Serhij Stachovs'kyj

tennista ucraino
Serhij Stachovs'kyj
Stakhovsky WM18 (21) (30063206538).jpg
Stakhovsky nel 2018
Nazionalità Ucraina Ucraina
Altezza 193 cm
Peso 80 kg
Tennis Tennis pictogram.svg
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 177-214 (45.27%)
Titoli vinti 4
Miglior ranking 31º (27 settembre 2010)
Ranking attuale 233° (15 novembre 2021)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open 3T (2011)
Francia Roland Garros 3T (2011)
Regno Unito Wimbledon 3T (2013, 2014)
Stati Uniti US Open 3T (2010, 2015)
Altri tornei
Olympic flag.svg Giochi olimpici 1T (2012)
Doppio1
Vittorie/sconfitte 80-101 (44.2%)
Titoli vinti 4
Miglior ranking 33º (6 giugno 2011)
Ranking attuale 144º (15 novembre 2021)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open 3T (2013)
Francia Roland Garros 2T (2009, 2010, 2011)
Regno Unito Wimbledon 3T (2010)
Stati Uniti US Open 3T (2010, 2011, 2013)
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate al 15 novembre 2019

Serhij Stachovs'kyj, in ucraino: Сергій Стаховський?, accreditato come Sergiy Stakhovsky dalla ATP (Kiev, 6 gennaio 1986), è un tennista ucraino. Professionista dal 2003, ha giocato in prevalenza nei tornei Challenger tra il 2005 ed il 2008. La sua miglior posizione nel ranking ATP di singolare è la 31ª, raggiunta nel settembre 2010, e la 33ª in doppio nel giugno 2011.[1] Vanta quattro titoli nel circuito maggiore in singolare e quattro in doppio.

Ha vinto il suo primo titolo ATP al PBZ Zagreb Indoors il 1º marzo 2008, come lucky loser e 209º del ranking, sconfiggendo la testa di serie numero 1 Ivan Ljubičić in finale, diventando il primo lucky loser a vincere un titolo dopo Christian Miniussi nel 1991. Il 26 giugno 2013 ha ottenuto la vittoria più prestigiosa della carriera sconfiggendo in quattro set Roger Federer nel secondo turno a Wimbledon. Ha fatto il suo esordio nella squadra ucraina di Coppa Davis nel 2006. Destrorso, il suo rovescio a una mano è notevole sia lungolinea sia incrociato, ed è uno degli ultimi giocatori a praticare con costanza il serve & volley.

CarrieraModifica

JunioresModifica

Stachovs'kyj raggiunge nel 2003 il 28º posto in singolare e il 32º in doppio nelle classifiche mondiali juniores. Nel 2004 ottiene il suo miglior risultato di categoria arrivando in finale agli US Open, dove viene sconfitto da Andy Murray dopo aver eliminato Donald Young al primo turno. Nel 2002 sconfigge Novak Đoković nei quarti di finale in Lussemburgo prima di perdere contro Dudi Sela in finale.[2]

2002-2004Modifica

Nel 2002 disputa i suoi primi tornei tra i professionisti, comincia a giocare maggiore continuità nel 2003 e ad aprile disputa e perde la sua prima finale al torneo di doppio dell'ITF Uzbekistan F2. In agosto alza il suo primo trofeo tra i professionisti vincendo il doppio al Samarkand Challenger in coppia con Victor Bruthans, il mese successivo perde la finale in doppio al Challenger di Donec'k e a fine torneo entra nella top 300 del ranking. Nell'ottobre 2014 gioca il suo primo incontro di singolare in un torneo ATP alla Kremlin Cup di Mosca, dopo aver battuto Alejandro Falla nelle qualificazioni, e viene eliminato da Nikolaj Davydenko al primo turno. In seguito raggiunge i quarti di finale in singolare in un paio di tornei Challenger per finire l'anno alla 335ª posizione.

2005Modifica

Inizia il 2005 superando le qualificazioni al torneo ATP di Doha a gennaio e perde al primo turno da Hyung-Taik Lee. A febbraio supera le qualificazioni anche a Milano e al primo turno vince il suo primo incontro ATP eliminando il nº 100 del ranking Christophe Rochus, al secondo ha la meglio sul nº 29 Mario Ančić e cede nei quarti di finale a Robin Söderling, che vincerà il torneo. Nel prosieguo della stagione ottiene discreti risultati nei Challenger e a ottobre si qualifica al tabellone principale dell'ATP di San Pietroburgo, raggiungendo il secondo turno. Finisce l'anno alla 184ª posizione del ranking in singolare e alla 179ª in doppio, dopo che in stagione aveva vinto i tornei di doppio nei Challenger di Sarajevo, Pozoblanco e Praga.

2006Modifica

Inizia il 2006 perdendo al primo turno delle qualificazioni in tre tornei ATP consecutivi. In marzo esordisce nella squadra ucraina di Coppa Davis in occasione della sfida con il Belgio, e perde entrambi i singolari e in doppio. A maggio scende alla 260ª posizione ATP, si riprende con alcuni buoni risultati nel circuito Challenger tra cui le semifinali in luglio a Cordova e a Istanbul, e risale in 181ª posizione.
A ottobre si qualifica per il tabellone principale in due tornei ATP nell'arco di due settimane, perde al primo turno contro Richard Gasquet a Metz e batte il numero 21 ATP Dmitrij Tursunov al primo turno del torneo di Mosca, prima di essere sconfitto dal numero 54 Arnaud Clément. Questi buoni risultati lo portano alla 158ª posizione della classifica, nelle settimane successive non ottiene risultati di rilievo e chiude la stagione alla 189ª. A novembre vince il primo titolo Challenger dopo un anno al torneo di doppio di Dnipropetrovsk e risale diverse posizioni in classifica, chiudendo a ridosso della top 300.

2007Modifica

All'inizio del 2007 si qualifica al tabellone principale di due tornei ATP e in entrambi viene eliminato al primo turno. Ha più successo in doppio, vincendo i tornei Challenger di Fès in marzo e di Recanati in luglio, con i quali porta il miglior ranking al 128º posto. Gli scarsi risultati ottenuti in singolare lo trascinano alla 294ª posizione e grazie alla finale raggiunta al Challenger di Kuala Lumpur in novembre, ultimo torneo della sua stagione, risale alla 199ª.

2008: primo titolo ATP e top 100 in singolare e in doppioModifica

Eliminato nelle qualificazioni nei primi tornei Challenger e ATP del 2008, a fine gennaio accede ai quarti al Challenger di Breslavia e viene sconfitto da Simone Bolelli. Viene sconfitto da Blaž Kavčič nel tabellone di qualificazione del torneo ATP di Zagabria, ma grazie al ritiro di Michaël Llodra gli è permesso di accedere al tabellone principale come lucky loser. Sconfigge nell'ordine il numero 2 del tabellone Ivo Karlović, Viktor Troicki, Janko Tipsarević nei quarti, Simone Bolelli nelle semifinali e il 2 marzo ha la meglio in finale sul nº 22 del mondo Ivan Ljubičić con il punteggio di 7-5, 6-4. Compie un balzo di 86 posizioni in classifica e sale alla 123ª. Dopo nove eliminazioni nelle qualificazioni dei tornei dello Slam, a giugno le supera per la prima volta a Wimbledon ed è costretto al ritiro durante il match di primo turno. In estate raggiunge due finali Challenger nel giro di due settimane, perde la prima a Penza e a Segovia conquista il primo titolo di categoria in singolare battendo in due set Thiago Alves. La settimana successiva fa il suo ingresso nella top 100, al 91º posto, e altri buoni risultati nei Challenger lo portano in novembre al 74º. A ottobre si aggiudica il primo titolo ATP in doppio alla Kremiln Cup in coppia con Potito Starace, battendo in tre set in finale Stephen Huss / Ross Hutchins. Chiude la stagione nella top 100 sia in singolare che in doppio.

2009: vittoria a San PietroburgoModifica

 
Serhij Stachovs'kyj all'Open di Francia 2009

Inizia la stagione a Doha e viene eliminato nei quarti di finale da Andy Murray, testa di serie numero 3. A Zagabria è detentore del titolo e arriva nuovamente ai quarti di finale, dove questa volta perde contro Viktor Troicki. Contro Andy Murray deve giocare anche al primo turno del Dubai Tennis Championships, ed è costretto al ritiro dopo essere stato un set avanti e con un break di vantaggio nel secondo set per una distorsione alla caviglia. Vince i primi incontri in una prova dello Slam al Roland Garros sia in singolare che in doppio. Si qualifica dopo essere stato in svantaggio 1-4 al terzo set contro Rik De Voest, vince in quattro set il primo incontro nel tabellone principale contro Brian Dabul e al secondo turno si arrende in tre set a Novak Đoković, in un match svoltosi in due giorni a causa della pioggia. Passa il primo turno nel torneo di doppio con James Cerretani e al secondo vengono sconfitti dai futuri campioni Lukáš Dlouhý e Leander Paes

Verso fine ottobre viene eliminato nei quarti di finale della Kremlin Cup da Mikhail Youzhny. La settimana seguente vince il suo secondo titolo ATP a San Pietroburgo; dopo aver eliminato in tre set in semifinale l'ex numero 1 mondiale Marat Safin (che stava giocando il suo ultimo St. Petersburg Open), sconfigge in finale Horacio Zeballos con il punteggio di 2-6, 7-6, 7-6. A fine torneo ritocca il best ranking portandolo alla 54ª posizione. In doppio non ripete la buona stagione precedente, i migliori risultati del 2009 sono le finali raggiunte nei Challenger di Alphen aan den Rijn e Mons e a novembre scende alla 182ª posizione del ranking.

2010: due titoli ATP in singolare, uno in doppioModifica

Inizia la stagione a Doha battendo il numero diciannove del mondo Michail Južnyj e viene eliminato al secondo turno da Łukasz Kubot. Agli Australian Open viene battuto in tre set da Jo-Wilfried Tsonga al primo turno. Vince una sola partita tra Rotterdam, Marsiglia e Dubai, battendo Simone Bolelli. In Coppa Davis conquista due punti contro la Lettonia vince i suoi due singolari contro Deniss Pavlovs e Andis Juška, perdendo il doppio in coppia con Serhij Bubka. Ad Indian Wells raggiunge il secondo turno dove viene eliminato in tre set da Tommy Robredo. A Miami batte Jan Hájek e Julien Benneteau, per poi arrendersi a Andy Roddick.

La stagione sulla terra non parte bene, fallisce infatti le qualificazioni per il Monte Carlo Rolex Masters. A Barcellona si ritira al secondo turno, e a Roma cede al primo turno di qualificazione. Nel secondo turno del gruppo I di Coppa Davis, batte Adrian Ungur conquistando il punto del pareggio, ma perde il doppio e il secondo singolare contro Victor Hănescu. A Nizza raggiunge i quarti di finale dove viene sconfitto da Fernando Verdasco. Al Roland Garros viene estromesso al primo turno da Leonardo Mayer.

Sull'erba di Halle viene eliminato al primo turno in singolare, ma conquista in coppia con Michail Južnyj il trofeo di doppio, suo secondo titolo in carriera nella specialità. La settimana seguente vince il suo terzo titolo in carriera a 's-Hertogenbosch, battendo in finale Janko Tipsarević per 6-3, 6-0. A Wimbledon è costretto al ritiro durante il primo turno. Partecipa poi a tre tornei su terra a Stoccarda, Amburgo e Umago, venendo sempre sconfitto al primo turno.

In preparazione agli US Open, partecipa al Master di Toronto dove batte al primo turno Richard Gasquet ma viene poi estromesso da Tomáš Berdych. A Cincinnati è ancora Roddick a batterlo. Partecipa quindi al Pilot Pen Tennis di New Haven dove batte in sequenza Peter Luczak, Tommy Robredo, Marcos Baghdatis e Thiemo de Bakker, raggiungendo così la sua quarta finale. Il 28 agosto batte Denis Istomin per 3-6, 6-3, 6-4, conquistando il suo secondo titolo stagionale. Allo US Open 2010 raggiunge il terzo turno, dove è costretto al ritiro sotto 3-6, 0-4 contro Feliciano López. Torna in campo a Kuale Lumpur dove viene sconfitto dal qualificato Milos Raonic, al secondo turno. A Shanghai è ancora un qualificato ad eliminarlo, Miša Zverev al primo turno. Nella Kremlin Cup perde il derby con Aleksandr Dolgopolov al secondo turno. Chiude la stagione con tre sconfitte al primo turno a San Pietroburgo, Valencia e Parigi.

2011: titolo a Dubai in doppioModifica

Nel 2011 Stakhovsky conquista il doppio all'ATP 500 di Dubai con Mikhail Youzhny battendo Feliciano López e Jérémy Chardy 4-6, 6-3, [10-3]

2012: fuori dai top 100Modifica

Nel 2012 Stakhovsky non raggiunge finali ATP e a fine anno è numero 103 del ranking. Nella stagione 2012 disputa però le sue prime Olimpiadi, perdendo al primo turno da Lleyton Hewitt.

2013: Vittoria contro Federer a WimbledonModifica

Nel 2013 rientra in top 100 e fa parlare di sé nel corso del torneo di Wimbledon: batte infatti al secondo turno, con il punteggio di 65-7, 7-65, 7-5, 7-65, il campione uscente Roger Federer. Questo risultato è stato ottenuto grazie a un Federer non troppo in forma ma soprattutto per merito di un tennis giocato ad alti livelli. Ciò che ha messo in difficoltà lo svizzero è stato l'utilizzo del serve&volley, presente in tutti i turni di servizio dell'ucraino, unito ad un potente servizio difficile da rispondere.[3]

2014–2015: terzi turni SlamModifica

Nel 2014 conferma il terzo turno a Wimbledon battendo Carlos Berlocq e il numero 10 ATP Ernests Gulbis, per poi perdere da Jeremy Chardy. Nel 2015 agli US Open elimina John Millman e il connazionale Illya Marchenko ma viene sconfitto da Jo-Wilfried Tsonga.

2016–2018 - uscita dai top 100, vittorie ChallengerModifica

Nel 2016 esce dai primi 100 giocatori del ranking ed inizia a dedicarsi maggiormente ai tornei del circuito Challenger. Vince un torneo Challnger all'anno nel triennio 2016-17-18 ed in tutti e tre gli anni raggiunge il secondo turno Slam due volte.

2019: vittoria in doppio a NewportModifica

A luglio vince il torneo di doppio dell'Hall of Fame Open 2019 di Newport, su erba,: Stakhovsky e Marcel Granollers sconfiggono Marcelo Arevalo e Miguel Ángel Reyes-Varela 6-7, 6-4, [13-11]. In singolare perde la finale del Challenger di Taipei e non raggiunge nessun secondo turno Slam.

2020: uscita dalla top 200Modifica

Nel 2020, stagione che vede uno stop da marzo ad agosto per la pandemia di COVID-19, Stakhovsky gioca pochi match e non raggiunge finali né in singolare né in doppio. A fine anno è numero 202 del mondo.

2021: tre titoli Challenger in doppioModifica

Nel 2021 gioca spesso in doppio, vincendo due Challenger in Repubblica Ceca con l'australiano Marc Polmans e uno a Bratislavaa con Filip Horansky, raggiungendo altre cinque finali, quattro con Denys Molchanov e una con Peter Polansky. Per quanto riguarda il singolare supera le qualificazioni agli Australian Open ma perde al primo turno contro Dusan Lajovic in cinque set (7-5, 4-6, 3-6, 7-5, 4-6). Si ferma al secondo turno di qualificazioni sia al Roland Garros che ha Wimbledon e al primo turno di qualificazioni agli US Open.

StatisticheModifica

SingolareModifica

Vittorie (4)Modifica

Legenda
Grande Slam (0)
ATP World Tour Finals (0)
ATP Masters 1000 (0)
ATP World Tour 500 (0)
ATP World Tour 250 (4)
N. Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 2 marzo 2008   PBZ Zagreb Indoors, Zagabria Cemento (i)   Ivan Ljubičić 7-5, 6-4
2. 1º novembre 2009   St. Petersburg Open, San Pietroburgo Cemento (i)   Horacio Zeballos 2-6, 7-6(8), 7–6(7)
3. 19 giugno 2010   Ordina Open, 's-Hertogenbosch Erba   Janko Tipsarević 6-3, 6-0
4. 28 agosto 2010   Pilot Pen Tennis, New Haven Cemento   Denis Istomin 3-6, 6-3, 6-4

DoppioModifica

Vittorie (4)Modifica

Legenda
Grande Slam (0)
ATP World Tour Finals (0)
ATP Masters 1000 (0)
ATP World Tour 500 (1)
ATP World Tour 250 (3)
N. Data Torneo Superficie Compagno Avversario in finale Punteggio
1. 6 ottobre 2008   Kremlin Cup, Mosca Cemento (i)   Potito Starace   Stephen Huss
  Ross Hutchins
7-6(4), 2-6, [10-6]
2. 13 giugno 2010   Gerry Weber Open, Halle Erba   Michail Južnyj   Martin Damm
  Filip Polášek
4-6, 7-5, [10-7]
3. 26 febbraio 2011   Dubai Tennis Championships, Dubai Cemento   Michail Južnyj   Jérémy Chardy
  Feliciano López
4-6, 6-3, [10-3]
4. 21 luglio 2019   Hall of Fame Open, Newport Erba   Marcel Granollers   Marcelo Arévalo
  Miguel Ángel Reyes-Varela
6(10)-7, 6-4, [13-11]

Tornei minoriModifica

SingolareModifica

Vittorie (7)Modifica
Legenda tornei minori
Challenger (7)
Futures (0)
N. Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 10 agosto 2008   Open Castilla y León, Segovia Cemento   Thiago Alves 7-5, 7-6(4)
2. 18 agosto 2013   Kazan Summer Cup, Kazan' Cemento (i)   Valerij Rudnev 6-2, 6-3
3. 21 luglio 2014   Levene Gouldin & Thompson Tennis Challenger, Binghamton Cemento   Wayne Odesnik 6-4, 7-6(9)
4. 28 settembre 2014   Open d'Orleans, Orléans Cemento (i)   Thomaz Bellucci 6–2, 7–5
5. 15 maggio 2016   Seoul Open Challenger, Seoul Cemento   Lu Yen-hsun 4–6, 6–3, 7–6(7)
6. 12 agosto 2017   Tilia Slovenia Open, Portorose Cemento   Matteo Berrettini 6(4)–7, 7–6(6), 6–3
7. 24 giugno 2018   Ilkley Trophy, Ilkley Erba   Oscar Otte 6–4, 6–4

Sconfitte (9)Modifica

Legenda tornei minori
Challenger (8)
Futures (1)
N. Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 27 giugno 2004   Dnipropetrovs'k Terra rossa   Viktor Bruthans 4-6, 1-6
2. 25 novembre 2007   Malaysia Open, Kuala Lumpur Cemento   Rainer Schüttler 6(2)-7, 2-6
3. 27 luglio 2008   Penza Cup, Penza Cemento   Benedikt Dorsch 6-1, 4-6, 6(6)-7
4. 11 ottobre 2009   Ethias Trophy, Mons Cemento (i)   Janko Tipsarević 6(4)-7, 3-6
5. 10 giugno 2012   Franken Challenge, Fürth Terra rossa   Blaž Kavčič 3-6, 6-2, 2-6
6. 31 marzo 2013   Orange Open Guadeloupe, Le Gosier Cemento   Benoît Paire 4-6, 7-5, 4-6
7. 12 ottobre 2014   Tashkent Challenger, Tashkent Cemento   Lukáš Lacko 2–6, 3–6
8. 20 settembre 2015   Istanbul Challenger, Istanbul Cemento   Karen Khachanov 6–4, 4–6, 3–6
9. 14 aprile 2019   Santaizi ATP Challenger, Taipei Cemento (i)   Dennis Novak 2–6, 4–6

Risultati in progressioneModifica

Sigla Risultato
V Vincitore
F Finalista
SF Semifinalista
O Oro olimpico
A Argento olimpico
SF Bronzo olimpico
QF Quarti di Finale
4T Quarto turno
3T Terzo turno
2T Secondo turno
1T Primo turno
RR Round Robin
LQ Turno di qualificazione
A Assente
ND Non disputato
Legenda superfici
Cemento
Terra battuta
Erba
Superficie variabile

SingolareModifica

Torneo 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016 2017 2018 2019 Carriera V-P
Tornei Grande Slam
  Australian Open, Melbourne Q2 Q1 1T 1T 3T 2T 1T 1T 2T 1T A Q1 Q2 4–8
  Roland Garros, Parigi Q3 Q2 2T 1T 3T 2T 1T 1T 2T Q2 2T 2T 1T 7-10
  Wimbledon, Londra Q1 1T Q1 1T 2T 1T 3T 3T 1T 2T 2T 2T Q2 8-10
  US Open, New York Q1 Q2 1T 3T 1T 1T 1T 1T 3T 2T Q3 Q1 5-8
Vittorie-Sconfitte 0–0 0–1 1–3 2–4 5-4 2-4 2-4 2-4 4-4 2-3 2-2 2-2 0–1 24-36
Giochi Olimpici
  Giochi Olimpici ND A Non disputati 1T Non disputati A Non disputati 0-1
Vittorie-Sconfitte ND 0-0 Non disputati 0-1 Non disputati 0-0 Non disputati 0-1
Statistiche Carriera
Finali ATP World Tour 0 1 1 2 0 0 0 0 0 0 0 0 0 4
Tornei vinti 0 1 1 2 0 0 0 0 0 0 0 0 0 4
Ranking di fine anno 181 95 175 46 62 103 98 58 62 109 122 134 144 N/A

DoppioModifica

Torneo 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016 2017 2018 2019 Carriera V-P
Tornei Grande Slam
  Australian Open, Melbourne A 1T 1T 2T 1T 3T A 1T 1T A A A 3–7
  Roland Garros, Parigi A 2T 2T 2T 1T 1T A 1T A A A A 3-6
  Wimbledon, Londra Q1 Q1 3T 2T 1T A 1T 1T 1T A A A 3-6
  US Open, New York A 1T 3T 3T 2T 3T A 2T 1T A A 8-7
Vittorie-Sconfitte 0–0 1–3 5–4 5-4 1-4 4-3 0-1 1-4 0-3 0-0 0-0 0–0 17-26
Giochi Olimpici
  Giochi Olimpici A Non disputati A Non disputati A Non disputati 0-1
Vittorie-Sconfitte 0-0 Non disputati 0-0 Non disputati 0-0 Non disputati 0-1

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica