Seconda Divisione 1934-1935

Seconda Divisione 1934-1935
Competizione Seconda Divisione
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione
Organizzatore Direttori di Zona + Direttorio Divisioni Superiori (D.D.S.)
Date dal ottobre 1934
al luglio 1935
Luogo Italia Italia
Formula a gironi regionali
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 1933-1934 1935-1936 Right arrow.svg

La Seconda Divisione 1934-1935 fu il quarto livello della XXXIV edizione del campionato italiano di calcio.

La Seconda Divisione fu organizzata e gestita dai Direttori di Zona.[1]

Le finali per la promozione nella nuova Serie C erano gestite dal Direttorio Divisioni Superiori che dal novembre 1934 con il C.I.T.A. si è trasferito da Milano (Viale Piave) a Roma presso lo Stadio Olimpico.

A parità di punti le squadre erano classificate a pari merito. In caso di assegnazione di un titolo sportivo (per la promozione o la retrocessione) si effettuava uno spareggio in campo neutro.

PiemonteModifica

Direttorio I Zona (Piemonte)
Sede: - Via Ponza 2 - Torino.
Presidente: Gustavo Norzi.

Squadre partecipantiModifica

Club Città Stadio Stagione precedente
A.S. Aosta Aosta
Dopolavoro Cuneo Cuneo
O.N.D. Juventus Domo Domodossola (NO)
Oleggio Sportiva Oleggio (NO)
U.S. Voluntas Villadossola (NO)

ClassificaModifica

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1. Aosta 11 8 4 3 1 24 13 +11
2.   Voluntas 9 8 3 3 2 11 11 0
3. Cuneo 8 8 3 2 3 8 14 -6
4.   Oleggio 7 8 3 1 4 17 20 -3
5. Juventus Domo 5 8 1 3 4 14 17 -3

Legenda:

      Campione Piemontese di Seconda Divisione.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
In caso di pari punti per le squadre fuori dalla zona promozione era in vigore il pari merito.

LombardiaModifica

Direttorio II Zona (Lombardia)
Sede: Via Torino 45 - Milano.
Presidente: Cav. Eraldo Gaudenzi.

Girone AModifica

Squadre partecipantiModifica

Club Città Stadio Stagione precedente
Asso Sportiva Asso (CO)
U.S. Caratese Carate Brianza (MI)
U.S. Cusano-Milanino Cusano Milanino (MI)
G.S. Dopolavoro Desio Desio (MI)
S.S. La Folgore Cesano Maderno (MI)
S.C. Menaggio Menaggio (CO)
A.C. Merate Merate (CO)
U.S. Morbegnese Morbegno (SO)
Dopolavoro Ferrovie Nord Edison Novate Milanese (MI)
Seregno F.C. (B=riserve) Seregno (MI)
Dop. Snia Viscosa Cesano Maderno (MI)

Classifica finaleModifica

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
  1.   Merate ?? 20
2.   ?? ?? 20
3.   ?? ?? 20
4.   Cusano Milanino ?? 20
5. Caratese ?? 20
6.   ?? ?? 20
7.   ?? ?? 20
8.   ?? ?? 20
9.   ?? ?? 20
10.   ?? ?? 20
11.   Desio ?? 20

Legenda:

      Ammesso alle finali.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
Pari merito in caso di pari punti se non in zona promozione/finali.

Girone BModifica

Squadre partecipantiModifica

Club Città Stadio Stagione precedente
Alleanza F.C. Milano
G.S. Bernocchi Legnano (MI)
U.S. Bollatese Bollate (MI)
Caravaggio Sportiva Caravaggio (BG)
O.N.D. Cernusco Cernusco sul Naviglio (MI)
S.S. Colognese Cologno Monzese (MI)
G.S. "Erminio Giana" Gorgonzola (MI)
Sport Iris 1914 F.C. Milano
Legnano F.C. (B=riserve) Legnano (MI)
U.S. Melzese Melzo
Minerva F.C. Milano
Montello F.C. Milano

Classifica finaleModifica

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
  1.   ?? ?? 22
2.   ?? ?? 22
3.   ?? ?? 22
4.   ?? ?? 22
5.   ?? ?? 22
6.   ?? ?? 22
7.   ?? ?? 22
8.   ?? ?? 22
9.   ?? ?? 22
10.   ?? ?? 22
11.   ?? ?? 22
12.   ?? ?? 22

Legenda:

      Ammesso alle finali.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
Pari merito in caso di pari punti se non in zona promozione/finali.

Girone CModifica

Squadre partecipantiModifica

Club Città Stadio Stagione precedente
F.C. IV Novembre Milano-Quinto Romano
G.S. F.G.C. Baracca Milano-Baggio
G.S. Dopolavoro Ernesto Breda Sesto San Giovanni (MI)
A.C. Codogno Codogno (MI)
. . Filocantanti Milano-Bovisa
G.S. Dopolavoro Magenta Magenta (MI)
S.S. Olubra Castel San Giovanni (PC)
G.S. Pirelli (B=riserve) Milano-Bicocca
La Serenissima F.C. Lodi (MI)
S.G. Stradellina Stradella (PV)

Classifica finaleModifica

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
  1. Codogno ?? 18
2.   ?? ?? 18
3. Stradellina ?? 18
4.   ?? ?? 18
5.   ?? ?? 18
6.   ?? ?? 18
7.   ?? ?? 18
8.   ?? ?? 18
9.   ?? ?? 18
10.   ?? ?? 18

Legenda:

      Ammesso alle finali.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
Pari merito in caso di pari punti se non in zona promozione/finali.

VenetoModifica

Direttorio III Zona (Veneto)
Sede: - Venezia.
Presidente: Antonio Scalabrin.

Girone AModifica

Squadre partecipantiModifica

Club Città Stadio Stagione precedente
G.S. Giorgione Castelfranco Veneto (TV)
A.F.C. Piave Belluno
A.C. "Gianvittore Mezzomo" Feltre (BL)
G.S.F. Muranese Venezia-Murano
A.F.C. Venezia (B = riserve) Venezia
S.S. "Piero Foscari" Mira-Taglio (VE)
Treviso F.C. (B = riserve) Treviso
Pol. Sandonatese San Donà di Piave (VE)
A.S.F. Conegliano Conegliano (TV)

Classifica finaleModifica

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
  1. Giorgione 23 16 8 7 1 21 9 +12
  2.   Piave 18 16 8 2 6 38 31 +7
  3.   "Gianvittore Mezzomo" 17 16 6 5 5 32 17 +15
4.   Muranese 16 16 5 6 5 24 33 -9
5. Venezia (B) 15 16 6 3 7 26 24 +2
6.   "Piero Foscari" 14 16 4 6 6 17 20 -3
6. Treviso (B) 14 16 5 4 7 20 29 -9
6.   Sandonatese 14 16 6 2 8 19 30 -11
9. Conegliano 13 16 5 3 8 32 36 -4

Legenda:

      Ammesso alle finali.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
Pari merito in caso di pari punti se non in zona promozione/finali.

Girone BModifica

Squadre partecipantiModifica

Club Città Stadio Stagione precedente
U.S. Audace Verona-S.M. Extra
Dop. F.R.A.G.D. Castelmassa (RO)
G.S.F. Lendinara Lendinara (RO)
A.C. Padova (B = riserve) Padova
G.S.F. Rovigo (B = riserve) Rovigo
A.C. Thiene Thiene (VI)
A.C. Valerio Valery Legnago (VR)
A.C. Verona (B = riserve) Verona
A.F.C. Vicenza (B = riserve) Vicenza

Classifica finaleModifica

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
  1.   Valerio Valery 21 16 9 3 4 32 24 +8
2. Thiene 18 16 8 2 6 30 37 -7
  3. Rovigo (B) 17 16 6 5 5 36 35 +1
4. Audace SME 16 16 6 4 6 23 23 0
5. L.R. Vicenza (B) 15 16 5 5 6 32 30 +2
5.   Lendinara 15 16 5 5 6 27 27 0
7. Padova (B) (-1) 14 16 6 3 7 25 26 -1
7.   F.R.A.G.D. 14 16 5 4 7 27 33 -6
9. Verona (B) 13 16 4 5 7 30 27 +3

Legenda:

      Ammesso alle finali.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
Pari merito in caso di pari punti se non in zona promozione/finali.

Note:

Il Padova ha scontato 1 punto di penalizzazione[2].

Venezia TridentinaModifica

Direttorio IV Zona (Venezia Tridentina)
Sede: - Trento.
Presidente: Adalberto Bragagna.

Venezia GiuliaModifica

Direttorio V Zona (Venezia Giulia)
Sede: - Trieste.
Presidente: Pietro Sponza.

Girone unico

LiguriaModifica

Direttorio VI Zona (Liguria)
Sede: - Genova.
Presidente: Dott. Mario Tortarolo.

Squadre partecipantiModifica

Club Città Stadio Stagione precedente
S.S. Bel Paese Genova
Genova 1893 Circolo del Calcio (B=riserve) Genova
G.A. Ilva Savona
A.S. Riva Trigoso Sestri Levante (GE)
A.C. Sampierdarenese (B=riserve) Genova-Sampierdarena
U.S. Sestri Levante Sestri Levante (GE)
A.C. Varazze Varazze (SV)

Classifica finaleModifica

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1. Sampierdarenese (B) 18 12 ?? ? ? ?? ?? ??
2.   Riva Trigoso 17 12 ?? ? ? ?? ?? ??
3. Genoa (B) 12 12 ?? ? ? ?? ?? ??
3. Ilva Savona 12 12 ?? ? ? ?? ?? ??
5. Varazze 9 ?? ?? ? ? ?? ?? ??
5.   Bel Paese 9 12 ?? ? ? ?? ?? ??
7. Sestri Levante 7 12 ?? ? ? ?? ?? ??

Legenda:

      Campione Ligure di Seconda Divisione.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
In caso di pari punti per le squadre fuori dalla zona promozione era in vigore il pari merito.

EmiliaModifica

Direttorio VII Zona (Emilia)
Sede: Via Ugo Bassi - Locali Borsa 25/B - Bologna.
Incaricato: Rag. Cav. Carlo Mazzantini.

Girone unico
Verdetti
  • S.P.A.L. B Campione Emiliano di Seconda Divisione.

ToscanaModifica

Direttorio VIII Zona (Toscana)
Sede: - Firenze.
Presidente: Cav. Dante Berretti.

Squadre partecipantiModifica

Club Città Stadio Stagione precedente
U.S. Aullese Aulla (MS)
U.S. Elbana Portoferraio (LI)
A.C. Fiorentina (C=allievi) Firenze
U.S. Livorno (C=allievi) Livorno
U.S. Orbetello Orbetello (GR)
U.S. Sempre Avanti (B=riserve) Piombino (LI)
A.C. Siena (B=riserve) Siena
G.S. Solvay Rosignano Solvay (LI)
U.S. Volterrana Volterra (PI)

Classifica finaleModifica

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1. Fiorentina (C) 25 16 10 5 1 33 13 +20
2.   Volterrana 18 16 7 4 5 23 16 +7
3. Sempre Avanti (B) 17 16 5 7 4 29 26 +3
3.   Elbana 17 16 6 5 5 24 23 +1
5.   Solvay 15 16 5 5 6 18 24 -6
6. Siena (B) (-1) 13 16 4 6 6 14 17 -3
6. Orbetello 13 16 4 5 7 24 28 -4
8. Aullese (-1) 12 16 5 3 8 16 29 -13
9. Livorno (C) (-1) 11 16 4 4 8 26 31 -5

Legenda:

      Campione Toscano di Seconda Divisione.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
In caso di pari punti per le squadre fuori dalla zona promozione era in vigore il pari merito.

Note:

Il Siena, l'Aullese e il Livorno hanno scontato 1 punto di penalizzazione.

MarcheModifica

Direttorio IX Zona (Marche)
Sede: - Ancona.
Presidente: Giulio Borghetti.

Squadre partecipantiModifica

Club Città Stadio Stagione precedente
Ass. Pol. Adriatica Porto Recanati (MC)
U.S. Anconitana-Bianchi (B=riserve) Ancona
Dop. Cantiere Navale Ancona
A.C. Dalmazia Zara
S.S. Fabriano Fabriano (AN)
A.C. Macerata Macerata
S.S. Portocivitanova Porto Civitanova (MV)
U.S. Sambenedettese San Benedetto del Tronto (AP)
U.S. Tolentino Tolentino (MC)

Classifica finaleModifica

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
  1.   Cantiere Navale 24 16 11 2 3 33 16 +17
2.   Portocivitanova 22 16 9 4 3 37 25 +12
3. Tolentino 20 16 8 4 4 30 18 +12
4. Anconitana-Bianchi (B) 16 16 6 4 6 34 21 +13
5.   Dalmazia (-3) 14 16 8 1 7 34 28 +6
6.   Adriatica 13 16 5 3 8 21 33 -12
7. Sambenedettese (-1) 11 16 4 4 8 22 32 -10
7. Macerata (-1) 11 16 5 2 9 20 36 -16
9.   Fabriano (-1) 7 16 3 2 11 16 38 -22

Legenda:

      Promossa in Prima Divisione 1935-36.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
In caso di pari punti per le squadre fuori dalla zona promozione era in vigore il pari merito.

Note:

La Dalmazia ha scontato 3 punti di penalizzazione.
La Sambenedettese, il Macerata e il Fabriano hanno scontato 1 punto di penalizzazione.

UmbriaModifica

Direttorio X Zona
Presidente: Gastone Bonaiuti, Piazza Morlacchi 2 - Perugia.

Squadre partecipantiModifica

Squadra Città Stagione 1933-1934
Pol. Fascista M.U. Borzacchini Terni Terni Ritirata dalla Prima Divisione Gir.G
A.C. Perugia (B = riserve) Perugia In Seconda Divisione Umbria
U.S. Tiferno Città di Castello (PG) In Seconda Divisione Umbria

Classifica finaleModifica

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
  1.   Borzacchini[3] 6 3 - - - - - -
2.   Tiferno 4 3 - - - - - -
3.   Perugia (B) 2 3 - - - - - -

Legenda:

      Promossa in Prima Divisione 1935-36.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
In caso di pari punti per le squadre fuori dalla zona promozione e retrocessione era in vigore il pari merito.

LazioModifica

Direttorio XI Zona (Lazio)
Sede: - Roma.
Presidente: Rag. Federico Tedeschi.

Squadre partecipantiModifica

Squadra Città Stadio Stagione precedente
U.S. Civitavecchiese (B = riserve) Civitavecchia
S.G.S. Fortitudo Roma
S.S. Francesco Di Biagio Terracina
S.S. Juventus Roma
S.S. Lazio (B = riserve) Roma
G.S. Monte dei Paschi Roma
U.S. Ostiense Roma-Ostia
A.S. Roma (B = riserve) Roma
S.S. Il Savoia Sportivo Roma
A.S. Tiburtina Ardita Roma
A.S. Viterbo Viterbo

Classifica finaleModifica

Fonte: Il Littorale del 26 maggio 1935 [1]

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1. Lazio (B) 36 20 17 2 1 55 10 +45
2. Roma (B) 35 20 16 3 1 62 10 +52
3.   Ostiense 30 20 13 4 3 27 14 +13
5.   Monte dei Paschi 22 20 9 4 7 51 25 +26
4.   Francesco Di Biagio 22 20 9 4 7 37 29 +8
6.   Tiburtina Ardita 17 20 4 9 7 30 33 -3
7.   Fortitudo 16 20 5 6 9 23 32 -9
8. Civitavecchiese (B) 14 20 6 2 12 22 49 -27
9.   Viterbo (-1) 12 20 4 5 11 17 47 -30
10.   Savoia 9 20 3 3 14 12 56 -44
11. Juventus Roma 6 20 2 2 16 11 43 -32

Legenda:

      Campione laziale di Seconda Categoria

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
Il Viterbo ha scontato un punto di penalizzazione per una rinuncia.

Note:

Il Viterbo ha scontato 1 punto di penalizzazione.

AbruzziModifica

Direttorio XII Zona (Abruzzi)
Sede: - Aquila degli Abruzzi.
Presidente: Prof. Dott. Giulio Natali (Direttore Ospedale Civile).

Squadre partecipantiModifica

Squadra Città Stadio Stagione precedente
A.S. Aquila (B = riserve) Aquila degli Abruzzi
S.S. Audax Roseto degli Abruzzi (TE)
S.S. Avezzano Avezzano (AQ)
G.S. Bussi Officine Bussi sul Tirino (PE)
Calciatori Aquilani Aquila degli Abruzzi
S.S. Chieti, Chieti
F.S. Giuliese Giulianova (TE)
S.S. Gran Sasso Teramo
A.S. Pescara (B = riserve) Pescara
S.S. Sulmona (B = riserve) Sulmona (AQ)

Classifica finaleModifica

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
  1.   Giuliese -- 18 __ __ __ __ __ __
2.   Gran Sasso -- 18 __ __ __ __ _ ___
2. Chieti -- 18 __ __ __ __ __ __
4.   Bussi Officine -- 18 __ __ __ __ __ __
.. Aquila (B) -- 18 __ __ __ __ __ __
..   Audax -- 18 __ __ __ __ __ __
.. Avezzano -- 18 __ __ __ __ __ __
.. Pescara (B) -- 18 __ __ __ __ __ __
.. Sulmona (B) -- 18 __ __ __ __ __ __
..   Calciatori Aquilani -- 18 __ __ __ __ __ __

Legenda:

      Promossa in Prima Divisione 1935-36.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
In caso di pari punti per le squadre fuori dalla zona promozione e retrocessione era in vigore il pari merito.

CampaniaModifica

Direttorio XIII Zona (Campania)
Sede: - Napoli.
Presidente: Marchese Ing. Gaetano Del Pezzo.

Squadre partecipantiModifica

Squadra Città Stadio Stagione precedente
F.S. Avellino Avellino
U.S. Battipagliese Battipaglia (SA)
S.C. Lucano (B = riserve) Potenza
A.G. Nocerina Nocera Inferiore (SA)
A.C. Nola Nola (NA)
U.S. Salernitana (B = riserve) Salerno
A.C. Stabia Castellammare di Stabia (NA)
U.S. Torrese Torre del Greco (NA)

Classifica finaleModifica

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
  1. Nola 22 14 10 2 2 48 13 +35
2. Stabia 20 14 8 4 2 35 11 +24
3.   Torrese 18 14 6 6 2 17 12 +5
4. Nocerina 13 14 2 9 3 17 18 -1
5. Salernitana B 11 14 4 3 7 23 30 -7
5. Avellino 11 14 4 3 7 19 40 -21
7. Battipagliese 10 14 4 2 8 17 30 -13
8. SC Lucano B 7 14 2 3 9 12 34 -22

Legenda:

      Promossa in Prima Divisione 1935-36.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
In caso di pari punti per le squadre fuori dalla zona promozione e retrocessione era in vigore il pari merito.

PugliaModifica

Direttorio XIV Zona (Puglia)
Sede: Bari.
Presidente: Avv. Sebastiano Roca.

Squadre partecipantiModifica

Squadra Città Stadio Stagione precedente
U.S. Bari (B = riserve) Bari
G.S. Cantieri Tosi Taranto
U.S. Foggia (B = riserve) Foggia
U.S. Matera Matera
A.S. Molfetta Molfetta (BA)

Classifica finaleModifica

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
  1. Cantieri Tosi 12 8 6 0 2 14 5 +9
2. Bari B 11 8 5 1 2 22 6 +16
3. Foggia B 10 8 4 2 2 9 9 0
4. Matera 6 8 2 2 4 7 16 -9
5. Molfetta (-1) 0 8 0 1 7 4 20 -16

Legenda:

      Promossa in Prima Divisione 1935-36.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
In caso di pari punti per le squadre fuori dalla zona promozione e retrocessione era in vigore il pari merito.

Note:

Il Molfetta ha scontato 1 punto di penalizzazione.

Risultati (Matera)

  • Bari B-Matera

10-0 1-0

  • Matera-Tosi Taranto

0-1 1-2

  • Molfetta-Matera

1-1 0-3

  • Matera-Foggia B

1-1 1-0

LucaniaModifica

Direttorio XV Zona (Lucania)
Sede: - Potenza.
Presidente: Vincenzo Salerno.

Giocano le gare nel girone Puglie

CalabriaModifica

Direttorio XVI Zona (Calabria)
Sede: Cosenza.
Presidente: Rag. Massimo Cavalcanti.

SiciliaModifica

Direttorio XVII Zona (Sicilia)
Sede: Palermo.
Incaricato: Dott. Rosario Gregorio.

Girone unico

SardegnaModifica

Direttorio XVIII Zona (Sardegna)
Sede: - Cagliari.
Presidente: Comm. Guido Costa.

Girone unico

TripolitaniaModifica

Direttorio XIX Zona (Tripolitania)
Sede: Ufficio Sportivo P.N.F. - Tripoli.
Presidente: Emanuele Parodi.

CirenaicaModifica

Direttorio XX Zona (Cirenaica)
Sede: - Bengasi.
Presidente: Carlo Santi.

SomaliaModifica

Direttorio XXI Zona (Somalia)
Sede: - Mogadiscio.
Presidente: Luigi Saverio Bertazzoni.

NoteModifica

  1. ^ La competenza dei Direttori di Zona non coincideva sempre con i limiti della regione in cui avevano sede. Esempio classico la provincia di Piacenza aggregata al Direttorio II Zona (Lombardia) e la provincia di Mantova ceduta a quello che gestisce l'Emilia.
  2. ^ Per una rinuncia.
  3. ^ Promosso nella Prima Divisione Lazio (Direttorio XI Zona) per mancata organizzazione di quella umbra.

BibliografiaModifica

Giornali:

Siti online:

  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio