Società Sportiva Dilettantistica Pro Sesto

Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Pro Sesto" rimanda qui. Se stai cercando la società di atletica leggera, vedi Pro Sesto Atletica.
SSD Pro Sesto
Calcio Football pictogram.svg
Prosestostemma.png
Biancocelesti
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali Bianco e Celeste (Strisce Orizzontali).png Bianco e celeste
Dati societari
Città Sesto San Giovanni
Nazione Italia Italia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Italy.svg FIGC
Campionato Serie D
Fondazione 1913
Rifondazione 1927
Rifondazione 1945
Rifondazione 2010
Presidente Italia Nicola Radici
Allenatore Italia Francesco Parravicini
Stadio Breda
(4.500 posti)
Sito web www.acprosesto.it
Palmarès
Si invita a seguire il modello di voce

La Società Sportiva Dilettantistica Pro Sesto è la principale società calcistica di Sesto San Giovanni (MI). Nella stagione 2016-2017 milita nel girone A della Serie D, quarto livello del campionato italiano di calcio. Il sodalizio, nato nel 2010, ha ereditato la tradizione sportiva dell'A.C. Pro Sesto s.r.l., fondata nel 1913, che in quell'anno era retrocessa dalla Lega Pro Seconda Divisione per poi fallire.

La squadra disputa le partite casalinghe allo Stadio Breda che ha una capienza di 4.000 posti. I colori sociali sono il bianco e il celeste.

Dal settore giovanile della società sestese sono usciti calciatori come Cristian Brocchi, Francesco Parravicini, Fabio Macellari e Massimo Carrera ma anche personaggi che hanno costruito la propria carriera in ambiti extracalcistici: è il caso del pilota di Formula 1 Ivan Capelli e dell'editore Urbano Cairo, presidente del Torino.

Indice

StoriaModifica

Dagli albori agli anni trentaModifica

 
I soci fondatori della Pro Sesto.

Nei primi anni del Novecento il calcio fa la comparsa nell'hinterland milanese, parallelamente alla nascita della grande industria pesante.[1] Nel 1913, grazie allo sforzo economico di alcuni appassionati di questo nuovo sport, nasce la Società Ginnico Sportiva Pro Sesto.[1] Alla guida del neonato sodalizio viene posto Iginio Trasi che oltre alla funzione di presidente svolge anche la mansione di allenatore, insegnando i princìpi di questo sport ai giovani reclutati nelle strade della città.[1] La prima sede della Pro Sesto trova spazio presso l'Albergo della Grotta, situato in viale Marelli.[1] In un prato dietro alla pensione viene realizzato il primo terreno di gioco dei biancocelesti: un campo rudimentale, le cui recinzioni esterne erano costituite da corde e le porte avevano dei pali asportabili. I problemi finanziari spinsero i dirigenti ad un risparmio sulle divise di gioco: per inserire il celeste sulle maglie bianche i calciatori erano costretti a cucirsi una fascia verticale di stoffa.

 
Pro Sesto-Bergamasca 1-1 del 21 dicembre 1919.

La Pro Sesto si affilia alla FIGC nel 1914 iscrivendosi al Campionato Regionale di Terza Categoria organizzato dal Comitato Regionale Lombardo, ottenendo un lusinghiero 3º posto per una società alle prime armi. Proprio perché alle prime armi, è per un clamoroso errore della segreteria sestese che dal Comunicato n. 18 del 20 gennaio 1915 del C.R.L. possiamo leggere i nomi dei primi "pelotisti" sestesi:

« "Giuocatori mancanti della tessera federale. - Pei seguenti giuocatori, i quali hanno partecipato a gare di campionato di III Categoria, il 17 corrente, senza essere muniti della tessera federale, si prega il Segretario della F.I.G.C., presente alla seduta, di verificare se essi hanno diritto alla tessera stessa: Molina Ettore, Cortesina Erminio, Tognoni Abramo, Carcano Nerino, Bianchi Giuseppe, Cattini Carlo, Orsenigo Umberto, Mami Umberto, Guffanti Carlo, Mami Giuseppe e Ferrari Ettore della Pro Sesto." »

La prima partita ufficiale, certificata dalla Federazione, giocata dalla Società Ginnico Sportiva Pro Sesto è datata 17 gennaio del 1915, allorquando i sestesi affrontarono la Nazionale Lombardia. Il match termino per 2-1 in favore dei biancazzurri.[2]

La guerra interrompe ogni tipo di attività sportiva dal 1915 fino al 1919 quando, grazie all'impegno del nuovo presidente Guido Tozzi e del vice Bottilana, la Pro Sesto si reiscrive ai campionati Lombardi, partecipando al girone B di Promozione 1919-20 e venendo subito promossa in Prima Categoria, il massimo livello dell'arcaico campionato italiano di calcio.[1] Per la società l'impegno finanziario è al di fuori delle proprie possibilità e, così come successo anche alla Pirelli ad un paio di chilometri di distanza, finito il campionato la società non continua l'attività sportiva dopo la stagione 1921-22. L'inattività fu resa nota dalla Presidenza Federale con comunicato del 10 marzo 1922. I giocatori furono quasi equamente spartiti tra le due altre compagini sestesi in attività ovvero il Gruppo Sportivo Marelli ed il Gruppo Sportivo Breda.[1]

La società fu ricostituita all'inizio della stagione 1927-1928, grazie al sostegno di oltre duecento soci, con il nome di Unione Sportiva Pro Sesto, ripartendo dalla Quarta Divisione nell'ultima stagione in cui il Direttorio Regionale Lombardo dovette organizzarla prima della sua definitiva soppressione. La stagione però andò molto male, con il sesto posto in classifica su otto squadre. Vinse la Fulgor di Milano. Il regime fascista impose dunque la fusione con il Gruppo Sportivo Breda, sebbene dopo un solo anno il sodalizio vi fu definitivamente accorpato, scomparendo di fatto dal panorama calcistico nazionale.[1]

 Lo stesso argomento in dettaglio: Gruppo Sportivo Falck.

Il calcio a Sesto San Giovanni proseguì con altre società nate negli anni venti e trenta, che ebbero maggior fortuna dei biancocelesti. La principale fu il Gruppo Sportivo Acciaierie e Ferriere Lombarde Falck - fondato nel 1924-, formato dagli operai dell'omonima industria milanese che riuscirono nell'impresa di raggiungere la Serie C, rimanendovi per alcuni anni e disputando anche le fasi eliminatorie della Coppa Italia.[1][3][4] Il campo di gioco si trovava nella parte periferica dell'azienda e fu necessaria la costruzione di una tribuna in legno per accogliere i numerosi curiosi ed appassionati che accorsero ad assistere alle partite. Parallelamente nacquero diverse società minori, operanti a livello giovanile, come l'Ausonia, la Pro Vittoria ed i Giovani Calciatori Sestesi.[1]

Dagli anni quaranta agli anni novantaModifica

La Pro Sesto, nel periodo del secondo dopoguerra, vive i momenti migliori della sua storia, disputando per quattro stagioni consecutive il campionato di Serie B. Nel 1945 nacque, sulle ceneri del GS Falck e dei Giovani Calciatori Sestesi, una nuova società; il neonato sodalizio, fondendosi con la Falck - classificatasi al quarto posto nel girone C della Serie C 1942-43 - ne acquisì i diritti sportivi, e inoltre rivendicò alla Commissione presieduta dall'avvocato Giovanni Mauro i torti subiti dal regime per la fusione coatta, venendo ammesso al torneo misto riservato a squadre di Serie B e C del Nord Italia. L'US Pro Sesto vi si piazzò all'ottavo posto, conquistando il diritto di partecipare al successivo torneo di Serie B.[1]

Sotto la presidenza Merati e con in panchina Eraldo Monzeglio vennero disputati quattro campionati cadetti. Nel 1946-1947 la squadra sestese si piazza all'undicesimo posto, ottenendo un prestigioso successo contro il Como e vincendo tutti i derby milanesi tra le mura amiche, eccezion fatta per l'incontro con il Seregno, perso per 1-0. Nella stagione successiva avviene il ridimensionamento dei quadri da parte della Federazione: da tre gironi a 18 squadre ad un unico girone a 22 squadre. Per salvarsi è necessario arrivare al settimo posto; la Pro Sesto raggiunge l'ultima piazza disponibile per la permanenza nel campionato cadetto ma in coabitazione con il Crema. Le due squadre si incontrano a Melzo il 4 luglio 1948: la Pro Sesto ha la meglio sulla formazione cremasca per 2-1 e si assicura così un altro anno nella Serie B.[1]

 
Pro Sesto-Legnago 2-0 dell'8 aprile 1972.

L'annata 1948-1949 è la migliore in assoluto per la formazione sestese. Al termine di un campionato sopra le righe i biancocelesti si classificano in settima posizione, lasciandosi alle spalle Legnano, SPAL, Alessandria e Hellas Verona. Un risultato eccezionale, tenendo conto il blasone delle avversarie. La squadra milanese ottiene importanti risultati, come la vittoria sul promosso Venezia e lo 0-0 contro il Napoli.[1] Successivamente, nel giro di tre anni, la Pro Sesto ritornerà nel campionato regionale di Promozione.

Nel 1963, in seguito alla fusione con l'AC Sestese, la società assume il nome di Associazione Calcio Pro Sesto.[5]

La seconda metà degli anni settanta è caratterizzata dalla presenza di Olinto Bega.[1]

 
Una formazione di fine anni ottanta.

A partire dal 1985 inizia l'era Peduzzi, Pasini, Fontana, triade presidenziale che con l'allenatore Alfredo Spada. nel 1987, conquista la promozione in Serie C2 e la Pro Sesto torna così nei professionisti.[6] La forza del tandem Peduzzi - Pasini permette ai biancocelesti di raggiungere un altro traguardo importante: nel 1990, con Gianfranco Motta allenatore, i biancocelesti conquistano la Serie C1 e tornano a giocare con avversari di rango quali Bologna, Como, Monza, Empoli, Venezia e Vicenza.[7] Un periodo caratterizzato da grandi soddisfazioni, tra le quali non va dimenticata la partecipazione alla Coppa Italia della Lega Nazionale Professionisti.[1]

Il nuovo millennioModifica

All'inizio del nuovo millennio, la squadra retrocede in Serie C2.[8] La Serie C1 viene riconquistata sul campo alla fine del campionato 2004-2005.[9] Tra gli artefici della promozione, il presidente Luca Pasini. Nel torneo successivo, però, la formazione bianco-blu, dopo un buon inizio, finisce ai play-out e, perdendoli, torna subito in C2. Pasini medita addirittura di non iscrivere la squadra, per fortuna l'ingresso del comune all'interno del sodalizio consente la prosecuzione dell'avventura. Pasini prepara dunque i documenti per il ripescaggio in terza serie. Forte del primo posto nelle graduatorie di merito, la Pro Sesto resta dunque in C1.[10]

Nel 2006-2007 un campionato con alti e bassi caratterizzato da un forte livellamento verso il basso riporta la Pro Sesto ai play-out, contro l'Ivrea. I lombardi non commettono errori come l'anno prima e con il doppio risultato di 0-0, 1-0 spingono gli eporediesi in C2 conquistando una faticosa salvezza.[11]

Nel campionato 2007-2008 i biancocelesti partono bene con la vittoria in casa contro il Foggia e un pareggio a Verona con l'Hellas, ma passano da un periodo nero di 5 sconfitte consecutive stoppate dal 2-1 in casa col Padova, la squadra dopo l'infortunio di Robert Maah ottiene una serie di alti e bassi che la porterà a lottare per la salvezza.[12] Tuttavia la retrocessione in Lega Pro Seconda Divisione, ex serie C2, arriva l'anno successivo quando la Pro Sesto si classifica 14º e perde i play-out contro il Venezia.[13] Nella stagione 2009-2010 retrocede in Serie D. La società fallisce e le è revocata l'affiliazione dalla FIGC.[14]

Il 31 marzo 2010 il club viene dichiarato fallito, sotto la gestione dell'ex ds Luciano Passirani che in estate aveva rilevato la società dalla famiglia Pasini. Sotto l'egida dei curatori fallimentari Maurizio Oggioni e Pino Sorrentino viene concluso il campionato al diciottesimo posto, dunque con la retrocessione in Lega pro Seconda Divisione.[5] Il 10 agosto successivo - visto l'art. 16 delle N.O.I.F. - il Tribunale di Monza revoca all'A.C. Pro Sesto srl l'affiliazione alla Lega Pro.[15] Il 6 luglio nel frattempo era nata una nuova società, denominata Associazione Sportiva Dilettantistica Nuova Pro Sesto - con presidenti Massimo Milos e Massimo Nava - ammessa a disputare il campionato regionale di Promozione Lombardia 2010-2011.[16][17][18] Il primo maggio viene vinto il girone C.[18] Esattamente un anno dopo la società - nel frattempo divenuta Società Sportiva Dilettantistica Pro Sesto - vince il campionato di Eccellenza con cinque giornate di anticipo, ritornando in Serie D.[19]

CronistoriaModifica

Cronistoria della Società Sportiva Dilettantistica Pro Sesto
  • 1913 - Nasce la Società Ginnico Sportiva Pro Sesto.
  • 1914 - Si affilia al Comitato Regionale Lombardo della F.I.G.C..
  • 1914-15 - 3° nel girone C della Terza Categoria Lombarda.
  • 1915-1918 - Attività calcistica sospesa per eventi bellici in corso.
  • 1919-20 - 2° nel girone B della Promozione Lombarda, ammessa al girone di finale. 3° alla finale, è   promossa in Prima Categoria.

  • 1920-21 - 4° nel girone C della Prima Categoria Lombarda dopo la sconfitta nello spareggio contro il Varese.   Retrocede in Promozione.
  • 1922 - Sciolta la prima squadra, la società rinuncia ai campionati F.I.G.C. per continuare l'attività con i giocatori non ancora maggiorenni iscrivendosi ai campionati dell'U.L.I.C..[20]
  • 1922-23 - Vince il campionato di Prima Categoria del Comitato ULIC Monzese.[21]
  • 1923-1927 - Inattiva, probabilmente per motivi finanziari.[22]
  • 1927 - Viene rifondata l'Unione Sportiva Pro Sesto. Si iscrive al campionato di Quarta Divisione organizzato dal Direttorio Regionale Lombardo.
  • 1927-28 - 5° nel girone unico della Quarta Divisione Lombarda.[23]
  • 1928 - La Pro Sesto, costretta alla coatta fusione con il G.S. Breda voluta dai dirigenti fascisti, sparisce dalla geografia calcistica lombarda.

  • 1945 - Dalle ceneri dei Giovani Calciatori Sestesi e del Dopolavoro Acciaierie Falck con due fusioni consecutive[24] rinasce con la denominazione Unione Sportiva Pro Sesto. Acquisisce i diritti sportivi di quest'ultima e viene ammessa al campionato misto di Serie B-C.
  • 1945-46 - 8° nel girone B della Serie Mista B-C dell'Alta Italia. Ammessa d'ufficio in Serie B.
  • 1946-47 - 11° nel girone A della Serie B.
  • 1947-48 - 7° nel girone A della Serie B vincendo lo spareggio col Crema.
  • 1948-49 - 7° in Serie B.
  • 1949-50 - 22° in Serie B.   Retrocessa in Serie C.

  • 1950-51 - 16° nel girone B della Serie C.   Retrocessa in Promozione.
  • 1951-52 - 16° nel girone C della Promozione.   Retrocessa in Promozione Regionale.
  • 1952-53 - 1° nel girone C della Promozione Lombarda.   Promossa in IV Serie.
  • 1953-54 - 4° nel girone B della IV Serie.
  • 1954-55 - 5° nel girone B della IV Serie.
  • 1955-56 - 4° nel girone B della IV Serie.
  • 1956-57 - 17° nel girone B della IV Serie.   Retrocessa nella II Serie dell'Interregionale.
  • 1957-58 - 8° nel girone B dell'Interregionale II Serie.
  • 1958-59 - 10° nel girone B della IV Serie.
  • 1959-60 - 3° nel girone B della Serie D.

  • 1960-61 - 17° nel girone B della Serie D.   Retrocessa in Prima Categoria.
  • 1961-62 - 7° nel girone A della Prima Categoria Lombarda.
  • 1962-63 - 3° nel girone E della Prima Categoria Lombarda. Cambia denominazione in Associazione Calcio Pro Sesto a causa della fusione con l'A.C. Sestese.[25]
  • 1963-64 - 3° nel girone B della Prima Categoria Lombarda.
  • 1964-65 - 2° nel girone B della Prima Categoria Lombarda.
  • 1965-66 - 1° nel girone B della Prima Categoria Lombarda. Vince le finali regionali.   Promossa in Serie D.
  • 1966-67 - 10° nel girone B della Serie D.
  • 1967-68 - 7° nel girone B della Serie D.
  • 1968-69 - 4° nel girone B della Serie D.
  • 1969-70 - 12° nel girone B della Serie D.

  • 1970-71 - 6° nel girone B della Serie D.
  • 1971-72 - 8° nel girone B della Serie D.
  • 1972-73 - 14° nel girone B della Serie D.
  • 1973-74 - 15° nel girone B della Serie D.
  • 1974-75 - 7° nel girone B della Serie D.
  • 1975-76 - 3° nel girone B della Serie D.
  • 1976-77 - 10° nel girone B della Serie D.
  • 1977-78 - 11° nel girone B della Serie D.
  • 1978-79 - 16° nel girone A della Serie D.   Retrocessa in Promozione.
  • 1979-80 - 6° nel girone A della Promozione Lombarda.

  • 1980-81 - 8° nel girone B della Promozione Lombarda.
  • 1981-82 - 1° nel girone A della Promozione Lombarda.   Promossa al Campionato Interregionale.
  • 1982-83 - 3° nel girone B dell'Interregionale.
  • 1983-84 - 6° nel girone B dell'Interregionale.
  • 1984-85 - 9° nel girone B dell'Interregionale.
  • 1985-86 - 3° nel girone B dell'Interregionale.
  • 1986-87 - 1° nel girone B dell'Interregionale.   Promossa in Serie C2.
  • 1987-88 - 8° nel girone B della Serie C2.
  • 1988-89 - 6° nel girone B della Serie C2.
  • 1989-90 - 2° nel girone B della Serie C2.   Promossa in Serie C1.

  • 1990-91 - 7° nel girone A della Serie C1.
  • 1991-92 - 15° nel girone A della Serie C1, avendo vinto lo spareggio con il Casale.
  • 1992-93 - 8° nel girone A della Serie C1.
  • 1993-94 - 6° nel girone A della Serie C1.
  • 1994-95 - 14° nel girone A della Serie C1. Vince i play-out con l'Ospitaletto.
  • 1995-96 - 16° nel girone A della Serie C1. Perde i play-out con lo Spezia.   Retrocessa in Serie C2.
  • 1996-97 - 4° nel girone A della Serie C2. Perde la finale play-off con il Lecco.
  • 1997-98 - 11° nel girone A della Serie C2.
  • 1998-99 - 11° nel girone A della Serie C2.
  • 1999-00 - 9° nel girone A della Serie C2.

  • 2000-01 - 12° nel girone A della Serie C2.
  • 2001-02 - 9° nel girone A della Serie C2.
  • 2002-03 - 5° nel girone A della Serie C2. Perde la semifinale play-off con il Novara.
  • 2003-04 - 9° nel girone A della Serie C2.
  • 2004-05 - 1° nel girone A della Serie C2.   Promossa in Serie C1.
  • 2005-06 - 14° nel girone A della Serie C1. Perde i play-out con il San Marino. Riammessa a completamento organici.
  • 2006-07 - 14° nel girone A della Serie C1. Vince i play-out con l'Ivrea.
  • 2007-08 - 11° nel girone A della Serie C1.
  • 2008-09 - 14° nel girone A della Prima Divisione Lega Pro. Perde i play-out con il Venezia.   Retrocessa in Seconda Divisione Lega Pro.
  • 2009-10 - 18° nel girone A della Seconda Divisione Lega Pro.   Retrocessa in Serie D.
  • 2010 - La società è dichiarata fallita e due aste fallimentari vanno deserte. La FIGC le revoca l'affiliazione e la cancella dai ruoli federali. Nata l'A.S.D. Nuova Pro Sesto, e pagato il relativo deposito cauzionale, viene ammessa dal Comitato Regionale Lombardia della FIGC a disputare il campionato di Promozione.

  • 2010-11 - 1° nel girone C della Promozione Lombardia.   Promosso in Eccellenza Lombardia.
  • 2011-12 - 1° nel girone A dell'Eccellenza Lombardia.   Promosso in Serie D. Cambia denominazione in S.S.D. Pro Sesto.
  • 2012-13 - 16° nel girone B della Serie D.
  • 2013-14 - 7° nel girone B della Serie D.
  • 2014-15 - 15° nel girone B di Serie D. Vince i play-out con il Caravaggio.
Primo turno di Coppa Italia Serie D.
  • 2015-16 - 11° nel girone B di Serie D.
  • 2016-17 - 8° nel girone A di Serie D.
  • 2017-18 - nel girone A di Serie D.

Colore e simboliModifica

ColoriModifica

 
La Pro Sesto 1945-1946, con la tradizionale divisa bianca fasciata.

Fin della fondazione della società i suoi colori sociali sono il bianco e il celeste. La tradizionale divisa è interamente bianca con una fascia orizzontale sul petto.[1] In età arcaica, a causa della difficile situazione economica in cui versavano le casse della società, i calciatori erano tenuti a cucirsi sulla casacca una banda celeste di stoffa, la quale spesso si staccava durante la partita compromettendo l'equilibrio dei calciatori stessi.[1]

In occasione del centenario dalla fondazione della società, caduto nel 2013, i calciatori sestesi indossarono una divisa celebrità la cui realizzazione e la cura dei dettagli furono affidati alla "Fabbrica dello sport". Il completo era composto da una maglietta interamente celeste con il numero 100 stilizzato sul petto, interamente bianco, e calzettoni e calzoncini bianchi.[26]

Simboli ufficialiModifica

StemmaModifica

Lo stemma dell'AC Pro Sesto - fallita nel 2010 - era composto da un'ovale con sfondo bianco diviso al centro in verticale in due parti: a sinistra compariva la tradizionale fascia celeste che caratterizza la divisa, contenente al suo interno la data di fondazione del sodalizio, a destra una torre stilizzata in oro. Nella parte alta della stemma la dicitura "AC" mentre nella parte bassa "PRO SESTO".[27]

Nel 2010 fu fondata la Nuova Pro Sesto, il cui stemma - circolare anziché ovale - fu disegnato da Marco Nava, figlio del presidente e fondatore della società Massimo.[28] All'interno trovavano posto la fascia celeste con la torre dorata sovrapposta. La denominazione societaria era collocata nella parte alta mentre nella parte bassa le due date "1913" e "2010". Successivamente fu adottato uno stemma simile in cui il colore celeste prevaleva in maniera netta sul bianco.[29]

L'ultimo stemma adottato dalla società ricalca il disegno e i particolari di quello dell'AC Pro Sesto, che appaiono tuttavia ammodernati nei dettagli.

InnoModifica

Nel 2011 Roberto Vaina, consigliere comunale di Sesto San Giovanni e appassionato tifoso del sodalizio biancoceleste, ha donato alla società un inno scritto da lui in vernacolo. Vaina nella stesura del testo trasse ispirazione da una lettera che pochi giorni prima Alessandro Nava, allora presidente della Pro Sesto, inviò ai ragazzi del settore giovanile.[30]

StruttureModifica

SocietàModifica

Organigramma societarioModifica

Di seguito l'organigramma dal sito internet ufficiale della società.[31]

 
Staff dell'area amministrativa
Organigramma
  •   Nicola Radici - Presidente
  •   Massimo Nava - Presidente onorario
  •   Mauro Ferrero - Amministratore delegato
  •   Salvatore Zangari - Consigliere
  •   Stefano Crosariol - Consigliere
  •   Paolo Bonini - Consigliere
  •   Gabriele Albertini - Direttore generale
  •   Pierfrancesco Gallizzi - Consigliere alla presidenza
Direzione sportiva
  •   Jacopo Colombo - Direttore sportivo
Segreteria generale
  •   Ermes Regali - Segretario generale
  •   Sandy Maurizi - Amministrazione
Direzione stadio ed infrastrutture
  •   Renato Falconati - Resp. sicurezza e impianti
  •   Mario Tabaro - Biglietteria
  •   Luigi Caccia - Magazzino
  •   Mimmo Liso - Magazzino
  •   Dorel Surujiu - Campi
Settore giovanile
  •   Jacopo Colombo - Responsabile
  •   Mario Sava - Coordinatore area pre-agonistica
  •   Tommaso Pastore - Direttore tecnico area agonistica
  •   Virginia de Simio - Segreteria
  •   Gaetano Melillo - Segreteria
  •   Piero Stefano Domingo - Responsabile dirigenti
  •   Serafina Pitaro - Biglietteria
Stampa
  •   Roberto Di Sanzo - Addetto stampa
  •   Marcello De Noia - Fotografo

Modifica

Di seguito i fornitori tecnici e gli sponsor ufficiali.

 
Cronologia degli sponsor tecnici
 
Cronologia degli sponsor ufficiali

Settore giovanileModifica

 
Gli Allievi campioni d'Italia nel 1989-1990.

Nelle formazioni giovanili della Pro Sesto giocarono l'imprenditore Urbano Cairo e l'ex pilota automobilistico di Formula 1 Ivan Capelli. Il primo vi militò dai 16 ai 18 anni - giocando da esterno alto e indossando la maglia numero 7 -, il secondo invece a partire dalla metà degli anni settanta, optando in seguito per la carriera motoristica.[35][36]

Due formazioni giovanili della Pro Sesto hanno conquistato il titolo di campione d'Italia nella rispettiva categoria. Nella stagione 1989-1990 gli Allievi nazionali vinsero il campionato riservato ai vivai delle formazioni di Serie C1 e Serie C2.[37] Nella stagione 2007-2008 fu la volta della squadra Berretti, che vinse in finale contro i pari età del Pescara (vittoria per 4-0 all'andata[38] e sconfitta per 3-1 al ritorno[39]) dopo aver eliminato in semifinale il Monza.[37]

Nella stagione 2015-2016 il settore giovanile della Pro Sesto comprende la scuola calcio[40] e formazioni Primi calci, Pulcini 2005/2006/2007, Esordienti 2003/2004, Giovanissimi regionali e nazionali, Allievi regionali e nazionali e Juniores.[41]

Impegno nel socialeModifica

Allenatori e presidentiModifica

  Le singole voci sono elencate nella Categoria:Allenatori della S.S.D. Pro Sesto
 
Allenatori
 
Presidenti
  • 1914-1915 ...
  • 1915-1919 campionati fermi per cause belliche.
  • 1919-1921 ...
  • 1921-1922 il club è inattivo.
  • 1922-1923 ...
  • 1923-1927 il club è inattivo.
  • 1927-1928 ...
  • 1928-1945 il club è inattivo.
  • 1945-1949   Luigi Merati
  • 1949-1950   Carlo Dubini
  • 1950-1951   Telesforo Malinverni
  • 1951-1986 ...
  • 1986-2001   Giuseppe Peduzzi
  • 2001-2007   Luca Pasini
  • 2007-2009   Elisabetta Pasini
  • 2009-2010   Luciano Passirani
  • 2010-2012   Massimo Milos e   Massimo Nava
  • 2012-2016   Salvo Zangari
  • 2016-2017   Nicola Radici

CalciatoriModifica

  Le singole voci sono elencate nella Categoria:Calciatori della S.S.D. Pro Sesto

Hall of fameModifica

Di seguito la Hall of fame presente sul sito internet ufficiale della società.[42]

CapitaniModifica

  •   ... (1914-2014)
  •   Filippo Corti (2014-oggi)[43]

Contributo alle NazionaliModifica

Gli unici calciatori a vestire la maglia azzurra durante la militanza nella Pro Sesto sono stati il portiere Enrico Malatesta e l'attaccante Carmelo Augliera, che nell'ottobre del 1991 debuttarono nella medesima partita della Nazionale Under-16.[44][45] Augliera tre anni più tardi giocò anche con la Nazionale Under-18.[45]

Nessun calciatore straniero ha invece vestito la divisa delle propria nazionale.

PalmarèsModifica

Competizioni nazionaliModifica

Competizioni regionaliModifica

Competizioni giovaniliModifica

2007-2008
1989-1990

Statistiche e recordModifica

Partecipazione ai campionatiModifica

Campionati su base nazionale e interregionale
Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Serie B-C Alta Italia 1 1945-1946 5
Serie B 4 1946-1947 1949-1950
Serie C 1 1950-1951 11
Serie C1 9 1990-1991 2007-2008
Lega Pro Prima Divisione 1 2008-2009
IV Serie 5 1953-1954 1958-1959 34
Serie D 16 1959-1960 2015-2016
Serie C2 12 1987-1988 2004-2005
Lega Pro Seconda Divisione 1 2009-2010
Campionato Interregionale - 2° Cat. 1 1957-1958 9
Serie D 3 1978-1979 2013-2014
Campionato Interregionale 5 1982-1983 1986-1987

In 59 stagioni sportive a partire dalla fondazione della società nel 1913. Sono compresi uno Cadetto Misto Alta Italia e 13 campionati di Serie C2. Non viene considerata la stagione in Prima Categoria in quanto la squadra non andò oltre il girone eliminatorio.

Campionati su base regionale
Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
I Prima Categoria[N 1] 1 1920-1921 13
Terza Divisione[N 2] 1 1927-1928
Promozione[N 3] 5 1952-1953 1981-1982
Prima Categoria[N 4] 5 1961-1962 1965-1966
Eccellenza[N 5] 1 2011-2012
II Promozione[N 6] 2 1919-1920 2010-2011 2
III Terza Categoria[N 7] 1 1914-1915 1
Annotazioni
  1. ^ All'epoca massimo livello del campionato italiano di calcio.
  2. ^ All'epoca quarto livello del campionato italiano di calcio.
  3. ^ I campionati 1951-1952 e 1952-1953 furono il quarto livello del campionato italiano di calcio mentre i campionati dal 1979 al 1982 il sesto.
  4. ^ All'epoca quinto livello del campionato italiano di calcio.
  5. ^ All'epoca sesto livello del campionato italiano di calcio.
  6. ^ Il campionato 1919-1920 fu il secondo livello del campionato italiano di calcio mentre il campionato 2010-2011 il settimo.
  7. ^ All'epoca terzo livello del campionato italiano di calcio.

Statistiche di squadraModifica

Statistiche individualiModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p Le origini, http://www.acprosesto.it/. URL consultato il 30 marzo 2016.
  2. ^ Calcio, cento anni fa la prima partita della Pro Sesto, http://www.ilvelino.it/, 17 gennaio 2015. URL consultato il 30 marzo 2016.
  3. ^ Colombo, Fontanelli, pp. 530-531
  4. ^ Colombo, Fontanelli, pp. 534-541
  5. ^ a b Pro Sesto, il club è fallito, http://www.tuttomercatoweb.com/, 31 marzo 2010. URL consultato il 31 marzo 2016.
  6. ^ Colombo, Fontanelli, pp. 291-296
  7. ^ Colombo, Fontanelli, pp. 312-320
  8. ^ Colombo, Fontanelli, pp. 357-363
  9. ^ Colombo, Fontanelli, pp. 422-429
  10. ^ Colombo, Fontanelli, pp. 430-437
  11. ^ Colombo, Fontanelli, pp. 438-445
  12. ^ Colombo, Fontanelli, pp. 446-453
  13. ^ Colombo, Fontanelli, pp. 454-461
  14. ^ Colombo, Fontanelli, pp. 462-469
  15. ^ UFFICIALE: Pro Sesto, revocata l'affiliazione alla Lega Pro, http://www.tuttolegapro.com/, 10 agosto 2010. URL consultato il 31 marzo 2016.
  16. ^ Pro Sesto, in attesa di partire dalla Promozione, http://www.tuttolegapro.com/, 12 agosto 2010. URL consultato il 31 marzo 2016.
  17. ^ CALCIO, PRO SESTO: IL PRESIDENTE MASSIMO NAVA NON SI NASCONDE E DICHIARA DI VOLER VINCERE IL CAMPIONATO, http://sesto-san-giovanni.netweek.it/, 22 ottobre 2010. URL consultato il 31 marzo 2016.
  18. ^ a b Milano: la Pro Sesto si riavvicina ai "pro", http://regioni.ilcalcioillustrato.it/, 19 settembre 2012. URL consultato il 31 marzo 2016.
  19. ^ Eccellenza, la Pro Sesto è in Serie D. Pari tra Sestese e Inveruno, sempre più accesa la lotta per non retrocedere, http://www.varesesport.com/, 30 aprile 2012. URL consultato il 31 marzo 2016.
  20. ^ I motivi non sono mai stati pubblicati, neanche sulla Voce di Sesto, giornale conservato presso la Biblioteca Nazionale Braidense di Milano.
  21. ^ I risultati sono stati pubblicati dalla "Gazzetta dello Sport" nelle pagine infrasettimanali di giovedì e venerdì.
  22. ^ Non si conoscono i motivi e nessuna fonte li cita in modo attendibile.
  23. ^ Risultati e classifica pubblicata dalla Gazzetta dello Sport edizione Nord (microfilm presso Biblioteca Nazionale Braidense di Milano).
  24. ^ Comunicato Ufficiale della Lega Regionale Lombarda conservato presso il Comitato Regionale Lombardia della F.I.G.C. L.N.D. a Milano in Via Pitteri 95/2 in cui è segnalata anche la successiva rinascita della Falck che si iscrive ai campionati regionali di Prima Divisione.
  25. ^ Sugli Almanacchi del Calcio Edizioni Rizzoli, dal 1939 al 1963 è citata con la denominazione esatta.
  26. ^ LA MAGLIA DELLA PRO SESTO PER IL CENTENARIO CON IL LOGO DI LIVE ONLUS, http://www.soccerstyle24.it/, 15 settembre 2012. URL consultato il 2 aprile 2016.
  27. ^ PRO SESTO VECTOR LOGO, http://www.vectorportal.com/. URL consultato il 2 aprile 2016.
  28. ^ CALCIO, PRO SESTO: IL PRESIDENTE MASSIMO NAVA NON SI NASCONDE E DICHIARA DI VOLER VINCERE IL CAMPIONATO, http://sesto-san-giovanni.netweek.it/, 22 ottobre 2010. URL consultato il 2 aprile 2016.
  29. ^ U.S.D. CASTELLANZESE ASD NUOVA PRO SESTO, http://www.castellanzese.com/, 13 maggio 2014. URL consultato il 2 aprile 2016.
  30. ^ Un inno in dialetto per la Pro Lo firma il consigliere supertifoso, http://www.ilgiorno.it/, 24 marzo 2011. URL consultato il 2 aprile 2016.
  31. ^ Organigramma, http://www.acprosesto.it/. URL consultato il 31 marzo 2016.
  32. ^ a b Pro Sesto Calcio, http://www.oldfootballshirts.com/. URL consultato il 31 marzo 2016.
  33. ^ a b Pro Sesto, http://www.mikmagliecalcio.com/. URL consultato il 31 marzo 2016.
  34. ^ a b Pro Sesto, http://magliamatchworn.altervista.org/. URL consultato il 31 marzo 2016.
  35. ^ IVAN CAPELLI, PILOTA E TELECRONISTA DELLA FORMULA UNO ... CALCIATORE MANCATO DELLA PRO SESTO, http://sesto-san-giovanni.netweek.it/, 21 giugno 2009. URL consultato il 31 marzo 2016.
  36. ^ Urbano Cairo: dagli allievi della Pro Sesto a patron della televisione “La 7″, http://www.giornalemetropolitano.it/, 19 febbraio 2013. URL consultato il 31 marzo 2016.
  37. ^ a b Campioni d'Italia, http://www.acprosesto.it/. URL consultato il 31 marzo 2016.
  38. ^ Berretti, tremenda legnata dalla Pro Sesto, http://ricerca.gelocal.it/, 3 giugno 2008. URL consultato il 31 marzo 2016.
  39. ^ BERRETTI: Pescara – Pro Sesto 3-1, http://www.pescaracalcio.com/, 7 giugno 2008. URL consultato il 31 marzo 2016.
  40. ^ Iscrizioni 2015/16, http://www.acprosesto.it/. URL consultato il 31 marzo 2016.
  41. ^ Programma settimanale (PDF), http://www.acprosesto.it/. URL consultato il 31 marzo 2016.
  42. ^ Hall of fame, http://www.acprosesto.it/. URL consultato il 7 giugno 2015.
  43. ^ http://sesto-san-giovanni.milanotoday.it/, 13 luglio 2015, http://sesto-san-giovanni.milanotoday.it/filippo-corti-medaglia-ora-italia-universiadi.html. URL consultato il 31 marzo 2016.
  44. ^ Malatesta Enrico, http://www.figc.it/. URL consultato il 31 marzo 2016.
  45. ^ a b Augliera Carmelo, http://www.figc.it/. URL consultato il 31 marzo 2016.

BibliografiaModifica

  • Diego Colombo e Carlo Fontanelli, Pro Sesto: 100 anni insieme 1913-2013, GEO Edizioni, 2013.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio