Apri il menu principale

Carles Puyol

dirigente sportivo ed ex calciatore spagnolo
Carles Puyol
Puyol2011.jpg
Puyol con la fascia di capitano del Barcellona nel 2011.
Nazionalità Spagna Spagna
Altezza 178 cm
Peso 80 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Difensore
Ritirato 17 maggio 2014 - giocatore
Carriera
Giovanili
1993-1995Pobla de Segur
1995-1997Barcellona
Squadre di club1
1997-2000Barcellona B89 (6)
1999-2014Barcellona392 (12)
Nazionale
1995Spagna Spagna U-183 (0)
2000Spagna Spagna U-214 (0)
2000Spagna Spagna olimpica5 (0)
2000-2013Spagna Spagna100 (3)
Palmarès
Transparent.png Europei di calcio Under-21
Bronzo Slovacchia 2000
Olympic flag.svg Olimpiadi
Argento Sydney 2000
Coppa mondiale.svg Mondiali di calcio
Oro Sudafrica 2010
UEFA European Cup.svg Europei di calcio
Oro Austria-Svizzera 2008
Transparent.png Confederations Cup
Bronzo Sudafrica 2009
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 2 marzo 2014

Carles Puyol i Saforcada (La Pobla de Segur, 13 aprile 1978) è un dirigente sportivo ed ex calciatore spagnolo, di ruolo difensore.

Campione d'Europa nel 2008 e Campione del mondo nel 2010, è stato inserito nella squadra ideale del decennio dal Sun nel 2009.[1] In carriera ha sempre militato nel Barcellona, tra squadra di riserva e prima squadra, aggiudicandosi sei campionati spagnoli e tre UEFA Champions League. È considerato uno dei più grandi difensori della storia del calcio.

Indice

Caratteristiche tecnicheModifica

«Non ho la tecnica di Romário, la velocità di Marc Overmars o la forza di Patrick Kluivert. Ma io lavoro di più rispetto agli altri. Sono come lo studente che non è tanto intelligente, ma ripassa per gli esami e infine li supera.»

(Carles Puyol[2][3])

Abile nel colpo di testa e nell'anticipo, era considerato uno dei migliori difensori al mondo e di tutti i tempi.[4][5] Puyol è noto per il suo impegno intenso e solidità come difensore. Secondo il medico capo di Barcellona, Puyol è "il più forte, che ha le più veloci reazioni, e che ha la forza più esplosiva".[6] Ha giocato in tutti i ruoli della difesa, stabilmente come difensore centrale, anche se all'occorrenza veniva utilizzato come terzino destro o sinistro, nella difesa a 4[7][8].

Il suo compagno di squadra Gerard Piqué ha detto: "È uno che, anche se si sta vincendo 3-0 e mancano pochi secondi alla fine della partita, griderà al massimo della sua voce se pensa che la concentrazione stia andando via".[9] Puyol è anche conosciuto per la sua leadership e etica del lavoro. Continua spesso l'allenamento da solo dopo la fine di una sessione di allenamento di squadra. Un ex compagno di squadra ha detto: "Anche se stiamo quattro gol sotto pensa che possiamo ancora vincere", e un altro lo ha descritto come un "rompiscatole", ma ha aggiunto "questo è esattamente quello che ci serve".[10]

CarrieraModifica

ClubModifica

Iniziò a giocare nel C. Pobla de Segur come portiere per poi diventare attaccante dopo un infortunio alla spalla. Nel 1995 passò alla cantera del Barcellona, dove inizialmente giocò come centrocampista difensivo. Nel 1997 iniziò a giocare nel Barcellona B come terzino destro.

Esordì con la squadra A il 2 ottobre 1999 in trasferta sul campo del Real Valladolid (0-2). Lanciato da Louis Van Gaal nella posizione di terzino destro, ricoprì il ruolo per due stagioni e si distinse come abile marcatore. Nelle stagioni seguenti seppe ricoprire con successo anche altri ruoli difensivi e di centrocampo. Nel 2002 fu inserito dalla UEFA nella Squadra dell'anno come migliore laterale destro.

 
Puyol durante il trofeo Gamper

Nel 2003 il presidente Joan Gaspart gli fece firmare un contratto valevole fino al 30 giugno 2007, facendone uno degli elementi più preziosi della rosa: la clausola di rescissione fu fissata, infatti, a 180 milioni di euro. Dal 2003-2004 divenne il capitano del Barcellona.

Nel 2004-2005 vinse il titolo spagnolo, primo trofeo con la maglia blaugrana. Nel 2005-2006 rivinse il titolo spagnolo e si aggiudicò con la sua squadra la Champions League. Fu poi eletto miglior difensore della competizione europea.

Alla fine della stagione 2006-2007 patì una lesione alla rotula, che non gli impedì di rientrare in campo per l'inizio dell'annata successiva (perse solo un mese, settembre). Il 6 aprile 2008 stabilì un record: nella partita contro il Getafe conquistò ben 22 palloni, primato per la Primera División, ottenuto superando il record appartenente a Sergio Ramos. Il 27 ottobre dello stesso anno la FIFPro inserì Puyol nel proprio undici dell'anno.

Nel 2009 vinse il titolo spagnolo, la Coppa del Re e la Champions League, realizzando uno storico triplete, diventato poi "sextete", vincendo nello stesso anno anche la Supercoppa UEFA, la Supercoppa di Spagna e il Mondiale per club.

Nel 2011 vinse campionato, Champions League, ed arrivò in finale di Coppa del Re perdendola contro il Real Madrid. Nella finale di Champions League, al momento della premiazione, cedette la fascia di capitano al compagno Éric Abidal, operato due mesi prima per un tumore al fegato, permettendogli di alzare il trofeo.

Il 18 gennaio 2012 sigla il suo primo goal in Coppa del Re dopo 12 anni con la maglia del Barcellona, realizzando il momentaneo 1-1 contro il Real Madrid (la partita fu poi vinta per 2-1 grazie alla rete di Éric Abidal).

Il 2 ottobre 2012, nella ripresa del match contro il Benfica il capitano dei blaugrana ricadde male sul braccio sinistro, che si piegò in maniera innaturale. I medici gli riscontrarono una brutta lussazione del gomito sinistro che lo avrebbe tenuto lontano dal campo per circa tre mesi.

Il 18 dicembre rinnovò il suo contratto col Barcellona fino al 2016 con una clausola rescissoria pari a 10 milioni di euro.[11]

Il 4 marzo 2014 convocò una conferenza stampa in cui annunciò che, nonostante avesse ancora due anni di contratto, al termine della stagione avrebbe lasciato il Barcellona a causa delle sue condizioni fisiche,[12] decidendo poi di ritirarsi dal calcio giocato visto che con i medici non riuscì a trovare una soluzione al suo problema al ginocchio.[13]

Lasciò così il Barcellona dopo 15 stagioni, 593 partite disputate, 18 gol segnati e 21 titoli vinti.

NazionaleModifica

Esordisce con la Nazionale maggiore il 15 novembre 2000 nell'amichevole persa 1-2 contro i Paesi Bassi. Segna il suo primo gol in un'amichevole pre-mondiale contro l'Irlanda Del Nord, vinta poi 5-0

Con la selezione del suo paese partecipa nel 2002 ai Mondiali in Asia giocando quattro partite, l'ultima ai quarti di finale, persa contro i padroni di casa della Corea del Sud ai calci di rigore. Nel 2004 prende parte al Campionato europeo nel quale la Spagna esce al primo turno arrivando terza dietro a Grecia e Portogallo, che arriveranno rispettivamente prima e seconda alla fine dell'europeo e disputa tre partite, mentre nel 2006 partecipa ai Mondiali in cui la Spagna arriva prima nel girone vincendo tutte e tre le partite, ma poi viene eliminata dalla Francia agli ottavi di finale per 3-1, che sarà finalista del torneo nel quale Puyol disputa ancora tre partite.

Con la Nazionale si laurea campione d'Europa nel 2008 in Austria e Svizzera, giocando cinque gare e rimanendo a riposo nella terza (e non decisiva) sfida della fase a gironi. Disputa poi la Confederation Cup 2009, in cui la Spagna arriva prima nel girone vincendo le prime tre partite del torneo. Inspiegatamente la Spagna perde in semifinale con gli Stati Uniti per 2-0. La Spagna poi vince contro il Sudafrica per 3-2 nella finale terzo/quarto posto. Puyol disputa tre partite. Al Mondiali del 2010 arriva anche il trionfo iridato dopo la vittoria in finale sull'Olanda; lo stesso Puyol realizza il goal di testa su cross di Xavi da calcio d'angolo, che porterà la vittoria nella semifinale contro la Germania per 1-0.

Il 5 febbraio 2013, nella partita contro l'Uruguay a Doha, festeggia la presenza numero 100 con la maglia della Nazionale spagnola.

Dopo il ritiroModifica

Nell'estate del 2014 viene messo sotto contratto nello staff tecnico del Barcellona, dove frequenta un corso per diventare dirigente. A novembre rifiuta la proposta di Roberto Mancini di diventare suo vice sulla panchina dell'Inter per il fatto che non ha il patentino, e non è iscritto a corsi per tecnici ribadendo poi che è già sotto contratto con il Barcellona dove frequenta un corso per diventare dirigente.[14] Il 5 gennaio 2015 annuncia le sue dimissioni dal club catalano in seguito al licenziamento del direttore sportivo Andoni Zubizarreta.[15]

Ha capitanato la selezione spagnola che ha disputato a Londra la Star Sixes nel luglio 2017.

Nel marzo 2019 viene scelto come ambasciatore per l’Europeo 2020.[16]

StatisticheModifica

Presenze e reti nei clubModifica

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1996-1997   Barcellona B SD 1 1 - - - - - - - - - 1 1
1997-1998 SDB 42 3 - - - - - - - - - 42 3
1998-1999 SD 38 2 - - - - - - - - - 38 2
1999-2000 SDB 8 0 - - - - - - - - - 8 0
Totale Barcellona B 89 6 - - - - - - 89 6
1999-2000   Barcellona PD 24 0 CR 5 0 UCL 8 0 SS 0 0 37 0
2000-2001 PD 17 0 CR 2 0 UCL+CU 3+2 0 - - - 24 0
2001-2002 PD 35 2 CR 1 0 UCL 15 0 - - - 51 2
2002-2003 PD 32 0 CR 0 0 UCL 14 0 - - - 46 0
2003-2004 PD 27 0 CR 4 0 CU 7 0 - - - 38 0
2004-2005 PD 36 0 CR 1 0 UCL 8 0 - - - 45 0
2005-2006 PD 35 1 CR 3 0 UCL 12 0 SS 2 0 52 1
2006-2007 PD 35 1 CR 7 0 UCL 8 1 SU+SS+Cmc 1+2+2 0 55 2
2007-2008 PD 30 0 CR 7 0 UCL 10 1 - - - 47 1
2008-2009 PD 28 1 CR 6 0 UCL 11[17] 0 - - - 45 1
2009-2010 PD 32 1 CR 2 0 UCL 9 0 SU+SS+Cmc 1+2+2 0 48 1
2010-2011 PD 17 1 CR 2 0 UCL 8 0 SS 0 0 27 1
2011-2012 PD 26 3 CR 7 2 UCL 9 0 SU+SS+Cmc 0+0+2 0 44 5
2012-2013 PD 13 1 CR 5 1 UCL 4 0 SS 0 0 22 2
2013-2014 PD 5 1 CR 6 1 UCL 1 0 SS 0 0 12 2
Totale Barcellona 392 12 58 4 129 2 14 0 593 18
Totale carriera 481 18 58 4 129 2 14 0 682 24

Cronologia presenze e reti in nazionaleModifica

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Spagna
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
15-11-2000 Siviglia Spagna   1 – 2   Paesi Bassi Amichevole -   55’
25-4-2001 Cordova Spagna   1 – 0   Giappone Amichevole -   67’
6-6-2001 Tel Aviv Israele   1 – 1   Spagna Qual. Mondiali 2002 -   82’
5-9-2001 Vaduz Liechtenstein   0 – 2   Spagna Qual. Mondiali 2002 -
14-11-2001 Huelva Spagna   1 – 0   Messico Amichevole -   71’
13-2-2002 Barcellona Spagna   1 – 1   Portogallo Amichevole -   65’
27-3-2002 Rotterdam Paesi Bassi   1 – 0   Spagna Amichevole -   25’
17-4-2002 Belfast Irlanda del Nord   0 – 5   Spagna Amichevole 1
2-6-2002 Gwangju Spagna   3 – 1   Slovenia Mondiali 2002 - 1º turno -
7-6-2002 Jeonju Spagna   3 – 1   Paraguay Mondiali 2002 - 1º turno -
16-6-2002 Suwon Spagna   1 – 1 dts
(3 – 2 dcr)
  Irlanda Mondiali 2002 - Ottavi di finale -
22-6-2002 Gwangju Spagna   0 – 0 dts
(3 – 5 dcr)
  Corea del Sud Mondiali 2002 - Quarti di finale -
21-8-2002 Budapest Ungheria   1 – 1   Spagna Amichevole -   71’
12-10-2002 Albacete Spagna   3 – 0   Irlanda del Nord Qual. Euro 2004 -
20-11-2002 Granada Spagna   1 – 0   Bulgaria Amichevole -   45’
12-2-2003 Palma di Maiorca Spagna   3 – 1   Germania Amichevole -
7-6-2003 Saragozza Spagna   0 – 1   Grecia Qual. Euro 2004 -
11-6-2003 Belfast Irlanda del Nord   0 – 0   Spagna Qual. Euro 2004 -
6-9-2003 Guimarães Portogallo   0 – 3   Spagna Amichevole -   45’
10-9-2003 Elche Spagna   2 – 1   Ucraina Qual. Euro 2004 -
11-10-2003 Erevan Armenia   0 – 4   Spagna Qual. Euro 2004 -
14-11-2003 Valencia Spagna   2 – 1   Norvegia Qual. Euro 2004 -
19-11-2003 Oslo Norvegia   0 – 3   Spagna Qual. Euro 2004 -
18-2-2004 Barcellona Spagna   2 – 1   Perù Amichevole -
5-6-2004 Getafe Spagna   4 – 0   Andorra Amichevole -   45’
12-6-2004 Faro Spagna   1 – 0   Russia Euro 2004 - 1º turno -
16-6-2004 Porto Grecia   1 – 1   Spagna Euro 2004 - 1º turno -
20-6-2004 Lisbona Spagna   0 – 1   Portogallo Euro 2004 - 1º turno -   74’
18-8-2004 Las Palmas Spagna   3 – 2   Venezuela Amichevole -
3-9-2004 Valencia Spagna   1 – 1   Scozia Amichevole -
8-9-2004 Zenica Bosnia ed Erzegovina   1 – 1   Spagna Qual. Mondiali 2006 -
9-10-2004 Santander Spagna   2 – 0   Belgio Qual. Mondiali 2006 -
13-10-2004 Vilnius Lituania   0 – 0   Spagna Qual. Mondiali 2006 -
9-2-2005 Almería Spagna   5 – 0   San Marino Qual. Mondiali 2006 -
26-3-2005 Salamanca Spagna   3 – 0   Cina Amichevole -   45’
30-3-2005 Belgrado Serbia e Montenegro   0 – 0   Spagna Qual. Mondiali 2006 -   45’
4-6-2005 Valencia Spagna   1 – 0   Lituania Qual. Mondiali 2006 -   50’
8-6-2005 Valencia Spagna   1 – 1   Bosnia ed Erzegovina Qual. Mondiali 2006 -   8’
17-8-2005 Gijón Spagna   2 – 0   Uruguay Amichevole -
7-9-2005 Madrid Spagna   1 – 1   Serbia e Montenegro Qual. Mondiali 2006 -
8-10-2005 Bruxelles Belgio   0 – 2   Spagna Qual. Mondiali 2006 -
12-11-2005 Madrid Spagna   5 – 1   Slovacchia Qual. Mondiali 2006 -
16-11-2005 Bratislava Slovacchia   1 – 1   Spagna Qual. Mondiali 2006 -
1-3-2006 Valladolid Spagna   3 – 2   Costa d'Avorio Amichevole -   46’
27-5-2006 Albacete Spagna   0 – 0   Russia Amichevole -
3-6-2006 Elche Spagna   2 – 0   Egitto Amichevole -
7-6-2006 Ginevra Spagna   2 – 1   Croazia Amichevole -
14-6-2006 Lipsia Spagna   4 – 0   Ucraina Mondiali 2006 - 1º turno -
19-6-2006 Stoccarda Spagna   3 – 1   Tunisia Mondiali 2006 - 1º turno -   29’
27-6-2006 Hannover Spagna   1 – 3   Francia Mondiali 2006 - Ottavi di finale -   82’
2-9-2006 Badajoz Spagna   4 – 0   Liechtenstein Qual. Euro 2008 -
6-9-2006 Belfast Irlanda del Nord   3 – 2   Spagna Qual. Euro 2008 -   70’
7-10-2006 Solna Svezia   2 – 0   Spagna Qual. Euro 2008 -   42’
7-2-2007 Manchester Inghilterra   0 – 1   Spagna Amichevole -   45’
28-3-2007 Palma di Maiorca Spagna   1 – 0   Islanda Qual. Euro 2008 -
2-6-2007 Riga Lettonia   0 – 2   Spagna Qual. Euro 2008 -
17-10-2007 Helsinki Finlandia   0 – 0   Spagna Amichevole - cap. -   45’
17-11-2007 Madrid Spagna   3 – 0   Svezia Qual. Euro 2008 -   87’
26-3-2008 Elche Spagna   1 – 0   Italia Amichevole -   17’
31-5-2008 Huelva Spagna   2 – 1   Perù Amichevole -
4-6-2008 Santander Spagna   1 – 0   Stati Uniti Amichevole -
10-6-2008 Innsbruck Spagna   4 – 1   Russia Euro 2008 - 1º turno -
14-6-2008 Innsbruck Svezia   1 – 2   Spagna Euro 2008 - 1º turno -   23’
22-6-2008 Vienna Spagna   0 – 0 dts
(4 – 2 dcr)
  Italia Euro 2008 - Quarti di finale -
26-6-2008 Vienna Russia   0 – 3   Spagna Euro 2008 - Semifinale -
29-6-2008 Vienna Germania   0 – 1   Spagna Euro 2008 - Finale - 2º titolo europeo
20-8-2008 Copenaghen Danimarca   0 – 3   Spagna Amichevole -
6-9-2008 Murcia Spagna   1 – 0   Bosnia ed Erzegovina Qual. Mondiali 2010 -
10-9-2008 Albacete Spagna   4 – 0   Armenia Qual. Mondiali 2010 -
11-10-2008 Tallinn Estonia   0 – 3   Spagna Qual. Mondiali 2010 1
15-10-2008 Bruxelles Belgio   1 – 2   Spagna Qual. Mondiali 2010 -   67’
19-11-2008 Vila-real Spagna   3 – 0   Cile Amichevole -   45’
9-6-2009 Baku Azerbaigian   0 – 6   Spagna Amichevole -   71’
14-6-2009 Rustenburg Nuova Zelanda   0 – 5   Spagna Conf. Cup 2009 - 1º turno -
20-6-2009 Bloemfontein Spagna   2 – 0   Sudafrica Conf. Cup 2009 - 1º turno - cap.
24-6-2009 Bloemfontein Spagna   0 – 2   Stati Uniti Conf. Cup 2009 - Semifinale -
12-8-2009 Skopje Macedonia   2 – 3   Spagna Amichevole - cap.
5-9-2009 La Coruña Spagna   5 – 0   Belgio Qual. Mondiali 2010 -   76’
10-10-2009 Erevan Armenia   1 – 2   Spagna Qual. Mondiali 2010 -   65’
14-11-2009 Madrid Spagna   2 – 1   Argentina Amichevole -   45’
3-3-2010 Saint-Denis Francia   0 – 2   Spagna Amichevole -   45’
29-5-2010 Innsbruck Spagna   3 – 2   Arabia Saudita Amichevole -
8-6-2010 Murcia Spagna   6 – 0   Polonia Amichevole -   71’
16-6-2010 Durban Spagna   0 – 1   Svizzera Mondiali 2010 - 1º turno -
21-6-2010 Johannesburg Spagna   2 – 0   Honduras Mondiali 2010 - 1º turno -
25-6-2010 Pretoria Cile   1 – 2   Spagna Mondiali 2010 - 1º turno -
29-6-2010 Città del Capo Spagna   1 – 0   Portogallo Mondiali 2010 - Ottavi di finale -
3-7-2010 Johannesburg Spagna   1 – 0   Paraguay Mondiali 2010 - Quarti di finale -   84’
7-7-2010 Durban Germania   0 – 1   Spagna Mondiali 2010 - Semifinale 1
11-7-2010 Johannesburg Paesi Bassi   0 – 1 dts   Spagna Mondiali 2010 - Finale -   16’ - 1º titolo mondiale
11-8-2010 Città del Messico Messico   1 – 1   Spagna Amichevole -   45’ -   45’
8-10-2010 Salamanca Spagna   3 – 1   Lituania Qual. Euro 2012 -
12-10-2010 Glasgow Scozia   2 – 3   Spagna Qual. Euro 2012 -
17-11-2010 Lisbona Portogallo   4 – 0   Spagna Amichevole -   72’
7-10-2011 Praga Rep. Ceca   0 – 2   Spagna Qual. Euro 2012 -   45’
11-10-2011 Alicante Spagna   3 – 1   Scozia Qual. Euro 2012 -   45’
12-11-2011 Londra Inghilterra   1 – 0   Spagna Amichevole -   75’
15-11-2011 San José Costa Rica   2 – 2   Spagna Amichevole -   90’
29-2-2012 Málaga Spagna   5 – 0   Venezuela Amichevole -   61’
5-2-2013 Doha Spagna   3 – 1   Uruguay Amichevole - cap.
Totale Presenze (11º posto) 100 Reti 3
Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Catalogna
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
29-12-2001 Barcellona Catalogna   1 – 0   Cile Amichevole -   51’
29-12-2007 Bilbao Paesi Baschi   1 – 1   Catalogna Amichevole -   46’
28-12-2008 Barcellona Catalogna   2 – 1   Colombia Amichevole -   46’
22-12-2009 Barcellona Catalogna   4 – 2   Argentina Trofeu Catalunya Internacional 2009 -   63’
28-12-2010 Barcellona Catalogna   4 – 0   Honduras Trofeu Catalunya Internacional 2010 -   63’
2-1-2013 Barcellona Catalogna   1 – 1   Nigeria Amichevole -
Totale Presenze 6 Reti 0

PalmarèsModifica

NoteModifica

  1. ^ Gli italiani piacciono agli inglesi, in Sport Mediaset, 31 dicembre 2009. URL consultato il 21 novembre 2012.
  2. ^ Puyol anchors Spanish defense with combination of hard work, grit, in Sport illustrated.cnn.com, 13 giugno 2010. URL consultato il 3 marzo 2023.
  3. ^ Official: Carles Puyol to Leave FC Barcelona At the End of the Season - Barca Blaugranes
  4. ^ (EN) Mark Hazard, A Profile of Carles Puyol, Captain of FC Barcelona[collegamento interrotto], Associated Content, 8 aprile 2008. URL consultato il 18 settembre 2009.
  5. ^ (EN) Carles Puyol, FTBL.com.
  6. ^ Puyol anchors Spanish defense with combination of hard work, grit; Sports Illustrated, 9 July 2010
  7. ^ Champions League - Puyol "Cercheremo di segnare subito" - Yahoo! Eurosport
  8. ^ Calcio Life . Calciomercato tutta la vita | BANDIERE DEL CALCIO: CARLES PUYOL, UNA VITA IN “BLAUGRANA” Archiviato il 6 marzo 2016 in Internet Archive.
  9. ^ Defending the caveman, timeslive.co.za, 11 luglio 2010. URL consultato il 7 luglio 2014.
  10. ^ Puyol returns to give Barcelona lift and leadership, theguardian.com, 29 aprile 2008. URL consultato il 7 luglio 2014.
  11. ^ Filippo Maria Ricci, Messi il nuovo paperone, in La Gazzetta dello Sport, 19 dicembre 2012, p. 20.
  12. ^ (ES) M. Carmen Torres, Puyol anuncia que deja el Barça a final de temporada, Marca.com, 4 marzo 2014. URL consultato il 5 marzo 2014.
  13. ^ (EN) Anna Segura, Puyol: "I came here as a boy and I leave with a family", fcbarcelona.com, 15 maggio 2014. URL consultato il 7 luglio 2014.
  14. ^ Inter, Vidic resta, si punta Kolarov, per Cerci è dura. Mancini, no da Puyol
  15. ^ Barcellona, Zubizarreta cacciato, Puyol va via. Ed è tensione Messi-Luis Enrique
  16. ^ Gli ambasciatori di UEFA EURO 2020
  17. ^ 2 presenze nei preliminari.
  18. ^ http://www.marca.com/en/football/spanish-football/2018/05/05/5aedecdbe2704e0c4e8b4605.html

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN311429913 · ISNI (EN0000 0004 3997 7898