Apri il menu principale

Gökhan Inler

calciatore svizzero
(Reindirizzamento da Gokhan Inler)
Gökhan Inler
AUT vs. SUI 2015-11-17 (178) (cropped).jpg
Inler con la maglia della Svizzera nel 2015
Nazionalità Svizzera Svizzera
Turchia Turchia (nel 2006)
Altezza 183 cm
Peso 80 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Squadra İstanbul Başakşehir
Carriera
Giovanili
1989-1998 Wangen bei Olten
1998-2002 Soletta
2002-2004 Basilea
Squadre di club1
2004-2005 Basilea II3 (0)
2005-2006 Aarau25 (3)
2006-2007 Zurigo53 (3)
2007-2011 Udinese141 (6)
2011-2015 Napoli118 (9)
2015-2016 Leicester City5 (0)
2016-2017 Beşiktaş14 (0)
2017-İstanbul Başakşehir27 (1)
Nazionale
2005 Svizzera Svizzera U-213 (0)
2006 Turchia Turchia U-211 (0)
2006-2015 Svizzera Svizzera89 (7)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 22 dicembre 2018

Gökhan Inler (Olten, 27 giugno 1984) è un calciatore svizzero di origine turca, centrocampista dell'İstanbul Başakşehir.

Indice

Caratteristiche tecnicheModifica

È un centrocampista centrale ambidestro, in grado di disimpegnarsi sia nella fase difensiva che in quella offensiva.[1][2] Predilige giocare davanti alla difesa[1] con compiti di impostazione, tagliando il campo con frequenti cambi di gioco e lanciando in profondità gli attaccanti.[1] È un abile colpitore di testa e possiede un tiro forte e preciso da fuori area.[1][2]

CarrieraModifica

ClubModifica

Gli esordi in SvizzeraModifica

 
Inler (a sinistra) in azione, in uno stacco aereo, con la maglia dello Zurigo nel 2007.

Nato e cresciuto ad Olten, nel Canton Soletta, da genitori turchi (il padre, deceduto in un incidente stradale, era originario di Tekirdağ, nella regione di Marmara, mentre la madre è originaria di Samsun, nella regione del Mar Nero), possiede sia la cittadinanza svizzera sia quella turca[3].

A 5 anni entra a far parte della squadra locale, il Wangen bei Olten[3], passando quindi nel 1998 al Football Club Soletta[3]. Nel 2002 viene acquistato dal Basilea, che lo aggrega alla propria squadra giovanile[3]. L'allenatore del club, Christian Gross, non lo prende in considerazione per la prima squadra[1].

Nell'estate del 2004 si presenta quindi al club turco del Fenerbahçe, allora in ritiro nella vicina Germania, ma per volontà dell'allenatore dei gialloneri Christoph Daum il contatto si risolve con un nulla di fatto[1].

Ritorna così in Svizzera, dove viene aggregato alla seconda squadra del Basilea in Prima Lega (la terza divisione elvetica), quindi nel gennaio del 2005 viene acquistato dall'Aarau, con la cui maglia il 20 marzo 2005 debutta nella massima serie svizzera e trova spazio con continuità.

All'inizio del 2006 passa allo Zurigo[4] con cui vince due titoli nazionali, precedendo in classifica in entrambi casi proprio il Basilea,[1] ed entra nel giro della Nazionale maggiore elvetica[1].

L'approdo in Italia: UdineseModifica

Vicinissimo al Palermo e cercato anche da squadre tedesche[5], nell'estate 2007 viene acquistato dall'Udinese per 2 milioni di euro[6], firmando un contratto fino al 2012. Schierato in posizione centrale di centrocampo davanti alla linea difensiva dall'allenatore Pasquale Marino[1], debutta in Serie A il 27 agosto 2007 allo Stadio Giuseppe Meazza in Inter-Udinese terminata 1-1. Realizza la prima rete in massima serie il 31 ottobre dello stesso anno in Udinese-Torino 2-1, mentre la seconda arriva il 30 marzo 2008 contro la Fiorentina. Chiude il primo campionato in Friuli con 37 presenze e 2 reti, esprimendosi con continuità ad ottimi livelli[1].

Nella stagione 2008-2009 realizza un solo gol, quello del definitivo 3-1 ai danni del Palermo, alla prima giornata di campionato. Trova inoltre i suoi primi gol nelle coppe europee firmando due reti in Coppa UEFA, la prima ai danni del Borussia Dortmund e l'altra nei quarti di finale contro il Werder Brema[7].

La stagione seguente, nella quale i friulani si ritrovano inaspettatamente a lottare per non retrocedere, vede il calciatore elvetico giocare quasi tutte le partite senza però andare a segno. Realizza un importante gol in Coppa Italia ai danni del Milan, marcatura che sancisce l'eliminazione dei rossoneri dal torneo e garantisce ai bianconeri l'accesso in semifinale[8].

Nel campionato 2010-2011, schierato come centrale nella mediana a 3 di Francesco Guidolin[1], realizza la prima rete alla 25ª giornata ai danni del Cesena, siglando di sinistro il momentaneo 2-0 per l'Udinese allo Stadio Dino Manuzzi, in una partita conclusasi con la vittoria friulana per 3-0[9]. La seconda rete la segna in casa contro il Catania con un tiro al volo da fuori area, sbloccando una partita che si conclude poi 2-0 e che porta l'Udinese al terzo posto momentaneo in classifica[10]. La terza marcatura stagionale la realizza al San Paolo contro il Napoli (2-1 il risultato finale per i bianconeri), sbloccando anche in questo caso il risultato con un destro da fuori area[11].

Al termine della stagione, chiusa dai friulani al quarto posto con conseguente qualificazione ai preliminari di Champions League, viene inserito nel Miglior Undici del campionato, stilato sulla base della media dei voti attribuiti dai quotidiani nazionali[12]. Nei quattro anni trascorsi in maglia bianconera colleziona complessivamente 162 presenze e 9 reti tra campionato e coppe.

Il trasferimento al NapoliModifica

 
Gökhan Inler in azione, con la maglia del Napoli nel 2013.

L'11 luglio 2011 viene acquistato dal Napoli[13][14] per 8,8 milioni di euro. Il trasferimento del calciatore, che firma un contratto quinquennale fino al 30 giugno 2016[15], viene annunciato contestualmente alla presentazione delle divise partenopee per la stagione 2011-2012[16][17]. In maglia azzurra ritrova il suo compagno di reparto in nazionale e ai tempi dello Zurigo, Blerim Džemaili, arrivato nella medesima sessione di mercato[18].

Esordisce in maglia azzurra il 10 settembre 2011 nella trasferta di campionato contro il Cesena, prima partita della stagione, terminata 3-1 per i partenopei.[19] Quattro giorni dopo esordisce anche nella massima competizione europea, la UEFA Champions League (di cui aveva giocato solo un turno preliminare ai tempi dello Zurigo), nella partita in trasferta contro il Manchester City, terminata 1-1[20], venendo inoltre inserito dall'UEFA nel miglior undici della prima giornata del torneo, unico giocatore di una squadra italiana[21].

Segna il primo gol in maglia azzurra il 7 dicembre 2011 proprio nella trasferta di Champions League contro il Villarreal, segnando il primo dei due gol con cui i partenopei vincono la gara e accedono in tal modo agli ottavi di finale[22]. Va a segno anche nel ritorno degli ottavi di finale a Stamford Bridge contro i futuri campioni del Chelsea, rete che però non serve ad evitare l'eliminazione dei partenopei[23].

Il 20 maggio 2012 vince il suo primo trofeo italiano, la Coppa Italia, disputando da titolare la vittoriosa finale di Roma contro la Juventus[24]. Colleziona complessivamente 49 presenze stagionali, di cui 41 da titolare.

Il 17 novembre 2012 realizza la prima rete in campionato con la maglia partenopea, segnando il gol del momentaneo 1-0 in casa contro il Milan (partita terminata poi 2-2). Due settimane dopo, il 2 dicembre, mette a segno la sua prima doppietta in carriera nella vittoria al San Paolo per 5-1 dei partenopei contro il Pescara, grazie a due conclusioni da fuori area[25]. Il 13 gennaio 2013 sigla contro il Palermo la quarta rete in campionato (ancora da fuori area) stabilendo in tal modo il nuovo record personale di gol in una singola stagione[26]. In seguito ritocca ulteriormente il record realizzando complessivamente 6 reti in 31 presenze, ma spesso nella parte finale del torneo gli viene preferito il connazionale Blerim Džemaili[27].

Nella stagione successiva, sotto la guida del nuovo tecnico azzurro Rafael Benítez, rientra stabilmente nell'11 titolare della squadra partenopea[27]. Il 3 maggio ha vinto la Coppa Italia contro la Fiorentina (3-1)[28]. Il 22 dicembre sostituisce David López nel corso della Supercoppa Italiana contro la Juventus e ai tiri di rigore finali ha messo a segno il quarto che ha assegnato al Napoli il trofeo[29].

Per il suo attaccamento alla città di Napoli e alla squadra cittadina è diventato cittadino onorario di Napoli[30].

In Inghilterra al Leicester City: il trionfo in Premier LeagueModifica

Il 19 agosto 2015 si trasferisce in Premier League, firmando un contratto triennale con il Leicester City. Nella stessa stagione vince la Premier League con il Leicester City, pur senza scendere quasi mai in campo (a fine stagione saranno solamente 5 le presenze in Premier League)[31].

Turchia: Beşiktaş e İstanbul BaşakşehirModifica

Il 31 agosto 2016, dopo una stagione da riserva in Inghilterra, si trasferisce in Turchia firmando un triennale con il Beşiktaş. Il 9 luglio 2017 rescinde il contratto che lo legava alla squadra turca, per poi firmare un triennale con l'İstanbul Başakşehir, sempre in Turchia.

NazionaleModifica

In possesso della doppia cittadinanza turco-elvetica[3], ha militato nella selezione Under-21 sia della Svizzera (3 presenze) che della Turchia (2 presenze)[15].

A livello di Nazionale maggiore, tuttavia, opta per la selezione svizzera, con cui esordisce il 2 settembre 2006 nell'amichevole contro il Venezuela (1-0) disputata a Basilea[15]. Realizza la prima rete il 22 marzo 2007 nell'amichevole di Fort Lauderdale contro la Giamaica, siglando uno dei due gol che regalano la vittoria agli elvetici[3]. Entrato stabilmente nel giro della nazionale, partecipa all'Europeo 2008, ospitato dalla sua nazione congiuntamente all'Austria e nel quale colleziona tre presenze.

Convocato per il Mondiale 2010 in Sudafrica, gioca tutte e tre le partite disputate dalla Svizzera, eliminata al primo turno, e indossa per la prima volta la fascia di capitano nel vittorioso match inaugurale contro i futuri campioni della Spagna[32]. Viene designato ufficialmente capitano dopo il ritiro di Alexander Frei dalla nazionale, nel 2011, a partire dalla sfida di Londra contro l'Inghilterra (2-2) valida per le qualificazioni all'Europeo 2012[33]. Convocato per il Mondiale 2014, Inler gioca da titolare e da capitano le quattro partite della nazionale elvetica, eliminata agli ottavi di finale dall'Argentina, vittoriosa 1-0 dopo i tempi supplementari.

Continua a essere chiamato in maglia rossocrociata fino al 2015, totalizzando 89 presenze e 7 reti prima di lasciare i gradi di capitano a Stephan Lichtsteiner.

StatisticheModifica

Presenze e reti nei clubModifica

Statistiche aggiornate al 24 gennaio 2019.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2004-gen. 2005   Basilea II 1L 3 0 CS 0 0 - - - - - - 3 0
gen.-giu. 2005   Aarau SL 14 3 CS 1 0 - - - - - - 15 3
2005-gen. 2006 SL 11 0 CS 1 0 - - - - - - 12 0
Totale Aarau 25 3 2 0 27 3
gen.-giu. 2006   Zurigo SL 17 2 CS 1 0 - - - - - - 18 2
2006-2007 SL 36 1 CS 5 1 UCL[34] 2 0 - - - 43 2
Totale Zurigo 53 3 6 1 2 0 61 4
2007-2008   Udinese A 37 2 CI 3 0 - - - - - - 40 2
2008-2009 A 36 1 CI 1 0 CU 12 2 - - - 49 3
2009-2010 A 33 0 CI 4 1 - - - - - 37 1
2010-2011 A 35 3 CI 1 0 - - - - - 36 3
Totale Udinese 141 6 9 1 12 2 - - 162 9
2011-2012   Napoli A 36 0 CI 5 0 UCL 8 2 - - - 49 2
2012-2013 A 31 6 CI 1 0 UEL 6 0 SI 1 0 39 6
2013-2014 A 32 2 CI 5 0 UCL+UEL 5+3 1+1 - - - 45 4
2014-2015 A 19 1 CI 2 0 UCL+UEL 0+11 0 SI 1 0 33 1
Totale Napoli 118 9 13 0 33 4 2 0 166 13
2015-2016   Leicester City PL 5 0 FACup+CdL 2+3 0 - - - - - - 10 0
2016-2017   Beşiktaş SL 14 0 TK 6 0 UCL+UCL 5+5 0 - - - 30 0
2017-2018   İstanbul Başakşehir SL 22 1 TK 3 0 UCL+UEL 4[35]+6 0 - - - 35 1
2018-2019 SL 5 0 TK 4 0 UEL 1[35] 0 - - - 10 0
Totale Istanbul Basaksehir 27 1 7 0 11 0 - - 45 1
Totale carriera 386 22 48 2 68 6 2 0 504 30

Cronologia presenze e reti in nazionaleModifica

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Svizzera
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
2-9-2006 Basilea Svizzera   1 – 0   Venezuela Amichevole -   81’
6-9-2006 Ginevra Svizzera   2 – 0   Costa Rica Amichevole -   46’
15-11-2006 Basilea Svizzera   1 – 2   Brasile Amichevole -   85’
7-2-2007 Düsseldorf Germania   3 – 1   Svizzera Amichevole -   78’
22-3-2007 Fort Lauderdale Giamaica   0 – 2   Svizzera Amichevole 1
25-3-2007 Miami Colombia   3 – 1   Svizzera Amichevole -   46’
2-6-2007 Basilea Svizzera   1 – 1   Argentina Amichevole -   83’
22-8-2007 Ginevra Svizzera   2 – 1   Paesi Bassi Amichevole -
7-9-2007 Vienna Svizzera   2 – 1   Cile Amichevole -   87’
11-9-2007 Klagenfurt am Wörthersee Svizzera   3 – 4   Giappone Amichevole -   78’
13-10-2007 Zurigo Svizzera   3 – 1   Austria Amichevole -
17-10-2007 Basilea Svizzera   0 – 1   Stati Uniti Amichevole -
20-11-2007 Zurigo Svizzera   0 – 1   Nigeria Amichevole -
6-2-2008 Londra Inghilterra   2 – 1   Svizzera Amichevole -
26-3-2008 Basilea Svizzera   0 – 4   Germania Amichevole -   65’
24-5-2008 Lugano Svizzera   2 – 0   Slovacchia Amichevole -
30-5-2008 San Gallo Svizzera   3 – 0   Liechtenstein Amichevole -
7-6-2008 Basilea Svizzera   0 – 1   Rep. Ceca Euro 2008 - 1º Turno -
11-6-2008 Basilea Svizzera   1 – 2   Turchia Euro 2008 - 1º Turno -
15-6-2008 Basilea Svizzera   2 – 0   Portogallo Euro 2008 - 1º Turno -
20-8-2008 Basilea Svizzera   4 – 1   Cipro Amichevole -   62’
6-9-2008 Tel Aviv Israele   2 – 2   Svizzera Qual. Mondiali 2010 -
10-9-2008 Zurigo Svizzera   1 – 2   Lussemburgo Qual. Mondiali 2010 -
11-10-2008 San Gallo Svizzera   2 – 1   Lettonia Qual. Mondiali 2010 -
15-10-2008 Atene Grecia   1 – 2   Svizzera Qual. Mondiali 2010 -
19-11-2008 San Gallo Svizzera   1 – 0   Finlandia Amichevole -
11-2-2009 Ginevra Svizzera   1 – 1   Bulgaria Amichevole -
28-3-2009 Chișinău Moldavia   0 – 2   Svizzera Qual. Mondiali 2010 -
1-4-2009 Ginevra Svizzera   2 – 0   Moldavia Qual. Mondiali 2010 -
12-8-2009 Basilea Svizzera   0 – 0   Italia Amichevole -
10-10-2009 Lussemburgo Lussemburgo   0 – 3   Svizzera Qual. Mondiali 2010 -
14-10-2009 Basilea Svizzera   0 – 0   Israele Qual. Mondiali 2010 -   45’
14-11-2009 Ginevra Svizzera   0 – 1   Norvegia Amichevole -
3-3-2010 San Gallo Svizzera   1 – 3   Uruguay Amichevole 1 cap.
1-6-2010 Sion Svizzera   0 – 1   Costa Rica Amichevole -   61’
5-6-2010 Ginevra Svizzera   1 – 1   Italia Amichevole 1
16-6-2010 Durban Spagna   0 – 1   Svizzera Mondiali 2010 - 1º Turno - cap.
21-6-2010 Port Elizabeth Cile   1 – 0   Svizzera Mondiali 2010 - 1º turno -   60’
25-6-2010 Bloemfontein Svizzera   0 – 0   Honduras Mondiali 2010 - 1º Turno - cap.
11-8-2010 Klagenfurt Austria   0 – 1   Svizzera Amichevole - cap.
3-9-2010 San Gallo Svizzera   0 – 0   Australia Amichevole -
7-9-2010 Basilea Svizzera   1 – 3   Inghilterra Qual. Euro 2012 -
8-10-2010 Podgorica Montenegro   1 – 0   Svizzera Qual. Euro 2012 -
12-10-2010 Basilea Svizzera   4 – 1   Galles Qual. Euro 2012 1
17-11-2010 Ginevra Svizzera   2 – 2   Ucraina Amichevole -   46’
9-2-2011 La Valletta Malta   0 – 0   Svizzera Amichevole -   73’
26-3-2011 Sofia Bulgaria   0 – 0   Svizzera Qual. Euro 2012 -
4-6-2011 Londra Inghilterra   2 – 2   Svizzera Qual. Euro 2012 - cap.
10-8-2011 Vaduz Liechtenstein   1 – 2   Svizzera Amichevole - cap.
6-9-2011 Basilea Svizzera   3 – 1   Bulgaria Qual. Euro 2012 - cap.
7-10-2011 Swansea Galles   2 – 0   Svizzera Qual. Euro 2012 - cap.
11-10-2011 Basilea Svizzera   2 – 0   Montenegro Qual. Euro 2012 - cap.
11-11-2011 Amsterdam Paesi Bassi   0 – 0   Svizzera Amichevole - cap.
15-11-2011 Città di Lussemburgo Lussemburgo   0 – 1   Svizzera Amichevole - cap.   46’
29-2-2012 Berna Svizzera   1 – 3   Argentina Amichevole - cap.   73’
26-5-2012 Basilea Svizzera   5 – 3   Germania Amichevole - cap.   66’
30-5-2012 Lucerna Svizzera   0 – 1   Romania Amichevole - cap.
15-8-2012 Spalato Croazia   2 – 4   Svizzera Amichevole - cap.   46’
7-9-2012 Lubiana Slovenia   0 – 2   Svizzera Qual. Mondiali 2014 1 cap.
11-9-2012 Lucerna Svizzera   2 – 0   Albania Qual. Mondiali 2014 1 cap.   88’
12-10-2012 Berna Svizzera   1 – 1   Norvegia Qual. Mondiali 2014 - cap.
16-10-2012 Reykjavík Islanda   0 – 2   Svizzera Qual. Mondiali 2014 - cap.
14-11-2012 Susa Tunisia   1 – 2   Svizzera Amichevole - cap.
6-2-2013 Atene Grecia   0 – 0   Svizzera Amichevole -
23-3-2013 Nicosia Cipro   0 – 0   Svizzera Qual. Mondiali 2014 - cap.
8-6-2013 Ginevra Svizzera   1 – 0   Cipro Qual. Mondiali 2014 - cap.   45’
10-9-2013 Oslo Norvegia   0 – 2   Svizzera Qual. Mondiali 2014 - cap.
11-10-2013 Tirana Albania   1 – 2   Svizzera Qual. Mondiali 2014 - cap.
15-10-2013 Berna Svizzera   1 – 0   Slovenia Qual. Mondiali 2014 - cap.
15-11-2013 Seul Corea del Sud   2 – 1   Svizzera Amichevole - cap.
5-3-2014 San Gallo Svizzera   2 – 2   Croazia Amichevole - cap.   62’
30-5-2014 Lucerna Svizzera   1 – 0   Giamaica Amichevole -   46’
3-6-2014 Lucerna Svizzera   2 – 0   Perù Amichevole - cap.
15-6-2014 Brasilia Svizzera   2 – 1   Ecuador Mondiali 2014 - 1º turno - cap.
20-6-2014 Salvador Svizzera   2 – 5   Francia Mondiali 2014 - 1º turno - cap.
25-6-2014 Manaus Honduras   0 – 3   Svizzera Mondiali 2014 - 1º turno - cap.
1-7-2014 San Paolo Argentina   1 – 0 dts   Svizzera Mondiali 2014 - Ottavi di finale - cap.
8-9-2014 Basilea Svizzera   0 – 2   Inghilterra Qual. Euro 2016 - cap.
9-10-2014 Maribor Slovenia   1 – 0   Svizzera Qual. Euro 2016 - cap.   82’
15-11-2014 San Gallo Svizzera   4 – 0   Lituania Qual. Euro 2016 - cap.
18-11-2014 Breslavia Polonia   2 – 2   Svizzera Amichevole - cap.   46’
27-3-2015 Lucerna Svizzera   3 – 0   Estonia Qual. Euro 2016 - cap.
31-3-2015 Zurigo Svizzera   1 – 1   Stati Uniti Amichevole - cap.   46’
14-6-2015 Vilnius Lituania   1 – 2   Svizzera Qual. Euro 2016 - cap.   58’
8-9-2015 Londra Inghilterra   2 – 0   Svizzera Qual. Euro 2016 - cap.
9-10-2015 San Gallo Svizzera   7 – 0   San Marino Qual. Euro 2016 1 cap.
12-10-2015 Tallinn Estonia   0 – 1   Svizzera Qual. Euro 2016 - cap.
13-11-2015 Trnava Slovacchia   3 – 2   Svizzera Amichevole - cap.   74’
17-11-2015 Vienna Austria   1 – 2   Svizzera Amichevole - cap.   60’
Totale Presenze (6º posto) 89 Reti 7

PalmarèsModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g h i j k Napoli, occhio a Gökhan Inler[collegamento interrotto], ilfriuli.it
  2. ^ a b Il Napoli si fa lo "Swatch": finalmente Inler Archiviato l'11 ottobre 2011 in Internet Archive., pianetanapoli.it
  3. ^ a b c d e f Ritratto di Gökhan Inler Archiviato il 17 luglio 2011 in Internet Archive., inler.ch
  4. ^ "Svizzera: Inler Convocato", tsr.ch
  5. ^ Quando Inler fu ad un passo... Archiviato il 23 giugno 2015 in Internet Archive. Calciomercato.com
  6. ^ Francesco Velluzzi, Ora l'Udinese vale 100 milioni in più, in gazzetta.it, 15 febbraio 2011. URL consultato il 18 febbraio 2011.
  7. ^ Gökhan Inler - Coppa UEFA 2008-2009, worldfootball.net
  8. ^ Milan-Udinese 0-1, rossoneri fuori dalla Coppa Italia Archiviato il 30 gennaio 2010 in Internet Archive., calciomercato.it
  9. ^ Udinese, odore di Champions. E il Cesena cola a picco, gazzetta.it
  10. ^ L'Udinese non perde un colpo. 2-0 al Catania: Guidolin è terzo, gazzetta.it
  11. ^ Napoli, svanisce il sogno. L'Udinese è realtà: 1-2, gazzetta.it
  12. ^ Televideo, su televideo.rai.it. URL consultato il 25 giugno 2010 (archiviato dall'url originale il 9 luglio 2011).
  13. ^ Tutti i trasferimenti - Napoli Archiviato il 22 luglio 2010 in Internet Archive. Legaseriea.it
  14. ^ Inler: "Ho scelto Napoli per vincere", sscnapoli.it
  15. ^ a b c Il profilo di Gökhan Inler[collegamento interrotto], transfermarkt.it
  16. ^ Napoli, ecco Inler il 'leone': «Qui per vincere», corrieredellosport.it, 11 luglio 2011. URL consultato il 28 giugno 2014 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).
  17. ^ De Laurentiis-show sulla nave, presentato Inler ai tifosi del Napoli[collegamento interrotto], tiscali.it, 12 luglio 2011. URL consultato il 28 giugno 2014.
  18. ^ Dzemaili: Napoli era il mio pallino, ho detto a Inler di venire in azzurro con me, sscnapoli.it
  19. ^ Cesena-Napoli 1-3, sscnapoli.it.
  20. ^ Manchester City-Napoli 1-1, uefa.com, 14 settembre 2011.
  21. ^ Squadra della Settimana Player Rater, uefa.com, 16 settembre 2011.
  22. ^ Napoli, grande impresa. Vola agli ottavi di Champions, gazzetta.it, 7 dicembre 2011.
  23. ^ Napoli, il sogno è finito. Il Chelsea vola ai quarti, gazzetta.it, 14 marzo 2012.
  24. ^ Coppa Italia al Napoli. Primo k.o. della Juve, gazzetta.it, 20 maggio 2012.
  25. ^ Napoli-Pescara 5-1, valanga azzurra, doppietta di Cavani e Inler, ilmattino.it, 2 dicembre 2012.
  26. ^ Inler carica Armero dopo la vittoria. Ecco cosa si sono detti i due azzurri, calcionapoli24.it, 14 gennaio 2013.
  27. ^ a b ESCLUSIVA TMW - Ag. Inler: "Con Benitez è rinato. Mazzarri? L'Inter lo cercò", tuttomercatoweb.com, 19 settembre 2013.
  28. ^ Finale Coppa Italia, Fiorentina-Napoli 1-3. Doppio Insigne, gol di Vargas e Mertens, gazzetta.it, 3 maggio 2014. URL consultato il 13 febbraio 2015.
  29. ^ Supercoppa argentina: Tevez- Higuain 2-2, ma ai rigori gioisce solo il Pipita, gazzetta.it, 22 dicembre 2014. URL consultato il 13 febbraio 2015.
  30. ^ Gökhan Inler
  31. ^ (EN) Gokhan Inler Joins Leicester City (lcfc.com), 19 agosto 2015.
  32. ^ (EN) Spain - Switzerland 0-1, fifa.com
  33. ^ Inghilterra - Svizzera 2-2, uefa.com
  34. ^ Turno preliminare.
  35. ^ a b Nei turni preliminari.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica