Christian Eriksen

calciatore danese
Christian Eriksen
EriksenTottenham2016(cropped) 2.jpg
Eriksen con il Tottenham nel 2016
Nazionalità Danimarca Danimarca
Altezza 182 cm
Peso 67 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Squadra Inter
Carriera
Giovanili
1995-2005Middelfart
2005-2008Odense
2008-2010Ajax
Squadre di club1
2009-2013Ajax113 (25)
2013-2020Tottenham226 (51)
2020-Inter43 (4)
Nazionale
2007-2009Danimarca Danimarca U-1727 (9)
2009Danimarca Danimarca U-185 (1)
2009Danimarca Danimarca U-193 (1)
2011Danimarca Danimarca U-213 (1)
2010-Danimarca Danimarca109 (36)
Palmarès
UEFA European Cup.svg Europei di calcio
Bronzo Europa 2020
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 6 luglio 2021

Christian Dannemann Eriksen (Middelfart, 14 febbraio 1992) è un calciatore danese, centrocampista dell'Inter e della nazionale danese.

Considerato uno dei più forti giocatori della storia del calcio danese nonché uno dei migliori centrocampisti della sua generazione,[1][2] si è formato ed affermato nell'Ajax, con cui ha vinto tre campionati olandesi consecutivi (2010-11, 2011-12 e 2012-13), una Coppa dei Paesi Bassi (2009-10) e una Supercoppa dei Paesi Bassi (2013). Nel 2013 è passato al Tottenham, con cui ha raggiunto una finale di UEFA Champions League (2019). Dal 2020 milita nell'Inter, con cui ha vinto un campionato italiano (2020-21) e raggiunto una finale di UEFA Europa League (2020).

Con la nazionale danese ha partecipato a due Mondiali (2010 e 2018) e a due Europei (2012 e 2020).

A livello individuale è stato premiato per quattro volte come Calciatore danese dell'anno (2013, 2014, 2015, 2018), record condiviso con Brian Laudrup.

BiografiaModifica

È cugino di Mathias e Andreas, anch'essi calciatori.[3][4] È fidanzato con Sabrina Kvist Jensen, dalla quale ha avuto due figli.[5]

Caratteristiche tecnicheModifica

È un trequartista centrale ma all'occorrenza, essendo duttile tatticamente, può essere schierato anche come mezzala in un 4-3-3 (ruolo che ha interpretato nella prima parte della carriera all'Ajax) o defilato sull'esterno in un 4-2-3-1.[6][7] Abilissimo tecnicamente e nel calciare con entrambi i piedi, è dotato di una classe sopraffina e un'egregia visione di gioco. Queste qualità gli permettono di giostrare al meglio l'azione sul fronte offensivo e di essere un eccellente fornitore di assist.[2][6][7][8] È uno specialista dei calci piazzati, in cui mostra una buona potenza nel tiro.[8][9][10]

Date le caratteristiche, è stato paragonato a Wesley Sneijder e a Rafael van der Vaart, oltre che ad uno dei più forti calciatori danesi di ogni epoca, Michael Laudrup.[6][11]

CarrieraModifica

ClubModifica

Esordi tra Middelfart e OdenseModifica

Eriksen muove i primi passi nelle giovanili del Middelfart, la squadra della sua città, dove viene allenato dal padre Thomas.[1][2] A 13 anni passa all'Odense, mettendosi in mostra come uno dei giocatori danesi più promettenti della sua generazione e venendo convocato nelle diverse nazionali giovanili.[1][2]

AjaxModifica

2008-2010: giovanili ed esordio in prima squadraModifica

Su indicazione dell'osservatore John Steen Olsen[12], nel 2008 ad aggiudicarselo è l'Ajax, che versa un milione di euro all'Odense per aggregarlo nel proprio settore giovanile.[13] Nello stesso anno viene nominato miglior talento danese Under-17.

All'inizio del 2010 viene promosso in prima squadra, scegliendo di vestire la maglia numero 51.[11] Il 17 gennaio 2010 l'allenatore dell'Ajax Martin Jol lo fa esordire in Eredivisie contro il NAC Breda.[11] Il 18 febbraio fa il suo esordio anche in Europa League, in occasione dei sedicesimi di finale contro la Juventus, giocando sia all'andata che al ritorno.[11] Il 25 marzo segna il suo primo gol nella partita di Coppa dei Paesi Bassi vinta per 6-0 contro il Go Ahead Eagles. Gioca anche la finale di ritorno del torneo che i Lancieri vincono contro il Feyenoord, aggiudicandosi così il primo trofeo della sua carriera. Nella sua prima stagione colleziona 21 presenze e un gol.

Il livello delle prestazioni offerte spinge Jol a paragonarlo ai due campioni olandesi Wesley Sneijder e Rafael van der Vaart e alla leggenda danese Michael Laudrup.[11]

2010-2013: l'affermazioneModifica
 
Eriksen con l'Ajax in una partita di Europa League contro lo Spartak Mosca nel 2011.

Nella stagione 2010-2011 viene aggregato stabilmente in prima squadra e veste la maglia numero 8.[14] Il 17 febbraio 2011 segna il suo primo gol nelle competizioni UEFA per club nella partita di Europa League contro l'Anderlecht. Il 15 maggio vince l'Eredivisie, battendo nello scontro diretto per 3-1 il Twente. Conclude la stagione con 47 presenze e 8 reti.

Il 30 luglio 2011 gioca da titolare la Supercoppa dei Paesi Bassi contro il Twente, perdendola 1-2. Il 18 ottobre successivo segna il suo primo gol in Champions League nella vittoria esterna per 2-0 contro la Dinamo Zagabria. Il 23 febbraio 2012, ad appena vent'anni compiuti, gioca la sua centesima partita con l'Ajax, in occasione della vittoria esterna per 2-1 contro il Manchester Utd, valida per il ritorno dei sedicesimi di Europa League. Il 2 maggio seguente vince la sua seconda Eredivisie consecutiva con l'Ajax. Conclude la stagione con 44 presenze, impreziosite da 8 gol e 22 assist.

Nella stagione seguente, colleziona la centesima presenza in Eredivisie, in occasione della vittoria per 2-0 contro il Twente del 2 marzo 2013. Il 5 maggio vince la sua terza Eredivisie consecutiva con la maglia dei Lancieri. Conclude la sua miglior stagione a livello personale con 45 presenze totali e 13 gol.

Il 27 luglio 2013 gioca la Supercoppa dei Paesi Bassi contro l'AZ Alkmaar, vincendola per 3-2. Disputa 4 partite in Eredivisie, prima di lasciare il club di Amsterdam dopo 162 presenze, 32 gol e 66 assist in tutte le competizioni.

Tottenham HotspurModifica

2013-2016Modifica
 
Eriksen con il Tottenham in un derby contro l'Arsenal nel 2014.

Il 31 agosto 2013 viene acquistato dal Tottenham per 13,5 milioni di euro,[15] scegliendo di vestire la maglia numero 23. Il 14 settembre successivo fa il suo debutto in Premier League nella vittoria esterna per 2-0 contro il Norwich City. Cinque giorni dopo realizza una rete in Europa League nella partita vinta per 3-0 contro il Tromsø e si ripete su punizione contro il West Bromwich (1-1) alla diciottesima giornata di campionato. L'11 novembre vince il premio come calciatore danese dell'anno.[16] Il 1º gennaio 2014 realizza una rete contro il Manchester Utd, nella partita terminata per 2-1 in favore degli Spurs.[17] Chiude l'annata 2013-2014 con 36 presenze, 10 gol e 12 assist totali, venendo nominato miglior giocatore della stagione dai fans del Tottenham.[18]

Il primo gol della stagione 2014-2015 arriva alla quarta giornata di campionato contro il Sunderland. Segna poi, alla settima giornata, il gol che decide la partita contro il Southampton, finita 1-0 a favore degli Spurs.[19] Il 10 gennaio 2015 viene nominato calciatore danese dell'anno per la seconda volta consecutiva.[20] Il 28 gennaio sigla una doppietta ai danni dello Sheffield Utd nel ritorno della semifinale di League Cup, partita finita 2-2.[21] Il Tottenham passa lo stesso grazie all'1-0 dell'andata ma in finale perde 2-0 contro il Chelsea. Alla fine della stagione gli Spurs arrivano quinti in campionato, qualificandosi per l'Europa League, ed Eriksen chiude con 48 presenze, 12 gol e 5 assist totali.

Il 4 ottobre, nella partita pareggiata 2-2 in casa dello Swansea City, arrivano i suoi primi due gol della stagione 2015-2016, entrambi realizzati su punizione.[22] L'11 gennaio 2016 viene nominato nuovamente calciatore danese dell'anno, diventando il primo ad ottenere questo premio per tre volte consecutive.[23][24] Il 16 gennaio segna una doppietta ai danni del Sunderland, nella vittoria casalinga degli Spurs per 4-1.[25] Il 14 febbraio mette a segno il gol che regala la vittoria per 1-2 del Tottenham in casa del Manchester City.[26] Il danese conclude la stagione con 8 reti e 16 assist complessivi, aiutando così gli Spurs a centrare il terzo posto in campionato e la qualificazione diretta per la successiva edizione della Champions League.

2016-2020Modifica
 
Eriksen con il Tottenham in una partita di Champions League contro il CSKA Mosca nel 2016.

Segna i suoi primi due gol della stagione 2016-2017 il 21 settembre, nella partita di League Cup contro il Gillingham, finita 5-0 per gli Spurs.[27] Nello stesso match indossa per la prima volta la fascia di capitano.[28] Il 26 novembre trova il primo gol in campionato nel match contro il Chelsea, ma non basta al Tottenham per evitare il 2-1 finale in favore dei Blues.[29] Il 3 dicembre mette a segno altri due gol in campionato ai danni dello Swansea City nel match finito 5-0 per il Tottenham.[30] Si ripete il 14 dicembre nella vittoria contro l'Hull City, realizzando due reti nel complessivo 3-0.[31] Chiude la stagione con 12 gol complessivi e 23 assist e viene nominato per la seconda volta miglior giocatore della stagione dai tifosi del Tottenham.[32]

La prima marcatura della stagione 2017-2018 arriva alla quarta giornata di Premier League, nella vittoria per 3-0 sul campo dell'Everton. Segna un altro gol alla sesta giornata contro il West Ham Utd, risultando decisivo nella vittoria per 3-2 degli Spurs e diventando così il miglior marcatore danese della storia della Premier con 33 reti totali.[33] Il 1º novembre mette a segno la prima rete in Champions League con la maglia degli Spurs nella vittoria casalinga per 3-1 ai danni del Real Madrid.[34] Il 9 dicembre colleziona la duecentesima presenza con il Tottenham nella vittoria per 5-1 contro lo Stoke City, andando anche in gol.[35][36] Il 31 gennaio 2018 segna il suo cinquantesimo con gli Spurs, realizzando una rete nel 2-0 contro il Manchester Utd dopo 10,5 secondi.[37][38] A fine stagione viene incluso nella Squadra dell'anno della PFA.

Va a segno per la prima volta nella stagione 2018-2019 nella sconfitta per 1-2 in Champions League contro l'Inter;[39] la seconda marcatura nel torneo la realizza ancora contro l'Inter, nella vittoria per 1-0.[40] Il primo gol in Premier League arriva il 15 dicembre 2018 contro il Burnley, partita vinta 1-0.[41] Il 31 marzo 2019, nella sconfitta per 1-2 contro il Liverpool, diventa il primo giocatore dopo David Beckham a fornire almeno 10 assist in quattro stagioni consecutive di Premier League.[42][43] Tre giorni dopo, in occasione della sua duecentesima apparizione in Premier League, segna un gol nel 2-0 al Crystal Palace.[43] Nel corso della stagione ottiene anche il quarto titolo di calciatore danese dell'anno. Il 1º giugno 2019 gioca da titolare la finale di Champions League, nella quale il Tottenham viene battuto per 2-0 dal Liverpool allo Stadio Wanda Metropolitano di Madrid.

Nella stagione 2019-2020, caratterizzata da un rendimento personale e di squadra al di sotto delle aspettative,[44] totalizza 28 presenze e 3 gol, prima della scelta di lasciare il Tottenham dopo 7 anni. Chiude la sua esperienza con i londinesi con 305 partite giocate e 69 reti segnate in tutte le competizioni.[45]

InterModifica

Il 28 gennaio 2020 viene acquistato dall'Inter per 27 milioni di euro, firmando un contratto valido fino al 30 giugno 2024.[46][47] Sceglie di indossare la maglia numero 24.[48] Esordisce da subentrante il giorno successivo in Coppa Italia, nella vittoria per 2-1 contro la Fiorentina.[49] In campionato debutta da titolare il 2 febbraio nella vittoria esterna per 2-0 contro l'Udinese.[50] Il 20 febbraio mette a segno il primo gol con la maglia nerazzurra nell'andata dei sedicesimi di finale di Europa League contro il Ludogorec (2-0).[51] Il 13 giugno segna, direttamente da calcio d'angolo (l'ultimo giocatore interista a riuscirci era stato Recoba nel 2007),[52] il suo primo gol in Coppa Italia nel corso della semifinale di ritorno contro il Napoli (1-1).[53] Il 1º luglio invece realizza la sua prima rete in Serie A nel successo per 6-0 contro il Brescia.[54] Nella finale di Europa League disputata il 21 agosto e persa dall'Inter per 3-2 contro Siviglia, viene mandato in campo al 78º minuto. In stagione ha comunque delle difficoltà ad adattarsi al modulo dell'allenatore Antonio Conte,[55][56] che lo utilizza per lo più come riserva.[57]

Nella stagione successiva Eriksen continua a trovare poco spazio nell'undici titolare di Conte,[58] tanto da essere inserito nella lista dei cedibili.[59] Rimasto a Milano e arretrato nel ruolo di regista davanti alla difesa,[60] il 26 gennaio 2021 decide il derby contro il Milan, valido per i quarti di finale di Coppa Italia in gara unica, con un calcio di punizione nei minuti di recupero del secondo tempo, che fissa il risultato sul 2-1.[61] Nelle settimane successive il danese guadagna sempre di più la fiducia del tecnico, venendo impiegato da titolare anche come mezzala,[62] tornando poi a segnare in Serie A[63] il 18 aprile siglando la rete del definitivo 1-1 contro il Napoli.[64] Si ripete due settimane più tardi, il primo maggio, quando segna da subentrato nella vittoria esterna per 2-0 contro il Crotone,[65] gol che risulterà decisivo per la conquista dello scudetto con quattro giornate d'anticipo concludendo, poi, il campionato con una rete su punizione contro l'Udinese.[66] In tutto sono 4 i gol segnati in 34 partite. La sua rete contro il Milan in Coppa Italia è stata votata come la migliore dell'anno dai tifosi interisti.[67]

NazionaleModifica

 
Eriksen con la Danimarca in una partita degli Europei contro i Paesi Bassi nel 2012.

Dopo aver fatto parte di tutte le selezioni giovanili danesi, dall'Under-17 all'Under-21, il 3 marzo 2010 esordisce con la nazionale maggiore contro l'Austria, diventando il terzo esordiente più giovane della storia della nazionale danese dopo Harald Nielsen e Michael Laudrup.[11] Viene convocato da Morten Olsen per il campionato del mondo 2010 in Sudafrica, dove gli scandinavi vengono eliminati nella fase a gironi. In questa competizione Eriksen, con i suoi 18 anni, risulta essere il giocatore più giovane.[68] Al termine della competizione si afferma come titolare della massima selezione danese,[8] con cui realizza la sua prima rete il 4 giugno 2011 nel successo per 0-2 in casa dell'Islanda nelle qualificazioni per Euro 2012,[69] diventando il più giovane marcatore nella storia della selezione danese battendo il precedente record di Michael Laudrup per 9 giorni.[69][70]

L'11 giugno 2011 debutta all'Europeo Under-21. Il 14 giugno realizza la sua prima rete nella partita vinta 2-1 contro la Bielorussia.[71]

In seguito viene convocato per il campionato d'Europa 2012,[72] dove la Danimarca si ferma alla fase a gironi.

Il 7 giugno 2016 mette a segno la sua prima tripletta con la maglia della nazionale nel match contro la Bulgaria, valevole per la Kirin Cup e finito 4-0 in favore dei danesi.[73]

Grazie anche agli 8 gol segnati da lui,[74][75] la Danimarca si qualifica per i play-off di qualificazione ai Mondiali 2018; il 14 novembre 2017, nella gara di ritorno dei play-off per il campionato del mondo 2018, contro l'Irlanda, mette a segno una tripletta, risultando decisivo nella vittoria finale per 5-1 e contribuendo così alla qualificazione degli scandinavi dopo il pareggio per 0-0 nella gara di andata.[76] Considerando questa tripletta è arrivato a quota 11 reti nelle qualificazioni ai Mondiali, che lo rendono (a pari merito con Romelu Lukaku) il terzo marcatore migliore delle qualificazioni.[75]

Viene successivamente convocato per il Mondiale,[77] durante il quale scende in campo in tutte e quattro le partite giocate dai danesi, eliminati ai rigori negli ottavi di finale dalla Croazia (nell'occasione Eriksen sbaglia il suo tiro dal dischetto).[78] Nel corso della competizione realizza una rete ai gironi contro l'Australia.[79]

Il 14 ottobre 2020 raggiunge quota 100 presenze con la selezione danese, in occasione della sfida vinta per 1-0 in casa dell'Inghilterra grazie ad un suo gol su rigore.[80]

Il 28 marzo 2021, con 105 partite giocate, supera Michael Laudrup per numero di presenze.[81]

Convocato per il campionato d'Europa 2020, posticipato all'estate 2021 a causa dello scoppio della pandemia di COVID-19,[82] al 43' della prima partita del Gruppo B del torneo, disputatasi a Copenaghen contro la Finlandia, è vittima di un arresto cardiaco,[83] accasciandosi a terra privo di sensi: dopo aver ripreso conoscenza grazie ai soccorsi prestatigli in campo dallo staff sanitario, viene trasferito in ospedale.[84][85][86] La partita viene sospesa per riprendere meno di due ore dopo, con la notizia che le sue condizioni sono stabili, e terminare con la vittoria dei finlandesi per 1-0.[87]

StatisticheModifica

Presenze e reti nei clubModifica

Statistiche aggiornate al 23 maggio 2021.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2009-2010   Ajax ED 15 0 CO 4 1 UEL 2 0 - - - 21 1
2010-2011 ED 28 6 CO 6 1 UCL+UEL 8+4 0+1 SO 1 0 47 8
2011-2012 ED 33 7 CO 2 0 UCL+UEL 6+2 1+0 SO 1 0 44 8
2012-2013 ED 33 10 CO 4 2 UCL+UEL 6+2 1+0 SO 0 0 45 13
lug.-ago. 2013 ED 4 2 CO 0 0 UCL 0 0 SO 1 0 5 2
Totale Ajax 113 25 16 4 30 3 3 0 162 32
set. 2013-2014   Tottenham PL 25 7 FACup+CdL 1+1 0 UEL 9 3 - - - 36 10
2014-2015 PL 38 10 FACup+CdL 2+4 0+2 UEL 4 0 - - - 48 12
2015-2016 PL 35 6 FACup+CdL 4+1 1+0 UEL 7 1 - - - 47 8
2016-2017 PL 36 8 FACup+CdL 3+1 1+2 UCL+UEL 6+2 0+1 - - - 48 12
2017-2018 PL 37 10 FACup+CdL 3+1 2+0 UCL 6 2 - - - 47 14
2018-2019 PL 35 8 FACup+CdL 0+4 0 UCL 12 2 - - - 51 10
2019-gen. 2020 PL 20 2 FACup+CdL 2+1 0 UCL 5 1 - - - 28 3
Totale Tottenham 226 51 28 8 51 10 - - 305 69
gen.-ago. 2020   Inter A 17 1 CI 3 1 UEL 6 2 - - - 26 4
2020-2021 A 26 3 CI 4 1 UCL 4 0 - - - 34 4
2021-2022 A 0 0 CI 0 0 UCL 0 0 SI 0 0 0 0
Totale Inter 43 4 7 2 10 2 0 0 60 8
Totale carriera 382 80 51 14 91 15 3 0 527 109

Cronologia presenze e reti in nazionaleModifica

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Danimarca
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
3-3-2010 Vienna Austria   2 – 1   Danimarca Amichevole -   57’
27-5-2010 Aalborg Danimarca   2 – 0   Senegal Amichevole -   72’
1-6-2010 Johannesburg Australia   1 – 0   Danimarca Amichevole -   46’
14-6-2010 Johannesburg Paesi Bassi   2 – 0   Danimarca Mondiali 2010 - 1º turno -   73’
24-6-2010 Rustenburg Danimarca   1 – 3   Giappone Mondiali 2010 - 1º turno -   63’
11-8-2010 Copenaghen Danimarca   2 – 2   Germania Amichevole -
7-9-2010 Copenaghen Danimarca   1 – 0   Islanda Qual. Euro 2012 -   56’
8-10-2010 Porto Portogallo   3 – 1   Danimarca Qual. Euro 2012 -   58’
12-10-2010 Copenaghen Danimarca   2 – 0   Cipro Qual. Euro 2012 -   65’
17-11-2010 Aarhus Danimarca   0 – 0   Rep. Ceca Amichevole -   76’
9-2-2011 Copenaghen Danimarca   1 – 2   Inghilterra Amichevole -
26-3-2011 Oslo Norvegia   1 – 1   Danimarca Qual. Euro 2012 -
29-3-2011 Trnava Slovacchia   1 – 2   Danimarca Amichevole -   61’
4-6-2011 Reykjavík Islanda   0 – 2   Danimarca Qual. Euro 2012 1
10-8-2011 Glasgow Scozia   2 – 1   Danimarca Amichevole 1
6-9-2011 Copenaghen Danimarca   2 – 0   Norvegia Qual. Euro 2012 -
7-10-2011 Nicosia Cipro   1 – 4   Danimarca Qual. Euro 2012 -
11-10-2011 Copenaghen Danimarca   2 – 1   Portogallo Qual. Euro 2012 -
11-11-2011 Copenaghen Danimarca   2 – 0   Svezia Amichevole -   57’
15-11-2011 Esbjerg Danimarca   2 – 1   Finlandia Amichevole -   70’
29-2-2012 Copenaghen Danimarca   0 – 2   Russia Amichevole -   67’
26-5-2012 Amburgo Danimarca   1 – 3   Brasile Amichevole -   62’
2-6-2012 Copenaghen Danimarca   2 – 0   Australia Amichevole -   46’
9-6-2012 Charkiv Paesi Bassi   0 – 1   Danimarca Euro 2012 - 1º turno -   74’
13-6-2012 Leopoli Danimarca   2 – 3   Portogallo Euro 2012 - 1º turno -
17-6-2012 Leopoli Danimarca   1 – 2   Germania Euro 2012 - 1º turno -
15-8-2012 Odense Danimarca   1 – 3   Slovacchia Amichevole -   46’
8-9-2012 Copenaghen Danimarca   0 – 0   Rep. Ceca Qual. Mondiali 2014 -
12-10-2012 Sofia Bulgaria   1 – 1   Danimarca Qual. Mondiali 2014 -   90+2’
16-10-2012 Milano Italia   3 – 1   Danimarca Qual. Mondiali 2014 -
14-11-2012 Istanbul Turchia   1 – 1   Danimarca Amichevole -
6-2-2013 Skopje Macedonia   3 – 0   Danimarca Amichevole -   53’
22-3-2013 Olomouc Rep. Ceca   0 – 3   Danimarca Qual. Mondiali 2014 -
26-3-2013 Copenaghen Danimarca   1 – 1   Bulgaria Qual. Mondiali 2014 -
5-6-2013 Aalborg Danimarca   2 – 1   Georgia Amichevole 1
11-6-2013 Copenaghen Danimarca   0 – 4   Armenia Qual. Mondiali 2014 -
14-8-2013 Danzica Polonia   3 – 2   Danimarca Amichevole 1
6-9-2013 Ta' Qali Malta   1 – 2   Danimarca Qual. Mondiali 2014 -
10-9-2013 Erevan Armenia   0 – 1   Danimarca Qual. Mondiali 2014 -
11-10-2013 Copenaghen Danimarca   2 – 2   Italia Qual. Mondiali 2014 -
15-10-2013 Copenaghen Danimarca   6 – 0   Malta Qual. Mondiali 2014 -   53’
15-11-2013 Herning Danimarca   2 – 1   Norvegia Amichevole -   41’
22-5-2014 Debrecen Ungheria   2 – 2   Danimarca Amichevole 1
28-5-2014 Copenaghen Danimarca   1 – 0   Svezia Amichevole -   51’
3-9-2014 Odense Danimarca   1 – 2   Turchia Amichevole -   46’
7-9-2014 Copenaghen Danimarca   2 – 1   Armenia Qual. Euro 2016 -
11-10-2014 Elbasan Albania   1 – 1   Danimarca Qual. Euro 2016 -
14-10-2014 Copenaghen Danimarca   0 – 1   Portogallo Qual. Euro 2016 -   84’
14-11-2014 Belgrado Serbia   1 – 3   Danimarca Qual. Euro 2016 -
25-3-2015 Aarhus Danimarca   3 – 2   Stati Uniti Amichevole - cap.   46’
29-3-2015 Saint-Étienne Francia   2 – 0   Danimarca Amichevole -   83’
8-6-2015 Viborg Danimarca   2 – 1   Montenegro Amichevole 1   81’
13-6-2015 Copenaghen Danimarca   2 – 0   Serbia Qual. Euro 2016 -
8-10-2015 Braga Portogallo   1 – 0   Danimarca Qual. Euro 2016 -   43’   82’
11-10-2015 Copenaghen Danimarca   1 – 2   Francia Amichevole -   61’
14-11-2015 Solna Svezia   2 – 1   Danimarca Qual. Euro 2016 -
17-11-2015 Copenaghen Danimarca   2 – 2   Svezia Qual. Euro 2016 -
24-3-2016 Herning Danimarca   2 – 1   Islanda Amichevole -   62’
29-3-2016 Glasgow Scozia   1 – 0   Danimarca Amichevole -   81’
3-6-2016 Toyota Bosnia ed Erzegovina   2 – 2
(4 – 3 dtr)
  Danimarca Kirin Cup -
7-6-2016 Suita Danimarca   4 – 0   Bulgaria Kirin Cup 3   86’
31-8-2016 Horsens Danimarca   5 – 0   Liechtenstein Amichevole -
4-9-2016 Copenaghen Danimarca   1 – 0   Armenia Qual. Mondiali 2018 1
8-10-2016 Varsavia Polonia   3 – 2   Danimarca Qual. Mondiali 2018 -   62’
11-10-2016 Copenaghen Danimarca   0 – 1   Montenegro Qual. Mondiali 2018 -
11-11-2016 Copenaghen Danimarca   4 – 1   Kazakistan Qual. Mondiali 2018 2
26-3-2017 Cluj-Napoca Romania   0 – 0   Danimarca Qual. Mondiali 2018 -
6-6-2017 Brøndby Danimarca   1 – 1   Germania Amichevole 1 cap.   65’
10-6-2017 Astana Kazakistan   1 – 3   Danimarca Qual. Mondiali 2018 1
1-9-2017 Copenaghen Danimarca   4 – 0   Polonia Qual. Mondiali 2018 1
4-9-2017 Erevan Armenia   1 – 4   Danimarca Qual. Mondiali 2018 1
5-10-2017 Podgorica Montenegro   0 – 1   Danimarca Qual. Mondiali 2018 1
8-10-2017 Copenaghen Danimarca   1 – 1   Romania Qual. Mondiali 2018 1
11-11-2017 Copenaghen Danimarca   0 – 0   Irlanda Qual. Mondiali 2018 -
14-11-2017 Dublino Irlanda   1 – 5   Danimarca Qual. Mondiali 2018 3
22-3-2018 Brøndby Danimarca   1 – 0   Panama Amichevole -   64’
27-3-2018 Aalborg Danimarca   0 – 0   Cile Amichevole -   64’
9-6-2018 Brøndby Danimarca   2 – 0   Messico Amichevole 1   90’
16-6-2018 Saransk Perù   0 – 1   Danimarca Mondiali 2018 - 1º turno -
21-6-2018 Samara Danimarca   1 – 1   Australia Mondiali 2018 - 1º turno 1
26-6-2018 Mosca Danimarca   0 – 0   Francia Mondiali 2018 - 1º turno -
1-7-2018 Nižnij Novgorod Croazia   1 – 1 dts
(3 – 2 dtr)
  Danimarca Mondiali 2018 - Ottavi di finale -
9-9-2018 Aarhus Danimarca   2 – 0   Galles UEFA Nations League 2018-2019 - 1º turno 2
16-11-2018 Cardiff Galles   1 – 2   Danimarca UEFA Nations League 2018-2019 - 1º turno - cap.
19-11-2018 Aarhus Danimarca   0 – 0   Irlanda UEFA Nations League 2018-2019 - 1º turno - cap.   46’
21-3-2019 Pristina Kosovo   2 – 2   Danimarca Amichevole 1   60’
26-3-2019 Basilea Svizzera   3 – 3   Danimarca Qual. Euro 2020 -
7-6-2019 Copenaghen Danimarca   1 – 1   Irlanda Qual. Euro 2020 -
10-6-2019 Copenaghen Danimarca   5 – 1   Georgia Qual. Euro 2020 1
5-9-2019 Gibilterra Gibilterra   0 – 6   Danimarca Qual. Euro 2020 2
8-9-2019 Tbilisi Georgia   0 – 0   Danimarca Qual. Euro 2020 -
12-10-2019 Copenaghen Danimarca   1 – 0   Svizzera Qual. Euro 2020 -
15-10-2019 Aalborg Danimarca   4 – 0   Lussemburgo Amichevole -   46’
15-11-2019 Copenaghen Danimarca   6 – 0   Gibilterra Qual. Euro 2020 2
18-11-2019 Dublino Irlanda   1 – 1   Danimarca Qual. Euro 2020 -
5-9-2020 Copenaghen Danimarca   0 – 2   Belgio UEFA Nations League 2020-2021 - 1º turno -
8-9-2020 Copenaghen Danimarca   0 – 0   Inghilterra UEFA Nations League 2020-2021 - 1º turno -
7-10-2020 Herning Danimarca   4 – 0   Fær Øer Amichevole 1   72’
11-10-2020 Reykjavík Islanda   0 – 3   Danimarca UEFA Nations League 2020-2021 - 1º turno 1
14-10-2020 Londra Inghilterra   0 – 1   Danimarca UEFA Nations League 2020-2021 - 1º turno 1
11-11-2020 Brøndby Danimarca   2 – 0   Svezia Amichevole - cap.   46’
15-11-2020 Copenaghen Danimarca   2 – 1   Islanda UEFA Nations League 2020-2021 - 1º turno 2
18-11-2020 Lovanio Belgio   4 – 2   Danimarca UEFA Nations League 2020-2021 - 1º turno -
25-3-2021 Tel Aviv Israele   0 – 2   Danimarca Qual. Mondiali 2022 -
28-3-2021 Herning Danimarca   8 – 0   Moldavia Qual. Mondiali 2022 -   77’
31-3-2021 Vienna Austria   0 – 4   Danimarca Qual. Mondiali 2022 -
2-6-2021 Innsbruck Germania   1 – 1   Danimarca Amichevole -
6-6-2021 Brøndbyvester Danimarca   2 – 0   Bosnia ed Erzegovina Amichevole -   59’
12-6-2021 Copenaghen Danimarca   0 – 1   Finlandia Euro 2020 - 1º turno -   43’
Totale Presenze (5º posto) 109 Reti (7º posto) 36
Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Danimarca Under-21
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
11-6-2011 Aarhus Danimarca Under-21   0 – 1   Svizzera Under-21 Europeo Under-21 2011 - 1º turno -
14-6-2011 Aarhus Danimarca Under-21   2 – 1   Bielorussia Under-21 Europeo Under-21 2011 - 1º turno 1
18-6-2011 Reykjavík Islanda Under-21   3 – 1   Danimarca Under-21 Europeo Under-21 2011 - 1º turno -
Totale Presenze 3 Reti 1

PalmarèsModifica

ClubModifica

Ajax: 2009-2010
Ajax: 2010-2011, 2011-2012, 2012-2013
Ajax: 2013
Inter: 2020-2021

IndividualeModifica

  • Miglior talento danese Under-17 dell'anno: 1
2008
  • Talento danese dell'anno: 2
2010, 2011
  • Miglior talento dell'anno in Eredivisie: 1
2010-2011
Danimarca 2011
2013, 2014, 2015, 2018
  • Calciatore danese dell'anno (TV2 e DFA): 4
2011, 2013, 2014, 2017
2017-2018

NoteModifica

  1. ^ a b c (EN) The making of Christian Eriksen: from the start he was a ‘wow’ footballer, su theguardian.com, 15 giugno 2018.
  2. ^ a b c d (EN) Maximilian Schmeckel e Niklas Konig, Christian Eriksen: King of Denmark, su goal.com.
  3. ^ Mathias Eriksen - Profilo giocatore, su transfermarkt.it. URL consultato il 21 gennaio 2020.
  4. ^ Andreas Eriksen - Profilo giocatore, su transfermarkt.it. URL consultato il 21 gennaio 2020.
  5. ^ Eriksen papà bis: è nato il secondo figlio, su corrieredellosport.it. URL consultato il 12 giugno 2021.
  6. ^ a b c Fabio Barcellona, L’ultima frontiera del trequartista moderno, su ultimouomo.com, 17 gennaio 2017.
  7. ^ a b Fabio Barcellona, Il Tottenham è una squadra senza compromessi, su ultimouomo.com, 12 febbraio 2018.
  8. ^ a b c EURO 2020: la Danimarca secondo il nostro reporter, su it.uefa.com, 8 giugno 2021. URL consultato l'8 luglio 2021.
  9. ^ L'Inter e il tabù punizioni: alla ripresa la svolta con Eriksen e Sensi?, su gazzetta.it, 22 maggio 2020. URL consultato il 27 agosto 2020.
  10. ^ Gabriele Lippi, La top 5 degli assist di Eriksen, su esquire.com, 22 febbraio 2020. URL consultato il 27 agosto 2020.
  11. ^ a b c d e f (EN) Eriksen puts faith in Ajax way, su uefa.com, 16 marzo 2010 (archiviato dall'url originale il 16 marzo 2010).
  12. ^ Inter-Milan, sarà Eriksen contro Ibrahimovic: la storia di Olsen, il loro scopritore, su Sport.sky.it. URL consultato il 22 marzo 2020.
  13. ^ (EN) Danish starlet Eriksen opts for Ajax, su uefa.com, 17 ottobre 2008. URL consultato il 23 marzo 2012.
  14. ^ (NL) Ajax maakt rugnummers bekend, su parool.nl, 15 luglio 2010. URL consultato il 26 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 13 settembre 2012).
  15. ^ (EN) Eriksen arrives, su tottenhamhotspur.com, 30 agosto 2013. URL consultato il 31 agosto 2013.
  16. ^ (EN) Christian named Danish FA's Footballer of Year 12 November 2013, su tottenhamhotspur.com. URL consultato il 4 settembre 2015.
  17. ^ Premier League, Manchester United-Tottenham 1-2: Adebayor ed Eriksen affossano Moyes, su calciomercato.it, 1º gennaio 2014. URL consultato il 2 gennaio 2014 (archiviato dall'url originale il 2 gennaio 2014).
  18. ^ (EN) Tottenham Hotspur, SC Player of the Season goes to @ChrisEriksen8 #COYS (Tweet), su Twitter, 10 maggio 2014.
  19. ^ (EN) David Hytner, Tottenham Hotspur 1-0 Southampton | Premier League match report, in The Guardian, 5 ottobre 2014. URL consultato il 23 gennaio 2020.
  20. ^ (EN) Christian Eriksen wins Danish Player of the Year Award, su dailymail.co.uk. URL consultato il 4 settembre 2015.
  21. ^ (EN) Henry Winter, Sheffield United 2 Tottenham Hotspur 2 (2-3 on agg): Christian Eriksen double sends Spurs to Wembley, in The Telegraph, 28 gennaio 2015. URL consultato il 23 gennaio 2020.
  22. ^ (EN) Swansea City 2-2 Tottenham Hotspur, su bbc.com. URL consultato il 18 gennaio 2020.
  23. ^ (EN) Christian makes history in Denmark 11 January 2016, su tottenhamhotspur.com. URL consultato il 12 gennaio 2016.
  24. ^ (EN) Eriksen wins third Danish Player of the Year, su espn.com, 11 gennaio 2016. URL consultato il 23 gennaio 2020.
  25. ^ Il Tottenham travolge il Sunderland: è 4-1 a White Hart Lane, su foxsports.it. URL consultato il 18 gennaio 2020.
  26. ^ (EN) Andy Cryer, Manchester City 1-2 Tottenham Hotspur, in BBC Sport, 14 febbraio 2016. URL consultato il 22 giugno 2021.
  27. ^ (EN) Tottenham Hotspur 5-0 Gillingham, in BBC Sport, 21 settembre 2016. URL consultato il 9 giugno 2020.
  28. ^ (EN) Matthew Dunn, Tottenham 5 - Gillingham 0: Spurs thrash Gills to breeze into EFL Cup fourth round, su express.co.uk, 22 settembre 2016. URL consultato il 9 giugno 2020.
  29. ^ Chelsea-Tottenham 2-1, Pedro e Moses riprendono Eriksen: Conte è primo, su gazzetta.it. URL consultato il 9 giugno 2020.
  30. ^ (EN) Patrick Jennings, Tottenham Hotspur 5-0 Swansea City, in BBC Sport, 3 dicembre 2016. URL consultato il 5 marzo 2021.
  31. ^ (EN) Jamie Strickland, Tottenham 3-0 Hull, in BBC Sport, 14 dicembre 2016. URL consultato il 5 marzo 2021.
  32. ^ (EN) Tottenham forward Christian Eriksen beats Harry Kane and Dele Alli to win supporters' player of the year, su dailymail.co.uk. URL consultato il 27 settembre 2017.
  33. ^ (EN) Tottenham ace Christian Eriksen becomes the leading Danish goalscorer in the Premier League, su dailymail.co.uk. URL consultato il 27 settembre 2017.
  34. ^ Real Madrid umiliato a Wembley Stadium! Il Tottenham vince 3-1 e va agli ottavi, su Eurosport, 1º novembre 2017. URL consultato il 21 gennaio 2020.
  35. ^ (EN) Spurs 5-1 Stoke - report from Wembley, su tottenhamhotspur.com. URL consultato il 21 gennaio 2020.
  36. ^ (EN) Tottenham Hotspur 5-1 Stoke City, in BBC Sport. URL consultato il 21 gennaio 2020.
  37. ^ (EN) Scott Murray, Tottenham Hotspur 2-0 Manchester United: Premier League – as it happened, in The Guardian, 31 gennaio 2018. URL consultato il 5 marzo 2021.
  38. ^ (EN) Christian Eriksen scores fastest goal of the season after just 11 SECONDS, su thesun.co.uk, 31 gennaio 2018. URL consultato il 5 marzo 2021.
  39. ^ Inter-Tottenham 2-1, apre Eriksen. Ribaltone firmato Icardi e Vecino, su gazzetta.it. URL consultato il 18 gennaio 2020.
  40. ^ Tottenham-Inter 1-0, decide Eriksen, su inter.it. URL consultato il 18 gennaio 2020.
  41. ^ (EN) Tottenham Hotspur 1-0 Burnley; Eriksen breaks Clarets' resistance in added time, in BBC Sport, 15 dicembre 2018. URL consultato il 21 gennaio 2020.
  42. ^ (EN) Christian Eriksen joined Manchester United legend as assist king, su talksport.com, 2 aprile 2019. URL consultato il 18 gennaio 2020.
  43. ^ a b (EN) More assists than Hazard but... - Eriksen stats at new milestone, su en.as.com, 2 aprile 2019. URL consultato il 18 gennaio 2020.
  44. ^ (EN) Jose Mourinho says he is ‘not an idiot’ over Christian Eriksen’s form as Spurs close in on Gedson Fernandes, su metro.co.uk. URL consultato il 13 gennaio 2020.
  45. ^ (EN) Lo Celso transfer confirmed / Eriksen to Inter, su tottenhamhotspur.com, 28 gennaio 2020.
  46. ^ Christian Eriksen è un nuovo giocatore dell'Inter, su inter.it, 28 gennaio 2020.
  47. ^ Eriksen all'Inter: è ufficiale l'arrivo di calciomercato dal Tottenham. Avrà il n° 24, su sport.sky.it, 28 gennaio 2020.
  48. ^ Eriksen alla Scala: un direttore d'orchestra per l’Inter. "Qui è fantastico!", su gazzetta.it, 28 gennaio 2020.
  49. ^ Inter-Fiorentina 2-1: gol di Candreva e Barella. Conte in semifinale di Coppa Italia, su sport.sky.it, 29 gennaio 2020.
  50. ^ Udinese-Inter 0-2: doppio Lukaku, i nerazzurri ritrovano la vittoria, su repubblica.it, 2 febbraio 2020.
  51. ^ La prima perla di Eriksen illumina l’Inter: 2-0 in Bulgaria e ottavi vicini, su gazzetta.it, 20 febbraio 2020.
  52. ^ Eriksen, gol diretto da calcio d'angolo: prima di lui Stankovic,Recoba, su inter.it, 14 giugno 2020. URL consultato il 9 agosto 2020.
  53. ^ Inter, Eriksen non basta. Mertens manda il Napoli in finale contro la Juve, su gazzetta.it, 13 giugno 2020.
  54. ^ Inter-Brescia 6-0, Conte si rimette sulla scia delle prime, su repubblica.it, 1º luglio 2020. URL consultato il 1º luglio 2020.
  55. ^ Inter, i "valorizzati" e gli "involuti" di Conte, su gazzetta.it. URL consultato il 27 agosto 2020.
  56. ^ Arrivato da Maestro, Eriksen ora rischia una fine da Bergkamp. Serve una svolta, su gazzetta.it. URL consultato il 27 agosto 2020.
  57. ^ Eriksen: "Panchina? Importante lasciare il segno! Il mio gol di ieri...", su inter-news.it, 6 agosto 2020. URL consultato il 27 agosto 2020.
  58. ^ Inter, Vidal insostituibile, Barella c'è sempre ma Eriksen non gioca, su gazzetta.it, 5 ottobre 2020.
  59. ^ Marotta su Eriksen: "Non è funzionale all'Inter, giusto che vada a giocare altrove", su gazzetta.it, 23 dicembre 2020.
  60. ^ Inter, Conte: "Eriksen giocherà titolare, ma come regista", su repubblica.it, 12 gennaio 2021.
  61. ^ Coppa Italia, Inter-Milan 2-1: Ibrahimovic segna e si fa espellere, Lukaku e Eriksen portano in semifinale i nerazzurri, su repubblica.it, 26 gennaio 2021.
  62. ^ Condizione, difesa, umiltà e approccio: Inter, quanto sei cambiata, su gazzetta.it, 18 febbraio 2021.
  63. ^ INTER STATS | Il cammino nerazzurro e la precisione di Eriksen, su inter.it, 19 aprile 2021. URL consultato il 22 aprile 2021.
  64. ^ Napoli-Inter 1-1, match review, su inter.it, 19 aprile 2021. URL consultato il 22 aprile 2021.
  65. ^ Crotone-Inter 0-2, match review, su inter.it, 2 maggio 2021. URL consultato il 22 giugno 2021.
  66. ^ Serie A, Inter-Udinese 5-1, le pagelle: Lu-La al top, delude Pinamonti. Walace e De Paul steccano, su eurosport.it, 23 maggio 2021. URL consultato il 22 giugno 2021.
  67. ^ GOAL OF THE SEASON | Vince la rete di Eriksen nel derby di Coppa Italia, su inter.it, 22 giugno 2021. URL consultato il 22 giugno 2021.
  68. ^ (EN) World Cup squads: The story of the stats, su sport.stv.tv, 7 ottobre 2011 (archiviato dall'url originale il 7 ottobre 2011).
  69. ^ a b (NL) Ajacied Eriksen speelt Laudrup uit de boeken, su ad.nl. URL consultato l'8 luglio 2021.
  70. ^ Milan, Eriksen è da prendere subito, su eurosport.it. URL consultato l'8 luglio 2021.
  71. ^ Ian Holyman, Jørgensen-gol e la Danimarca continua a sognare, su it.uefa.com, 14 giugno 2011.
  72. ^ Danimarca: Ecco la lista dei convocati per Euro 2012, su euro2012.it. URL consultato il 9 gennaio 2020.
  73. ^ (EN) Internationals (Sky Sports), su skysports.com. URL consultato il 9 gennaio 2020.
  74. ^ (EN) 2018 World Cup Qualification, su eu-football.info. URL consultato il 18 gennaio 2020.
  75. ^ a b (EN) Qualifying top scorer: Eriksen finishes third, su uefa.com, 14 novembre 2017. URL consultato il 18 gennaio 2020.
  76. ^ Irlanda-Danimarca 1-5, Eriksen show con una tripletta: danesi al Mondiale, su gazzetta.it. URL consultato il 9 gennaio 2020.
  77. ^ Mondiali 2018, ecco i convocati di tutte le nazionali, in Premium Sport HD. URL consultato il 21 giugno 2018.
  78. ^ Croazia-Danimarca 4-3 ai rigori, Subasic eroe croato, su gazzetta.it, 1º luglio 2018. URL consultato il 16 gennaio 2020.
  79. ^ Danimarca-Australia 1-1, a Eriksen replica il rigore di Jedinak, su gazzetta.it. URL consultato il 9 gennaio 2020.
  80. ^ InterNazionali: Eriksen e Lukaku, gol decisivi, su inter.it. URL consultato il 15 ottobre 2020.
  81. ^ Inter, Eriksen ha numeri da record con la Danimarca, su calciomercato.com, 26 marzo 2021.
  82. ^ hii
  83. ^ Eriksen, condizioni stabili. Il medico: "Era praticamente morto, non so come abbiamo fatto", su repubblica.it, 13 giugno 2021.
  84. ^ Il malore di Eriksen: dalla paura al sollievo, la giornata che ha sconvolto l'Europeo, su gazzetta.it, 12 giugno 2021.
  85. ^ Christian Eriksen ha avuto un arresto cardiaco durante Danimarca-Finlandia, su ilpost.it, 12 giugno 2021.
  86. ^ Paura Eriksen, malore in campo in Danimarca-Finlandia, su tuttosport.com, 12 giugno 2021.
  87. ^ Paura a Copenaghen: Eriksen si accascia a terra durante Danimarca-Finlandia, massaggio cardiaco in campo. Poi il sollievo: il giocatore è cosciente e parla, su repubblica.it, 12 giugno 2021.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica