Markéta Vondroušová

tennista ceca
Markéta Vondroušová
Vondrousova RG19 (26) (48199070187).jpg
Markéta Vondroušová nel 2019
Nazionalità Rep. Ceca Rep. Ceca
Altezza 172 cm
Tennis Tennis pictogram.svg
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 184 – 78 (70,23%)
Titoli vinti 1 WTA, 7 ITF
Miglior ranking 14ª (1º luglio 2019)
Ranking attuale 42ª (26 luglio 2021)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open 4T (2021)
Francia Roland Garros F (2019)
Regno Unito Wimbledon 2T (2021)
Stati Uniti US Open 4T (2018)
Altri tornei
Olympic flag.svg Giochi olimpici Argento (2020)
Doppio1
Vittorie/sconfitte 45 – 22 (67,16%)
Titoli vinti 0 WTA, 4 ITF
Miglior ranking 91ª (10 giugno 2019)
Ranking attuale 92ª (26 luglio 2021)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open SF (2019)
Francia Roland Garros 2T (2019)
Regno Unito Wimbledon QF (2017)
Stati Uniti US Open 2T (2021)
Altri tornei
Olympic flag.svg Giochi olimpici 2T (2020)
Doppio misto1
Vittorie/sconfitte
Titoli vinti 0
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open
Francia Roland Garros
Regno Unito Wimbledon 2T (2021)
Stati Uniti US Open
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate al 30 luglio 2021

Markéta Vondroušová (Sokolov, 28 giugno 1999) è una tennista ceca.

Nel corso della sua giovane carriera si è aggiudicata un titolo WTA a fronte di quattro finali disputate. Vanta nel suo palmarès una finale Slam all'Open di Francia 2019, prima teenager a riuscirci dopo dieci anni da Caroline Wozniacki allo US Open 2009, e la medaglia d'argento ai Giochi olimpici di Tokyo 2020; in seguito all'impresa parigina, ha raggiunto il suo best ranking alla 14ª posizione il 1º luglio dello stesso anno. Per quanto riguarda il doppio, invece, si è spinta fino alla semifinale all'Australian Open 2019 e alla posizione numero novantuno del ranking nel mese di giugno dello stesso anno.

CarrieraModifica

JunioresModifica

Raggiunge buoni risultati a livello giovanile, in singolare nel 2014 raggiunge le semifinali degli slam di Parigi e Londra. Nel doppio ragazze conquista due Slam consecutivi insieme alla connazionale Miriam Kolodziejová, vincono infatti all'Australian Open 2015 battendo Katharina Hobgarski e Greet Minnen in finale e al Roland Garros dove hanno la meglio sulla coppia formata da Caroline Dolehide e Katerina Stewart.

2015-2016: iniziModifica

Nel circuito ITF vince cinque titoli in singolare e quattro titolo in doppio.

Nel mese di aprile 2015 ottiene una wild-card per le qualificazioni del J&T Banka Prague Open dove riesce a superare i primi due turni per poi arrendersi a Danka Kovinić nel turno decisivo. Riceve una wild-card anche per il torneo di doppio in coppia con Kateřina Vaňková perdendo al primo turno contro Kateryna Bondarenko e Eva Hrdinová in due set. L'anno seguente sempre a Praga riceve una wild-card direttamente per il tabellone principale e batte Océane Dodin prima di arrendersi alla testa di serie numero quattro Samantha Stosur. Dopo aver giocato il torneo giovanile al Roland Garros 2016 a causa di un infortunio salta la restante parte di stagione.

2017: primo titolo WTA e Top 100Modifica

Nel 2017 al suo ritorno, Vondroušova inanella una serie di venti vittorie consecutive vincendo un titolo ITF da $15,000, uno da $25,000 e raggiungendo un'altra finale ITF da $25,000. Ad aprile raggiunge la sua prima finale WTA a Bienne, dopo aver superato le qualificazioni, batte in sequenza Lina Ǵorčeska, Annika Beck, Kristýna Plíšková e in semifinale Barbora Strýcová. In finale affronta Anett Kontaveit battendola col punteggio di 6-4, 7-66, vince così il suo primo titolo nel circuito maggiore, senza perdere nemmeno un set durante tutto il torneo. Grazie a questo risultato la settimana successiva viene convocata per la partita di semifinale di Fed Cup contro gli Stati Uniti. Nel primo incontro in singolare viene sconfitta in due set da Coco Vandeweghe, batte poi Shelby Rogers riportando il punteggio sul 2-2. A maggio riceve una wild-card per il torneo di Praga dove batte al primo turno Carina Witthöft in tre set prima di arrendersi ad Ana Konjuh.

 
Markéta all'AEGON Championships 2017

Prende poi parte al Roland Garros dove vince tutti e tre i match di qualificazione senza perdere un set. Accede così al main draw di uno slam per la prima volta, ed è l'unica minorenne in gara. Al primo turno dello slam batte la francese Hesse con il punteggio netto di 6-1 6-0 e si qualifica così per il secondo turno dello slam dove viene sconfitta da Dar'ja Kasatkina, testa di serie nº 26, per 6-7 4-6. Prende parte all'AEGON Championships supera i turni di qualificazione, per poi venire estromessa al primo turno per 5-7 6-7 da Ashleigh Barty. All'Eastbourne International viene elimata al primo turno di qualificazioni da Cvetana Pironkova con un doppio 2-6.

Prende parte a Wimbledon dove viene rimontata da Peng Shuai (7-6 0-6 4-6). In doppio, in coppia con Catherine Bellis, si spinge fino ai quarti di finale, sconfiggendo: Moore/Ōmae per 6-2 6-0, Krunić/Bondarenko per 6-2 6-4, Curenko/Kičenok per 6-4 6-2; per poi venire sconfitta dalle teste di serie nº 9, Niculescu/Hao-ching per 3-6 4-6.

Il 30 luglio vince il suo settimo torneo ITF in patria.

Prende parte all'US Open dove viene eliminata in rimonta dall'8º testa di serie, Svetlana Kuznecova, per 6-4 4-6 6-7. In doppio, sempre in coppia con Catherine Bellis, viene eliminata al primo turno per 3-6 4-6 da Kičenok/Rodionova.

È 5º testa di serie al Tashkent Open; dopo aver sconfitto con un doppio 6-1 Misa Eguchi, viene sconfitta da Stefanie Vögele per 6-7 6-4 5-7.

2018: ottavi di finale agli US Open e Top 50Modifica

Inizia l'anno malamente perdendo al primo turno ad Auckland per mano di Petra Martić con il risultato di 62-7 3-6. A Hobart, dopo aver sconfitto Natal'ja Vichljanceva per 6-4 6-3, perde con un doppio 4-6 contro Donna Vekić. Prende parte al primo Slam della stagione, l'Australian Open. Qui, dopo aver sconfitto Kurumi Nara per 7-5 6-4, viene eliminata dall'ottava testa di serie, Caroline Garcia, in un match particolarmente combattuto conclusosi per 7-63 2-6 6-8. In doppio, in coppia con Catherine Bellis, viene sconfitta da Anastasija Sevastova e Ekaterina Aleksandrova per 3-6 2-6. Prende parte al torneo di Doha dove, dopo aver superato le qualificazioni, sconfigge senza problemi Julija Putinceva (6-3 6-1), per poi perdere contro la 3ª testa di serie, Elina Svitolina, per 2-6 4-6. A Dubai viene sconfitta in rimonta da Bernarda Pera per 6-0 3-6 0-6.

Fa un'ottima figura a Indian Wells, torneo nel quale supera Madison Brengle con un doppio 6-2, Johanna Konta, 11ª testa di serie, per 7-65 6-4 e Aryna Sabalenka con un doppio 6-2, per poi perdere nuovamente contro Petra Martić per 3-6 64-7. Il 19 marzo migliora ulteriormente il suo best ranking diventando la 50ª tennista mondiale. A Miami viene fermata al primo turno da Wang Yafan con il risultato di 2-6 6-4 60-7. A Lugano viene sconfitta al secondo turno dalla futura vincitrice del torneo, Elise Mertens, per 2-6 7-5 5-7. Questo risultato la fa scivolare alla 73ª posizione del ranking. In doppio, in coppia con la connazionale Renata Voráčová, viene eliminata al primo turno dalla coppia formata da Nicola Geuer e Eva Wacanno per 5-7 4-6. A Stoccarda, dopo aver superato le qualificazioni tutte al terzo set, sconfigge al primo turno Julia Görges con un doppio 6-2; nel turno successivo si ritira contro Elina Svitolina, su un risultato di 6-2 1-6 2-3 in favore dell'ucraina. Nello Slam parigino viene sconfitta in tre set da Ana Bogdan (3-6 6-1 4-6). Nei tornei di 's-Hertogenbosch, Maiorca e Wimbledon non va oltre il primo turno venendo sconfitta rispettivamente da Aryna Sabalenka, Samantha Stosur e Sachia Vickery. Sulla terra di Gstaad raggiunge la semifinale superando Lara Arruabarrena Vecino con un doppio 6-3, Elica Kostova con un doppio 6-4 ed Evgenija Rodina per 6-2 6-3; viene poi rimontata da Mandy Minella per 6-4 2-6 2-6. Nel torneo di Cincinnati viene estromessa per 3-6 5-7 da Ashleigh Barty, testa di serie numero sedici. A New Haven non va oltre il primo turno di qualificazioni. Allo US Open raggiunge per la prima volta in carriera un ottavo di finale Slam. Estromette nell'ordine: Mona Barthel per 6-1 6-4; Eugenie Bouchard per 6-4 6-3 e Kiki Bertens, tredicesima testa di serie, per 7-64 2-6 7-61. Gli ottavi di finale la vedono opposta a Lesja Curenko, contro la quale perde con il punteggio di 7-63 5-7 2-6. A Wuhan, ultimo torneo della stagione disputato, viene ripescata nel tabellone principale come lucky loser ed estromessa all'esordio da Julia Görges per 3-6 6-3 64-7.

2019: finale al Roland Garros, Top 20 in singolare e infortunio; semifinale all'Australian Open in doppioModifica

Inizia la stagione presentandosi all'Australian Open dove, dopo aver estromesso senza grossi problemi Evgenija Rodina, cede a Petra Martić per 4-6 5-7. In doppio, in coppia con la connazionale Barbora Strýcová, invece, raggiunge la semifinale prima di cedere alle future campionesse, Zhang Shuai e Samantha Stosur, per 5-7 6-4 5-7. Ritorna a disputare una finale WTA a Budapest, nella quale viene sconfitta in rimonta da Alison Van Uytvanck (6-1 5-7 2-6). Nel corso del torneo si era imposta su: Georgina García Pérez per 6-0 7-66, Anna Blinkova per 7-66 3-6 6-3, Irina-Camelia Begu per 5-7 6-1 6-3 ed Anastasija Potapova per 6-0 6-2. A Indian Wells si spinge fino ai quarti di finale eliminando, tra le altre, anche Simona Halep, numero due del mondo, per 6-2 3-6 6-2; viene poi estromessa in rimonta da Elina Svitolina, numero sei del seeding, per 6-4 4-6 4-6. In seguito, raggiunge i quarti di finale anche a Miami prima di cedere alla connazionale numero cinque del mondo e futura finalista, Karolína Plíšková, per 3-6 4-6.

Inaugura la stagione sulla terra rossa raggiungendo un'altra finale WTA a Istanbul dove viene sconfitta in rimonta da Petra Martić, che si aggiudica il torneo per 1-6 6-4 6-1. Si presenta agli Internazionali d'Italia spingendosi fino ai quarti di finale sconfiggendo in tre set Barbora Strýcová, nuovamente Simona Halep e Dar'ja Kasatkina, ma viene fermata da Johanna Konta, futura finalista, con il punteggio di 3-6 6-3 1-6. Approda dunque a Parigi in ottimo periodo di forma seppur senza essere una testa di serie. Supera i primi quattro turni senza grosse difficoltà imponendosi nell'ordine su: Wang Yafan per 6-4 6-3; Anastasija Potapova per 6-4 6-0; Carla Suárez Navarro, testa di serie numero ventotto, per 6-4 6-4 e Anastasija Sevastova, numero dodici del seeding, per 6-2 6-0. Giunta nei quarti di finale, fatica contro Petra Martić, numero trentuno del ranking, contro cui ha la meglio per 7-61 7-5 e in semifinale contro Johanna Konta, numero ventisei della classifica, ma anche in questo caso la spunta per 7-5 7-62, vendicando in tal modo le sconfitte subite da entrambe nei tornei precedenti ed accedendo alla sua prima finale Slam in carriera.[1] L'8 giugno 2019, sul campo dedicato a Philippe Chatrier, disputa la partita più prestigiosa della sua giovane carriera contro l'australiana Ashleigh Barty, ottava forza del ranking, che le infligge un perentorio 6-1 6-3.[2] Tuttavia, entra per la prima volta a far parte delle prime venti tenniste del mondo a soli diciannove anni, collocandosi precisamente al sedicesimo posto.[3]

Ritorna in campo solo sull'erba di Eastbourne dove, dopo essersi imposta su Zheng Saisai, cede alla belga Elise Mertens in tre set. Tuttavia, al termine del torneo, perfeziona il suo best ranking alla 14ª posizione. A Wimbledon viene invece sorpresa in due set da Madison Brengle nel match di esordio. A causa di un infortunio al polso subito durante una sessione di allenamento in preparazione a quella partita, Markéta è costretta a sottoporsi a un intervento chirurgico e di conseguenza a dover rinunciare a tutta la restante stagione tennistica. Ciononostante, chiude l'anno alla 26ª posizione del ranking.

2020: semifinale a RomaModifica

Markéta inaugura la stagione 2020 con la partecipazione al nuovo torneo di Adelaide. Qui supera i primi due turni in scioltezza lasciando soltanto tre giochi a Tatjana Maria e umiliando la padrona di casa Arina Rodionova con un doppio 6-0. Nei quarti di finale affronta Ashleigh Barty, numero uno del mondo, primo scontro diretto tra le due tenniste dopo la finale di Parigi 2019, da cui ancora una volta l'australiana ne esce vincitrice imponendosi con un doppio 6-3. La settimana seguente approda all'Australian Open, primo Slam stagionale, prendendo parte sia nel singolare che nel doppio in coppia con CiCi Bellis, uscendo in questo caso al primo turno. Anche in singolare delude le aspettative venendo sorpresa all'esordio da Svetlana Kuznecova che la spunta al terzo set. Continua il periodo negativo a San Pietroburgo, dove viene rimontata da Ajla Tomljanović. Non fa meglio nei tornei mediorientali di Dubai e Doha, registrando rispettivamente un'uscita al secondo e primo turno.

Successivamente, i giocatori sono costretta a un periodo di stop forzato dal 9 marzo al 3 agosto, a causa della Pandemia di COVID-19 del 2019-2021. Scende in campo a Palermo, primo torneo post lockdown, ma viene rimontata da Kaja Juvan con lo score 6-1 5-7 4-6. In seguito, a Cincinnati subisce una pesante sconfitta all'esordio da Laura Siegemund in tre parziali. Si presenta agli US Open come dodicesima testa di serie; si sbarazza di Greet Minnen per 6-1 6-4, prima di venire annichilita da Aljaksandra Sasnovič, la quale le lascia appena tre games. Mostra il suo gioco migliore a Roma, dove si impone con fatica al terzo set su Misaki Doi, estromette con un doppio 6-3 Arantxa Rus, rimonta Polona Hercog per 1-6 6-1 7-65 ed elimina, senza grossi problemi, la Top 10 e due volte campionessa al Foro Italico Elina Svitolina, infliggendole anche un bagel.[4] Approda, così, in semifinale dove non può fare niente contro la campionessa uscente Karolína Plíšková.[5] Per quanto riguarda la classifica, scivola alla 20ª posizione mondiale. La ceca si presenta al Roland Garros, dove difende la finale colta nel 2019: tuttavia, la sua corsa si arresta già al primo turno, sconfitta da colei che vincerà il titolo, Iga Świątek, con un netto 1-6 2-6.

Termina l'anno al n°21 del mondo.

2021: l'argento olimpico a TokyoModifica

La ceca inizia l'anno al WTA 500 di Abu Dhabi, dove è testa di serie n°8: viene battuta all'esordio da Hsieh Su-Wei (6-3 3-6 6(3)-7). In seguito, si presenta allo Yarra Valley Classic di Melbourne, dove è ancora 8° testa di serie: dopo il bye al primo turno, vince la prima partita dell'anno contro Gracheva (6-4 6-0), approdando agli ottavi di finale. Nella circostanza, batte Vera Zvonareva per 7-6(4) 6(4)-7 6-4; ai quarti, si impone in rimonta su Nadia Podoroska (4-6 6-3 [10-4]), giungendo in semifinale, dove viene travolta da Garbine Muguruza, che le lascia soltanto un game. All'Australian Open, la ceca esordisce con la vittoria in rimonta su Rebecca Peterson (2-6 7-5 7-5). Al secondo turno, batte Rebecca Marino in due set; al terzo, elimina Sorana Cirstea con lo score di 6-2 6-4, approdando così agli ottavi di finale. Nella circostanza, cede in due set a Hsieh Su-Wei. A Dubai viene estromessa da Coco Gauff al secondo turno (6-3 0-6 4-6) mentre a Miami si spinge fino agli ottavi di finale dopo le vittorie su Wang e Bencic; al quarto turno, perde da Aryna Sabalenka per 1-6 2-6. Sulla terra, non raccoglie grossi risultati nei primi tre eventi giocati: tra Stoccarda, Madrid e Roma trova solo un successo in Germania contro Bouzková. Il miglior risultato stagionale sul mattone tritato la ceca lo ottiene al Roland Garros dove, da testa di serie n°20, raggiunge gli ottavi di finale, battendo Kanepi in rimonta (4-6 6-3 6-0), la wild-card Tan (6-1 6-2) e Polona Hercog (periodico 6-3). Nella circostanza, Markéta si arrende a Paula Badosa in tre set. L'erba non è foriera di buoni risultati per Vondroušová, che centra un solo successo a Wimbledon in tre eventi disputati.

In seguito, la ceca disputa il torneo olimpico a Tokyo: al primo turno, elimina Kiki Bertens nella sua ultima partita in carriera (6-4 3-6 6-4); dopo un comodo successo su Buzarnescu (6-1 6-2), Markéta riesce a sconfiggere la n°2 del tabellone Naomi Ōsaka per 6-1 6-4, accedendo ai quarti di finale, dove approfitta del ritiro della spagnola Badosa dopo aver vinto il primo set; in semifinale, la ceca lascia quattro giochi alla n°4 del seeding Elina Svitolina (6-3 6-1), approdando alla finale per l'oro, dove affronta la svizzera Belinda Bencic. Nell'ultimo atto, Markéta si arrende in tre set (5-7 6-2 3-6), aggiudicandosi comunque l'argento. Per la Repubblica Ceca è la terza medaglia nel singolare femminile, la prima d'argento dopo i due bronzi di Petra Kvitová a Rio 2016 e di Jana Novotná ad Atlanta 1996.

In seguito, si presenta a Cincinnati, dove, al primo turno, riaffronta Belinda Bencic: anche questa volta Vondroušová cede alla svizzera, con lo score di 3-6 5-7. A Chicago è quinta testa di serie: batte Quinn Gleason (6-2 6-0) e approfitta del ritiro di Alison Van Uytvanck sul 6-1 1-0 in suo favore; ai quarti, si arrende alla futura finalista Alizé Cornet. Agli US Open, la ceca esordisce battendo Elena-Gabriela Ruse (7-5 6-0). Al secondo turno, cede a Kasatkina per 6-3 4-6 4-6. Partecipa poi al torneo di Lussemburgo, dove è la quinta forza del seeding: elimina nettamente Van Uytvanck (6-2 6-3) e Jana Fett (6-2 6-4) per poi imporsi su Elise Mertens (7-5 6-2). Nella sua terza semifinale annuale, viene estromessa da Clara Tauson, per 4-6 6-2 4-6. A Chicago (nella versione "500" del torneo), vince in due set su Tomljanović (6-1 6-2), Pavljučenkova (6-3 6-2) e Teichmann (6-4 6-3); nei quarti, batte Danielle Collins in rimonta (6(4)-7 6-0 7-6(3)), raggiungendo la sua quarta semifinale del 2021; tuttavia, decide di non scendere in campo nel suo match contro Muguruza, a causa di un problema gastrointestinale.[6] Dopo un'uscita all'esordio a Indian Wells, si presenta alla Kremlin Cup, dove si impone su Rybakina (n°7 del seeding, 6-4 6-4), Curenko (6-3 6-3) e la finalista in carica del Roland Garros Anastasija Pavljučenkova (6-4 6-2), cogliendo un'altra semifinale, la quinta del 2021: nella circostanza, Vondroušová si arrende ad Anett Kontaveit, con lo score di 3-6 4-6.

Statistiche WTAModifica

SingolareModifica

Vittorie (1)Modifica

Legenda
Grande Slam (0)
Ori Olimpici (0)
WTA Finals (0)
WTA Elite Trophy (0)
Dal 2009 al 2020 Dal 2021
Premier Mandatory (0) WTA 1000 (0)
Premier 5 (0)
Premier (0) WTA 500 (0)
International (1) WTA 250 (0)
WTA 125 (0)
N. Data Torneo Superficie Avversaria in finale Punteggio
1. 16 aprile 2017   Ladies Open Biel Bienne, Bienne Cemento (i)   Anett Kontaveit 6–4, 7–6(6)

Sconfitte (4)Modifica

Legenda
Grande Slam (1)
Argenti Olimpici (1)
WTA Finals (0)
WTA Elite Trophy (0)
Dal 2009 al 2020 Dal 2021
Premier Mandatory (0) WTA 1000 (0)
Premier 5 (0)
Premier (0) WTA 500 (0)
International (2) WTA 250 (0)
WTA 125 (0)
N. Data Torneo Superficie Avversaria in finale Punteggio
1. 24 febbraio 2019   Hungarian Ladies Open, Budapest Cemento (i)   Alison Van Uytvanck 6–1, 5–7, 2–6
2. 28 aprile 2019   Istanbul Cup, Istanbul Terra rossa   Petra Martić 6–1, 4–6, 1–6
3. 8 giugno 2019   Open di Francia, Parigi Terra rossa   Ashleigh Barty 1–6, 3–6
4. 31 luglio 2021   Giochi Olimpici, Tokyo Cemento   Belinda Bencic 5-7, 6-2, 3-6

DoppioModifica

Sconfitte (1)Modifica

Legenda
Grande Slam (0)
Argenti Olimpici (0)
WTA Finals (0)
WTA Elite Trophy (0)
Dal 2021
WTA 1000 (1)
WTA 500 (0)
WTA 250 (0)
WTA 125 (0)
N. Data Torneo Superficie Compagna Avversarie in finale Punteggio
1. 16 maggio 2021   Internazionali BNL d'Italia, Roma Terra rossa   Kristina Mladenovic   Sharon Fichman
  Giuliana Olmos
6–4, 5–7, [5–10]

Statistiche ITFModifica

SingolareModifica

Vittorie (7)Modifica

Torneo $100.000 (1)
Torneo $80.000 (1)
Torneo $75.000 (0)
Torneo $60.000 (0)
Torneo $50.000 (0)
Torneo $25.000 (1)
Torneo $15.000 (2)
Torneo $10.000 (2)
N. Data Torneo Superficie Avversaria in finale Punteggio
1. 17 maggio 2015   Lotto Cup, Zielona Góra Terra rossa   Natela Dzalamidze 6–3, 6–3
2. 21 giugno 2015   Zubr Cup, Přerov Terra rossa   Ekaterina Alexandrova 6–1, 6–4
3. 20 marzo 2016   GD Tennis Academy, Adalia Terra rossa   Lisa Sabino 6–2, 6–0
4. 22 gennaio 2017   Internationaler Württembergische Hallenmeisterschaften um den Südwestbank-Cup, Stoccarda Cemento (i)   Anna Zaja 3–6, 6–2, 6–1
5. 5 febbraio 2017   Open GDF Suez De L'Isere, Grenoble Cemento (i)   Anna Blinkova 7–5, 6–4
6. 21 maggio 2017   Empire Slovak Open, Trnava Terra rossa   Verónica Cepede Royg 7–5, 7-6(3)
7. 30 luglio 2017   Advantage Cars Prague Open, Praga Terra rossa   Karolína Muchová 7–5, 6-1

Sconfitte (3)Modifica

Torneo $100.000 (0)
Torneo $80.000 (0)
Torneo $75.000 (0)
Torneo $60.000 (0)
Torneo $50.000 (0)
Torneo $25.000 (2)
Torneo $15.000 (0)
Torneo $10.000 (1)
N. Data Torneo Superficie Avversaria in finale Punteggio
1. 2 marzo 2015   Soho Square Egypt Women's Future, Sharm el-Sheikh Cemento   Vera Lapko 5–7, 3–6
2. 19 febbraio 2017   Perth Tennis International, Perth Cemento   Marie Bouzková 6–1, 3–6, 2–6
3. 5 marzo 2017   Clare Valley Tennis International, Clare Cemento   Beatriz Haddad Maia 2–6, 2–6

DoppioModifica

Vittorie (4)Modifica

Torneo $100.000 (0)
Torneo $80.000 (0)
Torneo $75.000 (0)
Torneo $60.000 (0)
Torneo $50.000 (0)
Torneo $25.000 (0)
Torneo $15.000 (2)
Torneo $10.000 (2)
N. Data Torneo Superficie Compagna Avversarie in finale Score
1. 2 marzo 2015   Jolie Ville Golf Women's, Sharm El Sheikh Cemento   Vera Lapko   Anna Morgina
  Caroline Rohde-Moe
6–2, 6–4
2. 16 maggio 2015   Lotto Cup, Zielona Góra Terra rossa   Miriam Kolodziejová   Natela Dzalamidze
  Margarita Lazareva
6–2, 6–2
3. 20 giugno 2015   Zubr Cup, Přerov Terra rossa   Miriam Kolodziejová   Martina Borecká
  Jesika Malečková
6–4, 6–1
4. 21 gennaio 2017   Internationaler Württembergische Hallenmeisterschaften um den Südwestbank-Cup, Stoccarda Cemento (i)   Miriam Kolodziejová   Anita Husarić
  Kimberley Zimmermann
7–6(3), 7–5

Sconfitte (2)Modifica

Torneo $100.000 (0)
Torneo $80.000 (0)
Torneo $75.000 (1)
Torneo $60.000 (0)
Torneo $50.000 (0)
Torneo $25.000 (0)
Torneo $15.000 (0)
Torneo $10.000 (1)
N. Data Torneo Superficie Compagna Avversarie in finale Score
1. 15 agosto 2015   Advantage Cars Praga Open, Praga Terra rossa   Miriam Kolodziejová   Kateřina Kramperová
  Bernarda Pera
6(4)–7, 7–5, [1–10]
2. 19 marzo 2016   GD Tennis Academy, Adalia Terra rossa   Natálie Novotná   Ol'ga Dorošina
  Anastasyja Vasyl'eva
2–6, 1–6

Grand Slam JuniorModifica

DoppioModifica

Vittorie (2)Modifica

Tornei del Grande Slam
Australian Open (1)
Open di Francia (1)
Torneo di Wimbledon (0)
US Open (0)
N. Data Torneo Superficie Compagna Avversaria in finale Punteggio
1. 31 gennaio 2015   Australian Open, Melbourne Cemento   Miriam Kolodziejová   Katharina Hobgarski
  Greet Minnen
7–5, 6–4
2. 6 giugno 2015   Open di Francia, Parigi Terra rossa   Miriam Kolodziejová   Caroline Dolehide
  Katerina Stewart
6–0, 6–3

Sconfitte (1)Modifica

Tornei del Grande Slam
Australian Open (0)
Open di Francia (1)
Torneo di Wimbledon (0)
US Open (0)
N. Data Torneo Superficie Compagna Avversarie in finale Punteggio
1. 7 giugno 2014   Open di Francia, Parigi Terra rossa   Catherine Bellis   Ioana Ducu
  Ioana Loredana Roșca
1–6, 7–5, [9–11]

Risultati in progressioneModifica

Sigla Risultato
V Vincitore
F Finalista
SF Semifinalista
O Oro olimpico
A Argento olimpico
SF Bronzo olimpico
QF Quarti di Finale
4T Quarto turno
3T Terzo turno
2T Secondo turno
1T Primo turno
RR Round Robin
LQ Turno di qualificazione
A Assente
ND Non disputato
Legenda superfici
Cemento
Terra battuta
Erba
Superficie variabile

SingolareModifica

Aggiornato a fine Kremlin Cup 2021

Torneo 2017 2018 2019 2020 2021 Titoli V–S
Tornei del Grande Slam
  Australian Open A 2T 2T 1T 4T 0 / 4 5–4
  Open di Francia 2T 1T F 1T 4T 0 / 5 10–5
  Wimbledon 1T 1T 1T ND 2T 0 / 4 1–4
  US Open 1T 4T A 2T 2T 0 / 4 5–4
Giochi olimpici
  Giochi olimpici Non disputati F-A 0 / 1 5–1
Torneo di fine anno
  WTA Finals Non qualificata ND NQ 0 / 0 0–0
WTA 1000
  Doha /   Dubai[1] A 2T A 1T 2T 0 / 3 2–3
  Indian Wells A 4T QF ND 1T 0 / 3 7–3
  Miami A 1T QF ND 4T 0 / 3 6–3
  Madrid Assente ND 1T 0 / 1 0–1
  Roma Assente QF SF 2T 0 / 3 7–3
  Montréal / Toronto Assente ND A 0 / 0 0–0
  Cincinnati A 1T A 1T 1T 0 / 3 0–3
  Wuhan A 1T A Non disputato 0 / 1 0–1
  Pechino Assente Non disputato 0 / 0 0–0
Carriera
Tornei giocati 7 16 10 10 20 63
Titoli 1 0 0 0 0 1
Finali 1 0 3 0 1 5
Totale V–S 8–6 14–16 21–8 8–10 32–18 84–58
Vittorie % 57% 47% 72% 44% 64% 59.15%
Ranking di fine anno 67 67 16 21 $4.184.272
Note

DoppioModifica

Torneo 2017 2018 2019 2020 2021 Titoli V–S
Tornei del Grande Slam
  Australian Open A 1T SF 1T 0 / 3 4–3
  Open di Francia A 1T 2T 0 / 2 1–1
  Wimbledon QF 1T A ND 0 / 2 3–2
  US Open 1T Assente 0 / 1 0–1
Totale V–S 3–2 0–3 5–1 0–1 8–7

NoteModifica

  1. ^ Roland Garros 2019, Vondrousova rimonta la Konta: affronterà la Barty in finale, su quotidiano.net, 7 giugno 2019.
  2. ^ Vondrousova: "Triste per la sconfitta, ma tutti si ricorderanno di me", su tennisworlditalia.com, 9 giugno 2019.
  3. ^ WTA Ranking: Barty nuova n.2, Vondrousova irrompe in top20, su ubitennis.com, 10 giugno 2019.
  4. ^ Open Italia: Svitolina eliminata, passa Vondrousova, su lagazzettadelmezzogiorno.it, 19 settembre 2020.
  5. ^ Internazionali di Roma: Una Pliskova in gran forma si (ri)prende la finale, su ubitennis.com, 20 settembre 2020.
  6. ^ Giuseppe Di Paola, WTA Chicago, vincono gli infortuni: Jabeur e Muguruza si contenderanno il titolo, su Ubitennis, 3 ottobre 2021. URL consultato il 5 ottobre 2021.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica