Blaise Matuidi

dirigente sportivo e calciatore francese

Blaise Matuidi (Tolosa, 9 aprile 1987) è un dirigente sportivo ed ex calciatore francese, di ruolo centrocampista, direttore sportivo del Miami City. È stato campione del mondo con la nazionale francese nel 2018.

Blaise Matuidi
Matuidi al Paris Saint-Germain nel 2012
Nazionalità Bandiera della Francia Francia
Altezza 175[1] cm
Peso 70[1] kg
Calcio
Ruolo Centrocampista
Termine carriera 23 dicembre 2022
Carriera
Giovanili
1993-1998 Fontenay
1998-2001 Vincennes
2001-2002Créteil-Lusitanos
2002-2003INF Clairefontaine
2003-2005Troyes
Squadre di club1
2004-2007Troyes67 (4)
2007-2011Saint-Étienne132 (3)
2011-2017Paris Saint-Germain204 (23)
2017-2020Juventus98 (6)
2020-2022Inter Miami47 (2)[2]
Nazionale
2004-2005Bandiera della Francia Francia U-189 (0)
2005-2006Bandiera della Francia Francia U-199 (0)
2006-2009Bandiera della Francia Francia U-2119 (0)
2010-2019Bandiera della Francia Francia84 (9)
Palmarès
 Mondiali di calcio
Oro Russia 2018
 Europei di calcio
Argento Francia 2016
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 23 dicembre 2022

Dopo gli esordi nel Troyes ed essersi messo in luce nel Saint-Étienne, sale alla ribalta nel Paris Saint-Germain dove spende la parte più significativa della carriera, dal 2011 al 2017, vincendo quattro campionati francesi consecutivi (dal 2012-13 al 2015-16) e altrettante Coppe di Lega consecutive (dal 2013-14 al 2016-17), oltre a tre Coppe di Francia consecutive (dal 2014-15 al 2016-17) e cinque Supercoppe francesi consecutive (dal 2013 al 2017). Si mantiene ad alti livelli anche nella successiva esperienza alla Juventus, dove milita dal 2017 al 2020, vincendo tre campionati italiani consecutivi (dal 2017-18 al 2019-20), una Coppa Italia (2017-18) e una Supercoppa italiana (2018).

Con la nazionale ha preso parte ai mondiali di Brasile 2014 e Russia 2018, trionfando in quest'ultimo, e agli europei di Polonia-Ucraina 2012 e Francia 2016, finalista in quest'ultimo. È stato inoltre eletto calciatore francese dell'anno da France Football nel 2015[3] e inserito due volte da UNFP nella squadra ideale della Ligue 1 (2013[4] e 2016[5]).

Biografia modifica

Nato a Tolosa, è poi cresciuto a Parigi[6] da genitori angolani, i quali lasciarono il paese d'origine a causa della guerra civile, rifugiandosi nell'allora Zaire.[7][8] Si definisce soprattutto di cultura congolese, visto che conosce la lingua lingala ma non quella portoghese.[8]

Si sposa il 2 luglio 2017 con Isabelle, con la quale ha tre figli.[9]

Caratteristiche tecniche modifica

Mancino, centrocampista completo, era un buon costruttore di gioco che rendeva al meglio in fase di interdizione e recupero, con grande capacità di corsa[10][11] e grinta.[12] Duttile e atletico,[13] all'occorrenza poteva essere impiegato con discreti risultati anche sulla fascia sinistra, come esterno[11] o terzino.[12]

Carriera modifica

Giocatore modifica

Club modifica

Troyes, Saint-Étienne e Paris Saint-Germain modifica

Dopo essere cresciuto in club minori, ed essere poi transitato per l'accademia nazionale francese di INF Clairefontaine, approda nelle file del Troyes dove milita dal 2004 al 2007; esordisce in prima squadra a 17 anni il 23 novembre 2004, sotto la guida del tecnico Jean-Marc Furlan, il quale lo schiera titolare nella partita di Ligue 2 vinta 2-1 contro il Gueugnon.[14] Viene quindi acquistato dal Saint-Étienne dove rimane per il successivo quadriennio, debuttando con i Verts anche in campo internazionale in occasione della Coppa UEFA 2008-2009.

Nell'estate 2011 si trasferisce al Paris Saint-Germain per 10 milioni di euro.[15] Milita nei Rouge-et-Bleu per sei stagioni, raccogliendo i suoi primi successi tra cui 4 campionati francesi, 5 Supercoppe di Francia, 4 Coppe di Lega e 3 Coppe di Francia; con i Parisiens fa inoltre il suo debutto in Champions League nell'edizione 2012-2013. Resta a Parigi sino all'estate 2017: l'ultimo trofeo vinto sarà la Supercoppa di Francia, aggiudicata in luglio a danno del Monaco.[16]

Juventus e Inter Miami modifica

Nell'agosto 2017 si accasa agli italiani della Juventus, acquistato per 20 milioni di euro (più bonus).[10] Debutta con la maglia bianconera e in Serie A il 19 dello stesso mese, nella vittoria casalinga per 3-0 contro il Cagliari;[17] il suo primo gol arriva il successivo 17 dicembre, chiudendo il tabellino nella vittoria esterna di campionato contro il Bologna (3-0);[18] l'11 aprile 2018 trova la sua prima rete juventina in Champions League, siglando il momentaneo 0-3 nella sfida del Bernabéu contro il Real Madrid (1-3), nel ritorno dei quarti di finale.[19] Presto emerso tra i punti fermi del centrocampo juventino,[18] chiude la sua prima stagione a Torino con un double nazionale.

Si ripete come numero di gol in campionato anche nella stagione seguente (in cui continua a essere un titolare del centrocampo dei torinesi),[20] conquistando di nuovo il titolo italiano insieme alla Supercoppa italiana, e mantiene un ruolo centrale nell'undici bianconero anche nell'annata 2019-2020, dopo l'avvicendamento tecnico tra Massimiliano Allegri e Maurizio Sarri,[21] nonostante con quest'ultimo vada incontro a un calo di rendimento[13] che lo porta a essere rimpiazzato, nel corso della stagione, dal connazionale Adrien Rabiot;[22] inoltre nel marzo 2020, durante la pandemia di COVID-19, è tra gli sportivi risultati positivi al SARS-CoV-2.[23]

Il 12 agosto 2020, poche settimane dopo la vittoria del suo terzo Scudetto consecutivo, risolve consensualmente il contratto con la società torinese, chiudendo l'esperienza in bianconero dopo tre stagioni e cinque titoli vinti.[24] Il giorno seguente si accorda con l'Inter Miami, club statunitense militante nella Major League Soccer,[25] con cui gioca per il successivo biennio.[26] Lascia la squadra di Miami nel gennaio 2022[26] e, pur intraprendendo nel frattempo la carriera dirigenziale, nell'immediato non dà l'addio al calcio giocato, decisione ufficializzata solo nel dicembre seguente.[27][28]

Nazionale modifica

 
Matuidi in azione con la maglia della Francia nel 2013

Ottiene la sua prima convocazione nella nazionale francese da parte del commissario tecnico Laurent Blanc in occasione dell'amichevole contro la Norvegia dell'11 agosto 2010.[29] Debutta con la maglia della nazionale il successivo 7 settembre, all'età di 23 anni, durante la sfida contro la Bosnia ed Erzegovina giocata a Sarajevo, valida per le qualificazioni al campionato d'Europa 2012, subentrando a Florent Malouda. Viene convocato per la fase finale della manifestazione in Polonia e Ucraina,[30] senza però mai scendere in campo a causa di un infortunio alla coscia rimediato prima dell'inizio del torneo.[31]

Sotto la guida del selezionatore Didier Deschamps, il 5 giugno 2013, in occasione dell'amichevole persa per 1-0 contro l'Uruguay, veste per la prima volta la fascia di capitano dei Bleus dal primo minuto.[32][33] Segna invece il suo primo gol nell'amichevole del 5 marzo 2014 vinta per 2-0 contro i Paesi Bassi.[34] L'8 giugno dello stesso anno arriva la sua prima doppietta in maglia bleu, nella partita amichevole vinta 8-0 contro la Giamaica.[35]

Al campionato del mondo 2014 in Brasile[6] disputa cinque partite, andando a segno nella vittoria francese 5-2 contro la Svizzera.[36] Successivamente convocato per il campionato d'Europa 2016 organizzato dalla Francia,[37] in cui i Bleus si arrendono in finale al Portogallo, e dove Matuidi scende in campo in ogni partita della nazionale transalpina.

Nelle qualificazioni al campionato del mondo 2018, alla penultima giornata realizza alla Bulgaria il decisivo 1-0 che vale la qualificazione francese.[38] Confermato per la fase finale in Russia, è tra i titolari dei Bleus che il 15 luglio 2018, dopo la vittoriosa finale di Mosca contro la Croazia (4-2), si laureano campioni del mondo per la seconda volta nella storia.[39]

Dopo il mondiale russo Matuidi continua a essere convocato sino a novembre 2019, dopodiché, dapprima per i vari lockdown imposti dalla pandemia di COVID-19, periodo in cui la Francia non disputa partite, e poi per il trasferimento del calciatore in MLS, non viene più convocato da Deschamps.[40][41] In totale vanta 84 presenze e 9 reti con la maglia nazionale.[41]

Dirigente modifica

Il 19 maggio 2021, parallelamente all'attività agonistica, intraprende la carriera dirigenziale assumendo il ruolo di direttore sportivo del Miami City, club statunitense militante nella USL League Two.[42]

Statistiche modifica

Presenze e reti nei club modifica

Statistiche aggiornate al 7 novembre 2021.[43]

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2004-2005   Troyes L2 2 0 CF+CdL 1+0 0+0 - - - - - - 3 0
2005-2006 L1 31 1 CF+CdL 0 0 - - - - - - 31 1
2006-2007 L1 34 3 CF+CdL 0+1 0 - - - - - - 35 3
Totale Troyes 67 4 2 0 - - - - 69 4
2007-2008   Saint-Étienne L1 35 0 CF+CdL 1+1 0 - - - - - - 37 0
2008-2009 L1 27 2 CF+CdL 2+1 0 CU 9 0 - - - 39 2
2009-2010 L1 36 1 CF+CdL 3+2 0 - - - - - - 41 1
2010-2011 L1 34 0 CF+CdL 1+2 0 - - - - - - 37 0
Totale Saint-Étienne 132 3 13 0 9 0 - - - 154 3
2011-2012   Paris Saint-Germain L1 29 1 CF+CdL 2+0 0 UEL 4[44] 0 - - - 35 1
2012-2013 L1 37 5 CF+CdL 4+2 1+0 UCL 9 2 - - - 52 8
2013-2014 L1 36 5 CF+CdL 2+4 0+1 UCL 9 1 SF 1 0 52 7
2014-2015 L1 34 4 CF+CdL 5+4 0 UCL 10 1 SF 0 0 53 5
2015-2016 L1 31 4 CF+CdL 5+2 1+0 UCL 9 0 SF 1 0 48 5
2016-2017 L1 34 4 CF+CdL 6+4 1+0 UCL 8 2 SF 0 0 52 7
lug.-ago. 2017 L1 2 0 CF+CdL 0 0 UCL 0 0 SF 1 0 3 0
Totale Paris Saint-Germain 203 23 40 4 49 6 3 0 295 33
ago. 2017-2018   Juventus A 32 3 CI 5 0 UCL 9 1 SI 0 0 46 4
2018-2019 A 31 3 CI 1 0 UCL 9 0 SI 1 0 42 3
2019-2020 A 35 0 CI 4 0 UCL 5 1 SI 1 0 45 1
Totale Juventus 98 6 10 0 23 2 2 0 133 8
ago.-dic. 2020   Inter Miami MLS 15+1[45] 1+0[45] - - - - - - - - - 16 1
2021 MLS 32 1 - - - - - - - - - 32 1
Totale Inter Miami 47+1 2+0 0 0 0 0 0 0 48 2
Totale carriera 548 37 65 4 81 8 5 0 699 50

Cronologia presenze e reti in nazionale modifica

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Francia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
7-9-2010 Zenica Bosnia ed Erzegovina   0 – 2   Francia Qual. Euro 2012 -   81’
29-3-2011 Saint-Denis Francia   0 – 0   Croazia Amichevole -   87’
6-6-2011 Donec'k Ucraina   1 – 4   Francia Amichevole -   77’
10-8-2011 Montpellier Francia   1 – 1   Cile Amichevole -   77’
7-9-2012 Helsinki Finlandia   0 – 1   Francia Qual. Mondiali 2014 -   73’   75’
11-9-2012 Saint-Denis Francia   3 – 1   Bielorussia Qual. Mondiali 2014 -   75’
12-10-2012 Saint-Denis Francia   0 – 1   Giappone Amichevole -   46’
16-10-2012 Madrid Spagna   1 – 1   Francia Qual. Mondiali 2014 -
14-11-2012 Parma Italia   1 – 2   Francia Amichevole -
6-2-2013 Saint-Denis Francia   1 – 2   Germania Amichevole -   46’
22-3-2013 Saint-Denis Francia   3 – 1   Georgia Qual. Mondiali 2014 -   67’
26-3-2013 Saint-Denis Francia   0 – 1   Spagna Qual. Mondiali 2014 -   67’
5-6-2013 Montevideo Uruguay   1 – 0   Francia Amichevole - Cap.   76’
9-6-2013 Porto Alegre Brasile   3 – 0   Francia Amichevole -   70’
10-9-2013 Homel' Bielorussia   2 – 4   Francia Qual. Mondiali 2014 -
11-10-2013 Parigi Francia   6 – 0   Australia Amichevole -   63’
15-10-2013 Saint-Denis Francia   3 – 0   Finlandia Qual. Mondiali 2014 -   70’
15-11-2013 Kiev Ucraina   2 – 0   Francia Qual. Mondiali 2014 -
19-11-2013 Saint-Deniss Francia   3 – 0   Ucraina Qual. Mondiali 2014 -
5-3-2014 Saint-Denis Francia   2 – 0   Paesi Bassi Amichevole 1
27-5-2014 Saint-Denis Francia   4 – 0   Norvegia Amichevole -   74’
1-6-2014 Nizza Francia   1 – 1   Paraguay Amichevole -   64’
8-6-2014 Lilla Francia   8 – 0   Giamaica Amichevole 2
15-6-2014 Porto Alegre Francia   3 – 0   Honduras Mondiali 2014 - 1º turno -
20-6-2014 Salvador Svizzera   2 – 5   Francia Mondiali 2014 - 1º turno 1
25-6-2014 Rio de Janeiro Ecuador   0 – 0   Francia Mondiali 2014 - 1º turno -
30-6-2014 Brasilia Francia   2 – 0   Nigeria Mondiali 2014 - Ottavi di finale -   56’
4-7-2014 Rio de Janeiro Francia   0 – 1   Germania Mondiali 2014 - Quarti di finale -
4-9-2014 Saint-Denis Francia   1 – 0   Spagna Amichevole -   68’
7-9-2014 Belgrado Serbia   1 – 1   Francia Amichevole -   74’
11-10-2014 Parigi Francia   2 – 1   Portogallo Amichevole -
14-10-2014 Erevan Armenia   0 – 3   Francia Amichevole - Cap.   46’
26-3-2015 Saint-Denis Francia   1 – 3   Brasile Amichevole -   84’
29-3-2015 Saint-Étienne Francia   2 – 0   Danimarca Amichevole -   71’
7-6-2015 Saint-Denis Francia   3 – 4   Belgio Amichevole -
4-9-2015 Lisbona Portogallo   0 – 1   Francia Amichevole -
7-9-2015 Bordeaux Francia   2 – 1   Serbia Amichevole 2   46’
8-10-2015 Nizza Francia   4 – 0   Armenia Amichevole -   63’
11-10-2015 Copenaghen Danimarca   1 – 2   Francia Amichevole -
13-11-2015 Saint-Denis Francia   2 – 0   Germania Amichevole -   87’
17-11-2015 Londra Inghilterra   2 – 0   Francia Amichevole -   46’
25-3-2016 Amsterdam Paesi Bassi   2 – 3   Francia Amichevole 1   70’
30-5-2016 Nantes Francia   3 – 2   Camerun Amichevole 1
4-6-2016 Longeville-lès-Metz Francia   3 – 0   Scozia Amichevole -   69’
10-6-2016 Saint-Denis Francia   2 – 1   Romania Euro 2016 - 1º turno -
15-6-2016 Marsiglia Francia   2 – 0   Albania Euro 2016 - 1º turno -
19-6-2016 Lilla Svizzera   0 – 0   Francia Euro 2016 - 1º turno -   77’
26-6-2016 Lione Francia   2 – 1   Irlanda Euro 2016 - Ottavi di finale -
3-7-2016 Saint-Denis Francia   5 – 2   Islanda Euro 2016 - Quarti di finale -
7-7-2016 Marsiglia Germania   0 – 2   Francia Euro 2016 - Semifinale -
10-7-2016 Saint-Denis Portogallo   1 – 0 dts   Francia Euro 2016 - Finale -   97’
1-9-2016 Bari Italia   1 – 3   Francia Amichevole -   63’
7-10-2016 Saint-Denis Francia   4 – 1   Bulgaria Qual. Mondiali 2018 -
10-10-2016 Amsterdam Paesi Bassi   0 – 1   Francia Qual. Mondiali 2018 -
11-11-2016 Saint-Denis Francia   2 – 1   Svezia Qual. Mondiali 2018 -
25-3-2017 Lussemburgo Lussemburgo   1 – 3   Francia Qual. Mondiali 2018 -   32’   83’
2-6-2017 Rennes Francia   5 – 0   Paraguay Amichevole -
9-6-2017 Stoccolma Svezia   2 – 1   Francia Qual. Mondiali 2018 -
7-10-2017 Sofia Bulgaria   0 – 1   Francia Qual. Mondiali 2018 1
10-10-2017 Saint-Denis Francia   2 – 1   Bielorussia Qual. Mondiali 2018 -
10-11-2017 Saint-Denis Francia   2 – 0   Galles Amichevole - Cap.
14-11-2017 Colonia Germania   2 – 2   Francia Amichevole -   64’
23-3-2018 Saint Denis Francia   2 – 3   Colombia Amichevole -   65’
27-3-2018 San Pietroburgo Russia   1 – 3   Francia Amichevole -   81’
28-5-2018 Saint-Denis Francia   2 – 0   Irlanda Amichevole -
1-6-2018 Nizza Francia   3 – 1   Italia Amichevole -   77’
9-6-2018 Lione Francia   1 – 1   Stati Uniti Amichevole -   58’
16-6-2018 Kazan' Francia   2 – 1   Australia Mondiali 2018 - 1º turno -   78’
21-6-2018 Ekaterinburg Francia   1 – 0   Perù Mondiali 2018 - 1º turno -   16’
30-6-2018 Kazan' Francia   4 – 3   Argentina Mondiali 2018 - Ottavi di finale -   72’   75’
10-7-2018 San Pietroburgo Francia   1 – 0   Belgio Mondiali 2018 - Semifinale -   86’
15-7-2018 Mosca Francia   4 – 2   Croazia Mondiali 2018 - Finale -   73’
6-9-2018 Monaco di Baviera Germania   0 – 0   Francia UEFA Nations League 2018-2019 - 1º turno -   86’
9-9-2018 Parigi Francia   2 – 1   Paesi Bassi UEFA Nations League 2018-2019 - 1º turno -
16-10-2018 Saint-Denis Francia   2 – 1   Germania UEFA Nations League 2018-2019 - 1º turno -
16-11-2018 Rotterdam Paesi Bassi   2 – 0   Francia UEFA Nations League 2018-2019 - 1º turno -   65’
20-11-2018 Saint-Denis Francia   1 – 0   Uruguay Amichevole -   62’
22-3-2019 Chișinău Moldavia   1 – 4   Francia Qual. Euro 2020 -   73’
25-3-2019 Saint-Denis Francia   4 – 0   Islanda Qual. Euro 2020 -
4-6-2019 Nantes Francia   2 – 0   Bolivia Amichevole -   66’
8-6-2019 Konya Turchia   2 – 0   Francia Qual. Euro 2020 -   46’
7-9-2019 Saint-Denis Francia   4 – 1   Albania Qual. Euro 2020 -
11-10-2019 Reykjavík Islanda   0 – 1   Francia Qual. Euro 2020 -
14-10-2019 Saint-Denis Francia   1 – 1   Turchia Qual. Euro 2020 -   77’
Totale Presenze 84 Reti 9

Palmarès modifica

 
Matuidi posa insieme ai suoi figli con la Coppa del Mondo vinta dai Bleus al campionato del mondo 2018

Club modifica

Paris Saint-Germain: 2012-2013, 2013-2014, 2014-2015, 2015-2016
Paris Saint-Germain: 2013-2014, 2014-2015, 2015-2016, 2016-2017
Paris Saint-Germain: 2014-2015, 2015-2016, 2016-2017
Paris Saint-Germain: 2013, 2014, 2015, 2016, 2017
Juventus: 2017-2018, 2018-2019, 2019-2020
Juventus: 2017-2018
Juventus: 2018

Nazionale modifica

Russia 2018

Individuale modifica

Squadra ideale della Ligue 1: 2013, 2016
2015
Premio alla carriera: 2018

Onorificenze modifica

Note modifica

  1. ^ a b (EN) Blaise Matuidi, su uefa.com. URL consultato il 29 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 31 maggio 2020).
  2. ^ 48 (2) se si considerano i play-off.
  3. ^ (FR) Blaise Matuidi joueur de l'année selon «France Football», su lequipe.fr, 23 dicembre 2015.
  4. ^ (FR) Le trophée UNFP de meilleur joueur de Ligue 1 décerné à Zlatan Ibrahimovic, les entraîneurs Carlo Ancelotti et Christophe Galiter ex aequo, su huffingtonpost.fr, 18 maggio 2013.
  5. ^ (FR) 8 parisiens dans l'équipe type de l'année, su sport24.lefigaro.fr, 8 maggio 2016.
  6. ^ a b (EN) Jonathan Johnson, France 2014 FIFA World Cup Squad: Player-by-Player Guide, su bleacherreport.com, 13 maggio 2014.
  7. ^ Domenico Latagliata, Matuidi è il dopo Pogba nel motore della Juve. Un colpo da 30 milioni, su ilgiornale.it, 25 agosto 2016.
  8. ^ a b (FR) Matuidi : "Paris, c'est l'avenir", su lejdd.fr, 16 marzo 2013 (archiviato dall'url originale il 18 giugno 2013).
  9. ^ Gossip, la Juve e Isabelle: che doppietta per Matuidi!, su sport.sky.it, 16 agosto 2017.
  10. ^ a b Matuidi è bianconero!, su juventus.com, 18 agosto 2017. URL consultato il 18 agosto 2017 (archiviato dall'url originale il 18 agosto 2017).
  11. ^ a b Fabio Barcellona, Come Allegri ha sistemato la difesa della Juve, su ultimouomo.com, 2 febbraio 2018.
  12. ^ a b Marina Salvetti, Juve, jolly Matuidi torna a fare la mezzala, su tuttosport.com, 30 settembre 2019.
  13. ^ a b Francesco Sessa, Pedina fondamentale della Juve, poi... Il declino di Matuidi, ormai pronto per la Mls, su gazzetta.it, 10 agosto 2020.
  14. ^ (FR) Feuille de match FC Gueugnon ESTAC Troyes, su lfp.fr.
  15. ^ (FR) Ménez - Matuidi, le nouveau visage du PSG, su archives.sport.fr, 25 luglio 2011 (archiviato dall'url originale il 23 agosto 2017).
  16. ^ Monaco-Psg 1-2, Dani Alves subito decisivo: sua la Supercoppa, su gazzetta.it, 29 luglio 2017.
  17. ^ Juve-Cagliari, primo rigore della Var in A: Farias calcia, Buffon para, su gazzetta.it, 19 agosto 2017.
  18. ^ a b Luca Feole, Juve, Matuidi è la tua arma in più: primo gol in Serie A e per Allegri è sempre più leader, su gazzetta.it, 17 dicembre 2017.
  19. ^ Federico Sala, Real Madrid-Juventus 1-3: impresa sfiorata, poi la beffa nel recupero, su repubblica.it, 11 aprile 2018.
  20. ^ Centrocampisti, promossi e bocciati: Matuidi re del centrocampo. Hamsik e Milinkovic, che flop!, su gazzetta.it, 12 ottobre 2018.
  21. ^ Antonino Milone, Matuidi juventino dentro: apprezzato prima da Allegri e ora da Sarri, su tuttosport.com, 25 febbraio 2020.
  22. ^ Luca Bianchin, Juventus-Lione: Sarri e i tre alleati: Higuain, Rabiot e Ronaldo, su gazzetta.it, 7 agosto 2020.
  23. ^ COVID-19, secondo giocatore positivo, su juventus.com, 17 marzo 2020.
  24. ^ Grazie di tutto, Blaise!, su juventus.com, 12 agosto 2020.
  25. ^ (EN) Inter Miami CF Signs French National Team Midfielder Blaise Matuidi, su intermiamicf.com, 13 agosto 2020.
  26. ^ a b (EN) Dylan Butler, Report: Blaise Matuidi not returning to Inter Miami in 2022, su mlssoccer.com, 4 gennaio 2022.
  27. ^ (FR) Blaise Matuidi [@MATUIDIBlaise], Football, je t'ai tant aimé. Football, tu m'as tant donné, mais le moment est venu de dire stop. J'ai accompli mes rêves d’enfant, mes rêves d'homme. C'est la gorge serrée mais avec fierté que je tourne aujourd'hui cette page. MERCI (Tweet), su Twitter, 23 dicembre 2022.
  28. ^ Leonardo Gualano, Blaise Matuidi annuncia il suo ritiro: "È arrivato il momento di dire basta", su goal.com, 23 dicembre 2022.
  29. ^ (FR) Blanc dévoile ses Bleus, su parismatch.com, 5 agosto 2010.
  30. ^ Blanc esclude Gourcuff e Yanga-Mbiwa, su it.uefa.com, 29 maggio 2012.
  31. ^ (FR) Euro 2012: M'Vila et Matuidi forfaits face à l'Angleterre, su melty.fr, 4 giugno 2012.
  32. ^ (FR) Matuidi portera le brassard, su sofoot.com, 4 giugno 2013.
  33. ^ (FR) Uruguay 1 - 0 France, su lequipe.fr, 5 giugno 2013. URL consultato il 28 agosto 2017 (archiviato dall'url originale l'8 giugno 2013).
  34. ^ La Francia batte l'Olanda. Ok Germania, Inghilterra e Brasile, pari Argentina, su repubblica.it, 5 marzo 2014.
  35. ^ Mondiali 2014, la Francia le suona alla Giamaica: 8-0!, su gazzetta.it, 8 giugno 2014.
  36. ^ Mondiali 2014: Giroud e Benzema trascinano la Francia, 5-2 alla Svizzera, su gazzetta.it, 20 giugno 2014.
  37. ^ (FR) La liste pour l'Euro 2016 dévoilée !, su fff.fr, 12 maggio 2016. URL consultato il 12 maggio 2016 (archiviato dall'url originale il 13 maggio 2016).
  38. ^ (EN) France one win from World Cup after beating Bulgaria, su skysports.com, 7 ottobre 2017.
  39. ^ (FR) Les Bleus dans les cieux, su fff.fr, 15 luglio 2018. URL consultato il 23 maggio 2022 (archiviato dall'url originale il 28 marzo 2019).
  40. ^ (FR) Équipe de France : Didier Deschamps rappelle Rabiot et convoque pour la première fois Aouar, Camavinga et Upamecano, su lequipe.fr, 27 agosto 2020. URL consultato l'8 maggio 2021.
  41. ^ a b (FR) Football : Rabiot rappelé en équipe de France, Camavinga convoqué pour la première fois, su europe1.fr, 27 agosto 2020. URL consultato l'8 maggio 2021.
  42. ^ (EN) FC Miami City [@FCMiamiCity], FC Miami City, and its parent company Strive Football Group, are delighted to welcome legend, Blaise Matuidi, who is joining Strive Football Group as Chief Football Officer! (Tweet), su Twitter, 19 maggio 2021.
  43. ^ Transfermarkt.
  44. ^ 1 presenza nei play-off.
  45. ^ a b Stagione regolare+Play-off
  46. ^ (FR) Décret du 31 décembre 2018 portant promotion et nomination, su legifrance.gouv.fr, 31 dicembre 2018. URL consultato il 19 giugno 2019.

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica

Controllo di autoritàVIAF (EN39146824857407630927 · ISNI (EN0000 0004 5964 0301 · LCCN (ENno2019099155 · BNF (FRcb170528941 (data)