Campionato europeo di calcio 2008

13º campionato europeo di calcio
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "UEFA Euro 2008" rimanda qui. Se stai cercando il videogioco, vedi UEFA Euro 2008 (videogioco).
Campionato europeo di calcio 2008
Fußball-Europameisterschaft 2008
Championnat d'Europe de football 2008
Campiunadi d'Europa da ballape 2008
Logo della competizione
Competizione Campionato europeo di calcio
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione 13ª
Date dal 7 giugno 2008
al 29 giugno 2008
Luogo Austria Austria
Svizzera Svizzera
(8 città)
Partecipanti 16 (52 alle qualificazioni)
Impianto/i 8 stadi
Risultati
Vincitore Spagna Spagna
(2º titolo)
Finalista Germania Germania
Semi-finalisti Turchia Turchia
Russia Russia[1]
Statistiche
Miglior giocatore Spagna Xavi[2]
Miglior marcatore Spagna David Villa (4)
Incontri disputati 31
Gol segnati 77 (2,48 per incontro)
Pubblico 1 140 902
(36 803 per incontro)
Spain Euro 08 celebration 3.jpg
La Spagna celebra la vittoria del secondo titolo europeo della sua storia
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 2004 2012 Right arrow.svg

Il campionato europeo di calcio 2008 o EURO 2008, noto anche come Austria-Svizzera 2008, è stata la tredicesima edizione dell'omonimo torneo, organizzato ogni quattro anni dall'Union of European Football Associations (UEFA)[3].

Svoltosi in Austria ed in Svizzera, ha avuto inizio sabato 7 giugno 2008 e si è concluso domenica 29 giugno, giorno della finale svoltasi a Vienna tra le nazionali spagnola e tedesca, vinta dagli spagnoli per 1-0 con un gol di Fernando Torres.

Al torneo presero parte sedici squadre nazionali europee; due di esse, l'Austria e la Svizzera, erano qualificate di diritto in quanto le loro Federazioni appartenevano ai Paesi ospitanti la competizione; le altre quattordici erano uscite da una serie di qualificazioni durate dal settembre 2006 al novembre 2007.

InnovazioniModifica

Il regolamento sulla squalifica dei giocatori per somma di ammonizioni venne modificato il 20 maggio 2008 dal Consiglio dell'UEFA. Da allora, infatti, le ammonizioni sono azzerate al termine dei quarti di finale e non alla conclusione della fase a gironi[4]. In questo modo, ha spiegato il Presidente dell'UEFA Michel Platini, si evita che un giocatore sia squalificato per la finale, premiando i giocatori che hanno raggiunto tale traguardo. I giocatori che non possono disputare la finale in quanto squalificati rimangono quindi solo quelli che hanno ricevuto un'espulsione in semifinale o ai quali è stata assegnata una squalifica di più giornate durante una precedente partita.

QualificazioniModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Qualificazioni al campionato europeo di calcio 2008.

Di seguito si riporta una tabella riassuntiva dei gironi di qualificazione: sono evidenziate in verdino le nazionali qualificate, in rosa quelle escluse dalla competizione europea.

Gruppo A Gruppo B Gruppo C Gruppo D Gruppo E Gruppo F Gruppo G
  Polonia
  Portogallo
  Italia
  Francia
  Grecia
  Turchia
  Rep. Ceca
  Germania
  Croazia
  Russia
  Spagna
  Svezia
  Romania
  Paesi Bassi
  Finlandia
  Serbia
  Belgio
  Kazakistan
  Armenia*
  Azerbaigian*
  Scozia
  Ucraina
  Lituania
  Georgia
  Fær Øer
  Norvegia
  Bosnia ed Erzegovina
  Moldavia
  Ungheria
  Malta
  Irlanda
  Slovacchia
  Galles
  Cipro
  San Marino
  Inghilterra
  Israele
  Macedonia
  Estonia
  Andorra
  Irlanda del Nord
  Danimarca
  Lettonia
  Islanda
  Liechtenstein
  Bulgaria
  Bielorussia
  Albania
  Slovenia
  Lussemburgo

* Armenia e Azerbaigian giocano solo 12 partite delle 14 previste per decisione UEFA non accordandosi sulle modalità di svolgimento delle gare tra le due nazionali. Non vengono assegnati punti per queste partite.

Sono qualificate d'ufficio ad Euro 2008 Austria e Svizzera in qualità di paesi ospitanti.

Scelta della nazione organizzatriceModifica

Austria e Svizzera si aggiudicarono l'organizzazione di Euro 2008 dopo essersi confrontate con le altre candidature propostesi per ospitare la manifestazione: Grecia/Turchia, Scozia/Irlanda (ritiratasi per la mancata disponibilità del Croke Park), Russia, Ungheria, Croazia/Bosnia ed Erzegovina e la candidatura nordica a quattro composta da Norvegia, Svezia, Danimarca e Finlandia. L'Austria si era già candidata in passato assieme all'Ungheria per ospitare il torneo continentale dell'edizione 2004, organizzazione poi affidata al Portogallo.

Prima delle ultime votazioni rimasero in gara le candidature di Austria/Svizzera, Ungheria e Grecia/Turchia; quest'ultima venne scartata, mentre le altre due si contesero l'assegnazione nella votazione finale.

StadiModifica

Furono otto gli stadi scelti per ospitare la manifestazione:

Vienna Klagenfurt Wals-Siezenheim (Salisburgo) Innsbruck
Ernst Happel Stadion Hypo-Arena Stadion Wals-Siezenheim Tivoli-Neu Stadion
Capienza: 53 295 Capienza: 31 957 Capienza: 31 020 Capienza: 31 600
       
Campionato europeo di calcio 2008 (Austria)
Campionato europeo di calcio 2008 (Svizzera)
Basilea Berna Lancy (Ginevra) Zurigo
St. Jakob-Park Stade de Suisse Wankdorf Stade de Genève Stadio Letzigrund
Capienza: 42 000 Capienza: 31 907 Capienza: 31 228 Capienza: 30 000
       

Originariamente tra gli otto stadi era previsto l'Hardturm di Zurigo, ma a causa di alcuni problemi venne sostituito dal Letzigrund. Per gli scontri ad eliminazione diretta, quindi dai quarti in poi, si è giocato esclusivamente a Basilea e Vienna. Lo stadio della finale è stato l'Ernst Happel Stadion.

Squadre partecipantiModifica

Pr. Squadra Data di qualificazione certa Partecipante in quanto Partecipazioni precedenti al torneo
1   Austria 12 dicembre 2002 Rappresentativa della nazione co-organizzatrice della fase finale Esordio
2   Svizzera 12 dicembre 2002 Rappresentativa della nazione co-organizzatrice della fase finale 2 (1996, 2004)
3   Germania 13 ottobre 2007 2ª classificata nel gruppo D di qualificazione 9 (1972, 1976, 1980, 1984, 1988, 1992, 1996, 2000, 2004)[5]
4   Grecia 17 ottobre 2007 1ª classificata nel gruppo C di qualificazione 2 (1980, 2004)
5   Rep. Ceca 17 ottobre 2007 1ª classificata nel gruppo D di qualificazione 6 (1960, 1976, 1980, 1996, 2000, 2004)[6]
6   Romania 17 ottobre 2007 1ª classificata nel gruppo G di qualificazione 3 (1984, 1996, 2000)
7   Polonia 17 novembre 2007 1ª classificata nel gruppo A di qualificazione Esordio
8   Italia 17 novembre 2007 1ª classificata nel gruppo B di qualificazione 6 (1968, 1980, 1988, 1996, 2000, 2004)
9   Francia 17 novembre 2007 2ª classificata nel gruppo B di qualificazione 6 (1960, 1984, 1992, 1996, 2000, 2004)
10   Croazia 17 novembre 2007 1ª classificata nel gruppo E di qualificazione 2 (1996, 2004)
11   Spagna 17 novembre 2007 1ª classificata nel gruppo F di qualificazione 7 (1964, 1980, 1984, 1988, 1996, 2000, 2004)
12   Paesi Bassi 17 novembre 2007 2ª classificata nel gruppo G di qualificazione 7 (1976, 1980, 1988, 1992, 1996, 2000, 2004)
13   Portogallo 21 novembre 2007 2ª classificata nel gruppo A di qualificazione 4 (1984, 1996, 2000, 2004)
14   Turchia 21 novembre 2007 2ª classificata nel gruppo C di qualificazione 2 (1996, 2000)
15   Russia 21 novembre 2007 2ª classificata nel gruppo E di qualificazione 8 (1960, 1964, 1968, 1972, 1988, 1992, 1996, 2004)[7]
16   Svezia 21 novembre 2007 2ª classificata nel gruppo F di qualificazione 3 (1992, 2000, 2004)

Nota bene: nella sezione "partecipazioni precedenti al torneo" le date in grassetto indicano che la nazione ha vinto quella edizione del torneo, mentre le date in corsivo indicano l'edizione ospitata da una determinata squadra.

Arbitri e assistentiModifica

Nazione Arbitro Assistenti
  Austria Konrad Plautz Egon Bereuter Markus Mayr
  Belgio Frank De Bleeckere Peter Hermans Alex Verstraeten
  Inghilterra Howard Webb Darren Cann Mike Mullarkey
  Germania Herbert Fandel Carsten Kadach Volker Wezel
  Grecia Kyros Vassaras Dimitiris Bozartzidis Dimitiris Saraidaris
  Italia Roberto Rosetti Alessandro Griselli Paolo Calcagno
  Paesi Bassi Pieter Vink Adriaan Inia Hans Ten Hoove
  Norvegia Tom Henning Øvrebø Geir Age Holen Jan Petter Randen
  Slovacchia Ľuboš Micheľ Roman Slysko Martin Balko
  Spagna Manuel Mejuto González Juan Carlos Yuste Jimenez Jesus Calvo Guadamuro
  Svezia Peter Fröjdfeldt Stefan Wittberg Henrik Andren
  Svizzera Massimo Busacca Matthias Arnet Stephane Cuhat

Ufficiali di bordo campoModifica

Nazione Quarto uomo
  Croazia Ivan Bebek
  Polonia Grzegorz Gilewski
  Francia Stéphane Lannoy
  Portogallo Olegário Benquerença
  Ungheria Viktor Kassai
  Scozia Craig Thomson
  Islanda Kristinn Jakobsson
  Slovenia Damir Skomina

ConvocazioniModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Convocazioni per il campionato europeo di calcio 2008.

Andamento del torneoModifica

Fase a gironiModifica

Girone AModifica

 
L'ingresso in campo di Portogallo e Repubblica Ceca, terza partita del girone A.

La gara inaugurale fu tra la Svizzera padrona di casa e la Repubblica Ceca e terminò con la vittoria dei cechi per 1-0 (rete di Svěrkoš). I vice campioni d'Europa del Portogallo, dopo aver sconfitto 2-0 la Turchia grazie alle reti di Pepe e Raúl Meireles,[8] si qualificarono per i quarti di finale con la vittoria per 3-1 sui cechi: Deco portò in vantaggio i portoghesi, poi arrivò il pari di Sionko a cui seguirono le reti di C. Ronaldo e Quaresma[9]. La Turchia trovò la prima vittoria della competizione battendo la Svizzera 2-1 (all'iniziale vantaggio svizzero con Hakan Yakın risposero Semih Şentürk e Arda Turan); tale risultato condannò all'eliminazione i padroni di casa.

Nelle ultime due gare del girone, la Svizzera, già eliminata, batté a sorpresa il Portogallo per 2-0 (doppietta di Hakan Yakın), mentre la Turchia sconfisse 3-2 la Repubblica Ceca, conseguendo una storica qualificazione: i cechi passarono in vantaggio con Koller, poi raddoppiarono con Plašil, ma dal 70° i turchi diedero inizio la rimonta, accorciando le distanze con Arda Turan e ribaltando la gara grazie alla doppietta di Nihat che segnò entrambe le reti a fine secondo tempo[10]. Nonostante la sconfitta contro la Svizzera, il Portogallo vinse il gruppo A davanti alla Turchia grazie alla migliore differenza reti.

Girone BModifica

 
Modrić si appresta a battere il calcio di rigore che permetterà alla Croazia di aggiudicarsi la gara d'esordio contro l'Austria padrona di casa.

Anche l'altra padrona di casa, l'Austria, esordì con una sconfitta: gli austriaci vennero battuti dalla Croazia per 1-0, gara decisa da un rigore di Modrić realizzato al quarto minuto di gioco. Nell'altra gara, la Germania sconfisse 2-0 la Polonia grazie alla doppietta di Podolski. La Croazia strappò la qualificazione già nella seconda gara, battendo 2-1 la Germania (reti di Srna e Olić per i croati e Podolski per i tedeschi), mentre Austria e Polonia pareggiarono 1-1 (al momentaneo vantaggio di Guerreiro rispose la rete di Vastić su rigore nei minuti di recupero del secondo tempo).

Con la vittoria di misura sulla Polonia per 1-0 (rete di Klasnić), la Croazia si assicurò il primo posto del girone[11]. La qualificazione ai quarti fu ottenuta anche dalla Germania che nell'ultima gara sconfisse 1-0 l'Austria grazie alla rete di capitan Ballack[12].

Girone CModifica

 
Una fase di gioco di Olanda-Italia, gara vinta a sorpresa dagli Oranje che inflissero ai campioni del mondo in carica un netto 3-0.

Il gruppo C venne definito «girone di ferro», considerata la presenza di Italia e Francia, finaliste del campionato mondiale di due anni prima[13]. L'Olanda si aggiudicò il primato con l'en-plein di successi: sconfisse prima gli azzurri con un netto 3-0 (reti di van Nistelrooy, Sneijder e van Bronckhorst) e poi i transalpini con un altrettanto roboante 4-1 (reti di Kuijt, van Persie e Sneijder per gli olandesi e Henry per i francesi), chiudendo con una vittoria sulla Romania per 2-0 (reti di Huntelaar e van Persie)[14].

Dopo la sconfitta all'esordio contro gli Oranje, i campioni del mondo italiani non andarono oltre l'1-1- con la Romania: Mutu portò in vantaggio i rumeni, ma un minuto dopo Panucci riportò la gara in parità; a dieci minuti dalla fine, Buffon parò un rigore a Mutu, evitando agli azzurri una precoce eliminazione dal torneo. L'Italia strappò l'accesso ai quarti all'ultima giornata, battendo la Francia ed approfittando della vittoria degli Oranje ai danni dei romeni. In una riedizione della finale mondiale di due anni prima, gli azzurri andarono a segno con Pirlo su rigore e De Rossi su punizione, distruggendo le speranze dei Blues che, per quasi tutta la gara, erano anche rimasti in dieci uomini per l'espulsione di Abidal[13].

Girone DModifica

 
L'ingresso in campo di Spagna e Svezia, terza gara del girone D.

L'ultimo raggruppamento vide contrapporsi Spagna, Grecia e Russia, sorteggiati insieme anche quattro anni prima, insieme alla Svezia. Le Furie Rosse vinsero tre partite sue tre. All'esordio sconfissero la Russia per 4-1 (tripletta di Villa e rete di Fabregas, mentre Pavljučenko siglò l'unica rete per i russi), poi batterono la Svezia (reti di Torres, pareggio di Ibrahimović e gol vittoria di Villa nei minuti di recupero del secondo tempo) e la Grecia (vantaggio dei greci con Charisteas, pareggio di de la Red e gol vittoria di Güiza)[15].

La Grecia, campione d'Europa in carica, deluse le aspettative, venendo subito estromessa dal torneo. All'esordio perse 2-0 contro la Svezia (reti di Ibrahimović e Hansson), poi subì una sconfitta di misura contro la Russia (1-0, rete di Zyrjanov) prima di incappare nel già citato k.o. con gli iberici. A capeggiare la classifica fu quindi la Spagna, qualificata assieme alla Russia; venne invece estromessa la Svezia che, nell'ultima gara del girone, perse 2-0 proprio contro i russi (reti di Pavljučenko e Aršavin)[16].

Quarti di finaleModifica

Il primo quarto si disputò tra Germania e Portogallo, con i tedeschi che si portarono sul 2-0 già nel primo tempo (reti di Schweinsteiger e Klose. Nel secondo tempo, Nuno Gomes riaccese le speranze dei portoghesi, siglando il gol del momentaneo 2-1. I tedeschi chiusero la contesa grazie alla rete di capitan Ballack, mentre la rete di Postiga fissò il risultato sul 3-2 definitivo[17].

La sfida tra Turchia e Croazia si risolse ai rigori, dopo che i supplementari erano terminati 1-1: Klasnić portò in vantaggio i croati al 119°, ma Semih Şentürk rispose con un incredibile all'ultimo secondo: gli slavi fallirono tre conclusioni dal dischetto con Modrić, Rakitić e Petrić, lasciando così il torneo[18].

 
L'entrata in campo di Olanda e Russi, gara che terminò con la clamorosa eliminazione degli Oranje.

La Russia passò in vantaggio contro l'Olanda grazie a Pavljučenko, subendo il pari con van Nistelrooy nella ripresa: ai supplementari, gli arancioni subirono le reti di Torbinskij e Aršavin, crollando 3-1[19].

Anche la partita tra Italia e Spagna si decise dagli 11 metri, dopo una gara ben povera di emozioni: la sequenza finale premiò gli iberici, con il punteggio di 4-2. A condannare i campioni del mondo furono gli errori di De Rossi e Di Natale, mentre l'unico a non andare a segno dgli iberici fu Güiza; il rigore decisivo venne trasformato da Fàbregas che qualificò la Spagna alla semifinale[20].

SemifinaliModifica

La Turchia, con una squadra decimata da infortuni e squalifiche, disputò la prima semifinale della sua storia nella manifestazione continentale, arrendendosi però alla Germania, che vinse ancora per 3-2. Boral portò in vantaggio i turchi, ma i tedeschi risposero con Schweinsteiger e Klose. Semih Şentürk riportò il match in parità, ma al 90° Lahm siglò la rete del definito 3-2, beffando gli avversari e qualificando la Germania alla finale[21].

L'altro incontro mise di fronte Spagna e Russia, già sfidatesi durante i gironi: le Furie Rosse ebbero la meglio per 3-0 (reti di Xavi, Güiza e Silva), ritrovando la finale dopo ventiquattro anni[22]. I russi conquistarono invece il miglior piazzamento dal 1991, ovvero dalla scomparsa dell'Unione Sovietica.

FinaleModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Finale del campionato europeo di calcio 2008.
 
Torres, autore dell'unico gol che decise la finale del campionato europeo 2008.

Nella capitale austriaca, furono Spagna e Germania a contendersi il titolo. Nella finale giocata il 29 giugno allo stadio Ernst Happel di Vienna, gli spagnoli cercarono la loro seconda vittoria nel torneo continentale dopo il campionato europeo del 1964, mentre la Germania puntò a vincere il suo quarto Europeo dopo quello del 1972, 1980 e 1996.

Privo dell'infortunato Villa, il commissario tecnico degli spagnoli, Aragonés, preferì giocare con il solo Torres davanti, schierando subito Fabregas che aveva fatto molto bene contro la Russia. Il commissario tecnico dei tedeschi, Löw riuscì a recuperare capitan Ballack, reduce da un problema al polpaccio che lo aveva messo in dubbio alla vigilia[23].

Al 33° Xavi lanciò proprio "El Niño" che superò in velocità Lahm, anticipò il portiere tedesco Lehmann e siglò il gol decisivo[24]. I tedeschi non riuscirono a raggiungere il pari e, così, gli iberici, dopo aver sfiorato più volte il raddoppio, conquistarono il secondo titolo europeo della loro storia[23].

La Spagna concluse il torneo da imbattuta, avendo vinto tutte le partite del torneo (ad eccezione di quella con l'Italia, terminata solo ai rigori), e con il miglior attacco (12 gol)[23]. Tre calciatori della Roja si aggiudicarono i riconoscimenti di miglior portiere (Casillas), capocannoniere (Villa) e miglior giocatore (Xavi).

Fase finaleModifica

 
Piazzamenti delle nazionali

Fase a gironiModifica

I criteri di qualificazione ai quarti di finale.

Ai quarti di finale si qualificavano le prime due squadre di ogni girone. In caso di parità si guardavano:

  • punti negli scontri diretti;
  • differenza reti negli scontri diretti;
  • gol negli scontri diretti;
  • differenza reti generale;
  • gol segnati nel girone;
  • coefficiente di federazione;
  • fair play;
  • sorteggio.

Agli effetti pratici, però, gli ultimi due discriminanti erano inutili, avendo ognuna delle sedici partecipanti un diverso coefficiente.

Inoltre, se in una delle due gare dell'ultima giornata del girone si fossero incontrate due squadre che avessero conquistato fino a quel momento lo stesso numero di punti, segnando e subendo lo stesso numero di reti, e qualora tale gara fosse terminata in parità sarebbero stati battuti i calci di rigore dal cui esito sarebbe dipesa la classifica delle due squadre (in pratica, "sostituendo" il coefficiente di federazione).

Tale procedura, presente anche nell'edizione 2004, è però applicabile a patto che nessuna delle altre due squadre del girone potesse ritrovarsi, anche solo teoricamente, con gli stessi punti delle due squadre in questione. Ad esempio: Rep. Ceca-Turchia del Gruppo A prevedeva i calci di rigore, in quanto né PortogalloSvizzera potevano terminare a quattro punti, mentre nel Gruppo C per Francia-Italia non erano previsti i rigori, in quanto anche la Romania avrebbe potuto terminare a quota due punti. Ad ogni modo, non è mai stato necessario ricorrere a tale soluzione.

Gruppo AModifica

ClassificaModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1.   Portogallo 6 3 2 0 1 5 3 +2
2.   Turchia 6 3 2 0 1 5 5 0
3.   Rep. Ceca 3 3 1 0 2 4 6 -2
4.   Svizzera 3 3 1 0 2 3 3 0
RisultatiModifica
Basilea
7 giugno 2008, ore 18:00 UTC+2
Svizzera  0 – 1
referto
  Rep. CecaSt. Jakob-Park (39.730 spett.)
Arbitro:   Rosetti

Ginevra
7 giugno 2008, ore 20:45 UTC+2
Portogallo  2 – 0
referto
  TurchiaStade de Genève (29.106 spett.)
Arbitro:   Fandel

Ginevra
11 giugno 2008, ore 18:00 UTC+2
Rep. Ceca  1 – 3
referto
  PortogalloStade de Genève (29.016 spett.)
Arbitro:   Vassaras

Basilea
11 giugno 2008, ore 20:45 UTC+2
Svizzera  1 – 2
referto
  TurchiaSt. Jakob-Park (39.730 spett.)
Arbitro:   Michel'

Basilea
15 giugno 2008, ore 20:45 UTC+2
Svizzera  2 – 0
referto
  PortogalloSt. Jakob-Park (39.730 spett.)
Arbitro:   Plautz

Ginevra
15 giugno 2008, ore 20:45 UTC+2
Turchia  3 – 2
referto
  Rep. CecaStade de Genève (29.016 spett.)
Arbitro:   Fröjdfeldt

Gruppo BModifica

ClassificaModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1.   Croazia 9 3 3 0 0 4 1 +3
2.   Germania 6 3 2 0 1 4 2 +2
3.   Austria 1 3 0 1 2 1 3 -2
4.   Polonia 1 3 0 1 2 1 4 -3
RisultatiModifica
Vienna
8 giugno 2008, ore 18:00 UTC+2
Austria  0 – 1
referto
  CroaziaErnst Happel Stadion (51.428 spett.)
Arbitro:   Vink

Klagenfurt
8 giugno 2008, ore 20:45 UTC+2
Germania  2 – 0
referto
  PoloniaWörthersee Stadion (30.461 spett.)
Arbitro:   Øvrebø

Klagenfurt
12 giugno 2008, ore 18:00 UTC+2
Croazia  2 – 1
referto
  GermaniaWörthersee Stadion (30.461 spett.)
Arbitro:   De Bleeckere

Vienna
12 giugno 2008, ore 20:45 UTC+2
Austria  1 – 1
referto
  PoloniaErnst Happel Stadion (51.428 spett.)
Arbitro:   Webb

Klagenfurt
16 giugno 2008, ore 20:45 UTC+2
Polonia  0 – 1
referto
  CroaziaWörthersee Stadion (30.461 spett.)
Arbitro:   Vassaras

Vienna
16 giugno 2008, ore 20:45 UTC+2
Austria  0 – 1
referto
  GermaniaErnst Happel Stadion (51.428 spett.)
Arbitro:   Mejuto González

Gruppo CModifica

ClassificaModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1.   Paesi Bassi 9 3 3 0 0 9 1 +8
2.   Italia 4 3 1 1 1 3 4 -1
3.   Romania 2 3 0 2 1 1 3 -2
4.   Francia 1 3 0 1 2 1 6 -5
RisultatiModifica
Zurigo
9 giugno 2008, ore 18:00 UTC+2
Romania  0 – 0
referto
  FranciaStadio Letzigrund (30.585 spett.)
Arbitro:   Mejuto González

Berna
9 giugno 2008, ore 20:45 UTC+2
Paesi Bassi  3 – 0
referto
  ItaliaStade de Suisse (30.777 spett.)
Arbitro:   Fröjdfeldt

Zurigo
13 giugno 2008, ore 18:00 UTC+2
Italia  1 – 1
referto
  RomaniaStadio Letzigrund (30.585 spett.)
Arbitro:   Øvrebø

Berna
13 giugno 2008, ore 20:45 UTC+2
Paesi Bassi  4 – 1
referto
  FranciaStade de Suisse (30.777 spett.)
Arbitro:   Fandel

Berna
17 giugno 2008, ore 20:45 UTC+2
Paesi Bassi  2 – 0
referto
  RomaniaStade de Suisse (30.777 spett.)
Arbitro:   Busacca

Zurigo
17 giugno 2008, ore 20:45 UTC+2
Francia  0 – 2
referto
  ItaliaStadio Letzigrund (30.585 spett.)
Arbitro:   Micheľ

Gruppo DModifica

ClassificaModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1.   Spagna 9 3 3 0 0 8 3 +5
2.   Russia 6 3 2 0 1 4 4 0
3.   Svezia 3 3 1 0 2 3 4 -1
4.   Grecia 0 3 0 0 3 1 5 -4
RisultatiModifica
Innsbruck
10 giugno 2008, ore 18:00 UTC+2
Spagna  4 – 1
referto
  RussiaTivoli-Neu Stadion (30.772 spett.)
Arbitro:   Plautz

Salisburgo
10 giugno 2008, ore 20:45 UTC+2
Grecia  0 – 2
referto
  SveziaStadion Wals-Siezenheim (31.063 spett.)
Arbitro:   Busacca

Innsbruck
14 giugno 2008, ore 18:00 UTC+2
Svezia  1 – 2
referto
  SpagnaTivoli-Neu Stadion (30.772 spett.)
Arbitro:   Vink

Salisburgo
14 giugno 2008, ore 20:45 UTC+2
Grecia  0 – 1
referto
  RussiaStadion Wals-Siezenheim (31.063 spett.)
Arbitro:   Rosetti

Salisburgo
18 giugno 2008, ore 20:45 UTC+2
Grecia  1 – 2
referto
  SpagnaStadion Wals-Siezenheim (30.883 spett.)
Arbitro:   Webb

Innsbruck
18 giugno 2008, ore 20:45 UTC+2
Russia  2 – 0
referto
  SveziaTivoli-Neu Stadion (30.772 spett.)
Arbitro:   De Bleeckere

Albero della fase ad eliminazione direttaModifica

Quarti di finale Semifinali Finale
                   
Basilea 19 giugno - 20:45        
 1A.   Portogallo  2
Basilea 25 giugno - 20:45
 2B.   Germania  3  
   Germania  3
Vienna 20 giugno - 20:45
     Turchia  2  
 1B.   Croazia  1 (1)
Vienna 29 giugno - 20:45
 2A.   Turchia (dtr)  1 (3)  
   Germania  0
Basilea 21 giugno - 20:45
     Spagna  1
 1C.   Paesi Bassi  1
Vienna 26 giugno - 20:45
 2D.   Russia (dts)  3  
   Russia  0
Vienna 22 giugno - 20:45
     Spagna  3  
 1D.   Spagna (dtr)  0 (4)
 2C.   Italia  0 (2)  

Quarti di finaleModifica

Basilea
19 giugno 2008, ore 20:45 UTC+2
Portogallo  2 – 3
referto
  GermaniaSt. Jakob-Park (39.374 spett.)
Arbitro:   Fröjdfeldt

Vienna
20 giugno 2008, ore 20:45 UTC+2
Croazia  1 – 1
(d.t.s.)
referto
  TurchiaErnst Happel Stadion (51.428 spett.)
Arbitro:   Rosetti

Basilea
21 giugno 2008, ore 20:45 UTC+2
Paesi Bassi  1 – 3
(d.t.s.)
referto
  RussiaSt. Jakob-Park (38.374 spett.)
Arbitro:   Michel'

Vienna
22 giugno 2008, ore 20:45 UTC+2
Spagna  0 – 0
(d.t.s.)
referto
  ItaliaErnst Happel Stadion (48.000 spett.)
Arbitro:   Fandel

SemifinaliModifica

Basilea
25 giugno 2008, ore 20:45 UTC+2
Germania  3 – 2
referto
  TurchiaSt. Jakob-Park (39.374 spett.)
Arbitro:   Busacca

Vienna
26 giugno 2008, ore 20:45 UTC+2
Russia  0 – 3
referto
  SpagnaErnst Happel Stadion (51.428 spett.)
Arbitro:   De Bleeckere

FinaleModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Finale del campionato europeo di calcio 2008.
Vienna
29 giugno 2008, ore 20:45 UTC+2
Germania  0 – 1
referto
  SpagnaStadio Ernst Happel (51428 spett.)
Arbitro:   Rosetti

Vincitore Euro 2008
 
Spagna
Secondo titolo

StatisticheModifica

Classifica marcatoriModifica

4 reti
3 reti
2 reti
1 rete

RecordModifica

PremiModifica

Squadra del torneo[26]
Portieri Difensori Centrocampisti Attaccanti

  Gianluigi Buffon
  Iker Casillas
  Edwin van der Sar

  José Bosingwa
  Philipp Lahm
  Carlos Marchena
  Pepe
  Carles Puyol
  Jurij Žirkov

  Hamit Altıntop
  Luka Modrić
  Marcos Senna
  Xavi Hernández
  Konstantin Zyrjanov
  Michael Ballack
  Cesc Fàbregas
  Andrés Iniesta
  Lukas Podolski
  Wesley Sneijder

  Andrej Aršavin
  Roman Pavljučenko
  Fernando Torres
  David Villa

La squadra vincitriceModifica

  Spagna
Numero Giocatore Squadra 2008
Portieri
1 Iker Casillas   Real Madrid
13 Andrés Palop   Siviglia
23 José Manuel Reina   Liverpool
Difensori
2 Raúl Albiol   Valencia
3 Fernando Navarro   Maiorca
4 Carlos Marchena   Valencia
5 Carles Puyol   Barcellona
11 Joan Capdevila   Villarreal
15 Sergio Ramos   Real Madrid
18 Álvaro Arbeloa   Liverpool
20 Juanito   Betis Siviglia
Centrocampisti
6 Andrés Iniesta   Barcellona
8 Xavi   Barcellona
10 Cesc Fàbregas   Arsenal
12 Santiago Cazorla   Villarreal
14 Xabi Alonso   Liverpool
19 Marcos Senna   Villarreal
21 David Silva   Valencia
22 Rubén de la Red   Getafe
Attaccanti
7 David Villa   Valencia
9 Fernando Torres   Liverpool
16 Sergio García de la Fuente   Real Saragozza
17 Daniel Güiza   Maiorca
Commissario tecnico: Luis Aragonés

NoteModifica

  1. ^ Vincitrici della medaglia di bronzo, cfr. (EN) Regulations of the UEFA European Football Championship 2006/08 (PDF), su uefa.com, p. 3. URL consultato il 2 luglio 2012.
  2. ^ (EN) Xavi emerges as EURO's top man, su uefa.com, 30 giugno 2008.
  3. ^ UEFA EURO 2008, su it.uefa.com.
  4. ^ Nuova regola per le ammonizioni [collegamento interrotto], su www1.it.uefa.com, it.uefa.com, 20 maggio 2008. URL consultato il 12 luglio 2010.
  5. ^ Fino al 1988 partecipante come Germania Ovest.
  6. ^ Fino al 1980 partecipante come Cecoslovacchia.
  7. ^ Fino al 1988 partecipante come Unione Sovietica, mentre nel 1992 partecipante come Comunità degli Stati Indipendenti.
  8. ^ Riccardo Pratesi, Portogallo bello e sprecone Turchia battuta 2-0, su gazzetta.it, 7 giugno 2008.
  9. ^ Ronaldo segna e fa segnare il Portogallo passa ai quarti, su repubblica.it, 11 giugno 2008.
  10. ^ Corrado Zunino, La notte della grande rimonta: Turchia ai quarti, in la Repubblica, 16 giugno 2008, p. 49.
  11. ^ La Croazia centra il tris di vittorie Nei quarti affronterà la Turchia, su repubblica.it, 16 giugno 2008.
  12. ^ Pier Luigi Todisco, Germania ai quarti Poco gioco, tanto Ballack, su gazzetta.it, 16 giugno 2008.
  13. ^ a b Valerio Gualerzi, Grande De Rossi, l'Italia c'è Francia battuta, si va ai quarti, su repubblica.it, 17 giugno 2008.
  14. ^ Antonino Morici, Olanda da impazzire: 2-0 Romania eliminata, su gazzetta.it, 17 giugno 2008.
  15. ^ La Spagna non fa regali ai greci A Rehhagel non basta l'orgoglio, su repubblica.it, 18 giugno 2008.
  16. ^ Lara Vecchio, Euro 2008: fuori la Svezia di Ibrahimovic, ai quarti la Russia del "mago" Hiddink, su ilsole24ore.com, 19 giugno 2008.
  17. ^ Panzer, Schweinsteiger nel motore Ronaldo si arrende, Germania avanti, su repubblica.it, 19 giugno 2008.
  18. ^ La "zona turca" colpisce ancora, su it.eurosport.com, 21 giugno 2008.
  19. ^ Russia, una partita da favola l'Olanda torna a casa, su repubblica.it, 21 giugno 2008.
  20. ^ Gaetano De Stefano, Italia, che peccato! Fuori ai rigori con la Spagna, su gazzetta.it, 22 giugno 2008.
  21. ^ La Germania è la prima finalista Lahm beffa al 90' l'ottima Turchia, su repubblica.it, 25 giugno 2008.
  22. ^ La Spagna non dà scampo ai russi Tre gol, finale dopo 24 anni, su repubblica.it, 26 giugno 2008.
  23. ^ a b c La Spagna campione d'Europa Un gol di Torres: Germania ko, su repubblica.it, 29 giugno 2008.
  24. ^ EUROPEO ALLA SPAGNA! Battuta la Germania 1-0, su gazzetta.it, 29 giugno 2008.
  25. ^ È Xavi il migliore dell'EURO [collegamento interrotto], su it.uefa.com, 30 giugno 2008. URL consultato il 12 luglio 2010.
  26. ^ La squadra ideale parla spagnolo [collegamento interrotto], su it.uefa.com, 30 giugno 2008. URL consultato il 12 luglio 2010.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN9442148390856710830007 · LCCN (ENnb2013009487 · GND (DE1122674163 · WorldCat Identities (ENviaf-9442148390856710830007
  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio