Apri il menu principale

UEFA Nations League

Competizione calcistica europea
UEFA Nations League
UEFA Nations League.svg
SportFootball pictogram.svg Calcio
TipoNazionali
FederazioneUEFA
OrganizzatoreUEFA
TitoloUEFA Nations League winner (vincitore della UEFA Nations League)
Cadenzabiennale
Aperturasettembre
Chiusuragiugno
Partecipanti55
Sito Internetit.uefa.com/uefanationsleague
Storia
Fondazione2018
Numero edizioni1
Edizione in corsoUEFA Nations League 2018-2019
UEFA Nations League Cup.svg
Trofeo o riconoscimento

La UEFA Nations League è un torneo calcistico riservato alle Nazionali europee, organizzato dall'UEFA con cadenza biennale.[1]

Indice

Storia e rapporto con il calendario internazionaleModifica

L'introduzione del torneo va ricondotta alla proposta di Michel Platini - ex presidente dell'UEFA - il quale sostenne, trovando largo eco, che le tradizionali amichevoli non garantissero un livello agonistico adeguato.[2] Tale convinzione era maturata soprattutto per via di un dislivello di valori in campo spesso evidente, nonché del numero di sostituzioni ritenuto eccessivo.[2][1] Si rese pertanto necessaria una manifestazione che, oltre a risollevare la cifra tecnica del calcio continentale, non andasse a sovrapporsi ad un già affollato calendario.[2][1] La sua collocazione fu inquadrata nel periodo tra un Mondiale ed il successivo Europeo, del quale la Nations League costituisce una fase eliminatoria.[2][1] Un obiettivo dichiarato, che contribuì a raccogliere consenso attorno alla novità, fu la possibilità - per ogni Nazionale - di competere con avversarie di pari livello in partite ufficiali.[2][3][4]

Oltre che sul piano agonistico, i principali vantaggi della competizione sono stati localizzati a favore dei diritti televisivi e dell'incremento di presenze negli stadi da parte del pubblico.[2] Il modello di torneo, ripreso dalla Champions League[5], si basa su gironi con un numero ridotto di squadre (3 o 4) per scongiurare eventuali "combine".[2] La Nations League è stata approvata ufficialmente il 4 dicembre 2014.[6] In via indiretta, ha concorso all'abolizione della Confederations Cup.[7]

FormulaModifica

Il formato e il calendario della Nations League, discussi in Kazakistan nel marzo 2014[8], furono anch'essi approvati a fine anno.[9] I vari gironi sono organizzati con un numero variabile di squadre prevedendo - a seconda della fascia - promozioni o retrocessioni.[2][10] Le gare si svolgono nelle finestre individuate dal calendario internazionale, con la fase a gruppi che occupa il periodo da settembre a novembre dell'anno in cui si disputa il Mondiale; le semifinali e finali (rinominate "Final Four") hanno luogo nel giugno successivo.[2] Inoltre, le date "scoperte" come avviene - per esempio nei gironi da 3 Nazionali - sono colmate dalle amichevoli.[2] Per quanto riguarda i gironi, essi sono così organizzati:

  • Lega A: 4 gironi, da 3 formazioni ciascuno
  • Lega B: 4 gironi, da 3 formazioni ciascuno
  • Lega C: 1 girone da 3 formazioni, 3 gironi da 4
  • Lega D: 4 gironi da 4 formazioni ciascuno

Per l'edizione inaugurale (avviata nel settembre 2018) si è tenuto conto del ranking aggiornato all'ottobre 2017 (prima degli spareggi per il Mondiale 2018)[2], mentre il sorteggio si è svolto il 24 gennaio 2018.[2]

Connessione con il Campionato europeoModifica

Per via del calendario, ogni edizione risulterà interconnessa con il successivo campionato d'Europa.[11] A partire dall'edizione 2020 (per la quale non esistono formazioni ammesse d'ufficio, trattandosi di una rassegna itinerante) le qualificazioni non prendono più il via nel mese di settembre, ma nel marzo dell'anno seguente.[11] La classica fase eliminatoria assegnerà 20 dei 24 posti per il torneo, con i restanti 4 determinati da spareggi previsti per il marzo dell'anno bisestile[11]; i play-off vedranno competere le vincitrici dei gironi di ciascuna lega tra loro, con 16 formazioni a contendersi un quarto dei posti.[11] Qualora una formazione si fosse già qualificata all'Europeo tramite le eliminatorie, il ranking individuerà - nella medesima lega - le squadre da ammettere: nel caso in cui tutte le Nazionali appartenenti ad una lega risultassero già ammesse, il criterio verrebbe seguito per la fascia inferiore.[11] Il sorteggio per le eliminatorie tradizionali si è tenuto, a Dublino, il 2 dicembre 2018.[12]

Squadre partecipantiModifica

Tutte le 55 rappresentative nazionali della UEFA partecipano alla UEFA Nations League.

Nella seguente tabella sono mostrate, per ogni rappresentativa, il numero di partecipazioni alle diverse leghe.

Nazionale Lega A Lega B Lega C Lega D Totale Vittorie
  Albania 0 0 1 0 1 0
  Andorra 0 0 0 1 1 0
  Armenia 0 0 0 1 1 0
  Austria 0 1 0 0 1 0
  Azerbaigian 0 0 0 1 1 0
  Belgio 1 0 0 0 1 0
  Bielorussia 0 0 0 1 1 0
  Bosnia ed Erzegovina 0 1 0 0 1 0
  Bulgaria 0 0 1 0 1 0
  Cipro 0 0 1 0 1 0
  Croazia 1 0 0 0 1 0
  Danimarca 0 1 0 0 1 0
  Estonia 0 0 1 0 1 0
  Fær Øer 0 0 0 1 1 0
  Finlandia 0 0 1 0 1 0
  Francia 1 0 0 0 1 0
  Galles 0 1 0 0 1 0
  Georgia 0 0 0 1 1 0
  Germania 1 0 0 0 1 0
  Gibilterra 0 0 0 1 1 0
  Grecia 0 0 1 0 1 0
  Inghilterra 1 0 0 0 1 0
  Irlanda 0 1 0 0 1 0
  Irlanda del Nord 0 1 0 0 1 0
  Islanda 1 0 0 0 1 0
  Israele 0 0 1 0 1 0
  Italia 1 0 0 0 1 0
  Kazakistan 0 0 0 1 1 0
  Kosovo 0 0 0 1 1 0
  Lettonia 0 0 0 1 1 0
  Liechtenstein 0 0 0 1 1 0
  Lituania 0 0 1 0 1 0
  Lussemburgo 0 0 0 1 1 0
  Macedonia del Nord 0 0 0 1 1 0
  Malta 0 0 0 1 1 0
  Moldavia 0 0 0 1 1 0
  Montenegro 0 0 1 0 1 0
  Norvegia 0 0 1 0 1 0
  Paesi Bassi 1 0 0 0 1 0
  Polonia 1 0 0 0 1 0
  Portogallo 1 0 0 0 1 0
  Rep. Ceca 0 1 0 0 1 0
  Romania 0 0 1 0 1 0
  Russia 0 1 0 0 1 0
  San Marino 0 0 0 1 1 0
  Scozia 0 0 1 0 1 0
  Serbia 0 0 1 0 1 0
  Slovacchia 0 1 0 0 1 0
  Slovenia 0 0 1 0 1 0
  Spagna 1 0 0 0 1 0
  Svezia 0 1 0 0 1 0
  Svizzera 1 0 0 0 1 0
  Turchia 0 1 0 0 1 0
  Ucraina 0 1 0 0 1 0
  Ungheria 0 0 1 0 1 0

EdizioniModifica

Anno Ospitante della fase finale Finale Finale terzo e quarto posto
Vincitore Risultato 2º posto 3º posto Risultato 4º posto
2018-2019
Dettagli
  Portogallo
2020-2021
Dettagli

NoteModifica

  1. ^ a b c d Uefa: nasce la Nations League, nuovo torneo al via dal 2018, su repubblica.it, 27 marzo 2014.
  2. ^ a b c d e f g h i j k l Carlo Felice Chiesa, La Nations League e la rinascita tricolore, in Almanacco Illustrato del Calcio 2019, Modena, Panini Editore, 2018, pp. 5-9, ISBN 9771129338008.
  3. ^ (NO) Lars Hojem Kvam, Hva om Ronaldo, Özil, Balotelli og Pique møtes til ligaspill - med sine landslag?, su dagbladet.no, 9 ottobre 2013.
  4. ^ (EN) Nations League: New European tournament to be confirmed, su bbc.com, 26 marzo 2014.
  5. ^ Fabio Licari, Uefa, ecco la Nations: la Champions per Nazionali, su gazzetta.it, 18 gennaio 2018.
  6. ^ Nasce la Nations League: la prima edizione comincerà nel 2018, su gazzetta.it, 4 dicembre 2014.
  7. ^ Fabio Licari, Mondiale Club e Nations global, due nuovi tornei da 20 miliardi, su gazzetta.it, 3 maggio 2018.
  8. ^ (EN) UEFA Nations League receives green light, su fr.uefa.com, 27 marzo 2014.
  9. ^ (EN) UEFA Nations League format approved, su uefa.com, 4 dicembre 2014.
  10. ^ Fabio Licari, Ecco la Uefa Nations League: 4 serie, retrocessioni e promozioni, su gazzetta.it, 19 settembre 2017.
  11. ^ a b c d e Luca Stamerra, Rivoluzione Nations League, come funziona e chi si qualifica per Euro 2020, su it.eurosport.com, 5 settembre 2018.
  12. ^ (EN) Ireland to face Switzerland, Denmark in Euro qualifiers, su rte.ie, 2 dicembre 2018.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica