Apri il menu principale
Fermana FC
Calcio Football pictogram.svg
Fermana FBC.png
Canarini, Gialloblù
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Terza divisa
Colori sociali 600px Giallo con bande Blu.png Giallo, blu
Simboli Canarino
Inno Fermana Alè!
Osman Pugnaloni
Dati societari
Città Fermo
Nazione Italia Italia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Italy.svg FIGC
Campionato Serie C
Fondazione 1920
Rifondazione2006
Rifondazione2013
Presidente Italia Umberto Simoni
Allenatore Italia Mauro Antonioli
Stadio Bruno Recchioni
(8 920 posti)
Sito web fermanafc.com/
Palmarès
Trofei nazionali 1 Coppa Italia Dilettanti
Soccerball current event.svg Stagione in corso
Si invita a seguire il modello di voce

La Fermana Football Club S.r.l.[1] (comunemente nota come Fermana), è una società calcistica italiana con sede nella città di Fermo.

Fondata nel 2013 come Società Dilettantistica Montegranaro Calcio Fermana Football Club, è l'erede della tradizione sportiva iniziata nel 1920 con la fondazione della Società Sportiva La Fermo e poi transitata attraverso tre soggetti societari, ultimo dei quali l'Unione Sportiva Fermana Società Sportiva Dilettantistica, disciolta al termine della stagione 2012-2013.

Dal punto di vista storico, la Fermana vanta quale maggior successo una partecipazione al campionato di Serie B a girone unico, nell'annata 1999-2000; nel suo palmarès annovera inoltre una Coppa Italia Dilettanti e due coppe regionali di Eccellenza Marche.

Nella stagione 2018-2019 milita in Serie C, terzo livello del campionato italiano di calcio.

StoriaModifica

Il primo trentennioModifica

Il calcio a Fermo arrivò nel lontano 1913 sul modesto campo del ricreatorio “San Carlo”, dove l'ecclesiastico don Biagio Cipriani fece rotolare la prima sfera su un campetto di calcio.

Dopo la prima guerra mondiale, nel 1920 nacque la Società Sportiva La Fermo il cui presidente fu Uriele Vitali Rosati e il colore sociale era il bianco. Nel 1923, in seguito ad una tumultuosa assemblea generale dei soci della Società Sportiva La Fermo, vi fu una scissione dalla quale nacque il Fermo Football Club con Checco Rocchetti come presidente.

I colori della nuova società era il nero-stellato e da subito conquistò le simpatie dei tifosi con una serie di vittorie tra cui quella del primo derby cittadino contro La Fermo per 4-1. L'anno successivo, in seguito allo scioglimento del Fermo F.C. per motivi politici, avvenne la fusione delle due società da cui nacque l'Unione Sportiva Fermana con il giallo e il blu come colori sociali ispirati ai colori del Modena che allora andava per la maggiore. Questa nuova squadra era costituita prevalentemente da elementi locali ma ebbe vita breve e, dopo qualche anno di militanza in Terza Divisione regionale, venne abbandonata anche dai suoi tifosi.

Nel 1932, i canarini raggiunsero il secondo posto nel campionato di Seconda Divisione, dietro alla Jesina guadagnandosi l'ammissione agli spareggi per salire in Prima Divisione con relativa promozione. La stagione di Prima Divisione 1933-1934 vide la Fermana lottare in posizioni di bassa classifica ma la stagione successiva, a causa dello scioglimento dell'Ascoli, arrivarono diversi giocatori con militanze nella Nazionale B che le permisero di chiudere il campionato al decimo posto. Nella stagione 1935-36 grazie all'arrivo in panchina dell'ungherese Árpád Hajós e di alcuni giocatori di valore la Fermana arrivò al quarto posto e fu promossa in Serie C.

Il dopoguerra e gli anni cinquantaModifica

La società, dopo la Seconda Guerra Mondiale, riprese l'attività agonistica dalla stagione 1946-1947 e nel 1949-1950 i gialloblu si piazzarono al primo posto nel girone L della Promozione acquisendo il diritto a partecipare al campionato nazionale di Serie C. La stagione seguente i canarini terminarono la stagione regolare a pari punti con la Pistoiese con la quale disputarono e vinsero per 1-0 lo spareggio salvezza. La stagione 1951-1952 fu contrassegnata da una stagione fallimentare che portò la Fermana al penultimo posto e alla retrocessione; nella stagione 1952-1953 la Fermana disputò un campionato modesto classificandosi sestultima.

Nella stagione di IV Serie 1953-1954 (che in seguito diventerà Serie D), la Fermana dopo si classificò terzultima al pari dell’Ascoli retrocedendo in Promozione Regionale, e nell'anno 1956-1957 ci fu l’ultimo derby del Piceno dove in casa la Fermana ebbe la meglio per 3-0, mentre ad Ascoli capitolò per 2-1.

Dagli anni sessanta agli anni ottantaModifica

Dagli anni '60, per i gialloblu cominciarono alcuni anni di anonimato nella Promozione Regionale dove la svolta si ebbe quando Baldassarre Mori, imprenditore locale del laterizio, rilevò la società che nel 1963 arrivò a sfiorare la promozione in Serie C perdendo lo spareggio contro la Ternana. Alla fine degli anni sessanta Mori lasciò la società a Luciano Balestrini, predecessore dei presidenti padroni degli anni successivi dove nonostante le difficoltà economiche i gialloblu sfiorarono la promozione nel 1978, quando a rilevare la società arrivò Paolo Belleggia, imprenditore del calzaturiero che nella stagione successiva, ancora una volta, svanì il sogno di riportare i canarini in Serie C a favore della Maceratese che vinse il campionato. Nel 1984, poi, la Fermana si conquistò sul campo la promozione in Serie C2. Nella stagione successiva, dopo aver allestito una squadra di giocatori navigati e aver disputato un girone d'andata positivo, vi fu un crollo fisico nel girone di ritorno, che fece retrocedere la squadra. La stagione 1985-1986 vide i gialloblu evitare per un soffio la seconda retrocessione consecutiva, poi, nel 1988 la Fermana non riuscendo ad iscriversi per il Campionato Interregionale venne retrocessa in Promozione.

Un anno dopo, nel 1989, avvenne la pronta risalita dei canarini, le cui redini vennero tenute dal commerciante Roberto Mistretta.

Gli anni novantaModifica

Il 1993 fu l'inizio del periodo d'oro societario quando, nonostante la Fermana fosse arrivata seconda dietro la Vis Pesaro, venne ripescata in Serie C2 a causa del fallimento di alcune società. Nella stagione 1994-1995 i canarini ottennero la salvezza solo alla penultima giornata, battendo 1-0 il Castel di Sangro. Nel campionato seguente i gialloblu, allenati da Marco Alessandrini centrarono il quarto posto e il diritto a disputare i play-off dove prevalsero in semifinale sulla Ternana e ai rigori contro il Livorno nella finale giocata al Paolo Mazza di Ferrara guadagnandosi per la prima volta la promozione in Serie C1. Il campionato di Serie C1 1996-1997 vide la squadra salvarsi solo dopo i play-out contro il Trapani e successivamente la società venne rilevata da Giacomo Battaglioni con l'obiettivo di arrivare in breve in Serie B.

Dopo una stagione sofferta, con la salvezza ottenuta a 90 minuti dal termine del campionato, l'anno successivo la squadra venne affidata a Ivo Iaconi sotto la cui guida, dopo aver chiuso il girone di andata con soli 18 punti, la Fermana vinse il campionato ottenendo la promozione diretta in Serie B.

Gli anni duemilaModifica

Al termine del campionato 1999-2000 la Fermana retrocedette, tornando in terza serie dopo appena un anno. Nonostante l'ultimo posto, i canarini ottennero vittorie di prestigio contro squadre del calibro di Napoli (3-2), Genoa (2-1) e Atalanta (1-0).Dopo cinque stagioni anonime in Serie C1, arrivò la retrocessione al termine del campionato 2005-2006. In estate il presidente Battaglioni non iscrisse la società in Serie C2 e il titolo sportivo, dopo la messa in liquidazione, restò in mano allo stesso Battaglioni. In sostituzione dello storico sodalizio, nacque l'U.S. Fermana S.S.D. affiliata ex novo in federazione, che partì dal campionato di Prima Categoria e che, grazie a due promozioni in tre anni, si ritrovò ben presto in Eccellenza. La prima stagione nel massimo torneo regionale fu anonima e conclusa al settimo posto in classifica. Tuttavia, il 27 gennaio, sul campo di Jesi, i gialloblu conquistarono la Coppa Italia Dilettanti regionale, battendo per 1 a 0 la Vis Pesaro in finale grazie alla rete di Gianluca Savoldi al primo minuto dei tempi supplementari. Ottennero dunque il diritto di partecipare alla fase nazionale della Coppa Italia Dilettanti, dalla quale però vennero estromessi al primo turno dalla Virtus Spoleto.

Gli anni duemiladieciModifica

Nel luglio 2010 dopo lunghe trattative, la società viene acquisita dall'avvocato Domenico Di Antonio, rappresentante di un trio di imprenditori toscani composto da Francesco Ferrante, Renzo Berti e Marco Barghigiani. Per il campionato viene ingaggiato il tecnico Giovanni Cornacchini e, dopo un torneo concluso al secondo posto, la Fermana venne estromessa dai play-off promozione dalla Vis Pesaro.

Nell'estate del 2011 Renzo Berti assunse l'incarico di presidente, con Francesco Ferrante azionista di maggioranza e Marco Barghigiani direttore generale. La squadra disputa un altro torneo di vertice, qualificandosi nuovamente ai play-off. I giorni antecedenti la finale contro il Tolentino sono tuttavia segnati dalla protesta dei calciatori, che denunciano pubblicamente i mancati pagamenti degli stipendi provocando le dimissioni in blocco dell'allora dirigenza. In seguito alle esortazioni dei tifosi, la squadra scende comunque in campo, perdendo però contro i cremisi.

Nel luglio del 2012, la gestione venne assunta da un gruppo di imprenditori abruzzesi capeggiati da Rocco Bochicchio, presidente, Sebastiano Troìa, direttore generale e Luca Di Pasquale, direttore sportivo. Nel novembre successivo Rocco Bochicchio lascia la società, opzionata in seguito dall'A.C.F. Fermo, presieduta da Emanuele Corradi. Per quanto concerne le vicende sportive, la Fermana conclude il campionato, conquistando comunque la promozione in Serie D grazie alla vittoria della Coppa Italia Dilettanti (1-0 contro l'Audace Cerignola).

Al termine della stagione regolare, la società, causa una massa debitoria pregressa molto pesante, non perfeziona l'iscrizione al campionato di Serie D. I tre gestori che allora erano a capo della Fermana riallacciarono i contatti con l'imprenditore montegranarese Maurizio Vecchiola che, insieme a Corradi, annunciò la nascita del nuovo sodalizio, nato dalla fusione tra A.C.F. Fermo (militante in Seconda Categoria) e Montegranaro Calcio Provincia Fermana (neo-promosso in Serie D), denominato Società Dilettantistica Montegranaro Calcio Fermana Football Club.[2] Nel campionato di Serie D viene conquistata la salvezza con tre giornate di anticipo dopo vari avvicendamenti alla guida tecnica.

La Fermana nella seconda metà del mese di maggio 2014 cambia assetto societario in vista della stagione 2014-2015: Maurizio Vecchiola resta socio di maggioranza, tuttavia la carica di presidente viene assunta dall'imprenditore calzaturiero Giorgio Fabiani già sponsor e socio di minoranza[3]. I successivi due campionati verranno conclusi al decimo e al quinto posto. Nella stagione 2016-2017, i gialloblu al termine della stagione conquistano il primo posto nel proprio girone con tre giornate d'anticipo, tornando nella terza serie calcistica dopo 11 anni.

CronistoriaModifica

Cronistoria della Fermana Football Club
  • 1920 - Fondazione della Società Sportiva La Fermo.
  • 1920-23 - Attività a carattere locale.
  • 1923 - Fondazione della Fermo Football Club nata dalla scissione con la Società Sportiva La Fermo.
  • 1924 - Dalla fusione tra questi due precedenti sodalizi nasce l'Unione Sportiva Fermana con il giallo-blu come colori ufficiali.
  • 1925-30 - La squadra disputa solo amichevoli poi nel 1930 s'iscrive ufficialmente al campionato di Seconda Divisione.

  • 1930-31 - 7ª nel girone unico della Seconda Divisione Marche-Umbria-Abruzzo.
  • 1931-32 - Partecipa al girone unico della Seconda Divisione Marche ma viene esclusa per inadempienze finanziarie dopo la 16ª giornata.
  • 1933 - La società nonostante l'esclusione rinasce con la nuova denominazione di Polisportiva Fermana mantenendo la categoria.
  • 1932-33 - 2ª nel girone unico della Seconda Divisione Marche. Ammessa nel girone D.D.S. Finale L: arriva 3ª. Promossa in Prima Divisione in seguito alla rinuncia del Penne.
  • 1933-34 - 10ª nel girone G della Prima Divisione.
  • 1934-35 - 4ª nel girone G della Prima Divisione. Ammessa al nuovo campionato di Serie C.
  • 1935-36 - 14ª nel girone D della Serie C. Retrocessa in Prima Divisione e finanziariamente fallita.
Primo turno eliminatorio di Coppa Italia.
  • 1936-37 - Periodo di inattività.
  • 1937 - Il sodalizio rinasce come G.I.L. (Gioventù Italiana del Littorio) Fermo iscrivendosi al campionato di Seconda Divisione.
  • 1937-38 - 1ª nel girone D della Seconda Divisione Marche. Ammessa nel girone finale perde le finali promozione.
  • 1938-39 - 1ª nel girone A della Seconda Divisione Marche. Promossa in Prima Divisione.
  • 1939 - La società torna ad assumere denominazione di Unione Sportiva Fermana.

  • 1939-40 - Partecipa nel girone unico della Prima Divisione Marche (Direttorio IX Zona - Marche e Dalmazia).
  • 1940-43 - Periodo di inattività.
  • 1943-46 - Attività sospesa per cause belliche.
  • 1946 - La società dopo un anno di inattività dovuta al conflitto si iscrive in Serie C assumendo denominazione di Associazione Calcio Fermana.
  • 1946-47 - 6ª nel girone F della Lega Interreg. Centro di Serie C.
  • 1947-48 - 7ª nel girone Q della Lega Interreg. Centro di Serie C. Retrocessa nella neonata Promozione.
  • 1948 - La società torna ad assumere denominazione di Unione Sportiva Fermana.
  • 1948-49 - 10ª nel girone L della Lega Interreg. Centro di Promozione.
  • 1949-50 - 1ª nel girone L della Lega Interreg. Centro di Promozione. Promossa in Serie C.

  • 1950-51 - 15ª nel girone C della Serie C. Salva dopo aver vinto lo spareggio.
  • 1951-52 - 17ª nel girone C della Serie C. Retrocessa in IV Serie.
  • 1952-53 - 8ª nel girone E della IV Serie.
  • 1953-54 - 14ª nel girone F della IV Serie. Salva dopo aver vinto lo spareggio.
  • 1954-55 - 17ª nel girone F della IV Serie. Retrocessa in Promozione.
  • 1955-56 - 7ª nel girone unico della Promozione Marche.
  • 1956-57 - 4ª nel girone unico della Promozione Marche. Ammessa nel nuovo Campionato Dilettanti.
  • 1957-58 - 3ª nel girone unico del Campionato Dilettanti Marche.
  • 1958-59 - 2ª nel girone unico del Campionato Dilettanti Marche. Ripescata in Serie D per solidità finanziaria a completamento organici.
  • 1959-60 - 10ª nel girone E della Serie D.

  • 1960-61 - 5ª nel girone E della Serie D.
  • 1961-62 - 3ª nel girone E della Serie D.
  • 1962-63 - 4ª nel girone E della Serie D.
  • 1963-64 - 2ª nel girone D della Serie D.
  • 1964-65 - 2ª nel girone D della Serie D.
  • 1965-66 - 3ª nel girone E della Serie D.
  • 1966-67 - 8ª nel girone E della Serie D.
  • 1967-68 - 12ª nel girone D della Serie D.
  • 1968-69 - 2ª nel girone D della Serie D.
  • 1969-70 - 5ª nel girone D della Serie D.

  • 1970-71 - 11ª nel girone D della Serie D.
  • 1971-72 - 9ª nel girone D della Serie D.
  • 1972-73 - 8ª nel girone D della Serie D.
  • 1973-74 - 12ª nel girone D della Serie D.
  • 1974-75 - 12ª nel girone D della Serie D.
  • 1975-76 - 14ª nel girone D della Serie D.
  • 1976-77 - 12ª nel girone D della Serie D.
  • 1977-78 - 7ª nel girone D della Serie D.
  • 1978-79 - 3ª nel girone C della Serie D.
  • 1979-80 - 4ª nel girone C della Serie D.

 ? di Coppa Italia Dilettanti.
  • 1982-83 - 2ª nel girone F del Campionato Interregionale.
 ? di Coppa Italia Dilettanti.
  • 1983-84 - 1ª nel girone F del Campionato Interregionale. Promossa in Serie C2.
 ? di Coppa Italia Dilettanti.
  • 1984 - La società cambia denominazione in Fermana Calcio.
  • 1984-85 - 17ª nel girone C della Serie C2. Retrocessa nel Campionato Interregionale.
Fase eliminatoria a gironi di Coppa Italia Serie C.
  • 1985-86 - 13ª nel girone H del Campionato Interregionale. Salva dopo aver vinto lo spareggio.
 ? di Coppa Italia Dilettanti.
  • 1986-87 - 4ª nel girone H del Campionato Interregionale.
 ? di Coppa Italia Dilettanti (Fase Interregionale).
  • 1987-88 - 10ª nel girone H del Campionato Interregionale.
 ? di Coppa Italia Dilettanti (Fase Interregionale).
  • 1988 - La società al termine della stagione viene esclusa dal successivo campionato per inadempienze finanziarie ripartendo dal campionato di Promozione con la storica denominazione di Unione Sportiva Fermana.
  • 1988-89 - 1ª nel girone B della Promozione Marche. Promossa nel Campionato Interregionale.
 ? di Coppa Italia Dilettanti.
  • 1989-90 - 7ª nel girone G del Campionato Interregionale.
 ? di Coppa Italia Dilettanti.

  • 1990-91 - 2ª nel girone G del Campionato Interregionale.
 ? di Coppa Italia Dilettanti.
 ? di Coppa Italia Dilettanti (Fase Interregionale).
  • 1992-93 - 15ª nel girone E del C.N.D.
 ? di Coppa Italia Dilettanti (Fase C.N.D.).
  • 1993-94 - 2ª nel girone E del C.N.D. Ripescata in Serie C2 a completamento organici.
 ? di Coppa Italia Dilettanti (Fase C.N.D.).
  • 1994 - La società cambia denominazione in Fermana Calcio S.p.A.
  • 1994-95 - 11ª nel girone B della Serie C2.
Secondo turno di Coppa Italia Serie C.
  • 1995-96 - 4ª nel girone B della Serie C2. Promossa in Serie C1 dopo aver vinto i play-off.
Secondo turno di Coppa Italia Serie C.
  • 1996-97 - 15ª nel girone B della Serie C1. Salva dopo aver vinto i play-out.
Primo turno di Coppa Italia Serie C.
  • 1997-98 - 13ª nel girone B della Serie C1.
Fase ad eliminazione diretta di Coppa Italia Serie C.
  • 1998-99 - 1ª nel girone B della Serie C1. Promossa in Serie B.
Fase ad eliminazione diretta di Coppa Italia Serie C.
  • 1999-00 - 20ª in Serie B. Retrocessa in Serie C1.
Fase a gironi di Coppa Italia.

  • 2000-01 - 10ª nel girone B della Serie C1.
Fase a gironi di Coppa Italia.
Fase ad eliminazione diretta di Coppa Italia Serie C.
  • 2001-02 - 9ª nel girone B della Serie C1.
Fase eliminatoria a gironi di Coppa Italia Serie C.
  • 2002-03 - 18ª nel girone B della Serie C1. Retrocessa e successivamente ripescata a completamento organici.
Fase eliminatoria a gironi di Coppa Italia Serie C.
  • 2003-04 - 14ª nel girone B della Serie C1. Salva dopo aver vinto i play-out.
Fase eliminatoria a gironi di Coppa Italia Serie C.
  • 2004-05 - 14ª nel girone B della Serie C1. Salva dopo aver vinto i play-out.
Fase eliminatoria a gironi di Coppa Italia Serie C.
  • 2005 - Cambia denominazione in Fermana Calcio S.r.l.[4]
  • 2005-06 - 18ª nel girone A della Serie C1. Retrocessa in Serie C2 e finanziariamente fallita.
Fase eliminatoria a gironi di Coppa Italia Serie C.
  • 2006 - La Fermana Calcio S.r.l. non viene ammessa al successivo campionato e viene messa in liquidazione.[5] Il 24 luglio, viene affiliata alla federazione l'Unione Sportiva Fermana Società Sportiva Dilettantistica S.r.l. che viene iscritta in Prima Categoria.[6]
  • 2006-07 - 1ª nel girone C della Prima Categoria Marche. Promossa in Promozione.
  • 2007-08 - 2ª nel girone B della Promozione Marche. Perde la semifinale dei play-off.
  • 2008-09 - 1ª nel girone B della Promozione Marche. Promossa in Eccellenza.
  • 2009-10 - 7ª nel girone unico dell'Eccellenza Marche.
Vince la Coppa Italia Dilettanti Marche (1º titolo).

  • 2010-11 - 2ª nel girone unico dell'Eccellenza Marche. Perde la semifinale regionale dei play-off.
  • 2011-12 - 3ª nel girone unico dell'Eccellenza Marche. Perde la finale regionale dei play-off.
  • 2012-13 - 5ª nel girone unico dell'Eccellenza Marche. Promossa in Serie D.
Vince la Coppa Italia Dilettanti Marche (2º titolo).
Vince la Coppa Italia Dilettanti (1º titolo).
  • 2013 - Al termine della stagione l'Unione Sportiva Fermana Società Sportiva Dilettantistica S.r.l. non viene ammessa al successivo campionato.[7] Durante l'estate, dalla fusione tra A.C.F. Fermo e Montegranaro Calcio Provincia Fermana nasce la Società Dilettantistica Montegranaro Calcio Fermana Football Club S.r.l. che viene ammessa in Serie D.[8]
  • 2013-14 - 9ª nel girone F della Serie D.
Turno preliminare di Coppa Italia Serie D.
  • 2014-15 - 10ª nel girone F della Serie D.
Primo turno di Coppa Italia Serie D.
  • 2015-16 - 5ª nel girone F della Serie D.
Turno preliminare di Coppa Italia Serie D.
  • 2016-17 - 1ª nel girone F della Serie D. Promossa in Serie C.
Primo turno di Coppa Italia.
Trentaduesimi di finale di Coppa Italia Serie D.
  • 2017 - Cambia denominazione in Montegranaro Calcio Fermana Football Club S.r.l.
  • 2017-18 - 14ª nel girone B della Serie C.
Fase a gironi di Coppa Italia Serie C.
  • 2018 - Cambia denominazione in Fermana Football Club S.r.l.
  • 2018-19 - 10ª nel girone B della Serie C. Perde il primo turno dei play-off.
Fase a gironi della Coppa Italia Serie C.

Colori e SimboliModifica

ColoriModifica

I colori sociali della Fermana sono giallo e il blu: la divisa casalinga presenta generalmente la prima tinta quale dominante e la seconda a connotare finiture e pantaloncini. La seconda divisa tende invece a invertire lo schema, essendo di norma blu con inserti gialli.

La squadra ha però talora vestito anche maglie palate nelle due tinte sociali, nonché casacche "alternative" declinate in tinte quali il rosso, il verde o ancora il bianco e il nero. Questi ultimi due colori hanno talora costituito un omaggio alla simbologia originaria dei due club antesignani della Fermana, ovvero La Fermo (che vestiva una casacca nera con una stella bianca sul petto) e Fermo Football Club (contraddistinto dalle maglie candide).

Simboli ufficialiModifica

StemmaModifica

Il più antico stemma fermano conosciuto consisteva in tre cerchi intersecati, ciascuno dei quali recante al suo interno un'iniziale della ragione sociale, il tutto di colore giallo o blu con fondo in contrasto. Tale stemma è stato successivamente recuperato a seguito della rifondazione dal 2013, seppur con le lettere modificate ai sensi del nuovo nome societario.

Tra il 1996 e il 2006 venne invece adottato uno scudo palato giallo-blu, recante in posizione centrale lo stemma comunale della città di Fermo; superiormente vi erano poi tre strisce contenenti la ragione sociale, i colori della bandiera italiana e l'anno di fondazione.

Dal 2006 al 2013 lo scudetto assunse invece una tinta dominante gialla, con la ragione sociale sempre in capo, ma scritta tutta in azzurro e con un più ingombrante carattere tipografico; lo scudo comunale venne invece racchiuso in un cerchio riempito da un motivo ondulato blu, con in aggiunta il disegno di una mano reggente un pallone da calcio di tipo moderno (a pentagoni ed esagoni bianco-neri).

StruttureModifica

StadioModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Stadio Bruno Recchioni.

Inaugurato nel 1934, dal ministro Araldo di Crollalanza e intitolato a Sandro Italico Mussolini, dal 1946 intitolato a Bruno Recchioni, ex mediano della Fermana, capitano dell'Esercito italiano, morto il 22 settembre 1943 nell'eccidio di Cefalonia assieme ad altri cinquemila italiani della Divisione Acqui, uccisi dai nazisti perché si erano rifiutati di consegnare le armi dopo l'armistizio dell'8 settembre 1943.

Le tribune laterali in cemento armato sono state costruite nel 1994, coperte nel 1998, le due curve (la ovest in cemento e la est in metallo) e il blocco sud nel 1999 ove lo stadio da quell'anno ebbe un impianto di illuminazione artificiale (con alimentazione autonoma attraverso gruppo elettrogeno) che eroga fino a 700 lux, idoneo per dirette televisive con riprese digitali ad alta definizione.

SocietàModifica

Organigramma societarioModifica

Dal sito internet ufficiale della società[9]:

Staff dell'area amministrativa
  •   Umberto Simoni - Presidente
  •   Fabio Massimo Conti - Amm. unico e dir. generale
  •   Vinicio Scheggia - Vicepresidente
  •   Giacomo Corradi - Vicepresidente
  •   Nello Caponi - Presidente S.G.
  •   Franco Giannini - Vice presidente S.G.
  •   Pierluigi Paolini - Dirigente responsabile S.G.
  •   Paolo Oriferi - Segretario generale
  •   Walter Matacotta - Team manager
  •   Enrico Guidi - Dirigente accompagnatore
  •   Marta Bitti - Ufficio stampa
  •   Gianni Ferracuti - Dir. addetto agli ufficiali di gara
  •   Stefano Squadrini - Dir. accompagnatore S.G.
  •   Enrico Recchioni - Dir. accompagnatore S.G.
  •   Diego Barchetta - Dir. accompagnatore S.G.
  •   Stefano Castori - Speaker ufficiale

Modifica

 
Cronologia degli sponsor tecnici
  • fino al 1995 ...
  • 1995-1998 Gems
  • 1998-2006 Fatto per fare
  • 2006-2007 Macron
  • 2007-2009 Erreà
  • 2009-2011 Macron
  • 2011-2012 Royal Sport
  • 2012-2013 Givova
  • 2013-2015 Joma
  • 2015- Macron
 
Cronologia degli sponsor ufficiali
  • fino al 1995 ...
  • 1995-1998 Fiordilatte Delizia
  • 1998-1999 La Donzelletta
  • 1999-2000 Teseo
  • 2000-2002 non presente
  • 2002-2003 Elsamec
  • 2003-2006 non presente
  • 2006-2007 Provincia Fermana
  • 2007-2011 Savelli Ascensori
  • 2011-2012 Mondo Pelli
  • 2012-2013 Giorgio Fabiani
  • 2013-2017 Finproject
  • 2017- XL Extralight, Vega

Allenatori e presidentiModifica

  Le singole voci sono elencate nella Categoria:Allenatori della Fermana F.C.
 
Allenatori
 
Presidenti
  • 1920-1923   Francesco Rocchetti
  • 1923-1950 ...
  • 1950-1951   Danilo De Cocci
  • 1951-1952   Baldassarre Mori
  • 1952-1959 ...
  • 1959-1964   Raoul Santori
  • 1964-1965   Giovanni Sagripanti
  • 1965-1969   Baldassarre Mori
  • 1969-1978   Luciano Balestrini
  • 1978-1982   Paolo Belleggia
  • 1982-1984   Giovanni Santini
  • 1984-1985   Enrico Ermelli Cupelli
  • 1985-1986   Francesco Valentini
      Enrico Ermelli Cupelli
  • 1986-1987   Enrico Ulissi
  • 1987-1988   Edmondo Mecozzi
  • 1988-1990   Roberto Mistretta
  • 1990-1991   Maurizio Piergallini
  • 1991-1993   Roberto Mistretta
  • 1993-1994   Marcello Lauri
  • 1994   Roberto Mistretta
  • 1994-1996   Paolo Belleggia
  • 1996-2006   Giacomo Battaglioni
  • 2006-2008   Giorgio Ruggeri
  • 2008-2010   Stefano Chiodini
  • 2010-2011   Andrea Morroni
      Francesco Ferrante
  • 2011-2012   Renzo Berti
  • 2012-2013   Rocco Bochicchio
      Sergio Rogante
  • 2013-2014   Maurizio Vecchiola
  • 2014-2015   Giorgio Fabiani
  • 2015-2016   Enzo Raoul Parlatoni
  • 2016-   Umberto Simoni

CalciatoriModifica

  Le singole voci sono elencate nella Categoria:Calciatori della Fermana F.C.

CapitaniModifica

  •   ... (1920-1993)
  •   Roberto Avanzolini (1993-1994)
  •   Stefano Protti (1994-1996)
  •   Pierpaolo Lauretti (1996-1998)
  •   Guido Di Fabio (1998-2002)
  •   Andrea Di Salvatore (2002-2003)
  •   Mauro Chiodini (2003-2005)
  •   Alessandro Smerilli (2005-2006)
  •   Andrea Di Salvatore (2006-2009)
  •   Alex Simoni (2009-2010)
  •   Ruben Dario Bolzán (2010-2011)
  •   Massimo De Reggi (2011-2012)
  •   Ruben Dario Bolzán (2012-2013)
  •   Giorgio Marinucci Palermo (2013-2014)
  •   Fabio Cusaro (2014-2015)
  •   Marco Comotto (2015-)

PalmarèsModifica

Competizioni nazionaliModifica

2012-2013

Competizioni interregionaliModifica

1998-1999 (girone B)
1983-1984 (girone F)
2016-2017 (girone F)

Competizioni regionaliModifica

2009-2010, 2012-2013

Altri piazzamentiModifica

Vittoria play-off: 1995-1996 (girone B)
Secondo posto: 1963-1964 (girone D), 1964-1965 (girone E), 1968-1969 (girone D)
Terzo posto: 1961-1962 (girone E), 1965-1966 (girone E), 1978-1979 (girone C)
Secondo posto: 1982-1983 (girone F)
Terzo posto: 1981-1982 (girone F)
Secondo posto: 2010-2011
Terzo posto: 2011-2012
Secondo posto: 2007-2008 (girone B)

Statistiche e recordModifica

Partecipazione ai campionatiModifica

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Serie B 1 1999-2000 1
Prima Divisione 2 1933-1934 1934-1935 19
Serie C 8 1935-1936 2019-2020
Serie C1 9 1996-1997 2005-2006
Promozione 2 1948-1949 1949-1950 30
IV Serie 3 1952-1953 1954-1955
Serie D 22 1959-1960 2016-2017
Serie C2 3 1984-1985 1995-1996
Serie D 4 1978-1979 2013-2014 15
Campionato Interregionale 9 1981-1982 1991-1992
Campionato Nazionale Dilettanti 2 1992-1993 1993-1994

OrganicoModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Fermana Football Club 2019-2020.

RosaModifica

Dal sito internet ufficiale della società[10]:

N. Ruolo Giocatore
1   P Mattia Palombo
2   D Matteo Soragna
3   C Bachir Mané
4   C Gianluca Urbinati
5   D Marco Comotto
6   D Marco Manetta
7   A Alex Rolfini
8   C Andrea Petrucci
9   A Luca Cremona
10   A Massimo D'Angelo
11   C Michael Venturi
12   P Nicolò Renzi
14   D Edoardo Scrosta
15   C Filippo Bellini
16   C Simone Isacco
N. Ruolo Giocatore
17   C Ilario Iotti
18   C Angelo Persia
19   A Hernán Rodolfo Molinari
20   D Donato De Pascalis
21   C Giorgio Mantini
22   P Luca Gemello
23   A Luca Cognigni
24   A Antonio Bacio Terracino
25   C Luca Ricciardi
26   A Alberto Fiumicetti
27   A Luigi Liguori
28   A Fabio Alagna
29   D Pasquale Tedone
30   D Nicolò Sperotto
32   A Tommy Maistrello

Staff tecnicoModifica

Dal sito internet ufficiale della società[9]:

Staff dell'area tecnica
Staff tecnico

Staff medico/sanitario

  •   Eugenio Tosco - Medico sociale
  •   Walter Costi - Fisioterapista
  •   Cristian Piergentili - Collaboratore sanitario
  •   Umberto Di Castri - Ortopedico di riferimento
Personale addetto

  •   Corrado Caruso - Magazziniere
  •   Pietro Polini - Custode stadio
  •   Andrea Turtù - Collaboratore logistico
  •   Luigino Paglialunga - Collaboratore logistico
  •   Fabio Giacopetti - Collaboratore logistico
  •   Rossano Di Biagio - Resp. sicurezza interna stadio
  •   Antonio Pagliuca - Autista mezzi
  •   Paolo Paccapelo - Autista mezzi

TifoseriaModifica

StoriaModifica

Il principale gruppo ultras della Fermana erano le Brigate Gialloblu 1974 fino al 24 agosto 2010, data del loro scioglimento dovuto a numerose diffide. Dal 2010 al 2018 il gruppo portante di riferimento è stato il Nucleo Fermano 1996 che guidava la Curva Duomo già dalla seconda metà degli anni 2000.

Dal 2015 il Nucleo era stato affiancato dalla Torcida, gruppo nato e sostenuto dai giovani studenti fermani scioltosi nel 2018. Altri gruppi della Duomo sono: Barra Brava, Irriducibili Gialloblu e Viale Trento.

A partire dalla stagione 2018-2019, viene fondato un nuovo gruppo, di nome 1920, fondato da tifosi rimanenti dei vecchi gruppi.[11]

Gemellaggi e rivalitàModifica

L'unico gemellaggio ancora molto sentito da parte del popolo fermano, è quello con la Curva Nord dell'Avezzano. Si tratta di un'amicizia storica avviata già dalle Brigate Gialloblu e portata poi avanti dal Nucleo Fermano.[12]. Altro gemellaggio nato nelle ultime stagioni è quello con i ragazzi della Recanatese. In passato vi erano amicizie con la curva del Pescara e con quella della Viterbese.

La rivalità storica è sicuramente quella con l'Ascoli, poiché non è sentita solo in campo calcistico, bensì affonda le sue radici nel Medioevo e nell'eterna lotta per la supremazia tra Marca Fermana e Marca Picena. Dopo il 2004, con l'istituzione della Provincia di Fermo e le diverse ambizioni calcistiche, questa rivalità si è leggermente affievolita, anche se resta ancora tra le più sentite in assoluto. Da segnalare anche le accese rivalità con: Ancona, Sambenedettese, Vis Pesaro, Maceratese, Civitanovese, Tolentino e Fano[12][13] e, fuori dai confini regionali, Chieti, Giulianova, Teramo, Ternana e Foligno.[12]


NoteModifica

  1. ^ FERMANA FOOTBALL CLUB SRL, http://www.registroimprese.it/. URL consultato il 25 agosto 2017.
  2. ^ Presentata ieri sera la nuova Fermana Football Club, http://www.infofermo.it/, 25 giugno 2013. URL consultato il 3 marzo 2017.
  3. ^ Fermana, Giorgio Fabiani al timone: "Le priorità: bilancio e giovani", su marcheingol.it. URL consultato il 23 giugno 2014.
  4. ^ CAMBIO DI DENOMINAZIONE SOCIALE (PDF), http://www.figc.it/, 2005. URL consultato il 4 marzo 2017 (archiviato dall'url originale il 28 ottobre 2013).
  5. ^ Comunicato Ufficiale N° 8 del 21 agosto 2006 (PDF), http://www.figcpuglia.it/, 21 agosto 2006. URL consultato il 3 marzo 2017.
  6. ^ Comunicato Ufficiale N° 29 del 31/01/2007[collegamento interrotto], www.settoregiovanile.figc.it/, 31 gennaio 2007. URL consultato il 3 marzo 2017.
  7. ^ COMUNICATO UFFICIALE N. 10 DELL’1/8/2013 (PDF), http://www.figcvenetocalcio.it/, 1º agosto 2013. URL consultato il 3 marzo 2017.
  8. ^ Comunicato Ufficiale N° 123 del 6/5/2014 (PDF), http://www.lnd.it/, 6 maggio 2014. URL consultato il 3 marzo 2017 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2017).
  9. ^ a b Organigramma, http://www.fermanafc.com/. URL consultato l'11 settembre 2017.
  10. ^ Squadra, http://www.fermanafc.com/. URL consultato l'11 settembre 2017.
  11. ^ Fermo, difende la compagna da insulti razzisti. Nigeriano picchiato a morte da ultrà locale, su repubblica.it, 6 luglio 2016. URL consultato il 7 luglio 2016.
  12. ^ a b c Tifoseria Fermana
  13. ^ Sconvolts Tolentino [collegamento interrotto], su ultras.blog.tiscali.it.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica