Deceuninck-Quick Step

(Reindirizzamento da Quick Step (ciclismo))
Deceuninck-Quick Step
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
20180923 UCI Road World Championships Innsbruck Men's TTT Team Quickstep Floors DSC 7467.jpg
La Quick-Step campione del mondo 2018 nella cronometro a squadre
Informazioni
Codice UCIDQT
NazioneBelgio Belgio
Debutto2003
SpecialitàStrada
StatusUCI World Tour
BicicletteSpecialized
Sito ufficialeDeceuninck-Quick Step
Staff tecnico
Gen. managerPatrick Lefevere
Dir. sportiviWilfried Peeters
Davide Bramati
Brian Holm
Klaas Lodewyck
Ricardo Scheidecker
Tom Steels
Geert Van Bondt
Rik Van Slycke
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Divisa

La Deceuninck-Quick Step, nota in precedenza come Omega Pharma, Etixx e Quick Step, è una squadra maschile belga di ciclismo su strada con licenza UCI World Tour. È attiva nel professionismo dal 2003, sempre sotto la direzione di Patrick Lefevere.

Nel corso delle stagioni agonistiche i ciclisti della formazione si sono aggiudicati la vittoria in diverse classiche: tre Milano-Sanremo con Paolo Bettini, Filippo Pozzato e Julian Alaphilippe, sette Giri delle Fiandre con Philippe Gilbert (uno), Niki Terpstra (uno), Stijn Devolder (due) e Tom Boonen (tre), sei Parigi-Roubaix con Tom Boonen (quattro), Niki Terpstra (una) e Philippe Gilbert (una), una Liegi-Bastogne-Liegi con Bob Jungels, due Giri di Lombardia con Paolo Bettini. La squadra ha inoltre vinto quattro volte il titolo mondiale della cronometro a squadre, nel 2012, 2013, 2016 e 2018, e la classifica a squadre del World Tour 2018.

StoriaModifica

2003-2004: il debutto e i primi successi con BettiniModifica

Nell'estate 2002, con il preannunciato ritiro di Mapei dal ruolo di sponsor dell'omonima formazione italo-belga, l'azienda di laminati Quick Step, già secondo nome del team, annunciò l'intenzione di assumere il ruolo di principale finanziatore della squadra per rilanciarla a partire dalla stagione 2003.[1] Il budget di 8 milioni di euro necessario per la continuazione dell'attività venne coperto anche da Davitamon, azienda farmaceutica, e Latexco, produttore di materassi, e la squadra assunse il nome di Quick Step-Davitamon.[1] La direzione tecnica fu affidata a Patrick Lefevere, ex manager di Mapei prima e della dismessa Domo-Farm Frites poi, coadiuvato da direttori sportivi provenienti anch'essi da Mapei (Serge Parsani, Alvaro Crespi e Luca Guercilena) e Domo (Wilfried Peeters). La rosa, costruita sulla base di una decina di atleti confermati dalla Mapei, tra cui Paolo Bettini, Michael Rogers e László Bodrogi, venne rinforzata con numerosi ciclisti ex Domo, tra cui Richard Virenque, Johan Museeuw, Frank Vandenbroucke e Servais Knaven, e con il giovane belga Tom Boonen.[1][2]

 
Paolo Bettini nel 2008

Come già la sua "antenata" Mapei, già nelle prime due stagioni di attività Quick Step si affermò come una delle migliori squadre al mondo, in particolare nelle classiche. Paolo Bettini vinse le ultime due edizioni della Coppa del mondo su strada, nel 2003 – aggiudicandosi anche Milano-Sanremo, HEW Cyclassics e Clásica San Sebastián[3] – e nel 2004, senza vittorie ma con i podi ad Amstel Gold Race e Clásica San Sebastián.[4] Nelle classiche del pavé Tom Boonen rimpiazzò rapidamente Museeuw, ritiratosi dall'attività nel maggio del 2004: Boonen divenne ben presto il leader della squadra, e dopo il terzo posto alla Gand-Wevelgem 2003, nel 2004 si aggiudicò la stessa Gand-Wevelgem e l'E3 Prijs Vlaanderen. Arrivarono risultati anche al Tour de France: due successi di tappa con Knaven e Virenque nel 2003, ben quattro, con Boonen (due), Mercado e Virenque, nel 2004.[4]

2005-2009: l'affermazione di Tom BoonenModifica

Nelle stagioni seguenti Tom Boonen proseguì la serie di successi nelle gare di un giorno aggiungendo al proprio palmarès altre tre E3 Prijs Vlaanderen consecutive, tra il 2005 e il 2007, il Giro delle Fiandre e la Parigi-Roubaix 2005, oltre che, nello stesso anno, il titolo di campione del mondo su strada a Madrid; vinse poi il Giro delle Fiandre 2006, mentre alla Parigi-Roubaix di quell'anno ottenne il secondo posto. Nel triennio 2005-2007 si aggiudicò inoltre quattro tappe al Tour de France, conquistando anche la maglia verde della classifica a punti nell'edizione 2007 della Grande Boucle.

 
Tom Boonen in azionale alla Parigi-Roubaix 2008

In quegli anni arrivarono per la Quick Step anche altri importanti risultati: nel biennio 2005-2006 Paolo Bettini vinse per due volte il Giro di Lombardia, e nel 2006 succedette a Boonen nell'albo d'oro dei campionati del mondo su strada aggiudicandosi l'iride a Salisburgo, un titolo che bisserà nel 2007 a Stoccarda. Sempre nel 2006 Filippo Pozzato vinse la Milano-Sanremo con un rilancio all'ultimo chilometro di corsa, anticipando il rientro del gruppo.[5] La squadra ottenne anche le prime vittorie al Giro d'Italia: una tappa e la classifica a punti nel 2005 con Bettini, due tappe, una con Bettini e una con Juan Manuel Gárate, e ancora la classifica a punti con Bettini nel 2006.

Nel 2008 la Quick Step mise a segno la seconda doppietta Giro delle Fiandre-Parigi-Roubaix (dopo quella del 2005), questa volta rispettivamente con il nuovo arrivato Stijn Devolder (ex Discovery Channel) e ancora con il capitano Boonen. Oltre alle classiche, la squadra si mise in evidenza prima con il successo di tappa di Gert Steegmans al Tour de France e poi con ben cinque frazioni vinte alla Vuelta a España di quell'anno (due con Boonen e Bettini e una con Wouter Weylandt).[6] Al termine della stagione lo stesso Bettini annunciò il ritiro dalle competizioni.[7] Dopo l'addio di Bettini, per il 2009 venne ingaggiato il francese Sylvain Chavanel. Nella primavera delle classiche Devolder e Boonen ripeterono i trionfi dell'anno prima: Devolder vinse il suo secondo Giro delle Fiandre consecutivo, ancora una volta in solitaria, mentre Boonen salì per la terza volta sul gradino più alto del podio alla Parigi-Roubaix. Non arrivarono invece successi di tappa nei tre Grandi Giri.

Fuori dall'ambito agonistico, nel giugno 2008 Boonen era stato intanto trovato positivo alla cocaina: non incorse in sanzioni ma venne escluso dal Tour de France di quell'anno per ragioni di immagine;[8][9] il belga sarebbe risultato positivo alla cocaina anche nel maggio 2009, ma ancora senza subire sanzioni.[9]

2010-2013: le ultime vittorie di Boonen e i titoli mondiali a squadreModifica

2014-2017: il podio di Urán al Giro e i successi di KittelModifica

Dal 2018: il consolidamento come prima squadra al mondoModifica

CronistoriaModifica

AnnuarioModifica

Anno Codice Nome Cat. Biciclette Dirigenza
2003 QSD   Quick Step-Davitamon GSI Time Manager: Patrick Lefevere
Dir. sportivi: Wilfried Peeters, Luca Guercilena, Serge Parsani, Alvaro Crespi
2004 QSD   Quick Step-Davitamon GSI Time Manager: Patrick Lefevere
Dir. sportivi: Wilfried Peeters, Luca Guercilena, Serge Parsani, Alvaro Crespi
2005 QST   Quick Step-Innergetic PT Time Manager: Patrick Lefevere
Dir. sportivi: Wilfried Peeters, Rik Van Slycke, Luca Guercilena, Serge Parsani, Alvaro Crespi
2006 QSI   Quick Step-Innergetic PT Time Manager: Patrick Lefevere
Dir. sportivi: Wilfried Peeters, Davide Bramati (dal 30 giugno), Rik Van Slycke, Luca Guercilena, Serge Parsani
2007 QSI   Quick Step-Innergetic PT Specialized Manager: Patrick Lefevere, Alvaro Crespi
Dir. sportivi: Wilfried Peeters, Davide Bramati, Rik Van Slycke, Luca Guercilena, Serge Parsani
2008 QST   Quick Step PT Specialized Manager: Patrick Lefevere
Dir. sportivi: Wilfried Peeters, Davide Bramati, Rik Van Slycke, Luca Guercilena, Dirk Demol
2009 QST   Quick Step PT Specialized Manager: Patrick Lefevere
Dir. sportivi: Wilfried Peeters, Davide Bramati, Rik Van Slycke, Luca Guercilena
2010 QST   Quick Step PT Eddy Merckx Manager: Patrick Lefevere
Dir. sportivi: Wilfried Peeters, Davide Bramati, Rik Van Slycke, Luca Guercilena, Rik Verbrugghe
2011 QST   Quickstep Cycling Team WT Eddy Merckx Manager: Patrick Lefevere
Dir. sportivi: Wilfried Peeters, Davide Bramati, Tom Steels, Rik Van Slycke, Marco Velo
2012 OPQ   Omega Pharma-Quickstep WT Specialized Manager: Patrick Lefevere
Dir. sportivi: Wilfried Peeters, Davide Bramati, Brian Holm, Jan Schaffrath, Tom Steels, Rik Van Slycke
2013 OPQ   Omega Pharma-Quick-Step Cycling Team WT Specialized Manager: Patrick Lefevere
Dir. sportivi: Wilfried Peeters, Davide Bramati, Brian Holm, Jan Schaffrath, Tom Steels, Rik Van Slycke
2014 OPQ   Omega Pharma-Quick-Step Cycling Team WT Specialized Manager: Patrick Lefevere
Dir. sportivi: Wilfried Peeters, Davide Bramati, Brian Holm, Jan Schaffrath, Tom Steels, Rik Van Slycke
2015 EQS   Etixx-Quick Step WT Specialized Manager: Patrick Lefevere
Dir. sportivi: Wilfried Peeters, Davide Bramati, Brian Holm, Jan Schaffrath, Tom Steels, Rik Van Slycke
2016 EQS   Etixx-Quick Step WT Specialized Manager: Patrick Lefevere
Dir. sportivi: Wilfried Peeters, Davide Bramati, Brian Holm, Jan Schaffrath, Tom Steels, Rik Van Slycke
2017 QST   Quick-Step Floors WT Specialized Manager: Patrick Lefevere
Dir. sportivi: Wilfried Peeters, Davide Bramati, Brian Holm, Tom Steels, Geert Van Bondt, Rik Van Slycke
2018 QST   Quick-Step Floors WT Specialized Manager: Patrick Lefevere
Dir. sportivi: Wilfried Peeters, Davide Bramati, Brian Holm, Tom Steels, Geert Van Bondt, Rik Van Slycke
2019 DQT   Deceuninck-Quick Step WT Specialized Manager: Patrick Lefevere
Dir. sportivi: Wilfried Peeters, Davide Bramati, Brian Holm, Klaas Lodewyck, Ricardo Scheidecker, Tom Steels, Geert Van Bondt, Rik Van Slycke
2020 DQT   Deceuninck-Quick Step WT Specialized Manager: Patrick Lefevere
Dir. sportivi: Wilfried Peeters, Davide Bramati, Brian Holm, Klaas Lodewyck, Ricardo Scheidecker, Tom Steels, Geert Van Bondt, Rik Van Slycke

Classifiche UCIModifica

Aggiornato al 31 dicembre 2019.[10]

Anno Classifica Pos. Migliore cl. individuale
2003 GSI   Paolo Bettini ()
2004 GSI   Paolo Bettini (2º)
2005 ProTour 12º   Tom Boonen (2º)
2006 ProTour 13º   Tom Boonen (7º)
2007 ProTour   Tom Boonen (21º)
2008 ProTour   Stijn Devolder (7º)
2009 World Cal.   Allan Davis (11º)
2010 World Cal. 16º   Tom Boonen (19º)
2011 World Tour 16º   Tom Boonen (33º)
2012 World Tour   Tom Boonen (3º)
2013 World Tour   Michał Kwiatkowski (23º)
2014 World Tour   Michał Kwiatkowski (16º)
2015 World Tour   Rigoberto Urán (13º)
2016 World Tour   Daniel Martin (10º)
2017 World Tour   Daniel Martin (8º)
2018 World Tour   Elia Viviani (6º)
2019 World Tour   Julian Alaphilippe (2º)

PalmarèsModifica

Aggiornato al 31 dicembre 2019.

Grandi GiriModifica

Partecipazioni: 15 (2005, 2006, 2007, 2008, 2009, 2010, 2011, 2012, 2013, 2014, 2015, 2016, 2017, 2018, 2019)
Vittorie di tappa: 25
2005: 1 (Paolo Bettini)
2006: 2 (Paolo Bettini, Juan Manuel Gárate)
2010: 2 (Wouter Weylandt, Jérôme Pineau)
2013: 5 (5 Mark Cavendish)
2014: 1 (Rigoberto Urán)
2015: 1 (Iljo Keisse)
2016: 4 (2 Marcel Kittel, Gianluca Brambilla, Matteo Trentin)
2017: 5 (4 Fernando Gaviria, Bob Jungels)
2018: 5 (4 Elia Viviani, Maximilian Schachmann)
Vittorie finali: 0
Altre classifiche: 12
2005: Punti (Paolo Bettini), Intergiro (Stefano Zanini)
2006: Punti (Paolo Bettini), Scalatori (Juan Manuel Gárate)
2009: Giovani (Kevin Seeldraeyers)
2013: Punti (Mark Cavendish)
2016: Squadre a punti, Combattività (Matteo Trentin)
2017: Punti (Fernando Gaviria), Giovani (Bob Jungels), Squadre a punti
2018: Punti (Elia Viviani)
Partecipazioni: 17 (2003, 2004, 2005, 2006, 2007, 2008, 2009, 2010, 2011, 2012, 2013, 2014, 2015, 2016, 2017, 2018, 2019)
Vittorie di tappa: 39
2003: 2 (Servais Knaven, Richard Virenque)
2004: 4 (2 Boonen, Mercado, Virenque)
2005: 2 (2 Tom Boonen)
2006: 1 (Matteo Tosatto)
2007: 4 (2 Boonen, Steegmans, Vasseur)
2008: 1 (Gert Steegmans)
2010: 2 (2 Sylvain Chavanel)
2013: 4 (2 Cavendish, Martin, Trentin)
2014: 3 (Trentin, 2 Martin)
2015: 3 (Martin, Štybar, Cavendish)
2016: 1 (Marcel Kittel)
2017: 5 (5 Marcel Kittel)
2018: 4 (2 Fernando Gaviria, 2 Julian Alaphilippe)
2019: 3 (2 Julian Alaphilippe, Elia Viviani)
Vittorie finali: 0
Altre classifiche: 4
2007: Punti (Tom Boonen)
2010: Combattività (Sylvain Chavanel)
2018: Scalatori (Julian Alaphilippe)
2019: Combattività (Julian Alaphilippe)

Classiche monumentoModifica

2003 (Paolo Bettini); 2006 (Filippo Pozzato); 2019 (Julian Alaphilippe)
2005, 2006, 2012 (Tom Boonen); 2008, 2009 (Stijn Devolder); 2017 (Philippe Gilbert); 2018 (Niki Terpstra);
2005, 2008, 2009, 2012 (Tom Boonen); 2014 (Niki Terpstra); 2019 (Philippe Gilbert)
2018 (Bob Jungels)
2005, 2006 (Paolo Bettini)

Campionati mondialiModifica

2012, 2013, 2016, 2018

Campionati nazionaliModifica

In linea: 2019 (Maximiliano Richeze)
In linea: 2009 (Tom Boonen); 2010 (Stijn Devolder); 2012 (Tom Boonen); 2018 (Yves Lampaert)
Cronometro: 2008, 2010 (Stijn Devolder); 2012 (Kristof Vandewalle); 2017 (Yves Lampaert)
Cronometro: 2009, 2010 (Branislaŭ Samojlaŭ)
In linea: 2013 (Mark Cavendish)
In linea: 2014, 2017 (Zdeněk Štybar); 2015 (Petr Vakoč)
Cronometro: 2015 (Rigoberto Urán)
In linea: 2018, 2019 (Michael Mørkøv)
Cronometro: 2019 (Kasper Asgreen)
In linea: 2011 (Sylvain Chavanel)
Cronometro: 2012, 2013 (Sylvain Chavanel)
* Campionati italiani: 5
In linea: 2003, 2006 (Paolo Bettini); 2007 (Giovanni Visconti); 2018 (Elia Viviani)
Cronometro: 2012 (Dario Cataldo)
In linea: 2016, 2017, 2018, 2019 (Bob Jungels)
Cronometro: 2016, 2018, 2019 (Bob Jungels)
Cronometro: 2017 (Jack Bauer)
In linea: 2012, 2015 (Niki Terpstra); 2019 (Fabio Jakobsen)
In linea: 2012 (Michał Gołaś); 2013 (Michał Kwiatkowski)
Cronometro: 2014 (Michał Kwiatkowski)
Cronometro: 2012, 2013 (Peter Velits)
Cronometro: 2012, 2013, 2014, 2015, 2016 (Tony Martin)
Cronometro: 2003, 2004 (László Bodrogi)

Organico 2020Modifica

Aggiornato al 10 gennaio 2020.[11][12][13]

Staff tecnicoModifica

Naz. Ruolo Sportivo
  GM Patrick Lefevere
  DS Wilfried Peeters
  DS Davide Bramati
  DS Brian Holm
  DS Klaas Lodewyck
  DS Ricardo Scheidecker
  DS Tom Steels
  DS Geert Van Bondt
  DS Rik Van Slycke

RosaModifica

Naz. Sportivo Anno
  Julian Alaphilippe 1992
  João Almeida 1998
  Shane Archbold 1989
  Kasper Asgreen 1995
  Andrea Bagioli 1999
  Davide Ballerini 1994
  Sam Bennett 1990
  Mattia Cattaneo 1990
  Rémi Cavagna 1995
  Tim Declercq 1989
  Dries Devenyns 1983
  Remco Evenepoel 2000
  Ian Garrison 1998
  Álvaro Hodeg 1996
  Mikkel Honoré 1997
  Fabio Jakobsen 1996
  Bob Jungels 1992
  Iljo Keisse 1982
  James Knox 1995
  Yves Lampaert 1991
  Michael Mørkøv 1985
  Florian Sénéchal 1993
  Pieter Serry 1988
  Stijn Steels 1989
  Jannik Steimle 1996
  Zdeněk Štybar 1985
  Bert Van Lerberghe 1992

NoteModifica

  1. ^ a b c (EN) Quick-Step unveil their dream team, su eurosport.com. URL consultato il 21 aprile 2020.
  2. ^ (EN) QUICK STEP - DAVITAMON 2003 - Cyclists, su cyclebase.nl. URL consultato il 21 aprile 2020.
  3. ^ (EN) QUICK STEP - DAVITAMON 2003 - Results, su cyclebase.nl. URL consultato il 21 aprile 2020.
  4. ^ a b (EN) QUICK STEP - DAVITAMON 2004 - Results, su cyclebase.nl. URL consultato il 21 aprile 2020.
  5. ^ Pozzato, sei diventato grande, su gazzetta.it. URL consultato il 22 aprile 2020.
  6. ^ (EN) QUICK STEP 2008 - Results, su cyclebase.nl. URL consultato il 21 aprile 2020.
  7. ^ Bettini lascia il ciclismo "Chiudo con la mia corsa", su gazzetta.it. URL consultato il 22 aprile 2020.
  8. ^ Boonen, incubo cocaina L'Uci: "Non rischia sanzioni", su gazzetta.it. URL consultato il 21 aprile 2020.
  9. ^ a b Boonen ci ricasca positivo alla cocaina, su repubblica.it. URL consultato il 21 aprile 2020.
  10. ^ (EN) Road Cycling Rankings, su uci.org. URL consultato il 22 aprile 2020.
  11. ^ (EN) Riders, su deceuninck-quickstep.com. URL consultato il 10 gennaio 2020.
  12. ^ (EN) Staff, su deceuninck-quickstep.com. URL consultato il 10 gennaio 2020.
  13. ^ (EN) DECEUNINCK - QUICK - STEP, su uci.org. URL consultato il 10 gennaio 2020.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Ciclismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di ciclismo