940, mentre in Coppa Italia – cui prese parte per la prima volta nel 1936 – non andò mai oltre il terzo turno, raggiunto nell'edizione 1940-1941.

Al termine della stagione 1942-1943 sarebbe dovuta retrocedere in Prima Divisione, ma l'evolversi del conflitto portò alla nascita della Repubblica Sociale Italiana e la squadra venne iscritta alla Divisione Nazionale 1944, in cui non superò il girone eliminatorio B del Veneto. Già nel primo campionato del dopoguerra riprese parte alla Serie C e nel 1946 cambiò la propria denominazione in Associazione Calcio Marzotto[12], mentre il campo da gioco venne ribattezzato stadio dei Fiori[10]. Nella stagione 1946-1947 la squadra ottenne il terzo posto nel girone G ed in quella successiva la seconda piazza finale che le permise, anche in seguito al Caso Napoli, di mantenere la categoria nonostante la riforma che prevedeva una radicale riduzione del numero di partecipanti. Nel 1950 assunse la presidenza Vittorio Marzotto – primo esponente della famiglia a ricoprire direttamente tale incarico – e la compagine, guidata dall'allenatore Gino Costenaro, terminò al primo posto il girone B a pari punti con il Marzoli Palazzolo. Nello spareggio tenutosi il 17 giugno 1951 sul campo neutro dello stadio comunale di Ferrara il Marzotto si impose 3-1 ottenendo la promozione in Serie B.

 
1954-1955: 8º posto in Serie B.

Nella prima stagione in serie cadetta, in cui fu allenatore per un periodo Jesse Carver – già Campione d'Italia sulla panchina della Juventus due anni prima – la squadra ottenne la salvezza all'ultima giornata. In quelle successive raccolse migliori risultati sportivi, giungendo con l'allenatore Alberto Marchetti al quinto posto nel campionato 1953-1954 davanti a Vicenza, Verona, Padova e Treviso e risultando in assoluto la miglior squadra del Veneto[2], non essendo alcuna compagine regionale iscritta alla Serie A 1953-1954. Quell'estate Vittorio Marzotto lasciò la presidenza al fratello Paolo e seguirono altre stagioni al secondo livello del calcio italiano, tra le quali la migliore in assoluto fu quella 1957-1958 con in panchina l'allenatore Imre Senkey, conclusa in campionato al quarto posto, con l'attaccante Pietro Biagioli che vinse la classifica marcatori segnando 19 reti ed il raggiungimento dei quarti di finale in Coppa Italia, turno in cui avvenne l'eliminazione subita dalla Lazio. Nel campionato 1960-1961 – il decimo consecutivo in Serie B – il sodalizio patì la prima retrocessione della sua storia sportiva, facendo ritorno in Serie C.

Dagli anni 1960 agli anni 1990Modifica

Nella prima metà degli anni 1960 la squadra condusse alcune stagioni di metà classifica nel girone A della terza serie, fino al campionato 1965-1966 in cui – guidata dall'allenatore Čestmír Vycpálek – fu tra le prime posizioni fino alle ultime giornate. A tre partite dal termine, quando si trovava al secondo posto, ospitò la capolista Savona e durante il match il presidente della squadra avversaria morì per infarto[13]. L'incontro terminò 0-0 ed il Savona ottenne primo posto e promozione in Serie B, mentre il Marzotto concluse quel campionato in terza piazza. Nella Serie C 1968-1969 giunse al 17º posto nel girone A, a pari merito di punti e differenza reti con la Cremonese, mantenendo la categoria grazie al vittorioso spareggio disputato a Brescia il 29 giugno 1969 e vinto per 2-1 sui grigiorossi. La stagione successiva – segnata dall'abbandono della presidenza da parte di Paolo Marzotto – terminò invece con la retrocessione in Serie D in seguito al 18º posto nel girone A, a pari punti ma peggior differenza reti con il Monfalcone, 17º e salvo.

Nell'ambito di un più ampio mutamento sociale in corso nel territorio geografico della squadra[14], nel 1970 avvenne il cambio di denominazione in Associazione Calcio Valdagno mentre dal punto di vista dei risultati sportivi proseguì la parabola discendente: nel 1972 il sodalizio retrocedette in Promozione e nel 1973 in Prima Categoria, al secondo livello regionale, cui rimase per cinque stagioni. Al ritorno in Promozione nella stagione 1978-1979 vinse immediatamente il proprio girone ed ebbe così nuovamente accesso alla Serie D, vincendo inoltre il suo terzo titolo regionale superando lo Spinea per 1-0 in casa e pareggiando 2-2 ai tempi supplementari l'incontro di ritorno. Disputò quindi alcune stagioni al quinto livello nazionale, permanendovi anche dopo il cambio di denominazione in Campionato Interregionale e terminando il girone D della stagione 1984-1985 al primo posto a pari punti e scontri diretti con il Giorgione: il conseguente spareggio disputatosi a Mestre fu vinto per 1-0 dai castellani.

La stagione 1988-1989 vide la squadra vincere il girone C, con conseguente ritorno nel calcio professionistico in Serie C2; epilogo di quel campionato fu la disputa del Trofeo Jacinto, in cui raggiunse la finale disputatasi a Lumezzane e vinta per 4-1 contro l'Acireale. La permanenza in categoria, con presidente Giuseppe Aldegheri, durò tre stagioni: nella Serie C2 1991-1992 il Valdagno terminò il girone A al 17º posto in classifica a pari punti con la Virescit Bergamo, che sconfisse per 2-1 nello spareggio di Fiorenzuola del 24 giugno 1992 ottenendo l'accesso ai play-out intergirone. In questa fase – disputatasi a Terni tra giugno e luglio – la squadra ottenne due pareggi per 1-1 contro il Città di Cerveteri ed il Teramo, per poi essere sconfitta nell'ulteriore spareggio per 2-1 dal Città di Cerveteri, retrocedendo nel Campionato Nazionale Dilettanti.

Al termine della stagione 1993-1994 fu ammesso in Serie C2 a completamento organici, cui prese parte per tre campionati. In Serie C2 1996-1997 terminò il girone A all'ultimo posto venendo conseguentemente retrocesso, fondendosi quell'estate con l'Associazione Calcio Thiene, squadra iscritta al campionato di Eccellenza Veneto. La neonata Associazione Calcio ThieneValdagno ebbe sede a Thiene, abbandonò la storica sponsorizzazione tecnica della Marzotto[2] e prese parte al Campionato Nazionale Dilettanti 1997-1998.

Dagli anni 2000Modifica

Nel 2005 venne fondata a Valdagno una nuova società – l'Associazione Calcio Dilettantistica Nuova Valdagno – che prese parte al campionato di promozione Veneto per alcune stagioni, vincendo il girone B nel 2009. Dopo una sola stagione in Eccellenza la squadra retrocedette, per poi conquistare nuovamente un posto nel massimo campionato regionale nel 2012. Attraverso manovre societarie, cedette il diritto sportivo per l'Eccellenza all'Associazione Sportiva Dilettantistica Boca Ascesa Val Liona con sede a Grancona[15] e si iscrisse in Serie D in sostituzione dell'Associazione Calcio Dilettantistica Trissino, assumendo la denominazione Associazione Calcio Dilettantistica Trissino-Valdagno, continuando a disputare le partite interne allo stadio dei Fiori[16] e concludendo il campionato al 9º posto del girone C. Al termine di un secondo campionato in Serie D la squadra fu protagonista di ulteriori operazioni societarie: accorpandosi alla Società Sportiva Dilettantistica Calcio Marano – che nel 2011 si era fuso[4] con l'Associazione Calcio Dilettantistica Thiene Calcio[17], evoluzione dell'Associazione Calcio Thiene Valdagno nata nel 1997 – diede vita al Football Club Dilettantistico AltoVicentino, che pur mantenedo lo stesso campo casalingo si presentò come nuova realtà erede di entrambe le tradizioni sportive precedenti[18]. A Valdagno rimase attivo – nel solo settore giovanile e scolastico – anche il Real Valdagno, omonimo di una società precedente[19] ma nato nel 2012 come società satellite del Trissino-Valdagno[20].

L'AltoVicentino mancò di iscriversi al campionato 2017-2018 e contestualmente venne fondata la Società Sportiva Dilettantistica ValdagnoVicenza Calcio[4] che prese parte al campionato di Eccellenza sfruttando il diritto acquisito dalla Associazione Sportiva Dilettantistica Leodari Vicenza SBF[21][22]. Patita la retrocessione in promozione, cambiò denominazione in Società Sportiva Dilettantistica Football Club Valdagno[1] e mantenne come società satellite la Società Sportiva Dilettantistica Football Club Vicenza, dedicata esclusivamente al settore giovanile e scolastico. A seguito di un'ulteriore retrocessione, il Valdagno raggiunse la Prima Categoria, in cui milita attualmente[non chiaro].

CronistoriaModifica

Cronistoria della Società Sportiva Dilettantistica Football Club Valdagno
  • 1926 - L'Unione Sportiva Pasubio avvia la propria sezione calcio.
  • 1926-1927 - Attività sportive limitate a gare amichevoli.
  • 1927-1928 - 1º nel girone A della Terza Divisione Veneto. 2º nel girone D delle Finali Nord. Ripescato in Seconda Divisione per allargamento quadri.
  • 1928 - Cambia denominazione in Associazione Calcio Valdagno.
  • 1928-1929 - 11º nel girone D della Seconda Divisione[23].
  • 1929-1930 - 8º nel girone D della Seconda Divisione[23]. La Seconda Divisione viene declassata a campionato regionale.

Secondo turno di Coppa Italia.
Secondo turno di Coppa Italia.
Primo turno di Coppa Italia.
Primo turno di Coppa Italia.

Terzo turno di Coppa Italia.

Quarti di finale di Coppa Italia.
Ottavi di finale di Coppa Italia.
Primo turno di Coppa Italia.

Secondo turno di Coppa Italia.

  • 1970 - Cambia denominazione in Associazione Calcio Valdagno.
  • 1970-1971: 15º nel girone C della Serie D.
  • 1971-1972: 17º nel girone C della Serie D. Retrocesso in Promozione.
  • 1972-1973: 16º nel girone A della Promozione Veneto. Retrocesso in Prima Categoria.
  • 1973-1974 - in Prima Categoria Veneto.
  • 1974-1975 - in Prima Categoria Veneto.
  • 1975-1976 - in Prima Categoria Veneto.
  • 1976-1977 - in Prima Categoria Veneto.
  • 1977-1978 - in Prima Categoria Veneto. Promosso in Promozione.
  • 1978-1979 - Vince la Promozione Veneto. Promosso in Serie D.
  • 1979-1980 - 9º nel girone B della Serie D.

  • 1980-1981 - 4º nel girone B della Serie D.
  • 1981-1982 - 6º nel girone C del Campionato Interregionale.
  • 1982-1983 - 6º nel girone C del Campionato Interregionale.
  • 1983-1984 - 8º nel girone C del Campionato Interregionale.
  • 1984-1985 - 2º nel girone D del Campionato Interregionale.
  • 1985-1986 - 3º nel girone C del Campionato Interregionale.
  • 1986-1987 - 5º nel girone C del Campionato Interregionale.
Semifinale della fase Interregionale di Coppa Italia Dilettanti.
Vince il Trofeo Jacinto (1º titolo).

Fase eliminatoria a gironi di Coppa Italia Serie C.
  • 1991-1992 - 17º nel girone A della Serie C2. Retrocesso nel Campionato Nazionale Dilettanti.
Fase eliminatoria a gironi di Coppa Italia Serie C.
  • 1992-1993 - 10º nel girone B del Campionato Nazionale Dilettanti.
  • 1993-1994 - 2º nel girone D del Campionato Nazionale Dilettanti. Ripescato in Serie C2 a completamento organici.
  • 1994-1995 - 12º nel girone A della Serie C2.
Secondo turno di Coppa Italia Serie C.
Primo turno di Coppa Italia Serie C.
  • 1996-1997 - 18º nel girone A della Serie C2. Retrocesso nel Campionato Nazionale Dilettanti.
Primo turno di Coppa Italia Serie C.

  • 2005 - La società viene rifondata con la denominazione Associazione Calcio Dilettantistica Nuova Valdagno.
  • 2005-2006 - 8º nel girone A di Promozione Veneto.
  • 2006-2007 - 11º nel girone B di Promozione Veneto.
  • 2007-2008 - 9º nel girone B di Promozione Veneto.
  • 2008-2009 - 1º nel girone B di Promozione Veneto. Promosso in Eccellenza.
  • 2009-2010 - 16º nel girone A di Eccellenza Veneto. Retrocesso in Promozione.

  • 2010-2011 - 6º nel girone A di Promozione Veneto.
  • 2011-2012 - 1º nel girone A di Promozione Veneto. Promosso in Eccellenza.
  • 2012 - Si fonde con l'Associazione Calcio Dilettantistica Trissino iscritta in Serie D e assume la denominazione Associazione Calcio Dilettantistica Trissino-Valdagno.
  • 2012-2013 - 9º nel girone C di Serie D.
  • 2013-2014 - 9º nel girone C di Serie D.
  • 2014 - Si fonde con la Società Sportiva Dilettantistica Calcio Marano nel Football Club Dilettantistico AltoVicentino.
  • 2017 - La società viene rifondata con la denominazione Società Sportiva Dilettantistica ValdagnoVicenza Calcio.
  • 2017-2018 - 16º nel girone A di Eccellenza Veneto. Retrocesso in Promozione.
  • 2018 - Cambia denominazione in Società Sportiva Dilettantistica Football Club Valdagno.
  • 2018-2019 - 13º nel girone B di Promozione Veneto. Perde il play-out. Retrocesso in Prima Categoria.
  • 2019-2020 - 11º nel girone C di Prima Categoria Veneto
  • 2020-2021 - nel girone C di Prima Categoria Veneto

StruttureModifica

StadioModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Stadio dei Fiori.

La squadra disputa le proprie partite interne allo stadio dei Fiori[7].

Allenatori e presidentiModifica

  Le singole voci sono elencate nella Categoria:Allenatori del F.C. Valdagno
Allenatori
Presidenti
  • ...
  • 1936-1938   Luigi Andrighetto
  • 1938-1939   Giovan Battista De Paoli
  • 1939-1940   Alfredo Di Bello
  • 1940-1942   Emilio Tommasi
  • ...
  • 1948-1950   Lorenzo Suzzi
  • 1950-1954   Vittorio Marzotto
  • 1954-1969   Paolo Marzotto
  • 1969-1970   Italo Chiesa
  • ...
  • 1989-1997   Giuseppe Aldegheri
  • ...
  • 2008-2009   Riccardo Quacquarelli
  • 2009-2010   Riccardo Quacquarelli (1ª-?ª)
      Paolo Maule (?ª-?ª)
  • ...
    2011-2012   Enzo Urbani
  • ...
  • 2017-2020   Roberto Maria Coda[26]

CalciatoriModifica

  Le singole voci sono elencate nella Categoria:Calciatori del F.C. Valdagno

PalmarèsModifica

Competizioni nazionaliModifica

1988-1989

Competizioni interregionaliModifica

1950-1951 (girone B)
1988-1989 (girone C)

Competizioni regionaliModifica

1927-1928 (girone A)
1933-1934
1935-1936
1978-1979, 2008-2009 (girone B), 2011-2012 (girone A)

Altri piazzamentiModifica

Secondo posto: 1947-1948 (girone G)
Terzo posto: 1939-1940 (girone A), 1946-1947 (girone G), 1965-1966 (girone A)
Secondo posto: 1984-1985 (girone D), 1987-1988 (girone B)
Terzo posto: 1985-1986 (girone C)
Secondo posto: 1993-1994 (girone D)
Secondo posto: 1932-1933 (girone B)

Statistiche e recordModifica

Partecipazione ai campionatiModifica

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Serie B 10 1951-1952 1960-1961 10
Prima Divisione 1 1934-1935 23
Serie C 22 1936-1937 1969-1970
Seconda Divisione 2 1928-1929 1929-1930 10
Serie D 2 1970-1971 1971-1972
Serie C2 6 1989-1990 1996-1997
Serie D 4 1979-1980 2013-2014 14
Campionato Interregionale 8 1981-1982 1988-1989
Campionato Nazionale Dilettanti 2 1992-1993 1993-1994

In 57 stagioni sportive a partire dall'esordio a livello nazionale avvenuto il 14 ottobre 1928. Sono escluse la stagione 1944 e le stagioni in cui la squadra disputò i tornei del Comitato Regionale Veneto.

TifoseriaModifica

Gemmellaggi e rivalitàModifica

Negli anni precedenti la seconda guerra mondiale vi era un'accesa rivalità fra L.R. Vicenza e Marzotto, che spesso si trovavano a incontrarsi nello stesso girone. In seguito alla vittoria ottenuta a Vicenza dal Marzotto per 5-0 il 21 aprile 1940 nel campionato di Serie C, a Valdagno venne ideato un cocktail denominato cinqueazero[27]. Altri derby disputati dal Valdagno sono quelli contro lo Schio[6] ed il Verona[28].

NoteModifica

  1. ^ a b SSD FC VALDAGNO, su Valdagno. URL consultato il 23 gennaio 2021.
  2. ^ a b c Dante Piotto, L’avversario: Altovicentino, l’erede del Marano, Trissino Valdagno e del Marzotto, su Calcio Padova, 2015. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  3. ^ a b M. Dal Lago, S. Fornasa e G. Trivelli, Dizionario Biografico della Valle dell'Agno, secoli XII-XX, Cierre, 2012, pp. 59-61, ISBN 9788883146978. URL consultato il 17 gennaio 2021.
  4. ^ a b c Altovicentino, addio !!!, su Calcio vicentino, 11 luglio 2017. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  5. ^ Francesco Meneguzzo, Valdagno, ritorno in paradiso, su Il Giornale di Vicenza, 28 aprile 2012. URL consultato il 23 gennaio 2021.
  6. ^ a b c d e Alessandro Lancellotti, Valdagno-Schio, un derby che fa la storia, su Il Giornale di Vicenza, 23 novembre 2018. URL consultato il 17 gennaio 2021.
  7. ^ a b Valdagno - Stadio Squadra - Veneto - Prima Categoria Girone C, su Tutto campo. URL consultato il 17 gennaio 2021.
  8. ^ Victoria De Grazia, La taylorizzazione del tempo libero operaio nel regime fascista, Fondazione Istituto Gramsci, 1978.
  9. ^   Istituto Luce Cinecittà, Valdagno: le opere assistenziali delle grandi industrie italiane (Lanificio Marzotto), su YouTube, aprile 1933. URL consultato il 17 gennaio 2021.
  10. ^ a b Stadio dei Fiori - Riqualificazione architettonica e funzionale (PDF), su Comune di Valdagno, Novembre 2015. URL consultato il 17 gennaio 2021.
  11. ^ Chiara Roverotto, Marzotto e la sua città, su Il Giornale di Vicenza, 3 luglio 2018. URL consultato il 17 gennaio 2021.
  12. ^ Fiorenzo Radogna, Quel Marzotto Valdagno alle soglie della serie A, su Corriere della Sera, 29 dicembre 2016. URL consultato il 17 gennaio 2021.
  13. ^ Luciano Angelini, Il Savona e l'infarto a Gadolla, su la Repubblica, 11 maggio 2007. URL consultato il 19 gennaio 2021.
  14. ^ La Marzotto occupata Un’analisi dopo 50 anni, su Il Giornale di Vicenza, 18 aprile 2019. URL consultato il 19 gennaio 2021.
  15. ^ Rinasce il Grancona Rivive una storia cominciata nel '69, su Il Giornale di Vicenza, 21 luglio 2013. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  16. ^ Remonato al Cartigliano, su Altovicentino in rete, 2 luglio 2012. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  17. ^ Comune di Thiene, Convenzione Stadio Miotto, su dominoweb.altovicentino.it, 5 ottobre 2017 (archiviato dall'url originale il 5 ottobre 2017).
  18. ^ Storia, su AltoVincentino. URL consultato il 21 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale l'8 luglio 2015).
  19. ^ Elenco definitivo delle Associazioni sportive dilettantistiche riconosciute dal CONI 2009, su Il Sole 24 Ore, 2009, p. 66. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  20. ^ A.C.D. Trissino Valdagno, su Calcio scout. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  21. ^ Francesco Meneguzzo, Il Leodari fa le valigie e viaggia verso Valdagno, su Il Giornale di Vicenza, 1º giugno 2017. URL consultato il 23 gennaio 2021.
  22. ^ Roberto Luciani, Leodari e Alto sparite? Ecco Vicenza-Valdagno, su Il Giornale di Vicenza, 10 giugno 2017. URL consultato il 23 gennaio 2021.
  23. ^ a b Gestita dal Direttorio Divisioni Inferiori Nord.
  24. ^ Gestita dalla Lega Nazionale Alta Italia.
  25. ^ Gestita dalla Lega Interregionale Nord.
  26. ^ a b Federico Formisano, L’edicola del martedì: Mantovani a Valdagno, un nuovo giocatore al Le Torri, esonerato Brendolan, su Calcio vicentino, 1º ottobre 2019. URL consultato il 24 gennaio 2021.
  27. ^ Paola Ambrosetti, Storie di derby e di un aperitivo (PDF), su Sport quotidiano, 6 ottobre 2013. URL consultato il 24 gennaio 2021.
  28. ^ Mario Allegri, Rubavo sorrisi alle educande del «Seghetti», su L'Arena, 23 novembre 2013. URL consultato il 24 gennaio 2021.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio