Apri il menu principale

Alessandro Altobelli

opinionista sportivo, dirigente sportivo ed ex calciatore italiano
Alessandro Altobelli
Spillo Altobelli Inter.jpg
Altobelli con l'Inter negli anni 1980
Nazionalità Italia Italia
Altezza 181 cm
Peso 64 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Ritirato 1990 - giocatore
Carriera
Giovanili
19??-19?? Latina
Squadre di club1
1973-1974 Latina 28 (7)
1974-1977 Brescia 76 (26)
1977-1988 Inter 317 (128)
1988-1989 Juventus 20 (4)
1989-1990 Brescia 32 (7)
Nazionale
1979-1980 Italia Italia U-21 2 (2)
1980 Italia Italia Olimpica 3 (3)
1980-1988 Italia Italia 61 (25)
Palmarès
Coppa mondiale.svg Mondiali di calcio
Oro Spagna 1982
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Alessandro Altobelli (Sonnino, 28 novembre 1955) è un ex calciatore e dirigente sportivo italiano, di ruolo attaccante, campione del mondo con la nazionale italiana nel 1982.

Ha legato il suo nome all'Inter, dove ha militato dal 1977 al 1988. Con la squadra nerazzurra ha disputato 466 partite e segnato 209 reti – secondo in assoluto alle spalle di Giuseppe Meazza (284) – vincendo uno scudetto e due Coppe Italia.

In nazionale ha debuttato nel 1980 e partecipato a due campionati d'Europa (Italia 1980, Germania Ovest 1988) e a due campionati del mondo (Spagna 1982, Messico 1986), oltre che al Mundialito 1980. Ha vinto il Mondiale 1982, realizzando anche un gol nella finale di Madrid (3-1 sulla Germania Ovest).

È il miglior marcatore nella storia della Coppa Italia grazie alle 56 reti realizzate, nonché il miglior cannoniere italiano in Coppa UEFA/Europa League con 25 gol.[1] Inoltre, risulta essere il massimo cannoniere dell'Inter nella Coppa nazionale e nelle competizioni UEFA per club, rispettivamente con 46 e 35 marcature[2] (34 per le statistiche della UEFA).

Indice

Caratteristiche tecnicheModifica

Soprannominato Spillo per la sua struttura longilinea,[3][4] Altobelli era un centravanti dal repertorio completo: mancino, ma abile anche con il destro,[3] era in possesso di ottime doti tecniche e grande abilità nel gioco aereo, nonché di «scatto bruciante»,[5] spirito di sacrificio e prolificità sotto rete.[6][7][8] Per via di tali caratteristiche, Pietro Vierchowod lo annoverò tra i più forti attaccanti affrontati in carriera,[7] descrivendolo come un precursore di Marco van Basten.[5]

CarrieraModifica

GiocatoreModifica

ClubModifica

 
Altobelli nella stagione 1982-1983

Cresciuto nel settore giovanile del Latina, debutta in prima squadra nella stagione di serie C 1973-74 segnando sette gol e viene notato dal Brescia che lo acquista per farlo esordire in Serie B. Con le rondinelle disputa tre campionati, segnando 26 reti.

Nell'estate del 1977 è ingaggiato dall'Inter: esordisce in Serie A l'11 settembre, nella sconfitta interna (0-1) con il Bologna.[9] Al termine della stagione, conquista la Coppa Italia segnando un gol al Napoli in finale. Nella stagione 1979-1980 si laurea campione d'Italia, realizzando 15 reti in campionato (vice-capocannoniere alle spalle di Roberto Bettega, autore di 16 gol):[7] tra queste, vi è la tripletta alla Juventus nel derby d'Italia dell'11 novembre 1979.[10] Bissa il successo in coppa nazionale nell'edizione 1981-1982, con un'altra rete in finale, questa volta al Torino. Il 26 agosto 1987, con una tripletta al Catania, diventava il miglior marcatore della coppa nazionale: saliva a 49 reti, superando così Boninsegna (fermo a 48).[11]

 
Altobelli alla Juventus, impegnato contro la difesa del RFC Liegi negli ottavi di Coppa UEFA 1988-1989

Terminata l'esperienza in nerazzurro, anche per contrasti con l'allenatore Trapattoni,[12] nell'estate del 1988 si trasferisce ai rivali della Juventus.[13] Rimane in bianconero per una sola stagione, riportando anche un serio infortunio che non gli permette di esprimersi al meglio.[14]

Chiude la carriera tornando al Brescia, ritirandosi alla conclusione del campionato cadetto del 1989-1990.[15]

NazionaleModifica

Viene convocato da Enzo Bearzot per la fase finale del campionato d'Europa 1980 organizzato dall'Italia, in sostituzione dello squalificato Rossi. Esordisce in azzurro il 18 giugno 1980, a 24 anni, nella gara contro il Belgio terminata 0-0. Nella finale per il terzo posto contro la Cecoslovacchia, realizza un rigore della sequenza finale. Il 24 settembre successivo, segna le prime reti in nazionale marcando una doppietta al Portogallo.

È protagonista al campionato del mondo 1982 in Spagna, chiusosi con il trionfo italiano. In occasione della finale di Madrid dell'11 luglio contro la Germania Ovest, subentra all'infortunato Graziani al 7' e segna nei minuti finali la rete del momentaneo 3-0.

 
Altobelli in azione con la maglia dell'Italia nel 1984

Al successivo campionato del mondo 1986 in Messico è il centravanti titolare dell'Italia e segna 4 dei 5 gol realizzati dagli Azzurri nella competizione; causa inoltre un'autorete nell'incontro della fase a gironi vinto 3-2 contro la Corea del Sud (gara in cui fallisce anche un calcio di rigore).[16] L'Italia viene tuttavia eliminata agli ottavi di finale dalla Francia guidata da Michel Platini.

Dopo il ritiro di Scirea, con il nuovo CT Azeglio Vicini diventa il vice del capitano Antonio Cabrini, e veste la fascia in 8 occasioni tra la fine del 1986 e il 1987.[17] Scende in campo per la prima volta con la fascia da capitano al braccio l'8 ottobre 1986, nell'amichevole vinta 2-0 contro la Grecia a Bologna.[18]

A 32 anni partecipa infine al campionato d'Europa 1988 in Germania Ovest, in cui subentra dalla panchina nelle 4 gare disputate dall'Italia ed è autore di un gol alla Danimarca nella fase a gironi. La sua ultima presenza in nazionale rimane la semifinale europea persa 2-0 contro l'URSS il 22 giugno 1988 a Stoccarda.

Conta 61 presenze e 25 reti in azzurro, risultando al sesto posto nella classifica dei marcatori (insieme a Baloncieri e Filippo Inzaghi): è preceduto da Riva (35), Meazza (33), Piola (30), Baggio e Del Piero (27).

DirigenteModifica

Ha ricoperto il ruolo di direttore sportivo del Padova dal 1995 al 1998, e in seguito di osservatore dell'Inter.[19]

Dopo il ritiroModifica

Nel 1996 si è candidato, per il centro-destra, alla Camera dei deputati nel collegio Brescia-Roncadelle: ottenendo il 34,8% dei voti è stato sconfitto da Emilio Del Bono, rappresentante de l'Ulivo.

Svolge il ruolo di commentatore sportivo per BeIN Sports Arabia.

StatisticheModifica

Presenze e reti nei clubModifica

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1973-1974   Latina C 28 7 CI-S ? ? - - - - - - 28+ 7+
1974-1975   Brescia B 16 2 CI 1 0 - - - - - - 17 2
1975-1976 B 26 11 CI 4 0 - - - - - - 30 11
1976-1977 B 34 13 CI 3 3 - - - - - - 37 16
1977-1978   Inter A 28 10 CI 10 4 CU 2 0 - - - 40 14
1978-1979 A 29 11 CI 2 1 CdC 6 7 - - - 37 19
1979-1980 A 29 15 CI 5 4 CU 4 3 - - - 38 22
1980-1981 A 29 12 CI 4 1 CC 8 4 TdC 0 0 41 17
1981-1982 A 29 9 CI 9 9 CU 4 3 - - - 42 21
1982-1983 A 30 15 CI 11 4 CdC 5 3 - - - 46 22
1983-1984 A 28 10 CI 5 3 CU 6 2 - - - 39 15
1984-1985 A 30 17 CI 11 6 CU 10 2 - - - 51 25
1985-1986 A 29 9 CI 6 4 CU 10 6 TE 0 0 45 19
1986-1987 A 28 11 CI 7 5 CU 8 3 - - - 43 19
1987-1988 A 28 9 CI 10 5 CU 6 2 - - - 44 16
Totale Inter 317 128 80 46 69 35[20] 0 0 466 209
1988-1989   Juventus A 20 4 CI 6 7 CU 8 4 - - - 34 15
1989-1990   Brescia B 32 7 CI 1 0 - - - - - - 33 7
Totale Brescia 108 33 9 3 - - - - 117 36
Totale carriera 473 172 95+ 56+ 77 39[21] 0 0 645+ 267+

Cronologia presenze e reti in nazionaleModifica

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
18-6-1980 Roma Italia   0 – 0   Belgio Euro 1980 - 1º turno -   46’
21-6-1980 Napoli Cecoslovacchia   1 – 1   Italia Euro 1980 - Finale 3º posto - 4º posto
24-9-1980 Genova Italia   3 – 1   Portogallo Amichevole 2   46’
11-10-1980 Lussemburgo Lussemburgo   0 – 2   Italia Qual. Mondiali 1982 -   66’
1-11-1980 Roma Italia   2 – 0   Danimarca Qual. Mondiali 1982 -
6-12-1980 Atene Grecia   0 – 2   Italia Qual. Mondiali 1982 -
3-1-1981 Montevideo Uruguay   2 – 0   Italia Mundialito -   45’
25-2-1981 Roma Italia   0 – 3   Europa Amichevole -   74’
17-10-1981 Belgrado Jugoslavia   1 – 1   Italia Qual. Mondiali 1982 -
28-5-1982 Ginevra Svizzera   1 – 1   Italia Amichevole -   6’
29-6-1982 Barcellona Italia   2 – 1   Argentina Mondiali 1982 - 2º turno -   80’
8-7-1982 Barcellona Italia   2 – 0   Polonia Mondiali 1982 - Semifinale -   70’
11-7-1982 Madrid Italia   3 – 1   Germania Ovest Mondiali 1982 - Finale 1   7’   89’ 3º titolo mondiale
27-10-1982 Roma Italia   0 – 1   Svizzera Amichevole -   31’
13-11-1982 Milano Italia   2 – 2   Cecoslovacchia Qual. Euro 1984 1
4-12-1982 Firenze Italia   0 – 0   Romania Qual. Euro 1984 -   19’
16-4-1983 Bucarest Romania   1 – 0   Italia Qual. Euro 1984 -   69’
29-5-1983 Göteborg Svezia   2 – 0   Italia Qual. Euro 1984 -   61’
5-10-1983 Bari Italia   3 – 0   Grecia Amichevole -   76’
22-12-1983 Perugia Italia   3 – 1   Cipro Qual. Euro 1984 1
4-2-1984 Roma Italia   5 – 0   Messico Amichevole -
3-3-1984 Istanbul Turchia   1 – 2   Italia Amichevole 1
7-4-1984 Verona Italia   1 – 1   Cecoslovacchia Amichevole -
22-5-1984 Zurigo Germania Ovest   1 – 0   Italia Amichevole -   79’
26-5-1984 Toronto Canada   0 – 2   Italia Amichevole 1
30-5-1984 New York Stati Uniti   0 – 0   Italia Amichevole -
26-9-1984 Milano Italia   1 – 0   Svezia Amichevole -
3-11-1984 Losanna Svizzera   1 – 1   Italia Amichevole -
8-12-1984 Pescara Italia   2 – 0   Polonia Amichevole 1   79’
5-2-1985 Dublino Irlanda   1 – 2   Italia Amichevole 1
13-3-1985 Atene Grecia   0 – 0   Italia Amichevole -   72’
3-4-1985 Ascoli Piceno Italia   2 – 0   Portogallo Amichevole -   60’
2-6-1985 Città del Messico Messico   1 – 1   Italia Amichevole -   78’
6-6-1985 Città del Messico Italia   2 – 1   Inghilterra Amichevole 1
25-9-1985 Lecce Italia   1 – 2   Norvegia Amichevole 1
16-11-1985 Chorzów Polonia   1 – 0   Italia Amichevole -   78’
5-2-1986 Avellino Italia   1 – 2   Germania Ovest Amichevole -   68’
26-3-1986 Udine Italia   2 – 1   Austria Amichevole 1
11-5-1986 Napoli Italia   2 – 0   Cina Amichevole 1   45’
31-5-1986 Città del Messico Italia   1 – 1   Bulgaria Mondiali 1986 - 1º turno 1
5-6-1986 Puebla Italia   1 – 1   Argentina Mondiali 1986 - 1º turno 1
10-6-1986 Puebla Italia   3 – 2   Corea del Sud Mondiali 1986 - 1º turno 2 [22]
17-6-1986 Città del Messico Francia   2 – 0   Italia Mondiali 1986 - Ottavi di finale -
8-10-1986 Bologna Italia   2 – 0   Grecia Amichevole - Cap.   73’
15-11-1986 Milano Italia   3 – 2   Svizzera Qual. Euro 1988 2
6-12-1986 La Valletta Malta   0 – 2   Italia Qual. Euro 1988 1 Cap. [23]
24-1-1987 Bergamo Italia   5 – 0   Malta Qual. Euro 1988 2
14-2-1987 Lisbona Portogallo   0 – 1   Italia Qual. Euro 1988 1
18-4-1987 Colonia Germania Ovest   0 – 0   Italia Amichevole - Cap.   45’
28-5-1987 Oslo Norvegia   0 – 0   Italia Amichevole - Cap.   79’
3-6-1987 Stoccolma Svezia   1 – 0   Italia Qual. Euro 1988 - Cap.
10-6-1987 Zurigo Italia   3 – 1   Argentina Amichevole - Cap.   49’
23-9-1987 Pisa Italia   1 – 0   Jugoslavia Amichevole 1   58’
17-10-1987 Berna Svizzera   0 – 0   Italia Qual. Euro 1988 -   82’
14-11-1987 Napoli Italia   2 – 1   Svezia Qual. Euro 1988 - Cap.
5-12-1987 Milano Italia   3 – 0   Portogallo Qual. Euro 1988 - Cap.   68’
4-6-1988 Brescia Italia   0 – 1   Galles Amichevole -   46’
10-6-1988 Düsseldorf Germania Ovest   1 – 1   Italia Euro 1988 - 1º turno -   89’
14-6-1988 Francoforte Italia   1 – 0   Spagna Euro 1988 - 1º turno -   68’
17-6-1988 Colonia Italia   2 – 0   Danimarca Euro 1988 - 1º turno 1   67’
22-6-1988 Stoccarda URSS   2 – 0   Italia Euro 1988 - Semifinale -   46’
Totale Presenze (28º posto) 61 Reti (6º posto) 25

PalmarèsModifica

ClubModifica

Inter: 1977-1978, 1981-1982
Inter: 1979-1980

NazionaleModifica

Spagna 1982
Austria-Italia 1993

IndividualeModifica

1974[24][25]
1978-1979 (7 gol)
1981-1982 (9 gol)

OnorificenzeModifica

NoteModifica

  1. ^ Coppa UEFA: i capocannonieri di tutti i tempi, su it.uefa.com, 28 luglio 2017.
  2. ^ Statistiche, su inter.it. URL consultato il 10 gennaio 2019.
  3. ^ a b Monti, pp. 599-600.
  4. ^ Massimiliano Castellani, Altobelli, lo Spillo nel pallone, su avvenire.it, 24 novembre 2015.
  5. ^ a b Franco Badolato, Lo zar: di Van Basten ce n'è uno, in La Stampa, 6 gennaio 1994, p. 26.
  6. ^ Maurizio Mosca, Altobelli: "Ecco perché l'Inter fatica", su sportmediaset.mediaset.it, 2 ottobre 2009.
  7. ^ a b c Giorgio Dell'Arti, Biografia di Alessandro Altobelli, su cinquantamila.it, 22 gennaio 2015.
  8. ^ Stefano Bedeschi, Gli eroi in bianconero: Pietro VIERCHOWOD, su tuttomercatoweb.com, 6 aprile 2015.
  9. ^ L'Inter ritrova il «complesso» e affonda a San Siro (PDF), in l'Unità, 12 settembre 1977, p. 7 (archiviato dall'url originale il 16 settembre 2016).
  10. ^ Matteo Dalla Vite, Inter, Altobelli fa 60 anni: "Mai sdraiato, ne sono fiero. Icardi può diventare il n.1", su gazzetta.it, 28 novembre 2015.
  11. ^ Nino Sormani, Altobelli-tris ridimensiona il Catania, in La Stampa, 27 agosto 1987, p. 20.
  12. ^ Fabrizio Bocca, La delusione del nostro giocatore simbolo, l'ultimo match in azzurro, in la Repubblica, 25 giugno 1988.
  13. ^ Fabrizio Bocca, Altobelli, finalmente è Juve, in la Repubblica, 8 luglio 1988.
  14. ^ Grazie per l'esclusione, in la Repubblica, 12 febbraio 1989.
  15. ^ Fabrizio Bocca, Così cambio l'Azeglio, in la Repubblica, 6 novembre 1990.
  16. ^ Mario Sconcerti, E adesso la verità è vicina, in la Repubblica, 11 giugno 1986.
  17. ^ Nazionale in cifre - Capitani, su figc.it.
  18. ^ (EN) Alessandro Altobelli, su eu-football.info.
  19. ^ Roberto Bianchin, Baby Mohammed, Padova spera, in la Repubblica, 22 dicembre 1997.
  20. ^ 34 secondo le statistiche della UEFA.
  21. ^ 38 secondo le statistiche della UEFA.
  22. ^ Al 36' sbaglia un calcio di rigore
  23. ^ Sbaglia due calci di rigore, al 47 e al 62'
  24. ^ La spunta il Brescia ma solo con i rigori, in La Stampa, 1º settembre 1974, p. II - Cronache della Liguria.
  25. ^ Carlin's Boys: la grande rivelazione, in La Stampa, 3 settembre 1974, p. II - Cronache della Liguria.
  26. ^ Gli azzurri del mundial '82 premiati al CONI con il Collare d'oro al Merito Sportivo, su figc.it, 19 dicembre 2017. URL consultato il 21 dicembre 2017 (archiviato dall'url originale il 22 dicembre 2017).

BibliografiaModifica

  • Fabio Monti, ALTOBELLI, Alessandro, in Enciclopedia dello sport, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2002.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica