Alejandro Davidovich Fokina

tennista spagnolo

Alejandro Davidovich Fokina (Rincón de la Victoria, 5 giugno 1999) è un tennista spagnolo.

Alejandro Davidovich Fokina
Alejandro Davidovich Fokina nel 2019
Nazionalità Bandiera della Spagna Spagna
Altezza 183 cm
Peso 80 kg
Tennis
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 92-90 (50.55%)
Titoli vinti 0
Miglior ranking 21º (21 agosto 2023)[1]
Ranking attuale ranking
Risultati nei tornei del Grande Slam
Bandiera dell'Australia Australian Open 2T (2020, 2022, 2023, 2024)
Bandiera della Francia Roland Garros QF (2021)
Bandiera del Regno Unito Wimbledon 3T (2023)
Bandiera degli Stati Uniti US Open 4T (2020, 2022)
Altri tornei
 Giochi olimpici 3T (2020)
Doppio1
Vittorie/sconfitte 10-17 (37.04%)
Titoli vinti 1
Miglior ranking 196º (21 febbraio 2022)[1]
Ranking attuale ranking
Risultati nei tornei del Grande Slam
Bandiera dell'Australia Australian Open 1T (2022)
Bandiera della Francia Roland Garros 1T (2021)
Bandiera del Regno Unito Wimbledon 2T (2023)
Bandiera degli Stati Uniti US Open
Altri tornei
 Giochi olimpici 1T (2020)
Palmarès
Argento ATP Cup 2022
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate al 28 agosto 2023

In singolare ha raggiunto una finale nel circuito maggiore al Monte Carlo Masters nel 2022 e i quarti di finale all'Open di Francia 2021; vanta inoltre alcuni titoli nei circuiti minori e il suo miglior ranking ATP è il 21º posto dell'agosto 2023.

In doppio ha vinto un torneo del circuito maggiore ma non è mai entrato nella top 100 del ranking. Ha fatto parte della squadra spagnola che ha raggiunto la finale all'ATP Cup 2022.

Biografia modifica

Alex Davidovich è nato e cresciuto a La Cala del Moral (Rincón de la Victoria), a circa 10 km di distanza da Malaga. Suo padre Edvard Davidovich è un ex pugile con la doppia nazionalità svedese-russa, la madre Tatiana Fokina è russa; ha un fratello, Mark. Il soprannome è Davi e parla spagnolo, inglese e russo. Ama il calcio ed è tifoso del Real Madrid, è anche stato un ammiratore del pugile Floyd Mayweather.

Ha iniziato a giocare a tennis con il padre a due anni e mezzo. All'età di cinque anni inizia ad allenarsi a Calaflores e poi sui campi da tennis di Serramar con l'allenatore Manolo Rubiales. Dal 2009 è seguito dall'allenatore Jorge Aguirre al Racket Club Fuengirola.[2] A 16 anni ha lasciato casa per continuare a dedicarsi esclusivamente al tennis. Si ispira a Roger Federer, ma pensa che il suo gioco ricordi più quello di Novak Đoković. Il colpo preferito è il rovescio a due mani, la superficie è l'erba, il torneo è Wimbledon e la città del tour è Brisbane.[3]

Carriera modifica

Tra gli juniores modifica

Esordisce nell'ITF Junior Circuit nel 2015 e subito raggiunge e perde la finale in un torneo spagnolo di Grade 2. A maggio disputa entrambe le finali in un Grade 3 marocchino, perde quella di singolare e vince quella di doppio. Prende parte alla Coppa Davis Junior nella quale la Spagna si classifica 13ª. Il primo risultato importante in un torneo di Grade A sono le semifinali raggiunte sia in singolare che in doppio al Trofeo Bonfiglio nel 2016. A settembre vince il primo titolo in singolare in un Grade 1 canadese e vince altri due Grade 1 in singolare nei 6 mesi successivi. Nel giugno 2017 perde la semifinale in singolare al Roland Garros contro Alexei Popyrin. Al suo ultimo impegno tra gli juniores trionfa in singolare a Wimbledon, non perde alcun set in tutto il torneo e sconfigge in finale l'argentino Axel Geller; a fine torneo raggiunge il 2º posto nel ranking mondiale di categoria.[4]

2015-2018: inizi tra i professionisti, primi titoli ITF e prima finale Challenger modifica

Fa le sue prime apparizioni tra i professionisti nei tornei ITF Futures nel 2015 e nel 2016 e nell'ottobre del 2016 vince il primo titolo nel torneo di doppio Nigeria F6 in coppia con Alexis Klegou. Nell'aprile 2017 gioca con una wildcard nelle qualificazioni del torneo ATP di Barcellona, vince contro il nº 123 del ranking Roberto Carballés Baena e perde nel turno decisivo contro Santiago Giraldo. In estate disputa e perde le sue prime tre finali Futures in singolare. A settembre esordisce nell'ATP Challenger Tour alla Copa Sevilla ed esce di scena al secondo turno. Nel marzo 2018 vince il suo primo titolo Futures in singolare al Portugal F4 di Quinta do Lago battendo in finale Roberto Ortega Olmedo in 3 set. Nei mesi successivi viene eliminato nelle qualificazioni del circuito maggiore a Barcellona, Madrid e Wimbledon. A settembre disputa la sua prima finale Challenger a Stettino e perde in 3 set contro Guido Andreozzi. Viene convocato in Coppa Davis contro la Gran Bretagna senza scendere in campo.

2019: prima semifinale ATP, 2 titoli Challenger e top 100 modifica

Inizia la stagione perdendo alle qualificazioni degli Australian Open. A febbraio raggiunge la sua seconda finale Challenger a Bangkok e viene sconfitto da James Duckworth, risultato con cui entra per la prima nella top 200 mondiale. A fine marzo perde in semifinale al Challenger di Marbella contro Pablo Andújar. Supera per la prima volta le qualificazioni in un torneo ATP a Marrakech con i successi su Grégoire Barrère e Evgeny Karlovskiy, e al primo turno viene sconfitto dal nº 41 del mondo Philipp Kohlschreiber. Nel turno decisivo delle qualificazioni all'ATP dell'Estoril supera il nº 85 del mondo Daniel Evans, primo top 100 sconfitto in carriera; con le successive vittorie su Taylor Fritz, Jérémy Chardy e sul nº 18 del mondo Gaël Monfils raggiunge la semifinale e cede a Pablo Cuevas in tre set; a fine torneo sale alla 127ª posizione mondiale. Perde quindi al primo turno da Richard Gasquet nel suo esordio in un Masters 1000 a Madrid.

Sconfitto nel turno decisivo alle qualificazioni del Roland Garros, viene ripescato come lucky loser e al suo debutto in una prova del Grande Slam viene sconfitto in 3 set da Jordan Thompson. Esce al primo turno anche a ’s-Hertogenbosch, mentre non supera le qualificazioni né a Wimbledon né agli US Open. Torna a giocare nei Challenger e perde la finale a Genova contro Lorenzo Sonego. Si riscatta la settimana seguente con la vittoria in finale al Challenger di Siviglia contro Jaume Munar per 2–6, 6–2, 6–2. Grazie a qualche altro buon risultato nei Challlenger a ottobre entra per la prima volta in carriera nella top 100, in 93ª posizione. A fine mese conquista il secondo titolo Challenger in stagione al Liuzhou Open superando in finale Denis Istomin e sale all'82º posto mondiale. Grazie alla rinuncia di Denis Shapovalov, prende parte alle Next Gen ATP Finals e perde tutti gli incontri di round robin con Alex De Minaur, Casper Ruud e Miomir Kecmanović.

2020: primo titolo ATP in doppio, quarto turno agli US Open e 52º nel ranking di singolare modifica

 
Con Roberto Carballés Baena al vittorioso Chile Open 2020.

A inizio stagione non supera le qualificazioni a Doha ed esce al primo turno a Auckland. La settimana successiva partecipa per la prima volta al tabellone principale degli Australian Open, vince il primo incontro in uno Slam superando Norbert Gombos e al turno successivo viene eliminato dal nº 14 del mondo Diego Schwartzman. Vince il suo primo titolo ATP nel torneo di doppio a Santiago in coppia con Roberto Carballés Baena superando in finale Marcelo Arévalo / Jonny O'Mara per 7-6, 6-1; in singolare esce di scena al secondo turno per mano di Cristian Garín. Dopo la lunga pausa dovuta alla pandemia di COVID-19, lo spagnolo non supera le qualificazioni al Cincinnati Open. Agli US Open si impone su Dennis Novak e sul nº 33 del mondo Hubert Hurkacz, raggiungendo il suo primo terzo turno in un major. Vince anche il match contro Cameron Norrie e al quarto turno vine sconfitto da Alexander Zverev in tre set.

Supera le qualificazioni agli Internazionali d'Italia ed esce di scena al primo turno per mano di Dušan Lajović. Al Roland Garros viene eliminato al secondo turno dal nº 12 del mondo Andrej Rublëv al quarto set. Raggiunge la seconda semifinale ATP in carriera al Colonia 1 battendo Ruusuvuori, Čilić e Novak e soccombe nuovamente a Zverev, in due set. Al Colonia 2 perde nei quarti di finale contro il top-10 Diego Schwartzman. Supera le qualificazioni a Pariigi Bercy e vince il suo primo incontro in un Masters 1000 battendo il n° 19 del mondo Chačanov in 3 set, supera anche Bonzi e al terzo turno raccoglie solo 2 giochi contro Schwartzman. Chiude la stagione con il nuovo best ranking al 52º posto mondiale.

2021: quarti di finale al Roland Garros e 32º nel ranking modifica

Non prende parte alla trasferta australiana e inizia la stagione a febbraio con due sconfitte in tornei Challenger. A fine mese raggiunge i quarti di finale all'ATP di Montpellier battendo Hurkacz e cede in 3 set a Geraslmov. A Rotterdam sconfigge il nº 13 ATP Roberto Bautista Agut ed esce di scena al secondo turno, così come nei successivi tornei di Marsiglia, Dubai e Marbella. A Monte Carlo supera in due set il n° 25 del mondo de Minaur e il n° 10 Berrettini, ottenendo la sua prima vittoria in carriera su un top-10. Con il successo su Pouille approda al suo primo quarto di finale in un Masters 1000 ed è costretto al ritiro durante il match contro il futuro vincitore Tsitsipas, risultati con cui sale al 48º posto mondiale. All'Estoril si spinge fino alla semifinale grazie ai successi su Andújar, Chardy e Humbert e viene eliminato da Ramos Viñolas in due set. A Madrid perde in 3 set al secondo turno contro il n° 3 del mondo Medvedev.

A Roma supera le qualificazioni e senza perdere set elimina il nº 17 ATP Grigor Dimitrov e Cameron Norrie; negli ottavi raccoglie solo 3 giochi contro il n° 1 del mondo Novak Đoković. Raggiunge per la prima volta i quarti di finale in uno Slam al Roland Garros, dove elimina Kukuškin, impiega 5 set per sconfiggere Van de Zandschulp e la testa di serie n° 15 Ruud, e dopo il successo su Federico Delbonis viene sconfitto da Alexander Zverev in tre set. A fine torneo sale al 35º posto mondiale. Dopo le premature sconfitte sull'erba inglese, al suo debutto olimpico ai Giochi di Tokyo raggiunge il terzo turno e perde nuovamente contro Đoković. Nonostante le numerose sconfitte del periodo successivo, a fine agosto porta il best ranking alla 32ª posizione. Nel finale di stagione il miglior risultato sono i quarti di finale raggiunti ad Anversa grazie al successo sul sul nº 17 del mondo Cristian Garin.

 
Davidovich Fokina a Monte Carlo nel 2022.

2022: prima finale ATP a Montecarlo e top 30 modifica

Eliminato al secondo turno agli Australian Open 2022, il miglior risultato di inizio stagione sono i quarti di finale raggiunti a Doha. Consegue i risultati più prestigiosi da inizio carriera al Masters 1000 di Monte Carlo, al secondo turno elimina Novak Đoković con il punteggio di 6-3, 6-7, 6-1, nella sua prima vittoria contro un n° 1 del mondo, raggiunge quindi la prima finale in singolare nel circuito maggiore con i successi sugli ex top 10 Goffin e Dimitrov e sul nº 13 ATP Taylor Fritz, reduce dal trionfo all'Indian Wells Masters. Nell'ultimo atto viene sconfitto dal campione uscente Stefanos Tsitsipas per 3-6, 6-7; questi grandi risultati gli valgono il nuovo best ranking al 27º posto mondiale. Delude le aspettative nei successivi tornei su terra battuta.

Torna a mettersi in evidenza raggiungendo i quarti di finale sull'erba del Queen's. Vince il suo primo incontro in carriera a Wimbledon sconfiggendo il nº 10 del mondo Hubert Hurkacz ed esce di scena al secondo turno. Viene quindi eliminato nei quarti di finale all'ATP 500 di Amburgo dal vincitore del torneo Lorenzo Musetti. Sconfitto al turno di esordio nei Masters 1000 di Montréal e Cincinnati, torna a disputare il quarto turno agli US Open e cede al quinto set contro Matteo Berrettini, complice un infortunio al ginocchio nel parziale decisivo.[5] Torna alle competizioni il mese successivo e perde al primo turno negli ultimi tornei stagionali.

2023: semifinale a Toronto e 21º nel ranking modifica

 
Davidovich Fokina nel 2023.

Inizia la stagione spingendosi fino ai quarti di finale all'Adelaide 2, mentre perde di nuovo al secondo turno agli Australian Open. Al terzo turno di Indian Wells elimina il nº 15 del mondo Karen Khachanov, raggiunge per la prima volta i quarti di finale in un Masters 1000 sul cemento e cede in due set contro Daniil Medvedev. Dopo l'eliminazione al terzo turno a Miami porta il best ranking alla 24ª posizione. Si spinge fino ai quarti anche all'Estoril, mentre con la sconfitta all'esordio a Monte Carlo perde diverse posizioni in classifica. Nei quarti a Barcellona perde il suo primo match disputato contro Carlos Alcaraz. Al successivo Masters di Madrid sconfigge il nº 7 del mondo Holger Rune ed esce al quarto turno per mano di Borna Ćorić, mentre non va oltre il terzo turno a Roma e all'Open di Francia. Rune si prende la rivincita al terzo turno di Wimbledon dopo 4 ore di gioco e dopo che nel set decisivo Davidovich Fokina aveva sprecato due match-ball.[6]

Inizia la trasferta americana vincendo il suo primo match in carriera a Toronto contro J.J. Wolf; concede poi 3 soli giochi ad Alexander Zverev e supera nel tie-break del set decisivo il nº 5 del mondo Casper Ruud. Accede alla sua prima semifinale in un Masters 1000 sul cemento con il successo su Mackenzie McDonald e raccoglie solo 4 giochi contro Alex de Minaur, risultati con cui porta il best ranking alla 23ª posizione.

Il 21 agosto sale al 21º posto nel ranking ATP.

Statistiche modifica

Singolare modifica

Finali perse (1) modifica

Legenda
Grande Slam (0)
ATP Finals (0)
ATP Masters 1000 (1)
ATP Tour 500 (0)
ATP Tour 250 (0)
N. Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 17 aprile 2022   Monte Carlo Masters, Monte Carlo Terra rossa   Stefanos Tsitsipas 3–6, 6(3)–7

Doppio modifica

Vittorie (1) modifica

Legenda
Grande Slam (0)
ATP Finals (0)
ATP Masters 1000 (0)
ATP Tour 500 (0)
ATP Tour 250 (1)
N. Data Torneo Superficie Compagno Avversari in Finale Punteggio
1. 29 febbraio 2020   Chile Open, Santiago Terra rossa   Roberto Carballés Baena   Marcelo Arévalo
  Jonny O'Mara
7–6(3), 6–1

Tornei minori modifica

Singolare modifica

Vittorie (3) modifica
Challenger (2)
Futures (1)
N. Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 19 marzo 2018   Portugal F4, Quinta do Lago Cemento   Roberto Ortega Olmedo 7–5, 4–6, 6–1
2. 15 settembre 2019   Copa Sevilla, Siviglia Terra gialla   Jaume Munar 2–6, 6–2, 6–2
3. 27 ottobre 2019   Liuzhou Open, Liuzhou Cemento   Denis Istomin 6–3, 5–7, 7–6(5)
Finali perse (6) modifica
Challenger (3)
Futures (3)
N. Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 24 giugno 2017   Spain F18, Palma del Río Cemento   Matteo Viola 6(0)–7, 5–7
2. 2 luglio 2017   Spain F19, Bakio Cemento   Roberto Ortega Olmedo 6–0, 2–6, 1–6
3. 3 settembre 2017   Spain F27, San Sebastián Terra rossa   Eduard Esteve Lobato 7–5, 0–6, 1–6
4. 16 settembre 2018   Szczecin Open, Szczecin Terra rossa   Guido Andreozzi 4–6, 6–4, 3–6
5. 24 febbraio 2019   Bangkok Challenger II, Bangkok Cemento   James Duckworth 4–6, 3–6
6. 8 settembre 2019   Genoa Open Challenger, Genova Terra rossa   Lorenzo Sonego 2–6, 6–4, 6(6)–7

Doppio modifica

Vittorie (1) modifica
Challenger (0)
Futures (1)
N. Data Torneo Superficie Compagno Avversari in finale Punteggio
1. 23 ottobre 2016   Nigeria F6, Lagos Cemento   Alexis Klégou   Karol Drzewiecki
  Maciej Smoła
6–4, 6–1
Finali perse (1) modifica
Challenger (0)
Futures (1)
N. Data Torneo Superficie Compagno Avversari in finale Punteggio
1. 2 settembre 2017   Spain F27, San Sebastián Terra rossa   Alexis Klégou   Íñigo Cervantes Huegún
  Daniel Gimeno Traver
6–4, 5–7, [6–10]

Risultati in progressione modifica

Sigla Risultato
V Vincitore
F Finalista
SF Semifinalista
O Oro olimpico
A Argento olimpico
SF Bronzo olimpico
QF Quarti di Finale
4T Quarto turno
3T Terzo turno
2T Secondo turno
1T Primo turno
RR Round Robin
LQ Turno di qualificazione
A Assente
ND Non disputato
Legenda superfici
Cemento
Terra battuta
Erba
Superficie variabile

Singolare modifica

Torneo 2018 2019 2020 2021 2022 2023 V–S
Tornei Grande Slam
  Australian Open, Melbourne A Q2 2T A 2T 2T 3-3
  Roland Garros, Parigi A 1T 2T QF 1T 3T 7-5
  Wimbledon, Londra Q2 Q1 ND 1T 2T 3T 3-3
  US Open, New York A Q1 4T 1T 4T 6-3
Vittorie-Sconfitte 0-0 0-1 5-3 4-3 5-4 5-3 19-14
Giochi Olimpici
  Giochi Olimpici Non disputati 3T Non disputati -
Vittorie-Sconfitte Non disputati 2-1 Non disputati 2-1

Vittorie contro Top 10 modifica

Anno 2019 2020 2021 2022 2023 2024 Totale
Wins 0 0 1 2 2 1 6
# Avversario Rank Torneo Superficie Turno Punteggio
2021
1.   Matteo Berrettini 10   Monte Carlo Masters, Monaco Terra rossa 2T 7–5, 6–3
2022
2.   Novak Đoković 1   Monte Carlo Masters, Monaco Terra rossa 2T 6–3, 6(5)–7, 6–1
3.   Hubert Hurkacz 10   Wimbledon, Londra Erba 1T 7–6(4), 6–4, 5–7, 2–6, 7–6(8)
2023
4.   Holger Rune 7   Madrid Open, Madrid Terra rossa 3T 7–6(1), 5–7, 7–6(5)
5.   Casper Ruud 5   Canadian Open, Toronto Cemento 3T 7–6(4), 4–6, 7–6(4)
2024
6.   Hubert Hurkacz (2) 9   United Cup, Perth Cemento RR 3–6, 6–3, 6–4

Note modifica

  1. ^ a b (EN) Alejandro Davidovich Fokina - Rankings History, su ATPWorldTour.com.
  2. ^ (ES) Javi Rando, Davidovich, un tenista mezcla de genes rusos y carácter español, su malagahoy.es, 28 luglio 2009. URL consultato il 9 novembre 2019 (archiviato il 20 luglio 2017).
  3. ^ (EN) Did You Know: Alejandro Davidovich Fokina, su nextgenatpfinals.com, Next Gen ATP Finals. URL consultato il 9 novembre 2019 (archiviato il 9 novembre 2019).
  4. ^ (EN) Alejandro Davidovich Fokina Juniors Singles Overview, su itftennis.com.
  5. ^ (EN) Matteo Berrettini Beats Alejandro Davidovich Fokina At US Open, su atptour.com.
  6. ^ (EN) Underarm serve backfires on Davidovich Fokina as Rune prevails in five-set epic, su reuters.com.

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica