Luigi La Monica

attore, doppiatore e direttore del doppiaggio italiano
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'arbitro di pallacanestro, vedi Luigi Lamonica.
Luigi La Monica nel 1989

Luigi La Monica, detto Gino, (Portici, 14 marzo 1944), è un attore, doppiatore e direttore del doppiaggio italiano.

Indice

BiografiaModifica

È noto soprattutto per aver prestato voce a Richard Gere, Harrison Ford, Christopher Walken, William Hurt, Steve Martin, Sam Neill, Dustin Hoffman ne Il laureato, Jack Nicholson in Voglia di tenerezza, Steve Martin in È complicato, David Hemmings in Profondo rosso, Sean Bean nel film GoldenEye e Liam Neeson nel ruolo di Qui-Gon Jinn in Star Wars: Episodio I - La minaccia fantasma.

In televisione ha doppiato Chris Noth nel ruolo del detective Mike Logan in Law & Order - I due volti della giustizia e Law & Order: Criminal Intent, di Peter Florrick in The Good Wife e di Mr. Big in Sex and the City, John Terry in 24 e Lost, Jeremy Irons nella serie I Borgia, Larry Hagman nella sitcom Strega per amore e Tom Irwin in Devious Maids - Panni sporchi a Beverly Hills.

Tra gli attori doppiati Michael Caine, Jack Nicholson, Alan Rickman, Robert Redford, Willem Dafoe, Michael Douglas, Jonathan Pryce nella trilogia dei Pirati dei Caraibi e Richard Roxburgh ne La leggenda degli uomini straordinari.

Nel 1989 ha condotto su Raidue il gioco a premi Il Sicario[1].

Nel 2010, ha vinto il premio "Leggio d'oro per la miglior voce in una serie televisiva".[2]

È padre della doppiatrice Alessia La Monica.

È sposato con la regista e dialoghista Emanuela Giovannini.

DoppiaggioModifica

Film cinemaModifica

Film d'animazioneModifica

Serie televisiveModifica

Miniserie TVModifica

Film TVModifica

Serie animateModifica

Spot pubblicitariModifica

  • Dentifrici, spazzolini e collutori AZ.

DocumentarioModifica

Sceneggiati RAIModifica

NoteModifica

  1. ^ dati ricavati dalla scheda di Luigi La Monica sul sito Scuola di Teatro Studio Enterprise [1].
  2. ^ Antonio Genna, SPECIALE LEGGIO D'ORO 2010, su antoniogenna.net. URL consultato il 15 aprile 2015.

Collegamenti esterniModifica