Apri il menu principale
Romelu Lukaku
Lukaku, Belgium v Japan 2018.png
Lukaku con la nazionale belga ai Mondiali 2018
Nazionalità Belgio Belgio
Altezza 192 cm
Peso 104 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Squadra Inter
Carriera
Giovanili
1999-2003non conosciuta Rupel Boom
2003-2004non conosciuta KFC Wintam
2004-2006Lierse
2006-2009Anderlecht
Squadre di club1
2009-2011Anderlecht55 (29)[1]
2011-2012Chelsea8 (0)
2012-2013West Bromwich35 (17)
2013Chelsea2 (0)
2013-2017Everton141 (68)
2017-2019Manchester Utd66 (28)
2019-Inter0 (0)
Nazionale
2008Belgio Belgio U-154 (1)
2011Belgio Belgio U-181 (0)
2009Belgio Belgio U-215 (1)
2010-Belgio Belgio81 (48)
Palmarès
Coppa mondiale.svg Mondiali di calcio
Bronzo Russia 2018
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate all'8 agosto 2019

Romelu Menama Lukaku Bolingoli (Anversa, 13 maggio 1993) è un calciatore belga di origini congolesi, attaccante dell'Inter e della nazionale belga.

Dopo aver mosso i primi passi in alcune squadre minori di Anversa, nel 2006 entra nel settore giovanile dell'Anderlecht, con cui debutta all'età di 16 anni e vince la Jupiler League nel 2009-2010. Nel 2011 viene acquistato dal Chelsea ma, trovando poco spazio, nella stagione successiva passa in prestito al West Bromwich. Nel 2013 si trasferisce all'Everton, dove resta per quattro anni e si afferma come uno degli attaccanti più prolifici della Premier League.[2][3] Nel 2017 è acquistato dal Manchester Utd per una cifra record, che ne ha fatto l'allora giocatore belga più costoso di sempre. Dopo due stagioni, si trasferisce all'Inter.

Entrato nel giro della nazionale belga a partire dal 2010, ha partecipato a due edizioni del Mondiale (2014 e 2018) e ad una dell'Europeo (2016). Con i Diavoli Rossi ha realizzato 48 reti in 81 presenze, risultando il miglior marcatore nella storia della selezione belga.[4]

A livello individuale, è stato capocannoniere della Jupiler League (2009-2010) e della UEFA Europa League (2014-2015), oltre ad aver vinto la scarpa di bronzo del campionato mondiale (2018). È stato inserito anche nella Squadra dell'anno della PFA (2016-2017).

Indice

Biografia

Nasce ad Anversa, città nel nord del Belgio.[5] Proviene da una famiglia di calciatori in quanto suo padre Roger è stato un calciatore della nazionale dello Zaire (oggi Repubblica del Congo).[5] Anche suo fratello minore Jordan[5] e il cugino Boli Bolingoli-Mbombo hanno intrapreso la stessa carriera.[5]

È stato il primo giocatore della Premier League a legarsi all'agenzia di Jay-Z, la Roc Nation Sports.[6] Nel giugno 2018 ha firmato un accordo record con la Puma, il più oneroso nella storia dell'azienda.[7]

Caratteristiche tecniche

È un centravanti molto fisico,[8][9][5] che predilige l'uso del piede sinistro[5][10] e che è abile anche nel gioco aereo.[11][9] Nonostante la stazza imponente, è dotato di buona tecnica e di buona progressione palla al piede in campo aperto.[9]

È stato paragonato a Didier Drogba, suo ex compagno di squadra al Chelsea,[12] al quale lo stesso Lukaku dice di essersi ispirato.[5]

Carriera

Club

Esordi e Anderlecht

Nato in Belgio da una famiglia congolese, nelle divisioni giovanili ha segnato 116 reti in 70 partite con il Lierse e poi 41 gol in 98 incontri con la maglia dell'Anderlecht.[13]

Appena compiuti 16 anni, nel maggio 2009, firma il suo primo contratto da professionista con l'Anderlecht fino al 2012. Il 24 maggio 2009 debutta in massima divisione belga, poi alcune settimane dopo segna la sua prima rete tra i professionisti contro lo Zulte Waregem, divenendo il più giovane marcatore di sempre della Jupiler League.[14]

Nella stagione 2009-2010 entra stabilmente nella prima squadra dell'Anderlecht, dove scende in campo nei preliminari di UEFA Champions League persi contro l'Olympique Lione. Debutta in UEFA Europa League il 17 settembre 2009 contro la Dinamo Zagabria, fornendo l'assist del definitivo 2-0. Il 17 dicembre 2009 realizza 2 gol nella sfida di Europa League contro l'Ajax.[15] Il 29 gennaio 2010 segna la sua prima doppietta in campionato durante la trasferta vinta per 5-0 contro il Germinal Beerschot. Il 25 febbraio successivo apre le marcature nella vittoria per 4-0 contro l'Athletic Bilbao,[16] che consente ai belgi di accedere agli ottavi di finale di Europa League. Al termine della stagione vince la Jupiler League e la classifica dei marcatori del torneo con 15 reti segnate.

Nel ritorno del primo turno dei preliminari di UEFA Champions League, giocato il 3 agosto 2010 contro il The New Saints, realizza due gol. Il 10 settembre segna due gol nel successo per 2-0 contro il Sint-Truiden. Una settimana dopo segna ancora nella vittoria per 3-0 sul Kortrijk. Il 5 dicembre segna ancora nella vittoria per 2-0 contro lo Zulte Waregem. Il 19 dicembre segna anche contro il Bruges. Il 12 marzo 2011 segna il primo gol dell'anno contro l'Eupen, nella partita terminata per 1-1. L'11 maggio realizza un'altra doppietta, la terza in stagione, nel successo per 4-1 contro il Gent.

Chelsea e prestito al West Bromwich

 
Lukaku durante un riscaldamento con il Chelsea nell'agosto 2013.

Il 6 agosto 2011 passa al Chelsea per 12 milioni di euro più bonus, firmando un contratto di cinque anni e scegliendo di indossare la maglia numero 18.[17] Fa il suo esordio nella vittoria casalinga per 3-1 ai danni del Norwich City, sostituendo Fernando Torres verso la fine del secondo tempo. Per il poco spazio in squadra, viene poi aggregato alla squadra delle riserve con cui segna 7 gol in 9 partite. Il 13 maggio 2012 disputa la sua prima partita da titolare contro il Blackburn, venendo eletto Man of the Match e realizzando un assist per il gol di John Terry. Durante la stagione disputa in totale 12 partite ufficiali e vince la FA Cup, l’unico titolo che conquista nella sua esperienza complessiva con la maglia dei Blues.

L'11 agosto 2012 viene ceduto in prestito annuale al West Bromwich, dove sigla subito il primo gol stagionale nella vittoria per 3-0 contro il Liverpool alla prima di campionato. Il 12 gennaio 2013 realizza la sua prima doppietta in campionato, nella partita persa 2-3 contro il Reading. L'11 febbraio timbra il decimo centro stagionale nella gara di ritorno contro il Liverpool vinta per 2-0, mentre il 23 febbraio realizza la sua seconda doppietta stagionale contro il Sunderland nel successo per 2-1. Il 19 maggio 2013 realizza una tripletta contro il Manchester Utd (peraltro giocando solo il secondo tempo), diventando il terzo giocatore di sempre a riuscirci;[18] i suoi gol contribuiscono al 5-5 finale.[19]

Nell'estate del 2013 fa breve rientro al Chelsea. Il 30 agosto, nella Supercoppa UEFA giocata a Praga contro il Bayern Monaco e decisasi ai tiri di rigore, si fa parare il penalty decisivo da Manuel Neuer.[20]

Everton

 
Lukaku con la maglia dell'Everton in una partita di UEFA Europa League nel marzo 2015.

Il 2 settembre 2013 viene ceduto all'Everton con la formula del prestito annuale.[21] Esordisce il 21 settembre 2013 andando a segno nella vittoria esterna per 3-2 contro il West Ham Utd. Nove giorni più tardi realizza una doppietta nel debutto casalingo contro il Newcastle Utd, partita vinta per 3-2. Segna due gol anche nel suo primo derby contro il Liverpool, pareggiato per 3-3. Nel gennaio 2014 subisce un infortunio alla caviglia che lo tiene fuori fino al marzo successivo. Conclude la stagione con 15 gol in 31 presenze di Premier League, che contribuiscono al raggiungimento della quota record per l'Everton di 72 punti.

Il 30 luglio 2014 viene ufficializzato il suo trasferimento a titolo definitivo all'Everton per 28 milioni di sterline, che fanno di lui l'acquisto più costoso della storia del club.[22] Il giocatore firma un contratto quinquennale scegliendo di indossare la maglia numero 10.[23] Il 13 settembre 2014 segna il primo gol della nuova stagione contro la sua ex squadra, il West Bromwich. Il 19 febbraio 2015 realizza la prima tripletta con la maglia dell'Everton in occasione della vittoria per 4-1 contro lo Young Boys ai sedicesimi di UEFA Europa League. Chiude il torneo con 8 reti, laureandosi capocannoniere a pari merito con Alan.

Il 15 agosto 2015, nella seconda gara di Premier League, segna due reti nella vittoria esterna per 3-0 contro il Southampton. Il 21 novembre, grazie alla doppietta nella vittoria per 4-0 sull'Aston Villa, diventa il quinto giocatore sotto i 23 anni a segnare 50 gol in Premier League, dopo Robbie Fowler, Michael Owen, Wayne Rooney e Cristiano Ronaldo.[24] Il 12 dicembre, andando a segno nell'1-1 con il Norwich City, diventa il primo giocatore dell'Everton a segnare per sei gare consecutive di Premier League e il primo a farlo per sette gare in tutte le competizioni dopo Bob Latchford. Nella gara successiva, la sconfitta per 2-3 contro il Leicester City, va a segno per l'ottava gara. Il 1º marzo 2016, realizando un gol nella vittoria per 3-1 in trasferta contro l'Aston Villa, stabilisce il nuovo primato di reti (17) per un giocatore dei Toffees in Premier League.

Il 12 settembre 2016 realizza una tripletta nel 3-0 contro il Sunderland in 11 minuti e 37 secondi, la dodicesima più veloce nella storia della Premier League. Il 4 febbraio 2017, nella vittoria per 6-3 contro il Bournemouth, mette a segno quattro gol, il primo dei quali diventa il gol più veloce dell'Everton in Premier League. Il 25 febbraio, realizzando un gol nella vittoria per 2-0 contro il Sunderland, raggiunge Duncan Ferguson a quota 60 reti in testa alla classifica dei migliori marcatori dell'Everton in Premier League. Il 5 marzo, andando a segno nella sconfitta per 2-3 contro il Tottenham, supera Ferguson e stabilisce il nuovo primato. Due turni dopo, grazie alla doppietta nel 4-0 contro l'Hull City, diventa il primo calciatore dell'Everton a segnare almeno 20 gol in singola stagione di campionato dopo Gary Lineker; inoltre, diventa il quarto giocatore e il primo straniero a segnare 80 gol in Premier League prima dei 24 anni. Il 15 aprile, nella vittoria per 3-1 contro il Burnley, eguaglia Dixie Dean riuscendo ad andare in gol per nove partite interne consecutive. A fine stagione, viene incluso nella Squadra dell'anno della PFA per la prima volta.

Manchester United

 
Lukaku in azione con il Manchester Utd in una gara di UEFA Champions League nel settembre 2017.

L'8 luglio 2017 il Manchester United comunica di aver raggiunto un accordo per il suo trasferimento[25], che viene formalizzato due giorni dopo; il giocatore belga firma un contratto quinquennale con opzione per un ulteriore anno.[26] L'accordo tra i due club viene raggiunto sulla base di un corrispettivo fisso di 75 milioni di sterline (pari a circa 85 milioni di euro) più altri bonus legati al rendimento del calciatore e quantificabili in 15 milioni di sterline.[27][28]

Esordisce l'8 agosto nella finale di Supercoppa UEFA giocata a Skopje contro il Real Madrid e persa per 1-2, nonostante il suo primo gol ufficiale con la nuova maglia. Il 13 agosto debutta in Premier League, realizzando una doppietta nella vittoria casalinga per 4-0 contro il West Ham Utd. Il 27 settembre realizza due gol nel successo per 4-1 contro il CSKA Mosca in UEFA Champions League, diventando il primo giocatore del Manchester United a segnare 10 gol nelle sue prime 9 presenze ufficiali (record in precedenza appartenente a Bobby Charlton, con 9 gol nelle prime 9 partite). Il 31 marzo 2018 diventa il più giovane a raggiungere il traguardo delle 100 reti segnate in Premier League nel successo per 2-0 sullo Swansea City.[5][29][30]

Inizia la stagione 2018-2019 segnando 4 gol nelle prime 5 presenze. Con l'arrivo in panchina di Ole Gunnar Solskjær in sostituzione dell'esonerato José Mourinho, gli viene spesso preferito Marcus Rashford nella formazione iniziale della squadra. Il 6 marzo 2019, nella gara di ritorno dei quarti di finale di UEFA Champions League contro il Paris Saint-Germain al Parco dei Principi, segna una doppietta nel 3-1 finale che consente al Manchester United di superare il turno dopo lo 0-2 subito all'andata ad Old Trafford.

Inter

L'8 agosto 2019 viene acquistato dall'Inter[31] per 65 milioni di euro più 10 milioni di bonus,[32] che lo rendono il giocatore più costoso nella storia del club nerazzurro.[33] Sceglie di indossare la maglia numero 9, appartenuta in precedenza a Mauro Icardi.[34]

Nazionale

 
Lukaku durante la gara contro la Tunisia del Mondiale 2018.

Ha fatto parte della nazionale Under-21 belga, con la quale ha segnato la sua prima rete l'8 settembre 2009 contro i pari età della Slovenia.

Il 24 febbraio, a 16 anni e 287 giorni, viene convocato dalla nazionale maggiore di Dick Advocaat per giocare l'amichevole contro la Croazia, con cui esordisce il 3 marzo 2010 (venendo sostituito al 77').[35] Il 17 novembre 2010 segna i suoi primi due gol con la maglia dei Diavoli Rossi nell'amichevole giocata e vinta per 2-0 contro la Russia. Convocato per il campionato del mondo 2014 in Brasile, Lukaku va a segno per la prima volta nell'ottavo di finale contro gli Stati Uniti, vinto per 2-1 grazie al suo gol decisivo nel corso dei tempi supplementari.[36] La squadra viene eliminata al turno successivo dall'Argentina.

Chiamato per il campionato d'Europa 2016 in Francia, mette a segno due gol, entrambi nella partita giocata il 18 giugno 2016 e vinta per 3-0 contro l'Irlanda. Il cammino del Belgio nella rassegna continentale si interrompe ai quarti di finale, dopo la sconfitta per 1-3 contro il Galles.

Il 31 agosto 2017 realizza la sua prima tripletta in nazionale nella vittoria per 9-0 contro Gibilterra. Il 10 novembre dello stesso anno, andando a segno per due volte nell'amichevole pareggiata per 3-3 contro il Messico a Bruxelles, diventa il miglior marcatore nella storia della nazionale belga con 30 reti a pari merito con Bernard Voorhoof e Paul Van Himst. Quattro giorni più tardi, segnando il gol decisivo nella vittoria contro il Giappone per 1-0, stabilisce il nuovo primato.

Convocato per il campionato del mondo 2018, il 18 giugno 2018 realizza una doppietta nella partita contro Panama, ripetendosi cinque giorni più tardi contro la Tunisia: Lukaku diventa il primo giocatore, dopo Diego Maradona nel 1986, a segnare due o più gol in due partite consecutive del Mondiale. Inoltre, con cinque gol realizzati, raggiunge Wilmots nella classifica dei giocatori belgi con più gol al Mondiale.[37] Al termine della competizione, che vede il Belgio arrivare terzo, ottiene la scarpa di bronzo.

Statistiche

Presenze e reti nei club

Statistiche aggiornate all'8 agosto 2019.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2008-2009   Anderlecht D1 1[38] 0 CB - - UCL - - SB - - 1 0
2009-2010 D1 25+8[39] 15+0 CB 1 0 UCL+UEL 1[40]+10 0+4 - - - 45 19
2010-2011 D1 28+9[39] 12+4[39] CB 2 0 UCL+UEL 3[40]+8 3[40]+1 SB 0 0 50 20
lug.-ago. 2011 D1 2 2 CB - - UEL - - - - - 2 2
Totale Anderlecht 55+18[39] 29+4[39] 3 0 22 8 0 0 98 41
2011-2012   Chelsea PL 8 0 FACup+CdL 1+3 0 UCL[41] - - - - - 12 0
2012-2013   West Bromwich PL 35 17 FACup+CdL 2+1 0 - - - - - - 38 17
lug.-set. 2013   Chelsea PL 2 0 FACup+CdL - - UCL - - SU 1 0 3 0
Totale Chelsea 10 0 4 0 - - 1 0 15 0
set. 2013-2014   Everton PL 31 15 FACup+CdL 1+1 1+0 - - - - - 33 16
2014-2015 PL 36 10 FACup+CdL 2+1 2+0 UEL 9 8 - - - 48 20
2015-2016 PL 37 18 FACup+CdL 3+6 3+4 - - - - - - 46 25
2016-2017 PL 37 25 FACup+CdL 1+1 1+0 - - - - - - 39 26
Totale Everton 141 68 16 11 9 8 - - 166 87
2017-2018   Manchester Utd PL 34 16 FACup+CdL 6+2 5+0 UCL 8 5 SU 1 1 51 27
2018-2019 PL 32 12 FACup+CdL 3+1 1+0 UCL 9 2 - - - 45 15
Totale Manchester United 66 28 12 6 17 7 1 1 96 42
2019-2020   Inter A 0 0 CI 0 0 UCL 0 0 - - - 0 0
Totale carriera 325 146 38 17 48 23 2 1 413 187

Cronologia presenze e reti in nazionale

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Belgio
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
3-3-2010 Bruxelles Belgio   0 – 1   Croazia Amichevole -   77’
19-5-2010 Bruxelles Belgio   2 – 1   Bulgaria Amichevole -   65’
11-8-2010 Turku Finlandia   1 – 0   Belgio Amichevole -   66’
3-9-2010 Bruxelles Belgio   0 – 1   Germania Qual. Euro 2012 -   73’
7-9-2010 Istanbul Turchia   3 – 2   Belgio Qual. Euro 2012 -   76’
8-10-2010 Astana Kazakistan   0 – 2   Belgio Qual. Euro 2012 -   46’
12-10-2010 Bruxelles Belgio   4 – 4   Austria Qual. Euro 2012 -   73’
17-11-2010 Voronež Russia   0 – 2   Belgio Amichevole 2   75’
9-2-2011 Gand Belgio   1 – 1   Finlandia Amichevole -   82’
10-8-2011 Lubiana Slovenia   0 – 0   Belgio Amichevole -   58’
2-9-2011 Baku Azerbaigian   1 – 1   Belgio Qual. Euro 2012 -   61’
6-9-2011 Bruxelles Belgio   1 – 0   Stati Uniti Amichevole -   63’
11-10-2011 Düsseldorf Germania   3 – 1   Belgio Qual. Euro 2012 -   46’
29-2-2012 Candia Grecia   1 – 1   Belgio Amichevole -   46’
2-6-2012 Londra Inghilterra   1 – 0   Belgio Amichevole -   72’
15-8-2012 Bruxelles Belgio   4 – 2   Paesi Bassi Amichevole 1   63’
7-9-2012 Cardiff Galles   0 – 2   Belgio Qual. Mondiali 2014 -   46’
14-11-2012 Bucarest Romania   2 – 1   Belgio Amichevole -   57’
6-2-2013 Bruges Belgio   2 – 1   Slovacchia Amichevole -   46’
29-5-2013 Cleveland Stati Uniti   2 – 4   Belgio Amichevole -   84’
7-6-2013 Bruxelles Belgio   2 – 1   Serbia Qual. Mondiali 2014 -   82’
14-8-2013 Bruxelles Belgio   0 – 0   Francia Amichevole -   60’
11-10-2013 Zagabria Croazia   1 – 2   Belgio Qual. Mondiali 2014 2   69’
15-10-2013 Bruxelles Belgio   1 – 1   Galles Qual. Mondiali 2014 -
14-11-2013 Bruxelles Belgio   0 – 2   Colombia Amichevole -   58’
19-11-2013 Bruxelles Belgio   2 – 3   Giappone Amichevole -   76’
5-3-2014 Bruxelles Belgio   2 – 2   Costa d'Avorio Amichevole -   73’
26-5-2014 Genk Belgio   5 – 1   Lussemburgo Amichevole 3   61’
1-6-2014 Solna Svezia   0 – 2   Belgio Amichevole 1   74’
7-6-2014 Bruxelles Belgio   1 – 0   Tunisia Amichevole -   62’   90+2’
17-6-2014 Belo Horizonte Algeria   1 – 2   Belgio Mondiali 2014 - 1º turno -   58’
22-6-2014 Rio de Janeiro Belgio   1 – 0   Russia Mondiali 2014 - 1º turno -   57’
1-7-2014 Salvador Stati Uniti   1 – 2 dts   Belgio Mondiali 2014 - Ottavi di finale 1   90+1’
5-7-2014 Brasilia Argentina   1 – 0   Belgio Mondiali 2014 - Quarti di finale -   59’
10-10-2014 Bruxelles Belgio   6 – 0   Andorra Qual. Euro 2016 -   66’
13-10-2014 Zenica Bosnia ed Erzegovina   1 – 1   Belgio Qual. Euro 2016 -   57’
12-11-2014 Bruxelles Belgio   3 – 1   Islanda Amichevole 1   46’
7-6-2015 Saint-Denis Francia   3 – 4   Belgio Amichevole -   59’
12-6-2015 Cardiff Galles   1 – 0   Belgio Qual. Euro 2016 -   46’
3-9-2015 Bruxelles Belgio   3 – 1   Bosnia ed Erzegovina Qual. Euro 2016 -   82’
13-10-2015 Bruxelles Belgio   3 – 1   Israele Qual. Euro 2016 -   65’
13-11-2015 Bruxelles Belgio   3 – 1   Italia Amichevole -   63’
29-3-2016 Leiria Portogallo   2 – 1   Belgio Amichevole 1
28-5-2016 Ginevra Svizzera   1 – 2   Belgio Amichevole 1   58’
1-6-2016 Bruxelles Belgio   1 – 1   Finlandia Amichevole 1   79’
5-6-2016 Bruxelles Belgio   3 – 2   Norvegia Amichevole 1
13-6-2016 Lione Belgio   0 – 2   Italia Euro 2016 - 1º turno -   73’
18-6-2016 Bordeaux Belgio   3 – 0   Irlanda Euro 2016 - 1º turno 2   83’
22-6-2016 Nizza Svezia   0 – 1   Belgio Euro 2016 - 1º turno -   87’
26-6-2016 Tolosa Ungheria   0 – 4   Belgio Euro 2016 - Ottavi di finale -   76’
1-7-2016 Lilla Galles   3 – 1   Belgio Euro 2016 - Quarti di finale -   83’
1-9-2016 Bruxelles Belgio   0 – 2   Spagna Amichevole -   67’
6-9-2016 Nicosia Cipro   0 – 3   Belgio Qual. Mondiali 2018 2   73’
7-10-2016 Bruxelles Belgio   4 – 0   Bosnia ed Erzegovina Qual. Mondiali 2018 1   82’
9-11-2016 Amsterdam Paesi Bassi   1 – 1   Belgio Amichevole -   64’
13-11-2016 Bruxelles Belgio   8 – 1   Estonia Qual. Mondiali 2018 2
25-3-2017 Bruxelles Belgio   1 – 1   Grecia Qual. Mondiali 2018 1   90+5’
28-3-2017 Soči Russia   3 – 3   Belgio Amichevole -   77’
5-6-2017 Bruxelles Belgio   2 – 1   Rep. Ceca Amichevole -   46’
9-6-2017 Tallinn Estonia   0 – 2   Belgio Qual. Mondiali 2018 -
31-8-2017 Bruxelles Belgio   9 – 0   Gibilterra Qual. Mondiali 2018 3
3-9-2017 Atene Grecia   1 – 2   Belgio Qual. Mondiali 2018 1
10-10-2017 Bruxelles Belgio   4 – 0   Cipro Qual. Mondiali 2018 1
10-11-2017 Bruxelles Belgio   3 – 3   Messico Amichevole 2   88’
14-11-2017 Bruges Belgio   1 – 0   Giappone Amichevole 1   74’
27-3-2018 Bruxelles Belgio   4 – 0   Arabia Saudita Amichevole 2
2-6-2018 Bruxelles Belgio   0 – 0   Portogallo Amichevole -   46’
6-6-2018 Bruxelles Belgio   3 – 0   Egitto Amichevole 1   46’
11-6-2018 Bruxelles Belgio   4 – 1   Costa Rica Amichevole 2
18-6-2018 Soči Belgio   3 – 0   Panama Mondiali 2018 - 1º turno 2
23-6-2018 Mosca Belgio   5 – 2   Tunisia Mondiali 2018 - 1º turno 2   59’
2-7-2018 Rostov sul Don Belgio   3 – 2   Giappone Mondiali 2018 - Ottavi di finale -
6-7-2018 Kazan' Brasile   1 – 2   Belgio Mondiali 2018 - Quarti di finale -   87’
10-7-2018 San Pietroburgo Francia   1 – 0   Belgio Mondiali 2018 - Semifinale -
14-7-2018 San Pietroburgo Belgio   2 – 0   Inghilterra Mondiali 2018 - Finale 3º posto -   61’
7-9-2018 Glasgow Scozia   0 – 4   Belgio Amichevole 1   46’
11-9-2018 Reykjavík Islanda   0 – 3   Belgio UEFA Nations League 2018-2019 - 1º turno 2
12-10-2018 Bruxelles Belgio   2 – 1   Svizzera UEFA Nations League 2018-2019 - 1º turno 2
16-10-2018 Bruxelles Belgio   1 – 1   Paesi Bassi Amichevole -   46’
8-6-2019 Bruxelles Belgio   3 – 0   Kazakistan Qual. Euro 2020 1   72’
11-6-2019 Bruxelles Belgio   3 – 0   Scozia Qual. Euro 2020 2
Totale Presenze 81 Reti (1º posto) 48

Record

Assoluto

  • Primo giocatore straniero a segnare 80 in Premier League prima dei 24 anni.[42]

Everton

  • Miglior marcatore nelle competizioni UEFA per club (8 gol).[43]
  • Miglior marcatore in Premier League (68 reti).[2]
  • Miglior marcatore in una singola stagione di Premier League (25 gol, 2016-2017).[2]

Belgio

Palmarès

Club

Anderlecht: 2009-2010
Chelsea: 2011-2012

Individuale

2009-2010 (15 gol)
  • Scarpa d'ebano: 1
2011
2014-2015 (8 gol, a pari merito con Alan)
2016-2017
Russia 2018

Note

  1. ^ 73 (33) se si comprendono le presenze nei play-off.
  2. ^ a b c Romelu Lukaku, tutti i numeri della sua carriera in Premier League, su sport.sky.it, 7 agosto 2019.
  3. ^ Tutti i numeri di Romelu: solo Aguero come lui in Premier, su gazzetta.it, 7 agosto 2019.
  4. ^ a b (EN) Romelu Lukaku makes Belgian history as he scores with abysmal first touch, su The Sun, 11 novembre 2017. URL consultato il 9 agosto 2019.
  5. ^ a b c d e f g h Vincenzo D'Angelo, Nel pianeta Romelu, in La Gazzetta dello Sport, 9 agosto 2019, p. 5.
  6. ^ Romelu Lukaku, su rocnation.com, 1º marzo 2018.
  7. ^ Manchester United's Romelu Lukaku signs record Puma sponsorship deal, su espn.co.uk, 19 giugno 2018.
  8. ^ (EN) Europe's top youngsters and stars of the future, su theguardian.com, 19 gennaio 2014.
  9. ^ a b c Daniele Manusia, L’estate italiana di Romelu Lukaku, su ultimouomo.com, 5 agosto 2019.
  10. ^ (EN) Meet Romelu Lukaku: The Chelsea-bound Belgian starlet who idolises Didier Drogba, su goal.com. URL consultato l'8 giugno 2019.
  11. ^ Daniele Manusia, Lukaku e la tradizione della punta di peso, su vice.com, 7 ottobre 2013.
  12. ^ Man Utd's Romelu Lukaku can be better than Chelsea icon Didier Drogba, su dailymail.co.uk, 17 settembre 2017.
  13. ^ (EN) Meet Romelu Lukaku: The Chelsea-bound Belgian starlet who idolises Didier Drogba, su goal.com, 17 gennaio 2011.
  14. ^ Romelu Lukaku, il nuovo carro armato nerazzurro, su gianlucadimarzio.com, 8 agosto 2019.
  15. ^ Ajax 1-3 Anderlecht, su it.soccerway.com, 17 dicembre 2009. URL consultato il 2 luglio 2014.
  16. ^ Anderlecht-Athletic Bilbao 4-0, su it.eurosport.yahoo.com, 25 febbraio 2010.
  17. ^ (EN) Chelsea complete deal to sign Anderlecht's Romelu Lukaku, 18 agosto 2011. URL consultato il 9 agosto 2019.
  18. ^ Ferguson chiude col brivido la sua era allo United, il WBA rimonta 3 goal ai Red Devils, su goal.com, 19 maggio 2013. URL consultato l'8 luglio 2013.
  19. ^ (EN) West Bromwich Albion 5 Manchester United 5: match report, su telegraph.co.uk, 19 maggio 2013. URL consultato l'8 luglio 2013.
  20. ^ Supercoppa Europea: vince il Bayern, battuto il Chelsea ai rigori, su sportmediaset.mediaset.it, 30 agosto 2013. URL consultato il 19 dicembre 2017.
  21. ^ Transfer deadline day: Everton sign James McCarthy and Romelu Lukaku, Lukaku scored on his debut after replacing Steven Naismith at half time, su www1.skysports.com, 3 settembre 2013.
  22. ^ Romelu Lukaku: Everton sign Chelsea striker, su bbc.com, 30 luglio 2014.
  23. ^ (EN) Lukaku Becomes Club Record Signing, su evertonfc.com, 30 luglio 2014.
  24. ^ Premier: il Leicester di Ranieri è in vetta, riscatto Mourinho, cade Wenger, su gazzetta.it, 21 novembre 2015. URL consultato il 21 novembre 2015.
  25. ^ (EN) United agree fee with Everton for Lukaku, su manutd.com, 8 luglio 2017. URL consultato l'8 luglio 2017.
  26. ^ (EN) United sign Romelu Lukaku, su manutd.com, 10 luglio 2017. URL consultato il 10 luglio 2017.
  27. ^ (EN) Romelu Lukaku: Man Utd sign Everton striker for initial £75m on five year deal, su bbc.com, 10 luglio 2017.
  28. ^ (EN) Romelu Lukaku completes Manchester United move in deal that could reach world record £90m, su telegraph.co.uk, 10 luglio 2017.
  29. ^ (EN) Romelu Lukaku's 100 Premier League goals in stats, su Sky Sports. URL consultato il 9 agosto 2019.
  30. ^ (EN) Lukaku joins the 100 Club at record age, su www.premierleague.com. URL consultato il 9 agosto 2019.
  31. ^ Romelu Lukaku è un nuovo giocatore dell'Inter, su inter.it, 8 agosto 2019.
  32. ^ Colpo Inter, preso Lukaku: ecco le cifre dell'accordo. Oggi le visite mediche, su gazzetta.it, 7 agosto 2019.
  33. ^ Andrea Ramazzotti, Lukaku all'Inter, è ufficiale: prima la firma e poi l'allenamento, su corrieredellosport.it, 8 agosto 2019.
  34. ^ Inter, a Lukaku la maglia numero 9 di Icardi, su sport.sky.it, 9 agosto 2019.
  35. ^ Il Bazar del Pallone - Tempo di esordi, non solo Bonucci e Cossu, su it.eurosport.yahoo.com, 3 marzo 2010.
  36. ^ Mondiali, Belgio-Usa 2-1: decidono De Bruyne e Lukaku ai supplementari, Green accorcia, su gazzetta.it, 2 luglio 2014. URL consultato il 2 luglio 2014.
  37. ^ Belgio-Tunisia 5-2: diavoli rossi agli ottavi di finale, su onefootball.com. URL consultato il 9 agosto 2019.
  38. ^ Nello spareggio scudetto.
  39. ^ a b c d e Nei Play-off Scudetto.
  40. ^ a b c Nei turni preliminari.
  41. ^ Non inserito in lista UEFA.
  42. ^ Premier League statistics: Arsenal, Mahrez, Vardy, Lukaku, Deeney, su bbc.com, 19 marzo 2017.
  43. ^ Everton FC, su it.uefa.com. URL consultato il 16 agosto 2019.

Altri progetti

Collegamenti esterni