Apri il menu principale

Dennis Bergkamp

dirigente sportivo, allenatore di calcio ed ex calciatore olandese

«Se Ryan Giggs vale 20 milioni, Dennis Bergkamp ne vale almeno 100»

(Marco Van Basten[1])
Dennis Bergkamp
Dennis Bergkamp cropped.JPG
Bergkamp durante gli anni all'Arsenal
Nazionalità Paesi Bassi Paesi Bassi
Altezza 188 cm
Peso 80 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex attaccante)
Squadra Almere City (Giovanili)
Ritirato 22 luglio 2006 - giocatore
Carriera
Giovanili
1981-1986Ajax
Squadre di club1
1986-1993Ajax185 (103)
1993-1995Inter52 (11)
1995-2006Arsenal315 (87)
Nazionale
1990-2000Paesi Bassi Paesi Bassi79 (37)
Carriera da allenatore
2008-2009AjaxVice
2008-2009Paesi Bassi Paesi Bassi BVice
2009-2011AjaxD-2
2011Ajax A-1Vice
2011-2016AjaxVice
2016-2017AjaxColl. tecnico
2017AjaxVice
2019-Almere CityGiovanili
Palmarès
UEFA European Cup.svg Europei di calcio
Bronzo Svezia 1992
Bronzo Belgio-Paesi Bassi 2000
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 21 marzo 2019

Dennis Nicolaas Bergkamp (Amsterdam, 10 maggio 1969) è un dirigente sportivo, allenatore di calcio ed ex calciatore olandese, di ruolo attaccante o centrocampista offensivo, collaboratore del settore giovanile dell'Almere City.

Dotato di una tecnica individuale fuori dal comune viene considerato uno dei migliori calciatori della sua generazione e uno dei più grandi trequartistin della storia del calcio.

BiografiaModifica

Nato all'interno di una famiglia di appassionati di calcio[2] (tanto che fu deciso di chiamarlo Dennis in onore di Denis Law), durante l'infanzia era un ammiratore di Glenn Hoddle[2], allora giocatore del Tottenham Hotspur.

Sposato con Henrita, con la quale ha quattro figli, è noto per la sua paura di volare: ciò ha dato luogo al soprannome Non-Flying Dutchman ("L'olandese non volante"), una variazione sul tema di Flying Dutchman.[3][4]

Caratteristiche tecnicheModifica

Dotato di notevoli qualità tecniche,[5] Bergkamp ha ricoperto principalmente i ruoli di trequartista[6] e di seconda punta,[7] in cui metteva a frutto il proprio estro,[8] risultando difficile da marcare per via della sua tendenza a «svariare per tutto il campo».[9] Era abile sia come finalizzatore[10] che come assist-man.[11]

CarrieraModifica

GiocatoreModifica

ClubModifica

AjaxModifica
 
Un giovane Bergkamp nel 1989 coi Lancieri

Bergkamp muove i suoi primi passi nell'Ajax, in cui esordisce nel campionato 1986-87 mettendosi subito in luce per le sue qualità che in pochi anni lo portano a diventare il giocatore simbolo dei lancieri, conquistando anche tre volte consecutive il titolo di capocannoniere del campionato olandese.

Bergkamp vince anche una Eredivisie nel 1990, per due volte la KNVB beker nel 1987 e nel 1993, una Johan Cruijff Schaal sempre nel 1993, una Coppa delle Coppe nel 1987 e una Coppa UEFA nel 1992. Bergkamp ha anche sfiorato la vittoria del Pallone d'oro in due occasioni: finì terzo nel 1992 dietro a Marco van Basten e Hristo Stoičkov, e secondo nel 1993 preceduto da Roberto Baggio.

InterModifica
 
Bergkamp in azione coi nerazzurri nel 1993

Nell'estate del 1993 viene acquistato dall'Inter per 18 miliardi di lire[12] in coppia con il compagno di squadra Wim Jonk. Il periodo trascorso a Milano non è dei più facili per l'olandese: durante la stagione d'esordio non riesce ad andare in gol per sei mesi.[13] Resta in Italia per due stagioni, non riuscendo quasi mai a esprimere appieno le sue qualità;[5] contribuisce però in maniera determinante in campo europeo, nella stagione in cui l'Inter vince la sua seconda Coppa UEFA del 1994, nella quale segna 8 gol in 11 partite (tra cui una tripletta contro il Rapid Bucarest), risultando il capocannoniere della competizione.

Al termine dell'altalenante esperienza nerazzurra (nella quale riesce comunque a segnare 22 gol in 72 presenze totali) si trasferisce in Inghilterra all'Arsenal.[14]

ArsenalModifica

Pagato 19,2 miliardi di lire,[15] in undici stagioni in Premier League Bergkamp dimostra tutto il suo valore diventando una colonna della squadra, conquistando il campionato inglese nel 1998, 2002 e 2004, oltre a quattro FA Cup e quattro Community Shield. Nel 1998 viene eletto miglior calciatore del campionato inglese, aggiudicandosi sia il premio di giocatore dell'anno della FWA sia quello di Giocatore dell'anno della PFA. Divenne punto fermo dell'attacco dei Gunners, facendo coppia con giocatori del calibro di Marc Overmars prima e di Thierry Henry poi.

 
Bergkamp nel 2001 con la maglia dei Gunners

Il 22 luglio 2006 ha chiuso la carriera agonistica disputando un'amichevole contro l'Ajax, giocata nel nuovo stadio dell'Arsenal, l'Emirates Stadium. Il primo tempo è stato giocato dai giocatori all'epoca in forza alle due squadre, mentre nel secondo hanno preso parte molte vecchie glorie di entrambi i club: Ian Wright, Patrick Vieira, Emmanuel Petit e David Seaman per l'Arsenal, Marco van Basten, Danny Blind, Johan Cruijff, Frank de Boer e Ronald de Boer per l'Ajax. L'Arsenal vinse la partita per 2-1 con gol di Thierry Henry e Nwankwo Kanu; Klaas-Jan Huntelaar aveva in precedenza sbloccato il punteggio per l'Ajax, segnando così il primo gol all'Emirates Stadium.

NazionaleModifica

Con la nazionale olandese ha disputato 79 partite segnando 37 reti assestandosi al terzo posto dei goleador dietro a Robin van Persie (48) e Patrick Kluivert (40 goal).

Al campionato d'Europa 1992 in Svezia, gli Oranje sono tra i favoriti essendo i campioni in carica, ma in semifinale si devono arrendere ai rigori alla Danimarca, che vincerà il torneo battendo in finale la Germania; Bergkamp fu autore di grandi prestazioni, chiudendo il torneo da capocannoniere. Al campionato del mondo 1994 negli Stati Uniti, i Paesi Bassi giunsero fino ai quarti di finale, eliminati dai futuri campioni del Brasile; anche questa volta Bergkamp chiuse la competizione con tre gol. Due anni dopo, al campionato d'Europa 1996 in Inghilterra, gli olandesi furono eliminati ai quarti, ai tiri di rigore, dalla Francia; in questa edizione Bergkamp segnò un gol contro la Svizzera.

 
Bergkamp nel riscaldamento prepartita con gli Oranje durante il campionato d'Europa 1996

Al campionato del mondo 1998 in Francia, gli Oranje furono eliminati in semifinale, ancora ai rigori, dal Brasile; Bergkamp fu autore di tre gol. Al campionato d'Europa 2000 i Paesi Bassi, paese ospitante assieme al Belgio, furono eliminati in semifinale, nuovamente ai rigori, dall'Italia, in una partita dove i giocatori olandesi fallirono ben cinque penalty (di cui due nall'arco dei tempi regolamentari) su sei; Bergkamp fu molto utilizzato, non segnò gol, ma giocò un grande europeo "sfornando" vari assist.

Riepilogando, i migliori risultati di Bergkamp in nazionale sono stati due terzi posti all'Europeo, nel 1992 e nel 2000, e un quarto posto al Mondiale, nel 1998.

AllenatoreModifica

Il 18 luglio 2008 diventa vice dell'Ajax prima con Marco van Basten e poi con David Endt.[16] Il 26 ottobre è stato nominato assistente di Johan Neeskens per la selezione B della nazionale olandese. Il 30 giugno 2009 Neeskens passa al Galatasaray per fare il vice di Frank Rijkaard. Il 23 giugno 2009 diventa allenatore della selezione D-2.[17] Il 3 gennaio 2011 diventa vice del nuovo allenatore Fred Grim per la selezione A-1.[18][19] Lascia il ruolo il 30 giugno 2011 e viene sostituito da Ronald de Boer come vice di Grim e diventa il 1º luglio 2011 assistente tecnico di Frank de Boer in prima squadra.

 
Bergkamp nel 2014

Il 28 novembre 2011 Johan Cruijff, dirigente dell'Ajax, ha annunciato che avrebbe adito a vie legali ritenendo troppo alti gli ingaggi dei tre nuovi dirigenti Louis van Gaal, Martin Sturkenboom e Danny Blind. Bergkamp e altri allenatori delle giovanili hanno appoggiato il ricorso di Cruijff,[20][21] che ha portato all'allontanamento di van Gaal e alle dimissioni del board il 7 febbraio 2012.[22] Nei cinque anni trascorsi come assistente di de Boer, Bergkamp si è seduto in panchina durante le partite della prima squadra; sono arrivati tre scudetti nelle prime tre stagioni e con la perdita del quarto all'ultima giornata della stagione 2015-2016 de Boer e il club risolvono il contratto.

Il 29 giugno 2016 con la nomina di Peter Bosz come nuovo allenatore non è più stato impiegato come assistente in panchina e gli è stato assegnato il compito di seguire gli allenamenti e aiutare i giovani a inserirsi in prima squadra.[23] Il 17 giugno 2017 con la nomina Marcel Keizer come tecnico ritorna nel ruolo di vice. Il 21 dicembre dopo i mediocri risultati di inizio stagione, Bergkamp, Keizer e l'altro assistente Hennie Spijkerman sono stati esonerati.[24][25] Dopo una settimana con l’arrivo di Erik ten Hag alla guida dell’Ajax ritorna nello staff tecnico con il ruolo di tecnico individuale.[26][non chiaro]

Dal 21 marzo 2019 al martedì e al giovedì sostituisce negli allenamenti il tecnico dello Jong Almere City Ivar van Dinteren, impegnato a fare da vice a Ole Tobiasen in prima squadra; avrà così modo di allenare anche suo figlio Mitchell.

StatisticheModifica

Presenze e reti nei clubModifica

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1986-1987   Ajax ED 14 2 CO 5 0 CC 4 0 - - - 23 2
1987-1988 ED 25 5 CO 1 0 CC 6 1 SU 2 0 34 6
1988-1989 ED 30 13 CO 3 3 CU 1 0 - - - 34 16
1989-1990 ED 25 8 CO 2 1 CU 1 0 - - - 28 9
1990-1991 ED 33 25 CO 3 1 - - - - - - 42 26
1991-1992 ED 30 24 CO 3 0 CU 11 6 - - - 44 30
1992-1993 ED 28 26 CO 4 4 CU 8 3 - - - 40 33
Totale Ajax 185 103 21 9 31 10 - - 239 122
1993-1994   Inter A 31 8 CI 6 2 CU 11 8 - - - 48 18
1994-1995 A 21 3 CI 1 0 CU 2 1 - - - 24 4
Totale Inter 52 11 7 2 13 9 - - 72 22
1995-1996   Arsenal PL 33 11 FACup+CdL 1+7 0+5 - - - - - - 41 16
1996-1997 PL 29 12 FACup+CdL 2+2 1+1 CU 1 0 - - - 34 14
1997-1998 PL 28 16 FACup+CdL 7+4 3+2 CU 1 1 - - - 40 22
1998-1999 PL 29 12 FACup+CdL 6+1 3+0 UCL 3 1 CS 1 0 40 16
1999-2000 PL 28 6 - - - CU 11 4 - - - 39 10
2000-2001 PL 25 3 FACup+CdL 5+0 1+0 UCL 5 1 - - - 35 5
2001-2002 PL 33 9 FACup+CdL 6+1 3+0 UCL 6 2 - - - 46 14
2002-2003 PL 29 4 FACup+CdL 4+0 2+0 UCL 7 1 CS 1 0 41 7
2003-2004 PL 28 4 FACup+CdL 3+0 1+0 UCL 6 0 CS 1 0 38 5
2004-2005 PL 29 8 FACup+CdL 4+0 0+0 UCL 4 0 CS 1 0 38 8
2005-2006 PL 24 2 FACup+CdL 1+1 0+0 UCL 4 1 CS 1 0 31 3
Totale Arsenal 315 87 39+16 14+8 48 11 5 0 423 120
Totale carriera 552 201 83 33 92 30 7 0 734 264

Cronologia presenze e reti in nazionaleModifica

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Paesi Bassi
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
26-9-1990 Palermo Italia   1 – 0   Paesi Bassi Amichevole -
17-10-1990 Porto Portogallo   1 – 0   Paesi Bassi Qual. Euro 1992 -
21-11-1990 Rotterdam Paesi Bassi   2 – 0   Grecia Qual. Euro 1992 1
19-12-1990 Ta' Qali Malta   0 – 8   Paesi Bassi Qual. Euro 1992 2
13-3-1991 Rotterdam Paesi Bassi   1 – 0   Malta Qual. Euro 1992 -
17-4-1991 Rotterdam Paesi Bassi   2 – 0   Finlandia Qual. Euro 1992 -
11-9-1991 Eindhoven Paesi Bassi   1 – 1   Polonia Amichevole 1
16-10-1991 Rotterdam Paesi Bassi   1 – 0   Portogallo Qual. Euro 1992 -
4-12-1991 Salonicco Grecia   0 – 2   Paesi Bassi Qual. Euro 1992 1
12-2-1992 Faro Portogallo   2 – 0   Paesi Bassi Amichevole -
27-5-1992 Sittard Paesi Bassi   3 – 2   Austria Amichevole 1
30-5-1992 Utrecht Paesi Bassi   4 – 0   Galles Amichevole -
5-6-1992 Lens Francia   1 – 1   Paesi Bassi Amichevole -
12-6-1992 Göteborg Paesi Bassi   1 – 0   Scozia Euro 1992 - 1º turno 1
15-6-1992 Göteborg Paesi Bassi   0 – 0   CSI Euro 1992 - 1º turno -
18-6-1992 Göteborg Paesi Bassi   3 – 1   Germania Euro 1992 - 1º turno 1
22-6-1992 Göteborg Paesi Bassi   2 – 2 dts
(4 – 5 dcr)
  Danimarca Euro 1992 - Semifinali 1
9-9-1992 Rotterdam Paesi Bassi   2 – 3   Italia Amichevole 2
23-9-1992 Oslo Norvegia   2 – 1   Paesi Bassi Qual. Mondiali 1994 1
14-10-1992 Rotterdam Paesi Bassi   2 – 2   Polonia Qual. Mondiali 1994 -
24-2-1993 Utrecht Paesi Bassi   3 – 1   Turchia Qual. Mondiali 1994 -
28-4-1993 Londra Inghilterra   2 – 2   Paesi Bassi Qual. Mondiali 1994 1
9-6-1993 Rotterdam Paesi Bassi   0 – 0   Norvegia Qual. Mondiali 1994 -
22-9-1993 Bologna San Marino   0 – 7   Paesi Bassi Qual. Mondiali 1994 -
13-10-1993 Rotterdam Paesi Bassi   2 – 0   Inghilterra Qual. Mondiali 1994 1
17-11-1993 Poznań Polonia   1 – 3   Paesi Bassi Qual. Mondiali 1994 2
19-1-1994 Tunisi Tunisia   2 – 2   Paesi Bassi Amichevole -
23-3-1994 Glasgow Scozia   1 – 0   Paesi Bassi Amichevole -
20-4-1994 Tilburg Irlanda   1 – 0   Paesi Bassi Amichevole -
1-6-1994 Eindhoven Paesi Bassi   7 – 1   Ungheria Amichevole 2
12-6-1994 Toronto Canada   0 – 3   Paesi Bassi Amichevole 1
20-6-1994 Washington Paesi Bassi   2 – 1   Arabia Saudita Mondiali 1994 - 1º turno -
25-6-1994 Orlando Belgio   1 – 0   Paesi Bassi Mondiali 1994 - 1º turno -
29-6-1994 Orlando Marocco   1 – 2   Paesi Bassi Mondiali 1994 - 1º turno 1
4-7-1994 Orlando Paesi Bassi   2 – 0   Irlanda Mondiali 1994 - Ottavi di finale 1
9-7-1994 Dallas Paesi Bassi   2 – 3   Brasile Mondiali 1994 - Quarti di finale 1
12-10-1994 Oslo Norvegia   1 – 1   Paesi Bassi Qual. Euro 1996 -
22-2-1995 Eindhoven Paesi Bassi   0 – 1   Portogallo Amichevole -
29-3-1995 Rotterdam Paesi Bassi   4 – 0   Malta Qual. Euro 1996 1
6-9-1995 Rotterdam Paesi Bassi   1 – 0   Bielorussia Qual. Euro 1996 -
15-11-1995 Rotterdam Paesi Bassi   3 – 0   Norvegia Qual. Euro 1996 -
13-12-1995 Liverpool Irlanda   0 – 2   Paesi Bassi Qual. Euro 1996 -
24-4-1996 Rotterdam Paesi Bassi   0 – 1   Germania Amichevole -
29-5-1996 Tilburg Paesi Bassi   2 – 0   Cina Amichevole -
4-6-1996 Rotterdam Paesi Bassi   3 – 1   Irlanda Amichevole 1
10-6-1996 Birmingham Paesi Bassi   0 – 0   Scozia Euro 1996 - 1º turno -
13-6-1996 Birmingham Svizzera   0 – 2   Paesi Bassi Euro 1996 - 1º turno 1
18-6-1996 Londra Inghilterra   4 – 1   Paesi Bassi Euro 1996 - 1º turno -
22-6-1996 Londra Francia   0 – 0 dts
(5 – 4 dcr)
  Paesi Bassi Euro 1996 - Quarti di finale -
31-8-1996 Amsterdam Paesi Bassi   2 – 2   Brasile Amichevole -
9-11-1996 Eindhoven Paesi Bassi   7 – 1   Galles Qual. Mondiali 1998 3
14-12-1996 Bruxelles Belgio   0 – 3   Paesi Bassi Qual. Mondiali 1998 1
26-2-1997 Saint-Denis Francia   2 – 1   Paesi Bassi Amichevole 1
29-3-1997 Amsterdam Paesi Bassi   4 – 0   San Marino Qual. Mondiali 1998 -
30-4-1997 Serravalle San Marino   0 – 6   Paesi Bassi Qual. Mondiali 1998 2
6-9-1997 Rotterdam Paesi Bassi   3 – 1   Belgio Qual. Mondiali 1998 1
11-10-1997 Amsterdam Paesi Bassi   0 – 0   Turchia Qual. Mondiali 1998 -
13-6-1998 Saint-Denis Paesi Bassi   0 – 0   Belgio Mondiali 1998 - 1º turno -
20-6-1998 Marsiglia Paesi Bassi   5 – 0   Corea del Sud Mondiali 1998 - 1º turno 1
25-6-1998 Saint-Étienne Paesi Bassi   2 – 2   Messico Mondiali 1998 - 1º turno -
29-6-1998 Tolosa Paesi Bassi   2 – 1   Jugoslavia Mondiali 1998 - Ottavi di finale 1
4-7-1998 Marsiglia Paesi Bassi   2 – 1   Argentina Mondiali 1998 - Quarti di finale 1
7-7-1998 Marsiglia Brasile   1 – 1 dts
(4 – 2 dcr)
  Paesi Bassi Mondiali 1998 - Semifinali -
11-7-1998 Parigi Paesi Bassi   1 – 2   Croazia Mondiali 1998 - Finale 3º posto -
10-10-1998 Eindhoven Paesi Bassi   2 – 0   Perù Amichevole -
13-10-1998 Arnhem Paesi Bassi   0 – 0   Ghana Amichevole -
10-2-1999 Parigi Portogallo   0 – 0   Paesi Bassi Amichevole -
31-3-1999 Amsterdam Paesi Bassi   1 – 1   Argentina Amichevole -
4-9-1999 Rotterdam Paesi Bassi   5 – 5   Belgio Amichevole -
9-10-1999 Amsterdam Paesi Bassi   2 – 2   Brasile Amichevole 1
13-11-1999 Eindhoven Paesi Bassi   1 – 1   Rep. Ceca Amichevole -
26-4-2000 Arnhem Paesi Bassi   0 – 0   Scozia Amichevole -
27-5-2000 Amsterdam Paesi Bassi   2 – 1   Romania Amichevole -
4-6-2000 Losanna Polonia   1 – 3   Paesi Bassi Amichevole -
11-6-2000 Amsterdam Paesi Bassi   1 – 0   Rep. Ceca Euro 2000 - 1º turno -
16-6-2000 Rotterdam Paesi Bassi   3 – 0   Danimarca Euro 2000 - 1º turno -
21-6-2000 Amsterdam Paesi Bassi   3 – 2   Francia Euro 2000 - 1º turno -
25-6-2000 Rotterdam Paesi Bassi   6 – 1   Jugoslavia Euro 2000 - Quarti di finale -
29-6-2000 Amsterdam Paesi Bassi   0 – 0 dts
(1 – 3 dcr)
  Italia Euro 2000 - Semifinali -
Totale Presenze 79 Reti (4º posto) 37 [27]

PalmarèsModifica

 
Bergkamp posa con il trofeo della Coppa UEFA 1993-1994 vinta all'Inter, cui l'olandese contribuì da capocannoniere dell'edizione.

GiocatoreModifica

ClubModifica

Competizioni nazionaliModifica
Ajax: 1986-1987, 1992-1993
Ajax: 1989-1990
Ajax: 1993
Arsenal: 1997-1998, 2001-2002, 2003-2004
Arsenal: 1997-1998, 2001-2002, 2002-2003, 2004-2005
Arsenal: 1998, 1999, 2002, 2004
Competizioni internazionaliModifica
Ajax: 1986-1987
Ajax: 1991-1992
Inter: 1993-1994

IndividualeModifica

1990
1991, 1992
Svezia 1992 (3 gol, ex aequo con Karl-Heinz Riedle, Henrik Larsen e Tomas Brolin)
1993-1994 (8 gol, ex aequo con Edgar Schmitt)
1998
1990-1991 (25 gol), 1991-1992 (22 gol), 1992-1993 (26 gol)

NoteModifica

  1. ^ Dennis Bergkamp, l'olandese non volante che deliziò i palati Gunners - TUTTOmercatoWEB.com, su www.tuttomercatoweb.com, 10 maggio 2019. URL consultato il 12 maggio 2019.
  2. ^ a b Biografia di Dennis Bergkamp, su dennis.bergkamp.webpark.pl (archiviato dall'url originale il 18 giugno 2008).
  3. ^ Filippo Maria Ricci, C'è Bergkamp: l'Arsenal vola, in La Gazzetta dello Sport, 27 settembre 2002.
  4. ^ Non è chiaro il motivo di questa fobia, si presume che la causa sia uno scherzo fattogli da un giornalista, che gli disse che su un aereo in cui stava volando c'era una bomba; un'altra causa può essere il decesso del fratello a seguito di un incidente aereo.
  5. ^ a b Lo Presti, p. 620.
  6. ^ Euro 2000: Il leader è Bergkamp, su www2.raisport.rai.it, 26 giugno 2000. URL consultato il 29 dicembre 2016 (archiviato dall'url originale il 29 dicembre 2016).
  7. ^ Licia Granello, Quanta prudenza per dire scudetto, in la Repubblica, 14 luglio 1993. URL consultato il 29 dicembre 2016.
  8. ^ I bomber secondo Bergkamp, su it.uefa.com, 16 gennaio 2004. URL consultato il 29 dicembre 2016.
  9. ^ Franco Badolato, Lo Zar: di Van Basten ce n'è uno, in La Stampa, 6 gennaio 1994, p. 26.
  10. ^ La favola Bergkamp rinascere senza Italia, su repubblica.it, 6 luglio 1998. URL consultato il 29 dicembre 2016.
  11. ^ Stefano Chioffi, Gabriel Paulista blindato: assalto al titolo con l'Arsenal, su corrieredellosport.it, 6 gennaio 2016. URL consultato il 29 dicembre 2016.
  12. ^ Panini, vol. 10, p. 10.
  13. ^ Roberto Perrone e Giancarla Ghisi, Mago Moratti fa riapparire Bergkamp, in Corriere della Sera, 20 marzo 1995, p. 42 (archiviato dall'url originale il 27 settembre 2013).
  14. ^ Daniele V. Morrone, Dennis Bergkamp e l’Inter, lost in translation, in ultimouomo.com, 19 aprile 2018. URL consultato il 2 agosto 2018.
  15. ^ Panini, vol. 12, p. 10.
  16. ^ Onder de indruk van Bergkamp, ajax.nl, 18 juli 2008.
  17. ^ Bergkamp trainer D2, Grim naar Jong Ajax, su ajax.nl, 23 juni 2009.
  18. ^ Bergkamp en Grim nieuwe trainers A1, ajax1.nl, 3 gennaio 2011.
  19. ^ Terugblik 2011: januari - maart, ajax.nl, 23 dicembre 2010.
  20. ^ Cruyff contro van Gaal - Si va in tribunale, su repubblica.it, 28 novembre 2011.
  21. ^ Cruijff vuole fare causa all'Ajax, in Extra Time (La Gazzetta dello Sport), 29 novembre 2011, p. 10.
  22. ^ Crisi Ajax, si dimette il board, in La Gazzetta dello Sport, 10 febbraio 2012, p. 19.
  23. ^ Bergkamp niet meer op de bank als assistent, ajaxshowtime.com, 29 juni 2016.
  24. ^ Ufficiale: Ajax, esonerato Keizer. Via anche Bergkamp, tuttomercatoweb.com, 21 dicembre 2017.
  25. ^ Ajax stelt Marcel Keizer, Hennie Spijkerman en Dennis Bergkamp op non-actief, ajax.nl, 21 dicembre 2017.
  26. ^ Staf, ajax.nl.
  27. ^ Quarto a pari merito con Arjen Robben

BibliografiaModifica

  • Salvatore Lo Presti, BERGKAMP, Dennis, in Enciclopedia dello sport, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2002.
  • Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, vol. 10 (1993-1994), Modena, Panini, 9 luglio 2012.
  • Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, vol. 12 (1995-1996), Modena, Panini, 23 luglio 2012.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN16606433 · ISNI (EN0000 0000 3759 2477 · LCCN (ENn2003103632 · GND (DE1045947318 · WorldCat Identities (ENn2003-103632