Apri il menu principale

Futbol'nyj Klub Zenit Sankt-Peterburg

società calcistica russa
Zenit San Pietroburgo
Calcio Football pictogram.svg
Campione di Russia in carica Campione di Russia in carica
FC Zenit 1 star 2015 logo.png

Blu-bianco-azzurri (Sine-belo-golubye)
La contraerea (Zenitchiki)
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Terza divisa
Colori sociali 600px Blue HEX-243785 HEX-008ED1 White.svg Blu, bianco, azzurro
Dati societari
Città San Pietroburgo
Nazione Russia Russia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Russia.svg RFU
Campionato Prem'er-Liga
Fondazione 1925
Proprietario Russia Gazprom
Presidente Russia Sergej Fursenko
Allenatore Russia Sergej Semak
Stadio Stadio San Pietroburgo
(68.130 posti)
Sito web www.fc-zenit.ru
Palmarès
Campionato russoCampionato russoCampionato russoCampionato russoCampionato russo Coppa di RussiaCoppa di RussiaCoppa di Russia Supercoppe di RussiaSupercoppe di RussiaSupercoppe di RussiaSupercoppe di Russia Coppa UEFA Supercoppa europea
Titoli nazionali 1 Campionato sovietico
5 Campionati russi
Trofei nazionali 1 Coppa dell'URSS
1 Coppa della RPL
3 Coppe di Russia
4 Supercoppe di Russia
Trofei internazionali 1 Coppe UEFA/Europa League
1 Supercoppe UEFA
Soccerball current event.svg Stagione in corso
Si invita a seguire il modello di voce

Il Futbol'nyj Klub Zenit Sankt-Peterburg (in russo: Футбольный клуб "Зенит" Санкт-Петербург?), noto semplicemente come Zenit San Pietroburgo, è una società calcistica russa con sede nella città di San Pietroburgo. Gioca nella Prem'er-Liga del campionato russo di calcio e disputa le partite casalinghe nella Zenit Arena di San Pietroburgo.

Fondato nel 1925 con il nome di Krasnaja Zarja Leningrado, dal 1936 si è chiamato Zenit Leningrado e, dal 1991, è denominato Zenit San Pietroburgo.

Nella sua bacheca figurano, a livello nazionale, un campionato sovietico (1984), 5 campionati russi (2007, 2010, 2011-2012, 2014-2015 e 2018-2019), una Coppa dell'URSS, una Supercoppa dell'URSS, 3 Coppe di Russia, 4 Supercoppe di Russia e una Coppa del campionato russo (nell'unica edizione del torneo). A livello internazionale lo Zenit ha vinto una Coppa UEFA (2007-2008) e una Supercoppa UEFA (2008).

Indice

StoriaModifica

Epoca sovietica (1925-1991)Modifica

Il club fu fondato nel 1925 con il nome di Krasnaja Zarja Leningrado. Nel 1936 cambiò nome in Zenit Leningrado. Esordì ben presto nella massima serie del campionato sovietico di calcio. Retrocesso nel 1938, poté partecipare alla massima serie nel 1940 solo grazie alla fusione con i concittadini dello Stalinec[1]. Nel 1941 ci fu una nuova fusione con i concittadini del Krasnaya Zarya e dell'Avangard, per dar vita al ProfSoyuzy, che però cambiò immediatamente nome in Zenit[2].

Il primo successo il club lo colse in piena seconda guerra mondiale, quando nel 1944 vinse la sua prima Coppa dell'Unione Sovietica battendo il CSKA Mosca. Seguirono lunghi decenni di piazzamenti dignitosi in massima divisione sovietica.

Nel 1967 lo Zenit finì ultimo nel campionato sovietico, ma venne salvato dalla politica, che decise che non era il caso di far retrocedere un club di Leningrado proprio nell'anno del 50º anniversario della rivoluzione bolscevica[3].

Negli anni ottanta il club raggiunse altri importanti traguardi: il terzo posto nel campionato 1980, anno in cui il club divenne proprietà dell'azienda ottica LOMO, la finale della Coppa dell'Unione Sovietica del 1984, e, nello stesso anno, il successo più importante, la vittoria del titolo sovietico, ottenuta con 7 punti di vantaggio sullo Spartak Mosca secondo classificato. L'anno successivo vinse anche la Supercoppa sovietica.

Era post-sovietica (1991-oggi)Modifica

Anni 1990Modifica

Dopo la dissoluzione dell'Unione Sovietica, nel 1992 il club retrocesse nella seconda serie del campionato russo e solo nel 1995 fu promosso nella massima serie, grazie al terzo posto in Pervaja liga. Nel 1996 giunse in semifinale nella Coppa di Russia, trofeo che vinse per la prima volta nel 1999.

Anni 2000Modifica

Nel 2001 si piazzò terzo in campionato e nel 2002 fu decimo in campionato e finalista della Coppa di Russia. Nel 2003, sotto la guida del nuovo tecnico Vlastimil Petržela, si classificò secondo in Prem'er-Liga e si aggiudicò anche la prima e unica edizione della Coppa del campionato russo.

 
Lo Zenit vincitore della Coppa UEFA 2007-2008, ricevuto dal presidente russo Medvedev.

Nel dicembre del 2005 il club passò sotto il controllo dal colosso petrolifero Gazprom, che rilevò la quota di maggioranza dello Zenit e stanziò 100 milioni di dollari in nuovi acquisti e nella costruzione di un nuovo stadio che sostituisse il Petrovskij.

Uscito ai quarti di finale della Coppa UEFA 2005-2006, lo Zenit iniziò male il campionato e nel luglio 2006 Petržela fu esonerato e sostituito dall'olandese Dick Advocaat.

Nel novembre 2007, sotto la guida di Dick Advocaat, la squadra si aggiudicò per la prima volta il campionato russo, inanellando 10 vittorie nelle ultime 11 giornate. Nel 2008 lo Zenit di Advocaat vinse la sua prima Supercoppa di Russia (2-1 al Lokomotiv Mosca nel marzo 2008) e fu artefice di grandi imprese in Coppa UEFA. Dopo aver eliminato Villarreal nei sedicesimi di finale, Olympique Marsiglia negli ottavi, Bayer Leverkusen (battuto per 4-1 in casa) nei quarti di finale, estromise dalla competizione anche il più quotato Bayern Monaco in semifinale. La partita di andata all'Allianz Arena terminò 1-1, mentre nel ritorno allo Stadio Petrovskij i russi vinsero per 4-0, infliggendo ai bavaresi la loro sconfitta più larga nella storia delle coppe europee. In finale, il 14 maggio al City of Manchester Stadium, lo Zenit affrontò i Rangers e si impose per 2-0, dopo aver dominato per tutta la gara. Per la squadra russa fu il primo trofeo vinto a livello europeo. Lo Zenit riuscì anche a piazzare un proprio giocatore, l'attaccante Pogrebnjak, autore di 10 reti, in cima alla classifica dei marcatori del torneo, alla pari di Luca Toni del Bayern Monaco.

Il 29 agosto 2008, allo Stade Louis II di Monaco, lo Zenit si aggiudicò la Supercoppa europea, battendo i detentori della Champions League, gli inglesi del Manchester Utd, ed entrando in tal modo a pieno titolo tra le grandi del calcio europeo. Nella stagione 2008-2009 la squadra pietroburghese fece il suo esordio in Champions League, dove fu inserita nel girone di Real Madrid, Juventus e Bate Borisov. Nonostante le aspettative, complice anche la notevole difficoltà del girone, i risultati faticarono ad arrivare e i russi non andarono oltre il terzo posto, ottenendo così l'accesso in Coppa UEFA. Nel novembre 2008 chiusero poi il campionato al quinto posto.

Anni 2010Modifica

 
Givanildo Vieira de Souza, detto Hulk, fu acquistato per 55 milioni di euro e vestì la maglia della squadra fino al 2016

Nel novembre 2009 lo Zenit concluse terzo in campionato. L'11 dicembre, un mese dopo la fine del campionato, il club ufficializzò l'ingaggio del tecnico italiano Luciano Spalletti, con contratto triennale[4]. Il 16 maggio 2010 il tecnico toscano condusse la compagine di San Pietroburgo alla vittoria, la seconda nella sua storia, della Coppa di Russia, grazie al successo in finale contro il Sibir' Novosibirsk[5].

Nell'estate 2010 lo Zenit acquistò Aleksandr Bucharov, Sergej Semak, Aleksandar Luković e Bruno Alves. Il 25 agosto 2010, perdendo contro l'Auxerre, lo Zenit fallisce l'accesso alla fase a gironi della Champions League, ma prosegue il suo cammino europeo in Europa League. Con il tecnico italiano la squadra di San Pietroburgo impone la sua leadership in campionato. Il 3 ottobre 2010 stabilisce un record per il campionato russo, facendo registrare 21 partite consecutive senza sconfitte. Il 27 ottobre arriva la prima sconfitta in campionato, contro lo Spartak Mosca. Lo Zenit vince la Prem'er-Liga 2010 con due giornate di anticipo, il 14 novembre 2010, tornando al successo finale in campionato dopo tre anni[6]. Dopo 16 giornate la squadra aveva ottenuto ben 40 punti (frutto di 12 vittorie e 4 pareggi), stabilendo un nuovo record per la massima divisione russa dopo 16 turni.

Il 6 marzo 2011 lo Zenit si aggiudica per la seconda volta nella sua storia la Supercoppa di Russia battendo per 1-0 il CSKA Mosca allo Stadio Kuban' di Krasnodar[7]. Undici giorni dopo è eliminato dal Twente negli ottavi di finale di UEFA Europa League.

 
Roberto Mancini, allenatore dello Zenit dal giugno 2017 al maggio 2018.

Il 6 dicembre 2011 lo Zenit ottiene per la prima volta nella sua storia la qualificazione alla fase a eliminazione diretta della Champions League, arrivando secondo in un gruppo comprendente anche Porto, Šachtar e APOEL. Agli ottavi di finale, nel febbraio 2012, lo Zenit viene eliminato dal Benfica (vittoria per 3-2 in Russia e sconfitta per 2-0 a Lisbona).

Il 9 febbraio 2012 Spalletti firma un prolungamento di contratto al 2015 assumendo anche il ruolo di manager[8].

Il 28 aprile 2012 lo Zenit di Spalletti bissa il successo della stagione precedente, battendo per 2-1 la Dinamo Mosca, portandosi così a +15 dalle dirette inseguitrici, il CSKA Mosca e appunto la Dinamo Mosca, aggiudicandosi il campionato, il primo campionato russo terminato in primavera, con ben tre giornate d'anticipo. Per il tecnico toscano si tratta del quarto trofeo da quando è alla guida della squadra.

Per la stagione 2012-2013 la squadra conduce una dispendiosa campagna acquisti, con il doppio acquisto da 80 milioni (40 e 40) del brasiliano del Porto Hulk e del centrocampista del Benfica Axel Witsel. In campionato il club sampietroburghese si piazza secondo a due punti dal CSKA Mosca. Al termine della stagione allo Zenit mancheranno i punti della partita persa 0-3 a tavolino contro la Dinamo a causa degli incidenti provocati dai propri tifosi.

L'11 marzo 2014, a seguito di risultati negativi in campionato e in UEFA Champions League, Spalletti è esonerato dopo aver vinto solo 2 delle ultime 12 partite ufficiali[9]. Gli subentra, come traghettatore, l'ex calciatore dello Zenit Sergej Semak, poi rimpiazzato dopo alcuni giorni dal portoghese André Villas-Boas, con cui la squadra conclude il campionato al secondo posto, ad un solo punto dal CSKA Mosca.

Nel 2014-2015 lo Zenit torna a vincere il campionato russo, il primo dell'era Villas-Boas, con un ruolino di marcia di 20 vittorie e 7 pareggi e 3 sole sconfitte in 30 giornate, concludendo il torneo con 7 punti di vantaggio sul CSKA Mosca. Si aggiudica anche la Supercoppa di Russia, battendo il Lokomotiv Mosca per 4-2 dopo i tiri di rigore (1-1 dopo 120 minuti).

Nel 2015-2016, l'ultima annata con Villas-Boas in panchina, come comunicato in anticipo dallo stesso tecnico, lo Zenit conclude terzo, a sei punti dal CSKA Mosca campione e alle spalle della sorpresa Rostov. In Champions League la squadra fa registrare la sua migliore performance di sempre, vincendo cinque partite su sei della fase a gironi, dove affronta Valencia, Lione e Gent (sconfitta solo nell'ultima e ininfluente gara contro il Gent). Agli ottavi di finale si arrende nuovamente al Benfica.

Nella stagione 2016-2017 sulla panchina dello Zenit siede il tecnico rumeno Mircea Lucescu, che raggiunge il terzo posto in campionato, ma non viene confermato. Gli subentra Roberto Mancini, sotto la cui guida la squadra non va oltre un deludente quinto posto, mancando l'accesso alla UEFA Champions League. Il contratto con il tecnico italiano è rescisso consensualmente nel maggio 2018.

La dirigenza individua, con contratto biennale, il successore di Mancini in Sergej Semak, ex bandiera del club da calciatore, il più votato dei candidati (tra cui Maurizio Sarri e Jorge Sampaoli) di un sondaggio proposto ai tifosi dal sito ufficiale del club. Il ruolo di direttore sportivo è affidato invece allo spagnolo Javier Ribaltu, che ingaggia Claudio Marchisio, svincolatosi dalla Juventus. In estate la squadra disputa il terzo turno preliminare di UEFA Europa League 2018-2019, in cui si rende protagonista di una rimonta pregevole: la Dinamo Minsk batte per 4-0 i russi nel match di andata, ma al ritorno lo Zenit eguaglia il risultato, portando l'incontro ai supplementari, dove le emozioni si alternano. Al 99º minuto i bielorussi trovano il gol portando il risultato sul 4-1. A questo punto i russi, che si trovano anche in inferiorità numerica, per superare il turno dovrebbero vincere almeno per 6-1. Lo Zenit reagisce e trova il gol al 108º minuto, per poi siglare il gol della momentanea qualificazione al 116º. Il club di San Pietroburgo trova poi la forza di realizzare altri due gol: il risultato finale sarà di 8-1 ed è frutto di una rimonta senza precedenti, la più ampia registrata in una competizione europea. Prima dei gironi è superato l'ultimo ostacolo, il Molde, non senza difficoltà: alla vittoria per 3-1 in casa segue, in trasferta, la sconfitta per 2-1, risultato che però non basta ai norvegesi. La squadra russa giunge ai gironi e viene inserita nel gruppo C con Slavia Praga, Bordeaux e Copenaghen. Vinto il girone con 11 punti, elimina il Fenerbahçe ai sedicesimi di finale, ma cade agli ottavi contro il Villarreal.

La stagione seguente si apre con la sconfitta in Supercoppa di Russia contro il Lokomotiv Mosca (2-3).

CronistoriaModifica

Cronistoria dello Zenit
  • 1925: Fondazione con il nome di Krasnaja Zarja Leningrado
  • 1936: rinominato Zenit Leningrado
  • 1938: 22° in Gruppa A; retrocesso in Gruppa B.
Ottavi di finale in Coppa dell'URSS.
1º turno in Coppa dell'URSS.
Semifinali in Kubok SSSR 1945.
Ottavi di finale in Coppa dell'URSS.
Quarti di finale in Coppa dell'URSS.
Ottavi di finale in Coppa dell'URSS.
Quarti di finale in Coppa dell'URSS.
Quarti di finale in Coppa dell'URSS.
Ottavi di finale in Coppa dell'URSS.
Quarti di finale in Coppa dell'URSS.
Ottavi di finale in Coppa dell'URSS.
Semifinale in Kubok SSSR 1954.
Ottavi di finale in Coppa dell'URSS.
Ottavi di finale in Coppa dell'URSS.
Ottavi di finale in Coppa dell'URSS.
Sedicesimi di finale in Kubok SSSR 1959-1960.
  • 1960: 7° nel Girone A di Klass A dopo la prima fase, 15º posto finale.
  • 1961: 8° nel Girone B di Klass A dopo la prima fase, 13º posto finale.
Semifinale in Coppa dell'URSS.
  • 1962: 11° nel Girone B di Klass A dopo la prima fase, 11º posto finale.
1º turno in Coppa dell'URSS.
3º turno in Coppa dell'URSS.
Ottavi di finale in Coppa dell'URSS.
3º turno in Kubok SSSR 1965.
Ottavi di finale in Kubok SSSR 1965-1966.
4º turno in Coppa dell'URSS.
4º turno in Coppa dell'URSS.
Ottavi di finale in Coppa dell'URSS.
Quarti di finale in Coppa dell'URSS.
Quarti di finale in Coppa dell'URSS.
Quarti di finale in Coppa dell'URSS.
Ottavi di finale in Coppa dell'URSS.
Ottavi di finale in Coppa dell'URSS.
Ottavi di finale in Coppa dell'URSS.
5° nell'edizione autunnale.
Semifinale in Coppa dell'URSS.
Ottavi di finale in Coppa dell'URSS.
Quarti di finale in Coppa dell'URSS.
5° nel Girone 2 di Coppa dell'URSS.
4° nel Girone 1 di Coppa dell'URSS.
Ottavi di finale in Coppa dell'URSS.
1º turno in Coppa UEFA.
3° nel Girone 1 di Coppa dell'URSS.
Semifinale in Coppa dell'URSS.
Finalista in Coppa dell'URSS 1984.
Semifinale in Coppa dell'URSS 1984-1985.
Semifinale in Coppa dell'URSS.
Ottavi di finale in Coppa dei Campioni.
Ottavi di finale in Coppa dell'URSS.
Finalista in Coppa delle Federazioni Sovietiche.
Ottavi di finale in Coppa dell'URSS.
1º turno in Coppa UEFA.
Fase a gironi in Coppa delle Federazioni Sovietiche.
Ottavi di finale in Coppa dell'URSS.
Fase a gironi in Coppa delle Federazioni Sovietiche.
3º turno in Coppa dell'URSS.
2º turno in Coppa UEFA
Fase a gironi in Coppa delle Federazioni Sovietiche.
3º turno in Coppa dell'URSS.
1º turno in Coppa dell'URSS.

  • 1992: cambia denominazione in Zenit San Pietroburgo
8° nel Girone B di Vysšaja Liga, 16º posto finale: retrocesso in Pervaja liga.
Sedicesimi di finale in Coppa di Russia.
  • 1993: 2° nel Girone Centro di Pervaja liga.
3º turno in Kubok Rossii 1993-1994.
  • 1994: 13° in Pervaja liga.
Sedicesimi di finale in Coppa di Russia.
Sedicesimi di finale in Coppa di Russia.
Semifinali in Coppa di Russia.
Ottavi di finale in Coppa di Russia.
Vince Coppa di Russia (1º titolo).
Sedicesimi di finale in Coppa di Russia.
Sedicesimi di finale in Coppa di Russia.
Finalista in Coppa di Russia.
Ottavi di finale in Coppa di Russia.
Vince la Coppa del campionato russo (1º titolo).
Ottavi di finale in Coppa di Russia.
Semifinale in Coppa di Russia.
Semifinale in Coppa di Russia.
Quarti di finale in Coppa di Russia.
Vince la Coppa UEFA 2007-2008 (1º titolo).
Quarti di finale in Coppa di Russia.
5º turno in Coppa di Russia.
Vince Supercoppa di Russia (1º titolo).
Vince la Supercoppa UEFA 2008 (1º titolo).
Vince Coppa di Russia (2º titolo)
Quarti di finale in Coppa di Russia.
Vince Supercoppa di Russia (2º titolo).
Quarti di finale in Coppa di Russia.
Finalista in Supercoppa di Russia.
Semifinale in Coppa di Russia.
Fase a gironi in UEFA Champions League 2012-2013.
Ottavi di finale in UEFA Europa League 2012-2013
Finalista in Supercoppa di Russia.
Sedicesimi di finale in Coppa di Russia.
Ottavi di finale di Champions League.
Ottavi di finale in Coppa di Russia.
Fase a Gironi di Champions League.
Ottavi di finale di Champions League.
Vince Coppa di Russia (3º titolo).
Vince Supercoppa di Russia (3º titolo).
Vince Supercoppa di Russia (4º titolo).
Ottavi di finale in Coppa di Russia.
Sedicesimi di finale in Europa League.
Sedicesimi di finale in Coppa di Russia.
Ottavi di finale in Europa League.
Ottavi di finale in Coppa di Russia.
Ottavi di finale in Europa League.
Finalista in Supercoppa di Russia.

AllenatoriModifica

  Le singole voci sono elencate nella Categoria:Allenatori del F.K. Zenit Sankt-Peterburg
 
Dick Advocaat, l'allenatore olandese dei trionfi in Europa.
 
Luciano Spalletti, alla guida dello Zenit dal dicembre 2009 al marzo 2014.
 
Allenatori del F.K. Zenit Sankt-Peterburg

GiocatoriModifica

  Le singole voci sono elencate nella Categoria:Calciatori del F.K. Zenit Sankt-Peterburg

PalmarèsModifica

StatisticheModifica

Statistiche di squadraModifica

Periodo sovieticoModifica

  • Stagioni nella Vysšaja Liga: 48
  • Stagioni nella Pervaja Liga: 5
  • Miglior piazzamento in Vysšaja Liga: 1º (1 volta)
  • Peggior piazzamento in Vysšaja Liga: 19º (1967)
  • Miglior vittoria in Vysšaja Liga: 7-0 (Žalgiris Vilnius - 1962)
  • Peggior sconfitta in Vysšaja Liga: 0-8 (Dinamo Mosca - 1949)
  • Maggior numero di vittorie in una stagione: 19 (1950 e 1984)
  • Minor numero di sconfitte in una stagione: 5 (1952, 1958)
  • Maggior numero di punti in una stagione: 47 (1984)
  • Maggior numero di gol fatti in una stagione: 70 (1950)
  • Miglior piazzamento in Coppa dell'URSS: 1º (1 volta)
  • Miglior vittoria in Coppa dell'URSS: 8-1 (Torpedo Kutaisi - 1981)
  • Peggior sconfitta in Coppa dell'URSS: 7-0 (CSKA Mosca - 1945)

Periodo post-sovieticoModifica

Coppe europeeModifica

Statistiche individualiModifica

Periodo sovieticoModifica

 
Primatisti di presenze
 
Primatisti di reti

Periodo post-sovieticoModifica

 
Primatisti di presenze
 
Primatisti di reti

TifoseriaModifica

La tifoseria della prima squadra di San Pietroburgo si è resa artefice di molteplici atti a sfondo razzista, nazionalista e maschilista. L'11 novembre 2007, il giovane di origini tanzaniane, Maira Mkama, è stato oggetto di un'aggressione con accoltellamento e perdita del rene: da notare che il giovane era uscito per festeggiare la vittoria dello Zenit[13]. L'anno successivo, durante una gara di Coppa UEFA disputatasi il 12 marzo 2008, tifosi dello Zenit hanno impiccato una scimmia di peluche, gettato banane in campo ed intonato cori razzisti[13]. Per quest'ultima condotta, la società è stata multata di 40.000 franchi svizzeri[14].

 
Tifosi dello Zenit

Ma già nel 2005 la tifoseria si è fatta nuovamente notare, questa volta per aver fatto saltare l'acquisto di un giocatore di colore, il brasiliano Zé Roberto. A detta del d.s. Sarsania l'acquisto fallito fu dovuto all'opposizione della moglie del giocatore brasiliano; l'allenatore Dick Advocat ha successivamente raccontato al Telegraph che in realtà «la tifoseria non avrebbe capito» l'ingaggio di un giocatore di colore[15]. Nel 2009, la tifoseria dello Zenit è salita alla ribalta per aver chiesto alla propria società di proibire l'accesso allo stadio alle donne, giacché la loro presenza farebbe da deterrente al tifoso intento ad insultare l'avversario[16]. La società sembrava allora intenzionata ad accogliere tale richiesta[17].

Nel marzo 2011, durante il match contro l'Anzhi, un tifoso dello Zenit ha lanciato al difensore Roberto Carlos, in forza agli avversari, una banana, gesto riconducibile all'ideologia razzista.[18] Nel dicembre del 2012, il gruppo di tifosi più numeroso e importante dello Zenit di San Pietroburgo (Landscrona) ha pubblicato sul proprio sito un comunicato, denominato Selection 12 Manifesto[19], con il quale si oppone alla presenza in squadra di giocatori di colore o di minoranze sessuali, nel nome della purezza della razza.[20][21]. Il tecnico della squadra Luciano Spalletti e la stessa società sportiva russa si sono subito dissociati dai contenuti del documento[22].

OrganicoModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Futbol'nyj Klub Zenit Sankt-Peterburg 2018-2019.

RosaModifica

Rosa e numerazione aggiornate al 16 agosto 2019.

N. Ruolo Giocatore
3   D Douglas Santos
5   C Wílmar Barrios
6   D Branislav Ivanovic (capitano)
7   A Sardar Azmoun
8   A Malcom
10   A Emiliano Rigoni
11   A Sebastián Driussi
14   C Daler Kuzjaev
16   C Christian Noboa
17   C Oleg Šatov
18   C Jurij Žirkov
19   D Igor' Smol'nikov
20   A Róbert Mak
21   C Aleksandr Erochin
N. Ruolo Giocatore
22   A Artëm Dzjuba
23   D Miha Mevlja
24   D Emanuel Mammana
27   C Magomed Ozdoev
29   A Anton Zabolotnyj
38   C Leon Musaev
41   P Michail Keržakov
44   D Jaroslav Rakyc'kyj
49   D Denis Terent'ev
78   P Aleksandr Vasjutin
91   C Aleksej Sutormin
99   P Andrej Lunëv
  C Matías Kranevitter

Staff tecnicoModifica

 
Staff attuale dell'area sportiva

NoteModifica

  1. ^ (EN) Soviet Union 1940, RSSSF. URL consultato il 2 gennaio 2014.
  2. ^ (EN) Soviet Union 1941, RSSSF. URL consultato il 2 gennaio 2014.
  3. ^ Zenit, su superscommesse.it. URL consultato il 4 dicembre 2011.
  4. ^ Antonio Gaito, Ufficiale: Spalletti nuovo tecnico dello Zenit, su tuttomercatoweb.com, 11 dicembre 2009. URL consultato il 13 dicembre 2009.
  5. ^ (EN) Italian Spalletti leads Zenit to Russian Cup win (Reuters UK), 16 maggio 2010. URL consultato il 16 maggio 2010 (archiviato dall'url originale il 19 maggio 2010).
  6. ^ Festa Spalletti: è campionedi Russia con lo Zenit Archiviato il 4 marzo 2016 in Internet Archive., Corriere dello Sport, 12 novembre 2010
  7. ^ Calcio, Supercoppa russa: Zenit-Cska Mosca 1-0, su it.eurosport.yahoo.com, 6 marzo 2011.
  8. ^ (EN) Luciano Spalletti signs contract extension with Zenit, su en.fc-zenit.ru (archiviato dall'url originale l'11 febbraio 2012).
  9. ^ Russia: lo Zenit esonera Spalletti (La Repubblica), 11 marzo 2014.
  10. ^ a b c Titolo vinto con il nome di Zenit Leningrado
  11. ^ Tra il 1992 e il 2001 massimo campionato russo si chiamò "Vysšaja Liga" e, in seguito, "Vysšaja Divizion".
  12. ^ Di cui quindici presenze nella stagione 1997.
  13. ^ a b Zenit San Pietroburgo, la tifoseria più razzista d'Europa. (Sky.it), 25 novembre 2008.
  14. ^ Calcio, Uefa: Zenit multato per condotta razzista tifosi. (Kataweb News), 24 luglio 2008.
  15. ^ Zenit-Rangers vale la Uefa - I ricchi sfidano i brutti. (Gazzetta.it), 14 maggio 2008.
  16. ^ "Non vogliamo donne allo stadio" (Sport Mediaset.it), 27 febbraio 2009.
  17. ^ I tifosi dello Zenit: veri uomini (da evitare). (it.eurosport.yahoo.com), 2 marzo 2009.
  18. ^ Banana a Roberto Carlos. È bufera in Russia. (Repubblica.it), 23 marzo 2011.
  19. ^ Selecion Manifesto 12. (archiviato dall'url originale il 19 dicembre 2012).
  20. ^ “Né gay né negri in squadra”: il razzismo della curva dello Zenit San Pietroburgo. (ilfattoquotidiano.it), 18 dicembre 2012.
  21. ^ Manifesto choc degli ultrà "Allo Zenit no a gay e neri". (lagazzettadellosport.it), 17 dicembre 2012.
  22. ^ Maria Strada, «Niente neri e niente gay in squadra» Il manifesto razziale dei fan dello Zenit, in Corriere della Sera, 17 dicembre 2012.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica