Apri il menu principale
Daniele De Rossi
CSKA-Roma (2).jpg
De Rossi alla Roma nel 2014
Nazionalità Italia Italia
Altezza 184 cm
Peso 83 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Squadra Boca Juniors
Carriera
Giovanili
1997-2000Ostia Mare
2000-2001Roma
Squadre di club1
2001-2019Roma459 (43)
2019-Boca Juniors2 (0)
Nazionale
2001Italia Italia U-193 (0)
2002Italia Italia U-204 (0)
2003-2004Italia Italia U-2112 (2)
2004Italia Italia olimpica4 (1)
2004-2017Italia Italia117 (21)
Palmarès
Coppa mondiale.svg Mondiali di calcio
Oro Germania 2006
UEFA European Cup.svg Europei di calcio
Argento Polonia-Ucraina 2012
Transparent.png Confederations Cup
Bronzo Brasile 2013
Olympic flag.svg Olimpiadi
Bronzo Atene 2004
Transparent.png Europei di calcio Under-21
Oro Germania 2004
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 26 agosto 2019

Daniele De Rossi (Roma, 24 luglio 1983) è un calciatore italiano, centrocampista del Boca Juniors.

Legato dal 2001 al 2019 alla Roma, della quale è il giocatore con il secondo maggior numero di presenze ufficiali di sempre dopo Francesco Totti, con i giallorossi ha vinto due Coppe Italia e una Supercoppa italiana.

Con la Nazionale italiana si è laureato campione del mondo nel 2006 e ha vinto la medaglia di bronzo al Giochi olimpici di Atene 2004, ha raggiunto la finale del campionato d'Europa 2012 e il terzo posto alla Confederations Cup 2013, mentre a livello giovanile è stato campione d'Europa Under-21 nel 2004.

Con 117 presenze è, al 2017, il quarto giocatore italiano e il primo della Roma, con il maggior numero di presenze in nazionale. Con 21 goal è, inoltre, il calciatore non attaccante più prolifico nella nazionale del dopoguerra e il secondo in assoluto dopo Adolfo Baloncieri in tale particolare classifica.[1]

Nel 2006 fu nominato miglior calciatore giovane dall'Associazione Italiana Calciatori, mentre nel 2009 è stato da questa nominato migliore calciatore italiano.[2] Nel 2012 fu inserito nella formazione ideale del campionato europeo di quell'anno.

Indice

Biografia

Famiglia

Nato nella frazione romana di Ostia, è figlio di Alberto De Rossi, già giocatore delle giovanili della Roma che, prima di diventare allenatore della squadra Primavera di detto club, fu professionista in Serie C;[3] anche suo cugino, Andrea De Rossi, è calciatore professionista. Ha una figlia, Gaia, nata il 16 luglio 2005, la cui madre è Tamara Pisnoli, sposata il 18 maggio 2006 e dalla quale si è separato nel 2009.[4][5][6] Il 7 agosto 2008 viene assassinato il suocero, Massimo Pisnoli, presso il comune di Aprilia, in provincia di Latina.[7] Pochi giorni dopo, De Rossi decide di dedicare la doppietta firmata in nazionale nella gara contro la Georgia proprio al parente scomparso.[7] I responsabili dell'omicidio, Gabriele Piras e Giuseppe Arena, sono stati arrestati alcuni mesi dopo.[8] Nel 2011 si è fidanzato con l'attrice Sarah Felberbaum, dalla quale ha avuto, il 14 febbraio 2014, una bambina di nome Olivia Rose, e il 3 settembre 2016 un bambino di nome Noah;[9] i due convolano a nozze il 24 dicembre 2015 alle Maldive.[10]

Presenza nei media

È stato protagonista, insieme ad altri calciatori, di spot pubblicitari per UniCredit, Pringles, Adidas[11] e Linkem.

Caratteristiche tecniche

De Rossi inizia come attaccante nell'Ostiamare poi, nella Roma, diventa trequartista e successivamente centrocampista mediano.[12] Possiede un gran tiro da fuori area e un ottimo stacco di testa.[2] Sin dalle giovanili con la Roma dimostrava una eccellente forza fisica, una buona visione del campo e una grande tenacia.[13] Fa del temperamento e della carica agonistica le sue doti migliori. È in grado di spezzare il gioco avversario con intelligenza tattica e decisi tackle, facendo ripartire in questo modo la squadra e dimostrando ottime capacità di impostazione.[14][15][16] L'allenatore della Roma Luciano Spalletti, suo mentore e grande estimatore, dice di lui: «è come avere un satellitare: imposti la richiesta e lui sa già la strada e la posizione di cui hai bisogno».[17]

È considerato una delle maggiori stelle del calcio italiano degli anni duemila e duemiladieci,[18] nonché uno dei migliori centrocampisti d'Europa e del mondo.[12][19] L'ex commissario tecnico della nazionale italiana Marcello Lippi, in seguito ad una grande prova del romano contro la Georgia nelle qualificazioni ai mondiali del 2010, lo elogiò definendolo uno dei migliori centrocampisti al mondo al pari degli inglesi Lampard e Gerrard.[20][21][22] Nella stagione 2011-2012, De Rossi ha spesso ricoperto il ruolo di difensore centrale, sia per la Roma che per la nazionale.[23] Ha più volte dichiarato di ispirarsi allo stile gioco di Roy Keane; in onore del calciatore irlandese, indossa il numero 16 sia con il club sia in maglia azzurra.[24]

Carriera

Club

Giovanili

De Rossi inizia a giocare ben presto nel settore giovanile dell'Ostiamare.[25] Il suo ruolo nella squadra inizialmente era quello di terzino, poi divenuto attaccante.[12] A 9 anni riceve la prima chiamata della NB, ma rifiuta per rimanere con i suoi compagni di squadra di Ostiamare.[12] A 16-17 anni, invece, decide di aggregarsi al club giallorosso, della quale il padre Alberto è l'allenatore della squadra Primavera.[26] Il giovane calciatore si mette subito in luce e diventa ben presto un elemento importante della squadra giovanile della Roma[2]. Nelle giovanili della Roma, De Rossi, anche grazie al suo ex allenatore Mauro Bencivenga, passa dal ruolo di attaccante a centrocampista, che lo accompagnerà anche nelle stagioni future.[12]

Roma

«Ho un solo rimpianto, quello di poter donare alla Roma una sola carriera.»

(Daniele De Rossi[27])
 
De Rossi con la maglia della Roma nella stagione 2008-2009
L'approdo al professionismo

All'inizio del 2001, De Rossi riceve le prime convocazioni in prima squadra[28] - dove indossa la maglia numero 26 - ma non scende mai in campo. L'allenatore Fabio Capello lo fa esordire tra i professionisti il 30 ottobre 2001, a 18 anni, facendolo entrare al posto di Tomić nel secondo tempo della partita di Champions League Roma-Anderlecht (1-1). Nella sua stagione di esordio viene impiegato anche in 3 gare di Coppa Italia, competizione in cui la Roma non riesce a qualificarsi alle semifinali.[29]

La stagione successiva, il 25 gennaio 2003, a 19 anni esordisce in Serie A nella partita Como-Roma (2-0).[30] Il 10 maggio viene schierato da titolare per la prima volta e realizza il suo primo gol nella massima serie, durante la partita casalinga contro il Torino (3-1).[30] Il 24 maggio realizza anche il suo secondo gol stagionale nell'ultima partita di campionato disputata, persa per 1-2 contro l'Atalanta allo stadio Olimpico.[30] La Roma conclude la stagione al settimo posto e perde la finale di Coppa Italia contro il Milan. De Rossi chiude la stagione con 4 presenze e 2 gol in campionato. Nella stagione 2003-2004 totalizza 17 presenze in campionato, 6 presenze in Coppa UEFA e disputa tutte e quattro le gare di Coppa Italia, contribuendo in modo decisivo al secondo posto in campionato.[31]

I primi successi

Nel 2004-2005, a 21 anni, diventa titolare nella squadra. Decide di indossare la maglia numero 4, lasciata libera da Cristian Chivu che ha scelto la 13. L'8 settembre 2004 ha segnato un gol nella partita di Champions League contro il Real Madrid, partita conclusasi con il risultato di 4-2 per la squadra spagnola.[32] Segna anche nella sfida contro l'Inter, giocata il 3 ottobre seguente, finita in parità con il risultato di 3-3.[33] Durante l'incontro, tuttavia, è protagonista dell'infortunio di Obafemi Martins, motivo per cui viene espulso. Dopo la partita, De Rossi si è scusato con l'avversario di quanto accaduto.[34] La Roma conclude la stagione all'ottavo posto e perde la finale di Coppa Italia contro l'Inter. De Rossi, invece, conclude la stagione con trenta presenze in campionato,[35] cinque in Coppa Italia e tre in Champions League. Al termine della stagione, il Manchester Utd e il Real Madrid esprimono interesse ad acquistare il talento romano.[36][37].

Prima dell'inizio della stagione 2005-2006, De Rossi segna uno dei tre gol per la Roma nella partita di campionato vinta contro la Reggina.[38] Il nuovo allenatore, Luciano Spalletti, utilizza ad inizio stagione il modulo 4-5-1, in cui De Rossi è stato schierato come centrocampista difensivo e più vicino alla linea difensiva. Il 15 marzo 2006, nella partita di Coppa UEFA contro il Middlesbrough, indossa per la prima volta la fascia di capitano. Quattro giorni dopo, il 19 marzo, durante la partita Roma-Messina, De Rossi segna un gol di testa sfiorando la palla con la mano. L'arbitro convalida il gol, ma il giocatore con fairplay ammette l'irregolarità e la rete viene annullata.[39] Nella stessa partita, però, subisce un infortunio alla caviglia che lo tiene lontano dal campo di gioco per almeno due settimane.[40] La Roma, al termine della stagione, si classifica al quinto posto, ma in seguito allo scandalo che travolge improvvisamente il calcio italiano e al successivo stravolgimento della classifica finale acquisisce d'ufficio la seconda posizione, qualificandosi così alla Champions League.[41] Conclude la stagione con 34 presenze in campionato, in cui ha segnato sei gol, tre partite nella Coppa Italia, competizione in cui la Roma ha raggiunto nuovamente la finale contro l'Inter, nella quale è stata superata dalla squadra nerazzurra.[42] Consegue, inoltre, sette presenze nella Coppa UEFA. Dalla stagione successiva, De Rossi decide di indossare la maglia numero 16.

Nella stagione 2006-2007 ottiene la definitiva affermazione a livello internazionale. Al termine della stagione colleziona 36 presenze, segnando due gol. La squadra si classifica al secondo posto in campionato.[43] In questa stagione vince, contro i milanesi dell'Inter, la sua prima Coppa Italia: i neroazzurri vengono sconfitti con l'eclatante punteggio di 6-2 nella gara di andata, disputata il 9 maggio allo stadio Olimpico di Roma. Nella gara di ritorno, disputata a San Siro il 17 maggio, il gol di Perrotta segnato all'83' spegne le speranze dei milanesi, che erano andati in vantaggio all'inizio del secondo tempo.[44] In questa stagione vince gli Oscar del calcio AIC come Migliore calciatore giovane.[2] Per evitare inoltre l'insorgere di future difficoltà finanziarie derivate dall'incontrollato aumento delle spese di gestione del club, si decide di imporre un tetto di ingaggi di 2,5 milioni di euro per ogni giocatore tesserato, ad esclusione del capitano Francesco Totti. In futuro, per lo stesso motivo, il tetto-ingaggi non sarebbe stato applicato nemmeno allo stesso De Rossi.[45]

La stagione 2007-2008, il 19 agosto 2007 allo Stadio Giuseppe Meazza di Milano, segna al 78', su rigore, la rete che consente ai giallorossi di trionfare a Milano nella Supercoppa italiana: l'Inter è sconfitta sul proprio terreno per 1-0.[46] In questa stagione, con le forzate assenze per infortunio del capitano Francesco Totti, De Rossi diventa il primo rigorista della squadra, segnando penalty con Catania[47] e Genoa,[48] pur fallendo nella vittoriosa gara (0-1) disputata dai capitolini a San Siro contro il Milan, un "cucchiaio" impreciso. Il 9 aprile 2008, durante la gara di ritorno dei quarti di finale di Champions League, disputata all'Old Trafford di Manchester, calcia alto un rigore sullo 0-0. La Roma perderà la gara contro il Manchester United per 1-0 e non si qualificherà alla semifinale. In questa occasione De Rossi disse: "Questo è l'episodio più brutto della mia carriera".[49] La Roma conclude la stagione al secondo posto. Il 24 maggio 2008, De Rossi vince la sua seconda Coppa Italia allo stadio Olimpico ancora contro l'Inter, sconfitta per 2-1.[50]

Cambi di gestione tecnica

Al primo impegno della stagione 2008-2009, la Roma non riesce ad aggiudicarsi la Supercoppa italiana, torneo nel quale De Rossi realizza prima un gol e, successivamente, uno dei tiri dal dischetto per la squadra giallorossa. La partita termina in parità 2-2: l'assegnazione del trofeo vien decisa ai calci di rigore, dove prevale l'Inter per 8-7.[51] Segna il suo primo gol in un derby l'11 aprile 2009 in un Lazio-Roma terminato 4-2.[52] Al termine della stagione, la squadra si classifica in sesta posizione in Serie A, mentre in Coppa Italia il cammino della Roma termina ai quarti di finale.

All'inizio della stagione 2009-2010, il 13 settembre 2009, durante un Siena-Roma (1-2), i sostenitori senesi intonano cori offensivi nei suoi confronti, anche offendendo la memoria del suocero, Massimo Pisnoli, ucciso l'anno precedente. Il giocatore cerca di avvicinarsi alla curva dei tifosi avversari ma viene calmato dall'abbraccio dei suoi compagni di squadra[53]. Il 6 dicembre successivo, durante il derby contro la Lazio, De Rossi raggiunge le 200 presenze in Serie A.[54] Anche dopo l'avvicendamento in panchina tra Spalletti e Ranieri, De Rossi continua ad essere determinante per la squadra. Il 18 gennaio 2010 vince il suo secondo Oscar del calcio: viene eletto migliore calciatore italiano AIC 2009, battuto per il titolo assoluto da Zlatan Ibrahimović.[55] Decide il match contro il Catania, con un tiro dal limite dell'area, consentendo alla Roma di passare il turno di Coppa Italia.[56] Il 27 marzo 2010 segna il primo gol in Roma-Inter (2-1).[57] Anche in questa stagione la squadra si classifica al secondo posto in campionato e perde la finale di Coppa Italia contro l'Inter.

La stagione 2010-2011 vede De Rossi protagonista non solo in campionato, ma anche in Champions League, nonostante l'avvicendamento in panchina tra Ranieri e Montella. Il 23 novembre 2010 nella partita casalinga di Champions League contro il Bayern Monaco segna il gol del momentaneo 2-2 contro i tedeschi, partita poi terminata con il successo dei giallorossi per 3-2.[58] Il 4 febbraio 2011 viene eletto miglior atleta italiano dell'anno 2010 assieme alla nuotatrice Federica Pellegrini dall'Associazione Stampa Estera in Italia.[59] Il 23 febbraio 2011 nella partita di recupero contro il Bologna, segna il gol decisivo dell'1-0 che permette ai giallorossi di espugnare il Dall'Ara.[60] La Roma termina il campionato al sesto posto, mentre in Coppa Italia è eliminata in semifinale dall'Inter.[61][62]

La stagione 2011-2012 vede l'arrivo di Luis Enrique e di Thomas DiBenedetto, rispettivamente come allenatore e presidente della Roma. Alla fine di questa stagione, la Roma si classifica al settimo posto in campionato.[63] De Rossi chiude la stagione con 32 presenze e 4 gol in campionato.

Nella stagione 2012-2013, la Roma si classifica al sesto posto.[64] Questa stagione non è molto felice per il centrocampista giallorosso, anche a causa del poco feeling con l'allenatore Zdeněk Zeman del quale contesta gli allenamenti, a suo dire troppo duri.[65] Per questa ragione, De Rossi è stato relegato alla panchina, perdendo il suo posto da titolare.[66] In merito alla situazione del giocatore, Zeman ha dichiarato su di lui: «De Rossi per me non è una nota dolente, ma non ha reso da De Rossi. Non si è integrato con la squadra. Per me è un giocatore importante, spero renda come nelle passate stagioni».[67] Il 22 dicembre 2012, prima del fischio d'inizio di Roma-Milan, De Rossi ha raggiunto le 400 presenze in maglia giallorossa, ricevendo dal presidente Pallotta una targa celebrativa per il traguardo raggiunto.[68] Il 17 marzo 2013, invece, durante la gara vinta 2-0 contro il Parma, raggiunge le 300 presenze in Serie A.[69] A fine stagione, De Rossi conclude con 25 presenze in campionato e 4 presenze in Coppa Italia.

L'arrivo di Rudi Garcia e il ritorno di Spalletti
 
De Rossi durante la sfida di UEFA Champions League 2014-2015 sul campo del CSKA Mosca.

La stagione 2013-2014 vede l'arrivo sulla panchina della Roma di Rudi Garcia, il quale integra immediatamente De Rossi nella sua squadra. Il giocatore decide di rimanere alla Roma, nonostante sia stato vicino al trasferimento in una nuova squadra.[70] Al primo impegno della stagione 2013-2014, il 25 agosto 2013, nel primo match stagionale a Livorno, torna al gol con la maglia giallorossa, dopo un digiuno di oltre 15 mesi (l'ultimo sigillo il 13 maggio 2012 a Cesena), sbloccando la partita al 65' con un destro dai venti metri.[71] Il 10 novembre 2013, contro il Sassuolo (1-1), raggiunge le 318 presenze in Serie A, raggiungendo Giuseppe Giannini, storico capitano della Roma, e gioca la sua 400ª partita da titolare con la maglia giallorossa.[72] L'11 maggio 2014, invece, raggiunge lo storico portiere Guido Masetti e, superandolo, diventa il terzo calciatore con più presenze in serie A nell'intera storia giallorossa.[73]

La seconda stagione sotto la guida di Garcia coincide con il ritorno della Roma in UEFA Champions League dopo tre anni. Il 29 ottobre De Rossi realizza il suo primo gol stagionale nella partita vinta 2-0 contro il Cesena, ritornando a segno in Serie A dopo quasi un anno dall'ultima volta.[74] Il 20 gennaio 2015 decide su rigore ai supplementari la sfida di Coppa Italia contro l'Empoli, portando così i giallorossi ai quarti di finale della competizione.[75]

Sempre contro l'Empoli, Il 17 ottobre 2015 raggiunge la presenza numero 500 con la Roma, dove realizza anche un gol nella vittoria per 3-1.[76] Il 20 ottobre successivo realizza la sua prima doppietta nelle coppe europee, nella partita Bayer Leverkusen-Roma (4-4), valida per la fase a gironi di Champions League.[77] Il 14 gennaio 2016 Garcia viene esonerato e sostituito dal ritorno di Spalletti, con De Rossi che inizialmente si dimostra entusiasta del tecnico.[78]

Nella stagione 2016-2017 – iniziata con la sconfitta nel preliminare di Champions League contro il Porto, con De Rossi peraltro espulso nella gara di ritorno – va in gol per tre partite consecutive, suo record personale, contro Lazio, Milan e Juve;[79] realizza inoltre uno dei gol decisivi per la vittoria per 3-2 sul Genoa nell'ultima gara di campionato, fondamentale per la seconda posizione finale, nel giorno dell'addio di Francesco Totti.

Le stagioni da capitano

Ereditata la fascia di capitano, De Rossi resta nei primi posti delle gerarchie della squadra anche con il nuovo tecnico, Eusebio Di Francesco, subentrato a Luciano Spalletti, che lo conferma nel ruolo di mediano in un centrocampo a tre formato, oltre che da De Rossi, da Nainggolan e Strootman.[80] Mentre in campionato i giallorossi non riescono a replicare i risultati positivi ottenuti nell'annata precedente, riuscendo comunque a classificarsi terzi ed a qualificarsi per la fase a gironi della Champions League, proprio nella massima competizione europea la squadra capitolina registra risultati a detta di molti sorprendenti, riuscendo a raggiungere prima i quarti di finale[81], poi la semifinale, rimontando per 3-0 la sfida ai quarti contro il Barcellona, nella quale gara De Rossi segnerà la seconda rete, su calcio di rigore.[82] In semifinale, poi, la Roma verrà eliminata dal Liverpool.[83]

Contrariamente ai successi della suddetta stagione, la successiva risulta essere molto tribolata per De Rossi, sin dall'arrivo del francese Nzonzi, innesto a centrocampo voluto dal ds Monchi malvisto da De Rossi stesso.[84] A ciò si aggiungono i mancati contatti tra De Rossi e la dirigenza romanista in merito al rinnovo del contratto, in scadenza nel 2019, oltre a numerosi problemi fisici che pregiudicano il rendimento del capitano.[85][86] Al termine di una stagione vissuta tra alti e bassi, condita dall'esonero di Di Francesco e dal ritorno di Claudio Ranieri[87][88], la Roma annuncia la propria volontà di non rinnovare il contratto di De Rossi.[89] Il capitano giallorosso disputa la sua ultima partita all'Olimpico il 26 maggio 2019, contro il Parma, a 18 anni esatti dalla vittoria del terzo scudetto, sullo stesso campo contro la stessa squadra: al momento della sostituzione, cede la fascia di capitano al compagno di squadra Alessandro Florenzi.[90][91] Conclude la sua esperienza in giallorosso con 616 presenze e 63 reti in tutte le competizioni, in 18 anni di militanza.

Boca Juniors

Il 26 luglio 2019 sottoscrive un contratto annuale con la squadra argentina del Boca Juniors.[92] Il 13 agosto fa il suo debutto e mette a segno una rete in occasione della gara di Coppa Argentina contro l'Almagro, finita 1-1 e poi persa ai rigori.[93] Debutta nella Primera División il 19 agosto successivo, disputando per intero il match contro l'Aldosivi.[94]

Nazionale

Dalle giovanili al Mondiale 2006

Il 20 novembre 2001, nella vittoria per 2-0 contro la Bielorussia, De Rossi ha fatto il suo debutto in Nazionale Under-19. Con questa nazionale ha giocato tre partite. Il 27 marzo 2002 ha esordito in Nazionale Under-20 nella partita vinta 4-0 contro la Svizzera. Con questa nazionale ha disputato in totale quattro partite.[95] De Rossi ha collezionato diverse presenze nella Nazionale Under-21, con la quale ha vinto da titolare il campionato d'Europa Under-21 2004, competizione nel quale ha segnato anche due gol, uno contro la Croazia e l'altro nella finale vinta contro la Serbia e Montenegro.[95][96] Nello stesso anno ha vinto la medaglia di bronzo ai Giochi di Atene con la Nazionale olimpica. Nel corso del torneo, De Rossi ha giocato quattro partite, ovvero le tre partite della fase a girone e la semifinale contro l'Argentina.[95][97]

Il 4 settembre 2004, a 21 anni, esordisce in Nazionale nella partita Italia-Norvegia (2-1), disputata allo Stadio Renzo Barbera di Palermo e valida per le qualificazioni al Mondiale 2006: nella sua partita di esordio realizza anche il suo primo gol in nazionale. Il CT Marcello Lippi lo impiega subito con continuità. Il 30 marzo 2005 indossa per la prima volta la fascia di capitano, nel secondo tempo della partita amichevole Italia-Islanda (0-0), giocata a Padova. Nel maggio del 2006 viene convocato per il campionato mondiale in Germania.[98] Parte come titolare, ma durante la seconda partita della fase a gironi, giocata il 17 giugno, contro gli Stati Uniti viene espulso, al 26' minuto del primo tempo, per aver inferto una gomitata durante un contrasto aereo al giocatore Brian McBride, ferendolo al volto. La scorrettezza gli costa 4 giornate di squalifica.[99] Torna a disposizione del commissario tecnico in occasione della finale del 9 luglio 2006 contro la Francia, subentrando nella ripresa a Francesco Totti. È quella la gara che sancisce il trionfo dell'Italia, e De Rossi realizza tra l'altro il terzo dei cinque rigori della serie finale.[100]

2006-2010

Dopo il Mondiale, Roberto Donadoni è il nuovo commissario tecnico; dopo il ritiro di Totti, inoltre, la maglia numero 10 viene affidata a De Rossi, che in questo nuovo ciclo diventa titolare a centrocampo. Il 17 ottobre 2007, a 24 anni, indossa la fascia di capitano dal 1º minuto nella partita amichevole Italia-Sudafrica (2-0) giocata a Siena.[101] Prende parte al campionato d'Europa 2008, dove non viene schierato nella prima gara del girone, la pesante sconfitta per 3-0 contro i Paesi Bassi. Conquista un posto da titolare nei due successivi incontri che porteranno l'Italia ai quarti di finale: nel secondo, vinto per 2-0 sulla Francia, sigla il secondo gol su punizione, complice una decisiva deviazione di Thierry Henry e viene nominato man of the match dall'UEFA[102]. Nei quarti di finale contro la Spagna non trasforma il secondo dei calci di rigore maturati dopo i supplementari; errore che, sommato al successivo di Antonio Di Natale, determina l'eliminazione dell'Italia dagli Europei.[103]

Il 10 settembre 2008, mette a segno la sua prima doppietta con la maglia azzurra contro la Georgia, in una partita valida per le qualificazioni ai Mondiali 2010, dedicando i gol al suocero, ucciso poche settimane prima.[7] Viene poi convocato per la FIFA Confederations Cup 2009, dove ritrova ancora la maglia numero 10. Nella prima partita della competizione sigla il momentaneo 2-1 contro gli Stati Uniti e viene eletto man of the match[104]; gli azzurri verranno eliminati comunque nella prima fase.[105].

 
Daniele De Rossi in maglia azzurra contrasta Steven Gerrard durante i quarti di finale Inghilterra-Italia del campionato d'Europa 2012

Viene poi selezionato dal ct Marcello Lippi per il campionato del mondo 2010 in Sudafrica.[106] Il 14 giugno è autore della rete del pareggio contro il Paraguay (1-1), nel primo incontro della fase finale.[107] Grazie a questa rete, la nona, diventa il marcatore romanista più volte a segno con la maglia azzurra, a pari merito con Francesco Totti.[108] Nella seconda partita contro la Nuova Zelanda, De Rossi procura un rigore poi realizzato da Vincenzo Iaquinta, che permette all'Italia di pareggiare con gli avversari.[109] La nazionale viene eliminata al primo turno dopo aver perso 3-2 contro la Slovacchia, nella terza ed ultima partita della fase a gironi.[110]

2010-2014

Il 10 agosto 2010, in assenza di Buffon e Pirlo, disputa da capitano la prima partita sotto la guida del nuovo CT Cesare Prandelli, l'amichevole Italia-Costa d'Avorio (0-1) a Londra.[111] Il 3 settembre successivo, in occasione dell'impegno di qualificazione per Euro 2012 contro l'Estonia, supera in presenze il compagno di squadra Francesco Totti e diventa il romanista più presente della storia della nazionale.[112] Il 7 settembre successivo, in occasione dell'impegno di qualificazione per Euro 2012 contro le Fær Øer, mette a segno la sua decima rete in azzurro:[113] grazie a questa rete supera Totti nella classifica dei marcatori e diventa e il romanista più prolifico in azzurro.[114]

 
Daniele De Rossi in maglia azzurra contrasta Álvaro Arbeloa durante la finale Spagna-Italia di Euro 2012

Convocato per il campionato d'Europa 2012, nelle prime due partite viene impiegato come difensore centrale, ruolo già ricoperto in alcune occasioni durante la stagione con la sua squadra di club. Dalla terza partita riprende però il suo ruolo a centrocampo. La nazionale si laurea vice-campione d'Europa perdendo per 4-0 la finale contro la Spagna e De Rossi viene inserito nella rosa ideale della competizione.[115]

Il 4 giugno 2013 viene inserito nella lista dei 23 giocatori che parteciperanno alla Confederations Cup 2013, unico rappresentante romanista della spedizione azzurra.[116] Nella seconda gara del girone contro il Giappone, De Rossi diventa determinante per la vittoria degli Azzurri. Segna, infatti, il primo gol per l'Italia che, sotto di 2 gol, riuscirà così a rimontare gli avversari e vincere 4-3 la partita.[117] Con questo gol, il 15° in carriera, scavalca Giovanni Ferrari e Gianni Rivera,[1] diventando il centrocampista più prolifico nella storia della nazionale dopo Adolfo Baloncieri.[118] Gli Azzurri si classificano al terzo posto dopo aver vinto ai rigori contro l'Uruguay.[119]

Viene inserito nella lista definitiva dei 23 convocati per il Mondiale 2014. Gioca le prime due partite della competizione, mentre salta per infortunio la terza sfida persa contro l'Uruguay, che sancisce la seconda eliminazione consecutiva degli azzurri al primo turno di un Mondiale.[120]

2014-2017

Il 4 settembre, in assenza di Buffon e Pirlo, disputa da capitano la prima partita sotto la guida del nuovo CT Antonio Conte, l'amichevole Italia-Paesi Bassi (2-0) a Bari, in cui realizza su calcio di rigore il gol numero 100 di un romanista in nazionale.[121] Il 16 novembre successivo, contro la Croazia valevole per la qualificazione a Euro 2016, festeggia la 100ª presenza in maglia azzurra.[122] Il 6 settembre 2015 realizza su calcio di rigore il gol che decide la sfida contro la Bulgaria; nella stessa partita, tuttavia, riceve la sua seconda espulsione in maglia azzurra (dopo quella contro gli Stati Uniti nel 2006) per un fallo di reazione nei confronti di Micanski.[123]

Viene convocato per il campionato d'Europa 2016. Gioca da titolare due partite del girone e l'ottavo di finale contro la Spagna, partita in cui subisce un infortunio[124] che non gli permette di disputare il quarto di finale contro la Germania che gli azzurri perderanno ai tiri di rigore.[125]

Il 6 ottobre 2016, durante la gestione del nuovo CT Ventura, in occasione della partita contro la Spagna valida per le qualificazioni ai Mondiali 2018, viene premiato dalla UEFA per aver raggiunto le 100 presenze in maglia azzurra.[126] Nella stessa partita, inoltre, realizza il definitivo 1-1 dal dischetto.[127] Il 7 giugno 2017, nell'amichevole contro l'Uruguay, disputa la 113ª partita e realizza il 21º gol, superando rispettivamente Dino Zoff e Paolo Rossi per presenze e reti in nazionale.[128] Il 10 novembre 2017 disputa da titolare la partita di andata del play-off per la qualificazione al Mondiale 2018, gara persa 1-0 in trasferta contro la Svezia. Questa rimane la sua ultima presenza, in quanto non scende in campo nella gara di ritorno, e a seguito della mancata qualificazione alla rassegna iridata il 13 novembre annuncia il suo ritiro dalla nazionale italiana.

Statistiche

Presenze e reti nei club

Statistiche aggiornate al 28 agosto 2019.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2001-2002   Roma A 0 0 CI 3 0 UCL 1 0 SI 0 0 4 0
2002-2003 A 4 2 CI 3 0 UCL 0 0 - - - 7 2
2003-2004 A 17 0 CI 4 0 CU 6 1 - - - 27 1
2004-2005 A 30 2 CI 5 1 UCL 3 1 - - - 38 4
2005-2006 A 34 6 CI 4 0 CU 7 0 - - - 45 6
2006-2007 A 36 2 CI 8 2 UCL 10 2 SI 1 0 55 6
2007-2008 A 34 5 CI 6 0 UCL 10 0 SI 1 1 51 6
2008-2009 A 33 3 CI 2 0 UCL 7 0 SI 1 1 43 4
2009-2010 A 33 7 CI 4 1 UEL 12[129] 3[130] - - - 49 11
2010-2011 A 28 2 CI 4 0 UCL 7 1 SI 1 0 40 3
2011-2012 A 32 4 CI 0 0 UEL 0 0 - - - 32 4
2012-2013 A 25 0 CI 4 0 - - - - - - 29 0
2013-2014 A 32 1 CI 4 0 - - - - - - 36 1
2014-2015 A 26 2 CI 1 1 UCL+UEL 3+4 0 - - - 34 3
2015-2016 A 24 1 CI 1 0 UCL 6 2 - - - 31 3
2016-2017 A 31 4 CI 1 0 UCL+UEL 2[131]+6 0+1 - - - 40 5
2017-2018 A 22 1 CI 0 0 UCL 10 1 - - - 32 2
2018-2019 A 18 1 CI 1 0 UCL 4 1 - - - 23 2
Totale Roma 459 43 55 5 98 13 4 2 616 63
2019-2020   Boca Juniors PD 2 0 CA 1 1 CL 1 0 - - - 4 1
Totale carriera 461 43 56 6 99 13 4 2 620 64

Cronologia presenze e reti in nazionale

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
4-9-2004 Palermo Italia   2 – 1   Norvegia Qual. Mondiali 2006 1
9-10-2004 Celje Slovenia   1 – 0   Italia Qual. Mondiali 2006 -   90+1’
13-10-2004 Parma Italia   4 – 3   Bielorussia Qual. Mondiali 2006 1   75’
17-11-2004 Messina Italia   1 – 0   Finlandia Amichevole -   62’   63’
9-2-2005 Cagliari Italia   2 – 0   Russia Amichevole -   46’
26-3-2005 Milano Italia   2 – 0   Scozia Qual. Mondiali 2006 -   72’
30-3-2005 Padova Italia   0 – 0   Islanda Amichevole -
4-6-2005 Oslo Norvegia   0 – 0   Italia Qual. Mondiali 2006 -
17-8-2005 Dublino Irlanda   1 – 2   Italia Amichevole -   46’
3-9-2005 Glasgow Scozia   1 – 1   Italia Qual. Mondiali 2006 -   60’
8-10-2005 Palermo Italia   1 – 0   Slovenia Qual. Mondiali 2006 -   82’
12-10-2005 Lecce Italia   2 – 1   Moldavia Qual. Mondiali 2006 -
12-11-2005 Amsterdam Paesi Bassi   1 – 3   Italia Amichevole -   60’
16-11-2005 Ginevra Italia   1 – 1   Costa d'Avorio Amichevole -   46’
1-3-2006 Firenze Italia   4 – 1   Germania Amichevole 1
31-5-2006 Ginevra Svizzera   1 – 1   Italia Amichevole -   46’
2-6-2006 Losanna Italia   0 – 0   Ucraina Amichevole -
12-6-2006 Hannover Italia   2 – 0   Ghana Mondiali 2006 - 1º turno -
17-6-2006 Kaiserslautern Italia   1 – 1   Stati Uniti Mondiali 2006 - 1º turno -   28’
9-7-2006 Berlino Italia   1 – 1 dts
(5 - 3 dcr)
  Francia Mondiali 2006 - Finale -   61’[132]
2-9-2006 Napoli Italia   1 – 1   Lituania Qual. Euro 2008 -   61’
6-9-2006 Parigi Francia   3 – 1   Italia Qual. Euro 2008 -   87’
7-10-2006 Roma Italia   2 – 0   Ucraina Qual. Euro 2008 -
11-10-2006 Tbilisi Georgia   1 – 3   Italia Qual. Euro 2008 1
15-11-2006 Bergamo Italia   1 – 1   Turchia Amichevole -   71’
28-3-2007 Bari Italia   2 – 0   Scozia Qual. Euro 2008 -
6-6-2007 Kaunas Lituania   0 – 2   Italia Qual. Euro 2008 -   65’
8-9-2007 Milano Italia   0 – 0   Francia Qual. Euro 2008 -
17-10-2007 Siena Italia   2 – 0   Sudafrica Amichevole - Cap.   59’
17-11-2007 Glasgow Scozia   1 – 2   Italia Qual. Euro 2008 -   87’
21-11-2007 Modena Italia   3 – 1   Fær Øer Qual. Euro 2008 -
6-2-2008 Zurigo Italia   3 – 1   Portogallo Amichevole -   53’
26-3-2008 Elche Spagna   1 – 0   Italia Amichevole -
13-6-2008 Zurigo Italia   1 – 1   Romania Euro 2008 - 1º turno -
17-6-2008 Zurigo Francia   0 – 2   Italia Euro 2008 - 1º turno 1
22-6-2008 Vienna Spagna   0 – 0 dts
(4 - 2 dcr)
  Italia Euro 2008 - Quarti di finale -
20-8-2008 Nizza Italia   2 – 2   Austria Amichevole -
6-9-2008 Larnaca Cipro   1 – 2   Italia Qual. Mondiali 2010 -
10-9-2008 Udine Italia   2 – 0   Georgia Qual. Mondiali 2010 2
11-10-2008 Sofia Bulgaria   0 – 0   Italia Qual. Mondiali 2010 -
15-10-2008 Lecce Italia   2 – 1   Montenegro Qual. Mondiali 2010 -
19-11-2008 Atene Grecia   1 – 1   Italia Amichevole -
10-2-2009 Londra Brasile   2 – 0   Italia Amichevole -   59’
28-3-2009 Podgorica Montenegro   0 – 2   Italia Qual. Mondiali 2010 -
1-4-2009 Bari Italia   1 – 1   Irlanda Qual. Mondiali 2010 -
15-6-2009 Pretoria Stati Uniti   1 – 3   Italia Conf. Cup 2009 - 1º turno 1
18-6-2009 Johannesburg Egitto   1 – 0   Italia Conf. Cup 2009 - 1º turno -
21-6-2009 Pretoria Italia   0 – 3   Brasile Conf. Cup 2009 - 1º turno -
9-9-2009 Torino Italia   2 – 0   Bulgaria Qual. Mondiali 2010 -
10-10-2009 Dublino Irlanda   2 – 2   Italia Qual. Mondiali 2010 -
14-10-2009 Parma Italia   3 – 2   Cipro Qual. Mondiali 2010 -   66’
3-3-2010 Monaco Italia   0 – 0   Camerun Amichevole -   46’
3-6-2010 Bruxelles Italia   1 – 2   Messico Amichevole -   76’
5-6-2010 Ginevra Svizzera   1 – 1   Italia Amichevole -   88’
14-6-2010 Città del Capo Italia   1 – 1   Paraguay Mondiali 2010 - 1º turno 1
20-6-2010 Nelspruit Italia   1 – 1   Nuova Zelanda Mondiali 2010 - 1º turno -
24-6-2010 Johannesburg Slovacchia   3 – 2   Italia Mondiali 2010 - 1º turno -
10-8-2010 Londra Italia   0 – 1   Costa d'Avorio Amichevole - Cap.
3-9-2010 Tallinn Estonia   1 – 2   Italia Qual. Euro 2012 -
7-9-2010 Firenze Italia   5 – 0   Fær Øer Qual. Euro 2012 1   76’
8-10-2010 Belfast Irlanda del Nord   0 – 0   Italia Qual. Euro 2012 -
17-11-2010 Klagenfurt am Wörthersee Romania   1 – 1   Italia Amichevole -   46’   78’
9-2-2011 Dortmund Germania   1 – 1   Italia Amichevole -
10-8-2011 Bari Italia   2 – 1   Spagna Amichevole -   65’
2-9-2011 Tórshavn Fær Øer   0 – 1   Italia Qual. Euro 2012 -
6-9-2011 Firenze Italia   1 – 0   Slovenia Qual. Euro 2012 -
7-10-2011 Belgrado Serbia   1 – 1   Italia Qual. Euro 2012 -
11-10-2011 Pescara Italia   3 – 0   Irlanda del Nord Qual. Euro 2012 -
11-11-2011 Breslavia Polonia   0 – 2   Italia Amichevole -   46’
15-11-2011 Roma Italia   0 – 1   Uruguay Amichevole -
29-2-2012 Genova Italia   0 – 1   Stati Uniti Amichevole -   70’
1-6-2012 Zurigo Italia   0 – 3   Russia Amichevole -   60’
10-6-2012 Danzica Spagna   1 – 1   Italia Euro 2012 - 1º turno -
14-6-2012 Poznań Italia   1 – 1   Croazia Euro 2012 - 1º turno -
18-6-2012 Poznań Italia   2 – 0   Irlanda Euro 2012 - 1º turno -
24-6-2012 Kiev Inghilterra   0 – 0 dts
(2 - 4 dcr)
  Italia Euro 2012 - Quarti di finale -   80’
28-6-2012 Varsavia Germania   1 – 2   Italia Euro 2012 - Semifinale -
1-7-2012 Kiev Spagna   4 – 0   Italia Euro 2012 - Finale -
15-8-2012 Berna Italia   1 – 2   Inghilterra Amichevole 1 Cap.
7-9-2012 Sofia Bulgaria   2 – 2   Italia Qual. Mondiali 2014 -
12-10-2012 Erevan Armenia   1 – 3   Italia Qual. Mondiali 2014 1
16-10-2012 Milano Italia   3 – 1   Danimarca Qual. Mondiali 2014 1
6-2-2013 Amsterdam Paesi Bassi   1 – 1   Italia Amichevole -   61’
21-3-2013 Ginevra Italia   2 – 2   Brasile Amichevole 1   81’
7-6-2013 Praga Rep. Ceca   0 – 0   Italia Qual. Mondiali 2014 -
11-6-2013 Rio de Janeiro Italia   2 – 2   Haiti Amichevole -   55’
16-6-2013 Rio de Janeiro Messico   1 – 2   Italia Conf. Cup 2013 - 1º turno -
19-6-2013 Recife Italia   4 – 3   Giappone Conf. Cup 2013 - 1º turno 1
27-6-2013 Fortaleza Spagna   0 – 0 dts
(7 - 6 dcr)
  Italia Conf. Cup 2013 - Semifinale -
30-6-2013 Salvador Italia   2 – 2 dts
(3 - 2 dcr)
  Uruguay Conf. Cup 2013 - Finale 3º posto -   70’
14-8-2013 Roma Italia   1 – 2   Argentina Amichevole -
6-9-2013 Palermo Italia   1 – 0   Bulgaria Qual. Mondiali 2014 -
10-9-2013 Torino Italia   2 – 1   Rep. Ceca Qual. Mondiali 2014 -
31-5-2014 Londra Italia   0 – 0   Irlanda Amichevole -   62’
4-6-2014 Perugia Italia   1 – 1   Lussemburgo Amichevole -
14-6-2014 Manaus Inghilterra   1 – 2   Italia Mondiali 2014 - 1º turno -
20-6-2014 Recife Italia   0 – 1   Costa Rica Mondiali 2014 - 1º turno -
4-9-2014 Bari Italia   2 – 0   Paesi Bassi Amichevole 1 Cap.   67’
9-9-2014 Oslo Norvegia   0 – 2   Italia Qual. Euro 2016 -
16-11-2014 Milano Italia   1 – 1   Croazia Qual. Euro 2016 - [133]
6-9-2015 Palermo Italia   1 – 0   Bulgaria Qual. Euro 2016 1   55’
29-5-2016 Ta' Qali Italia   1 – 0   Scozia Amichevole -   67’
6-6-2016 Verona Italia   2 – 0   Finlandia Amichevole 1   63’
13-6-2016 Lione Belgio   0 – 2   Italia Euro 2016 - 1º turno -   78’
17-6-2016 Tolosa Italia   1 – 0   Svezia Euro 2016 - 1º turno -   69’   74’
27-6-2016 Saint-Denis Italia   2 – 0   Spagna Euro 2016 - Ottavi di finale -   54’
1-9-2016 Bari Italia   1 – 3   Francia Amichevole -   46’
6-10-2016 Torino Italia   1 – 1   Spagna Qual. Mondiali 2018 1
12-11-2016 Vaduz Liechtenstein   0 – 4   Italia Qual. Mondiali 2018 -
15-11-2016 Milano Italia   0 – 0   Germania Amichevole -
24-3-2017 Palermo Italia   2 – 0   Albania Qual. Mondiali 2018 1
28-3-2017 Amsterdam Paesi Bassi   1 – 2   Italia Amichevole - Cap.   37’
7-6-2017 Nizza Italia   3 – 0   Uruguay Amichevole 1 Cap.
11-6-2017 Udine Italia   5 – 0   Liechtenstein Qual. Mondiali 2018 -
2-9-2017 Madrid Spagna   3 – 0   Italia Qual. Mondiali 2018 -
5-9-2017 Reggio Emilia Italia   1 – 0   Israele Qual. Mondiali 2018 -
10-11-2017 Solna Svezia   1 – 0   Italia Qual. Mondiali 2018 -
Totale Presenze (4º posto) 117 Reti (12º posto) 21

Record

Palmarès

Onorificenze

Note

  1. ^ a b De Rossi, gol numero 15 in nazionale. Scavalcato Rivera tra i marcatori azzurri, su laroma24.it. URL consultato il 14 settembre 2013 (archiviato dall'url originale il 13 ottobre 2013).
  2. ^ a b c d (PL) Daniele De Rossi, su asroma.pl, 9 maggio 2009. URL consultato il 14 settembre 2013 (archiviato dall'url originale il 30 settembre 2013).
  3. ^ De Rossi: «Quella promozione senza sconfitte è stata la mia serie A», in Il Tirreno, 7 marzo 2009.
  4. ^ (EN) Tamara De Rossi – Rossi’s good off the field too, su soccerlens.com (archiviato dall'url originale il 13 maggio 2011).
  5. ^ (EN) WAG No. 245: Tamara De Rossi, su thespoiler.co.uk.
  6. ^ Daniele De Rossi, su legacalcio.pl.
  7. ^ a b c Omicidio suocero De Rossi, arrestati confessano, su ilmessaggero.it, 11 settembre 2008. URL consultato il 13 settembre 2009 (archiviato dall'url originale il 20 luglio 2014).
  8. ^ Presi i killer del suocero di De Rossi, su www1.lastampa.it.
  9. ^ De Rossi di nuovo papà: la compagna Sarah Felberbaum incinta di 4 mesi, su ilmessaggero.it.
  10. ^ Roma, De Rossi sposa la sua Sarah: matrimonio alle Maldive, su gazzetta.it.
  11. ^ Adidas lancia le scarpe Nitrocharge: progettate per infiammare il gioco, su passionemaglie.it.
  12. ^ a b c d e De Rossi: "Ero attaccante, rifiutai la Roma, poi la svolta", su gazzetta.it.
  13. ^ (PL) De Rossi na Old Trafford?, su devilpage.pl.
  14. ^ Baptista: "Voglio vincere in giallorosso. De Rossi è come Gerrard, alla Roma porterei Pato", su goal.com, 16 febbraio 2009.
  15. ^ Altro che Pirlo, Carletto per il suo Chelsea vuole DE ROSSI!", su goal.com, 6 luglio 2009.
  16. ^ C'è qualcuno che è ancora convito che Pirlo e De Rossi non possano coesistere? Non certo il Marcello nazionale: "È la coppia che farà la fortuna della Nazionale", su goal.com, 12 settembre 2008.
  17. ^ "De Rossi è come un GPS. Lo imposti e ci pensa lui", su romanews.eu, 12 giugno 2012 (archiviato dall'url originale il 4 novembre 2013).
  18. ^ (EN) Euro 2008: Italy midfielder Daniele De Rossi justifies Fabio Capello's faith, su telegraph.co.uk.
  19. ^ (PL) "De Rossi to jeden z najlepszych piłkarzy świata", su pilka.pl (archiviato dall'url originale il 30 ottobre 2013).
  20. ^ Lippi elogia De Rossi: "È come Lampard e Gerrard", su sport.it, 11 settembre 2008 (archiviato dall'url originale il 9 marzo 2009).
  21. ^ Qualificazioni Mondiali 2010 - Lippi: "De Rossi come Lampard e Gerrard", su it.eurosport.yahoo.com, 11 settembre 2008.
  22. ^ (EN) Daniele De Rossi, su as-roma-calcio.com (archiviato dall'url originale l'8 gennaio 2011).
  23. ^ È un De Rossi alla Beckenbauer, su pagineromaniste.com, 18 aprile 2012.
  24. ^   FIGC Vivo Azzurro - Nazionale Italiana Calcio, De Rossi risponde alle domande dei tifosi - #AskAzzurri, 18 giugno 2014. URL consultato il 20 giugno 2016.
  25. ^ La Storia dell'Ostiamare, su ostiamare.it, 9 maggio 2009 (archiviato dall'url originale il 22 giugno 2009).
  26. ^ (EN) De Rossi, su footballdatabase.com, 15 maggio 2009.
  27. ^   Unico rimpianto è donare solo una carriera alla Roma.
  28. ^ Chiesa punisce la Roma, in La Gazzetta dello Sport, 10 aprile 2001.
  29. ^ (EN) Italy Cup 2001/02, su rsssf.com, 9 maggio 2009.
  30. ^ a b c (EN) Italy 2002/03, su rsssf.com, 9 maggio 2009.
  31. ^ (EN) Italy 2003/04, su rsssf.com.
  32. ^ (EN) UEFA Champions League 2004-05, su rsssf.com.
  33. ^ (EN) Roma 3-3 Inter, su guardian.touch-line.com.
  34. ^ (PL) De Rossi przeprasza Martinsa, su seriea.pl.
  35. ^ (EN) All appearances 2004 – 2005, su guardian.touch-line.com.
  36. ^ (PL) Wierny De Rossi, su seriea.pl.
  37. ^ (PL) Sacchi chce De Rossiego, su seriea.pl.
  38. ^ (EN) Reggina – Roma 0:3, su guardian.touch-line.com.
  39. ^ Roma, una vittoria col brivido, su gazzetta.it, 19 marzo 2006.
  40. ^ (PL) De Rossi kontuzjowany, su seriea.pl.
  41. ^ (EN) Italy 2005/06, su rsssf.com.
  42. ^ (EN) Italy Cup 2005/06, su rsssf.com.
  43. ^ (EN) Italy 2006/07, su rsssf.com.
  44. ^ (EN) Italy Cup 2006/07, su rsssf.com.
  45. ^ Tiziano Carmellini, Capitan Futuro, su iltempo.ilsole24ore.com, 1º luglio 2008. URL consultato il 3 novembre 2009 (archiviato dall'url originale il 1º agosto 2008).
  46. ^ Antonino Morici, La Supercoppa è della Roma, su gazzetta.it, 19 agosto 2007.
  47. ^ (EN) Roma 2-0 Catania, su guardian.touch-line.com.
  48. ^ (EN) Roma 3-2 Genoa, su guardian.touch-line.com.
  49. ^ Arrivederci Champions, in Corriere della Sera, 10 aprile 2008.
  50. ^ Fabrizio Bocca, Coppa Italia ancora sua. Prima fischi poi abbracci, in la Repubblica, 25 maggio 2008, p. 60.
  51. ^ Antonino Morici, Inter, è subito festa. Supercoppa ai rigori, su gazzetta.it, 24 agosto 2008.
  52. ^ Lazio, derby memorabile Roma, Champions lontana, su gazzetta.it, 11 aprile 2009.
  53. ^ Siena-Roma, insulti a De Rossi per tutta la partita, su ilmessaggero.it, 13 settembre 2009. URL consultato il 13 settembre 2009 (archiviato dall'url originale il 22 settembre 2009).
  54. ^ De Rossi che traguardo, 200 presenze in A solo con la maglia della Roma, su asromalive.com.
  55. ^ Gli Oscar dell'Aic Ibra, De Rossi, Mou, su repubblica.it, 18 gennaio 2010.
  56. ^ Coppa Italia, passa la Roma De Rossi affonda il Catania, su gazzetta.it, 26 gennaio 2010.
  57. ^ La Roma batte l'Inter, Campionato riaperto, su gazzetta.it, 27 marzo 2010.
  58. ^ Immensa Roma: da 0-2 a 3-2,Con un pari a Cluj è qualificata, su gazzetta.it, 23 novembre 2010.
  59. ^ Per gli stranieri il migliore è De Rossi, su sport.libero.it, 4 febbraio 2011.
  60. ^ Prima gioia per Montella ,De Rossi abbatte il Bologna, su gazzetta.it, 23 febbraio 2011.
  61. ^ Classifica Serie A, Stagione 2010/2011, su corrieredellosport.it. URL consultato il 14 settembre 2013 (archiviato dall'url originale il 13 agosto 2011).
  62. ^ Inter in finale coi brividi Con la Roma finisce 1-1, su gazzetta.it.
  63. ^ Serie A 2011/2012, su gazzetta.it.
  64. ^ Serie A 2012/2013, su gazzetta.it.
  65. ^ Roma, De Rossi contro Zeman: "Lavoriamo troppo", su repubblica.it. URL consultato il 25 febbraio 2017.
  66. ^ Zeman-De Rossi equivoci mai chiariti, su corrieredellosport.it. URL consultato il 26 settembre 2013 (archiviato dall'url originale il 28 settembre 2013).
  67. ^ Zeman: «Nella Roma De Rossi non integrato», su corrieredellosport.it. URL consultato il 26 settembre 2013 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).
  68. ^ Roma-Milan, De Rossi premiato per le 400 partite in giallorosso, su pagineromaniste.com.
  69. ^ Roma, De Rossi festeggia 300 presenze. Ma il futuro resta in bilico, su gazzetta.it.
  70. ^ De Rossi esalta Garcia: "Pensavo di andarmene Mi ha convinto a restare", su qn.quotidiano.net.
  71. ^ Livorno-Roma 0-2, De Rossi fa felice Garcia, su repubblica.it, 25 agosto 2013.
  72. ^ In 50mila contro il Sassuolo I tifosi riempiono l'Olimpico, su roma.repubblica.it.
  73. ^ La Roma celebra De Rossi, 338 presenze come Masetti, su romanews.eu.
  74. ^ Roma-Cesena 2-0, gol di Destro e De Rossi: Garcia aggancia la Juve in vetta, su gazzetta.it.
  75. ^ Coppa Italia, Roma-Empoli 2-1, decide De Rossi su rigore ai supplementari, su gazzetta.it.
  76. ^ Andrea Pugliese, Roma-Empoli 3-1: Pjanic inventa, poi De Rossi e Salah, terza vittoria di fila, su gazzetta.it, 17 ottobre 2015. URL consultato il 22 novembre 2015.
  77. ^ Francesco Oddi, Bayer Leverkusen-Roma 4-4: De Rossi e Pjanic firmano la rimonta, poi il crollo, su gazzetta.it, 20 ottobre 2015. URL consultato il 22 novembre 2015.
  78. ^ Alberto Pucci, Roma, De Rossi ritrova Spalletti: “È un genio, un allenatore incredibile”, su calcio.fanpage.it, 13 gennaio 2016. URL consultato il 18 febbraio 2016.
  79. ^ Terzo gol consecutivo di De Rossi: è la prima volta in carriera - Forzaroma.info, su forzaroma.info, 14 maggio 2017.
  80. ^ Analisi Tattica: la Roma di Eusebio Di Francesco, su AIAPC, 28 dicembre 2017. URL consultato il 21 agosto 2019.
  81. ^ Sky Sport, Decide Dzeko: Roma ai quarti, Shakhtar ko 1-0, su sport.sky.it. URL consultato il 21 agosto 2019.
  82. ^ Sky Sport, Roma da sogno: 3-0 al Barça, è semifinale!, su sport.sky.it. URL consultato il 21 agosto 2019.
  83. ^ Sky Sport, Beffa Roma: 4-2 al Liverpool. Reds in finale, su sport.sky.it. URL consultato il 21 agosto 2019.
  84. ^ Redazione RN, De Rossi e la rabbia per l'arrivo di Nzonzi: "Vi faccio arrivare decimi", su Romanews, 30 maggio 2019. URL consultato il 21 agosto 2019.
  85. ^ De Rossi: "Il mancato rinnovo? Non sono scemo, l'avevo capito", su Eurosport, 14 maggio 2019. URL consultato il 21 agosto 2019.
  86. ^ Sky Sport, De Rossi si ferma ancora, infortunio al flessore, su sport.sky.it. URL consultato il 21 agosto 2019.
  87. ^ Roma, Di Francesco esonerato: è pronto Ranieri, su La Gazzetta dello Sport - Tutto il rosa della vita. URL consultato il 21 agosto 2019.
  88. ^ Sky Sport, Ranieri: "Quando Roma chiama impossibile dire no", su sport.sky.it. URL consultato il 21 agosto 2019.
  89. ^ La Roma non rinnova, De Rossi lascia i giallorossi, su La Gazzetta dello Sport - Tutto il rosa della vita. URL consultato il 21 agosto 2019.
  90. ^ Sky Sport, L'addio di De Rossi è una festa, Roma-Parma 2-1, su sport.sky.it. URL consultato il 21 agosto 2019.
  91. ^ De Rossi, dall'arrivo allo stadio al saluto ai tifosi: le emozioni dell'ultima gara con la Roma, su Repubblica Tv - la Repubblica.it, 26 maggio 2019. URL consultato il 21 agosto 2019.
  92. ^ (ES) Bienvenido Daniele, su bocajuniors.com.ar, 26 luglio 2019. URL consultato il 26 luglio 2019.
  93. ^ De Rossi esordio da sogno con la maglia del Boca: è subito gol! Ma quando esce lui... gazzetta.it
  94. ^ L'esordio alla Bombonera di De Rossi e il gol di Tevez: le immagini di Boca-Aldosivi- Video Gazzetta.it, su La Gazzetta dello Sport - Tutto il rosa della vita. URL consultato il 21 agosto 2019.
  95. ^ a b c Convocazioni e presenze in campo, su figc.it. URL consultato il 14 settembre 2013 (archiviato dall'url originale il 17 novembre 2010).
  96. ^ (EN) European U-21 Championship 2004, su rsssf.com.
  97. ^ (EN) Olympic Football Tournaments Athens 2004 – Men, su fifa.com (archiviato dall'url originale il 19 gennaio 2014).
  98. ^ (PL) Kadra Włoch na MŚ 2006, su seriea.pl.
  99. ^ Quattro giornate a De Rossi per la gomitata a McBride, su repubblica.it, 23 giugno 2006.
  100. ^ Favola azzurra, Italia Campione del Mondo, su corriere.it.
  101. ^ Amichevole: Italia-Sudafrica 2-0, su tuttocalciatori.net.
  102. ^ Man of the Match Award: Francia-Italia 0-2, Daniele De Rossi [collegamento interrotto], su www1.uefa.com, 17 giugno 2008.
  103. ^ Italia, che peccato!Fuori ai rigori con la Spagna, su gazzetta.it, 22 giugno 2008.
  104. ^ (EN) USA 1:3 Italy, su fifa.com.
  105. ^ (EN) Italy 0:3 Brazil, su fifa.com.
  106. ^ De Sanctis, Maggio e Quagliarella ai Mondiali, su sscnapoli.it.
  107. ^ De Rossi agguanta il Paraguay:L'Italia parte con un pari, su gazzetta.it, 14 giugno 2010.
  108. ^ De Rossi: 9 gol in Nazionale come l’amico Totti, su asromalive.com.
  109. ^ L'Italia fa 1-1 contro la Nuova Zelanda. Iaquinta non basta, su tuttosport.com (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  110. ^ Slovacchia-Italia 3-2: addio campioni del mondo..., su calcioita.com (archiviato dall'url originale il 10 settembre 2011).
  111. ^ All'esordio ko per la giovane Italia Costa d'Avorio di misura (0-1), su corriere.it, 10 agosto 2010.
  112. ^ Nazionale: De Rossi supera Totti, su asromalive.com.
  113. ^ Cinquina alle Far Oer Cassano segna e incanta, su gazzetta.it, 7 settembre 2010.
  114. ^ De Rossi-Nazionale: un gol che vale la storia della Roma, su asromalive.com.
  115. ^ (EN) Ten Spain players in Team of the Tournament, su uefa.com, 2 luglio 2012. URL consultato il 4 gennaio 2013.
  116. ^ Confederations Cup: Italia, ecco i 23 convocati, su ilsole24ore.com.
  117. ^ Confederations Cup, Italia-Giappone 4-3. Decide Giovinco. Azzurri in semifinale, su gazzetta.it, 20 giugno 2013. URL consultato il 20 giugno 2013.
  118. ^ Italia, De Rossi secondo centrocampista più prolifico. Florenzi scherza: “Balonceri ti prendiamo!”, su forzaroma.info, 7 ottobre 2016. URL consultato l'8 ottobre 2016.
  119. ^ Riccardo Pratesi, Confederations, Italia-Uruguay 5-4 dopo i rigori, Buffon ne para tre, azzurri terzi, su gazzetta.it, 1º luglio 2013.
  120. ^ Mondiali, Italia-Uruguay 0-1: gol decisivo di Godin, espulso Marchisio, su gazzetta.it, 24 giugno 2014. URL consultato il 7 luglio 2014.
  121. ^ E' un De Rossi da applausi, segna il gol numero 100 di un romanista in Nazionale, su gazzetta.it, 4 settembre 2014. URL consultato il 7 settembre 2014.
  122. ^ Italia-Croazia 1-1, a Candreva risponde Perisic. Buffon, che papera!, su gazzetta.it, 16 novembre 2014. URL consultato il 17 novembre 2014.
  123. ^ Italia-Bulgaria 1-0: Nazionale in fuga. Fa tutto De Rossi: rigore e rosso, su gazzetta.it, 6 settembre 2015. URL consultato l'8 settembre 2015.
  124. ^ Italia-Germania, De Rossi verso il forfait. Mistero Candreva, su gazzetta.it, 29 giugno 2016. URL consultato il 9 ottobre 2016.
  125. ^ Euro 2016, Darmian tradisce l'Italia ai rigori: Germania in semifinale grazie a Neuer, su it.eurosport.com, 2 luglio 2016. URL consultato il 9 ottobre 2016.
  126. ^ Nazionale, De Rossi premiato dalla Uefa per le 100 presenze, su sportmediaset.mediaset.it, 5 ottobre 2016. URL consultato l'8 ottobre 2016.
  127. ^ Italia-Spagna 1-1. Regalo di Buffon. De Rossi ci salva dal dischetto, su quotidiano.net, 7 ottobre 2016. URL consultato l'8 ottobre 2016.
  128. ^ Italia, serata speciale per De Rossi: goal numero 21, staccato Paolo Rossi, su goal.com, 7 giugno 2017.
  129. ^ 4 presenze nei turni preliminari.
  130. ^ 2 reti nei turni preliminari.
  131. ^ Nei play-off.
  132. ^ 4º titolo mondiale
  133. ^ 100ª presenza
  134. ^ Statistiche: classifiche giocatori - Confederations Cup: Gol fatti, su italia1910.com. URL consultato il 3 giugno 2016.
  135. ^ Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana Sig. Daniele De Rossi, su quirinale.it. URL consultato il 5 aprile 2011.
  136. ^ Coni: Consegnati i Collari d’oro e diplomi d’onore ai campionissimi, su coni.it, 23 ottobre 2006. URL consultato il 7 maggio 2011.
  137. ^ Ufficiale Ordine al merito della Repubblica Italiana Sig. Daniele De Rossi, su quirinale.it. URL consultato il 5 aprile 2011.

Altri progetti

Collegamenti esterni